B I B B I A .net   > Bibbia CEI 2008 > Bibbia CEI 1974 > La Bibbia TILC

Antico Gen Es Lv Nm Dt - Gios Gdc Rut 1Sam 2Sam 1Re 2Re 1Cr 2Cr Esd Nee Tob Gdt Est 1Mac 2Mac
Testam. Gb Sal Prv Qo Cant Sap Sir - Is Ger Lam Bar Ez Dan Os Gioe Am Abd Gion Mich Naum Abac Sof Agg Zacc Mal

NuovoT. Mt Mc Lc Gv - At - Rom 1Cor 2Cor Gal Ef Fil Col 1Ts 2Ts 1Tm 2Tm Tit Flm Ebr - Giac 1Pt 2Pt 1Gv 2Gv 3Gv Gd - Ap

(Versione sperimentale)
Ricerca per citazione:
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     

Ricerca per parola:
cerca all'interno di
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     
 
Numeri
  > Libro: Numeri, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36  

(Testo TILC)

22
1Gli Israeliti partirono e andarono ad accamparsi nelle steppe di Moab, a est del Giordano, all'altezza di Gerico.
2-4Balak, figlio di Zippor, che a quel tempo era re di Moab, venne a sapere quel che gli Israeliti avevano fatto agli Amorrei. Il re e tutto il popolo furono presi dal terrore davanti al numero degli Israeliti. Allora i Moabiti dissero ai capi Madianiti: 'Questa massa di gente devasterà tutto, qui nelle vicinanze, come una mandria di buoi divora l'erba di un prato!'.
5Balak mandò messaggeri da Balaam, figlio di Beor, il quale abitava a Petor, una città sulle sponde dell'Eufrate nel territorio degli Ammaviti. Furono incaricati di portare questo messaggio da parte del re: 'Un'intera nazione è uscita dall'Egitto e ora ricopre la superficie del territorio. Si sono accampati proprio vicino a me. 6Ti prego, vieni subito in mio aiuto; maledici questo popolo, perché è più forte del mio. Forse, così riuscirò a vincerlo e a cacciarlo via dal territorio. So bene questo: chi tu benedici, è benedetto, e chi tu maledici, è maledetto!'.
7I capi di Moab e di Madian partirono con quanto era necessario per pagare l'indovino. Giunti da lui, gli riferirono il messaggio di Balak. 8Allora Balaam disse loro: 'Fermatevi qui stanotte. Domani vi darò la risposta che il Signore mi comunicherà'.
I capi di Moab pernottarono a casa di Balaam, 9e Dio venne a domandare a Balaam:
- Chi sono quelli che hai ospitato?
10Balaam gli rispose:
- Sono messaggeri che il re di Moab Balak, figlio di Zippor, ha mandato da me per comunicarmi: 11'Il popolo uscito dall'Egitto ricopre la superficie del territorio. Vieni in mio aiuto e maledicilo. Forse così riuscirò a vincerlo e a cacciarlo via'.
12Dio disse a Balaam:
- Non andrai con loro e non maledirai quel popolo, perché io l'ho benedetto!
13Il mattino seguente, appena si alzò, Balaam disse ai messaggeri di Balak: 'Tornate nel vostro paese. Il Signore non mi lascia venire con voi'.
14l capi di Moab fecero ritorno da Balak e gli dissero: 'Balaam ha rifiutato di accompagnarci'.
15Balak incaricò altri messaggeri, scelti tra i capi. Furono più numerosi e più importanti dei primi. 16Si recarono da Balaam e gli riferirono questo messaggio: 'Io, Balak, figlio di Zippor, ti prego: non rifiutare di venire da me! 17Ti colmerò di onori e farò tutto quel che mi chiederai. Vieni, maledici questo popolo!'.
18Ma Balaam rispose ai messaggeri di Balak: 'Anche se Balak mi desse tutto l'argento e l'oro del suo palazzo, io non potrei trasgredire gli ordini del Signore, mio Dio, in nulla: né in grandi né in piccole cose. 19Perciò fermatevi qui stanotte e io verrò a sapere quel che il Signore avrà da dirmi di nuovo'.
20Durante la notte il Signore venne a dire a Balaam: 'Se questi uomini sono venuti a chiamarti, parti pure con loro. Ma farai soltanto quel che ti indicherò'.
21Al mattino Balaam sellò la propria asina e partì con i capi Moabiti.
L'asina di Balaam

