B I B B I A .net   > Bibbia CEI 2008 > Bibbia CEI 1974 > La Bibbia TILC

Antico Gen Es Lv Nm Dt - Gios Gdc Rut 1Sam 2Sam 1Re 2Re 1Cr 2Cr Esd Nee Tob Gdt Est 1Mac 2Mac
Testam. Gb Sal Prv Qo Cant Sap Sir - Is Ger Lam Bar Ez Dan Os Gioe Am Abd Gion Mich Naum Abac Sof Agg Zacc Mal

NuovoT. Mt Mc Lc Gv - At - Rom 1Cor 2Cor Gal Ef Fil Col 1Ts 2Ts 1Tm 2Tm Tit Flm Ebr - Giac 1Pt 2Pt 1Gv 2Gv 3Gv Gd - Ap

(Versione sperimentale)
Ricerca per citazione:
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     

Ricerca per parola:
cerca all'interno di
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     
 

Salmi
  > Libro: Salmi, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150  

(Testo CEI74)

109
Salmo imprecatorio

1Al maestro del coro. Di Davide. Salmo.

Dio della mia lode, non tacere,
2poiché contro di me si sono aperte
la bocca dell'empio e dell'uomo di frode;
parlano di me con lingua di menzogna.

3Mi investono con parole di odio,
mi combattono senza motivo.
4In cambio del mio amore mi muovono accuse,
mentre io sono in preghiera.
5Mi rendono male per bene
e odio in cambio di amore.

6Suscita un empio contro di lui
e un accusatore stia alla sua destra.
7Citato in giudizio, risulti colpevole
e il suo appello si risolva in condanna.
8Pochi siano i suoi giorni
e il suo posto l'occupi un altro.
9I suoi figli rimangano orfani
e vedova sua moglie.
10Vadano raminghi i suoi figli, mendicando,
siano espulsi dalle loro case in rovina.

11L'usuraio divori tutti i suoi averi
e gli estranei faccian preda del suo lavoro.
12Nessuno gli usi misericordia,
nessuno abbia pietà dei suoi orfani.
13La sua discendenza sia votata allo sterminio,
nella generazione che segue sia cancellato il suo nome.
14L'iniquità dei suoi padri sia ricordata al Signore,
il peccato di sua madre non sia mai cancellato.
15Siano davanti al Signore sempre
ed egli disperda dalla terra il loro ricordo.

16Perché ha rifiutato di usare misericordia
e ha perseguitato il misero e l'indigente,
per far morire chi è affranto di cuore.
17Ha amato la maledizione: ricada su di lui!
Non ha voluto la benedizione: da lui si allontani!
18Si è avvolto di maledizione come di un mantello:
è penetrata come acqua nel suo intimo
e come olio nelle sue ossa.

19Sia per lui come vestito che lo avvolge,
come cintura che sempre lo cinge.
20Sia questa da parte del Signore
la ricompensa per chi mi accusa,
per chi dice male contro la mia vita.

21Ma tu, Signore Dio,
agisci con me secondo il tuo nome:
salvami, perché buona è la tua grazia.
22Io sono povero e infelice
e il mio cuore è ferito nell'intimo.
23Scompaio come l'ombra che declina,
sono sbattuto come una locusta.
24Le mie ginocchia vacillano per il digiuno,
il mio corpo è scarno e deperisce.
25Sono diventato loro oggetto di scherno,
quando mi vedono scuotono il capo.

26Aiutami, Signore mio Dio,
salvami per il tuo amore.
27Sappiano che qui c'è la tua mano:
tu, Signore, tu hai fatto questo.
28Maledicano essi, ma tu benedicimi;
insorgano quelli e arrossiscano,
ma il tuo servo sia nella gioia.
29Sia coperto di infamia chi mi accusa
e sia avvolto di vergogna come d'un mantello.

30Alta risuoni sulle mie labbra la lode del Signore,
lo esalterò in una grande assemblea;
31poiché si è messo alla destra del povero
per salvare dai giudici la sua vita.

(Testo TILC)

109
(108) Lamento maledizione fiducia

1Per il direttore del coro. Salmo di Davide.

Mio Dio, mio vanto, non restare in silenzio!
2Gente empia e falsa mi assale,
sparge calunnie contro di me.
3Mi investono con parole piene di odio,
mi aggrediscono senza ragione.
4Mi accusano, mentre io offro amicizia
e continuo a pregare per loro.
Mi rendono male per bene
e odio in cambio di amicizia.

