B I B B I A .net   > Bibbia CEI 2008 > Bibbia CEI 1974 > La Bibbia TILC

Antico Gen Es Lv Nm Dt - Gios Gdc Rut 1Sam 2Sam 1Re 2Re 1Cr 2Cr Esd Nee Tob Gdt Est 1Mac 2Mac
Testam. Gb Sal Prv Qo Cant Sap Sir - Is Ger Lam Bar Ez Dan Os Gioe Am Abd Gion Mich Naum Abac Sof Agg Zacc Mal

NuovoT. Mt Mc Lc Gv - At - Rom 1Cor 2Cor Gal Ef Fil Col 1Ts 2Ts 1Tm 2Tm Tit Flm Ebr - Giac 1Pt 2Pt 1Gv 2Gv 3Gv Gd - Ap

(Versione sperimentale)
Ricerca per citazione:
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     

Ricerca per parola:
cerca all'interno di
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     
 

Siracide
  > Libro: Siracide, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51  

(Testo CEI74)

41
La morte

1O morte, come è amaro il tuo pensiero
per l'uomo che vive sereno nella sua agiatezza,
per l'uomo senza assilli e fortunato in tutto,
ancora in grado di gustare il cibo!
2O morte, è gradita la tua sentenza
all'uomo indigente e privo di forze,
vecchio decrepito e preoccupato di tutto,
al ribelle che ha perduto la pazienza!
3Non temere la sentenza della morte,
ricòrdati dei tuoi predecessori e successori.
4Questo è il decreto del Signore per ogni uomo;
perché ribellarsi al volere dell'Altissimo?
Siano dieci, cento, mille anni;
negli inferi non ci sono recriminazioni sulla vita.

Destino degli empi

5Figli abominevoli sono i figli dei peccatori,
una stirpe empia è nella dimora dei malvagi.
6L'eredità dei figli dei peccatori andrà in rovina,
con la loro discendenza continuerà il disonore.
7Contro un padre empio imprecano i figli,
perché sono disprezzati a causa sua.
8Guai a voi, uomini empi,
che avete abbandonato la legge di Dio altissimo!
9Quando nascete, nascete per la maledizione;
quando morite, erediterete la maledizione.
10Quanto è dalla terra ritornerà alla terra,
così gli empi dalla maledizione alla distruzione.
11Il lutto degli uomini riguarda i loro cadaveri,
il nome non buono dei peccatori sarà cancellato.
12Abbi cura del nome, perché esso ti resterà
più di mille grandi tesori d'oro.
13I giorni di una vita felice sono contati,
ma un buon nome dura sempre.

La vergogna

14Figli, custodite l'istruzione in pace;
ma sapienza nascosta e tesoro invisibile,
l'una e l'altro a che servono?
15Meglio chi nasconde la sua stoltezza
di chi nasconde la sua sapienza.
16Pertanto provate vergogna in vista della mia parola,
perché non è bene arrossire per qualsiasi vergogna;
non tutti stimano secondo verità tutte le cose.
17Vergognatevi della prostituzione davanti al padre e alla madre
della menzogna davanti a un capo e a un potente,
18del delitto davanti a un giudice e a un magistrato,
dell'empietà davanti all'assemblea del popolo,
19della slealtà davanti al compagno e all'amico,
del furto nell'ambiente in cui ti trovi,
20di venir meno al giuramento e all'alleanza,
di piegare i gomiti sul pane,
21del disprezzo di ciò che prendi o che ti è dato,
di non rispondere a quanti salutano,
22dello sguardo su una donna scostumata,
del rifiuto fatto a un parente,
23dell'appropriazione di eredità o donazione,
del desiderio per una donna sposata,
24della relazione con la sua schiava,
- non accostarti al suo letto -
25delle parole ingiuriose davanti agli amici
- dopo aver donato, non offendere -
26della ripetizione di quanto hai udito
e della rivelazione di notizie segrete.
27Allora sarai veramente pudico
e troverai grazia presso chiunque.

(Testo TILC)

41
Non aver paura della morte

1 O morte! Chi vive tranquillo
in mezzo ai suoi beni,
chi non ha preoccupazioni perché tutto gli
riesce
e chi è ancora in forze per darsi alla bella
vita,
se pensa alla morte, prova tristezza.
2O morte, sei benvenuta
per chi è senza risorse
e si sente abbandonato dalle forze,
per chi è molto avanti negli anni
e logorato da mille pensieri,
e si ribella perché non ne può più.
3Non aver paura della morte: è il destino di
tutti,
pensa a chi ti ha preceduto e a quanti
verranno dopo di te:
4il Signore ha fissato questo destino per
tutti.
Perché rifiutare ciò che l'Altissimo ha
deciso?
Nel regno dei morti nessuno si preoccupa
se sei vissuto dieci, cento o mille anni.

Gli empi non hanno niente da sperare

5Provocano disgusto i figli degli empi
che frequentano gente senza fede:
6il loro patrimonio finirà nel nulla,
ai loro discendenti resterà solo il
disprezzo.
7I figli imprecheranno contro il padre
empio,
perché vengono disprezzati per colpa sua.
8Guai a voi che avete rifiutato Dio
e avete abbandonato la legge
dell'Altissimo.
9Siete stati messi al mondo per essere
maledetti
e maledetti sarete al momento della
morte.
10Quel che viene dal nulla, al nulla tornerà:
la vita degli empi è maledetta
e finisce nel nulla.

