B I B B I A .net   > Bibbia CEI 2008 > Bibbia CEI 1974 > La Bibbia TILC

Antico Gen Es Lv Nm Dt - Gios Gdc Rut 1Sam 2Sam 1Re 2Re 1Cr 2Cr Esd Nee Tob Gdt Est 1Mac 2Mac
Testam. Gb Sal Prv Qo Cant Sap Sir - Is Ger Lam Bar Ez Dan Os Gioe Am Abd Gion Mich Naum Abac Sof Agg Zacc Mal

NuovoT. Mt Mc Lc Gv - At - Rom 1Cor 2Cor Gal Ef Fil Col 1Ts 2Ts 1Tm 2Tm Tit Flm Ebr - Giac 1Pt 2Pt 1Gv 2Gv 3Gv Gd - Ap

(Versione sperimentale)
Ricerca per citazione:
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     

Ricerca per parola:
cerca all'interno di
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     
 
Siracide
  > Libro: Siracide, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51  

(Testo CEI74)

19
1Un operaio ubriacone non arricchirà;
chi disprezza il poco cadrà presto.
2Vino e donne traviano anche i saggi,
ancor più temerario è chi frequenta prostitute.
3Tarli e vermi lo erediteranno,
il temerario sarà eliminato.

Contro le chiacchiere

4Chi si fida con troppa facilità è di animo leggero,
chi pecca danneggia se stesso.
5Chi si compiace del male sarà condannato;
6chi odia la loquacità sfugge al male.
7Non riferire mai una diceria
e non ne avrai alcun danno;
8non parlarne né all'amico né al nemico,
e se puoi farlo senza colpa, non svelar nulla.
9Altrimenti chi ti ascolta diffiderà di te
e all'occasione ti avrà in odio.
10Hai udito una parola? Muoia con te!
Stà sicuro, non ti farà scoppiare.
11Per una parola lo stolto ha i dolori,
come la partoriente per un bambino.
12Una freccia confitta nella carne della coscia:
tale una parola in seno allo stolto.

Verificare le dicerie

13Interroga l'amico: forse non ha fatto nulla,
e se qualcosa ha fatto, perché non continui più.
14Interroga il prossimo: forse non ha detto nulla,
e se qualcosa ha detto, perché non lo ripeta.
15Interroga l'amico, perché spesso si tratta di calunnia;
non credere a ogni parola.
16C'è chi sdrucciola, ma non di proposito;
e chi non ha peccato con la sua lingua?
17Interroga il tuo prossimo, prima di minacciarlo;
fà intervenire la legge dell'Altissimo.

Vera e falsa sapienza

18Tutta la sapienza è timore di Dio
e in ogni sapienza è la pratica della legge.
19Non c'è sapienza nella conoscenza del male;
non è mai prudenza il consiglio dei peccatori.
20V'è un'abilità che è abominevole,
c'è uno stolto cui manca solo la saggezza.
21Meglio uno di scarsa intelligenza ma timorato,
che uno molto intelligente ma trasgressore della legge.
22Esiste un'abilità scaltra, ma ingiusta;
c'è chi intriga per prevalere in giudizio.
23C'è il malvagio curvo nella sua tristezza,
ma il suo intimo è pieno di inganno;
24abbassa il volto e finge di essere sordo,
ma, quando non è osservato, avrà il sopravvento.
25E se per mancanza di forza gli è impedito di peccare,
all'occasione propizia farà del male.
26Dall'aspetto si conosce l'uomo;
dal volto si conosce l'uomo di senno.
27Il vestito di un uomo, la bocca sorridente
e la sua andatura rivelano quello che è.

(Testo TILC)

19

1L'operaio ubriacone non diventerà
mai ricco
e chi spreca il poco che ha finirà male
senza accorgersi.
2Il vino e le donne sono la rovina anche
degli uomini saggi,
e chi va con una prostituta corre un
rischio anche maggiore:
3il suo destino sono i vermi e la
distruzione,
perché quanto più è smodato, tanto più
si rovina.

Non chiacchierare troppo

4Chi crede subito a tutto è una testa
vuota,
e chi pecca fa torto a se stesso.
5Chi prende gusto al male verrà
condannato.
6Chi evita le chiacchiere fugge il male.
7Non riferire ad altri quello che hai
sentito
e non avrai niente da perdere.
8Non raccontarlo né all'amico né al
nemico,
a meno che il silenzio non ti renda
complice del male.
9Qualcuno potrebbe ascoltarti e non
fidarsi più di te
arrivando perfino a mostrarti il suo
disprezzo.
10Hai sentito una cosa? Seppelliscila
dentro di te;
stai tranquillo che non ti farà
scoppiare.
11Soltanto lo stupido sta male quando
non può parlare,
sembra una donna che deve partorire.
12Lo stupido che ha dentro un segreto
lo sente come una freccia piantata in
una coscia.

