LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 14 Febbraio 2024 <

Lunedì 12 Febbraio 2024

Martedì 13 Febbraio 2024

Mercoledì 14 Febbraio 2024

Giovedì 15 Febbraio 2024

Venerdì 16 Febbraio 2024

Sabato 17 Febbraio 2024

Domenica 18 Febbraio 2024

Lunedì 19 Febbraio 2024

Martedì 20 Febbraio 2024

Mercoledì 21 Febbraio 2024

Newsletter
Per ricevere la Liturgia del giorno inserisci la tua mail:


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:








  Mercoledì delle Ceneri

> Vai direttamente alle OMELIE 

Colore liturgico: Viola
Scheda Agiografica: Mercoledì delle Ceneri
EQ003 ;
Il mercoledì delle Ceneri, la cui liturgia è marcata storicamente dall’inizio della penitenza pubblica, che aveva luogo in questo giorno, e dall’intensificazione dell’istruzione dei catecumeni, che dovevano essere battezzati durante la Veglia pasquale, apre ora il tempo salutare della Quaresima.
Lo spirito comunitario di preghiera, di sincerità cristiana e di conversione al Signore, che proclamano i testi della Sacra Scrittura, si esprime simbolicamente nel rito della cenere sparsa sulle nostre teste, al quale noi ci sottomettiamo umilmente in risposta alla parola di Dio. Al di là del senso che queste usanze hanno avuto nella storia delle religioni, il cristiano le adotta in continuità con le pratiche espiatorie dell’Antico Testamento, come un “simbolo austero” del nostro cammino spirituale, lungo tutta la Quaresima, e per riconoscere che il nostro corpo, formato dalla polvere, ritornerà tale, come un sacrificio reso al Dio della vita in unione con la morte del suo Figlio Unigenito. È per questo che il mercoledì delle Ceneri, così come il resto della Quaresima, non ha senso di per sé, ma ci riporta all’evento della Risurrezione di Gesù, che noi celebriamo rinnovati interiormente e con la ferma speranza che i nostri corpi saranno trasformati come il suo.
Il rinnovamento pasquale è proclamato per tutta l’umanità dai credenti in Gesù Cristo, che, seguendo l’esempio del divino Maestro, praticano il digiuno dai beni e dalle seduzioni del mondo, che il Maligno ci presenta per farci cadere in tentazione. La riduzione del nutrimento del corpo è un segno eloquente della disponibilità del cristiano all’azione dello Spirito Santo e della nostra solidarietà con coloro che aspettano nella povertà la celebrazione dell’eterno e definitivo banchetto pasquale. Così dunque la rinuncia ad altri piaceri e soddisfazioni legittime completerà il quadro richiesto per il digiuno, trasformando questo periodo di grazia in un annuncio profetico di un nuovo mondo, riconciliato con il Signore.

Scarica il foglietto della Messa >
Ricevi la Liturgia via mail >
Leggi la sua scheda su Santiebeati.it >
Condividi questa Liturgia su > Facebook
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Tu ami tutte le creature, o Signore,
e nulla disprezzi di ciò che hai creato;
tu chiudi gli occhi sui peccati degli uomini,
aspettando il loro pentimento,
e li perdoni, perché tu sei il Signore nostro Dio.
(Cf. Sap 11,24.23.26)

Si omette l’atto penitenziale, sostituito dal rito di imposizione delle ceneri.


Colletta
O Dio, nostro Padre,
concedi al popolo cristiano
di iniziare con questo digiuno
un cammino di vera conversione,
per affrontare vittoriosamente con le armi della penitenza
il combattimento contro lo spirito del male.
Per il nostro Signore Gesù Cristo,
tuo Figlio, che è Dio, e vive e regna con te,
nell’unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli.

>

Prima lettura

Gl 2,12-18
Laceratevi il cuore e non le vesti.

