B I B B I A .net   > Bibbia CEI 2008 > Bibbia CEI 1974 > La Bibbia TILC

Antico Gen Es Lv Nm Dt - Gios Gdc Rut 1Sam 2Sam 1Re 2Re 1Cr 2Cr Esd Nee Tob Gdt Est 1Mac 2Mac
Testam. Gb Sal Prv Qo Cant Sap Sir - Is Ger Lam Bar Ez Dan Os Gioe Am Abd Gion Mich Naum Abac Sof Agg Zacc Mal

NuovoT. Mt Mc Lc Gv - At - Rom 1Cor 2Cor Gal Ef Fil Col 1Ts 2Ts 1Tm 2Tm Tit Flm Ebr - Giac 1Pt 2Pt 1Gv 2Gv 3Gv Gd - Ap

(Versione sperimentale)
Ricerca per citazione:
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     

Ricerca per parola:
cerca all'interno di
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     
 
Siracide
  > Libro: Siracide, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51  

(Testo TILC)

41
Non aver paura della morte

1 O morte! Chi vive tranquillo
in mezzo ai suoi beni,
chi non ha preoccupazioni perché tutto gli
riesce
e chi è ancora in forze per darsi alla bella
vita,
se pensa alla morte, prova tristezza.
2O morte, sei benvenuta
per chi è senza risorse
e si sente abbandonato dalle forze,
per chi è molto avanti negli anni
e logorato da mille pensieri,
e si ribella perché non ne può più.
3Non aver paura della morte: è il destino di
tutti,
pensa a chi ti ha preceduto e a quanti
verranno dopo di te:
4il Signore ha fissato questo destino per
tutti.
Perché rifiutare ciò che l'Altissimo ha
deciso?
Nel regno dei morti nessuno si preoccupa
se sei vissuto dieci, cento o mille anni.

Gli empi non hanno niente da sperare

5Provocano disgusto i figli degli empi
che frequentano gente senza fede:
6il loro patrimonio finirà nel nulla,
ai loro discendenti resterà solo il
disprezzo.
7I figli imprecheranno contro il padre
empio,
perché vengono disprezzati per colpa sua.
8Guai a voi che avete rifiutato Dio
e avete abbandonato la legge
dell'Altissimo.
9Siete stati messi al mondo per essere
maledetti
e maledetti sarete al momento della
morte.
10Quel che viene dal nulla, al nulla tornerà:
la vita degli empi è maledetta
e finisce nel nulla.

Lascia un buon ricordo di te

11Quando uno muore gli altri si vestono a
lutto,
ma se è un peccatore non lascia certo un
buon ricordo.
12Guarda che rimanga un buon ricordo di
te,
perché dura più di mille tesori d'oro.
13Sì, la vita di una persona buona finisce,
ma il suo ricordo durerà per sempre.

Sii coerente nella vita

14Figli, dimostrate l'educazione ricevuta
e vivrete in pace.
Se non manifesti la tua sapienza, essa non
serve a niente
ed è come un tesoro nascosto.
15Chi nasconde la propria follia
fa meglio di chi nasconde la sua sapienza.

Vero e falso pudore

16Fate dunque attenzione alle mie parole:
non è bene vergognarsi di qualsiasi cosa,
come non si può approvare sempre tutto.
17Pensa ai genitori e proverai vergogna di
vivere sregolato,
pensa ai capi e ai governanti e non dirai il
falso,
18pensa ai giudici e ai magistrati,
ti vergognerai a commettere un delitto,
pensa all'assemblea e al popolo
e non disubbidirai alla legge,
pensa al compagno e all'amico e non sarai
disonesto,
19pensa ai vicini e non ruberai.
Vergognati
di non mantenere i patti e le promesse,
di comportarti male a tavola,
di disprezzare chi ti chiede qualcosa,
20di non rispondere al saluto,
di fare l'occhiolino a una donna di strada.
21Vergognati se non ti sei occupato di un
parente,
se hai tolto a qualcuno ciò che gli spetta,
se hai fatto certe proposte alla donna di
un altro.
22Non essere intraprendente con la serva
e non cercare avventure con lei.
Davanti a un amico, vergognati di
insultarlo.
Dopo avergli fatto un regalo, perché glielo
rinfacci?



> Cerca omelie su questo capitolo

  > Libro: Siracide, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51  
inizio pagina