6Mi lanciano queste maledizioni
'Sia nominato contro di lui un accusatore,
un malvagio stia sempre al suo fianco.
7Esca dal processo condannato,
anche la sua preghiera risulti una colpa.
8Abbia i giorni contati,
il suo incarico lo prenda un altro.
9I suoi figli rimangano orfani
e sua moglie diventi vedova.
10I suoi figli siano vagabondi,
vadano a chiedere l'elemosina
lontano dalle loro case in rovina.
11L'usuraio divori tutti i suoi beni,
un estraneo s'impadronisca
dei suoi guadagni.
12Nessuno gli usi misericordia,
nessuno abbia pietà dei suoi orfani.
13La sua famiglia si estingua,
in una generazione scompaia il suo nome.
14Siano ricordate le colpe dei suoi padri,
nulla cancelli i peccati di sua madre:
15il Signore se ne ricordi sempre,
la terra dimentichi questa gente!
16Quest'uomo non ha avuto amore
per nessuno,
ha perseguitato a morte il povero,
il misero e chi era sfiduciato.
17Gli piaceva maledire: sia lui maledetto!
Non voleva benedire: nessuno lo benedica!
18La maledizione era la sua divisa:
essa gli penetri come acqua nel corpo,
come olio dentro le ossa!
19Lo copra come un mantello,
lo stringa come una cintura!'.
20Questo vogliono dal Signore
i miei accusatori
e coloro che mi calunniano.
21Ma tu, Signore, nostro Dio,
sii fedele al tuo nome;
liberami, perché sei buono e mi ami.
22Io sono povero e misero,
ho una ferita nel cuore.
23Mi dissolvo come ombra della sera,
mi scacciano via come una cavalletta.
24Non sto più in piedi per il digiuno,
sono dimagrito e smunto.
25Sono diventato oggetto di scherno.

Quando mi vedono, scuotono il capo.
26Aiutami, Signore, mio Dio!
Tu che sei buono, salvami!
27Fa' loro vedere come agisci,
come sai intervenire per me.
28Essi possono maledire, ma tu benedici;
possono ribellarsi, saranno svergognati
e io, tuo servo, sarà pieno di gioia.
29Chi mi accusa sia coperto di disonore,
sia avvolto da un mantello di vergogna.

30Celebrerò il Signore ad alta voce,
lo loderò in mezzo alla folla.
31Egli è stato a fianco del povero
per salvarlo da chi lo condanna.

(Testo CEI2008)

109
Supplica a Dio contro gli empi

1 Al maestro del coro. Di Davide. Salmo.

Dio della mia lode, non tacere,
2 perché contro di me si sono aperte
la bocca malvagia e la bocca ingannatrice,
e mi parlano con lingua bugiarda.

3 Parole di odio mi circondano,
mi aggrediscono senza motivo.

4 In cambio del mio amore mi muovono accuse,
io invece sono in preghiera.

5 Mi rendono male per bene
e odio in cambio del mio amore.

6 Suscita un malvagio contro di lui
e un accusatore stia alla sua destra!

7 Citato in giudizio, ne esca colpevole
e la sua preghiera si trasformi in peccato.

8 Pochi siano i suoi giorni
e il suo posto l'occupi un altro.

9 I suoi figli rimangano orfani
e vedova sua moglie.

10 Vadano raminghi i suoi figli, mendicando,
rovistino fra le loro rovine.

11 L'usuraio divori tutti i suoi averi
e gli estranei saccheggino il frutto delle sue fatiche.

12 Nessuno gli dimostri clemenza,
nessuno abbia pietà dei suoi orfani.

13 La sua discendenza sia votata allo sterminio,
nella generazione che segue sia cancellato il suo nome.

14 La colpa dei suoi padri sia ricordata al Signore,
il peccato di sua madre non sia mai cancellato:

15 siano sempre davanti al Signore
ed egli elimini dalla terra il loro ricordo.

16 Perché non si è ricordato di usare clemenza
e ha perseguitato un uomo povero e misero,
con il cuore affranto, per farlo morire.

17 Ha amato la maledizione: ricada su di lui!
Non ha voluto la benedizione: da lui si allontani!

18 Si è avvolto di maledizione come di una veste:
è penetrata come acqua nel suo intimo
e come olio nelle sue ossa.

19 Sia per lui come vestito che lo avvolge,
come cintura che sempre lo cinge.

20 Sia questa da parte del Signore
la ricompensa per chi mi accusa,
per chi parla male contro la mia vita.

21 Ma tu, Signore Dio,
trattami come si addice al tuo nome:
liberami, perché buona è la tua grazia.

22 Io sono povero e misero,
dentro di me il mio cuore è ferito.

23 Come ombra che declina me ne vado,
scacciato via come una locusta.

24 Le mie ginocchia vacillano per il digiuno,
scarno è il mio corpo e dimagrito.

25 Sono diventato per loro oggetto di scherno:
quando mi vedono, scuotono il capo.

26 Aiutami, Signore mio Dio,
salvami per il tuo amore.

27 Sappiano che qui c'è la tua mano:
sei tu, Signore, che hai fatto questo.

28 Essi maledicano pure, ma tu benedici!
Insorgano, ma siano svergognati
e il tuo servo sia nella gioia.

29 Si coprano d'infamia i miei accusatori,
siano avvolti di vergogna come di un mantello.

30 A piena voce ringrazierò il Signore,
in mezzo alla folla canterò la sua lode,

31 perché si è messo alla destra del misero
per salvarlo da quelli che lo condannano.



> Cerca omelie su questo capitolo

  > Libro: Salmi, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150  
inizio pagina