Dal libro del profeta Gioèle

Così dice il Signore:
«Ritornate a me con tutto il cuore,
con digiuni, con pianti e lamenti.
Laceratevi il cuore e non le vesti,
ritornate al Signore, vostro Dio,
perché egli è misericordioso e pietoso,
lento all’ira, di grande amore,
pronto a ravvedersi riguardo al male».
Chi sa che non cambi e si ravveda
e lasci dietro a sé una benedizione?
Offerta e libagione per il Signore, vostro Dio.
Suonate il corno in Sion,
proclamate un solenne digiuno,
convocate una riunione sacra.
Radunate il popolo,
indite un’assemblea solenne,
chiamate i vecchi,
riunite i fanciulli, i bambini lattanti;
esca lo sposo dalla sua camera
e la sposa dal suo talamo.
Tra il vestibolo e l’altare piangano
i sacerdoti, ministri del Signore, e dicano:
«Perdona, Signore, al tuo popolo
e non esporre la tua eredità al ludibrio
e alla derisione delle genti».
Perché si dovrebbe dire fra i popoli:
«Dov’è il loro Dio?».
Il Signore si mostra geloso per la sua terra
e si muove a compassione del suo popolo.

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 50

Perdonaci, Signore: abbiamo peccato.

Pietà di me, o Dio, nel tuo amore;
nella tua grande misericordia
cancella la mia iniquità.
Lavami tutto dalla mia colpa,
dal mio peccato rendimi puro.

Sì, le mie iniquità io le riconosco,
il mio peccato mi sta sempre dinanzi.
Contro di te, contro te solo ho peccato,
quello che è male ai tuoi occhi, io l’ho fatto.

Crea in me, o Dio, un cuore puro,
rinnova in me uno spirito saldo.
Non scacciarmi dalla tua presenza
e non privarmi del tuo santo spirito.

Rendimi la gioia della tua salvezza,
sostienimi con uno spirito generoso.
Signore, apri le mie labbra
e la mia bocca proclami la tua lode.

>

Seconda lettura

2Cor 5,20-6,2
Riconciliatevi con Dio. Ecco ora il momento favorevole.

Dalla seconda lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi

Fratelli, noi, in nome di Cristo, siamo ambasciatori: per mezzo nostro è Dio stesso che esorta. Vi supplichiamo in nome di Cristo: lasciatevi riconciliare con Dio. Colui che non aveva conosciuto peccato, Dio lo fece peccato in nostro favore, perché in lui noi potessimo diventare giustizia di Dio.
Poiché siamo suoi collaboratori, vi esortiamo a non accogliere invano la grazia di Dio. Egli dice infatti:
«Al momento favorevole ti ho esaudito
e nel giorno della salvezza ti ho soccorso».
Ecco ora il momento favorevole, ecco ora il giorno della salvezza!

Parola di Dio

Canto al Vangelo (Sal 94,8)
Lode a te, o Cristo, re di eterna gloria!
Oggi non indurite il vostro cuore,
ma ascoltate la voce del Signore.
Lode a te, o Cristo, re di eterna gloria!

>

Vangelo

Condividi il Vangelo su >   Facebook Ascolta il Vangelo >    

Mt 6,1-6.16-18
Il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà.


+ Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«State attenti a non praticare la vostra giustizia davanti agli uomini per essere ammirati da loro, altrimenti non c’è ricompensa per voi presso il Padre vostro che è nei cieli.
Dunque, quando fai l’elemosina, non suonare la tromba davanti a te, come fanno gli ipòcriti nelle sinagoghe e nelle strade, per essere lodati dalla gente. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, mentre tu fai l’elemosina, non sappia la tua sinistra ciò che fa la tua destra, perché la tua elemosina resti nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà.
E quando pregate, non siate simili agli ipòcriti che, nelle sinagoghe e negli angoli delle piazze, amano pregare stando ritti, per essere visti dalla gente. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, quando tu preghi, entra nella tua camera, chiudi la porta e prega il Padre tuo, che è nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà.
E quando digiunate, non diventate malinconici come gli ipòcriti, che assumono un’aria disfatta per far vedere agli altri che digiunano. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, quando tu digiuni, profùmati la testa e làvati il volto, perché la gente non veda che tu digiuni, ma solo il Padre tuo, che è nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà».

