LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 17 Maggio 2024 <

Mercoledì 15 Maggio 2024

Giovedì 16 Maggio 2024

Venerdì 17 Maggio 2024

Sabato 18 Maggio 2024

Domenica 19 Maggio 2024

Lunedì 20 Maggio 2024

Martedì 21 Maggio 2024

Mercoledì 22 Maggio 2024

Giovedì 23 Maggio 2024

Venerdì 24 Maggio 2024

Newsletter
Per ricevere la Liturgia del giorno inserisci la tua mail:


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:







  Venerdì della VII settimana di Pasqua

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: Feria
Colore liturgico: Bianco
EP075 ;
La pagina evangelica ci istruisce profondamente sulla natura del mistero pastorale nella Chiesa. La sua sorgente più profonda, in chi lo esercita, è un amore supremo a Cristo: il pascere il gregge è atto di amore. In questo amore unico che lega il pastore a Cristo, il pastore medesimo si sente ed è ormai legato per sempre. Egli non può più andare dove vuole: non è più padrone del suo tempo, di se stesso. Ed è in questa morte a se stesso e di se stesso, per il gregge che gli è affidato, che il pastore glorifica Dio: manifesta l’amore del Padre che salva. Mistero mirabile e tremendo: Pietro (ed ogni pastore) è chiamato a seguire Cristo, in questo modo.
Ricevi la Liturgia via mail >
Condividi questa Liturgia su > Facebook
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Cristo ci ama
e ci ha liberati dai nostri peccati con il suo sangue:
egli ha fatto di noi un regno,
sacerdoti per il suo Dio e Padre. Alleluia. (Ap 1,5-6)


Colletta
O Dio, che con la glorificazione del tuo Figlio
e con l’effusione dello Spirito Santo
ci hai aperto il passaggio alla vita eterna,
fa’ che, partecipi di così grandi doni,
progrediamo nella fede e nel tuo amore.
Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio,
e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli.

>

Prima lettura

At 25,13-21
Si trattava di un certo Gesù, morto, che Paolo sosteneva essere vivo.

Dagli Atti degli Apostoli

In quei giorni, arrivarono a Cesarèa il re Agrippa e Berenìce e vennero a salutare Festo. E poiché si trattennero parecchi giorni, Festo espose al re le accuse contro Paolo, dicendo:
«C’è un uomo, lasciato qui prigioniero da Felice, contro il quale, durante la mia visita a Gerusalemme, si presentarono i capi dei sacerdoti e gli anziani dei Giudei per chiederne la condanna. Risposi loro che i Romani non usano consegnare una persona, prima che l’accusato sia messo a confronto con i suoi accusatori e possa aver modo di difendersi dall’accusa.
Allora essi vennero qui e io, senza indugi, il giorno seguente sedetti in tribunale e ordinai che vi fosse condotto quell’uomo. Quelli che lo incolpavano gli si misero attorno, ma non portarono alcuna accusa di quei crimini che io immaginavo; avevano con lui alcune questioni relative alla loro religione e a un certo Gesù, morto, che Paolo sosteneva essere vivo.
Perplesso di fronte a simili controversie, chiesi se volesse andare a Gerusalemme e là essere giudicato di queste cose. Ma Paolo si appellò perché la sua causa fosse riservata al giudizio di Augusto, e così ordinai che fosse tenuto sotto custodia fino a quando potrò inviarlo a Cesare».

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 102

Il Signore ha posto il suo trono nei cieli.

Benedici il Signore, anima mia,
quanto è in me benedica il suo santo nome.
Benedici il Signore, anima mia,
non dimenticare tutti i suoi benefici.

Perché quanto il cielo è alto sulla terra,
così la sua misericordia è potente su quelli che lo temono;
quanto dista l’oriente dall’occidente,
così egli allontana da noi le nostre colpe.

Il Signore ha posto il suo trono nei cieli
e il suo regno dòmina l’universo.
Benedite il Signore, angeli suoi,
potenti esecutori dei suoi comandi.

Canto al Vangelo (Gv 14,26)
Alleluia, alleluia.
Lo Spirito Santo vi insegnerà ogni cosa;
vi ricorderà tutto ciò che io vi ho detto.
Alleluia.

>

Vangelo

Condividi il Vangelo su >   Facebook Ascolta il Vangelo >    

Gv 21,15-19
Pasci i miei agnelli, pasci le mie pecore.


+ Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, [quando si fu manifestato ai discepoli ed] essi ebbero mangiato, Gesù disse a Simon Pietro: «Simone, figlio di Giovanni, mi ami più di costoro?». Gli rispose: «Certo, Signore, tu lo sai che ti voglio bene». Gli disse: «Pasci i miei agnelli».
Gli disse di nuovo, per la seconda volta: «Simone, figlio di Giovanni, mi ami?». Gli rispose: «Certo, Signore, tu lo sai che ti voglio bene». Gli disse: «Pascola le mie pecore».
Gli disse per la terza volta: «Simone, figlio di Giovanni, mi vuoi bene?». Pietro rimase addolorato che per la terza volta gli domandasse “Mi vuoi bene?”, e gli disse: «Signore, tu conosci tutto; tu sai che ti voglio bene». Gli rispose Gesù: «Pasci le mie pecore. In verità, in verità io ti dico: quando eri più giovane ti vestivi da solo e andavi dove volevi; ma quando sarai vecchio tenderai le tue mani, e un altro ti vestirà e ti porterà dove tu non vuoi».
Questo disse per indicare con quale morte egli avrebbe glorificato Dio. E, detto questo, aggiunse: «Seguimi».

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
Nella missione pastorale affidata a Pietro, Gesù ha chiamato tutti a partecipare al suo servizio di amore. Preghiamo con fede, dicendo:
Ascoltaci, o Signore.

- Per il successore di Pietro nel servizio universale della carità pastorale, perchè sia fedele alla sequela di Cristo anche fino al martirio. Preghiamo.
- Per i sacerdoti, perchè al di là di ogni loro debolezza, amino con tutto il cuore il loro Signore e siano pastori zelanti della Chiesa. Preghiamo.
- Per tutti coloro che sono disprezzati a causa della fede, della verità e della giustizia, perchè siano sostenuti dalla solidarietà dei fratelli. Preghiamo.
- Per i poteri civili e le pubbliche autorità, perchè siano imparziali nell'amministrazione della giustizia e difendano i diritti dei più deboli. Preghiamo.
- Per noi credenti, perchè ci ispiriamo al coraggio dei martiri nell'affrontare le prove e le lotte per il bene. Preghiamo.
- Per chi deve subire giudizio. Preghiamo.
- Per coloro che non sono autosufficienti. Preghiamo.

O Gesù pastore supremo del tuo gregge, che in risposta alla triplice professione di amore dell'apostolo Pietro hai voluto preannunciare la sua missione di continuare la tua opera nella Chiesa e nel mondo, rendici fedeli membri del tuo gregge fino alla morte. Tu che vivi e regni nei secoli dei secoli. Amen.

Preghiera sulle offerte
Guarda con bontà, o Signore,
le offerte del tuo popolo
e, perché ti siano pienamente gradite,
manda il tuo Spirito a purificare i nostri cuori.
Per Cristo nostro Signore.


PREFAZIO DOPO L’ASCENSIONE
Nell’attesa della venuta dello Spirito

È veramente cosa buona e giusta,
che tutte le creature in cielo e sulla terra
si uniscano nella tua lode,
Dio onnipotente ed eterno,
per Cristo tuo Figlio, Signore dell’universo.
Entrato una volta per sempre nel santuario dei cieli,
egli intercede per noi, mediatore e garante
della perenne effusione dello Spirito.
Pastore e custode delle nostre anime,
ci chiama all’unanime preghiera,
sull’esempio di Maria e degli apostoli,
nell’attesa di una rinnovata Pentecoste.
Per questo mistero di santificazione e d’amore,
uniti agli angeli e ai santi,
cantiamo senza fine
l’inno della tua gloria: Santo, ...

Oppure Prefazio dell’Ascensione I oppure II.


Antifona alla comunione
Quando verrà lo Spirito della verità,
vi guiderà alla verità tutta intera.
Alleluia. (Cf. Gv 16,13)

Oppure:
«Simone, figlio di Giovanni, mi ami?».
«Certo, Signore, tu lo sai che ti voglio bene».
E il Signore disse: «Seguimi». Alleluia. (Gv 21,16.19)


Preghiera dopo la comunione
O Dio, che ci purifichi e ci nutri
con i tuoi santi misteri,
concedi che i doni di questa tua mensa
ci ottengano la vita senza fine.
Per Cristo nostro Signore.



