B I B B I A .net   > Bibbia CEI 2008 > Bibbia CEI 1974 > La Bibbia TILC

Antico Gen Es Lv Nm Dt - Gios Gdc Rut 1Sam 2Sam 1Re 2Re 1Cr 2Cr Esd Nee Tob Gdt Est 1Mac 2Mac
Testam. Gb Sal Prv Qo Cant Sap Sir - Is Ger Lam Bar Ez Dan Os Gioe Am Abd Gion Mich Naum Abac Sof Agg Zacc Mal

NuovoT. Mt Mc Lc Gv - At - Rom 1Cor 2Cor Gal Ef Fil Col 1Ts 2Ts 1Tm 2Tm Tit Flm Ebr - Giac 1Pt 2Pt 1Gv 2Gv 3Gv Gd - Ap

(Versione sperimentale)
Ricerca per citazione:
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     

Ricerca per parola:
cerca all'interno di
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     
 
Siracide
  > Libro: Siracide, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51  

(Testo CEI74)

42
1Non ti vergognare delle cose seguenti
e non peccare per rispetto umano:
2della legge dell'Altissimo né dell'alleanza,
della sentenza per assolvere l'empio,
3dei conti con il socio e con i compagni di viaggio,
del dono di un'eredità agli amici,
4dell'esattezza della bilancia e dei pesi,
dell'acquisto di molte o poche cose,
5della contrattazione sul prezzo con i commercianti,
della frequente correzione dei figli
e del far sanguinare i fianchi di uno schiavo pigro.
6Con una moglie malvagia è opportuno il sigillo,
dove ci sono troppe mani usa la chiave.
7Qualunque cosa depositi, contala e pesala;
il dare e l'avere sia tutto per iscritto.
8Non vergognarti di correggere l'insensato e lo stolto
e il vecchio decrepito che disputa con i giovani;
sarai così veramente assennato
e approvato da ogni vivente.

Affanni di un padre per sua figlia

9Una figlia è per il padre un'inquietudine segreta,
la preoccupazione per lei allontana il sonno:
nella sua giovinezza, perché non sfiorisca,
una volta accasata, perché non sia ripudiata.
10Finché è ragazza, si teme che sia sedotta
e che resti incinta nella casa paterna;
quando è con un marito, che cada in colpa,
quando è accasata, che sia sterile.
11Su una figlia indocile rafforza la vigilanza,
perché non ti renda scherno dei nemici,
oggetto di chiacchiere in città e favola della gente,
sì da farti vergognare davanti a tutti.

Le donne

12Non mostri la sua bellezza a qualsiasi uomo,
non segga a ciarlare insieme con le altre donne,
13perché dagli abiti esce fuori la tignola
e dalla donna malizia di donna.
14Meglio la cattiveria di un uomo che la bontà di una donna,
una donna che porta vergogna fino allo scherno.

II. LA GLORIA DI DIO
1. NELLA NATURA

15Ricorderò ora le opere del Signore
e descriverò quanto ho visto.
Con le parole del Signore sono state create le sue opere.
16Il sole con il suo splendore illumina tutto,
della gloria del Signore è piena la sua opera.
17Neppure i santi del Signore sono in grado
di narrare tutte le sue meraviglie,
ciò che il Signore onnipotente ha stabilito
perché l'universo stesse saldo a sua gloria.
18Egli scruta l'abisso e il cuore
e penetra tutti i loro segreti.
L'Altissimo conosce tutta la scienza
e osserva i segni dei tempi,
19annunziando le cose passate e future
e svelando le tracce di quelle nascoste.
20Nessun pensiero gli sfugge,
neppure una parola gli è nascosta.
21Ha ordinato le meraviglie della sua sapienza,
poiché egli è da sempre e per sempre.
Nulla può essergli aggiunto e nulla tolto,
non ha bisogno di alcun consigliere.
22Quanto sono amabili tutte le sue opere!
E appena una scintilla se ne può osservare.
23Tutte queste cose vivono e resteranno per sempre
in tutte le circostanze e tutte gli obbediscono.
24Tutte sono a coppia, una di fronte all'altra,
egli non ha fatto nulla di incompleto.
25L'una conferma i meriti dell'altra,
chi si sazierà nel contemplare la sua gloria?

