B I B B I A .net   > Bibbia CEI 2008 > Bibbia CEI 1974 > La Bibbia TILC

Antico Gen Es Lv Nm Dt - Gios Gdc Rut 1Sam 2Sam 1Re 2Re 1Cr 2Cr Esd Nee Tob Gdt Est 1Mac 2Mac
Testam. Gb Sal Prv Qo Cant Sap Sir - Is Ger Lam Bar Ez Dan Os Gioe Am Abd Gion Mich Naum Abac Sof Agg Zacc Mal

NuovoT. Mt Mc Lc Gv - At - Rom 1Cor 2Cor Gal Ef Fil Col 1Ts 2Ts 1Tm 2Tm Tit Flm Ebr - Giac 1Pt 2Pt 1Gv 2Gv 3Gv Gd - Ap

(Versione sperimentale)
Ricerca per citazione:
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     

Ricerca per parola:
cerca all'interno di
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     
 
hai cercato Israele
  la ricerca ha riportato 500 risultati  

(Testo TILC)

Gen 32,29 L'altro disse:
- Non ti chiamerai più Giacobbe, ma Israele, perché tu hai lottato contro Dio e contro gli uomini e hai vinto.

Gen 33,20 Costruì un altare e lo chiamò 'El, il Dio d'Israele'.

Gen 34,7 Quando i figli di Giacobbe tornarono dalla campagna ed ebbero udito quel che era accaduto, ne furono addolorati e fortemente indignati. Pensavano che Sichem, violentando la figlia di Giacobbe, aveva commesso un'infamia che in Israele non doveva assolutamente essere compiuta.

Gen 35,10 e gli diede un nuovo nome. Gli disse:
'Tu ti chiami Giacobbe,
ma da ora in poi non ti chiamerai più così.
Il tuo nome sarà Israele'.

Gen 35,22 Mentre stava in quella regione Ruben ebbe rapporti sessuali con Bila, la concubina di suo padre, e Israele venne a saperlo.

Gen 36,31 Questi furono i re che dominarono nel territorio di Edom, prima che vi fosse un re in Israele.
Gen 48,20 Quel giorno dunque li benedisse, con queste parole: 'Per il popolo d'Israele voi diventerete un esempio di grande benedizione. Quando si vorrà augurare bene a qualcuno si dirà: Dio ti benedica come Efraim e Manasse'.
E così quel giorno Giacobbe diede il primo posto a Efraim davanti a Manasse.

Gen 49,2 Figli di Giacobbe,
raccoglietevi insieme e state attenti.
Ascoltate vostro padre Israele.

Gen 49,16 Dan, tu sarai giudice del tuo popolo!
fra le altre tribù d'Israele.

Gen 49,24 Ma il Dio Potente di Giacobbe l'ha aiutato:
con la sua potenza ha reso saldo il suo arco.
Ha reso corto e veloce il suo braccio,
lui, il pastore, la roccia d'Israele.

Es 4,22 Allora tu dirai al faraone: Così dice il Signore: Israele è il mio figlio primogenito.
Es 5,1 In seguito Mosè e Aronne si recarono dal faraone e gli annunziarono:
- Il Signore, il Dio d'Israele, ti dà quest'ordine: Lascia partire il mio popolo perché mi celebri una festa nel deserto

Es 5,2 Il faraone rispose:
- Ma chi è il Signore? Perché io devo ascoltarlo e lasciar partire Israele? Io non lo conosco e non ho intenzione di lasciar partire Israele!

Es 8,28 Ma anche in questa occasione il faraone si ostinò e non volle lasciare partire il popolo d'Israele.

Es 11,7 Ma tra gli Israeliti, sia tra la gente sia tra il bestiame, non si sentirà abbaiare neanche un cane. Sappiate che il Signore tratta in modo diverso l'Egitto e Israele!
Es 11,15 Il Signore disse: 'Per sette giorni voi mangerete pane non lievitato. Già dal primo giorno farete sparire il lievito dalle vostre case: anzi, dal primo al settimo giorno, chiunque mangerà cibi lievitati verrà escluso dal popolo d'Israele.
Es 11,19 Per sette giorni non ci sarà lievito nelle vostre case, perché chiunque mangerà cibo lievitato sarà escluso dalla comunità d'Israele, sia esso forestiero sia Israelita.
Es 11,21 Mosè convocò tutti gli anziani d'Israele e disse loro: 'Andate a procurarvi un agnello o un capretto per ogni vostra famiglia e sgozzatelo per la Pasqua.
Es 11,47 tutta la comunità d'Israele è tenuta a celebrare la Pasqua;
-
Es 12,6 Lo terrete da parte fino al quattordici di questo mese. Allora tutta l'assemblea della comunità d'Israele lo sgozzerà verso sera.
Es 12,15 Il Signore disse: “Per sette giorni voi mangerete pane non lievitato. Già dal primo giorno farete sparire il lievito dalle vostre case: anzi, dal primo al settimo giorno, chiunque mangerà cibi lievitati verrà escluso dal popolo d'Israele.
Es 12,19 Per sette giorni non ci sarà lievito nelle vostre case, perché chiunque mangerà cibo lievitato sarà escluso dalla comunità d'Israele, sia esso forestiero sia Israelita.
Es 12,21 Mosè convocò tutti gli anziani d'Israele e disse loro: “Andate a procurarvi un agnello o un capretto per ogni vostra famiglia e sgozzatelo per la Pasqua.
Es 12,47 - tutta la comunità d'Israele è tenuta a celebrare la Pasqua;

Es 13,2 'Devi consacrarmi ogni primogenito, perché in Israele il primo nato di ogni madre, sia fra gli uomini che fra gli animali, appartiene a me'.

Es 14,20 e si collocò tra l'accampamento degli Egiziani e quello di Israele. Durante la notte gli uni non poterono avvicinarsi agli altri, perché la nube era oscura da una parte, mentre faceva luce dall'altra.

Es 14,28 Le acque ritornarono e sommersero tutti i carri e i cavalieri dell'esercito del faraone che avevano inseguito Israele nel mare: neppure uno si salvò!
Es 14,30 Così quel giorno il Signore salvò Israele dalla minaccia degli Egiziani. Gli Israeliti videro i cadaveri degli Egiziani sulla riva del mare
Es 17,6 Là, sul monte Oreb, io starò davanti a te su una roccia. Tu colpirai quella roccia e da essa uscirà acqua. Così il popolo potrà bere.
Mosè eseguì il comando del Signore davanti agli anziani d'Israele.
Es 17,11 Quando Mosè alzava il braccio, Israele era il più forte; ma quando lo lasciava cadere, vincevano gli Amaleciti.

Es 18,1 Ietro sacerdote di Madian e suocero di Mosè, sentì parlare di quel che Dio aveva fatto per Mosè e per il suo popolo Israele. Venne a sapere che il Signore li aveva fatti uscire dall'Egitto.

Es 18,8 Mosè raccontò al suocero tutto quel che il Signore aveva fatto per Israele contro il faraone e gli Egiziani, le difficoltà che avevano trovato lungo il cammino, e dalle quali il Signore li aveva liberati.
Es 18,12 Poi Ietro, suocero di Mosè, offrì a Dio un sacrificio completo e altre offerte. Aronne e tutti gli anziani d'Israele vennero e fecero un banchetto alla presenza di Dio in compagnia del suocero di Mosè.

Es 24,1 Il Signore disse a Mosè: 'Sali da me sulla montagna insieme ad Aronne, Nadab, Abiu e settanta anziani d'Israele. Quando sarete giunti a una certa distanza, vi inchinerete fino a terra.
Es 24,4 Mosè scrisse tutto quel che il Signore gli aveva detto. Poi, il giorno dopo, di buon mattino, costruì un altare ai piedi del monte e vi pose attorno dodici pietre, una per ogni tribù d'Israele.
Es 24,9 Poi Mosè, Aronne, Nadab, Abiu e i settanta anziani d'Israele salirono sulla montagna.
Es 24,10 Essi videro il Dio d'Israele: sotto i suoi piedi vi era come un pavimento in lastre di zaffiro, azzurro e trasparente come il cielo stesso.
Es 32,27 ed egli disse loro: 'Questo è l'ordine del Signore, il Dio d'Israele: Ciascuno di voi prenda la spada! Percorrete l'accampamento da un capo all'altro e uccidete tutti i colpevoli: fratelli, o amici o parenti!'.

Es 34,23 'In queste tre feste annuali gli uomini si presenteranno a me, il Signore Dio, il Dio di Israele.
Es 34,27 Il Signore ordinò ancora a Mosè: 'Scrivi questi comandamenti, perché essi stanno alla base dell'alleanza che concludo con te e con il popolo d'Israele'.

Lv 1,2 di comunicare agli Israeleiti queste prescrizioni: 'Quando uno di voi vuole offrire un animale come sacrificio per il Signore, può sceglierlo tra il bestiame grosso o tra quello piccolo.

Lv 4,13 'Se tutta la comunità degli Israeleiti pecca involontariamente, compiendo un'azione proibita dal Signore, tutti gli Israeleiti si rendono colpevoli, anche se non lo sanno.
Lv 4,20 facendo esattamente lo stesso rito compiuto con il toro offerto per il proprio peccato. Così compie per gli Israeleiti il sacrificio per il perdono dei peccati, ed essi ricevono il perdono di Dio.
Lv 4,21 Alla fine, fa portare tutto quel che resta dell'animale fuori del campo e lo fa gettare nel fuoco, come nel caso del toro offerto per un peccato del sommo sacerdote. Questo è un sacrificio offerto per invocare il perdono a favore della comunità d'Israele.

c) Il sacrificio per la colpa di un capo

Lv 7,20 Se qualcuno è in stato di impurità personale e mangia la carne della vittima sacrificata nel sacrificio per il banchetto sacro offerto al Signore, sarà escluso dalla comunità d'Israele;
Lv 7,23 di comunicare agli Israeleiti queste regole: 'Voi non dovete mangiare nessuna parte grassa di un animale, né di bue né di agnello né di capra.
Lv 7,25 Chiunque mangerà il grasso di un animale destinato ad essere consumato sul fuoco come sacrificio per il Signore, sarà escluso dalla comunità d'Israele.
Lv 7,27 Chiunque mangerà sangue, di qualsiasi animale esso sia, sarà escluso dalla comunità d'Israele'.

Lv 7,29 di comunicare agli Israeleiti anche queste regole: 'Se qualcuno offre un sacrificio per il banchetto sacro, darà al Signore la parte che gli spetta;
Lv 7,38 Il Signore le ha trasmesse a Mosè sul monte Sinai, nel deserto, il giorno stesso in cui ha ordinato agli Israeleiti di offrirgli sacrifici.

Lv 8,3 Riunisci in quel luogo tutta la comunità d'Israele'.

Lv 8,4 Mosè ubbidì al comando del Signore, riunì gli Israeleiti all'ingresso della tenda
Lv 9,1 L'ottavo giorno, Mosè convocò Aronne, i suoi figli e gli anziani d'Israele.

Lv 9,3 Agli Israeleiti dirai di prendere un capro da offrire in sacrificio per il perdono dei peccati, un vitello e un agnello di un anno e senza difetti, destinati a sacrifici completi,
Lv 9,24 si sprigionò una fiamma che consumò sull'altare i sacrifici completi e le parti grasse degli altri sacrifici. Tutti gli Israeleiti videro e gridarono di gioia, poi si gettarono con la faccia a terra.

Lv 10,6 Mosè disse ad Aronne e agli altri suoi due figli, Eleazaro e Itamar: 'Non lasciate i vostri capelli in disordine e non vi stracciate le vesti in segno di lutto, attirereste su di voi la morte, e su tutta la comunità d'Israele la collera del Signore. I vostri fratelli Israeleiti facciano pure lutto a causa della morte che il Signore ha mandato mediante il fuoco su quegli uomini.
Lv 10,11 o quando dovete insegnare agli Israeleiti le leggi che io vi ho trasmesse per mezzo di Mosè'.

Lv 10,15 Gli Israeleiti devono portare la coscia e il petto, oltre le parti grasse che saranno bruciate sull'altare. Dopo il gesto rituale di presentazione davanti al Signore, queste parti appartengono a voi perché, secondo gli ordini del Signore, è ciò che vi spetta di diritto per sempre'.

Lv 10,17 - Perché non avete mangiato la carne di questo sacrificio in un luogo santo, dato che si trattava di un alimento santissimo? Il Signore vi aveva dato questo animale perché voi poteste liberare la comunità d'Israele dalle sue colpe e compiere per essa il sacrificio per il perdono dei peccati.
Lv 10,19 Aronne rispose a Mosè:
- Ascolta, nel giorno in cui gli Israeleiti hanno presentato al Signore il loro sacrificio per ricevere il perdono e il sacrificio completo, tu sai bene quel che mi è capitato. Avrei potuto, in un tal giorno, mangiare la carne del capro offerto per il perdono? Questo non sarebbe certamente piaciuto al Signore!

