B I B B I A .net   > Bibbia CEI 2008 > Bibbia CEI 1974 > La Bibbia TILC

Antico Gen Es Lv Nm Dt - Gios Gdc Rut 1Sam 2Sam 1Re 2Re 1Cr 2Cr Esd Nee Tob Gdt Est 1Mac 2Mac
Testam. Gb Sal Prv Qo Cant Sap Sir - Is Ger Lam Bar Ez Dan Os Gioe Am Abd Gion Mich Naum Abac Sof Agg Zacc Mal

NuovoT. Mt Mc Lc Gv - At - Rom 1Cor 2Cor Gal Ef Fil Col 1Ts 2Ts 1Tm 2Tm Tit Flm Ebr - Giac 1Pt 2Pt 1Gv 2Gv 3Gv Gd - Ap

(Versione sperimentale)
Ricerca per citazione:
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     

Ricerca per parola:
cerca all'interno di
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     
 
Siracide
  > Libro: Siracide, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51  

(Testo CEI74)

44
2. NELLA STORIA
L'elogio degli antenati

1Facciamo dunque l'elogio degli uomini illustri,
dei nostri antenati per generazione.
2Il Signore ha profuso in essi la gloria,
la sua grandezza è apparsa sin dall'inizio dei secoli.
3Signori nei loro regni, uomini rinomati per la loro potenza;
consiglieri per la loro intelligenza
e annunziatori nelle profezie.
4Capi del popolo con le loro decisioni
e con l'intelligenza della sapienza popolare;
saggi discorsi erano nel loro insegnamento.
5Inventori di melodie musicali
e compositori di canti poetici.
6Uomini ricchi dotati di forza,
vissuti in pace nelle loro dimore.
7Tutti costoro furono onorati dai contemporanei,
furono un vanto ai loro tempi.
8Di loro alcuni lasciarono un nome,
che ancora è ricordato con lode.
9Di altri non sussiste memoria;
svanirono come se non fossero esistiti;
furono come se non fossero mai stati,
loro e i loro figli dopo di essi.
10Invece questi furono uomini virtuosi,
i cui meriti non furono dimenticati.
11Nella loro discendenza dimora
una preziosa eredità, i loro nipoti.
12La loro discendenza resta fedele alle promesse
e i loro figli in grazia dei padri.
13Per sempre ne rimarrà la discendenza
e la loro gloria non sarà offuscata.
14I loro corpi furono sepolti in pace,
ma il loro nome vive per sempre.
15I popoli parlano della loro sapienza,
l'assemblea ne proclama le lodi.

Enoch

16Enoch piacque al Signore e fu rapito,
esempio istruttivo per tutte le generazioni.

Noè

17Noè fu trovato perfetto e giusto,
al tempo dell'ira fu riconciliazione;
per suo mezzo un resto sopravvisse sulla terra,
quando avvenne il diluvio.
18Alleanze eterne furono stabilite con lui,
perché non fosse distrutto ogni vivente con il diluvio.

Abramo

19Abramo fu grande antenato di molti popoli,
nessuno ci fu simile a lui nella gloria.
20Egli custodì la legge dell'Altissimo,
con lui entrò in alleanza.
Stabilì questa alleanza nella propria carne
e nella prova fu trovato fedele.
21Per questo Dio gli promise con giuramento
di benedire i popoli nella sua discendenza,
di moltiplicarlo come la polvere della terra,
di innalzare la sua discendenza come gli astri
e di dar loro un'eredità da uno all'altro mare,
dal fiume fino all'estremità della terra.

Isacco e Giacobbe

22Anche a Isacco fu fatta la stessa promessa
a causa di Abramo suo padre.
23Dio fece posare sulla testa di Giacobbe
la benedizione di tutti gli uomini e l'alleanza;
lo confermò nelle sue benedizioni,
a lui diede il paese in eredità e lo divise in varie parti,
assegnandole alle dodici tribù.

(Testo TILC)

44
I grandi della storia d'Israele

1Ora facciamo l'elogio
di uomini gloriosi,
gli antenati del nostro popolo.
2Il Signore ha dato loro un nome,
ha mostrato in essi la sua gloria fin
dall'antichità.
3Ci furono re capaci di governare,
famosi per la loro potenza,
esperti nel dare consigli.
Hanno parlato con carica profetica.
4Ci furono capi in grado di far camminare
il popolo,
come maestri e guide intelligenti
e come educatori che insegnano la
sapienza.
5Hanno inventato melodie molto belle
e scritto testi poetici.
6Ci furono uomini ricchi e dotati di forza
che vissero tranquilli nelle loro case.
7In vita, tutti ricevettero onori e lodi
dai loro contemporanei.
8Alcuni di loro hanno lasciato un buon
ricordo,
ancora oggi noi li lodiamo.
9Altri invece non hanno lasciato alcun
ricordo,
non hanno lasciato traccia, come chi non
è mai esistito:
sì, è come se non fossero mai vissuti,
essi e i loro figli.
10I nostri antenati invece furono uomini
generosi,
e noi li ricordiamo per le loro opere.
11I loro beni sono passati ai figli
e la loro eredità ai loro discendenti,
12che rispettano le alleanze
e insegnano così anche ai loro figli.
13La loro discendenza continuerà per sempre
e la loro fama non sarà mai cancellata;
14i loro corpi furono sepolti in pace,
ma il loro ricordo è vivo da una
generazione all'altra.
15La loro sapienza sarà sulla bocca di molti
popoli
e l'assemblea dei fedeli farà il loro elogio.

