LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 22 Ottobre 2023 <

Venerdì 20 Ottobre 2023

Sabato 21 Ottobre 2023

Domenica 22 Ottobre 2023

Lunedì 23 Ottobre 2023

Martedì 24 Ottobre 2023

Mercoledì 25 Ottobre 2023

Giovedì 26 Ottobre 2023

Venerdì 27 Ottobre 2023

Sabato 28 Ottobre 2023

Domenica 29 Ottobre 2023

Newsletter
Per ricevere la Liturgia del giorno inserisci la tua mail:


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:








  XXIX DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO A)

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: DOMENICA
Colore liturgico: Verde
AO290 ;

L’ipocrisia dei farisei e dei sadducei proclama la veridicità di Gesù, che essi cercano di cogliere nella rete di un dilemma sapientemente calcolato: o egli afferma che il tributo ad uno Stato straniero e idolatra è lecito, e perde la stima di coloro che non accettano il dominio romano; oppure dichiara che questo tributo è illecito, e apre la porta al suo processo con l’accusa di istigare la sedizione. “Rendete dunque a Cesare quello che è di Cesare”. Gesù non è il capo di un movimento di rivolta: il suo discepolo deve compiere i suoi obblighi civici. È in questo modo che l’ha capito la prima Chiesa (Rm 13,1-7; 1Pt 2,13-17). Ma ciò che è importante e decisivo, e che non sembra preoccupare i farisei, è il seguito: “E a Dio quello che è di Dio”. Soltanto a Dio si devono l’adorazione e il culto, e né lo Stato né alcun’altra realtà di questo mondo possono pretendere ciò che è dovuto esclusivamente a Dio. Il martirio è l’espressione suprema della resistenza cristiana di fronte al tentativo assolutistico del potere temporale di usurpare il posto di Dio (Ap 20,4).
A Dio ciò che è di Dio! Ma tutto appartiene a Dio, che è il creatore. Ed è per questo che non si può astrarre Dio durante la costruzione della città terrena, “quasi che Dio non meriti alcun interesse nell’ambito del disegno operativo ed associativo dell’uomo” (Reconciliatio et paenitentia , 14). L’uomo può realizzare la pretesa blasfema di costruire un mondo senza Dio, ma “questo mondo finirà per ritorcersi contro l’uomo” (ivi , 18).

Scarica il foglietto della Messa >
Scarica le Letture del Lezionario >
Scarica il Salmo Responsoriale Cantato >
Ricevi la Liturgia via mail >
Condividi questa Liturgia su > Facebook
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Io t'invoco, o Dio, poiché tu mi rispondi;
tendi a me l'orecchio, ascolta le mie parole.
Custodiscimi come pupilla degli occhi,
all'ombra delle tue ali nascondimi. (Sal 16,6.8)


Colletta
Dio onnipotente ed eterno,
donaci di orientare sempre a te la nostra volontà
e di servirti con cuore sincero.
Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio,
e vive e regna con te, nell'unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli.

Oppure (Anno A):
O Padre, sul palmo della tua mano
sta scritto il nome di ogni tuo figlio:
fa' che nel misterioso intrecciarsi
delle libere volontà degli uomini
nessuna autorità abusi della propria forza
e ogni potere si ponga sempre
a servizio del bene di tutti.
Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio,
e vive e regna con te, nell'unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli.

>

Prima lettura

Is 45,1.4-6
Ho preso Ciro per la destra per abbattere davanti a lui le nazioni.

Dal libro del profeta Isaìa

Dice il Signore del suo eletto, di Ciro:
«Io l’ho preso per la destra,
per abbattere davanti a lui le nazioni,
per sciogliere le cinture ai fianchi dei re,
per aprire davanti a lui i battenti delle porte
e nessun portone rimarrà chiuso.
Per amore di Giacobbe, mio servo,
e d’Israele, mio eletto,
io ti ho chiamato per nome,
ti ho dato un titolo, sebbene tu non mi conosca.
Io sono il Signore e non c’è alcun altro,
fuori di me non c’è dio;
ti renderò pronto all’azione, anche se tu non mi conosci,
perché sappiano dall’oriente e dall’occidente
che non c’è nulla fuori di me.
Io sono il Signore, non ce n’è altri».