Lv 11,2 di comunicare agli Israeleiti queste istruzioni:
'Tra gli animali terrestri, voi potete mangiare
Lv 12,2 di comunicare agli Israeleiti queste istruzioni:
'Se una donna dà alla luce un maschio, sarà impura per sette giorni; come quando ha le mestruazioni.
Lv 15,2 di comunicare agli Israeleiti queste istruzioni:
'Quando un uomo è colpito da un'infezione agli organi genitali, la perdita di liquido è impura.
Lv 15,31 'Voi ordinerete agli Israeleiti di tenersi lontani dal santuario quando sono in stato di impurità; così non rischieranno di morire per aver resa impura la mia Abitazione in mezzo a loro'.

Lv 16,5 Dalla comunità degli Israeleiti riceverà due capri per un sacrificio per il perdono, e un montone destinato a un sacrificio completo.

Lv 16,17 Nessuno deve trovarsi nella tenda dal momento in cui Aronne entra nel luogo santissimo per la cerimonia di purificazione fino a quando egli non è uscito. Dopo che Aronne ha compiuto il sacrificio a favore di se stesso, della sua famiglia e di tutta la comunità d'Israele,
Lv 16,19 Intinge un dito nel sangue e fa sette aspersioni sull'altare per purificarlo così dallo stato di impurità causato dalle colpe degli Israeleiti e ridargli il suo carattere sacro.

Lv 16,21 Mette le due mani sulla testa dell'animale ed enumera tutti i peccati, le disubbidienze e le colpe degli Israeleiti per scaricarli sull'animale. Poi lo lascia andare verso il deserto, sotto la guida di un uomo designato per questo compito.
Lv 16,22 Il capro porta così tutti i peccati d'Israele in un luogo arido e deserto.
'Dopo che il capro è stato mandato nel deserto,
Lv 16,29 'Questa sarà per voi una prescrizione che dovete osservare in ogni tempo: il dieci del settimo mese, digiunate e interrompete ogni lavoro, sia voi Israeleiti sia gli stranieri che soggiornano presso di voi.
Lv 16,33 per presiedere la cerimonia di purificazione del luogo santissimo, del resto della tenda dell'incontro, dell'altare e la cerimonia del perdono in favore dei sacerdoti e di tutta la comunità d'Israele.

Lv 17,4 deve anzitutto portare questa bestia all'entrata della tenda dell'incontro per presentarla come offerta al Signore, davanti alla sua Abitazione. Se non farà così, sarà considerato colpevole di aver sparso illegalmente il sangue di un essere vivente, e sarà escluso dal popolo d'Israele.
Lv 17,5 Questa regola obbliga gli Israeleiti a non uccidere gli animali in piena campagna, ma a portarli al sacerdote, all'ingresso della tenda, e ad offrirli al Signore, in sacrificio per il banchetto sacro.
Lv 17,7 Così gli Israeleiti cesseranno di offrire sacrifici ai falsi dèi rappresentati sotto forma di capri, ai quali rendono un culto osceno. Questa prescrizione dovrà essere osservata in ogni tempo per tutte le generazioni degli .

Lv 17,9 deve portare l'animale all'ingresso della tenda dell'incontro per offrirlo al Signore; se non farà così, sarà escluso dal popolo d'Israele.

Lv 17,12 Ecco perché il Signore ha dichiarato agli : Nessuno di voi e nessuno straniero che abita in Israele ha il diritto di mangiare del sangue.

Lv 17,14 Infatti, poiché è una creatura viva, la sua vita è nel suo sangue; per questo il Signore ha dichiarato agli : Voi non mangerete il sangue di nessuna creatura, perché la vita di ogni creatura risiede nel suo sangue. Se qualcuno ne mangia, sarà escluso dal popolo d'Israele.

Lv 18,2 di comunicare agli Israeleiti le seguenti prescrizioni:
'Io sono il Signore vostro Dio!
Lv 18,26 'Voi dunque, Israeleiti o stranieri, che vivete tra gli Israeliti, osservate le leggi e le norme che io vi do e astenetevi da tutte queste azioni vergognose.
Lv 18,29 Infatti tutti quelli che si danno a queste pratiche vergognose saranno esclusi dal popolo d'Israele.

Lv 19,2 di comunicare a tutta la comunità d'Israele le prescrizioni seguenti:
'Siate santi, perché io sono santo, Io, il Signore vostro Dio!

Lv 19,8 Chi mangia di questa carne, profana una cosa che mi è consacrata e si rende colpevole di una mancanza; egli sarà escluso dalla comunità d'Israele.

Lv 20,2 di comunicare agli Israeleiti le seguenti prescrizioni:
'Se un Israelita o uno straniero, che vive in Israele, offre uno dei suoi figli in sacrificio al dio Moloc, dev'essere messo a morte. Gli abitanti della regione Io uccideranno a sassate,
Lv 20,3 perché io stesso interverrò contro quest'uomo; Io escluderò dal popolo d'Israele, perché ha offerto uno dei suoi figli a Moloc, cosa che rende impuro il mio santuario e disonora il mio santo nome.
Lv 20,5 io interverrò personalmente contro di lui e contro la sua famiglia; li escluderò dal popolo d'Israele, lui e tutti quelli che si uniscono a lui nel culto idolatrico reso a Moloc.

Lv 20,6 'Se un uomo consulta, in un modo o nell'altro, gli spiriti dei morti, il che è una forma di idolatria, io interverrò contro di lui e Io escluderò dal popolo d'Israele.

Lv 20,18 'Se un uomo si unisce con una donna che ha le mestruazioni, saranno tutti e due esclusi dal popolo d'Israele perché, di comune accordo, hanno scoperto la fonte del proprio sangue.

Lv 21,8 Ogni Israelita deve rispettare il carattere sacro dei sacerdoti, perché essi presentano i sacrifici riservati a me, vostro Dio. Nessuno rechi offesa alla santità dei sacerdoti. Io sono santo, Io, il Signore, che ho scelto Israele perché sia un popolo santo.

Lv 22,2 'Presenta ad Aronne e ai suoi figli i casi in cui, per non disonorare il mio santo Nome, essi devono tenersi lontani dalle offerte sante che gli Israeleiti consacrano a me: Io sono il Signore.
Lv 22,3 Di' loro questo:
'Nelle generazioni a venire, se un uomo di una famiglia sacerdotale si avvicina, in stato di impurità, alle offerte sante che gli Israeleiti consacrano a me, il Signore, gli sarà proibito di restare al mio servizio. Io sono il Signore.
Lv 22,15 'I sacerdoti non devono profanare quel che gli Israeleiti hanno prelevato sulle offerte consacrate al Signore:
Lv 22,16 se essi ne mangiano quando non sono nello stato richiesto, rendono gli Israeleiti colpevoli di una colpa che esige riparazione. Io sono il Signore, sono io che santifico le offerte'.

Lv 22,18 di comunicare le seguenti prescrizioni ad Aronne, ai suoi figli e a tutti gli Israeliti:
'Supponiamo che qualcuno tra voi, un Israelita o uno straniero che vive in Israele, voglia offrirmi un sacrificio completo, sia per adempiere un voto, sia come offerta spontanea:
Lv 23,2 di comunicare agli Israeleiti le seguenti prescrizioni:
'Al tempo delle feste solenni celebrate in mio onore, dovete riunirvi per adorarmi, secondo il calendario che ho fissato.

Lv 23,10 di comunicare agli Israeleiti le seguenti prescrizioni: 'Quando sarete entrati nella terra che sto per darvi e farete la mietitura, porterete al sacerdote il primo covone che raccoglierete.
Lv 23,24 di comunicare agli Israeleiti le seguenti prescrizioni: 'Il primo giorno del settimo mese osserverete un giorno di riposo, giorno di ricordo celebrato con grida di gioia e caratterizzato da una riunione in mio onore.
Lv 23,29 Ogni persona, che non digiunerà in questo giorno, sarà esclusa dalla comunità d'Israele.
Lv 23,30 Io stesso escluderò dal popolo d'Israele ogni persona che compirà un qualsiasi lavoro in questo giorno,
Lv 23,34 di comunicare agli Israeleiti le seguenti prescrizioni:
'A partire dal quindici del settimo mese, si celebrerà in mio onore, per una settimana, la festa delle Capanne.
Lv 23,44 'È così che Mosè comunicò agli Israeleiti la lista delle feste da celebrare in onore del Signore.

Lv 24,2 'Ordina agli Israeleiti di fornirti olio di oliva della migliore qualità, perché tutte le sere le lampade siano accese.
Lv 24,8 'Ogni giorno di sabato, per sempre, si dovranno disporre davanti a me tali focacce. Gli Israeleiti saranno tenuti sempre a quest'obbligo.
Lv 24,14 'Conducete quest'uomo fuori dell'accampamento! Tutti coloro che l'hanno udito insultare il mio nome poseranno le loro mani sulla sua testa, poi tutta l'assemblea d'Israele lo ucciderà a sassate.
Lv 24,16 Chiunque insulta il nome del Signore deve essere messo a morte. Tutta l'assemblea d'Israele lo ucciderà gettandogli addosso pietre. Chiunque egli sia, Israelita o straniero, sarà messo a morte, perché ha insultato il nome di Dio.

Lv 25,2 di comunicare agli Israeleiti le seguenti prescrizioni: 'Quando sarete entrati nella terra che sto per darvi, voi mi onorerete lasciando che il suolo si riposi periodicamente.
Lv 25,33 Anche se una di queste case è stata acquistata da un altro levita, dovrà ritornare al primo proprietario durante l'anno del Giubileo. Infatti, quelle case costituiranno l'unica proprietà dei leviti nella terra d'Israele.
Lv 25,42 In effetti, gli Israeleiti sono miei servi, perché li ho liberati dall'Egitto: per questo essi non devono essere venduti come si vendono gli schiavi.
Lv 25,55 'Gli Israeleiti sono miei servi! Essi sono miei servi, perché li ho liberati dall'Egitto! Io sono il Signore vostro Dio.

Lv 26,46 Queste sono le leggi, le norme e gli insegnamenti che il Signore ha comunicato agli Israeleiti per mezzo di Mosè, sul monte Sinai.

Lv 27,2 di comunicare agli Israeleiti le seguenti prescrizioni:
'Se qualcuno ha promesso di consacrare una persona al Signore, può adempiere la sua promessa anche pagando una somma di denaro,
Nm 1,2 'Tu e Aronne farete il censimento della comunità d'Israele. Compilate un elenco con i nomi di tutti i maschi secondo il proprio gruppo e la propria famiglia. Conterete tutti gli uomini, uno per uno.
Nm 1,3 Registrerete i maschi, dall'età di vent'anni in su, in grado di combattere nell'esercito d'Israele. Preparerete l'elenco dei soldati, disposti in ordine, secondo le loro truppe.
Nm 1,16 Questi capifamiglia, delegati della comunità, erano anche comandanti dell'esercito d'Israele.

Nm 1,20-43 Per ogni tribù d'Israele il censimento si fece in ordine di gruppo e di famiglia. Fu compilato l'elenco con il nome di tutti i maschi, dall'età di vent'anni in su, in grado di combattere. Si cominciò con la tribù di Ruben, il figlio primogenito di Giacobbe detto anche Israele, e si ebbero i dati seguenti:
tribù di Ruben 46.500
tribù di Simeone 59.300
tribù di Gad 45.650
tribù di Giuda 74.600
tribù di Issacar 54.400
tribù di Zabulon 57.400
tribù di Efraim, figlio di Giuseppe, 40.500
tribù di Manasse, figlio di Giuseppe, 32.200
tribù di Beniamino 35.400
tribù di Dan 62.700
tribù di Aser 41.500
tribù di Neftali 53.400

Nm 2,9 Il reparto di Giuda sarà quindi formato
in totale da 186.400 uomini.
Essi partiranno in testa al popolo d'Israele.

Nm 3,7 Eserciteranno il loro ministero davanti alla tenda dell'incontro a disposizione di Aronne e di tutta la comunità d'Israele; faranno servizio per I'Abitazione sacra.
Nm 3,12 'Ho scelto i leviti fra tutti gli altri Israeliti. Essi sono al mio servizio, al posto di tutti i primogeniti del popolo d'Israele.
Nm 3,13 Dal giorno in cui ho fatto morire tutti i primogeniti degli Egiziani, ho riservato per me tutti i figli primogeniti d'Israele e anche i primi parti degli animali. Essi mi appartengono: io sono il Signore'.

Nm 3,41 Poi, conterai a parte i leviti. Essi apparterranno a me, il Signore, al posto di tutti i primogeniti del popolo d'Israele. Assegnerai a me il bestiame dei leviti, al posto dei primi parti del bestiame degli Israeliti'.