Enoc
16Nella sua vita Enoc fu gradito al Signore
ed egli lo trasportò in cielo.
Per tutti egli resta un modello di fedeltà al
Signore.

Noè
17Noè fu un uomo giusto e perfetto;
Dio lo prese in considerazione quando
castigò gli uomini.
Grazie a lui la vita umana poté
continuare,
nonostante il diluvio.
18Con Noè Dio stabilì un'alleanza eterna,
si impegnò a non più distruggere la vita
con il diluvio.

Abramo
19Il grande Abramo fu padre di molti
popoli:
niente ha mai oscurato la sua gloria.
20Egli ubbidì alla legge di Dio, l'Altissimo,
ed entrò in alleanza con lui.
Nel suo corpo portò il segno
dell'alleanza
e restò fedele anche nel momento della
prova.
21Perciò Dio con giuramento promise ad
Abramo
di benedire le nazioni per mezzo dei suoi
discendenti:
promise di dargli discendenti
numerosi come la polvere della terra,
di portare alle stelle i suoi figli
e di dare loro un territorio
che va da un mare all'altro,
e dall'Eufrate sino ai confini della terra.

Isacco e Giacobbe
22-23Per amore di Abramo,
Dio confermò le sue promesse
anche al figlio Isacco.
Poi Dio trasmise a Giacobbe
l'alleanza e la benedizione per tutti gli
uomini.
Sì, egli confermò la sua benedizione
e gli diede in dono la terra promessa,
e la distribuì alle dodici tribù.

Mosè
Dalla discendenza di Giacobbe, Dio
suscitò un servo buono
ben visto agli occhi di tutti:

(Testo CEI2008)

44
LA SAPIENZA DI DIO NELLA STORIA D'ISRAELE
L'elogio degli antenati

1 Facciamo ora l'elogio di uomini illustri,
dei padri nostri nelle loro generazioni.
2Il Signore li ha resi molto gloriosi:
la sua grandezza è da sempre.
3Signori nei loro regni,
uomini rinomati per la loro potenza,
consiglieri per la loro intelligenza
e annunciatori nelle profezie.
4Capi del popolo con le loro decisioni
e con l'intelligenza della sapienza popolare;
saggi discorsi erano nel loro insegnamento.
5Inventori di melodie musicali
e compositori di canti poetici.
6Uomini ricchi, dotati di forza,
che vivevano in pace nelle loro dimore.
7Tutti costoro furono onorati dai loro contemporanei,
furono un vanto ai loro tempi.
8Di loro, alcuni lasciarono un nome,
perché se ne celebrasse la lode.
9Di altri non sussiste memoria,
svanirono come se non fossero esistiti,
furono come se non fossero mai stati,
e così pure i loro figli dopo di loro.
10Questi invece furono uomini di fede,
e le loro opere giuste non sono dimenticate.
11Nella loro discendenza dimora
una preziosa eredità: i loro posteri.
12La loro discendenza resta fedele alle alleanze
e grazie a loro anche i loro figli.
13Per sempre rimarrà la loro discendenza
e la loro gloria non sarà offuscata.
14I loro corpi furono sepolti in pace,
ma il loro nome vive per sempre.
15I popoli parlano della loro sapienza,
l'assemblea ne proclama la lode.

Enoc e Noè

16Enoc piacque al Signore e fu rapito,
esempio di conversione per tutte le generazioni.

17Noè fu trovato perfetto e giusto,
al tempo dell'ira fu segno di riconciliazione;
per mezzo suo un resto sopravvisse sulla terra,
quando ci fu il diluvio.
18Alleanze eterne furono stabilite con lui,
perché con il diluvio non fosse distrutto ogni vivente.

Abramo

19Abramo fu grande padre di una moltitudine di nazioni,
nessuno fu trovato simile a lui nella gloria.
20Egli custodì la legge dell'Altissimo,
con lui entrò in alleanza.
Stabilì l'alleanza nella propria carne
e nella prova fu trovato degno di fede.
21Per questo Dio gli promise con giuramento
di benedire le nazioni nella sua discendenza,
di moltiplicarlo come la polvere della terra,
di innalzare la sua discendenza come gli astri
e di dar loro un'eredità
da mare a mare
e dal fiume fino all'estremità della terra.

Isacco e Giacobbe

22Anche a Isacco fu fatta la stessa promessa
grazie ad Abramo, suo padre.
23aLa benedizione di tutti gli uomini e la sua alleanza
Dio fece posare sul capo di Giacobbe;
lo confermò nelle sue benedizioni,
gli diede il paese in eredità:
lo divise in varie parti,
assegnandole alle dodici tribù.

Mosè

23bDa lui fece sorgere un uomo mite,
che incontrò favore agli occhi di tutti,



> Cerca omelie su questo capitolo

  > Libro: Siracide, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51  
inizio pagina