O M E L I E
a cura di
Qumran2.net


    Casa di Preghiera San Biagio FMA       (Omelia del 17-05-2024)
Commento su Gv 21,15-19
Nel Vangelo la gioia più intensa è solitamente frutto di una predilezione personale. Il Vangelo racconta spesso questa gioia intensa: "In mezzo a tanti, il Signore pone su di me lo sguardo e mi chiama, mi coinvolge e mi riabilita, mi guarisce, apre una strada, mi dona una vita nuova". La parola personale rivolta a Pietro è una domanda: "Mi ami?". Questa è un ...
(continua)

 
    Missionari della Via       (Omelia del 17-05-2024)

Pietro dopo questa esperienza sarà finalmente pronto a guidare nel nome del Signore la Chiesa. È l'esperienza della misericordia ricevuta, dello scoprirsi amato con tutte le sue fragilità. Pietro, il pescatore focoso e sicuro di sé che a suo tempo disse: «Signore, non ti tradirò mai!», e che si sentì rispondere: «tre volte mi rinnegherai», sperimenta il fall ...
(continua)

 
    don Domenico Bruno       (Omelia del 17-05-2024)
Il nostro audio quotidiano
Visita www.annunciatedaitetti.it La nostra missione continua con altri formati anche su: Instagram Facebook Telegram dove troverai anteprime e contenuti esclusivi. Abbiamo anche una WebTv Ascolta tutti i nostri podcast e gli altri progetti: clicca qui  Per ascoltare il commento qui sotto, clicca play! SE QUESTO SERVIZIO AL VANGELO CREDI SIA U ...
(continua)

 
    don Giampaolo Centofanti       (Omelia del 17-05-2024)

Gesù prima di affidare un così delicato mandato a Pietro gli chiede se ama lui più dei discepoli. Per amare davvero i discepoli insomma bisogna mettere Dio al primo posto. È un punto di verifica concreto anche se da leggere con equilibrio e buonsenso nello Spirito. Come può essere importante da un lato sentirsi amati da Dio senza condizioni ma dall'altro non ...
(continua)

 
    don Alessandro Farano       (Omelia del 17-05-2024)
Venerdì - VII Settimana di Pasqua - Anno B - Commento al Vangelo - Gv 21,15-19
segui la WebTv o iscriviti al MONASTERO INVISIBILE su www.ilcenacolowebtv.it ...
(continua)

 
    don Michele Cerutti       (Omelia del 17-05-2024)
Inizia il tempo della Chiesa
La spinta evangelizzatrice di Paolo giunge nel cuore dell'Impero a Roma. "Tutto posso in colui che mi dà la forza" dice nelle sue lettere l'apostolo delle genti. Lo vediamo ormai nelle tappe finali del suo cammino instancabile in mezzo alle tante prove che ha dovuto subire e che non finiscono perché altri momenti difficili caratterizzeranno il suo apostola ...
(continua)

 
    don Carlo Occelli       (Omelia del 26-05-2023)
Commento al Vangelo 26 maggio 2023
...
(continua)

 
    don Domenico Bruno       (Omelia del 26-05-2023)
Il nostro audio quotidiano
Visita www.annunciatedaitetti.it La nostra missione continua con altri formati anche su: Instagram Facebook Telegram dove troverai anteprime e contenuti esclusivi. Abbiamo anche una WebTv Ascolta tutti i nostri podcast e gli altri progetti: clicca qui  Per ascoltare il commento qui sotto, clicca play! SE QUESTO SERVIZIO AL VANGELO CREDI SIA U ...
(continua)

 
    don Nicola Salsa       (Omelia del 26-05-2023)
L'amore di Dio guarisce le ferite (Gv 21,15-19)
...
(continua)

 
    don Giampaolo Centofanti       (Omelia del 26-05-2023)

Qui si manifesta il cuore di Gesù verso ciascuno di noi e dunque la via della maturazione del cuore del pastore. La prima cosa è crescere nell'amore di Gesù stesso, metterlo sempre più al primo posto perché il pastore viva nel cuore di Cristo. Un cammino dove dal voler bene si è portati verso l'amore sponsale con Dio. La domanda ripetuta di Gesù è segno di ...
(continua)

 
    don Carlo Occelli       (Omelia del 03-06-2022)
Commento al Vangelo 3 giugno 2022
...
(continua)

 
    don Domenico Bruno       (Omelia del 03-06-2022)
Il nostro audio quotidiano
Ricevi ogni giorno il commento direttamente sul tuo telefono: unisciti al canale Telegram @annunciatedaitetti Leggi o ascolta il commento intero sul sito: annunciatedaitetti.it e resta sempre aggiornato! Iscriviti anche al canale YouTube NOVITA': Ascolta raDioON la web radio dallo spirito divino. Clicca Qui oppure vai su www.rdon.it Ti aspettiamo ...
(continua)

 
    don Nicola Salsa       (Omelia del 03-06-2022)
Signore, tu sai tutto (Gv 21,15-19)
...
(continua)

 
    don Alessandro Farano       (Omelia del 03-06-2022)
Venerdì - VII Settimana di Pasqua - Anno C - Commento al Vangelo
...
(continua)