Lascia un buon ricordo di te

11Quando uno muore gli altri si vestono a
lutto,
ma se è un peccatore non lascia certo un
buon ricordo.
12Guarda che rimanga un buon ricordo di
te,
perché dura più di mille tesori d'oro.
13Sì, la vita di una persona buona finisce,
ma il suo ricordo durerà per sempre.

Sii coerente nella vita

14Figli, dimostrate l'educazione ricevuta
e vivrete in pace.
Se non manifesti la tua sapienza, essa non
serve a niente
ed è come un tesoro nascosto.
15Chi nasconde la propria follia
fa meglio di chi nasconde la sua sapienza.

Vero e falso pudore

16Fate dunque attenzione alle mie parole:
non è bene vergognarsi di qualsiasi cosa,
come non si può approvare sempre tutto.
17Pensa ai genitori e proverai vergogna di
vivere sregolato,
pensa ai capi e ai governanti e non dirai il
falso,
18pensa ai giudici e ai magistrati,
ti vergognerai a commettere un delitto,
pensa all'assemblea e al popolo
e non disubbidirai alla legge,
pensa al compagno e all'amico e non sarai
disonesto,
19pensa ai vicini e non ruberai.
Vergognati
di non mantenere i patti e le promesse,
di comportarti male a tavola,
di disprezzare chi ti chiede qualcosa,
20di non rispondere al saluto,
di fare l'occhiolino a una donna di strada.
21Vergognati se non ti sei occupato di un
parente,
se hai tolto a qualcuno ciò che gli spetta,
se hai fatto certe proposte alla donna di
un altro.
22Non essere intraprendente con la serva
e non cercare avventure con lei.
Davanti a un amico, vergognati di
insultarlo.
Dopo avergli fatto un regalo, perché glielo
rinfacci?

(Testo CEI2008)

41
La morte

1 O morte, com'è amaro il tuo ricordo
per l'uomo che vive sereno nella sua agiatezza,
per l'uomo senza assilli e fortunato in tutto
e ancora in forze per provare il piacere.
2O morte, è gradita la tua sentenza
all'uomo indigente e privo di forze,
al vecchio decrepito e preoccupato di tutto,
a colui che è indocile e ha perduto ogni speranza.
3Non temere la sentenza della morte,
ricòrdati di chi ti ha preceduto e di chi ti seguirà.
4Questo è il decreto del Signore per ogni uomo;
perché ribellarsi al volere dell'Altissimo?
Siano dieci, cento, mille anni:
negli inferi non ci sono recriminazioni sulla vita.

Vera eredità e buon nome

5Figli d'infamia sono i figli dei peccatori,
frequentano le case degli empi.
6L'eredità dei figli dei peccatori andrà in rovina,
con la loro discendenza continuerà il disonore.
7Contro un padre empio imprecano i figli,
perché a causa sua sono disonorati.
8Guai a voi, uomini empi,
che avete abbandonato la legge dell'Altissimo!
9Se vi moltiplicate, è per la rovina,
se nascete, nascete per la maledizione,
e se morite, la maledizione sarà la vostra sorte.
10Quanto è dalla terra alla terra ritornerà,
così gli empi passano dalla maledizione alla rovina.

11Il lutto degli uomini riguarda i loro corpi,
la cattiva fama dei peccatori sarà cancellata.
12Abbi cura del tuo nome, perché esso sopravviverà a te
più di mille grandi tesori d'oro.
13I giorni di una vita felice sono contati,
ma il buon nome dura per sempre.

Azioni di cui bisogna vergognarsi

14Figli, custodite l'istruzione in pace;
ma sapienza nascosta e tesoro invisibile,
a che cosa servono entrambi?
15Meglio l'uomo che nasconde la sua stoltezza
di quello che nasconde la sua sapienza.

16Perciò provate vergogna per le cose che qui di seguito vi indico:
non è bene infatti vergognarsi di qualsiasi cosa,
come non si può approvare sempre tutto.
17Vergognatevi della prostituzione davanti al padre e alla madre,
della menzogna davanti al capo e al potente,
18del delitto davanti al giudice e al magistrato,
dell'empietà davanti all'assemblea e al popolo,
dell'ingiustizia davanti al compagno e all'amico,
19del furto davanti all'ambiente dove abiti,
di Dio, che è veritiero, e dell'alleanza,
di piegare i gomiti sopra i pani, a tavola,
di essere scortese quando ricevi e quando dai,
20di non rispondere a quanti salutano,
dello sguardo su una donna scostumata,
21del rifiuto fatto a un parente,
dell'appropriazione di eredità o donazione,
del desiderio per una donna sposata,
22della relazione con la sua schiava
- non accostarti al suo letto -,
di dire parole ingiuriose davanti agli amici
e, dopo aver donato, di rinfacciare un regalo,



> Cerca omelie su questo capitolo

  > Libro: Siracide, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51  
inizio pagina