Nm 3,42 Secondo l'ordine dato dal Signore, Mosè fece il censimento di tutti i figli primogeniti del popolo d'Israele,
Nm 3,45 'Conta a parte i leviti: essi apparterranno a me, al posto dei figli primogeniti del popolo d'Israele. Riserva a me anche il bestiame dei leviti, al posto dei primi parti del bestiame degli Israeliti. Io sono il Signore.
Nm 3,50 Dai primogeniti del popolo d'Israele raccolse in tutto milletrecentosessantacinque monete d'argento, conformi alla moneta ufficiale del santuario.
Nm 4,34-49 Mosè, Aronne e i capi della comunità d'Israele fecero il censimento di tutti i leviti discendenti da Keat, da Gherson e da Merari, divisi secondo i loro gruppi e le loro famiglie, compresi nell'età dai trenta ai cinquant'anni. Essi furono registrati negli elenchi degli uomini arruolati, per prestare servizio nella tenda dell'incontro. Da questo censimento, fatto secondo l'ordine trasmesso dal Signore per mezzo di Mosè, si ebbero i dati seguenti:
discendenti di Keat: 2.750 uomini;discendenti di Gherson: 2.630 uomini;discendenti di Merari: 3.200 uomini.
Il totale di tutti i leviti allora registrati fu dunque di 8.580 uomini.
A ciascuno di loro fu indicato personalmente il lavoro da eseguire o gli oggetti da trasportare, come il Signore aveva ordinato a Mosè.

Nm 6,23 di comunicare ad Aronne e ai suoi figli: 'Queste sono le parole con le quali benedirete il popolo d'Israele:

Nm 6,27 'I sacerdoti pronunzieranno il mio nome
sul popolo d'Israele, e io li benedirò'.

Nm 7,2 Allora si presentarono i capifamiglia, responsabili delle tribù d'Israele. Erano le stesse persone che avevano prestato il loro aiuto per il censimento.
Nm 7,84 I doni portati dai capifamiglia del popolo d'Israele in occasione della consacrazione dell'altare furono in totale: dodici piatti d'argento, dodici vassoi d'argento e dodici coppe d'oro.
Nm 8,9 Radunerai tutta la comunità d'Israele e farai venire i leviti davanti alla tenda dell'incontro.
Nm 8,16 essi saranno a mia disposizione come rappresentanti degli altri Israeliti. Io li ho riservati per me, al posto dei primogeniti del popolo d'Israele.
Nm 8,20 Mosè, Aronne e tutta la comunità d'Israele eseguirono con cura gli ordini che il Signore aveva dato a Mosè riguardo ai leviti.
Nm 9,13 Se però qualcuno trascurerà la celebrazione della Pasqua alla data fissata, senza essere né in stato di impurità rituale né in viaggio, egli dovrà essere escluso dal popolo d'Israele: poiché non mi porta la sua offerta al momento giusto, sarà colpevole e dovrà subirne le conseguenze.
Nm 10,4 Se suonerà soltanto una tromba, si raduneranno da te esclusivamente comandanti dell'esercito d'Israele.
Nm 10,13 Era la prima volta che il popolo d'Israele toglieva l'accampamento, secondo l'ordine comunicato dal Signore per mezzo di Mosè.

Nm 10,29 Mosè disse a Obab, figlio di suo suocero Ietro, il Madianita:
- Noi partiamo di qui, per andare nella terra che il Signore ha promesso di darci. Vieni con noi, e ti faremo partecipe dei beni che il Signore ha promesso a Israele.

Nm 10,36 Quando l'arca si fermava, Mosè diceva: 'Signore, ritorna al tuo posto, tra i numerosi soldati d'Israele!'.

Nm 11,4 Un altro giorno il gruppo di stranieri, che si erano uniti al popolo d'Israele, fu preso da un gran desiderio di mangiar carne. Anche gli Israeliti ripresero a lamentarsi e a dire: 'Avessimo almeno un po' di carne!
Nm 11,18 Comunica al popolo d'Israele quest'ordine: Preparatevi per domani con un rito di purificazione. Avrete carne da mangiare, perché il Signore ve ne darà!
Nm 11,24 Mosè andò a comunicare al popolo d'Israele il messaggio del Signore. Poi radunò settanta anziani e li fece disporre attorno alla tenda sacra.
Nm 11,29 Ma Mosè rispose:
- Sei geloso per me? Invece, volesse davvero il Signore comunicare il suo spirito a tutto il popolo d'Israele, e tutti diventassero profeti!

Nm 11,30 Allora Mosè e i settanta anziani d'Israele tornarono nell'accampamento.

Nm 11,35 Da Kibrot-Taava il popolo d'Israele andò ad accamparsi a Cazerot.

Nm 13,2 'Manda alcuni a esplorare la terra di Canaan, che sto per dare al popolo d'Israele. Per ogni tribù scegli un uomo tra i capi'.

Nm 13,26 Si recarono da Mosè, da Aronne e dal popolo d'Israele a Kades, nel deserto di Paran. Riferirono sull'esplorazione e mostrarono agli Israeliti i frutti di quella terra.
Nm 14,1 Tutta la comunità d'Israele si mise a gridare, e per tutta la notte continuarono a piangere.
Nm 14,5 Mosè e Aronne si gettarono a terra davanti all'assemblea della comunità d'Israele in segno di disperazione.
Nm 14,16 'Il Signore non è stato capace di condurre il popolo d'Israele nella terra che gli aveva promesso; per questo l'ha distrutto completamente nel deserto'.
Nm 16,3 Radunatisi per protestare contro Mosè e Aronne, dissero loro:
'Voi state esagerando. Tutti i componenti della comunità d'Israele appartengono al Signore: egli è in mezzo a loro. Perché dunque voi pretendete di essere superiori a tutto il resto del popolo del Signore?'.

Nm 16,9 Non vi basta il fatto che il Signore, il Dio d'Israele, ha scelto voi fra tutti gli altri Israeliti? Vi concede di avvicinarvi a lui, per prestare servizio nella sua Abitazione e per celebrare il culto in nome di tutta la comunità d'Israele.
Nm 16,19 Core riunì di fronte a loro, davanti all'ingresso della tenda, tutta la comunità d'Israele. Allora il Signore manifestò la sua presenza a tutta la comunità
Nm 16,25 Mosè si alzò e andò verso Datan e Abiram, seguito dagli anziani d'Israele.
Nm 16,33 Quegli uomini e tutta la loro banda piombarono vivi nella voragine. La terra li ricoprì, e scomparvero dall'assemblea del popolo d'Israele.
Nm 18,21 Il Signore disse: 'Ecco il compenso che do ai leviti per il servizio svolto nella tenda dell'incontro: diventerà loro proprietà la decima parte dei raccolti della terra d'Israele.
Nm 18,23 Soltanto i leviti dovranno svolgere il servizio alla tenda; perciò saranno responsabili delle proprie colpe. Questa disposizione resterà valida in futuro per tutte le generazioni. I leviti non riceveranno in possesso un territorio come le altre tribù di Israele.
Nm 18,24 In cambio io do loro in possesso le decime che gli Israeliti mi offriranno. Per questo ho detto loro che, a differenza delle altre tribù d'Israele, non avranno un proprio territorio'.

Nm 19,9 'Un uomo in condizione di purità rituale raccoglierà le ceneri della mucca e le porterà in un posto fuori dell'accampamento. La comunità d'Israele conserverà quelle ceneri, per preparare l'acqua destinata al rito di purificazione. (Questo rito ha lo stesso valore di un sacrificio offerto per ottenere il perdono dei peccati).
Nm 19,13 Chi tocca il cadavere di una persona e trascura di purificarsi, profana I'Abitazione del Signore e perciò dovrà essere escluso dal popolo d'Israele. Poiché non si è asperso con l'acqua della purificazione, resta impuro.

Nm 19,20 Ma se una persona impura non si purifica, dovrà essere esclusa dalla comunità d'Israele, perché profana il santuario del Signore. Poiché non si è aspersa con l'acqua della purificazione, resta impura.

Nm 20,21 Così impedirono al popolo d'Israele di attraversare il loro territorio. Allora gli Israeliti presero un'altra direzione.

Nm 20,24 'Tra poco Aronne vi lascerà per sempre. Non entrerà nella terra che do al popolo d'Israele, perché vi siete ribellati ai miei ordini alla sorgente di Meriba.

Nm 21,2 Allora il popolo d'Israele fece al Signore questa promessa: 'Se tu ci fai sconfiggere questo popolo, destineremo allo sterminio le sue città'.

Nm 21,23 Ma Sicon non permise agli Israeliti di passare. Radunò tutti i suoi soldati, si mise in marcia contro il popolo d'Israele fino a Iaaz, nel deserto, e lo attaccò.
Nm 23,10 Chi potrebbe contare
tutti i discendenti di Giacobbe?,
dire il numero
delle moltitudini d'Israele?
Mi auguro di morire come quei giusti:
la mia fine possa essere come la loro!'.

Nm 23,21 Il Signore non scopre alcun male
nel popolo d'Israele,
non trova ingiustizie
nei discendenti di Giacobbe.
Egli è il loro Dio: abita in mezzo ad essi,
che lo acclamano loro re!

Nm 23,23 Tra il popolo d'Israele non ci sono maghi,
tra i discendenti di Giacobbe
non si trovano indovini,
perché essi al momento giusto
vengono a conoscenza
di quel che Dio compie.

Nm 24,1 Balaam capì che il Signore voleva benedire Israele; non andò quindi alla ricerca di segni e di presagi come le altre volte, ma si voltò verso il deserto.
Nm 24,2 Quando alzò gli occhi e vide le tribù d'Israele ordinate nell'accampamento, lo spirito di Dio scese su di lui
Nm 24,9 Come leoni quando si accovacciano
nelle loro tane,
chi potrebbe smuoverli?
O Israele, sia benedetto chi ti benedice
e maledetto chi ti maledice!'.

Nm 24,17 Vedo quel che accadrà,
ma non in questi giorni;
scorgo un avvenimento,
ma avverrà più tardi:
ecco, compare un astro
tra i discendenti di Giacobbe,
sorge un sovrano
in mezzo al popolo d'Israele:
con lo scettro colpisce alle tempia
i Moabiti,
spacca il cranio a tutti i discendenti di Set.

Nm 24,18 Sconfigge i suoi nemici Edomiti
e occupa Seir, il loro territorio;
così il popolo d'Israele trionfa.

Nm 25,3 Si dedicarono in particolare al culto del dio Baal di Peor e così provocarono la collera del Signore contro Israele.

Nm 27,21 Ma egli dovrà presentarsi al sacerdote Eleazaro, il quale per mezzo degli oggetti sacri mi interrogherà per sapere il mio volere. Giosuè e la comunità d'Israele dovranno seguire i miei ordini in tutte le situazioni.

Nm 30,2 In seguito Mosè comunicò ai capi delle tribù d'Israele queste altre prescrizioni del Signore:
Nm 31,4 Ogni tribù d'Israele mandi in guerra mille soldati'.

Nm 31,5 Furono scelti tra i reparti dell'esercito d'Israele mille uomini per tribù: in totale dodicimila soldati, pronti a combattere.
Nm 31,12 Condussero tutto nei pressi dell'accampamento, situato nelle steppe di Moab, vicino al Giordano, per presentarlo a Mosè, al sacerdote Eleazaro e a tutta la comunità d'Israele.

Nm 31,42-43 La parte destinata a esser distribuita al resto della comunità d'Israele era uguale a quella assegnata ai combattenti. Essa comprendeva: 337.500 pecore,
Nm 32,14 E ora voi, razza di peccatori, volete seguire l'esempio dei vostri padri e accendere di nuovo l'ira del Signore contro Israele?
Nm 32,15 Se ora vi allontanate dal Signore, egli prolungherà la permanenza d'Israele nel deserto, e così sarete la causa della rovina di questo popolo!

Nm 32,28 Mosè diede ordini nei loro riguardi al sacerdote Eleazaro, a Giosuè, figlio di Nun, e ai capifamiglia delle tribù d'Israele.
Nm 35,34 State quindi attenti a non rendere impuro il territorio dove vi stabilirete, perché io abito in mezzo a voi. Sì, io, il Signore, abito davvero in mezzo al popolo d'Israele!'.

Nm 36,1 Alcuni tra i discendenti di Giuseppe, i capifamiglia del gruppo di Galaad, figlio di Machir e nipote di Manasse, si recarono da Mosè per parlargli alla presenza dei capitribù d'Israele.
Nm 36,2 Essi gli dissero: 'Mosè, quando il Signore ti ha ordinato di distribuire a sorte le terre alle tribù d'Israele, ti ha anche ordinato di riservare una parte del territorio che spetta al nostro fratello Zelofcad, perché sia data alle sue figlie.
Nm 36,3 Se però esse sposeranno un uomo di un'altra tribù d'Israele, la loro parte sarà staccata dalla nostra tribù e andrà ad aggiungersi al territorio della nuova tribù alla quale apparterranno. Così la parte assegnata dalla sorte alla nostra tribù diminuirà.
Nm 36,7 Così le terre di Israele non passeranno da una tribù all'altra: ciascun Israelita resterà legato al territorio della sua tribù.
Dt 1,1 In questo libro sono contenuti i discorsi che Mosè rivolse a tutto il popolo d'Israele, quando furono giunti a est del Giordano: ossia nel deserto, nella valle dell'Araba, di fronte a Suf, tra Paran, Tofel, Laban, Cazerot e Di-Zaab.
Dt 1,38 Però il tuo aiutante Giosuè, figlio di Nun, vi entrerà. Fagli coraggio, perché sarà lui a guidare Israele nella conquista di quella terra.
Dt 2,12 A Seir invece prima abitavano gli Urriti, poi i discendenti di Esaù li sconfissero e li mandarono via: essi occuparono il territorio degli Urriti, come poi Israele ha occupato la terra che il Signore gli ha dato in proprietà).
Dt 5,1 Mosè convocò tutto il popolo d'Israele e disse: 'Ascolta, popolo d'Israele, le leggi e le norme che oggi ti comunico: imparatele e impegnatevi a metterle in pratica.
Dt 6,4 'ASCOLTA, Israele: Il Signore è il nostro Dio, il Signore è uno solo!
Dt 17,12 'Se qualcuno agirà con presunzione e non ubbidirà al sacerdote che è là per servire il Signore, vostro Dio, o al giudice, quell'uomo sarà condannato a morte. Estirpate il male che è in Israele!
Dt 17,15 Allora dovrete nominare come vostro re colui che il Signore, vostro Dio, avrà scelto. Farete re uno dei vostri connazionali: non potrete mettere come vostro capo uno straniero che non appartiene al popolo d'Israele.
Dt 17,20 In tal modo, eviterà di ritenersi superiore ai suoi connazionali e di trasgredire qualcuno di questi ordini. Allora lui e i suoi discendenti regneranno a lungo su Israele.

