B I B B I A .net   > Bibbia CEI 2008 > Bibbia CEI 1974 > La Bibbia TILC

Antico Gen Es Lv Nm Dt - Gios Gdc Rut 1Sam 2Sam 1Re 2Re 1Cr 2Cr Esd Nee Tob Gdt Est 1Mac 2Mac
Testam. Gb Sal Prv Qo Cant Sap Sir - Is Ger Lam Bar Ez Dan Os Gioe Am Abd Gion Mich Naum Abac Sof Agg Zacc Mal

NuovoT. Mt Mc Lc Gv - At - Rom 1Cor 2Cor Gal Ef Fil Col 1Ts 2Ts 1Tm 2Tm Tit Flm Ebr - Giac 1Pt 2Pt 1Gv 2Gv 3Gv Gd - Ap

(Versione sperimentale)
Ricerca per citazione:
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     

Ricerca per parola:
cerca all'interno di
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     
 

Siracide
  > Libro: Siracide, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51  

(Testo CEI74)

40
Miseria dell'uomo

1Una sorte penosa è disposta per ogni uomo,
un giogo pesante grava sui figli di Adamo,
dal giorno della loro nascita dal grembo materno
al giorno del loro ritorno alla madre comune.
2Materia alle loro riflessioni e ansietà per il loro cuore
offrono il pensiero di ciò che li attende e il giorno della fine.
3Da chi siede su un trono glorioso
fino al misero che giace sulla terra e sulla cenere;
4da chi indossa porpora e corona
fino a chi è ricoperto di panno grossolano,
non c'è che sdegno, invidia, spavento, agitazione,
paura della morte, contese e liti.
5Durante il riposo nel letto il sogno notturno turba le sue cognizioni.
6Per un poco, un istante, riposa;
quindi nel sonno, come in un giorno di guardia,
è sconvolto dai fantasmi del suo cuore,
come chi è scampato da una battaglia.
7Mentre sta per mettersi in salvo si sveglia,
meravigliandosi dell'irreale timore.
8E' sorte di ogni essere vivente, dall'uomo alla bestia,
ma per i peccatori sette volte tanto:
9morte, sangue, contese, spada,
disgrazie, fame, calamità, flagelli.
10Questi mali sono stati creati per i malvagi,
per loro causa si ebbe anche il diluvio.
11Quanto è dalla terra alla terra ritorna;
quanto è dalle acque rifluisce nel mare.

Massime diverse

12Ogni regalo per corrompere e l'ingiustizia spariranno,
mentre la lealtà resterà sempre.
13Le ricchezze degli ingiusti si seccheranno come un torrente,
come un grande tuono rimbomba via durante la pioggia.
14Come l'ingiusto aprendo le mani si rallegrerà,
così i trasgressori cadranno in rovina.
15La stirpe degli empi non aumenterà i suoi rami,
le radici impure saranno sopra una pietra dura.
16Il giunco su ogni corso d'acqua e sugli argini di un fiume
sarà tagliato prima di ogni altra erba.
17La bontà è come un giardino di benedizioni,
la misericordia dura sempre.
18La vita di chi basta a se stesso e del lavoratore sarà dolce,
ma più ancora lo sarà per chi trova un tesoro.
19I figli e la fondazione di una città assicurano un
nome,
ma più ancora sarà stimata una donna senza macchia.
20Vino e musica rallegrano il cuore,
ma più ancora lo rallegra l'amore della sapienza.
21Il flauto e l'arpa rendono piacevole il canto,
ma più ancora di essi una voce soave.
22L'occhio desidera grazia e bellezza,
ma più ancora di esse il verde dei campi.
23Il compagno e l'amico si incontrano a tempo opportuno,
ma più ancora di essi moglie e marito.
24I fratelli e un aiuto servono nell'afflizione,
ma più ancora salverà la carità.
25Oro e argento rendono sicuro il piede,
ma ancora di più si apprezza un consiglio.
26Ricchezze e potenza sollevano il cuore,
ma più ancora di esse il timore del Signore.
Con il timore del Signore non manca nulla;
con esso non c'è bisogno di cercare aiuto.
27Il timore del Signore è come un giardino di benedizioni;
la sua protezione vale più di qualsiasi altra gloria.

