B I B B I A .net   > Bibbia CEI 2008 > Bibbia CEI 1974 > La Bibbia TILC

Antico Gen Es Lv Nm Dt - Gios Gdc Rut 1Sam 2Sam 1Re 2Re 1Cr 2Cr Esd Nee Tob Gdt Est 1Mac 2Mac
Testam. Gb Sal Prv Qo Cant Sap Sir - Is Ger Lam Bar Ez Dan Os Gioe Am Abd Gion Mich Naum Abac Sof Agg Zacc Mal

NuovoT. Mt Mc Lc Gv - At - Rom 1Cor 2Cor Gal Ef Fil Col 1Ts 2Ts 1Tm 2Tm Tit Flm Ebr - Giac 1Pt 2Pt 1Gv 2Gv 3Gv Gd - Ap

(Versione sperimentale)
Ricerca per citazione:
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     

Ricerca per parola:
cerca all'interno di
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     
 
Proverbi
  > Libro: Proverbi, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31  

(Testo CEI74)

6
La cauzione data con imprudenza

1Figlio mio, se hai garantito per il tuo prossimo,
se hai dato la tua mano per un estraneo,
2se ti sei legato con le parole delle tue labbra
e ti sei lasciato prendere dalle parole della tua bocca,
3figlio mio, fà così per liberartene:
poiché sei caduto nelle mani del tuo prossimo,
và, gèttati ai suoi piedi, importuna il tuo prossimo;
4non concedere sonno ai tuoi occhi
né riposo alle tue palpebre,
5lìberatene come la gazzella dal laccio,
come un uccello dalle mani del cacciatore.

Il pigro e la formica

6Và dalla formica, o pigro,
guarda le sue abitudini e diventa saggio.
7Essa non ha né capo,
né sorvegliante, né padrone,
8eppure d'estate si provvede il vitto,
al tempo della mietitura accumula il cibo.
9Fino a quando, pigro, te ne starai a dormire?
Quando ti scuoterai dal sonno?
10Un pò dormire, un pò sonnecchiare,
un pò incrociare le braccia per riposare
11e intanto giunge a te la miseria, come un vagabondo,
e l'indigenza, come un mendicante.

Lo stolto

12Il perverso, uomo iniquo,
va con la bocca distorta,
13ammicca con gli occhi, stropiccia i piedi
e fa cenni con le dita.
14Cova propositi malvagi nel cuore,
in ogni tempo suscita liti.
15Per questo improvvisa verrà la sua rovina,
in un attimo crollerà senza rimedio.

I sette abomini

16Sei cose odia il Signore,
anzi sette gli sono in abominio:
17occhi alteri, lingua bugiarda,
mani che versano sangue innocente,
18cuore che trama iniqui progetti,
piedi che corrono rapidi verso il male,
19falso testimone che diffonde menzogne
e chi provoca litigi tra fratelli.

Ripresa del discorso paterno

20Figlio mio, osserva il comando di tuo padre,
non disprezzare l'insegnamento di tua madre.
21Fissali sempre nel tuo cuore,
appendili al collo.
22Quando cammini ti guideranno,
quando riposi veglieranno su di te,
quando ti desti ti parleranno;
23poiché il comando è una lampada
e l'insegnamento una luce
e un sentiero di vita le correzioni della disciplina,
24per preservarti dalla donna altrui,
dalle lusinghe di una straniera.
25Non desiderare in cuor tuo la sua bellezza;
non lasciarti adescare dai suoi sguardi,
26perché, se la prostituta cerca un pezzo di pane,
la maritata mira a una vita preziosa.
27Si può portare il fuoco sul petto
senza bruciarsi le vesti
28o camminare sulla brace
senza scottarsi i piedi?
29Così chi si accosta alla donna altrui,
chi la tocca, non resterà impunito.
30Non si disapprova un ladro, se ruba
per soddisfare l'appetito quando ha fame;
31eppure, se è preso, dovrà restituire sette volte,
consegnare tutti i beni della sua casa.
32Ma l'adultero è privo di senno;
solo chi vuole rovinare se stesso agisce così.
33Incontrerà percosse e disonore,
la sua vergogna non sarà cancellata,
34poiché la gelosia accende lo sdegno del marito,
che non avrà pietà nel giorno della vendetta;
35non vorrà accettare alcun compenso,
rifiuterà ogni dono, anche se grande.

(Testo TILC)

6
Prudenza nel dar garanzie per i debiti altrni

1Figlio mio, ti sei reso garante
per il debito di un amico
dando la tua parola ad un estraneo?
2Ti sei legato a una promessa,
impegnandoti con le tue stesse parole?
3Figlio mio, fa' così e sarai libero:
va' da chi ti tiene legato alle tue promesse,
supplica, anche fino a stancarlo,
di liberarti;
4non concederti riposo,
non chiudere occhio;
5finché ti sarai sciolto dall'impegno,
come gazzella sfuggita alla trappola
e come uccello scappato dalla rete.

Il pigro

6O pigro, sii saggio!
Impara dalla formica,
guarda come si comporta.
7Essa non ha padrone,
né capo né sorvegliante.
8D'estate si procura il cibo per l'inverno;
al tempo della mietitura mette da parte
il nutrimento.
9E tu, pigro, fino a quando poltrirai
nel tuo letto?
Quando ti sveglierai dal tuo sonno?
10Ecco il tuo programma:
'Un po' dormire, un po' sonnecchiare,
un po' riposare con le mani in mano'.
11E intanto, come fosse un vagabondo
ti arriva addosso la povertà,
e come un ladro, la miseria.