Dt 18,6 'Se un levita desidera lasciare la città dove abita in Israele e andare al luogo che il Signore avrà scelto,
Dt 19,13 Non abbiate compassione di lui: estirpate da Israele l'assassino di un innocente e così sarete felici.
Dt 21,8 Signore, perdona al tuo popolo, Israele, che hai liberato, e non ritenerlo colpevole dell'omicidio di un innocente'. 'E il Signore perdonerà loro.
Dt 21,21 'Allora tutti gli uomini della sua città lo faranno morire a sassate. Così estirperete il male che è in mezzo a voi: tutto Israele lo saprà e avrà timore.
Dt 22,19 Inoltre, poiché ha calunniato una vergine in Israele, dovrà pagare al padre della ragazza un ammenda di cento monete d'argento. Ella rimarrà sua moglie, e per tutta la sua vita egli non potrà più divorziare da lei.

Dt 22,21 allora la condurranno all'ingresso della casa del padre, e la gente della sua città la farà morire a sassate. Essa ha commesso un'infamia in Israele: si è infatti comportata come una prostituta quand'era in casa del padre. Così estirperete il male che è in mezzo a voi.
Dt 22,22 'Se un uomo sarà sorpreso a dormire con una donna sposata, tutti e due dovranno morire: l'uomo e la donna. Così estirperete il male da Israele.
Dt 26,15 Dal cielo, dove c'è la tua abitazione santa, guarda su di noi; benedici Israele, tuo popolo, e la terra che ci hai data, come hai promesso ai nostri padri, terra dove scorre latte e miele'.

Dt 27,9 Poi Mosè, accompagnato dai sacerdoti leviti, parlò a tutto il popolo d'Israele:
'Fate silenzio, Israeliti, e ascoltatemi! Oggi voi siete diventati il popolo che appartiene al Signore, vostro Dio.
Dt 29,20 Il Signore lo escluderà dal popolo d'Israele, lo abbandonerà alle disgrazie destinate a chi trasgredisce l'alleanza e descritte negli insegnamenti di questo libro.
Dt 32,9 Ma lui, il Signore, ha riservato per sé
il popolo d'Israele,
i discendenti di Giacobbe li ha fatti
sua proprietà.

Dt 32,31 I loro nemici dovrebbero capire
che il loro dio protettore non è come me,
la Roccia di Israele.

Dt 32,35 fino al momento della vendetta
e del castigo;
fino a quando i nemici d'Israele
non saranno più sicuri.
Il giorno della strage è vicino,
e il loro destino è segnato!'.
Dt 32,37 Chiederà ai nemici di Israele:
'Dove sono gli dèi
in cui cercavate sicurezza?

Dt 33,4 Mosè ci ha dato l'insegnamento
che è un tesoro per la comunità d'Israele.

Dt 33,28 Il popolo d'Israele vive sicuro
in un paese ricco di frumento e di vino;
i discendenti di Giacobbe vivono
accanto a una fonte abbondante,
e il cielo dona loro la sua rugiada.

Dt 34,10 In Israele non ci fu più un profeta come Mosè: il Signore si era manifestato a lui a faccia a faccia.
Gs 1,2 'Il mio servo Mosè è morto. Ora preparati ad attraversare il fiume Giordano con tutto il popolo d'Israele e va' nella terra che sto per darvi.
Gs 3,12 Ora scegliete tra voi dodici uomini, uno per ogni tribù d'Israele.
Gs 4,4 Allora Giosuè convocò i dodici uomini da lui scelti, uno per ogni tribù di Israele,
Gs 4,6 Queste dodici pietre ricorderanno al popolo d'Israele quel che Dio ha fatto per lui. In futuro, quando i vostri figli vi chiederanno: 'Quale significato hanno per voi queste pietre?',
Gs 4,22 Essi racconteranno loro che qui Israele ha attraversato il Giordano a piedi asciutti'.

Gs 6,25 Giosuè aveva risparmiato la vita a Raab e ai suoi parenti, perché essa aveva nascosto le due spie mandate a Gerico. I discendenti di Raab vivono ancora ai nostri giorni in mezzo al popolo d'Israele.

Gs 7,1 L'ordine dato agli Israeliti di distruggere ogni cosa nella città di Gerico non fu rispettato. Un certo Acan aveva preso per sé alcuni oggetti che si dovevano distruggere. Per questo il Signore fu pieno di sdegno contro Israele. Acan era figlio di Carmi, discendente di Zabdi e apparteneva al gruppo di Zerach, della tribù di Giuda.

Gs 7,6 Giosuè e i capi di Israele, disperati, si strapparono i vestiti, si sparsero polvere sulla testa e si gettarono a terra davanti all'arca del Signore. Restarono così fino a sera.

Gs 7,8 E io che cosa dirò ora che Israele si è dato alla fuga davanti ai nemici?
Gs 7,13 Perciò fa' compiere a tutto il popolo un rito di purificazione. Ordina loro di farlo per domani. Dirai da parte mia: In mezzo a voi, Israeliti, ci sono degli oggetti che io, il Signore, Dio d'Israele, avevo ordinato di distruggere. Finché non lo avrete fatto non potrete più resistere ai vostri nemici!

Gs 7,15 Quell'uomo che sarà indicato come possessore degli oggetti proibiti, sarà bruciato con moglie e figli e tutto quel che gli appartiene. Egli ha trasgredito gli ordini che avevo dato e ha commesso un delitto grave in Israele.

Gs 7,16 Il giorno dopo, di buon mattino, Giosuè fece comparire Israele tribù per tribù. Fu designata la tribù di Giuda.
Gs 7,19 Giosuè disse ad Acan:
- Figlio mio, di' la verità davanti al Signore, Dio d'Israele, e confessa quel che hai fatto. Racconta tutto e non nascondermi nulla.

Gs 7,20 Acan rispose:
- Sì, è vero: ho disubbidito io al comando del Signore Dio d'Israele. Ecco quel che ho fatto:
Gs 7,23 Tirarono fuori gli oggetti, li portarono a Giosuè, alla presenza del popolo d'Israele, e li posero davanti all'arca del Signore.

Gs 7,26 Ricoprirono i resti di Acan con un altro mucchio di pietre che è ancora là. Da allora la località si chiama valle di Acor (valle della Disgrazia).
Dopo questi fatti lo sdegno del Signore contro Israele cessò.


Gs 8,10 L'indomani, all'alba, Giosuè passò in rassegna i suoi uomini; si mise alla loro testa con i capi d'Israele e marciarono contro Ai.
Gs 8,14 L'indomani, quando il re di Ai vide l'esercito di Giosuè, usci in fretta dalla città, alla testa di tutti i suoi soldati. Presero la strada che va verso il deserto, con l'intenzione di attaccare Israele in un luogo preciso. Non sapevano che c'erano soldati Israeliti in agguato dall'altro lato della città.
Gs 8,30 Giosuè innalzò sul monte Ebal un altare al Signore, Dio d'Israele.
Gs 8,35 Non tralasciò nemmeno uno dei comandamenti di Mosè. A quell'assemblea d'Israele partecipavano anche le donne, i bambini e gli stranieri che stavano con loro.


Gs 9,2 Essi si allearono per combattere contro Giosuè e contro il popolo d'Israele.

Gs 9,18 Gli Israeliti non poterono ucciderli, poiché i loro capi avevano promesso nel nome del Signore, Dio d'Israele, di lasciarli in vita. Allora tutti protestarono con i capi della comunità.
Gs 10,10 Il Signore li mise in fuga davanti a Israele. Gli Israeliti uccisero a Gabaon molti soldati amorrei. Poi inseguirono i nemici in fuga lungo la discesa di Bet-Oron senza dar loro tregua fino alle città di Azeka e Makkeda.
Gs 10,12 Quel giorno, quando il Signore diede a Israele la vittoria sugli Amorrei, Giosuè pregò il Signore e gridò alla presenza di tutti gli Israeliti:
'Sole, fermati su Gabaon!
e tu, luna, sulla valle di Aialon!

Gs 10,14 Un giorno come quello non c'è mai stato né prima né dopo di allora, quando il Signore ubbidì a un essere umano e combatté al fianco d'Israele.
(
Gs 10,30 Il Signore diede a Israele la vittoria su Libna e il suo re. Gli Israeliti uccisero tutti gli abitanti senza risparmiare nessuno. Giosuè trattò il re di Libna come il re di Gerico.

Gs 10,32 Il Signore diede a Israele la vittoria e gli Israeliti conquistarono Lachis il secondo giorno di assedio. Uccisero tutti. Trattarono Lachis come Libna.

Gs 10,40 Così Giosuè conquistò l'intera regione: la montagna e la pianura, le colline e il deserto del sud. Uccise tutti i re senza risparmiare nessuno e sterminò tutti gli esseri viventi, come aveva ordinato il Signore, Dio d'Israele.
Gs 10,42 Giosuè sconfisse tutti quei re e conquistò il loro territorio in una sola volta, perché il Signore, Dio d'Israele, combatteva per gli Israeliti.

Gs 10,43 Poi Giosuè tornò con tutto il popolo d'Israele nell'accampamento di Galgala.


Gs 11,1 Quando Iabin re di Azor venne a sapere della vittoria d'Israele, mandò messaggeri a informare i re circostanti: Iobab re di Madon, il re di Simron, il re di Acsaf
Gs 11,8 Il Signore diede a Israele la vittoria. Gli Israeliti sconfissero i nemici e li misero in fuga fino alla grande città di Sidone e a Misrefot-Maim verso nord, e fino alla valle di Mizpa a est. Li uccisero tutti senza risparmiare nessuno.
Gs 11,19 L'unica città che si accordò con Israele senza combattere fu Gabaon, abitata dagli Evei. Tutte le altre città furono conquistate con le armi.
Gs 11,22 Non restò più nessuno di loro in mezzo a Israele; alcuni superstiti sopravvissero nelle città di Gaza, Gad e Asdod, fuori del territorio d'Israele.

Gs 12,1 In precedenza il popolo d'Israele aveva già conquistato e occupato il territorio a est del Giordano, dalla vallata del torrente Arnon, fino al monte Ermon e tutto il deserto, fino alla valle del Giordano. Aveva sconfitto due re.

Gs 12,4 L'altro re sconfitto da Israele fu Og, il re di Basan, uno fra gli ultimi discendenti dei Refaim. Og aveva la sua residenza nelle città di Astarot e di Edrei.
Gs 12,9 Il popolo d'Israele sconfisse i re delle seguenti città: Gerico, Ai (vicino a Betel),
Gs 13,13 Ma gli Israeliti non riuscirono a scacciare i Ghesuriti e i Maacatiti; essi vivono ancora in mezzo a Israele.

Gs 13,14 Soltanto alla tribù di Levi Mosè non aveva assegnato nessuna parte, perché la sua parte la riceve dalle offerte destinate a essere bruciate sull'altare del Signore, Dio d'Israele, come il Signore aveva detto a Mosè.

Gs 13,33 Però Mosè non aveva assegnato nessun territorio alla tribù di Levi. La loro eredità era il Signore, il Dio d'Israele, come egli stesso aveva detto.


A OVEST DEL GIORDANO


Gs 14,1 La divisione della terra di Canaan a ovest del Giordano tra gli Israeliti avvenne così. Il sacerdote Eleazaro, Giosuè figlio di Nun e i capifamiglia delle tribù d'Israele l'assegnarono al popolo.
Gs 14,10 Ora, Giosuè, sono ormai passati quarantacinque anni da quando il Signore fece quella promessa a Mosè. Allora il popolo d'Israele era in viaggio nel deserto. E il Signore, come aveva promesso, mi ha conservato in vita fino ad ora. Io ho ormai ottantacinque anni,
Gs 14,14 Ebron appartiene ancora ai discendenti di Caleb, figlio di Iefunne il Kenizzita, perché egli era stato in tutto fedele al Signore, Dio d'Israele.
Gs 18,1 Dopo aver conquistato la terra, tutta la comunità d'Israele si radunò a Silo e drizzò la tenda dell'incontro.
Gs 18,3 Perciò Giosuè disse ai popolo d'Israele: 'Che cosa aspettate per occupare la terra che il Signore, Dio dei nostri padri, vi ha dato?
Gs 18,10 Giosuè, a Silo, alla presenza del Signore, fece il sorteggio. Così assegnò una parte a ciascuna tribù d'Israele che era ancora senza terra.

