B I B B I A .net   > Bibbia CEI 2008 > Bibbia CEI 1974 > La Bibbia TILC

Antico Gen Es Lv Nm Dt - Gios Gdc Rut 1Sam 2Sam 1Re 2Re 1Cr 2Cr Esd Nee Tob Gdt Est 1Mac 2Mac
Testam. Gb Sal Prv Qo Cant Sap Sir - Is Ger Lam Bar Ez Dan Os Gioe Am Abd Gion Mich Naum Abac Sof Agg Zacc Mal

NuovoT. Mt Mc Lc Gv - At - Rom 1Cor 2Cor Gal Ef Fil Col 1Ts 2Ts 1Tm 2Tm Tit Flm Ebr - Giac 1Pt 2Pt 1Gv 2Gv 3Gv Gd - Ap

(Versione sperimentale)
Ricerca per citazione:
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     

Ricerca per parola:
cerca all'interno di
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     
 

Siracide
  > Libro: Siracide, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51  

(Testo CEI74)

35
Legge e sacrifici

1Chi osserva la legge moltiplica le offerte;
chi adempie i comandamenti offre un sacrificio di comunione.
2Chi serba riconoscenza offre fior di farina,
chi pratica l'elemosina fa sacrifici di lode.
3Cosa gradita al Signore è astenersi dalla malvagità,
sacrificio espiatorio è astenersi dall'ingiustizia.
4Non presentarti a mani vuote davanti al Signore,
tutto questo è richiesto dai comandamenti.
5L'offerta del giusto arricchisce l'altare,
il suo profumo sale davanti all'Altissimo.
6Il sacrificio dell'uomo giusto è gradito,
il suo memoriale non sarà dimenticato.
7Glorifica il Signore con animo generoso,
non essere avaro nelle primizie che offri.
8In ogni offerta mostra lieto il tuo volto,
consacra con gioia la decima.
9Dà all'Altissimo in base al dono da lui ricevuto,
dà di buon animo secondo la tua possibilità,
10perché il Signore è uno che ripaga,
e sette volte ti restituirà.

La giustizia divina

11Non cercare di corromperlo con doni, non accetterà,
non confidare su una vittima ingiusta,
12perché il Signore è giudice
e non v'è presso di lui preferenza di persone.
13Non è parziale con nessuno contro il povero,
anzi ascolta proprio la preghiera dell'oppresso.
14Non trascura la supplica dell'orfano
né la vedova, quando si sfoga nel lamento.
15Le lacrime della vedova non scendono forse sulle sue guance
e il suo grido non si alza contro chi gliele fa versare?
16Chi venera Dio sarà accolto con benevolenza,
la sua preghiera giungerà fino alle nubi.
17La preghiera dell'umile penetra le nubi,
finché non sia arrivata, non si contenta;
18non desiste finché l'Altissimo non sia intervenuto,
rendendo soddisfazione ai giusti e ristabilendo l'equità.
19Il Signore non tarderà
e non si mostrerà indulgente sul loro conto,
20finché non abbia spezzato le reni agli spietati
e si sia vendicato delle nazioni;
21finché non abbia estirpato la moltitudine dei violenti
e frantumato lo scettro degli ingiusti;
22finché non abbia reso a ognuno secondo le sue azioni
e vagliato le opere degli uomini secondo le loro intenzioni;
23finché non abbia fatto giustizia al suo popolo
e non lo abbia allietato con la sua misericordia.
24Bella è la misericordia al tempo dell'afflizione,
come le nubi apportatrici di pioggia in tempo di siccità.

(Testo TILC)

35
Il vero culto e l'osservanza della legge

1Chi è coerente con la legge
è come chi presenta a Dio molte offerte.
2Chi rispetta i comandamenti
è come chi offre un sacrificio di
comunione.
3Chi è riconoscente
è come chi presenta a Dio fior di farina.
4Chi è solidale con i poveri
è come chi offre a Dio sacrifici di lode.
5Al Signore piace chi sta lontano dal male
e chi evita di fare ingiustizie
è come chi presenta un sacrificio per
essere perdonato.
6Tuttavia non andare al tempio a mani
vuote,
7dato che il Signore ha comandato
diversamente.
8Quando il giusto offre carni grasse
sull'altare,
il loro profumo sale fino all'Altissimo;
9perché l'offerta del giusto piace al Signore
ed egli non la dimenticherà mai.
10Loda il Signore con generosità
e offri senza avarizia i primi frutti del tuo
lavoro.
11Non dare a Dio i tuoi doni a malincuore
e offrigli con gioia le tue decime.
12Sii generoso con l'Altissimo perché è stato
generoso con te,
fagli i tuoi doni secondo le tue possibilità,
13perché il Signore ti ricompenserà
molte volte di più.