Il furbo

12La gente da nulla, i disonesti,
vanno in giro seminando bugie.
13 Strizzano l'occhio, fanno segni con le dita,
e altri gesti per trarre in inganno.
14Sono pieni di malizia, non pensano che
a far del male,
ogni momento suscitano liti.
15La loro rovina sarà completa,
improvvisa e senza rimedi.

Quel che il Signore detesta

16Sei cose il Signore detesta,
e non può assolutamente sopportare:
17uno sguardo superbo,
una lingua bugiarda,
mani che uccidono gli innocenti,
18una mente che fa progetti malvagi,
piedi che corrono a fare il male,
19testimoni che dicono il falso,
anzi, una settima egli odia ancora di più: chi
provoca liti tra fratelli.

Contro l'adulterio

20Figlio mio, fa' come ti ha insegnato
tuo padre
e non rifiutare i consigli di tua madre.
21Ricorda sempre le loro parole,
custodiscile nel tuo cuore come un tesoro:
22ti guideranno nel tuo cammino,
ti proteggeranno nel tuo riposo,
ti istruiranno al tuo risveglio.
23I loro insegnamenti saranno per te
un faro luminoso;
i loro consigli ti faranno sapere
come comportarti,
i loro richiami ti aiuteranno a vivere
da saggio.
24Così potrai sfuggire alle seduzioni
di donne immorali,
e non cedere alle parole ingannatrici
di donne adultere.
25Non lasciarti tentare dalla loro bellezza
e non farti ingannare dai loro sguardi;
26perché, la prostituta si accontenta
di un pezzo di pane,
l'adultera invece porta via
tutto quel che hai.
27Si può portare del fuoco sul petto
senza bruciarsi il vestito?
28Si può camminare sulle braci
senza scottarsi i piedi?
29Così nessuno può andare con la moglie
di un altro
senza riceverne un castigo.
30Se un ladro ruba perché ridotto alla fame,
non dev'esssere disprezzato;
31eppure, se è scoperto,
dovrà restituire quel che ha preso
sette volte di più
e perderà tutto quel che possiede.
32Chi commette adulterio è insensato,
perché vuole la propria rovina;
33sarà disonorato e punito;
sarà sempre uno svergognato.
34Perché un marito geloso va su tutte le furie,
non ha pietà quando si vendica;
35non vorrà saperne di compensi,
rifiuterà qualsiasi dono, anche se grande.

(Testo CEI2008)

6
Non farti garante di nessuno

1Figlio mio, se hai garantito per il tuo prossimo,
se hai dato la tua mano per un estraneo,
2se ti sei legato con ciò che hai detto
e ti sei lasciato prendere dalle parole della tua bocca,
3figlio mio, fa' così per liberartene:
poiché sei caduto nelle mani del tuo prossimo,
va', gèttati ai suoi piedi, importuna il tuo prossimo;
4non concedere sonno ai tuoi occhi
né riposo alle tue palpebre,
5così potrai liberartene come la gazzella dal laccio,
come un uccello dalle mani del cacciatore.

Il pigro

6Va' dalla formica, o pigro,
guarda le sue abitudini e diventa saggio.
7Essa non ha né capo
né sorvegliante né padrone,
8eppure d'estate si procura il vitto,
al tempo della mietitura accumula il cibo.
9Fino a quando, pigro, te ne starai a dormire?
Quando ti scuoterai dal sonno?
10Un po' dormi, un po' sonnecchi,
un po' incroci le braccia per riposare,
11e intanto arriva a te la povertà, come un vagabondo,
e l'indigenza, come se tu fossi un accattone.

Il malvagio

12Il perverso, uomo iniquo,
cammina pronunciando parole tortuose,
13ammicca con gli occhi, stropiccia i piedi
e fa cenni con le dita.
14Nel suo cuore il malvagio trama cose perverse,
in ogni tempo suscita liti.
15Per questo improvvisa verrà la sua rovina,
ed egli, in un attimo, crollerà senza rimedio.

Le cose che Dio detesta

16Sei cose odia il Signore,
anzi sette gli sono in orrore:
17occhi alteri, lingua bugiarda,
mani che versano sangue innocente,
18cuore che trama iniqui progetti,
piedi che corrono rapidi verso il male,
19falso testimone che diffonde menzogne
e chi provoca litigi tra fratelli.

Non cedere alle lusinghe dell'adultera

20Figlio mio, osserva il comando di tuo padre
e non disprezzare l'insegnamento di tua madre.
21Fissali sempre nel tuo cuore,
appendili al collo.
22Quando cammini ti guideranno,
quando riposi veglieranno su di te,
quando ti desti ti parleranno,
23perché il comando è una lampada
e l'insegnamento una luce
e un sentiero di vita l'istruzione che ti ammonisce:
24ti proteggeranno dalla donna altrui,
dalle parole seducenti della donna sconosciuta.
25Non desiderare in cuor tuo la sua bellezza,
non lasciarti adescare dai suoi sguardi,
26poiché, se la prostituta cerca il pane,
la donna sposata ambisce una vita preziosa.
27Si può portare il fuoco sul petto
senza bruciarsi i vestiti,
28o camminare sulle braci
senza scottarsi i piedi?
29Così chi si accosta alla donna altrui:
chi la tocca non resterà impunito.
30Non si disapprova un ladro, se ruba
per soddisfare l'appetito quando ha fame;
31eppure, se è preso, dovrà restituire sette volte
e consegnare tutti i beni della sua casa.
32Chi commette adulterio è un insensato,
agendo in tal modo rovina se stesso.
33Incontrerà percosse e disonore,
la sua vergogna non sarà cancellata,
34poiché la gelosia accende l'ira del marito,
che non avrà pietà nel giorno della vendetta.
35Egli non accetterà compenso alcuno,
rifiuterà ogni dono, anche se grande.



> Cerca omelie su questo capitolo

  > Libro: Proverbi, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31  
inizio pagina