B I B B I A .net   > Bibbia CEI 2008 > Bibbia CEI 1974 > La Bibbia TILC

Antico Gen Es Lv Nm Dt - Gios Gdc Rut 1Sam 2Sam 1Re 2Re 1Cr 2Cr Esd Nee Tob Gdt Est 1Mac 2Mac
Testam. Gb Sal Prv Qo Cant Sap Sir - Is Ger Lam Bar Ez Dan Os Gioe Am Abd Gion Mich Naum Abac Sof Agg Zacc Mal

NuovoT. Mt Mc Lc Gv - At - Rom 1Cor 2Cor Gal Ef Fil Col 1Ts 2Ts 1Tm 2Tm Tit Flm Ebr - Giac 1Pt 2Pt 1Gv 2Gv 3Gv Gd - Ap

(Versione sperimentale)
Ricerca per citazione:
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     

Ricerca per parola:
cerca all'interno di
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     
 
Sapienza
  > Libro: Sapienza, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19  

(Testo CEI74)

3
Confronto tra la sorte dei giusti e quella degli empi

1Le anime dei giusti, invece, sono nelle mani di Dio,
nessun tormento le toccherà.
2Agli occhi degli stolti parve che morissero;
la loro fine fu ritenuta una sciagura,
3la loro partenza da noi una rovina,
ma essi sono nella pace.
4Anche se agli occhi degli uomini subiscono castighi,
la loro speranza è piena di immortalità.
5Per una breve pena riceveranno grandi benefici,
perché Dio li ha provati
e li ha trovati degni di sé:
6li ha saggiati come oro nel crogiuolo
e li ha graditi come un olocausto.
7Nel giorno del loro giudizio risplenderanno;
come scintille nella stoppia, correranno qua e là.
8Governeranno le nazioni, avranno potere sui popoli
e il Signore regnerà per sempre su di loro.
9Quanti confidano in lui comprenderanno la verità;
coloro che gli sono fedeli
vivranno presso di lui nell'amore,
perché grazia e misericordia
sono riservate ai suoi eletti.
10Ma gli empi per i loro pensieri riceveranno il castigo,
essi che han disprezzato il giusto
e si son ribellati al Signore.
11Chi disprezza la sapienza e la disciplina è infelice.
Vana la loro speranza e le loro fatiche senza frutto,
inutili le opere loro.
12Le loro mogli sono insensate,
cattivi i loro figli,
maledetta la loro progenie.

E' meglio la sterilità che una posterità empia

13Beata la sterile non contaminata,
la quale non ha conosciuto un letto peccaminoso;
avrà il suo frutto alla rassegna delle anime.
14Anche l'eunuco, la cui mano non ha commesso iniquità
e che non ha pensato cose malvage contro il Signore,
riceverà una grazia speciale per la sua fedeltà,
una parte più desiderabile nel tempio del Signore;
15poiché il frutto delle opere buone è glorioso
e imperitura la radice della saggezza.
16I figli di adulteri non giungeranno a maturità;
la discendenza di un'unione illegittima sarà sterminata.
17Anche se avranno lunga vita, non saran contati per niente,
e, infine, la loro vecchiaia sarà senza onore.
18Se poi moriranno presto, non avranno speranza
né consolazione nel giorno del giudizio,
19poiché di una stirpe iniqua è terribile il destino.

(Testo TILC)

3
I giusti possono sperare nella vita

1Le anime dei giusti sono al sicuro
nelle mani di Dio,
nessun tormento li colpirà.
2Agli occhi degli stolti la loro morte parve
uno sfacelo,
la loro scomparsa la fine di tutto,
3il loro allontanarsi da noi un disastro,
ma essi sono nella pace.
4A molti sembravano castigati da Dio,
mentre essi sperano in una vita senza fine.
5Dio li ha corretti solo con mano leggera
per dar loro una grande ricompensa.
Dio li ha messi alla prova
e li ha trovati degni di vivere con lui.
6Li ha purificati dalle scorie, come si fa
con l'oro,
e li ha accolti come un sacrificio.
7Quando interverrà in loro favore, essi
brilleranno,
saranno come le fiamme che bruciano
tutto un pagliaio.
8Il Signore sarà loro re per sempre
ed essi potranno giudicare i popoli
e comandare su di loro.
9Chi ha fiducia nel Signore, capirà i suoi
progetti
e chi gli è fedele nell'amore vivrà unito a
lui.
Perché Dio riempie di amore quelli che lo
amano
e interviene in favore di quelli che si è
scelti.

