B I B B I A .net   > Bibbia CEI 2008 > Bibbia CEI 1974 > La Bibbia TILC

Antico Gen Es Lv Nm Dt - Gios Gdc Rut 1Sam 2Sam 1Re 2Re 1Cr 2Cr Esd Nee Tob Gdt Est 1Mac 2Mac
Testam. Gb Sal Prv Qo Cant Sap Sir - Is Ger Lam Bar Ez Dan Os Gioe Am Abd Gion Mich Naum Abac Sof Agg Zacc Mal

NuovoT. Mt Mc Lc Gv - At - Rom 1Cor 2Cor Gal Ef Fil Col 1Ts 2Ts 1Tm 2Tm Tit Flm Ebr - Giac 1Pt 2Pt 1Gv 2Gv 3Gv Gd - Ap

(Versione sperimentale)
Ricerca per citazione:
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     

Ricerca per parola:
cerca all'interno di
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     
 

Salmi
  > Libro: Salmi, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150  

(Testo CEI74)

88
Preghiera dal profondo dell'angoscia

1Canto. Salmo. Dei figli di Core.
Al maestro del coro. Su «Macalat».
Per canto. Maskil. Di Eman l'Ezraita.

2Signore, Dio della mia salvezza,
davanti a te grido giorno e notte.
3Giunga fino a te la mia preghiera,
tendi l'orecchio al mio lamento.

4Io sono colmo di sventure,
la mia vita è vicina alla tomba.
5Sono annoverato tra quelli che scendono nella fossa,
sono come un morto ormai privo di forza.
6E' tra i morti il mio giaciglio,
sono come gli uccisi stesi nel sepolcro,
dei quali tu non conservi il ricordo
e che la tua mano ha abbandonato.

7Mi hai gettato nella fossa profonda,
nelle tenebre e nell'ombra di morte.
8Pesa su di me il tuo sdegno
e con tutti i tuoi flutti mi sommergi.

9Hai allontanato da me i miei compagni,
mi hai reso per loro un orrore.
Sono prigioniero senza scampo;
10si consumano i miei occhi nel patire.
Tutto il giorno ti chiamo, Signore,
verso di te protendo le mie mani.

11Compi forse prodigi per i morti?
O sorgono le ombre a darti lode?
12Si celebra forse la tua bontà nel sepolcro,
la tua fedeltà negli inferi?
13Nelle tenebre si conoscono forse i tuoi prodigi,
la tua giustizia nel paese dell'oblio?

14Ma io a te, Signore, grido aiuto,
e al mattino giunge a te la mia preghiera.
15Perché, Signore, mi respingi,
perché mi nascondi il tuo volto?
16Sono infelice e morente dall'infanzia,
sono sfinito, oppresso dai tuoi terrori.
17Sopra di me è passata la tua ira,
i tuoi spaventi mi hanno annientato,
18mi circondano come acqua tutto il giorno,
tutti insieme mi avvolgono.
19Hai allontanato da me amici e conoscenti,
mi sono compagne solo le tenebre.

(Testo TILC)

88
(87) Lamento di un disperato

1Canto. Salmo dei figli di Core. Per il direttore del coro.
Su tonalità malinconica. Da cantare.
Poema cantato di Eman l'Ezraìta.

2 Signore, mio Dio, mio Salvatore,
io grido a te giorno e notte.
3 Giunga fino a te la mia preghiera,
non chiudere l'orecchio al mio pianto.

4Sono sazio di sventure,
la mia vita è sull'orlo della morte.
5Mi considerano finito,
un uomo ormai senza forze.
6 Sono abbandonato fra i morti,
come gli uccisi gettati in una fossa,
dimenticati da te, per sempre,
lontani dalla tua mano potente.

7Mi hai buttato nella caverna più fonda,
nelle tenebre degli abissi.
8 Pesa su di me la tua collera,
le tue onde mi sommergono.
9 Hai fatto fuggire i miei amici,
ormai faccio loro ribrezzo.
Sono in gabbia: non posso più uscire.
10Nel dolore si spengono i miei occhi.
Tutto il giorno continuo a chiamarti,
tendo verso di te le mie mani.

11Farai forse un miracolo
in favore dei morti?
le loro ombre si alzeranno mai a lodarti?
12 Si parla forse della tua bontà nella tomba,
della tua fedeltà nel mondo dei morti?
13Chi può vedere i tuoi prodigi nella notte
senza fine?
la tua generosità nella terra dell'oblio?

14 Ma io ti chiedo aiuto, Signore,
fin dal mattino giunge a te la mia preghiera.
15Perché mi respingi, Signore?
perché nascondi il tuo volto?
16 Dall'infanzia sono infelice,
segnato dalla morte,
sfinito sotto il peso dei tuoi terrori.
17 Su di me passa il tuo furore,
i tuoi spaventi mi annientano.
18 Come acqua mi sommergono
tutto il giorno,
da ogni parte mi avvolgono.
19 Hai fatto fuggire da me tutti gli amici,
mi fanno compagnia solo le tenebre.

(Testo CEI2008)

88
Preghiera a Dio dal profondo dell'angoscia

1 Canto. Salmo. Dei figli di Core. Al maestro del coro.
Sull'aria di «Macalàt leannòt». Maskil. Di Eman, l'Ezraita.

2 Signore, Dio della mia salvezza,
davanti a te grido giorno e notte.

3 Giunga fino a te la mia preghiera,
tendi l'orecchio alla mia supplica.

4 Io sono sazio di sventure,
la mia vita è sull'orlo degli inferi.

5 Sono annoverato fra quelli che scendono nella fossa,
sono come un uomo ormai senza forze.

6 Sono libero, ma tra i morti,
come gli uccisi stesi nel sepolcro,
dei quali non conservi più il ricordo,
recisi dalla tua mano.

7 Mi hai gettato nella fossa più profonda,
negli abissi tenebrosi.

8 Pesa su di me il tuo furore
e mi opprimi con tutti i tuoi flutti.

9 Hai allontanato da me i miei compagni,
mi hai reso per loro un orrore.
Sono prigioniero senza scampo,

10 si consumano i miei occhi nel patire.
Tutto il giorno ti chiamo, Signore,
verso di te protendo le mie mani.

11 Compi forse prodigi per i morti?
O si alzano le ombre a darti lode?

12 Si narra forse la tua bontà nel sepolcro,
la tua fedeltà nel regno della morte?

13 Si conoscono forse nelle tenebre i tuoi prodigi,
la tua giustizia nella terra dell'oblio?

14 Ma io, Signore, a te grido aiuto
e al mattino viene incontro a te la mia preghiera.

15 Perché, Signore, mi respingi?
Perché mi nascondi il tuo volto?

16 Sin dall'infanzia sono povero e vicino alla morte,
sfinito sotto il peso dei tuoi terrori.

17 Sopra di me è passata la tua collera,
i tuoi spaventi mi hanno annientato,

18 mi circondano come acqua tutto il giorno,
tutti insieme mi avvolgono.

19 Hai allontanato da me amici e conoscenti,
mi fanno compagnia soltanto le tenebre.



> Cerca omelie su questo capitolo

  > Libro: Salmi, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150  
inizio pagina