B I B B I A .net   > Bibbia CEI 2008 > Bibbia CEI 1974 > La Bibbia TILC

Antico Gen Es Lv Nm Dt - Gios Gdc Rut 1Sam 2Sam 1Re 2Re 1Cr 2Cr Esd Nee Tob Gdt Est 1Mac 2Mac
Testam. Gb Sal Prv Qo Cant Sap Sir - Is Ger Lam Bar Ez Dan Os Gioe Am Abd Gion Mich Naum Abac Sof Agg Zacc Mal

NuovoT. Mt Mc Lc Gv - At - Rom 1Cor 2Cor Gal Ef Fil Col 1Ts 2Ts 1Tm 2Tm Tit Flm Ebr - Giac 1Pt 2Pt 1Gv 2Gv 3Gv Gd - Ap

(Versione sperimentale)
Ricerca per citazione:
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     

Ricerca per parola:
cerca all'interno di
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     
 
Vangelo secondo Giovanni
  > Libro: Vangelo secondo Giovanni, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21  

(Testo TILC)

9
Gesù guarisce un cieco

ascolta mp31Camminando, Gesù passò accanto a un uomo che era cieco fin dalla nascita. 2I discepoli chiesero a Gesù:
- Maestro, se quest'uomo è nato cieco, di chi è la colpa? Sua o dei suoi genitori?
3Gesù rispose:
- Non ne hanno colpa né lui né i suoi genitori, ma è così perché in lui si possano manifestare le opere di Dio. 4Finché è giorno, io devo fare le opere del Padre che mi ha mandato. Poi verrà la notte, e allora nessuno può agire più. 5Mentre sono nel mondo, io sono la luce del mondo.
6Così disse Gesù, poi sputò in terra, fece un po' di fango e lo mise sugli occhi del cieco. 7Poi gli disse:
- Va' a lavarti alla piscina di Siloe. (Siloe vuol dire 'mandato').
Quello andò, si lavò e tornò indietro che ci vedeva.
8Allora i vicini di casa e tutti quelli che prima lo vedevano chiedere l'elemosina dicevano:
- Ma questo non è il mendicante che stava lì seduto a chiedere l'elemosina?
9Alcuni rispondevano:
- È proprio lui.
Altri invece dicevano:
- Non è lui, è uno che gli somiglia.
Lui però dichiarava:
- Sì, sono io.
10La gente allora gli domandò:
- Com'è che non sei più cieco?
11Rispose:
- Quell'uomo, che chiamano Gesù, ha fatto un po' di fango e me l'ha messo sugli occhi. Poi mi ha detto: Va' a lavarti nella piscina di Siloe. Ci sono andato, mi sono lavato e ho cominciato a vedere.
12Gli domandarono:
E dov'è, ora, quell'uomo?
Rispose:
- Non lo so.

I farisei fanno indagini sul miracolo

13Allora portarono davanti ai farisei colui che era stato cieco. 14-15I farisei chiesero di nuovo a quell'uomo in che modo aveva cominciato a vedere.
Egli rispose:
- Mi ha messo un po' di fango sugli occhi. Poi mi sono lavato e ora vedo.
Il giorno che Gesù gli aveva aperto gli occhi con il fango era un sabato. 16Alcuni farisei dissero:
- Quell'uomo non viene da Dio, perché non rispetta il sabato.
Altri obiettavano:
- Non è possibile che un peccatore faccia miracoli così straordinari.
Non tutti dunque erano dello stesso parere.
17Si rivolsero di nuovo al cieco e gli dissero:
- Ma tu, che cosa dici di quel tale che ti ha aperto gli occhi?
Egli rispose:
- È un profeta.
18Ma le autorità non volevano credere che era stato cieco e ora vedeva; perciò chiamarono i suoi genitori 19e li interrogarono:
- È questo il figlio vostro, che secondo voi è nato cieco? E come mai ora vede?
20I genitori risposero:
- Noi sappiamo che questo è nostro figlio, e che è nato cieco. 21Come mai ora egli veda, non lo sappiamo. Chi sia stato a ridargli la vista, non lo sappiamo. Chiedetelo a lui: è maggiorenne, può parlare per conto suo.
22Dissero così perché avevano paura. Infatti se qualcuno riconosceva Gesù come Messia, non lo lasciavano più entrare nella sinagoga. 23Perciò i genitori dissero: 'È abbastanza grande, chiedetelo a lui'.
24Allora chiamarono per la seconda volta quello che era stato cieco e gli ordinarono:
- Di' la verità di fronte a Dio! Noi sappiamo che quell'uomo è un peccatore!
25Rispose:
- Io non so se è un peccatore o no. Una cosa però io so di certo: che ero cieco e ora vedo.
26Allora gli dissero:
- Che cosa ti ha fatto? In che modo ti ha aperto gli occhi?
27Rispose:
- Ve l'ho già detto e non avete ascoltato. Perché volete sentirlo ancora? Per caso, volete diventare suoi discepoli anche voi?
28Allora lo insultarono e gli dissero:
- Tu sì; tu sei un discepolo di lui! Noi siamo discepoli di Mosè. 29A Mosè ha parlato Dio, ne siamo sicuri; ma questo Gesù, non sappiamo da dove viene.
30Rispose l'uomo:
- Proprio questo è strano: voi non sapete da dove viene, ma intanto io non sono più cieco perché egli mi ha dato la vista! 31-33Non si è mai sentito, finora, che uno abbia dato la vista a un uomo nato cieco. Se lui non venisse da Dio non potrebbe farlo, perché Dio non ascolta i malvagi, ma ascolta chi lo rispetta e fa la sua volontà.
34Ma quelli replicarono:
- Tu sei tutto quanto nel peccato fin dalla nascita e vuoi insegnare a noi? E lo buttarono fuori.

I veri ciechi

35Gesù incontrò quello che prima era cieco. Sapendo che l'avevano espulso dalla sinagoga gli disse:
- Tu credi nel Figlio dell'uomo?
36Quello rispose:
- Signore, dimmi chi è, perché io creda in lui!
37Gesù disse:
- È qui, davanti a te: è colui che ti parla.
38Quello si inginocchiò ai piedi di Gesù esclamando:
- Signore, io credo!
39Gesù disse:
- Io sono venuto per mettere il mondo di fronte a un giudizio; così quelli che non vedono vedranno, e quelli che vedono diventeranno ciechi.
40I farisei che erano con lui udirono queste parole e gli domandarono: 'Per caso, siamo ciechi anche noi?'.
41Gesù rispose: 'Se foste ciechi, non avreste colpa; invece dite: 'Noi vediamo'. Così il vostro peccato rimane'.



> Cerca omelie su questo capitolo

  > Libro: Vangelo secondo Giovanni, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21  
inizio pagina