B I B B I A .net   > Bibbia CEI 2008 > Bibbia CEI 1974 > La Bibbia TILC

Antico Gen Es Lv Nm Dt - Gios Gdc Rut 1Sam 2Sam 1Re 2Re 1Cr 2Cr Esd Nee Tob Gdt Est 1Mac 2Mac
Testam. Gb Sal Prv Qo Cant Sap Sir - Is Ger Lam Bar Ez Dan Os Gioe Am Abd Gion Mich Naum Abac Sof Agg Zacc Mal

NuovoT. Mt Mc Lc Gv - At - Rom 1Cor 2Cor Gal Ef Fil Col 1Ts 2Ts 1Tm 2Tm Tit Flm Ebr - Giac 1Pt 2Pt 1Gv 2Gv 3Gv Gd - Ap

(Versione sperimentale)
Ricerca per citazione:
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     

Ricerca per parola:
cerca all'interno di
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     
 
Isaia
  > Libro: Isaia, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66  

(Testo TILC)

45
Il re Ciro, l'inviato di Dio

1Il Signore dice al re Ciro,
che egli ha scelto:
'Ti do tutto il mio appoggio
per sottomettere le nazioni,
per detronizzare i re e spalancare davanti a te
le porte sbarrate delle città.
2Ti precederò, per prepararti il terreno
ed eliminare davanti a te ogni ostacolo,
per abbattere le porte di bronzo
e rompere le spranghe di ferro.
3Ti farò scoprire tesori segreti,
ricchezze ben nascoste.
Così tu riconoscerai che io,
il Signore, il Dio d'Israele,
ti ho affidato un incarico.
4Per amore d'Israele, mio servo,
di Giacobbe, popolo da me scelto,
ti ho affidato un incarico.
Ti ho concesso questo onore
anche se tu non mi conoscevi.
5Il Signore sono io e nessun altro.
All'infuori di me non c'è altro Dio.
Farò di te un re potente
anche se tu non mi conosci.
6 Così, dall'oriente all'occidente,
tutti sapranno
che all'infuori di me non c'è nessuno.
Il Signore sono io e nessun altro.
7Io faccio la luce
e creo l'oscurità;
procuro il benessere
e provoco la disgrazia.
Io, il Signore, compio tutto questo.

8Il cielo dall'alto mandi la rugiada
e le nubi come pioggia, la vittoria!
La terra si apra e l'accolga,
per far germogliare la giustizia
e fiorire la salvezza!
Io, il Signore, ho creato tutto questo'.

L'argilla e il vasaio

9Guai all'uomo,
semplice vaso di argilla tra i tanti,
che osa rimproverare chi lo ha plasmato!
Può forse l'argilla chiedere
a chi lavora: 'Che cosa fai?'
O dire al vasaio: 'Il tuo lavoro
è incompleto!'?
10Guai a chi osa dire a suo padre:
'Perché mi hai generato?'.
O a sua madre:
'Perché mi hai messo al mondo?'.
11Il Signore, il Santo d'Israele,
ha plasmato il suo popolo
e ora chiede:
'Volete che io vi renda conto
di come mi comporto con i miei figli?
Volete impormi che cosa devo
o non devo fare?
12 Io ho fatto la terra
e creato gli uomini che la abitano.
Con le mie mani ho disteso il cielo
come una tenda
e do ordini all'esercito delle stelle.
13 Io sono fedele,
perciò ho chiamato il re Ciro
e gli ho spianato la via.
Egli ricostruirà la mia città, Gerusalemme,
e farà tornare a casa
gli esiliati che mi appartengono,
senza ricevere un soldo, senza un regalo.
Così dice il Signore dell'universo!'.

Il Signore è con te, Israele

14Il Signore assicura a Israele:
il frutto del lavoro degli Egiziani,
il guadagno degli Etiopi
e degli abitanti di Seba,
così alti di statura,
diventerà tuo, sarà tua proprietà!
Questi uomini ti verranno dietro,
incatenati,
ti si prostreranno dinanzi
e riconosceranno:
Non c'è altro Dio che il tuo,
non esistono altre divinità.

15Dio d'Israele, tu che salvi,
tu sei veramente un Dio misterioso!
16Quelli che fabbricano idoli
saranno coperti di vergogna e di disonore.
Se ne andranno via confusi.
17Il popolo d'Israele, invece,
ha ricevuto dal Signore
una salvezza perenne.
Non ci sarà mai per lui
né vergogna né disonore.

18Il Signore ha creato il cielo,
è Dio che ha fatto la terra,
che l'ha plasmata e resa stabile.
Non l'ha creata per rimanere vuota,
ma per essere popolata.
Ora egli afferma:
'Il Signore sono io,
non c'è altro Dio.
19Non ho parlato di nascosto
o in qualche angolo oscuro.
Non ho chiesto ai discendenti di Giacobbe
di cercarmi dove non c'è nulla.
Io, il Signore, lo affermo con franchezza:
quello che io annunzio
è chiaro ed è sicuro'.

Il Signore è il Dio di tutti

20Dice il Signore:
'Venite e radunatevi insieme,
superstiti delle nazioni,
avvicinatevi!

Coloro che portano idoli di legno
sono insensati:
essi pregano un dio
che non li può salvare.
21 Consigliatevi pure insieme
per vedere quali prove portare
a vostro favore.
Chi è che ha fatto sapere in anticipo
quel che accade oggi?
Chi l'aveva già annunziato da tempo?
Non sono forse io, il Signore?
All'infuori di me,
non c'è altro Dio.
Un Dio fedele, che salva,
non esiste, all'infuori di me.
22Genti di tutta la terra,
rivolgetevi a me
e sarete salve,
perché il Signore sono io
e nessun altro.
23Quel che prometto, io lo mantengo;
Quel che dico, rimane.
Lo giuro sulla mia vita e sul mio onore:
tutti si prostreranno davanti a me
e tutti riconosceranno:
24 Solo nel Signore troviamo la vittoria
e la forza.
Tutti quelli che mi hanno fatto guerra
torneranno a me, umiliati.
25Tutti i discendenti d'Israele
otterranno giustizia
e si rallegreranno per merito mio.



> Cerca omelie su questo capitolo

  > Libro: Isaia, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66  
inizio pagina