B I B B I A .net   > Bibbia CEI 2008 > Bibbia CEI 1974 > La Bibbia TILC

Antico Gen Es Lv Nm Dt - Gios Gdc Rut 1Sam 2Sam 1Re 2Re 1Cr 2Cr Esd Nee Tob Gdt Est 1Mac 2Mac
Testam. Gb Sal Prv Qo Cant Sap Sir - Is Ger Lam Bar Ez Dan Os Gioe Am Abd Gion Mich Naum Abac Sof Agg Zacc Mal

NuovoT. Mt Mc Lc Gv - At - Rom 1Cor 2Cor Gal Ef Fil Col 1Ts 2Ts 1Tm 2Tm Tit Flm Ebr - Giac 1Pt 2Pt 1Gv 2Gv 3Gv Gd - Ap

(Versione sperimentale)
Ricerca per citazione:
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     

Ricerca per parola:
cerca all'interno di
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     
 

Siracide
  > Libro: Siracide, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51  

(Testo CEI74)

32
I banchetti

1Ti hanno fatto capotavola? Non esaltarti;
comportati con gli altri come uno di loro.
Pensa a loro e poi mettiti a tavola;
2quando avrai assolto il tuo compito, accòmodati
per ricrearti con loro
e ricevere la corona per la tua cortesia.
3Parla, o anziano, ciò ti s'addice,
ma con discrezione e non disturbare la musica.
4Quando ascolti non effonderti in chiacchiere,
non fare fuori luogo il sapiente.
5Sigillo di rubino in un anello d'oro
è un concerto musicale in un banchetto.
6Sigillo di smeraldo in una guarnizione d'oro
è la melodia dei canti unita alla dolcezza del vino.
7Parla, giovinetto, se è necessario,
ma appena un paio di volte, se interrogato.
8Compendia il tuo discorso, molte cose in poche parole;
compòrtati come uno che sa ma che tace.
9Fra i grandi non crederti loro uguale,
se un altro parla, non ciarlare troppo.
10Prima del tuono viene la folgore,
la grazia precede l'uomo modesto.
11All'ora stabilita àlzati e non restare per ultimo,
corri a casa e non indugiare.
12Là divèrtiti e fà quello che desideri,
ma non peccare con un discorso arrogante.
13Per tutto ciò benedici chi ti ha creato,
chi ti colma dei suoi benefici.

Il timore di Dio

14Chi teme il Signore accetterà la correzione,
coloro che lo ricercano troveranno il suo favore.
15Chi indaga la legge ne sarà appagato,
ma l'ipocrita vi troverà motivo di scandalo.
16Quanti temono il Signore troveranno la giustizia,
le loro virtù brilleranno come luci.
17Un uomo peccatore schiva il rimprovero,
trova scuse secondo i suoi capricci.
18Un uomo assennato non trascura l'avvertimento,
quello empio e superbo non prova alcun timore.
19Non far nulla senza riflessione,
alla fine dell'azione non te ne pentirai.
20Non camminare in una via piena d'ostacoli,
per non inciampare contro i sassi.
21Non fidarti di una via senza inciampi,
22e guàrdati anche dai tuoi figli.
23In ogni azione abbi fiducia in te stesso,
poiché anche questo è osservare i comandamenti.
24Chi crede alla legge è attento ai comandamenti,
chi confida nel Signore non resterà deluso.

(Testo TILC)

32
Ancora sui banchetti

1Se sei capotavola non darti delle arie
e comportati come tutti gli altri:
prima preoccupati di loro e poi siedi pure.
2Quando hai compiuto il tuo dovere puoi
accomodarti
per far festa con loro
e ricevere una corona come premio per
quel che hai fatto.

3Prendi la parola, tu che sei anziano,
perché spetta a te,
di' esattamente quel che pensi, senza
disturbare musiche e canti;
4durante queste esecuzioni non perderti in
chiacchiere
e non mettere in mostra quel che sai
perché non è il momento.
5La musica durante un banchetto
è come un rubino su un anello d'oro;
6e un canto armonioso unito alla dolcezza
del vino
è come uno smeraldo incastonato su un
gioiello.