Territorio della tribù di Beniamino

Gs 19,51 Il sacerdote Eleazaro e Giosuè, figlio di Nun, con i capifamiglia delle tribù d'Israele assegnarono le terre mediante il sorteggio a Silo, alla presenza del Signore, all'ingresso della tenda dell'incontro. Così portarono a termine la ripartizione del paese.


Gs 20,2 di dire al popolo d'Israele: 'Scegliete le città-rifugio, come vi avevo ordinato per mezzo di Mosè.
Gs 21,1 I capifamiglia della tribù di Levi si presentarono al sacerdote Eleazaro, a Giosuè, figlio di Nun, e ai capifamiglia delle altre tribù d'Israele,
Gs 21,41-42 Complessivamente, da tutto il territorio occupato dal popolo d'Israele, furono assegnate ai leviti quarantotto città, con le loro terre da pascolo.

Gs 21,44 Il Signore li fece vivere in pace nelle loro terre, come aveva promesso ai loro padri. Nemmeno uno dei nemici aveva potuto fermarli, perché il Signore aveva dato a Israele la vittoria su tutti.

Gs 22,6-8 Poi Giosuè li benedisse. Prima di lasciarli partire disse ancora queste parole: 'Voi tornate a casa molto ricchi; avete con voi animali in gran quantità, argento e oro, bronzo e ferro, e molti vestiti. Dividete con i vostri fratelli, rimasti al di là del fiume, quel che avete preso ai nemici!'. Allora essi si misero in viaggio per tornare a casa. Mosè aveva assegnato un territorio nel Basan a una metà della tribù di Manasse; all'altra metà Giosuè diede delle terre a ovest del Giordano, tra le altre tribù d'Israele. Giosuè congedò il primo gruppo di Manasse e li benedisse come gli altri.
Gs 22,16 'Noi parliamo a nome di tutta la comunità del Signore. Che cos'è questa offesa al Dio d'Israele? Vi siete costruiti un altare per ribellarvi al Signore? Avete deciso di non seguirlo più?
Gs 22,18 Se vi allontanate dal Signore e oggi vi ribellate voi a lui, domani egli andrà in collera con tutta la comunità d'Israele.
Gs 22,20 Ricordate Acan, discendente di Zerach! Egli non rispettò gli ordini del Signore sullo sterminio di Gerico. Tutta la comunità d'Israele fu punita per quello. E Acan non fu il solo a pagare la sua colpa con la vita!'.
Gs 22,24 Ma non è così! Noi lo abbiamo fatto per paura che in avvenire i vostri figli possano dire ai nostri: 'Voi, che cosa avete a che fare con il Signore, il Dio d'Israele?
Gs 22,31 Il sacerdote Finees, figlio di Eleazaro, disse loro: 'Ora so che il Signore è con noi. Non vi siete ribellati contro di lui e così avete salvato il popolo d'Israele da un castigo del Signore'.

Gs 23,1 Ormai da lungo tempo il Signore faceva abitare Israele al sicuro dai nemici, e Giosuè era diventato molto vecchio;
Gs 24,1 Giosuè radunò tutte le tribù d'Israele a Sichem. Chiamò gli anziani d'Israele, i capi, i giudici e i responsabili del popolo ed essi si recarono alla presenza del Signore.
Gs 24,2 Giosuè disse a tutto il popolo:
- Questo è il messaggio del Signore, Dio di Israele: 'Nei tempi antichi i vostri antenati vivevano al di là del fiume Eufrate e veneravano altri dèi: l'ultimo fu Terach, il padre di Abramo e di Nacor.
Gs 24,23 Disse Giosuè:
- Togliete subito di mezzo gli idoli stranieri che avete con voi e promettete di essere leali con il Signore, il Dio d'Israele.

Gs 24,25 Così Giosuè concluse un patto di alleanza con il popolo e là, a Sichem, fissò per Israele le leggi e gli statuti da seguire.

Gs 24,31 Finché visse Giosuè, il popolo fu fedele al Signore, e continuò a esserlo anche dopo la sua morte, finché vissero gli anziani che avevano visto le grandi cose che il Signore aveva fatto per Israele.

Gdc 1,1 Dopo la morte di Giosuè il popolo d'Israele invocò il Signore e gli domandò:
- Quale tribù deve entrare in guerra per prima contro i Cananei?

Gdc 2,7 Finché visse Giosuè il popolo fu fedele al Signore e continuò così anche dopo la sua morte, finché vissero gli anziani che avevano visto le grandi cose che il Signore aveva fatto per Israele.

Gdc 2,10 Morì poi anche tutta quella generazione. La nuova generazione dimenticò il Signore e quello che egli aveva fatto per Israele.

Gdc 2,18 Quando il Signore dava un giudice a Israele, continuava ad aiutarlo per tutta la sua vita; così salvava il popolo dai nemici. Il Signore, infatti, aveva compassione degli Israeliti che gemevano sotto la tirannia degli oppressori.
Gdc 2,20 Allora il Signore, pieno di sdegno contro Israele, disse: 'Questa gente non ha mantenuto i patti stabiliti con i suoi padri. Non mi ha ubbidito,
Gdc 3,2 Egli lo fece allo scopo di addestrare alla guerra ogni generazione d'Israele, specialmente quelle che non avevano mai combattuto.
Gdc 3,7 Il popolo d'Israele andò contro la volontà del Signore: dimenticò il suo Dio e cominciò ad adorare gli idoli di Baal e di Asera.
Gdc 3,10 Lo spirito del Signore venne sopra di lui ed egli diventò giudice, capo d'Israele. Attaccò il re dell'Alta Mesopotamia Cusan-Risataim e il Signore gli diede la vittoria. Otniel fu il più forte.
Gdc 3,11 Così, il popolo d'Israele visse in pace nella sua terra per quarant'anni, fino alla morte di Otniel.

Gdc 3,12 Gli Israeliti andarono di nuovo contro la volontà del Signore. Per punirli il Signore rese Eglon, re di Moab, più forte d'Israele.
Gdc 3,13 Eglon radunò gli Ammoniti e gli Amaleciti, attaccò Israele, lo sconfisse e occupò la città delle Palme.
Gdc 3,30 Da allora, i Moabiti rimasero sotto il dominio d'Israele. Il popolo visse in pace nella sua terra per ottant'anni.

Gdc 3,31 Dopo Eud venne Samgar, figlio di Anat. Anch'egli liberò Israele: con un pungolo da buoi uccise seicento Filistei.

Gdc 4,1 Dopo la morte di Eud il popolo d'Israele andò di nuovo contro la volontà del Signore.
Gdc 4,3 Iabin aveva novecento carri da guerra di ferro e da venti anni opprimeva duramente Israele. Allora gli Israeliti invocarono l'aiuto del Signore.
Gdc 4,4 In quel tempo, la profetessa Debora, moglie di Lappidot, era giudice, capo d'Israele.
Gdc 4,6 Un giorno essa mandò a chiamare Barak, figlio di Abinoam, che stava a Kedes di Neftali, e gli disse:
- Questi sono gli ordini del Signore Dio d'Israele: 'Va' e prendi con te diecimila uomini della tribù di Neftali e di Zabulon e portali con te sul monte Tabor.
Gdc 4,23 Quel giorno il Signore stroncò davanti a Israele la prepotenza di Iabin, re di Canaan.
Gdc 4,24 Da allora, Israele non diede più tregua a Iabin, re di Canaan, finché lo eliminò.


Gdc 5,2 'I capi d'Israele presero il comando,
il popolo partì volontario!
Lodate il Signore!


Gdc 5,3 Ascoltatemi, o re,
uditemi, o principi:
io voglio lodare il Signore,
voglio cantare inni al Signore,
il Dio d'Israele.


Gdc 5,5 I monti si nascosero
per paura del Signore,
il Dio del Sinai,
per paura del Signore,
il Dio d'Israele.


Gdc 5,7 Campagne abbandonate,
non più contadini in Israele;
poi sei comparsa tu,
o Debora,
per far da madre a Israele.

Gdc 5,8 La guerra era alle porte:
il popolo sceglieva nuovi dèi
e su quarantamila uomini
in Israele
nessuno impugnava lo scudo o la lancia.


Gdc 5,9 Voi, comandanti d'Israele,
voi, volontari del popolo,
lodate il Signore!

Gdc 5,11 la gente radunata attorno ai pozzi
sta raccontando le vittorie del Signore,
i trionfi del Signore, campione d'Israele.
Il popolo del Signore
è sceso alle porte della città.

Gdc 5,13 I superstiti
si sono uniti ai nobili
e, all'invito di Debora,
il popolo d'Israele è accorso
pronto
a combattere.

Gdc 6,1-2 Gli Israeliti andarono di nuovo contro la volontà del Signore, e il Signore li fece cadere sotto il potere del popolo di Madian. Per sette anni i Madianiti oppressero con mano pesante il popolo d'Israele. Per difendersi, gli Israeliti si rifugiarono sui monti, in grotte e caverne, tra rocce inaccessibili.
Gdc 6,6 A causa di Madian gli Israeliti finirono in miseria. Allora il popolo d'Israele cercò l'aiuto del Signore.
Gdc 6,8 egli mandò ad essi un profeta con questo messaggio: 'Così dice il Signore, Dio d'Israele: Io vi ho fatti uscire dall'Egitto e vi ho liberati dalla schiavitù.
Gdc 6,14 Il Signore gli ordinò:
- Va'! Mostra la tua forza. Io ti mando a liberare Israele dal potere dei Madianiti.

Gdc 6,15 Gedeone rispose:
- Ma, Signore, come potrò io salvare Israele?
La mia famiglia è la meno importante della tribù di Manasse, e nella mia famiglia io sono l'ultimo.

Gdc 6,36 Poi Gedeone si rivolse a Dio: 'Tu hai detto di volerti servire di me per salvare Israele.
Gdc 6,37 Ebbene, io stenderò il manto di una pecora in terra dentro il cortile. Se domattina solo il manto sarà bagnato di rugiada e il terreno attorno resterà asciutto, allora sarò sicuro che tu hai deciso di salvare Israele per mezzo mio'.
Gdc 7,7 Il Signore disse a Gedeone: 'Io salverò Israele e ti farò vincere contro i Madianiti soltanto con i trecento uomini che hanno leccato l'acqua. Gli altri mandali pure a casa'.
Gdc 8,28 Dopo aver subito quella dura sconfitta da parte degli Israeliti, i Madianiti non poterono più risollevarsi. Il popolo d'Israele visse in pace nella sua terra per quarant'anni, fino alla morte di Gedeone.

Gdc 9,22 Abimelech restò al comando d'Israele per tre anni.
Gdc 10,1 Dopo Abimelech venne Tola, figlio di Pua, nipote di Dodo; anch'egli liberò Israele. Apparteneva alla tribù di Issacar e abitava a Samir, sui monti di Efraim.
Gdc 10,2 Egli fu giudice, capo d'Israele, per ventitré anni. Quando morì, fu sepolto a Samir.

Gdc 10,3 Dopo Tola venne Iair. Abitava nella regione di Galaad e fu giudice, capo d'Israele, per ventidue anni.
Gdc 11,13 Il re degli Ammoniti rispose ai messaggeri di Iefte: 'Il motivo è questo: il popolo d'Israele, quando uscì dall'Egitto, occupò il mio territorio dal torrente Arnon fino al torrente Iabbok e al fiume Giordano. Ora restituiscimi subito queste terre pacificamente'.
Gdc 11,15 con questa risposta: 'Non è vero che Israele ha preso le terre dei Moabiti e degli Ammoniti.
Gdc 11,17 Allora essi mandarono messaggeri al re di Edom e gli chiesero di lasciarli attraversare il suo territorio; ma il re di Edom rifiutò. La stessa cosa fecero con il popolo di Moab: Israele mandò messaggeri a quel re, ma nemmeno lui volle lasciarli passare. Così gli Israeliti si fermarono a Kades.
Gdc 11,20 'Sicon non si fidò di lasciar passare gli Israeliti per il suo territorio; anzi, radunò l'esercito, pose l'accampamento a Iaaz e attaccò Israele.
Gdc 11,21 Ma il Signore, Dio d'Israele, diede agli Israeliti la vittoria su Sicon e il suo esercito. Così gli Israeliti presero possesso di tutto il territorio degli Amorrei.
Gdc 11,23 'Dunque il Signore, Dio d'Israele, ha cacciato via gli Amorrei per far posto a noi Israeliti. E ora voi Ammoniti vorreste cacciar via noi?
Gdc 11,25 E tu, re di Ammon, credi di valere più del re di Moab, Balak figlio di Zippor? Ebbene, egli non ha mai avanzato pretese contro Israele e non gli ha mai mosso guerra.
Gdc 11,33 Egli conquistò la zona di Aroer dai dintorni di Minnit fino ad Abel-Cheramin, venti città in tutto. Fu una dura sconfitta per gli Ammoniti e un grande trionfo per Israele.
Gdc 11,39 Dopo due mesi tornò da suo padre. Egli fece quello che aveva promesso al Signore, e lei morì ancora vergine. Questa fu l'origine di un'usanza in Israele:
Gdc 12,7 Iefte fu giudice, capo di Israele, per sei anni. Quando morì, fu sepolto nella sua città, in Galaad.