 
    don Carlo Occelli       (Omelia del 21-05-2021)
Commento al Vangelo 21 maggio 2021
...
(continua)

 
    don Marco Scandelli       (Omelia del 21-05-2021)
#2minutiDiVangelo - VII Venerdì Pasqua - Ama il Signore e seguilo. Non preoccuparti del peccato.
Commento al Vangelo del VII Venerdì Pasqua - a cura di don Marco Scandelli #2minutiDiVangelo Gv 21 15-19 ...
(continua)

 
    don Domenico Bruno       (Omelia del 21-05-2021)
Il nostro audio quotidiano
Ricevi ogni giorno il commento direttamente sul tuo telefono: unisciti al canale Telegram @annunciatedaitetti Resta aggiornato col sito: annunciatedaitetti.it Iscriviti anche al canale YouTube Ti aspettiamo anche su Instagram con tante immagini! Per ascoltare subito il commento qui sotto, clicca play! ...
(continua)

 
    don Nicola Salsa       (Omelia del 21-05-2021)
Mi ami più degli altri? (Gv 21,15-19)
...
(continua)

 
    don Alessandro Farano       (Omelia del 21-05-2021)
Venerdi? - VII settimana di Pasqua - Commento al Vangelo
...
(continua)

 
    don Nicola Salsa       (Omelia del 29-05-2020)
Simone, mi vuoi bene?
...
(continua)

 
    don Carlo Occelli       (Omelia del 29-05-2020)
Commento al vangelo 29 maggio 2020
...
(continua)

 
    don Domenico Bruno       (Omelia del 29-05-2020)
Il nostro audio quotidiano
Per ricevere il commento quotidiano unisciti al canale Telegram @annunciatedaitetti Visita il sito annunciatedaitetti.it Dai uno sguardo anche al canale YouTube Ascolta il commento qui sotto. Clicca play ...
(continua)

 
    don Marco Scandelli       (Omelia del 29-05-2020)
Signore, tu sai che - nonostante il mio limite - ti amo!
#2minutiDiVangelo Commento al Vangelo di Venerdì 29 Maggio 2020 a cura di don Marco Scandelli -- Giovanni 21,15-19 -- Mentre Pietro si giudica indegno dell'amicizia di Gesù, il Signore gli rivolge lo sguardo senza condannarlo per il suo tradimento, ma "abbassandosi" al suo livello d'amore ed accettando la sua misura d'amore. ...
(continua)

 
    don Giampaolo Centofanti       (Omelia del 29-05-2020)

Gesù prima nutre col suo amore i discepoli poi insegna loro a fare altrettanto. Prima nutrire, dare solo amore, agli agnellini poi quando crescono anche guidarli al pascolo. Questo può avvenire sempre più solo lasciandoci portare per mano da Dio nella sua volontà fino a divenire disponibili a dare in Lui tutta la nostra vita. A morire in Lui per risorgere in ...
(continua)

 
    Casa di Preghiera San Biagio FMA       (Omelia del 07-06-2019)
Commento su Gv 21, 15
"Simone, figlio di Giovanni, mi ami più di costoro? " Gv 21, 15 Come vivere questa Parola? Gesù mette un po' alla prova Pietro. Egli si è dimostrato fedele ed infedele, sciocco ed intelligente allo stesso tempo. Eppure la scelta di Gesù non cambia. Lo vuole capo e pastore del gregge. Lo vuole pescatore di uomini e capo della nascente comunità cristiana, d ...
(continua)

 
    don Nicola Salsa       (Omelia del 07-06-2019)
E tu quanto mi vuoi bene?
...
(continua)

 
    Paolo Curtaz       (Omelia del 22-05-2015)

E così, scherza e ridi, siamo arrivati alla vigilia della Pentecoste. Abbiamo lungamente meditato sull'impegnativo discorso di Gesù dopo l'ultima cena nel Vangelo di Giovanni. Sempre Giovanni ci accompagna nel raccontarci l'epilogo della faticosa conversione alla gioia di Pietro. Dopo la pesca miracolosa sul lago di Tiberiade, Gesù si manifesta a Pietro in p ...
(continua)

 
    Paolo Curtaz       (Omelia del 06-06-2014)

Mi ami? Per tre volte Pietro aveva negato di conoscere Gesù. Lo aveva fatto davanti a una serva, intimorito dalla situazione. Tutte le sue certezze e la consapevolezza del nuovo, importante ruolo affidatogli dal Maestro si erano sciolte come neve al sole. Il forte che avrebbe dovuto rassicurare i fratelli si era rivelato il debole. Il più debole. Perciò la r ...
(continua)