(Testo TILC)

42

1Vergognati di dire in giro
quel che hai sentito
e di spifferare un segreto.
Se avrai vergogna di tutte queste cose,
sarai rispettato dagli altri.

Invece non vergognarti di altre cose
e non renderti schiavo della mentalità
comune
fino a peccare.
2Non vergognarti della legge dell'Altissimo
e della sua alleanza con noi.
Non vergognarti
di assolvere uno straniero, se è innocente,
3di dividere le spese con i compagni di
lavoro e di viaggio.
Non vergognarti
di spartire un'eredità con gli altri,
4di essere preciso quando si tratta di pesi e
di bilance.
Non vergognarti
di commerciare all'ingrosso o al minuto
5e di trarre profitto nella vendita.
Non vergognarti
di impegnarti molto per l'educazione dei
figli,
né di frustare a sangue uno schiavo
cattivo.
6Non vergognarti
di usare serrature se non puoi fidarti di
tua moglie,
di chiudere a chiave là dove ci sono molte
mani,
7di far contare e pesare quel che lasci in
deposito presso qualcuno,
di registrare tutto quello che dai e ricevi.
8Non vergognarti
di essere severo con lo stupido e
l'imbecille
e con il vecchio accusato di adulterio.
Così sapranno che la tua educazione è
seria
e tutti avranno stima di te.

Come educare la propria figlia

9Chi ha una figlia ha dentro di sé una
preoccupazione
che non lo lascia dormire:
quando è ragazza, perché non resti zitella,
e quando è sposata, perché suo marito
non la trascuri.
10Quando è giovane, perché non venga
sedotta
e resti incinta in casa di suo padre;
quando ha marito perché non lo tradisca
o rimanga senza figli.
11Con una figlia sfrontata, apri bene gli
occhi,
perché potresti diventare la favola del
villaggio:
la gente sparla di te e i nemici ridono alle
tue spalle.
Sì, tua figlia potrebbe disonorarti agli
occhi di tutti.

Fare attenzione alle donne

12Non lasciarti incantare dalla bellezza
e non intrattenerti con donne,
13perché come escono le tarme da un
vestito,
così da una donna la cattiveria.
14Un uomo cattivo è meglio di una donna
compiacente:
essa potrebbe procurarti vergogna e
insulti.

Dio è grande nelle sue opere

15Voglio ricordare le opere del Signore
e proclamare quello che ho visto.
Con la sua parola il Signore ha creato il
mondo
16Il sole che brilla illumina tutte le cose,
così il Signore riempie l'universo con la
sua presenza.
17Nemmeno agli angeli ha dato la
possibilità
di raccontare tutte le cose stupende che ha fatto.
Il Signore onnipotente ha reso stabile il
mondo
e con la sua presenza sorregge le sue
creature.
18Egli scruta la profondità degli oceani e il
cuore umano,
conosce a fondo i progetti degli uomini.
L'Altissimo conosce tutto,
riesce a decifrare anche i segni del futuro.
19Egli rivela il passato e annunzia il futuro
e ci mette sulle tracce di quel che ancora è
nascosto.
20Tu non puoi nascondergli i tuoi pensieri
e nessuna delle tue parole può sfuggirgli.
21Con sapienza ha disposto le sue opere
meravigliose
lungo il corso della storia,
ma egli è da sempre e rimane per sempre.
Non ha avuto bisogno di consiglieri
e non c'è nulla da aggiungere o da togliere
alla sua opera.
22Quanto sono belle le sue opere,
anche la più piccola è stupenda.
23Tutto quello che ha fatto è stabile e utile
e realizza sempre lo scopo che il Signore
ha fissato.
24Tutte le cose sono a due a due
e si corrispondono l'una all'altra.
25Ogni cosa contribuisce al bene dell'altra
e se ti metti a contemplare l'opera di Dio
non finisci mai
perché il Signore non ha lasciato nulla di
incompleto.

