B I B B I A .net   > Bibbia CEI 2008 > Bibbia CEI 1974 > La Bibbia TILC

Antico Gen Es Lv Nm Dt - Gios Gdc Rut 1Sam 2Sam 1Re 2Re 1Cr 2Cr Esd Nee Tob Gdt Est 1Mac 2Mac
Testam. Gb Sal Prv Qo Cant Sap Sir - Is Ger Lam Bar Ez Dan Os Gioe Am Abd Gion Mich Naum Abac Sof Agg Zacc Mal

NuovoT. Mt Mc Lc Gv - At - Rom 1Cor 2Cor Gal Ef Fil Col 1Ts 2Ts 1Tm 2Tm Tit Flm Ebr - Giac 1Pt 2Pt 1Gv 2Gv 3Gv Gd - Ap

(Versione sperimentale)
Ricerca per citazione:
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     

Ricerca per parola:
cerca all'interno di
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     
 

Isaia
  > Libro: Isaia, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66  

(Testo CEI74)

24
4. APOCALISSE
Il giudizio del Signore

1Ecco che il Signore spacca la terra,
la squarcia e ne sconvolge la superficie
e ne disperde gli abitanti.
2Avverrà lo stesso al popolo come al sacerdote,
allo schiavo come al suo padrone,
alla schiava come alla sua padrona,
al compratore come al venditore,
al creditore come al debitore,
a chi riceve come a chi dà in prestito.
3Sarà tutta spaccata la terra
sarà tutta saccheggiata,
perché il Signore ha pronunziato questa parola.
4E' in lutto, languisce la terra;
è squallido, languisce il mondo,
il cielo con la terra perisce.
5La terra è stata profanata dai suoi abitanti,
perché hanno trasgredito le leggi,
hanno disobbedito al decreto,
hanno infranto l'alleanza eterna.
6Per questo la maledizione divora la terra,
i suoi abitanti ne scontano la pena;
per questo sono bruciati gli abitanti della terra
e sono rimasti solo pochi uomini.

Canto sulla città distrutta

7Lugubre è il mosto, la vigna languisce,
gemono tutti.
8E' cessata la gioia dei timpani,
è finito il chiasso dei gaudenti,
è cessata la gioia della cetra.
9Non si beve più il vino tra i canti,
la bevanda inebriante è amara per chi la beve.
10E' distrutta la città del caos,
è chiuso l'ingresso di ogni casa.
11Per le strade si lamentano, perché non c'è vino;
ogni gioia è scomparsa,
se ne è andata la letizia dal paese.
12Nella città è rimasta la desolazione;
la porta è stata abbattuta, fatta a pezzi.
13Perché così accadrà nel centro della terra,
in mezzo ai popoli,
come quando si bacchiano le ulive,
come quando si racimola, finita la vendemmia.
14Quelli alzeranno la voce, acclameranno
alla maestà del Signore.
Gridano dal mare:
«Acclamate, pertanto, popoli!
15Voi in oriente, glorificate il Signore,
nelle isole del mare, il nome del Signore, Dio d'Israele.
16Dagli angoli estremi della terra abbiamo udito il canto:
Gloria al giusto».

Le ultime sventure
Ma io dico: «Guai a me!
Guai a me! Ohimè!».
I perfidi agiscono perfidamente,
i perfidi operano con perfidia.
17Terrore, fossa e laccio
ti sovrastano, o abitante della terra.
18Chi fugge al grido di terrore
cadrà nella fossa, chi risale dalla fossa
sarà preso nel laccio.
Le cateratte dall'alto si aprono
e si scuotono le fondamenta della terra.
19A pezzi andrà la terra,
in frantumi si ridurrà la terra,
crollando crollerà la terra.
20Certo, barcollerà la terra come un ubriaco,
vacillerà come una tenda;
peserà su di essa la sua iniquità,
cadrà e non si rialzerà.
21In quel giorno il Signore punirà
in alto l'esercito di lassù
e qui in terra i re della terra.
22Saranno radunati e imprigionati in una fossa,
saranno rinchiusi in un carcere
e dopo lungo tempo saranno puniti.
23Arrossirà la luna,
impallidirà il sole,
perché il Signore degli eserciti regna
sul monte Sion e in Gerusalemme
e davanti ai suoi anziani sarà glorificato.

(Testo TILC)

24
Terremoto e spavento sulla terra

1Il Signore spacca la terra
e la fa tremare;
ne sconvolge la superficie e ne disperde
gli abitanti.
2Avranno la stessa sorte
i sacerdoti e il popolo,
gli schiavi e i padroni,
le serve e le loro padrone,
chi compra e chi vende,
chi ha debiti e chi fa credito,
i ricchi e i poveri.
3La terra sarà spaccata e devastata:
il Signore l'ha minacciato e lo farà.
4La terra soffre e va in rovina,
il mondo intero, sconvolto, va in rovina,
insieme con la terra crolla anche il cielo.
5La terra è stata profanata
dai suoi abitanti;
essi non hanno osservato
la legge del Signore
e sono stati infedeli alla sua alleanza
eterna.
6Per questo la terra è maledetta,
quelli che l'abitano ne sono gravemente
puniti;
perciò gli abitanti della terra vengono
distrutti,
ne sopravvivono pochi.