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 95

Grande è il Signore e degno di ogni lode.

Cantate al Signore un canto nuovo,
cantate al Signore, uomini di tutta la terra.
In mezzo alle genti narrate la sua gloria,
a tutti i popoli dite le sue meraviglie.

Grande è il Signore e degno di ogni lode,
terribile sopra tutti gli dèi.
Tutti gli dèi dei popoli sono un nulla,
il Signore invece ha fatto i cieli.

Date al Signore, o famiglie dei popoli,
date al Signore gloria e potenza,
date al Signore la gloria del suo nome.
Portate offerte ed entrate nei suoi atri.

Prostratevi al Signore nel suo atrio santo.
Tremi davanti a lui tutta la terra.
Dite tra le genti: «Il Signore regna!».
Egli giudica i popoli con rettitudine.

>

Seconda lettura

1Ts 1,1-5
Mèmori della vostra fede, della carità e della speranza.

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Tessalonicési

Paolo e Silvano e Timòteo alla Chiesa dei Tessalonicési che è in Dio Padre e nel Signore Gesù Cristo: a voi, grazia e pace.
Rendiamo sempre grazie a Dio per tutti voi, ricordandovi nelle nostre preghiere e tenendo continuamente presenti l’operosità della vostra fede, la fatica della vostra carità e la fermezza della vostra speranza nel Signore nostro Gesù Cristo, davanti a Dio e Padre nostro.
Sappiamo bene, fratelli amati da Dio, che siete stati scelti da lui. Il nostro Vangelo, infatti, non si diffuse fra voi soltanto per mezzo della parola, ma anche con la potenza dello Spirito Santo e con profonda convinzione.

Parola di Dio

Canto al Vangelo (Fil 2,15-16)
Alleluia, alleluia.
Risplendete come astri nel mondo,
tenendo salda la parola di vita.
Alleluia.

>

Vangelo

Condividi il Vangelo su >   Facebook Ascolta il Vangelo >    

Mt 22,15-21
Rendete a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio.


+ Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, i farisei se ne andarono e tennero consiglio per vedere come cogliere in fallo Gesù nei suoi discorsi.
Mandarono dunque da lui i propri discepoli, con gli erodiani, a dirgli: «Maestro, sappiamo che sei veritiero e insegni la via di Dio secondo verità. Tu non hai soggezione di alcuno, perché non guardi in faccia a nessuno. Dunque, di’ a noi il tuo parere: è lecito, o no, pagare il tributo a Cesare?».
Ma Gesù, conoscendo la loro malizia, rispose: «Ipocriti, perché volete mettermi alla prova? Mostratemi la moneta del tributo». Ed essi gli presentarono un denaro. Egli domandò loro: «Questa immagine e l’iscrizione, di chi sono?». Gli risposero: «Di Cesare».
Allora disse loro: «Rendete dunque a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio».

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
(Dall'Orazionale CEI 2020)
Fratelli e sorelle, condividiamo ora la preghiera universale, primo servizio alla missione. Dio Padre moltiplichi i segni della sua fedele misericordia portando tutte le creature alla salvezza.
Preghiamo insieme e diciamo: Venga il tuo regno, Signore.

1. Per la Chiesa cattolica: senta sempre viva l’urgenza della missione alle genti e investa le migliori energie nell’azione evangelizzatrice. Preghiamo.
2. Per i missionari che recano il dono del Vangelo in terre e culture lontane: siano sostenuti con ogni mezzo dalle comunità di partenza e valorizzati al loro rientro. Preghiamo.
3. Per i giovani: l’esempio dei missionari martiri li entusiasmi e li convinca a consacrarsi totalmente alla grande causa della evangelizzazione, sui sentieri della fedeltà a Cristo. Preghiamo.
4. Per i governanti: nel rispetto delle legittime aspirazioni dei popoli, si impegnino a superare le cause dei conflitti etnici e sociali, e a garantire la libertà religiosa. Preghiamo.
5. Per le nostre parrocchie: infondendo nelle attività pastorali un ampio respiro missionario, raggiungano con l’annuncio di Cristo, via, verità e vita, le persone in ricerca, a volte inconsapevole. Preghiamo.

