B I B B I A .net   > Bibbia CEI 2008 > Bibbia CEI 1974 > La Bibbia TILC

Antico Gen Es Lv Nm Dt - Gios Gdc Rut 1Sam 2Sam 1Re 2Re 1Cr 2Cr Esd Nee Tob Gdt Est 1Mac 2Mac
Testam. Gb Sal Prv Qo Cant Sap Sir - Is Ger Lam Bar Ez Dan Os Gioe Am Abd Gion Mich Naum Abac Sof Agg Zacc Mal

NuovoT. Mt Mc Lc Gv - At - Rom 1Cor 2Cor Gal Ef Fil Col 1Ts 2Ts 1Tm 2Tm Tit Flm Ebr - Giac 1Pt 2Pt 1Gv 2Gv 3Gv Gd - Ap

(Versione sperimentale)
Ricerca per citazione:
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     

Ricerca per parola:
cerca all'interno di
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     
 

Salmi
  > Libro: Salmi, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150  

(Testo CEI74)

55
Preghiera del calunniato

1Al maestro del coro. Per strumenti a corda. Maskil.
Di Davide.

2Porgi l'orecchio, Dio, alla mia preghiera,
non respingere la mia supplica;
3dammi ascolto e rispondimi,
mi agito nel mio lamento e sono sconvolto
4al grido del nemico, al clamore dell'empio.

Contro di me riversano sventura,
mi perseguitano con furore.

5Dentro di me freme il mio cuore,
piombano su di me terrori di morte.
6Timore e spavento mi invadono
e lo sgomento mi opprime.

7Dico: «Chi mi darà ali come di colomba,
per volare e trovare riposo?
8Ecco, errando, fuggirei lontano,
abiterei nel deserto.
9Riposerei in un luogo di riparo
dalla furia del vento e dell'uragano».

10Disperdili, Signore,
confondi le loro lingue:
ho visto nella città violenza e contese.
11Giorno e notte si aggirano
sulle sue mura,
12all'interno iniquità, travaglio e insidie
e non cessano nelle sue piazze
sopruso e inganno.
13Se mi avesse insultato un nemico,
l'avrei sopportato;
se fosse insorto contro di me un avversario,
da lui mi sarei nascosto.
14Ma sei tu, mio compagno,
mio amico e confidente;
15ci legava una dolce amicizia,
verso la casa di Dio camminavamo in festa.

16Piombi su di loro la morte,
scendano vivi negli inferi;
perché il male è nelle loro case,
e nel loro cuore.
17Io invoco Dio
e il Signore mi salva.
18Di sera, al mattino, a mezzogiorno mi lamento e sospiro
ed egli ascolta la mia voce;
19mi salva, mi dà pace da coloro che mi combattono:
sono tanti i miei avversari.
20Dio mi ascolta e li umilia,
egli che domina da sempre.

Per essi non c'è conversione
e non temono Dio.
21Ognuno ha steso la mano contro i suoi amici,
ha violato la sua alleanza.
22Più untuosa del burro è la sua bocca,
ma nel cuore ha la guerra;
più fluide dell'olio le sue parole,
ma sono spade sguainate.

23Getta sul Signore il tuo affanno
ed egli ti darà sostegno,
mai permetterà che il giusto vacilli.

24Tu, Dio, li sprofonderai nella tomba
gli uomini sanguinari e fraudolenti:
essi non giungeranno alla metà dei loro giorni.
Ma io, Signore, in te confido.

(Testo TILC)

55
(54) Lamento di un uomo tradito dagli amici

1Per il direttore del coro. Con strumenti a
corda. Poema cantato di Davide.

2O Dio, ascolta la mia preghiera,
non nasconderti quando t'invoco.

3Prestami attenzione e rispondimi:
mi lamento preso da tristi pensieri,
4sono turbato dalle grida dei nemici,
dall'aggressione dei malvagi.
Riversano su di me la loro cattiveria,
mi perseguitano con furore.

5Mi sento scoppiare il cuore,
mi ha afferrato il terrore della morte.
6Sono pieno di paura e timore,
schiacciato dallo spavento.

7Mi son detto: Avessi ali di colomba,
volerei via, andrei a posarmi altrove.
8Fuggirei in un luogo lontano,
passerei la notte nel deserto.
9M'affretterei a trovare un riparo
dal vento impetuoso della tempesta.