Diffida delle chiacchiere

13Va' a parlare con il tuo amico,
forse non ha fatto quel che dicono di
lui
e, se l'ha fatto, potrebbe anche
correggersi.
14 Parla anche con gli altri,
forse non hanno detto quello che pensi,
e, se l'hanno detto, non lo ripeteranno
più.
15Interroga il tuo amico, perché spesso si
tratta di calunnie:
quindi non credere a tutto quello che si
dice.
16Anche senza volerlo, ci si può
sbagliare;
e chi non ha mai sbagliato con la sua
lingua?
17Parla con il tuo prossimo, prima di
minacciarlo,
e lascia che la legge dell'Altissimo segua
il suo corso.

Gli imbroglioni

20Ogni sapienza consiste nel riconoscere il
Signore
e c'è sapienza solo nel fare ciò che dice
la legge.
22Conoscere il male non fa parte della
sapienza,
la saggezza non trova posto nelle
decisioni dei peccatori.
23Uno che non ha la sapienza è un
disgraziato,
e se cerca di fare l'astuto si copre di
vergogna.
24 Un uomo poco intelligente che ama il
Signore
è meglio di un astuto che trasgredisce la
legge.
25Questi infatti userà la sua abilità
minuziosa per fare cose ingiuste,
magari camuffandosi per apparire
onesto.
26Per imbrogliarti, può sembrar distrutto
dal dolore,
mentre dentro è pieno di inganno.
27Può nascondere la faccia e fare la gatta
morta,
per colpirti di sorpresa quando nessuno
lo vede.
28Si trattiene finché gli mancano le forze,
ma appena gli capita l'occasione farà il
male.
29L'uomo si riconosce dal suo aspetto,
basta la sua faccia a dirti se uno ha
buon senso.
30Il modo di vestirsi, il sorriso
e tutto il suo modo di fare lo rivelano
per quello che è.

(Testo CEI2008)

19
Contro l'ubriachezza

1 Un operaio ubriacone non arricchirà,
chi disprezza le piccole cose cadrà a poco a poco.
2Vino e donne fanno deviare anche i saggi,
ancora più temerario è chi frequenta prostitute.
3Putredine e vermi saranno la sua sorte,
chi è temerario sarà eliminato.

Prudenza nel parlare

4Chi si fida troppo presto, è di animo leggero,
chi pecca, danneggia se stesso.
5Chi si compiace del male, sarà condannato;
chi resiste ai piaceri, corona la propria vita.
6Chi domina la lingua, vivrà senza liti;
chi odia la loquacità, riduce i guai.
7Non ripetere mai la parola udita
e non ne avrai alcun danno.
8Non parlare né riguardo all'amico né riguardo al nemico,
e se puoi farlo senza colpa, non svelare nulla,
9poiché chi ti ascolta si guarderà da te
e all'occasione ti detesterà.
10Hai udito una parola? Muoia con te!
Sta' sicuro, non ti farà scoppiare.
11Per una parola va in doglie lo stolto,
come la partoriente per un bambino.
12Una freccia conficcata nella coscia:
tale una parola in seno allo stolto.

Saper discernere prima di parlare

13Chiedi conto all'amico: forse non ha fatto nulla,
e se ha fatto qualcosa, perché non continui più.
14Chiedi conto al prossimo: forse non ha detto nulla,
e se ha detto qualcosa, perché non lo ripeta.
15Chiedi conto all'amico, perché spesso si tratta di calunnia;
non credere a ogni parola.
16C'è chi scivola, ma non di proposito;
e chi non ha peccato con la sua lingua?
17Chiedi conto al tuo prossimo, prima di minacciarlo;
da' corso alla legge dell'Altissimo.
18Il timore del Signore è il principio dell'accoglienza,
la sapienza procura l'amore presso di lui.
19La conoscenza dei comandamenti del Signore è educazione alla vita,
chi fa ciò che gli è gradito raccoglie i frutti dell'albero dell'immortalità.

Vera e falsa sapienza

20Ogni sapienza è timore del Signore
e in ogni sapienza c'è la pratica della legge
e la conoscenza della sua onnipotenza.
21Il servo che dice al padrone: «Non farò ciò che ti piace»,
anche se dopo lo fa, irrita colui che gli dà da mangiare.
22Non c'è sapienza nella conoscenza del male,
non è mai prudenza il consiglio dei peccatori.
23C'è un'astuzia che è abominevole,
c'è uno stolto cui manca la saggezza.
24Meglio uno di scarsa intelligenza ma timorato,
che uno molto intelligente ma trasgressore della legge.
25C'è un'astuzia fatta di cavilli, ma ingiusta,
c'è chi intriga per prevalere in tribunale,
ma il saggio è giusto quando giudica.
26C'è il malvagio curvo nella sua tristezza,
ma il suo intimo è pieno d'inganno;
27abbassa il volto e finge di essere sordo,
ma, quando non è osservato, avrà il sopravvento su di te.
28E se per mancanza di forza gli è impedito di peccare,
all'occasione propizia farà del male.
29Dall'aspetto si conosce l'uomo
e chi è assennato da come si presenta.
30Il vestito di un uomo, la bocca sorridente
e la sua andatura rivelano quello che è.



> Cerca omelie su questo capitolo

  > Libro: Siracide, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51  
inizio pagina