B I B B I A .net   > Bibbia CEI 2008 > Bibbia CEI 1974 > La Bibbia TILC

Antico Gen Es Lv Nm Dt - Gios Gdc Rut 1Sam 2Sam 1Re 2Re 1Cr 2Cr Esd Nee Tob Gdt Est 1Mac 2Mac
Testam. Gb Sal Prv Qo Cant Sap Sir - Is Ger Lam Bar Ez Dan Os Gioe Am Abd Gion Mich Naum Abac Sof Agg Zacc Mal

NuovoT. Mt Mc Lc Gv - At - Rom 1Cor 2Cor Gal Ef Fil Col 1Ts 2Ts 1Tm 2Tm Tit Flm Ebr - Giac 1Pt 2Pt 1Gv 2Gv 3Gv Gd - Ap

(Versione sperimentale)
Ricerca per citazione:
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     

Ricerca per parola:
cerca all'interno di
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     
 

Proverbi
  > Libro: Proverbi, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31  

(Testo CEI74)

11
1La bilancia falsa è in abominio al Signore,
ma del peso esatto egli si compiace.
2Viene la superbia, verrà anche l'obbrobrio,
mentre la saggezza è presso gli umili.
3L'integrità degli uomini retti li guida,
la perversità dei perfidi li rovina.
4Non serve la ricchezza nel giorno della collera,
ma la giustizia libera dalla morte.
5La giustizia dell'uomo onesto gli spiana la via;
per la sua empietà cade l'empio.
6La giustizia degli uomini retti li salva,
nella cupidigia restano presi i perfidi.
7Con la morte dell'empio svanisce ogni sua speranza,
la fiducia dei malvagi scompare.
8Il giusto sfugge all'angoscia,
al suo posto subentra l'empio.
9Con la bocca l'empio rovina il suo prossimo,
ma i giusti si salvano con la scienza.
10Della prosperità dei giusti la città si rallegra,
per la scomparsa degli empi si fa festa.
11Con la benedizione degli uomini retti
si innalza una città,
la bocca degli empi la demolisce.
12Chi disprezza il suo prossimo è privo di senno,
l'uomo prudente invece tace.
13Chi va in giro sparlando svela il segreto,
lo spirito fidato nasconde ogni cosa.
14Senza una direzione un popolo decade,
il successo sta nel buon numero di consiglieri.
15Chi garantisce per un estraneo si troverà male,
chi avversa le strette di mano a garanzia,
vive tranquillo.
16Una donna graziosa ottiene gloria,
ma gli uomini laboriosi acquistano ricchezza.
17Benefica se stesso l'uomo misericordioso,
il crudele invece tormenta la sua stessa carne.
18L'empio realizza profitti fallaci,
ma per chi semina la giustizia il salario è sicuro.
19Chi pratica la giustizia si procura la vita,
chi segue il male va verso la morte.
20I cuori depravati sono in abominio al Signore
che si compiace di chi ha una condotta integra.
21Certo non resterà impunito il malvagio,
ma la discendenza dei giusti si salverà.
22Un anello d'oro al naso d'un porco,
tale è la donna bella ma priva di senno.
23La brama dei giusti è solo il bene,
la speranza degli empi svanisce.
24C'è chi largheggia e la sua ricchezza aumenta,
c'è chi risparmia oltre misura e finisce nella miseria.
25La persona benefica avrà successo
e chi disseta sarà dissetato.
26Chi accaparra il grano è maledetto dal popolo,
la benedizione è invocata sul capo di chi lo vende.
27Chi è sollecito del bene trova il favore,
chi ricerca il male, male avrà.
28Chi confida nella propria ricchezza cadrà;
i giusti invece verdeggeranno come foglie.
29Chi crea disordine in casa erediterà vento
e lo stolto sarà schiavo dell'uomo saggio.
30Il frutto del giusto è un albero di vita,
il saggio conquista gli animi.
31Ecco, il giusto è ripagato sulla terra,
tanto più lo saranno l'empio e il peccatore.

(Testo TILC)