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
(Dopo l'omelia)
Benedizione e imposizione delle ceneri

Fratelli e sorelle, supplichiamo Dio nostro Padre
perché con l’abbondanza della sua grazia
benedica queste ceneri, che poniamo sul nostro capo
in segno di penitenza.

O Dio, che hai pietà di chi si pente
e doni la tua pace a chi si converte,
ascolta con paterna bontà
le preghiere del tuo popolo
e benedici questi tuoi figli
che riceveranno l’austero simbolo delle ceneri,
perché, attraverso l’itinerario spirituale della Quaresima,
giungano completamente rinnovati
a celebrare la Pasqua del tuo Figlio.
Egli vive e regna nei secoli dei secoli.

Oppure:
O Dio, che non vuoi la morte dei peccatori
ma la conversione,
ascolta benigno la nostra preghiera
e benedici queste ceneri,
che stiamo per imporre sul nostro capo
riconoscendo che noi siamo polvere
e in polvere ritorneremo;
l’esercizio della penitenza quaresimale
ci ottenga il perdono dei peccati
e una vita rinnovata a immagine del tuo Figlio risorto.
Egli vive e regna nei secoli dei secoli.

Il sacerdote asperge le ceneri con l’acqua benedetta.
Poi impone le ceneri sui fedeli, dicendo:


Convertitevi e credete nel Vangelo.
Oppure:
Ricordati, uomo, che polvere tu sei e in polvere ritornerai.

Intanto si canta un canto adatto.

Terminata l’imposizione delle ceneri, il sacerdote si lava le mani e continua con la Preghiera universale.
Non si dice il Credo.


Preghiera dei fedeli
(Dall'Orazionale CEI 2020)
Fratelli e sorelle, l’itinerario penitenziale della Quaresima ci invita a intensificare la nostra adesione a Cristo, modello dell’umanità rinnovata nell’amore. Decisi a seguire fedelmente le orme del Maestro, innalziamo al Padre la nostra umile e perseverante preghiera.
Preghiamo insieme e diciamo: Crea in noi, Signore, un cuore nuovo.

1. Per la santa Chiesa: l’austero rito delle Ceneri, che apre il Tempo di Quaresima, susciti in tutti i battezzati il desiderio di un cuore nuovo, purificato dall’azione dello Spirito. Preghiamo.
2. Per i vescovi, i presbiteri e i diaconi: formati dall’ascolto umile e obbediente del Verbo di Dio, ridestino in tutti i credenti la fame della Parola e la volontà di un’autentica conversione. Preghiamo.
3. Per gli uomini e le donne del nostro tempo: riconoscenti per gli innumerevoli benefici ricevuti, siano attenti alle sofferenze dei fratelli e compiano gesti di gioiosa condivisione. Preghiamo.
4. Per i malati e i sofferenti: la vicinanza assidua e premurosa della comunità cristiana li sostenga nella lotta contro il male, con la certezza di partecipare in Cristo alla vittoria pasquale. Preghiamo.
5. Per noi qui presenti: illuminati dalla parola di Dio e fortificati dal Pane di vita, ci lasciamo attrarre con cuore aperto dalla grazia della Pasqua. Preghiamo.

O Dio, Padre misericordioso, rendici la gioia di essere salvati e guidaci, con la forza del tuo Spirito, alla grande festa che tu prepari per i tuoi figli. Per Cristo nostro Signore.

Preghiera sulle offerte
Con questo sacrificio, o Padre,
iniziamo solennemente la Quaresima
e invochiamo la forza di astenerci dai nostri vizi
con le opere di carità e di penitenza
per giungere, liberati dal peccato,
a celebrare devotamente la Pasqua del tuo Figlio.
Egli vive e regna nei secoli dei secoli.