Signore Dio nostro, che gioisci delle tue creature e le sostieni con la forza del tuo Spirito, fa’ nascere per i poveri il pane dalla terra e la giustizia dalla generosità dei retti di cuore, perché gli umili riprendano coraggio e si manifesti la tua salvezza tra le genti. Per Cristo nostro Signore.

Preghiera sulle offerte
Per questi tuoi doni concedi a noi, o Signore,
di servirti con cuore libero,
perché, purificati dalla tua grazia,
siamo rinnovati dai misteri che celebriamo.
Per Cristo nostro Signore.


Antifona alla comunione
Ecco, l'occhio del Signore è su chi lo teme,
su chi spera nel suo amore,
per liberarlo dalla morte e nutrirlo in tempo di fame. (Sal 32,18-19)

Oppure (Anno A):
Rendete a Cesare quel che è di Cesare
e a Dio quel che è di Dio. (Mt 22,21)


Preghiera dopo la comunione
La partecipazione ai doni del cielo, o Signore,
ci ottenga gli aiuti necessari alla vita presente
nella speranza dei beni eterni.
Per Cristo nostro Signore.



O M E L I E
a cura di
Qumran2.net


    padre Antonio Rungi       (Omelia del 22-10-2023)
La questione del tributo a Cesare e della lode a Dio
Il testo del vangelo della XXIX domenica del tempo ordinario ci offre un altro episodio riguardante la vita di Gesù. I farisei grandi avversari del Messia tennero consiglio per vedere come cogliere in fallo Gesù nei suoi discorsi. Obiettivo di questi avversari è trovare il modo come eliminare Gesù. Con questo scopo mandarono da lui i propri discepoli, co ...
(continua)

 
    Casa di Preghiera San Biagio FMA       (Omelia del 22-10-2023)
Commento su Mt 22,15-21
Come vivere questa Parola? Proseguiamo sulla spianata del tempio di Gerusalemme, in mezzo agli scontri di vari gruppi con Gesù. Questa volta, i farisei e gli erodiani lo metteranno in un serio vicolo cieco chiedendogli della legittimità del tributo all'imperatore romano. A quel tempo, oltre alle tasse pagate attraverso i pedaggi, le dogane, le tasse di succ ...
(continua)

 
    Omelie.org - autori vari       (Omelia del 22-10-2023)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di don Paolo Ricciardi Prima lettura, Is 45,1.4-6 Io ti ho chiamato per nome Le parole del profeta sono idealmente riferite al Re di Persia, Ciro, che con il suo editto ha dato agli israeliti la possibilità di tornare a Gerusalemme e di riprendere il culto a Dio. Un re straniero è diventato, provvidenzialmente, st ...
(continua)

 
    Omelie.org (bambini)       (Omelia del 22-10-2023)

In quel tempo, i farisei se ne andarono e tennero consiglio per vedere come cogliere in fallo Gesù nei suoi discorsi. Mandarono dunque da lui i propri discepoli, con gli erodiani, a dirgli: «Maestro, sappiamo che sei veritiero e insegni la via di Dio secondo verità. Tu non hai soggezione di alcuno, perché non guardi in faccia a nessuno. Dunque, di' a noi il ...
(continua)

 
    don Lucio D'Abbraccio       (Omelia del 22-10-2023)
Siamo immagine di Dio e a Lui apparteniamo!
La prima di questa domenica, tratta dal Libro di Isaia, ci dice che Dio è uno, è unico; non ci sono altri dèi all'infuori del Signore. Nessun potere terreno, dunque, può mettersi al suo posto. Nel brano del Vangelo, infatti, si parla se è legittimo pagare il tributo a Cesare. Celebre è la risposta di Gesù: «Rendete a Cesare quello che è di Cesare e a Dio qu ...
(continua)

 
    padre Gian Franco Scarpitta       (Omelia del 22-10-2023)
Nessuna antitesi fra Dio e uomo
Le trappole concettuali che si vogliono tendere a Gesù per trovare un pretesto per coglierlo in fallo ai fini di fargli perdere autorevolezza e attendibilità e soprattutto per condannarlo sono molteplici e si moltiplicano ogni volta che Gesù termina un discorso nel quale ha appena messo a tacere i suoi avversari, scribi e farisei. Quella che adesso gli vien ...
(continua)