Mendicità

28Figlio, non vivere da mendicante.
E' meglio morire che mendicare.
29Un uomo che guarda alla tavola altrui
ha una vita che non si può chiamar tale.
Si contaminerà con cibi stranieri;
l'uomo sapiente ed educato se ne guarderà.
30Nella bocca sarà dolce il mendicare per un impudente,
ma nel suo ventre brucerà come fuoco.

(Testo TILC)

40
L'uomo ha una sorte triste

1Ogni uomo è destinato a soffrire e
i discendenti di Adamo hanno sulle
spalle un giogo pesante
da quando escono dal grembo materno fino
a quando ritornano alla terra che è
madre di tutti.
2La loro preoccupazione e l'angoscia
interiore
sta nel pensare al futuro, al giorno della
morte.
3 Da chi siede sul trono in mezzo agli onori,
al poveraccio che nella società non conta
niente,
4da chi indossa la porpora e porta la
corona,
a chi è vestito di stracci:
5tutti sono furiosi o gelosi, sconvolti o
incerti,
sono sdegnati o litigano,
ma soprattutto hanno paura di morire.
Anche quando sono a letto a riposare,
incubi notturni li turbano intimamente:
6dopo un po' di riposo, un attimo solo,
sono affaticati come se si fosse in pieno
giorno;
sono terrorizzati dai fantasmi come chi è
appena scappato da un campo
di battaglia:
7proprio mentre sogna di mettersi in salvo,
si sveglia dal sonno,
stupito di aver avuto paura per niente.
8Questa è la situazione di tutti, dall'uomo
alla bestia,
anzi per il peccatore è cento volte peggio:
9sempre morte e sangue, litigi e guerre,
prigionia e fame, tribolazioni e disgrazie.
10Dio ha creato tutte queste cose per i
malvagi
e per colpa loro ha mandato il diluvio:
11quel che viene dalla terra ritorna alla terra
e quel che viene dall'acqua finisce nel
mare.

Ci sono beni veri e falsi

12Ogni favoritismo e ingiustizia verranno
annientati,
la fedeltà invece resisterà per sempre.
13I capitali degli ingiusti seccheranno come
un torrente,
si perderanno come il fragore del tuono
durante l'uragano.
14La persona generosa quando ti fa un
regalo è contenta
ma chi disubbidisce alla legge finirà in
rovina.
15Le opere degli empi sono come germogli
che non riescono a crescere
perché le loro radici sono marce
e stanno su una roccia senza terra;
16le canne che crescono nell'acqua e sulle
rive dei fiumi
vengono sradicate prima di ogni altra
pianta;
17invece un atto di amore è come un
giardino rigoglioso
e l'impegno a favore dei poveri è qualcosa
che resta.

Gioie della vita

18Chi basta a se stesso e ha un lavoro è
fortunato,
ma chi trova un tesoro lo è ancora di più.
19Chi mette al mondo dei figli
e chi fonda una città si fa un nome,
ma è meglio avere una donna
alla quale non si deve rimproverare
niente.
20Vino e musica ti fanno contento,
ma amare la sapienza è ancor meglio.
21Con il flauto e l'arpa puoi fare una bella
musica,
ma con una bella voce l'effetto è migliore.
22L'occhio apprezza il fascino e la bellezza,
ma un campo che promette un buon
raccolto ha più valore.
23Due amici, quando possono, stanno
insieme volentieri,
e due sposi ancor di più.
24Quando va male, parenti e compagni
possono anche aiutare,
ma la solidarietà con gli emarginati libera
davvero.
25Con l'oro e l'argento ti puoi fare una
posizione sicura,
ma un consiglio ben dato ti giova di più.
26Ricchezza e forza ti danno un senso di
sicurezza,
ma ti sostiene ancor di più la fiducia nel
Signore,
perché, se lo ami davvero, non ti manca più
niente
e non devi più cercare altri appoggi.
27L'amore per il Signore fa rifiorire come
un giardino
e ti protegge meglio di qualsiasi uomo
importante.