(Testo CEI2008)

42

1adi ripetere quanto hai udito
e di rivelare parole segrete.
Allora saprai veramente che cos'è la vergogna
e incontrerai favore presso ogni uomo.

Azioni di cui ci si può vantare

1bDelle cose seguenti non ti vergognare
e non peccare per rispetto umano:
2della legge dell'Altissimo e dell'alleanza,
della sentenza che giustifica l'empio,
3dei conti con il socio e con i compagni di viaggio,
di dare agli altri l'eredità che spetta loro,
4dell'esattezza della bilancia e dei pesi,
di fare acquisti, grandi o piccoli che siano,
5della contrattazione sul prezzo dei commercianti,
della frequente correzione dei figli
e di far sanguinare i fianchi di uno schiavo pigro.
6Con una moglie malvagia è opportuno il sigillo,
dove ci sono troppe mani usa la chiave.
7Qualunque cosa depositi, contala e pesala,
il dare e l'avere sia tutto per iscritto.
8Non vergognarti di correggere l'insensato e lo stolto
e il vecchio molto avanti negli anni accusato di fornicazione;
così sarai veramente assennato
e approvato da ogni vivente.

Precauzioni per le figlie

9Per il padre una figlia è un'inquietudine segreta,
il pensiero di lei allontana il sonno:
nella sua giovinezza, perché non sfiorisca,
una volta accasata, perché non sia ripudiata,
10finché è vergine, perché non sia sedotta
e resti incinta nella casa paterna,
quando è maritata, perché non cada in colpa,
quando è accasata, perché non sia sterile.
11Su una figlia ribelle rafforza la vigilanza,
perché non ti renda scherno dei nemici,
motivo di chiacchiere in città e di rimprovero fra la gente,
così da farti vergognare davanti a tutti.
12Non considerare nessuno solo per la sua bellezza
e non sederti insieme con le donne,
13perché dagli abiti esce fuori la tignola
e dalla donna malizia di donna.
14Meglio la cattiveria di un uomo che la compiacenza di una donna,
una donna impudente è un obbrobrio.

LA SAPIENZA DI DIO NELLA CREAZIONE
La sapienza di Dio creatore

15Ricorderò ora le opere del Signore
e descriverò quello che ho visto.
Per le parole del Signore sussistono le sue opere,
e il suo giudizio si compie secondo il suo volere.
16Il sole che risplende vede tutto,
della gloria del Signore sono piene le sue opere.
17Neppure ai santi del Signore è dato
di narrare tutte le sue meraviglie,
che il Signore, l'Onnipotente, ha stabilito
perché l'universo stesse saldo nella sua gloria.
18Egli scruta l'abisso e il cuore,
e penetra tutti i loro segreti.
L'Altissimo conosce tutta la scienza
e osserva i segni dei tempi,
19annunciando le cose passate e future
e svelando le tracce di quelle nascoste.
20Nessun pensiero gli sfugge,
neppure una parola gli è nascosta.
21Ha disposto con ordine le meraviglie della sua sapienza,
egli solo è da sempre e per sempre:
nulla gli è aggiunto e nulla gli è tolto,
non ha bisogno di alcun consigliere.
22Quanto sono amabili tutte le sue opere!
E appena una scintilla se ne può osservare.
23Tutte queste cose hanno vita e resteranno per sempre
per tutte le necessità, e tutte gli obbediscono.
24Tutte le cose sono a due a due, una di fronte all'altra,
egli non ha fatto nulla d'incompleto.
25L'una conferma i pregi dell'altra:
chi si sazierà di contemplare la sua gloria?



> Cerca omelie su questo capitolo

  > Libro: Siracide, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51  
inizio pagina