PREFAZIO DI QUARESIMA III
I frutti dell’astinenza

È veramente cosa buona e giusta,
nostro dovere e fonte di salvezza,
rendere grazie sempre e in ogni luogo
a te, Signore, Padre santo,
Dio onnipotente ed eterno.
Tu vuoi che ti glorifichiamo
con la penitenza quaresimale,
perché la vittoria sul nostro peccato
ci renda disponibili alle necessità dei poveri
a imitazione della tua bontà infinita.
E noi,
uniti a tutti gli angeli,
cantiamo a una sola voce
l’inno della tua gloria: Santo, ...


Antifona alla comunione
Chi medita giorno e notte la legge del Signore,
porterà frutto a suo tempo. (Cf. Sal 1,2-3)

Oppure:
Prega il Padre tuo, che è nel segreto,
e il Padre tuo, che vede nel segreto,
ti ricompenserà. (Mt 6,6)


Preghiera dopo la comunione
Questo sacramento che abbiamo ricevuto, o Padre,
ci sostenga nel cammino quaresimale,
santifichi il nostro digiuno
e lo renda efficace per la guarigione del nostro spirito.
Per Cristo nostro Signore. R. Amen.

Orazione sul popolo
A questo popolo che riconosce la tua grandezza
dona con bontà, o Dio, lo spirito di penitenza,
perché nella tua misericordia ottenga di giungere
all’eredità promessa a chi si converte.
Per Cristo nostro Signore. R. Amen.

E la benedizione di Dio onnipotente,
Padre e Figlio e Spirito Santo,
discenda su di voi e con voi rimanga sempre.
R. Amen.



O M E L I E
a cura di
Qumran2.net


    Casa di Preghiera San Biagio FMA       (Omelia del 14-02-2024)
Commento su Mt 6,1-6.16-18
Come vivere questa Parola? Oggi inizia un tempo speciale. I tempi liturgici scandiscono i tempi che segnano un percorso di fede che trasformano la vita. Con il Mercoledì delle ceneri, inizia il tempo liturgico forte della QUARESIMA, percorso di quaranta giorni che ci prepara alla festa centrale del cristiano che è la PASQUA. Il Vangelo odierno ci offre gli ...
(continua)

 
    don Lucio D'Abbraccio       (Omelia del 14-02-2024)
Preghiera, digiuno, elemosina!
Iniziamo la Quaresima con un rito simbolico: l'imposizione delle Ceneri. Dopo l'omelia il sacerdote benedice le ceneri e le impone sul nostro capo dicendo: «Convertitevi e credete al Vangelo» oppure «Ricordati, uomo, che polvere tu sei e in polvere ritornerai». La polvere sul capo ci ricorda che veniamo dalla terra e che alla terra torneremo. Siamo, cioè, de ...
(continua)

 
    padre Maurizio De Sanctis       (Omelia del 14-02-2024)
Convertirsi da capo a piedi...
...
(continua)

 
    don Domenico Bruno       (Omelia del 14-02-2024)
Il nostro audio quotidiano
Visita www.annunciatedaitetti.it La nostra missione continua con altri formati anche su: Instagram Facebook Telegram dove troverai anteprime e contenuti esclusivi. Abbiamo anche una WebTv Ascolta tutti i nostri podcast e gli altri progetti: clicca qui  Per ascoltare il commento qui sotto, clicca play! SE QUESTO SERVIZIO AL VANGELO CREDI SIA U ...
(continua)

 
    don Giampaolo Centofanti       (Omelia del 14-02-2024)

Quando viene la grazia essa ci attira a Dio. In un cammino graduale siamo attirati verso le fonti stesse della grazia: Parola, sacramenti, preghiera, comunità di crescita, padre spirituale, ricerca della volontà di Dio, vedere in ogni cosa a modo proprio la grazia di Dio... In questo percorso l'unione progressiva con Dio ci orienta ad usare sempre più ogni ...
(continua)

 
    don Marco Scandelli       (Omelia del 14-02-2024)
#2minutiDiVangelo Matteo 6,1-6.16-18 - Quaresima: un tempo per vivere preghiera, digiuno e carità!
2minutiDiVangelo Mt 6,1-6.16-18 Quaresima: un tempo per vivere la preghiera, il digiuno e la carità! Commento al Vangelo - Omelia a cura di don Marco Scandelli Con il brano del Vangelo odierno la Chiesa ci aiuta ad entrare nel tempo di Quaresima: tempo propizio per innamorarci di più del Signore Gesù. Si tratta dei versetti 1-6 e 16-18 del capito ...
(continua)