10Signore, rendi vani e confusi i loro discorsi.
Ho visto in città discordia e violenza:
11giorno e notte si aggirano sulle sue mura.
In città regnano dolore e miseria;
12il delitto dilaga al suo interno,
oppressione e truffa non lasciano le sue
piazze.

13Non è un mio nemico a insultarmi:
questo potrei sopportarlo.
Non è un mio avversario ad assalirmi:
a lui potrei sfuggire.
14Ma sei tu, uno dei miei compagni,
un conoscente, un amico!

15Stavamo volentieri insieme,
insieme andavamo al tempio del Signore.

16La morte si abbatta su di loro,
scendano giovani nel mondo dei morti,
pieni come sono di cattiveria.

17Io grido a Dio: il Signore mi salverà.
18 A sera, all'alba e a mezzogiorno
io piango e sospiro;
egli ascolta la mia voce.
19Mi ha liberato quando mi assalivano,
quando una folla mi circondava.
20 Dio mi ascolti e li copra di vergogna,
lui che regna da sempre!
Essi non cambieranno mai
mai avranno timor di Dio.

21 Uno di loro alza la mano contro il suo
amico,
non ha rispetto di alcun accordo.
22 A parole è dolce e gentile,
ma in cuor suo prepara la guerra.
I suoi discorsi sembrano lisci come l'olio;
in realtà feriscono come pugnali.
23 Affida il tuo peso al Signore;
egli ti darà aiuto,
mai permetterà che un giusto soccomba!

24 E tu, o Dio, farai sprofondare tra i morti
quegli assassini e imbroglioni.
La loro vita sarà stroncata
ma io avrò fiducia in te.

(Testo CEI2008)

55
Preghiera di un uomo tradito e umiliato

1 Al maestro del coro. Per strumenti a corda. Maskil. Di Davide.

2 Porgi l'orecchio, Dio, alla mia preghiera,
non nasconderti di fronte alla mia supplica.

3 Dammi ascolto e rispondimi;
mi agito ansioso e sono sconvolto
4 dalle grida del nemico, dall'oppressione del malvagio.

Mi rovesciano addosso cattiveria
e con ira mi aggrediscono.

5 Dentro di me si stringe il mio cuore,
piombano su di me terrori di morte.

6 Mi invadono timore e tremore
e mi ricopre lo sgomento.

7 Dico: «Chi mi darà ali come di colomba
per volare e trovare riposo?

8 Ecco, errando, fuggirei lontano,
abiterei nel deserto.

9 In fretta raggiungerei un riparo
dalla furia del vento, dalla bufera».

10 Disperdili, Signore, confondi le loro lingue.
Ho visto nella città violenza e discordia:

11 giorno e notte fanno la ronda sulle sue mura;
in mezzo ad essa cattiveria e dolore,
12 in mezzo ad essa insidia,
e non cessano nelle sue piazze sopruso e inganno.

13 Se mi avesse insultato un nemico,
l'avrei sopportato;
se fosse insorto contro di me un avversario,
da lui mi sarei nascosto.

14 Ma tu, mio compagno,
mio intimo amico,

15 legato a me da dolce confidenza!
Camminavamo concordi verso la casa di Dio.

16 Li sorprenda improvvisa la morte,
scendano vivi negli inferi,
perché il male è nelle loro case e nel loro cuore.

17 Io invoco Dio
e il Signore mi salva.

18 Di sera, al mattino, a mezzogiorno
vivo nell'ansia e sospiro,
ma egli ascolta la mia voce;

19 in pace riscatta la mia vita
da quelli che mi combattono:
sono tanti i miei avversari.

20 Dio ascolterà e li umilierà,
egli che domina da sempre;
essi non cambiano e non temono Dio.

21 Ognuno ha steso la mano contro i suoi amici,
violando i suoi patti.

22 Più untuosa del burro è la sua bocca,
ma nel cuore ha la guerra;
più fluide dell'olio le sue parole,
ma sono pugnali sguainati.

23 Affida al Signore il tuo peso
ed egli ti sosterrà,
mai permetterà che il giusto vacilli.

24 Tu, o Dio, li sprofonderai nella fossa profonda,
questi uomini sanguinari e fraudolenti:
essi non giungeranno alla metà dei loro giorni.
Ma io, Signore, in te confido.



> Cerca omelie su questo capitolo

  > Libro: Salmi, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150  
inizio pagina