Gdc 12,8 Dopo Iefte venne Ibsan, di Betlemme. Anche lui fu giudice, capo d'Israele.
Gdc 12,9 Ebbe trenta figli e trenta figlie. Fece sposare le sue figlie a uomini di altri villaggi, e fece venire da fuori trenta ragazze da dare in moglie ai suoi trenta figli. Ibsan governò Israele per sette anni.
Gdc 12,11 Dopo Ibsan venne Elon, un uomo della tribù di Zabulon. Egli fu giudice, capo d'Israele, per dieci anni.
Gdc 12,14 Egli ebbe quaranta figli e trenta nipoti. Ognuno di loro era padrone di un asino. Abdon fu giudice, capo d'Israele, per otto anni.
Gdc 13,5 perché resterai incinta e darai alla luce un figlio. I suoi capelli non dovranno mai esse tagliati, perché sarà consacrato a Dio come nazireo fin dal seno di sua madre. Egli comincerà a liberare Israele dai Filistei'.
Gdc 14,4 l suoi genitori non capivano che in questo c'era la mano del Signore. In quel tempo i Filistei opprimevano Israele, e il Signore cercava un'occasione per colpirli.
Gdc 15,20 Sansone fu giudice, capo d'Israele, per vent'anni, al tempo delle lotte con i Filistei.


Gdc 16,31 l suoi fratelli e i suoi familiari vennero a prendere il suo corpo. Lo portarono via e lo seppellirono nella tomba di suo padre Manoach in una località tra Zorea ed Estaol. Sansone era stato giudice, capo d'Israele, per vent'anni.


Gdc 17,6 Siccome a quel tempo il popolo d'Israele non aveva ancora un re, tutti facevano come volevano.
Gdc 18,1 A quel tempo il popolo d'Israele non aveva ancora un re, e la tribù di Dan cercava dove stabilirsi, perché non le era toccato nessun territorio tra le tribù d'Israele.
Gdc 18,19 Gli risposero:
- Stai tranquillo e non dir niente. Vieni con noi e sarai il nostro consigliere e sacerdote. Non è meglio essere sacerdote per un gruppo o un'intera tribù d'Israele, invece che per una sola famiglia?

Gdc 19,1 Ai tempi in cui il popolo d'Israele non aveva ancora un re, c'era un levita che abitava al centro della zona montagnosa di Efraim. Si era preso una concubina della città di Betlemme in Giudea.
Gdc 19,29 Quando arrivò a casa, prese un coltello e tagliò il corpo della concubina in dodici pezzi e ne mandò un pezzo a ciascuna tribù d'Israele.
Gdc 20,1 Tutto il popolo d'Israele radunò compatto in assemblea a Mizpa, alla presenza del Signore. Vennero da Dan, al nord, fino a Bersabea, al sud, e anche dal territorio di Galaad.
Gdc 20,2 A questa assemblea del popolo di Dio erano presenti tutte le tribù d'Israele con i loro capi: in tutto quattrocentomila soldati addestrati alla guerra.
Gdc 20,6 Allora io ho preso il suo corpo e l'ho tagliato a pezzi; poi ho mandato un pezzo a ciascuna delle tribù d'Israele. Quegli uomini hanno commesso in mezzo a noi un delitto veramente mostruoso!
Gdc 20,9-10 Ecco il nostro piano contro Gabaa: per ogni tribù d'Israele tireremo a sorte dieci uomini su cento, cento su mille, mille su diecimila. Questi raccoglieranno da tutto il popolo i viveri. Al loro ritorno assaliremo Gabaa di Beniamino. In tal modo vendicheremo il delitto mostruoso commesso in mezzo al popolo d'Israele'.
Gdc 20,11 Così, tutti gli uomini d'Israele, compatti, si organizzarono contro la città.
Gdc 20,12 Le tribù di Israele mandarono messaggeri per tutto il territorio di Beniamino. Dissero: 'Come mai è stato commesso in mezzo a voi questo delitto?
Gdc 20,13 Ora consegnateci quei pervertiti di Gabaa: li uccideremo e così sarà cancellato il male commesso in Israele'. Ma gli uomini della tribù di Beniamino non vollero dar retta agli altri fratelli Israeliti,
Gdc 20,14 e da tutte le città vennero a Gabaa per combattere contro le altre tribù d'Israele.
Gdc 20,17 Le altre tribù d'Israele invece radunarono quattrocentomila soldati già addestrati alla guerra.
Gdc 20,22-24 Gli Israeliti tornarono a Betel e piansero fino alla sera alla presenza del Signore. Poi, lo invocarono e gli domandarono:
- Dobbiamo di nuovo attaccare i nostri fratelli della tribù di Beniamino?
- Sì, attaccateli! - rispose il Signore.
L'esercito d'Israele riprese coraggio, e i loro soldati si avvicinarono alle truppe di Beniamino per la seconda volta e si schierarono nella stessa posizione del giorno prima.

Gdc 20,26 Allora tutto il popolo d'Israele andò a Betel e pianse. Si sedettero alla presenza del Signore e non mangiarono niente fino a sera. Offrirono al Signore sacrifici completi e sacrifici per il banchetto sacro.
Gdc 20,27-28 In quei giorni, l'arca dell'alleanza con Dio era a Betel. Incaricato del servizio liturgico davanti ad essa era Finees, figlio di Eleazaro e nipote di Aronne. Il popolo d'Israele invocò il Signore e gli domandò:
- Dobbiamo ancora attaccare i nostri fratelli della tribù di Beniamino oppure dobbiamo fermarci?
E il Signore rispose:
- Sì, attaccateli! Domani vi darò la vittoria su di loro.

Gdc 20,29 Allora Israele fece appostare alcuni soldati in agguato attorno a Gabaa.
Gdc 20,33-34 'L'esercito d'Israele lasciò la sua posizione e si raggruppò a Baal-Tamar; intanto i soldati che erano in agguato, diecimila in tutto, saltarono fuori dai loro nascondigli, dal lato indifeso di Gabaa, e attaccarono la città. La lotta fu dura. Intanto l'esercito Beniaminita non si rendeva conto che stava per essere annientato.
Gdc 20,35 Ma il Signore diede a Israele la vittoria. Infatti, quel giorno, gli Israeliti uccisero venticinquemilacento soldati della tribù di Beniamino.
Gdc 20,38 L'esercito d'Israele e i soldati in agguato, a suo tempo avevano concordato un segnale: gli uni dovevano far salire una grande nube di fumo dalla città,
Gdc 20,42 Cercarono di sfuggire all'esercito d'Israele prendendo la strada del deserto. Ma vennero raggiunti dagli inseguitori e furono uccisi anche dai soldati Israeliti che uscivano dalla città.
Gdc 21,3 Dicevano: 'Signore, Dio d'Israele, come mai è capitata una cosa simile? Perché la tribù di Beniamino sta per scomparire da Israele?'.
Gdc 21,5 Si domandarono: 'Chi non ha preso parte all'assemblea di Mizpa, quando tutte le tribù d'Israele si sono radunate alla presenza del Signore?'. Essi infatti avevano giurato di uccidere chiunque non era andato a Mizpa.
Gdc 21,6 Gli Israeliti provavano compassione per i loro fratelli Beniaminiti. Dicevano: 'Oggi Israele ha perso una delle sue tribù.
Gdc 21,8 Quando chiesero se al raduno di Mizpa era mancato qualche gruppo fra le tribù d'Israele, scoprirono che non era venuto nessuno di Iabes di Galaad.
Gdc 21,15 Il popolo provò compassione per la tribù di Beniamino, perché il Signore aveva rotto l'unità delle dodici tribù d'Israele.
Gdc 21,17 Israele non deve perdere una delle sue dodici tribù. Occorre garantire alla tribù di Beniamino la possibilità di continuare a vivere.
Gdc 21,25 A quel tempo Israele non aveva ancora un re. Ognuno faceva quel che voleva.
Rt 1,1-2 Tanto tempo fa, quando i giudici erano a capo del popolo d'Israele, ci fu una carestia nel paese. Perciò un certo Elimelech, della famiglia di Efrata, abitante a Betlemme di Giuda, si trasferì nel paese di Moab insieme a sua moglie Noemi e ai suoi due figli, Maclon e Chilion.
Rt 2,12 Ti ricompensi il Signore per quanto hai fatto. Il Signore Dio d'Israele, nel quale hai avuto fiducia, ti dia una ricompensa altrettanto generosa.

Rt 4,7 Ora, a quei tempi, in Israele, per sistemare una vendita o un cambio di proprietà tra parenti, c'era l'usanza di togliersi il sandalo e darIo al compratore come segno dell'accordo avvenuto.
Rt 4,11 Gli anziani e i presenti dissero:
- D'accordo, ne siamo testimoni. Renda il Signore la tua sposa come Rachele e Lia, dalle quali discesero tutti i figli d'Israele. Possa tu divenire ricco nella famiglia di Efrata e famoso a Betlemme.
Rt 4,14 Le donne dissero a Noemi: 'Glorifica il Signore! Egli ti ha dato oggi un nipote che si prenderà cura di te. Che questo bambino diventi famoso in Israele!
1Sam 1,3 Ogni anno Elkana partiva dalla sua città e andava al santuario di Silo per adorare il Signore degli eserciti d'Israele, e offrirgli sacrifici. In quel santuario erano sacerdoti i due figli di Eli: Ofni e Finees.
1Sam 1,11 Fece al Signore questa solenne promessa: 'Signore degli eserciti d'Israele, guarda la mia miseria! Ricordati di me che sono la tua serva, non abbandonarmi! Se mi darai un figlio, ti prometto di consacrarlo per sempre al tuo servizio: i suoi capelli non verranno mai tagliati'.
1Sam 1,17 Allora Eli le disse:
- Va' in pace! Che il Dio d'Israele ti conceda quel che gli hai domandato.

1Sam 2,28 Tra tutte le tribù d'Israele ho scelto lui come mio sacerdote. Gli ho affidato il compito di prestare servizio all'altare, di offrire l'incenso e di portare l'efod per interrogarmi. Inoltre ho dato a lui e alla sua famiglia il diritto di prendere una parte di tutte le offerte degli Israeliti.
1Sam 2,29 Perché, dunque, trattate senza rispetto i sacrifici e le offerte che ho ordinato di fare nel santuario? E tu, perché hai più riguardo dei tuoi figli che di me, e permetti loro di ingrassarsi con la parte migliore delle offerte del mio popolo, Israele?

1Sam 2,30 'Questa è la mia decisione, - dice il Signore, Dio d'Israele. - Avevo promesso a te e alla tua famiglia di tenervi per sempre come sacerdoti, ma ora basta! Io onoro chi mi onora, ma chi mi disprezza troverà solo disprezzo.
1Sam 2,32 Vedrai un tuo rivale nel santuario, e tutto il bene che farà a Israele, ma nessuno della tua famiglia arriverà alla vecchiaia.
1Sam 3,11 Il Signore gli disse:
- Ecco, sto per compiere in Israele qualcosa che lascerà sbalordito chiunque ne sentirà parlare.
1Sam 3,20 Così tutto il popolo d'Israele, da Dan a nord fino a Bersabea a sud, seppe che Samuele era un vero profeta del Signore.
1Sam 4,1a E Samuele la comunicava a tutto il popolo d'Israele.

1Sam 4,3 Quando l'esercito tornò all'accampamento, i capi d'Israele dissero: 'Perché mai il Signore oggi ci ha fatto perdere contro i Filistei? Andiamo a Silo a prendere l'arca dell'alleanza del Signore: quando sarà in mezzo a noi ci salverà dai nemici'.
1Sam 4,4 Mandarono a Silo alcuni uomini con l'incarico di prendere l'arca del Signore degli eserciti d'Israele, che siede in trono tra i cherubini. Accanto all'arca c'erano Ofni e Finees, i due figli di Eli.
1Sam 4,5 Quando l'arca dell'alleanza del Signore giunse all'accampamento, tutto Israele esplose in un'acclamazione così forte da far tremare la terra.
1Sam 4,10 Quindi i Filistei attaccarono battaglia: gli Israeliti furono sconfitti e fuggirono ognuno a casa sua. Fu una vera disfatta: caddero tremila soldati d'Israele.
1Sam 4,18 Quando udì nominare l'arca di Dio, Eli cadde all'indietro dalla seggiola a lato della porta del santuario, batté la testa e morì, perché era vecchio e pesante. Aveva guidato il popolo d'Israele per quarant'anni.

1Sam 4,21 dare il nome al bambino; lo chiamò Icabod (Senza Gloria), per dire: 'La Gloria di Dio ha abbandonato Israele'. Si riferiva alla cattura dell'arca di Dio e alla morte del suocero e del marito.
1Sam 4,22 Aveva detto: 'La Gloria di Dio ha abbandonato Israele' perché era stata catturata l'arca di Dio.