 
    don Alessandro Farano       (Omelia del 14-02-2024)
Mercoledì delle Ceneri - Anno B - Commento al Vangelo
segui la WebTv o iscriviti al MONASTERO INVISIBILE su www.ilcenacolowebtv.it ...
(continua)

 
    don Lucio D'Abbraccio       (Omelia del 22-02-2023)
Quaresima: tempo di discernimento e conversione!
Con la benedizione e l'imposizione delle ceneri, oggi, nella chiesa, inizia la Quaresima, un tempo forte nel quale tutti siamo invitati a un cammino di conversione. Le parole del profeta Gioele: «Ritornate a me con tutto il cuore, con digiuni, con pianti e lamenti. Laceratevi il cuore e non le vesti», ci esortano a prendere coscienza di quanto il desiderio d ...
(continua)

 
    don Carlo Occelli       (Omelia del 22-02-2023)
Commento al Vangelo 22 febbraio 2023
...
(continua)

 
    don Domenico Bruno       (Omelia del 22-02-2023)
Il nostro audio quotidiano
Ricevi ogni giorno il commento direttamente sul tuo telefono: unisciti al canale Telegram @annunciatedaitetti Leggi o ascolta il commento intero sul sito: annunciatedaitetti.it e resta sempre aggiornato! Iscriviti anche al canale YouTube Ti aspettiamo anche su Instagram con tante immagini! Per ascoltare il commento qui sotto, clicca play! ...
(continua)

 
    don Nicola Salsa       (Omelia del 22-02-2023)
Nel segreto del tuo cuore (Mt 6,1-6.16-18)
...
(continua)

 
    don Carlo Occelli       (Omelia del 02-03-2022)
Commento al Vangelo 2 marzo 2022
...
(continua)

 
    don Domenico Bruno       (Omelia del 02-03-2022)
Il nostro audio quotidiano
E quando digiunate, non diventate malinconici come gli ipòcriti, che assumono un'aria disfatta per far vedere agli altri che digiunano. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, quando tu digiuni, profùmati la testa e làvati il volto, perché la gente non veda che tu digiuni, ma solo il Padre tuo, che è nel segreto; e il Padre tuo, ...
(continua)

 
    padre Maurizio De Sanctis       (Omelia del 02-03-2022)
Un mercoledì da leoni...
...
(continua)

 
    don Alessandro Farano       (Omelia del 02-03-2022)
Mercoledì delle Ceneri - Anno C - Commento al Vangelo
...
(continua)

 
    don Nicola Salsa       (Omelia del 02-03-2022)
Inizio della Quaresima (Mt 6,1-6.16-18)
...
(continua)

 
    don Michele Cerutti       (Omelia del 17-02-2021)

Il tempo forte della Quaresima si apre con il Mercoledì delle Ceneri. Ci viene proposto di compiere un gesto molto semplice per ricordarci che necessitiamo in questo tempo forte per recuperare la consapevolezza che siamo chiamati a convertirci e a credere nel Vangelo e nello stesso tempo la nostra esistenza è contrassegnata dall'esperienza del limite. Per qu ...
(continua)

 
    don Carlo Occelli       (Omelia del 17-02-2021)
Commento al Vangelo 17 febbraio 2021
...
(continua)

 
    don Lucio D'Abbraccio       (Omelia del 17-02-2021)
Convertiamoci e ritorniamo a Dio!
Un rito simbolico, gesto proprio ed esclusivo del primo giorno della Quaresima, è l'imposizione delle Ceneri. Dopo l'omelia il sacerdote benedice le ceneri e le impone sul nostro capo dicendo: «Convertitevi, e credete al Vangelo» oppure «Ricordati, uomo, che polvere tu sei e in polvere ritornerai» Ma qual è il suo significato? Esso ci fa comprendere l'attual ...
(continua)