La città in rovina

7Il vino nuovo non ha sapore,
la vigna si secca;
quelli che godevano
ora sono tristi.
8 Il suono gioioso dei tamburelli è finito,
il chiasso delle feste è scomparso,
l'allegria della cetra non c'è più.
9Non si beve più il vino e non si canta,
le bevande forti diventano amare.
10Tutta la città e un'immensa confusione
e rovina.
Le porte delle case sono bloccate.
11Per le strade tutti si lamentano
per la mancanza del vino:
ogni gioia è sparita per sempre,
se n'è andata dal paese.
12La città è a terra,
e le sue porte sono abbattute.
13In ogni nazione del mondo,
rimarranno pochi abitanti.
Saranno come quelle poche ulive
e quei rari grappoli di uva
rimasti dopo la raccolta.

Tutti lodano il Signore

14I superstiti esulteranno di gioia.
Da occidente canteranno
la grandezza del Signore,
15da oriente lo loderanno.
I popoli che vivono vicino al mare
esalteranno il Signore, Dio d'Israele.
16Dagli angoli estremi della terra
si sentono inni in onore del Dio giusto.

Nessuno sfuggirà al Signore
Povero me! non c'è speranza!
Quelli che tradivano, continuano a farlo,
il loro tradimento non conosce limiti.

17 Abitanti di tutta la terra,
terrore, fossa e trappole
sono in agguato per voi.
18Chi riuscirà a sfuggire al terrore
cadrà nella fossa.
Chi riuscirà a risalire dalla fossa
sarà preso in trappola.
Dall'alto verrà il diluvio,
dal basso il terremoto.
19La terra si scuoterà,
la terra sarà fatta a pezzi,
sarà ridotta in frantumi:
20barcollerà come un ubriaco,
sarà in balia del vento come una tenda
durante il temporale.
Il mondo sommerso dai suoi peccati
crollerà senza più rialzarsi.
21 Quel giorno il Signore
si scaglierà contro gli astri del cielo
e contro i re della terra.
22 Il Signore riunirà i re
come prigionieri in una fossa.
Li terrà prigionieri
fino al giorno del giudizio.
23 La luna si nasconderà
e il sole diventerà pallido,
perché il Signore dell'universo
regnerà a Gerusalemme, sul monte Sion.
I capi della città
vedranno la sua presenza gloriosa.

(Testo CEI2008)

24
GIUDIZIO CONTRO LA CITTA' DEL NULLA E RESTAURAZIONE D'ISRAELE
Giudizio del Signore sulla città del nulla e su tutta la terra

1 Ecco che il Signore devasta la terra,
la squarcia e ne sconvolge la superficie
e ne disperde gli abitanti.
2Avverrà lo stesso al popolo come al sacerdote,
allo schiavo come al suo padrone,
alla schiava come alla sua padrona,
al compratore come al venditore,
a chi riceve come a chi dà in prestito,
al creditore come al debitore.
3Sarà tutta devastata la terra,
sarà tutta saccheggiata,
perché il Signore ha pronunciato questa parola.
4È in lutto, languisce la terra;
è squallido, languisce il mondo,
sono desolati il cielo e gli abitanti della terra.
5La terra è stata profanata dai suoi abitanti,
perché hanno trasgredito le leggi,
hanno disobbedito al decreto,
hanno infranto l'alleanza eterna.
6Per questo la maledizione divora la terra,
i suoi abitanti ne scontano la pena;
per questo si consumano gli abitanti della terra
e sono rimasti solo pochi uomini.
7Lugubre è il mosto, la vigna languisce,
gemono tutti i cuori festanti.
8È cessata la gioia dei tamburelli,
è finito il chiasso dei gaudenti,
è cessata la gioia della cetra.
9Non si beve più il vino tra i canti,
la bevanda inebriante è amara per chi la beve.
10È distrutta la città del nulla,
è chiuso l'ingresso di ogni casa.
11Per le strade si lamentano, perché non c'è vino;
ogni gioia è scomparsa,
se ne è andata la letizia dalla terra.
12Nella città è rimasta la desolazione;
la porta è stata abbattuta a pezzi.
13Perché così accadrà nel centro della terra,
in mezzo ai popoli,
come quando si bacchiano le olive,
come quando si racimola, finita la vendemmia.
14Quelli alzeranno la voce,
canteranno alla maestà del Signore.
Acclameranno gioiosamente dal mare:
15«Voi in oriente, glorificate il Signore,
nelle isole del mare, il nome del Signore, Dio d'Israele».
16Dagli angoli estremi della terra abbiamo udito il canto:
«Gloria al giusto».
Ma io dico: «Guai a me!
Guai a me! Ohimè!».
I perfidi agiscono perfidamente,
i perfidi operano con perfidia.
17Terrore, fossa e laccio
ti sovrastano, o abitante della terra.
18Avverrà che chi fugge al grido di terrore
cadrà nella fossa,
chi risale dalla fossa
sarà preso nel laccio,
poiché cateratte dall'alto si aprono
e si scuotono le fondamenta della terra.
19A pezzi andrà la terra,
in frantumi si ridurrà la terra,
rovinosamente crollerà la terra.
20La terra barcollerà come un ubriaco,
vacillerà come una tenda;
peserà su di essa la sua iniquità,
cadrà e non si rialzerà.
21Avverrà che in quel giorno il Signore punirà
in alto l'esercito di lassù
e in terra i re della terra.
22Saranno senza scampo incarcerati,
come un prigioniero in una prigione sotterranea,
saranno rinchiusi in un carcere
e dopo lungo tempo saranno puniti.
23Arrossirà la luna,
impallidirà il sole,
perché il Signore degli eserciti regna
sul monte Sion e a Gerusalemme,
e davanti ai suoi anziani risplende la sua gloria.



> Cerca omelie su questo capitolo

  > Libro: Isaia, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66  
inizio pagina