1Sam 5,7 Visto come andavano le cose, gli abitanti di Asdod dissero: 'Non vogliamo che l'arca del Dio d'Israele rimanga presso di noi, perché egli ha colpito troppo duramente noi e il nostro dio Dagon'.
1Sam 5,8 Convocarono dunque tutti i capi dei Filistei e chiesero loro:
- Che cosa dobbiamo fare dell'arca del Dio d'Israele?
- Bisogna trasportarla a Gat, - essi risposero.
Così l'arca fu trasportata nella città di Gat.
1Sam 5,10 Allora mandarono l'arca di Dio ad Accaron, ma al suo arrivo i cittadini di Accaron gridarono: 'Hanno portato qui l'arca del Dio d'Israele per farci morire tutti!'.
1Sam 5,11 Convocarono a loro volta i capi dei Filistei e dissero loro: 'Rimandate l'arca del dio d'Israele al suo popolo, altrimenti moriremo tutti'. Infatti un'atmosfera di panico gravava sulla città, perché il Signore l'aveva così duramente colpita.
1Sam 6,3 Essi risposero:
- Se volete restituire l'arca del dio d'Israele, dovete senz'altro accompagnarla con un dono in riparazione del vostro peccato. Allora guarirete e saprete per quale motivo Dio ha voluto colpirvi così duramente.

1Sam 6,5 Fate dunque queste riproduzioni d'oro sia dei vostri bubboni sia dei topi che devastano il vostro territorio. In questo modo riconoscerete la potenza del Dio d'Israele. Forse egli cesserà di colpire voi, le vostre divinità e la vostra terra.
1Sam 6,6 Perché volete ostinarvi come hanno fatto gli Egiziani e il faraone? Ricordate come il Signore li ha messi in ridicolo e hanno dovuto lasciar partire il popolo d'Israele?
1Sam 6,9 e state a vedere: se andrà verso la città di Bet - Semes, nella direzione del territorio d'Israele, sapremo chi è causa dei nostri mali; se invece prenderà un'altra strada, sapremo che non è stata la sua mano a colpirci, ma tutto è capitato per caso.
1Sam 7,3 Allora Samuele parlò così a tutto il popolo d'Israele: 'Se davvero volete tornare al Signore con tutto il cuore, togliete di mezzo gli idoli della dea Astarte e tutte le altre divinità straniere. Dedicatevi completamente al Signore e servite lui solo: allora egli vi libererà dalle mani dei Filistei'.
1Sam 7,6 Gli Israeliti si radunarono a Mizpa. Attinsero acqua e l'offrirono al Signore, quel giorno fecero digiuno e riconobbero di aver peccato contro il Signore. Là, a Mizpa, Samuele fu giudice del popolo d'Israele.
1Sam 7,9 Samuele prese un vitello da latte e lo bruciò intero come sacrificio in onore del Signore. Poi supplicò il Signore a favore d'Israele, e il Signore l'ascoltò.
1Sam 7,10 Mentre Samuele offriva il sacrificio, i Filistei si erano disposti in ordine di battaglia per attaccare gli Israeliti. Ma, in quel giorno, il Signore fece udire un grande fragore di tuono e così gettò il panico tra i Filistei. Essi si diedero alla fuga davanti a Israele.
1Sam 7,13 Così i Filistei furono umiliati e non tentarono più di invadere il territorio d'Israele. Per tutto il tempo della vita di Samuele, il Signore fece sentire loro il peso della sua mano.
1Sam 7,14 Le città che i Filistei avevano occupato tra Accaron e Gat erano tornate in possesso d'Israele: tutta quella regione era stata strappata ai Filistei. Anche tra Israeliti e Amorrei quello fu un periodo di pace.
1Sam 7,15 Samuele fu giudice del popolo d'Israele per tutto il tempo della sua vita.
1Sam 7,17 Poi tornava a Rama, dov'era la sua casa e dove egli guidava il popolo d'Israele. Qui, inoltre, costruì un altare al Signore.


1Sam 8,1 Quando fu vecchio, Samuele diede ai suoi figli il compito di amministrare la giustizia nel popolo d'Israele.
1Sam 8,22 Il Signore gli rispose: 'Ascolta pure le loro richieste: da' loro un re!'. Quindi Samuele invitò tutti gli uomini d'Israele a ritornare ciascuno nella sua città.


1Sam 9,2 Kis aveva un figlio di nome Saul, un bel giovane alto e forte, come nessun altro in Israele, superava tutti dalla spalla in su.
1Sam 9,16 'Domani a quest'ora ti manderò un uomo della tribù di Beniamino. Lo consacrerai come capo del mio popolo, Israele. Egli libererà il mio popolo dal dominio dei Filistei: ho visto infatti la condizione del mio popolo e ho udito le sue invocazioni d'aiuto'.
1Sam 9,20 Quanto alle asine scomparse tre giorni fa, non devi più preoccuparti: sono state ritrovate. Del resto, tutto quel che c'è di prezioso in Israele appartiene a te e alla famiglia di tuo padre.
1Sam 9,21 Saul rispose:
- Che cosa intendi dire? Io appartengo alla più piccola famiglia della tribù di Beniamino, la più piccola tribù d'Israele.

1Sam 10,18 se fece questo discorso: 'Così dice il Signore Dio d'Israele: Io vi ho fatti uscire dall'Egitto, vi ho liberati dal dominio degli Egiziani e da tutti i regni che vi opprimevano'.

1Sam 10,20 Allora Samuele fece avvicinare per il sorteggio le tribù d'Israele, una per una, e la sorte cadde su quella di Beniamino.
1Sam 11,2 Nacas rispose:
- D'accordo, farò un trattato, ma soltanto a questa condizione: di cavare a ciascuno di voi l'occhio destro, così tutto il popolo d'Israele sarà umiliato.

1Sam 11,3 l capi di Iabes replicarono:
- Concedici sette giorni di tempo. Manderemo messaggeri in tutto il territorio d'Israele e, se nessuno verrà in nostro aiuto, ci arrenderemo.

1Sam 11,7 prese un paio di buoi e li fece a pezzi, poi li mandò, per mezzo dei messaggeri, in tutto il territorio d'Israele con questa minaccia: 'Così finirà il bestiame di quanti non seguiranno Saul e Samuele in battaglia'. A questo avvertimento del Signore, il popolo si spaventò e tutti si presentarono compatti come un sol uomo.
1Sam 11,8 Saul li passò in rivista a Bezek: c'erano trecentomila uomini delle tribù d'Israele e tremila della tribù di Giuda.
1Sam 11,13 Ma Saul rispose:
- Nessuno dev'essere messo a morte in un giorno come questo: oggi il Signore ha salvato Israele.

1Sam 11,15 Tutto il popolo andò a Galgala e là, nel santuario, proclamò re Saul. Poi fecero un banchetto sacro davanti al Signore. Fu un momento di grande gioia per Saul e per tutti gli uomini d'Israele.


1Sam 13,4 Così in tutto Israele corse la voce: 'Saul ha conquistato il posto di guardia, e adesso tutti i Filistei sono contro di noi'. Il popolo fu convocato a Galgala per unirsi a Saul.
1Sam 13,5 I Filistei, intanto, si erano radunati per far guerra a Israele. Disponevano di tremila carri, seimila cavalieri e di truppe numerose come i granelli di sabbia sulla riva del mare. Si accamparono a Micmas, a oriente di Bet-Aven.
1Sam 13,13 Samuele rispose:
- Hai fatto una pazzia: non hai osservato la legge che il Signore, tuo Dio, ti aveva dato. Se tu avessi ubbidito, il Signore avrebbe reso stabile per sempre il tuo regno su Israele.
1Sam 13,19 In quel tempo non si trovava un fabbro in tutto il territorio di Israele, perché i Filistei volevano impedire agli Ebrei di costruire spade e lance.
1Sam 14,12 Poi, rivolti a Gionata e al suo scudiero, gridarono: 'Venite su: abbiamo una cosa da dirvi'. Gionata allora ordinò allo scudiero: 'Tu vieni dietro a me, perché il Signore li ha messi nelle mani d'Israele'.
1Sam 14,41 Saul interrogò il Signore con questa richiesta:
- Dio d'Israele, mostra chi è innocente. Fu tirata la sorte e il popolo risultò innocente a differenza di Saul e Gionata.

1Sam 15,1 Un giorno Samuele disse a Saul: 'il Signore ha mandato me per consacrarti re del suo popolo, Israele. Ora, dunque, ascolta le parole del Signore.
1Sam 15,2 Così dice il Signore degli eserciti d'Israele: Non ho dimenticato quel che il popolo degli Amaleciti ha fatto a Israele, quando gli sbarrò la strada mentre usciva dall'Egitto.
1Sam 15,17 Samuele riprese:
- Tu ora sei il capo delle tribù d'Israele, anche se tu stesso ti consideri una persona senza importanza. Il Signore ti ha consacrato re d'Israele
1Sam 15,26 Ma Samuele gli rispose:
- No, non tornerò a te, poiché tu hai respinto la parola dei Signore, e il Signore ti ha respinto come re d'Israele.

1Sam 15,28 Allora Samuele gli disse:
- Così oggi il Signore ha strappato via da te il regno d'Israele per darIo a un altro migliore di te.
1Sam 15,29 Egli, 'La Gloria d'Israele', non è come gli uomini: non mente e non ritorna sulle sue decisioni.
1Sam 15,30 Saul riprese:
- Ho peccato, è vero, ma ora ti supplico: trattami con onore di fronte al popolo d'Israele e ai suoi capi, torna a me perché possa adorare il Signore tuo Dio.

1Sam 15,35 Samuele non vide più Saul fino ai giorno della sua morte ed era molto addolorato per lui: il Signore si era pentito di aver fatto regnare Saul su Israele.


1Sam 16,1 Il Signore disse a Samuele: - Fino a quando continuerai a piangere per Saul? Io l'ho respinto e non potrà più essere re d'Israele. Ora riempi d'olio il tuo recipiente di corno, e mettiti in cammino. Ti mando a Betlemme, alla casa di lesse, perché mi sono scelto un re tra i suoi figli.

1Sam 17,19 Li troverai con Saul e con tutto l'esercito d'Israele nella valle del Terebinto dove sono in guerra con i Filistei'.
1Sam 17,25 e dicevano: - Vedete quell'uomo? Si fa avanti così per sfidare Israele. Ma, se qualcuno riuscirà a ucciderlo, il re lo colmerà di ricchezze, gli darà in sposa sua figlia e concederà privilegi alla sua famiglia.
1Sam 17,26 Davide domandò ai soldati che erano vicino a lui: - Quale sarà la ricompensa per l'uomo che vincerà questo Filisteo e riscatterà l'onore d'Israele? E chi è poi questo Filisteo miscredente che osa sfidare gli eserciti del Dio vivente?
1Sam 17,45 - Tu, - gli rispose Davide, - vieni contro di me con spada, lancia e giavellotto, ma io vengo contro di te nel nome del Signore degli eserciti, il Dio delle schiere d'Israele che tu hai insultato.
1Sam 17,46 Oggi stesso il Signore ti darà in mio potere, io ti ucciderò e ti taglierò la testa. Oggi stesso getterò i cadaveri dei soldati filistei in pasto agli uccelli del cielo e alle bestie selvatiche. Così tutti sapranno che Israele ha un Dio,
1Sam 17,52 Allora gli uomini d'Israele e di Giuda lanciarono il grido di guerra e inseguirono i Filistei fino all'imboccatura della valle e fino alle porte di Accaron. Molti di loro caddero sulla via fino a Saaraim, fino a Gat e ad Accaron.
1Sam 18,16 Ma tutta la gente d'Israele e di Giuda amava Davide perché li guidava in guerra.

1Sam 18,18 Davide rispose:
- Io non sono degno di diventare il genero dei re, anche perché la mia famiglia non è importante in Israele.
1Sam 20,12 Qui Gionata disse a Davide: 'Ti assicuro per il Signore, Dio d'Israele: dopodomani a quest'ora avrò indagato le intenzioni di mio padre. Se sono favorevoli a te, ti manderò qualcuno e te lo farò sapere.
1Sam 23,10 Poi Davide pregò:
- Signore, Dio d'Israele, io sono il tuo servo. Ho saputo che Saul ha intenzione di marciare contro la città di KeiIa e di distruggerla per causa mia.
1Sam 23,11 O Signore, Dio d'Israele, è vero che Saul marcerà contro KeiIa come ho sentito dire? I capi di KeiIa mi consegneranno nelle sue mani? Rispondi alle domande del tuo servo.
Il Signore gli rispose:
- Sì, Saul verrà.

1Sam 23,17 Gli disse: 'Non temere: mio padre non riuscirà a prenderti. Tu diventerai re d'Israele e io sarò il tuo aiutante. Anche mio padre Saul sa che le cose andranno così'.

