B I B B I A .net   > Bibbia CEI 2008 > Bibbia CEI 1974 > La Bibbia TILC

Antico Gen Es Lv Nm Dt - Gios Gdc Rut 1Sam 2Sam 1Re 2Re 1Cr 2Cr Esd Nee Tob Gdt Est 1Mac 2Mac
Testam. Gb Sal Prv Qo Cant Sap Sir - Is Ger Lam Bar Ez Dan Os Gioe Am Abd Gion Mich Naum Abac Sof Agg Zacc Mal

NuovoT. Mt Mc Lc Gv - At - Rom 1Cor 2Cor Gal Ef Fil Col 1Ts 2Ts 1Tm 2Tm Tit Flm Ebr - Giac 1Pt 2Pt 1Gv 2Gv 3Gv Gd - Ap

(Versione sperimentale)
Ricerca per citazione:
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     

Ricerca per parola:
cerca all'interno di
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     
 

Proverbi
  > Libro: Proverbi, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31  

(Testo CEI74)

26
1Come la neve d'estate e la pioggia alla mietitura,
così l'onore non conviene allo stolto.
2Come il passero che svolazza, come la rondine che vola,
così una maledizione senza motivo non avverrà.
3La frusta per il cavallo, la cavezza per l'asino
e il bastone per la schiena degli stolti.
4Non rispondere allo stolto secondo la sua stoltezza
per non divenire anche tu simile a lui.
5Rispondi allo stolto secondo la sua stoltezza
perché egli non si creda saggio.
6Si taglia i piedi e beve amarezze
chi invia messaggi per mezzo di uno stolto.
7Malferme sono le gambe dello zoppo,
così una massima sulla bocca degli stolti.
8Come chi lega il sasso alla fionda,
così chi attribuisce onori a uno stolto.
9Una spina penetrata nella mano d'un ubriaco,
tale è una massima sulla bocca degli stolti.
10Arciere che ferisce tutti i passanti,
tale è chi assume uno stolto o un ubriaco.
11Come il cane torna al suo vomito,
così lo stolto ripete le sue stoltezze.
12Hai visto un uomo che si crede saggio?
E' meglio sperare in uno stolto che in lui.
13Il pigro dice: «C'è una belva per la strada,
un leone si aggira per le piazze».
14La porta gira sui cardini,
così il pigro sul suo letto.
15Il pigro tuffa la mano nel piatto,
ma dura fatica a portarla alla bocca.
16Il pigro si crede saggio
più di sette persone che rispondono con senno.
17Prende un cane per le orecchie
chi si intromette in una lite che non lo riguarda.
18Come un pazzo che scaglia tizzoni
e frecce di morte,
19così è quell'uomo che inganna il suo prossimo
e poi dice: «Ma sì, è stato uno scherzo!».
20Per mancanza di legna il fuoco si spegne;
se non c'è il delatore, il litigio si calma.
21Mantice per il carbone e legna per il fuoco,
tale è l'attaccabrighe per rattizzar le liti.
22Le parole del sussurrone sono come ghiotti bocconi,
esse scendono in fondo alle viscere.
23Come vernice d'argento sopra un coccio di creta
sono le labbra lusinghiere con un cuore maligno.
24Chi odia si maschera con le labbra,
ma nel suo intimo cova il tradimento;
25anche se usa espressioni melliflue, non ti fidare,
perché egli ha sette abomini nel cuore.
26L'odio si copre di simulazione,
ma la sua malizia apparirà pubblicamente.
27Chi scava una fossa vi cadrà dentro
e chi rotola una pietra, gli ricadrà addosso.
28Una lingua bugiarda odia la verità,
una bocca adulatrice produce rovina.

(Testo TILC)

26

1Fuori posto è la neve d'estate,
la pioggia al tempo della mietitura,
l'onore per lo stolto.
2Come passero che svolazza
e rondine che volteggia,
la maledizione ingiusta non raggiunge
lo scopo.
3Per il cavallo la briglia, per l'asino la frusta,
per il dorso degli stolti il bastone.
4Non rispondere a una domanda stupida
e non somiglierai allo stolto che l'ha fatta;
5se devi rispondere, dàgli una risposta
sciocca
e capirà che non deve credersi sapiente.
6Inviare messaggi per mezzo di uno stolto
è come tagliarsi le gambe e bere veleno.
7Come vacillano le gambe dello zoppo
non reggono i proverbi dello stolto.
8Rendere onore allo stolto
è come legare un sasso alla fionda.
9Un ramo spinoso in mano a un ubriaco,
così è un proverbio in bocca a uno stolto.
10È un vero pericolo pubblico il capo
che chiama al suo servizio uno stolto
e assume i primi che passano.
11Come il cane torna al suo vomito,
lo stolto ripete i suoi spropositi.
12Hai mai visto uno che si crede saggio?
C'è da sperare più da uno stolto che da lui.