11

1Signore ha orrore
di chi usa bilance false,
ma è contento quando il peso è esatto.
2Il superbo va incontro al disprezzo,
è più saggio essere modesti.
3I buoni saranno guidati dall'onestà,
i cattivi sono rovinati dalla loro malvagità.
4Nell'ora della prova la ricchezza è inutile,
mentre l'onestà può salvare
anche dalla morte.
5Quando si è onesti, si può stare sicuri;
ma la disonestà porta alla rovina.
6L'onestà dei buoni è la loro salvezza,
ma chi inganna sarà vittima
dei suoi stessi raggiri.
7Muore il malvagio e finiscono i suoi sogni,
nemmeno le ricchezze danno più speranza.
8Un giusto è liberato dai pericoli,
un malvagio vi cade al suo posto.
9I cattivi rovinano il prossimo
con le loro parole,
i giusti si salvano per la loro sapienza.
10Quando i giusti trionfano, esulta la città;
quando muoiono i malvagi, si fa festa.
11La benedizione dei buoni fa prosperare
una città,
le parole dei malvagi la distruggono.
12Disprezzare il prossimo è da insensati;
è più ragionevole saper tacere.
13Il pettegolo svela i segreti,
la persona fidata non è chiacchierona.
14Una nazione senza guida va in rovina;
ma con il consenso di molti si salva.
15Chi si fa garante per uno straniero
si troverà male,
ma chi non si compromette vive tranquillo.
16La donna graziosa sa farsi rispettare,
l'uomo forte sa acquistarsi ricchezza.
17Chi è generoso ricava sempre vantaggi,
chi è violento danneggia se stesso.
18Il malvagio raccoglie solo delusioni,
il giusto avrà una sicura ricompensa.
19Chi persevera nel bene vivrà,
chi si ostina nel male morirà.
20Il Signore è lontano da chi trama il male,
predilige chi ha una condotta onesta.
21Alla fine il cattivo non resterà senza castigo,
la schiera dei giusti sarà salva.
22Una donna bella ma senza cervello
è come un anello d'oro al naso di un maiale.
23I giusti possono attendere la felicità,
i malvagi non possono sperare che rovina.
24C'è chi spende a volontà,
eppure arricchisce sempre;
c'è chi risparmia più del necesssario,
eppure impoverisce.
25Chi è generoso diventa ricco,
chi disseta sarà dissetato.
26Il popolo maledice chi accaparra frumento
ma benedice chi lo vende al mercato.
27Chi si propone di agire bene,
cerca approvazione;
chi ha cattive intenzioni
andrà incontro al male.
28Chi confida nella sua ricchezza
andrà in rovina,
ma i giusti sbocceranno come germogli.
29Chi mette scompiglio in casa
non erediterà nulla,
lo stolto sarà ridotto a servo del sapiente.
30Frutto di una condotta giusta è la vita;
il sapiente vivrà per sempre.
31Se il giusto ha la sua ricompensa sulla terra,
tanto più il malvagio e il peccatore.

(Testo CEI2008)

11
Giustizia e malvagità

1Il Signore aborrisce la bilancia falsa,
ma del peso esatto egli si compiace.
2Dove c'è insolenza c'è anche disonore,
ma la sapienza sta con gli umili.
3L'integrità guida gli uomini retti,
la malvagità è la rovina dei perfidi.
4Non giova la ricchezza nel giorno della collera,
ma la giustizia libera dalla morte.
5La giustizia dell'uomo onesto gli spiana la via,
per la sua cattiveria cade il cattivo.
6La giustizia salva gli onesti,
nella cupidigia restano presi i perfidi.
7Con la morte del malvagio svanisce ogni sua speranza,
l'attesa dei ricchi scompare.
8Il giusto è liberato dall'angoscia,
al suo posto subentra il malvagio.
9Con la sua bocca il bugiardo rovina l'amico,
i giusti con la loro scienza si salvano.
10Della prosperità dei giusti la città si rallegra,
per la rovina dei malvagi si fa festa.
11La benedizione degli uomini retti fa prosperare una città,
le parole dei malvagi la distruggono.
12Disprezza il suo prossimo chi è privo di senno,
ma l'uomo prudente tace.
13Chi va in giro sparlando svela il segreto,
ma l'uomo fidato tiene nascosto ciò che sa.
14Dove manca una guida il popolo va in rovina;
la salvezza dipende dal numero dei consiglieri.
15Chi garantisce per un estraneo si troverà male,
chi rifiuta garanzie vive tranquillo.
16La donna avvenente ottiene onore,
gli uomini laboriosi ottengono ricchezze.
17Benefica se stesso chi è buono,
il crudele invece tormenta la sua carne.
18L'empio realizza opere fallaci,
per chi semina giustizia il salario è assicurato.
19Chi pratica la giustizia si procura la vita,
chi persegue il male va verso la morte.
20Un cuore perverso il Signore lo detesta:
egli si compiace di chi ha una condotta integra.
21Certamente non resterà impunito il malvagio,
ma la discendenza dei giusti sarà salva.
22Un anello d'oro al naso di un maiale,
tale è la donna bella ma senza cervello.
23La brama dei giusti è solo il bene,
la speranza degli empi è la collera.
24C'è chi largheggia e la sua ricchezza aumenta,
c'è chi risparmia oltre misura e finisce nella miseria.
25La persona benefica prospererà
e chi disseta sarà dissetato.
26Chi accaparra il grano è maledetto dal popolo,
la benedizione sta sul capo di chi lo vende.
27Chi è sollecito del bene incontra favore
e chi cerca il male, male gli accadrà.
28Chi confida nella propria ricchezza cadrà,
i giusti invece rinverdiranno come foglie.
29Chi crea disordine in casa erediterà vento
e lo stolto sarà schiavo dell'uomo di senno.
30Il frutto del giusto è un albero di vita,
il saggio conquista i cuori.
31Ecco, il giusto è ripagato sulla terra:
tanto più l'empio e il peccatore.



> Cerca omelie su questo capitolo

  > Libro: Proverbi, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31  
inizio pagina