Il mendicante

28Figlio mio, non vivere come un
mendicante,
è meglio morire che dover chiedere
l'elemosina.
29Se uno vive da parassita in casa d'altri,
la sua non si può chiamare vita:
se mangia alle spalle degli altri si degrada:
un uomo intelligente e ben educato non si
comporta così.
30Solo chi ha una faccia tosta ha il coraggio
di dire
che la vita del mendicante è una bella
cosa;
ma quando parla così un male nascosto gli
brucia dentro.

(Testo CEI2008)

40
La misera condizione dell'uomo

1 Grandi pene sono destinate a ogni uomo
e un giogo pesante sta sui figli di Adamo,
dal giorno della loro uscita dal grembo materno
fino al giorno del ritorno alla madre di tutti.
2Il pensiero dell'attesa e il giorno della fine
provocano le loro riflessioni e il timore del cuore.
3Da chi siede su un trono glorioso
fino a chi è umiliato su terra e su cenere,
4da chi indossa porpora e corona
fino a chi è ricoperto di panno grossolano,
5non c'è che sdegno, invidia, spavento, agitazione,
paura della morte, contese e liti.
Anche durante il riposo nel letto
il sogno notturno turba i suoi pensieri:
6per un poco, come niente, sta nel riposo
e subito nel sonno si affatica come di giorno,
è sconvolto dalla visione del suo cuore,
come chi è scampato da una battaglia.
7Al momento di mettersi in salvo si sveglia,
meravigliandosi dell'irreale timore.
8Così è per ogni essere vivente, dall'uomo alla bestia,
ma per i peccatori sette volte tanto:
9morte, sangue, contese, spada,
disgrazie, fame, calamità, flagelli.
10Questi mali sono stati creati per gli empi,
per loro causa venne anche il diluvio.
11Tutto quello che proviene dalla terra alla terra ritorna,
quanto viene dalle acque rifluisce nel mare.

12Ogni corruzione e ogni ingiustizia sparirà,
ma la fedeltà resterà per sempre.
13Le ricchezze degli ingiusti si prosciugheranno come un torrente,
si disperderanno come tuono che echeggia durante l'uragano.
14Se gli ingiusti dovranno alzare le mani, ci si rallegrerà,
così i trasgressori cadranno in rovina.
15La stirpe degli empi non moltiplica i suoi rami,
le radici impure sono sopra una pietra dura.
16Il giunco su ogni corso d'acqua o sugli argini di un fiume
viene tagliato prima di ogni altra erba.
17Un atto di bontà è come un giardino di benedizioni,
l'elemosina dura per sempre.

Che cosa vale di più

18La vita di chi basta a se stesso e del lavoratore è dolce,
ma più ancora lo è per chi trova un tesoro.
19I figli e la fondazione di una città consolidano un nome,
ma più ancora è apprezzata una donna irreprensibile.
20Vino e musica rallegrano il cuore,
ma più ancora l'amore della sapienza.
21Il flauto e l'arpa rendono piacevole il canto,
ma più ancora una voce soave.
22L'occhio desidera grazia e bellezza,
ma più ancora il verde dei campi.
23Il compagno e l'amico s'incontrano a tempo opportuno,
ma più ancora moglie e marito.
24Fratelli e soccorritori aiutano nella tribolazione,
ma più ancora l'elemosina.
25Oro e argento rendono sicuro il piede,
ma più ancora è stimato un consiglio.
26Ricchezze e potenza sollevano il cuore,
ma più ancora il timore del Signore.
Con il timore del Signore non manca nulla,
con esso non c'è bisogno di cercare un altro aiuto.
27Il timore del Signore è come un giardino di benedizioni
e protegge più di qualsiasi gloria.

Non fare il mendicante

28Figlio, non vivere una vita da mendicante:
è meglio morire piuttosto che mendicare.
29Un uomo che guarda alla tavola altrui
ha una vita che non si può chiamare tale;
si contaminerà con cibi estranei,
l'uomo sapiente ed educato se ne guarderà.
30Il mendicare è dolce nella bocca dello sfrontato,
ma dentro di lui c'è un fuoco che brucia.



> Cerca omelie su questo capitolo

  > Libro: Siracide, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51  
inizio pagina