Ritratto del pigro

13Dice il pigro: 'C'è una bestia feroce
nella strada,
c'è un leone nella via!'.
14La porta gira sui suoi cardini,
e il pigro si rigira nel suo letto.
15Il pigro allunga la mano nel piatto,
ma gli pesa portarla alla bocca.
16Il pigro si crede più sapiente
di sette persone realmente sagge.
17Immischiarsi nelle liti altrui
è come prendere per le orecchie un cane
che passa.
18-19Un pazzoide che lancia
frecce e giavellotti mortali
è chi inganna il suo prossimo
e poi dice: 'Era solo uno scherzo!'.
20Se manca la legna, il fuoco si spegne;
se non c'è chi calunnia, la lite finisce.
21Carbone per le braci e legna per il fuoco
è l'uomo litigioso quando scoppia una rissa.
22Le parole del calunniatore sono un boccone
prelibato,
che va giù dritto nello stomaco.
23Argento finto su un vaso d'argilla
sono le labbra adulatrici di un cuore
malvagio.
24Chi odia finge con le labbra,
nel suo intimo cova il tradimento;
25se addolcisce la sua voce, non fidarti,
dentro di sé ha mille cattivi pensieri;
26anche se cerca di mascherare il suo odio,
tutti vedranno la sua malizia.
27Chi scava una trappola, ci cascherà dentro;
chi rotola una pietra, gli cadrà addosso!
28Lingua bugiarda odia le sue vittime,
parole adulatrici producono rovina.

(Testo CEI2008)

26
Il ritratto dello stolto...

1Come neve d'estate e pioggia alla mietitura,
così l'onore non conviene allo stolto.
2Come passero che svolazza, come rondine che volteggia,
così una maledizione immotivata non ha effetto.
3La frusta per il cavallo, la cavezza per l'asino
e il bastone per la schiena degli stolti.
4Non rispondere allo stolto secondo la sua stoltezza,
per non divenire anche tu simile a lui.
5Rispondi allo stolto secondo la sua stoltezza,
perché egli non si creda saggio.
6Si taglia i piedi e beve amarezze
chi invia messaggi per mezzo di uno stolto.
7Come pendono le gambe da uno zoppo,
così una massima sulla bocca dello stolto.
8Come chi lega una pietra alla fionda,
così chi attribuisce onori a uno stolto.
9Come ramo spinoso in mano a un ubriaco,
così una massima sulla bocca dello stolto.
10È come un arciere che colpisce a caso
chi paga lo stolto o stipendia il primo che passa.
11Come il cane torna al suo vomito,
così lo stolto ripete le sue stoltezze.
12Hai visto un uomo che è saggio ai suoi occhi?
C'è più da sperare da uno stolto che da lui.

... del pigro

13Il pigro dice: «C'è una belva per la strada,
un leone si aggira per le piazze».
14La porta gira sui cardini,
così il pigro sul suo letto.
15Il pigro immerge la mano nel piatto,
ma dura fatica a riportarla alla bocca.
16Il pigro si crede più saggio
di sette persone che rispondono con senno.

... del denigratore e del bugiardo

17È simile a chi prende un cane per le orecchie
un passante che si intromette nella lite di un altro.
18Come un pazzo che scaglia
tizzoni e frecce di morte,
19così è colui che inganna il suo prossimo
e poi dice: «Ma sì, è stato uno scherzo!».
20Per mancanza di legna il fuoco si spegne;
se non c'è il calunniatore, il litigio si calma.
21Mantice per il carbone e legna per il fuoco,
tale è l'attaccabrighe per attizzare le liti.
22Le parole del calunniatore sono come ghiotti bocconi,
che scendono fin nell'intimo.
23Come patina d'argento su un coccio di creta
sono le labbra lusinghiere con un cuore maligno.
24Chi odia si maschera con le labbra,
ma nel suo intimo cova inganni;
25anche se usa espressioni melliflue, non credergli,
perché nel cuore egli ha sette obbrobri.
26Chi odia si nasconde con astuzia,
ma la sua malizia apparirà pubblicamente.
27Chi scava una fossa vi cadrà dentro
e chi rotola una pietra, gli ricadrà addosso.
28Una lingua bugiarda fa molti danni,
una bocca adulatrice produce rovina.



> Cerca omelie su questo capitolo

  > Libro: Proverbi, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31  
inizio pagina