C'è un Dio per gli emarginati

14Non cercare di corrompere Dio con i tuoi
doni, perché non accetterà,
15e se gli offri quel che hai rubato, non
crederti al sicuro
perché il Signore e giudice
e non guarda in faccia a nessuno,
nemmeno ai potenti;
16Dio non fa preferenze a danno del povero,
anzi ascolta la preghiera di chi e trattato
ingiustamente.
17Egli fa attenzione all'orfano che lo invoca
e alla vedova che si sfoga nel pianto.
18Sì, le lacrime le rigano il volto
19ma il suo grido va contro chi la tratta
male.
20Se aiuti il tuo vicino, Dio ti accoglie
volentieri
e la tua invocazione arriva fino al cielo.
21Anche la preghiera di un povero va oltre
le nuvole,
si ferma solo quando arriva fino a Dio
e continua ad agire finché l'Altissimo non
interviene,
22amettendosi dalla parte dei poveri e
facendo giustizia.

Preghiera per il popolo oppresso
22be non è indulgente verso chi opprime il
suo popolo,
egli spazzerà via la forza di chi è senza
cuore.

23Il suo castigo si abbatterà sulle nazioni,
fino a quando avrà tolto di mezzo gli
orgogliosi
e tutti quelli che comandano
ingiustamente,
24fino a quando avrà trattato gli uomini
come si meritano,
e giudicato le loro opere secondo le loro
intenzioni
25e fino a quando avrà rivendicato i diritti
del suo popolo,
e l'avrà rallegrato con il suo amore.
26Sì, la misericordia di Dio consola chi è
oppresso,
come una nube porta la pioggia dopo la
siccità.

(Testo CEI2008)

35
Che cosa è gradito a Dio

1 Chi osserva la legge vale quanto molte offerte;
2chi adempie i comandamenti offre un sacrificio che salva.
3Chi ricambia un favore offre fior di farina,
4chi pratica l'elemosina fa sacrifici di lode.
5Cosa gradita al Signore è tenersi lontano dalla malvagità,
sacrificio di espiazione è tenersi lontano dall'ingiustizia.
6Non presentarti a mani vuote davanti al Signore,
7perché tutto questo è comandato.
8L'offerta del giusto arricchisce l'altare,
il suo profumo sale davanti all'Altissimo.
9Il sacrificio dell'uomo giusto è gradito,
il suo ricordo non sarà dimenticato.
10Glorifica il Signore con occhio contento,
non essere avaro nelle primizie delle tue mani.
11In ogni offerta mostra lieto il tuo volto,
con gioia consacra la tua decima.
12Da' all'Altissimo secondo il dono da lui ricevuto,
e con occhio contento, secondo la tua possibilità,
13perché il Signore è uno che ripaga
e ti restituirà sette volte tanto.

La preghiera dell'orfano, della vedova e del povero

14Non corromperlo con doni, perché non li accetterà,
15e non confidare in un sacrificio ingiusto,
perché il Signore è giudice
e per lui non c'è preferenza di persone.
16Non è parziale a danno del povero
e ascolta la preghiera dell'oppresso.
17Non trascura la supplica dell'orfano,
né la vedova, quando si sfoga nel lamento.
18Le lacrime della vedova non scendono forse sulle sue guance
19e il suo grido non si alza contro chi gliele fa versare?
20Chi la soccorre è accolto con benevolenza,
la sua preghiera arriva fino alle nubi.
21La preghiera del povero attraversa le nubi
né si quieta finché non sia arrivata;
non desiste finché l'Altissimo non sia intervenuto
22e abbia reso soddisfazione ai giusti e ristabilito l'equità.
Il Signore certo non tarderà
né si mostrerà paziente verso di loro,
finché non abbia spezzato le reni agli spietati
23e si sia vendicato delle nazioni,
finché non abbia estirpato la moltitudine dei violenti
e frantumato lo scettro degli ingiusti,
24finché non abbia reso a ciascuno secondo il suo modo di agire
e giudicato le opere degli uomini secondo le loro intenzioni,
25finché non abbia fatto giustizia al suo popolo
e lo abbia allietato con la sua misericordia.
26Splendida è la misericordia nel momento della tribolazione,
come le nubi apportatrici di pioggia nel tempo della siccità.



> Cerca omelie su questo capitolo

  > Libro: Siracide, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51  
inizio pagina