7Prendi la parola anche tu che sei giovane,
se devi dire qualcosa,
parla non più di due volte, ma solo se sei
interrogato;
8parla per sommi capi, di' molte cose in
poche parole,
fa' come chi è competente e non sprecare
parole per niente.
9Quando ti trovi con uomini importanti
non metterti al loro livello,
e non chiacchierare quando altri parlano.
10Come il lampo precede il tuono,
così la stima fa strada all'uomo modesto.
11Quando è il momento, alzati e non tirare
per le lunghe,
corri a casa senza indugiare:
12qui puoi divertirti e fare quel che ti piace,
ma non fino a peccare con parole
arroganti.
13Poi ringrazia Dio che ti ha creato
perché è lui che ti colma con tutti i suoi
doni.

Il tuo rapporto con Dio e la sua legge

14Chi si affida al Signore accetta di essere
educato da lui
e chi lo cerca fin dall'aurora è a lui
gradito.
15Se uno si dedica alla legge vi troverà
soddisfazione,
ma se non è sincero troverà in essa solo
inciampo.
16Quelli che amano il Signore scopriranno
ciò che è giusto
e il loro impegno per la giustizia splenderà
come il sole;
17al contrario, il malvagio non accetta
critiche
e trova sempre scuse per fare i suoi
comodi.
18Chi vuol dare buoni consigli non trascura
la riflessione,
invece l'empio, che è pieno di se stesso,
non ha paura di sbagliare.
19Ma tu non far niente senza pensarci prima
e alla fine non te ne pentirai
20Non metterti su una strada piena di
ostacoli,
se non vuoi inciampare nei sassi;
21ma non fidarti nemmeno di una strada
troppo comoda.
22e sta' attento a dove metti i piedi
23In tutto quel che fai, sii coerente con te
stesso,
perché la legge di Dio comanda anche
questo.
24Per essere fedele alla legge, bisogna
osservare i comandamenti
e chi si fida del Signore non ha nulla da
temere;

(Testo CEI2008)

32
Come comportarsi nei banchetti

1 Se ti hanno fatto capotavola, non esaltarti.
Compòrtati con gli altri come uno di loro.
Pensa a loro e poi mettiti a tavola;
2quando avrai compiuto il tuo dovere,
accòmodati per far festa con loro
e ricevere complimenti per le tue buone maniere.
3Parla, o anziano, poiché ti si addice,
ma con saggezza, e non disturbare la musica.
4Quando c'è un'esecuzione non effonderti in chiacchiere,
e non fare il sapiente fuori tempo.
5Sigillo di rubino su ornamento d'oro
è un concerto musicale in un banchetto.
6Sigillo di smeraldo in una guarnizione d'oro
è la melodia dei canti unita alla dolcezza del vino.
7Parla, o giovane, se c'è bisogno di te,
non più di due volte se sei interrogato.
8Compendia il tuo discorso, molte cose in poche parole;
compòrtati come uno che sa e che tace a un tempo.
9Fra i grandi non mostrarti presuntuoso,
e dove vi sono anziani, non ciarlare troppo.
10Prima del tuono viene la folgore,
prima dell'uomo modesto viene la grazia.
11All'ora stabilita àlzati e non restare per ultimo,
corri a casa e non indugiare.
12Là divèrtiti e fa' quello che ti piace,
ma non peccare con parole arroganti.
13Per tutto ciò benedici chi ti ha creato,
chi ti colma dei suoi benefici.

Il timore di Dio e la fedeltà alla legge

14Chi teme il Signore ne accetta l'istruzione,
chi lo ricerca di buon mattino trova il suo favore.
15Chi scruta la legge viene appagato,
ma l'ipocrita vi trova motivo di scandalo.
16Quelli che temono il Signore sanno giudicare,
i loro giudizi brillano come luce.
17Il peccatore non accetta critiche
e trova scuse a suo piacere.

18Chi è saggio non trascura la riflessione,
l'empio e il superbo non provano alcun timore.
19Non fare nulla senza consiglio,
non ti pentirai di averlo fatto.
20Non camminare in una via piena di ostacoli
e non inciamperai in luoghi pietrosi.
21Non fidarti di una via senza inciampi,
22guàrdati anche dai tuoi figli.
23In tutto ciò che fai abbi fiducia in te stesso,
perché anche questo è osservare i comandamenti.
24Chi crede alla legge è attento ai comandamenti,
chi confida nel Signore non subirà alcun danno.



> Cerca omelie su questo capitolo

  > Libro: Siracide, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51  
inizio pagina