 
    don Domenico Bruno       (Omelia del 17-02-2021)
Buon viaggio
Siamo soliti pensare che in questo giorno andiamo verso un deserto, verso la penitenza, quasi a doverci fustigare o aver paura che questo periodo se vissuto seriamente possa toglierci qualcosa. Tanti sceglieranno di vivere questo tempo in modo superficiale, la maggior parte vivrà solo il mercoledì per ricevere l'imposizione delle ceneri quasi come un talisma ...
(continua)

 
    don Marco Scandelli       (Omelia del 17-02-2021)
#2minutiDiVangelo Mercoledì delle Ceneri L'importante è che ti veda Dio. Altrimenti sei ipocrita!
Commento al Vangelo del Mercoledì delle Ceneri - a cura di don Marco Scandelli #2minutiDiVangelo ---- Mt 6 1-6.16-18 ---- Gesù introduce il suo discorso parlando di azioni giuste e ricompense da ottenere. E ci fa capire che se facciamo le cose per poter anche essere ammirati dagli altri, esse perdono la loro "magia". Pensate che io ho sempre l ...
(continua)

 
    Missionari della Via       (Omelia del 17-02-2021)
Essere o apparire?
...
(continua)

 
    don Alessandro Farano       (Omelia del 17-02-2021)
Commento al Vangelo - Mercoledi? delle Ceneri
...
(continua)

 
    don Nicola Salsa       (Omelia del 17-02-2021)
Mercoledì delle Ceneri (Mt 6,1-6.16-18)
...
(continua)

 
    don Gianfranco Calabrese       (Omelia del 17-02-2021)
Video commento su Matteo 6,1-6.16-18
...
(continua)

 
    don Fabio Zaffuto       (Omelia del 26-02-2020)
Una ricompensa c'è per tutti. Tu da chi la vuoi? Video commento su Mt 6,1-6.16-18
...
(continua)

 
    don Nicola Salsa       (Omelia del 26-02-2020)
Mercoledì delle ceneri
...
(continua)

 
    padre Gian Franco Scarpitta       (Omelia del 26-02-2020)
Digiuno, preghiera, carità... Umiltà
Elemosina, preghiera e di digiuno erano sempre state le colonne portanti della religiosità ebraica e uno degli autorevoli scritti che ce ne fanno menzione è il libro di Tobia. Il protagonista dello scritto, Tobi, è un uomo di grande fede e di carità disinteressata, dedito alle tante elemosine e alla sepoltura dei cadaveri abbandonati per la strada e persever ...
(continua)

 
    don Lucio D'Abbraccio       (Omelia del 26-02-2020)
Convertici a Te, o Dio, nostra salvezza!
Iniziamo oggi il tempo liturgico della Quaresima con il suggestivo rito dell'imposizione delle ceneri, attraverso il quale vogliamo assumere l'impegno di convertire il nostro cuore verso gli orizzonti della Grazia. In genere, nell'opinione comune, questo tempo rischia di essere connotato dalla tristezza, dal grigiore della vita. Invece esso è dono prezioso d ...
(continua)

 
    don Alessandro Farano       (Omelia del 26-02-2020)
Video commento al Vangelo - Mercoledì delle ceneri
...
(continua)

 
    don Alessandro Farano       (Omelia del 23-02-2020)
Lectio Divina - Mercoledì delle Ceneri
...
(continua)

 
    don Maurizio Prandi       (Omelia del 06-03-2019)

Condivido questo breve pensiero ricordando quanto in questi anni papa Francesco ci ha detto iniziando la Quaresima: è una strada la quaresima, una via, un cammino che ci conduce ad una meta ben precisa: la misericordia che vince su tutto quello che vuole schiacciarci e ridurci a quello che non è la dignità dei figli di Dio. È un cammino dalla schiavitù alla ...
(continua)