1Sam 24,15 Contro chi stai combattendo, o re d'Israele? chi insegui? una pulce come me, un poveraccio!
1Sam 24,21 Ora so che tu diventerai il re, e il regno d'Israele sarà stabile in mano tua.
1Sam 25,30 Quando il Signore compirà tutto il bene che ti ha promesso, ti metterà a capo d'Israele.
1Sam 25,32 Davide rispose ad Abigail:
- Sia benedetto il Signore, Dio d'Israele, che oggi ti ha mandato a incontrarmi.
1Sam 25,34 Com'è vero che il Signore, Dio d'Israele, vive e mi ha impedito di farti del male, ti assicuro che, se tu non fossi giunta in tempo a incontrarmi, oggi non sarebbe rimasto in vita nessun maschio della famiglia di Nabal.
1Sam 26,2 Saul partì con tremila soldati scelti dell'esercito d'Israele e andò verso il deserto di Zif per cercare Davide.
1Sam 26,20 Non vorrei essere ucciso in una terra lontana dal Signore, o re d'Israele, per il fatto che tu sei venuto a inseguire questa piccola pulce, come si va a caccia di una pernice sui monti.
1Sam 27,1 Davide pensò: 'Un giorno o l'altro finirò ucciso da Saul. Non mi resta che rifugiarmi nella terra dei Filistei. Così Saul rinunzierà a cercarmi entro i confini d'Israele e io mi sarò liberato dal suo inseguimento'.
1Sam 28,4 I Filistei, intanto, si prepararono a combattere e posero il campo a Sunem. Allora Saul radunò tutto l'esercito d'Israele e si accampò sul monte Gelboe.
1Sam 29,3 I capi dei Filistei chiesero:
- Che cosa fanno quegli Ebrei? Rispose Achis:
- Non lo sapete? Questo è Davide, che era aiutante di Saul, re d'Israele. È con me da un anno o due e, da quando ha abbandonato il suo paese fino ad oggi, non ho mai avuto motivo di lamentarmi di lui.

2Sam 1,3 - Da dove vieni? - chiese Davide
- Sono fuggito dall'accampamento d'Israele.
2Sam 1,19 'I tuoi uomini più forti, o Israele,
giacciono trafitti sulle tue colline:
perché sono morti gli eroi?

2Sam 1,24 Ragazze d'Israele, piangete il re Saul:
egli vi dava vestiti di porpora,
vi rivestiva d'oro e di gioielli.

2Sam 2,9 Là egli lo fece re dei territori di Galaad, Aser, Izreel, Efraim e Beniamino: in breve, di tutto Israele.
2Sam 2,10 Is-Baal aveva quarant'anni quando fu fatto re, e regnò su Israele per due anni. Però il territorio di Giuda rimase sotto Davide.
2Sam 3,10 di togliere il regno alla famiglia di Saul e stabilire il dominio di Davide su tutto il popolo di Giuda e su quello d'Israele, dal nord fino al sud, da Dan fino a Bersabea.
2Sam 3,12 Abner mandò subito messaggeri a Davide per dirgli: 'A chi andrà il dominio su tutto il territorio? Fa' un patto con me e ti aiuterò a far passare dalla tua parte tutto il popolo d'Israele'.

2Sam 3,17 Abner, intanto, si incontrò con i responsabili d'Israele e disse loro: 'Da tempo voi cercate di avere Davide come re.
2Sam 3,18 È il momento di agire, perché il Signore ha promesso a Davide, suo servo, che per mezzo di lui libererà Israele, suo popolo, dai Filistei e da tutti gli altri nemici'.
2Sam 3,19 Abner ebbe colloqui anche con la tribù di Beniamino e poi andò a Ebron per riferire a Davide stesso le decisioni dei responsabili d'Israele e di Beniamino.
2Sam 3,38 Davide disse ai suoi collaboratori: 'Rendetevi conto che oggi è morto un grande capo in Israele.
2Sam 4,1 Quando seppe che Abner era morto a Ebron, Is-Baal figlio di Saul perse coraggio e anche tutto Israele ebbe paura.
2Sam 5,1 Tutte le tribù d'Israele si radunarono a Ebron e dichiararono a Davide: 'Noi ci consideriamo tuoi fratelli di sangue.
2Sam 5,2 Già da parecchio tempo, quando su di voi regnava ancora Saul, guidavi tu il popolo d'Israele nelle sue battaglie. Il Signore ti ha fatto la promessa che sarai tu la guida del suo popolo, il capo d'Israele'.
2Sam 5,3 Allora Davide, alla presenza del Signore, concluse un'alleanza con tutti i responsabili d'Israele che erano venuti da lui a Ebron. Essi lo consacrarono re d'Israele.
2Sam 5,5 sette anni e mezzo a Ebron sulla tribù di Giuda e trentatré a Gerusalemme su tutte le tribù d'Israele e su quella di Giuda.

2Sam 5,12 Davide capì che il Signore lo aveva confermato re d'Israele e sosteneva il suo regno per amore d'Israele, suo popolo.

2Sam 5,17 I Filistei, quando seppero che gli Israeliti avevano consacrato Davide re d'Israele, organizzarono una spedizione per catturarlo. Davide ne fu informato e si spostò in un luogo fortificato.
2Sam 6,1 Davide radunò di nuovo tutti i trentamila guerrieri d'Israele.
2Sam 6,20 Anche Davide si avviò per salutare la sua famiglia. Gli venne incontro Mikal figlia di Saul e disse:
- Bella figura ha fatto oggi il re d'Israele: si è fatto vedere mezzo svestito anche dalle serve dei suoi dipendenti come avrebbe fatto un uomo da nulla.

2Sam 6,21 Davide le rispose:
- Io ho fatto festa in onore del Signore che ha scelto me come capo d'Israele, suo popolo, al posto di tuo padre o di un suo discendente. In onore del Signore lo farò ancora.
2Sam 7,7 Ho fatto, insieme con gli Israeliti, molto cammino e ho affidato a molti capi il compito di guidare Israele, mio popolo. Non ho mai chiesto a nessuno di loro, neppure una volta, perché non mi costruivano un tempio con legname pregiato'.
2Sam 7,8 Il Signore disse ancora a Natan: 'Devi dire al mio servo Davide che io, il Signore dell'universo, gli mando questo messaggio: Tu eri un pastore e seguivi il gregge. Io ti ho preso di là, per farti diventare capo d'Israele, mio popolo.
2Sam 7,10 Voglio fissare per il mio popolo, Israele, un luogo dove possa stabilirsi e abitare senza più paura di nessuno. Non sarà più oppresso da gente malvagia, come avveniva un tempo,
2Sam 7,11 anche quando avevo messo i giudici a capo d'Israele, mio popolo. Ora, invece, ti ho dato tranquillità da tutti i tuoi nemici. E io, il Signore, ti annunzio che sarò io a costruire a te una casa!
2Sam 7,23 Non c'è sulla terra nessun altro popolo come il tuo: tu sei andato a liberare soltanto Israele per farne il tuo popolo e dargli il tuo nome. Hai fatto in suo favore cose grandi e terribili. Dopo averlo liberato dagli Egiziani e dalle loro divinità, hai scacciato le nazioni che ostacolavano il suo cammino.
2Sam 7,24 Hai fatto d'Israele il tuo popolo per sempre e sei diventato, o Signore, il loro Dio.
2Sam 7,26 Così, la tua gloria sarà grande per sempre. Tutti diranno: il Signore dell'universo è veramente il Dio d'Israele. Così, la dinastia di Davide, tuo servo, rimarrà stabile per sempre.
2Sam 7,27 Tu stesso, Signore dell'universo e Dio d'Israele, mi hai fatto conoscere il proposito di darmi una dinastia. Per questo io, tuo servo, ho avuto il coraggio di farti questa preghiera.
2Sam 10,17 Quando Davide lo venne a sapere, radunò tutto l'esercito d'Israele, attraversò il Giordano e giunse a Chelam. Gli Aramei si schierarono contro Davide e l'attaccarono,
2Sam 11,11 - In questi giorni, - rispose Uria a Davide, - gli uomini d'Israele e di Giuda e il mio comandante Ioab dormono sotto la tenda; le truppe della tua guardia e anche l'arca stanno in aperta campagna. Come potrei andare a casa mia, pranzare e dormire con mia moglie? Per la tua vita ti giuro che non farò mai una cosa simile.

2Sam 12,7 - Quell'uomo sei tu, - gli disse Natan. E aggiunse:
- Ascolta quel che ti dice il Signore Dio d'Israele: 'Io ti ho consacrato re d'Israele e ti ho liberato dagli attacchi di Saul.
2Sam 12,8 Anzi, ho sottomesso a te la sua famiglia; ho messo nelle tue braccia le sue donne. Ti ho fatto diventare capo del popolo d'Israele e di Giuda. Se ciò non ti bastasse potrei darti altro ancora.
2Sam 13,12 Lasciami, protestò Tamar, non fare sciocchezze. Questa violenza è intollerabile in Israele.
2Sam 13,13 Dove potrei andare a nascondere il mio disonore? E tu? In Israele saresti trattato come un infame. Piuttosto chiedi la mia mano al re, non ti dirà di no.
2Sam 14,25 Non c'era in Israele un uomo più bello e più ammirato di Assalonne: dalla testa ai piedi non aveva alcun difetto.
2Sam 15,6 Faceva così con tutti quelli che dal nord, dal territorio d'Israele, venivano dal re per un processo. In questo modo si guadagnava la simpatia di tutta la gente del nord.

2Sam 17,11 Il mio consiglio è questo: raduna soldati da tutto il territorio d'Israele, da Dan a nord fino a Bersabea a sud, prepara un esercito numeroso come la sabbia del mare e poi guidalo tu stesso.
2Sam 19,23 - No, - disse Davide ad Abisai e Ioab, figli di Zeruia, - io non sono del vostro parere. Voi oggi siete di ostacolo alla mia volontà. In questo giorno nessuno deve essere condannato a morte in Israele, perché oggi io so che sono il solo re d'Israele.

2Sam 19,44 Ma quelli d'Israele replicarono:
- Noi abbiamo dieci volte più diritti di voi nel regno e anche rispetto a Davide. Perché ci avete ignorati? Noi per primi abbiamo deciso di far tornare il nostro re sul trono. Quelli della tribù di Giuda risposero con parole ancor più dure di quelle degli uomini d'Israele.


2Sam 20,1 Si trovava là, a Galgala, un certo Seba figlio di Bicri, della tribù di Beniamino, un poco di buono. Con la tromba egli chiamò a raccolta gli Israeliti del nord e gridò: 'Non abbiamo niente da spartire con la famiglia di Davide, non abbiamo nulla a che fare con questo figlio di lesse! Gente d'Israele, torniamo alle nostre tende'.
2Sam 20,19 La nostra città ha sempre amato la pace e rispettato i patti in Israele. Perché stai cercando di distruggere un'antica città d'Israele? Perché vuoi rovinare quel che appartiene al Signore?

2Sam 20,23 Ioab era il comandante di tutto l'esercito d'Israele. Benaia figlio di Ioiada era il comandante dei Cretei e dei Peletei della guardia.
2Sam 21,2 I Gabaoniti non erano Israeliti, erano superstiti degli Amorrei. Anticamente, gli Israeliti avevano fatto un accordo con loro, ma poi Saul, nel suo zelo per la causa delle tribù di Giuda e d'Israele, aveva cercato di farli morire. Davide mandò a chiamare i Gabaoniti e chiese loro:

2Sam 21,4 I Gabaoniti risposero:
- Il nostro conflitto con la famiglia di Saul non si risolve con il denaro, né con la morte di una persona qualsiasi in Israele.
- Che cosa proponete allora? - chiese Davide. - Io lo farò.

2Sam 21,5 l Gabaoniti risposero:
- Saul voleva eliminarci e ucciderci, voleva farci sparire da tutto il territorio d'Israele.
2Sam 21,17 Ma Abisai, figlio di Zeruia, venne in aiuto al re, colpì il soldato filisteo e l'uccise. Quel giorno i soldati di Davide lo scongiurarono di non uscire più in battaglia con loro per evitare il pericolo che venisse spenta la sua dinastia in Israele.
2Sam 23,1 Queste sono le ultime parole di Davide:
'Ascoltate le parole di Davide figlio
di lesse,
la profezia dell'uomo reso grande da Dio,
del re consacrato dal Dio di Giacobbe,
esaltato nei canti d'Israele.

2Sam 23,3 Mi ha parlato il Dio d'Israele,
il difensore del popolo ha detto:
'Chi con giustizia sugli uomini regna
sempre fedele al suo Dio

2Sam 24,1 Un'altra volta ancora la collera del Signore colpì il popolo e spinse Davide a fare il censimento delle tribù di Giuda e d'Israele a danno del popolo.
2Sam 24,2 Il re ordinò a Ioab, comandante del suo esercito:
- Percorri il territorio di tutte le tribù d'Israele da Dan a nord fino a Bersabea a sud, e fa' il censimento del popolo. Voglio conoscere quanti uomini sono.

2Sam 24,9 Ioab riferì a Davide il risultato del censimento: in Israele, al nord, gli uomini in grado di combattere erano ottocentomila e, in Giuda, al sud, cinquecentomila.





  la ricerca ha riportato 500 risultati  
inizio pagina