22La partenza di Balaam provocò lo sdegno di Dio. Balaam cavalcava l'asina, accompagnato da due servitori. L'angelo del Signore andò a piazzarsi sulla strada per sbarrargli il passaggio. 23L'asina vide l'angelo del Signore fermo in mezzo alla strada con la spada in mano; allora si scostò e passò attraverso i campi. Balaam frustò l'asina per riportarla sulla strada.
24In seguito l'angelo del Signore andò a mettersi in un punto dove la strada era incavata: attraversava vigneti, e c'era un muretto sia da una parte sia dall'altra. 25L'asina vide l'angelo del Signore: si strinse contro il muretto e schiacciò il piede di Balaam. Egli la frustò di nuovo.
26L'angelo del Signore li sorpassò ancora e andò a mettersi in un passaggio della strada così stretto che non si poteva scansarlo né a destra né a sinistra. 27L'asina lo vide e si sdraiò per terra con il padrone in groppa. Allora Balaam fu preso da una violenta collera e prese l'asina a bastonate. 28Il Signore diede all'asina la capacità di parlare ed essa disse a Balaam: - Che cosa ti ho fatto? È già la terza volta che mi batti!
29Balaam rispose:
- Tu mi prendi in giro! Se avessi una spada, ti ucciderei!
30L'asina replicò:
- Eppure io sono la tua asina, quella che hai sempre cavalcato fino ad oggi. Ho forse l'abitudine di comportarmi così con te?
- No, - egli rispose.
31In quell'istante il Signore aprì gli occhi a Balaam, ed egli vide l'angelo con la spada in mano fermo in mezzo alla strada. Allora si inchinò e si gettò con la faccia a terra.
32L'angelo gli domandò:
- Perché hai battuto per tre volte la tua asina? Io sono venuto a sbarrarti la strada, perché secondo me hai deciso questo viaggio alla leggera. 33L'asina mi ha visto e per tre volte si è scansata da me. Altrimenti ti avrei ucciso; l'asina invece l'avrei lasciata in vita.
34Balaam disse all'angelo del Signore:
- Sono colpevole. Io non sapevo che tu eri fermo sulla strada davanti a me. Ma se questo viaggio ti fa dispiacere, me ne torno a casa!
35Rispose l'angelo:
- No! Accompagna pure questi uomini; però pronunzierai soltanto le parole che io ti suggerirò.
Allora Balaam riprese il cammino in compagnia dei messaggeri di Balak.

Incontro di Balaam con Balak

36Quando Balak venne a sapere che Balaam stava per arrivare, gli andò incontro fino alla città moabita di Ar, situata alla frontiera del suo territorio, sulle sponde del torrente Arnon. 37Disse a Balaam:
- Perché non hai accettato di venire qui da me la prima volta che ho mandato i messaggeri a chiamarti? Credevi forse che io non sarei stato in grado di ricompensarti?
38Balaam rispose al re:
- Ebbene, ora eccomi qui da te. Ma che cosa dire? Io sono autorizzato a pronunziare solo le parole che Dio porrà sulla mia bocca.
39Poi Balaam partì con Balak. Si recarono nella città di Cusot. 40Balak offrì in sacrificio tori e montoni e mandò una porzione delle loro carni a Balaam e ai capi che lo accompagnavano.

Balaam benedice il popolo d'Israele

41Il mattino seguente Balak salì con Balaam su una collina dedicata al culto del dio Baal; di là si vedeva un settore dell'accampamento degli Israeliti.



> Cerca omelie su questo capitolo

  > Libro: Numeri, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36  
inizio pagina