 
    Casa di Preghiera San Biagio FMA       (Omelia del 06-03-2019)
Commento su Gl 2, 12
"Ritornate a me con tutto il cuore, con digiuni, con pianti e lamenti." GL 2, 12 Come vivere questa Parola? Sembra un grido sofferto questa richiesta di RITORNARE. È la voce di Dio, che attraverso il profeta supplica gli uomini di convertirsi, di smetterla di girare le spalle a suo creatore e riconsegnarsi a lui. In Cristo, dopo la sua venuta, la sua mo ...
(continua)

 
    Omelie.org - autori vari       (Omelia del 06-03-2019)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di don Marco Simeone Inizia la quaresima, ed aggiungerei finalmente, perché c'è un bisogno vero di conversione, di autenticità, di Vangelo. Papa Francesco si dà da fare e lo dice in tutte le salse che "la creazione attende con impazienza lo svelamento dei figli di Dio", non di imborghesiti o arrabbiati cristiani "fa ...
(continua)

 
    don Alessandro Farano       (Omelia del 06-03-2019)
Lectio Divina - Mercoledì delle Ceneri - Anno C
...
(continua)

 
    Agenzia SIR       (Omelia del 06-03-2019)

Il Padre. La parola di Gesù, in quaresima, svela l'entrata nel rapporto col Padre; un rapporto intenso e vero che coinvolge "la nostra giustizia", il luogo "segreto" della preghiera e del digiuno, insieme ai modi della carità credibile. Anche le parole nel capitolo precedente di Matteo (la povertà di spirito, la piccolezza, la purezza di cuore, la mitezza, l ...
(continua)

 
    don Lucio D'Abbraccio       (Omelia del 06-03-2019)
Non siate simili agli ipocriti
Inizia oggi, mercoledì delle Ceneri, la Quaresima, un tempo di quaranta giorni per prepararci alla Pasqua, ma anche tempo di riconoscimento dei propri peccati e di conversione. La liturgia della parola riporta l'invito di Dio: «Ritornate a me con tutto il cuore, con digiuni, con pianti e lamenti. Laceratevi il cuore e non le vesti, ritornate al Signore, vost ...
(continua)

 
    Casa di Preghiera San Biagio FMA       (Omelia del 14-02-2018)
Commento su Mt 6,4
«Il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà» Mt 6,4 Come vivere questa Parola? Inizia oggi la Quaresima, tempo dedicato in modo speciale alla preghiera, alla penitenza, alla carità. Gesù ci esorta anzitutto a non metterci in mostra per essere elogiati dagli uomini; invece la penitenza è incentrata anzitutto sul livello interiore: dominare i propr ...
(continua)

 
    don Claudio Luigi Fasulo       (Omelia del 14-02-2018)
Audio commento al Vangelo - Mt 14,22-33
...
(continua)

 
    Agenzia SIR       (Omelia del 14-02-2018)
Commento su Matteo 6,1-6.16-18
"Ecco ora il momento favorevole, ecco ora il giorno della salvezza!". Le parole di Paolo segnano l'inizio della Quaresima: i giorni della conversione sono a nostro favore, per la nostra salvezza, nella convinzione che, sebbene già redenti dal Signore Gesù, abbiamo sempre bisogno di essere da lui salvati e rinnovati. La Messa del mercoledì delle Ceneri presen ...
(continua)

 
    Paolo Curtaz       (Omelia del 18-02-2015)

È il momento di gettare le maschere. Quelle di Carnevale, ovviamente, ma anche quelle, molto più difficili da togliere, che indossiamo quotidianamente, per dimostrare di essere dei bravi genitori, dei buoni figli, dei bravi cittadini... Maschere che indossiamo per essere accolti, per piacere, per non sfigurare davanti al mondo così esigente, come un gigantes ...
(continua)

 
    Paolo Curtaz       (Omelia del 05-03-2014)

Un gesto semplice e forte, quello dell'imposizione delle ceneri, per fare memoria di ciò che siamo. Inizia la quaresima, tempo dell'autenticità. Un'altra quaresima, un'altra opportunità che ci doniamo per mettere ordine nelle nostre vite così spesso travolte dalle cose da fare, dalla quotidianità che ci riempie ogni spazio, ogni possibilità di condurre le n ...
(continua)