La speranza dei cattivi non ha fondamento

10I cattivi riceveranno il castigo che si
meritano,
perché non hanno avuto a cuore la
giustizia
e hanno voltato le spalle al Signore.
11Chi disprezza la Sapienza e i suoi consigli
è un infelice,
la sua speranza non ha fondamento,
i suoi sforzi sono inutili
e tutto quel che fa non ha senso.
12Anche sua moglie prende una strada
sbagliata;
i loro figli continueranno a fare il male
e tutta la loro discendenza sarà maledetta.

L'onestà conta più dei figli

13La donna che non ha tradito il marito,
può essere felice anche se non ha figli
e avrà una ricompensa nel giorno del
giudizio.
14L'uomo che non ha fatto il male
e non ha pensato cose malvagie contro il
Signore,
sarà felice anche se non ha figli.
Per la sua fedeltà riceverà un dono
stupendo,
avrà un posto privilegiato nella casa del
Signore.
15Infatti un impegno generoso ha come
frutto la gloria
e ha radici profonde perché è suggerito
dalla sapienza.
16Invece i figli di un adultero non avranno
fortuna
e quelli nati da un'unione illegittima
finiranno male.
17Se vivranno a lungo non saranno
apprezzati,
nemmeno da vecchi riceveranno segni di
stima.
18Se moriranno presto, non ci sarà speranza
per loro.
19Per la gente cattiva c'è solo una fine
infelice.

(Testo CEI2008)

3
La sorte dei giusti

1 Le anime dei giusti, invece, sono nelle mani di Dio,
nessun tormento li toccherà.
2Agli occhi degli stolti parve che morissero,
la loro fine fu ritenuta una sciagura,
3la loro partenza da noi una rovina,
ma essi sono nella pace.
4Anche se agli occhi degli uomini subiscono castighi,
la loro speranza resta piena d'immortalità.
5In cambio di una breve pena riceveranno grandi benefici,
perché Dio li ha provati e li ha trovati degni di sé;
6li ha saggiati come oro nel crogiuolo
e li ha graditi come l'offerta di un olocausto.
7Nel giorno del loro giudizio risplenderanno,
come scintille nella stoppia correranno qua e là.
8Governeranno le nazioni, avranno potere sui popoli
e il Signore regnerà per sempre su di loro.
9Coloro che confidano in lui comprenderanno la verità,
i fedeli nell'amore rimarranno presso di lui,
perché grazia e misericordia sono per i suoi eletti.

La sorte degli empi

10Ma gli empi riceveranno una pena conforme ai loro pensieri;
non hanno avuto cura del giusto e si sono allontanati dal Signore.
11Infatti è infelice chi disprezza la sapienza e l'educazione.
Vana è la loro speranza e le loro fatiche inutili,
le loro opere sono senza frutto.
12Le loro mogli sono insensate,
cattivi i loro figli,
maledetta la loro progenie.

La sterilità dei giusti e la fecondità degli empi

13Felice invece è la sterile incorrotta,
che non ha conosciuto unione peccaminosa:
avrà il frutto quando le anime saranno visitate.
14E felice l'eunuco la cui mano non ha fatto nulla d'ingiusto
e non ha pensato male del Signore:
riceverà una ricompensa privilegiata per la sua fedeltà,
una sorte più ambita nel tempio del Signore.
15Poiché glorioso è il frutto delle opere buone
e la radice della saggezza non conosce imperfezioni.
16I figli degli adulteri non giungeranno a maturità,
il seme di un'unione illegittima scomparirà.
17Anche se avranno lunga vita, non saranno tenuti in alcun conto,
e, infine, la loro vecchiaia sarà senza onore.
18Se poi moriranno presto, non avranno speranza
né conforto nel giorno del giudizio,
19poiché dura è la fine di una generazione ingiusta.



> Cerca omelie su questo capitolo

  > Libro: Sapienza, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19  
inizio pagina