 
    Agenzia SIR       (Omelia del 22-10-2023)
Commento su Matteo 22,15-21
La malizia e l'inganno possono essere contrastati solo con l'astuzia. Gesù chiede una moneta a chi si rifiuta di pagare il tributo, a coloro che nemmeno toccano il conio con l'effige dell'imperatore per non peccare di idolatria. E loro la prendono dalle tasche per mostragliela. Ipocriti, rigorosi nelle teorie, flessibili nella pratica, proprio come facciamo ...
(continua)

 
    fr. Massimo Rossi       (Omelia del 22-10-2023)
Commento su Matteo 22,15-21
La pagina di Vangelo che ci propone questa XXIX Domenica è straconosciuta! "Date a Cesare quel che è di Cesare e a Dio quel che è di Dio.". Quante volte abbiamo incontrato persone che ostentavano una tal sicumera, saccenza, presunzione e chi più ne ha più ne metta!... Un mio confratello li chiama scherzosamente "ViceDio"... Ci sarà certamente capitato an ...
(continua)

 
    don Nicola Salsa       (Omelia del 22-10-2023)
Riconoscere di Dio ciò che è di Dio (Mt 22,15-21)
...
(continua)

 
    don Domenico Bruno       (Omelia del 22-10-2023)
Il denaro è amaro
Da quando sono prete ascolto cose strane rispetto alla fede. Una volta una signora mi chiese... continua a leggere su www.annunciatedaitetti.it La nostra missione continua con altri formati anche su: Instagram Facebook Telegram dove troverai anteprime e contenuti esclusivi. Abbiamo anche una WebTv Ascolta tutti i nostri podcast e gli altri progetti ...
(continua)

 
    don Alberto Brignoli       (Omelia del 22-10-2023)
A Cesare, ciò che è di Cesare; ai poveri ciò che è dei poveri; Dio sa bene ciò che è suo!
Non c'è niente da fare: quando c'è di mezzo il denaro, saltano tutti gli schemi e tutti i valori umani. Anche nella migliore delle ipotesi, e con le migliori intenzioni del cuore, quando lo strumento per realizzare un'intenzione è il denaro, e solo il denaro, ne esce sempre un danno. E se vuoi colpire una persona nella sua sensibilità, utilizza pure il tema ...
(continua)

 
    Frati Minori Cappuccini       (Omelia del 22-10-2023)
Commento su Matteo 22,15-21
...
(continua)

 
    don Fabio Rosini       (Omelia del 22-10-2023)
Commento al Vangelo del 22 ottobre
...
(continua)

 
    Missionari della Via       (Omelia del 22-10-2023)
Rendete a Dio quel che è di Dio
...
(continua)

 
    Missionari della Via       (Omelia del 22-10-2023)

Il Vangelo di questa domenica ci presenta degli erodiani e dei farisei che vengono da Gesù e gli pongono una domanda cattiva, di quelle che scatenano odi, che creano nemici: è lecito o no pagare le tasse a Roma? Sono appunto partigiani di Erode, il re fantoccio di Roma; e i farisei, i puri che sognano una teocrazia sotto la legge di Mosè. Non si sopportano t ...
(continua)

 
    padre Paul Devreux       (Omelia del 22-10-2023)
Commento su Matteo 22,15-21
In quel tempo, i farisei se ne andarono e tennero consiglio per vedere come cogliere in fallo Gesù nei suoi discorsi. Mandarono dunque da lui i propri discepoli, con gli erodiani, Per capire questo testo è importante ricordarci che i farisei puntano all'osservanza della legge e odiano i romani, mentre gli erodiani vanno d'accordo con Erode e i romani. Son ...
(continua)

 
    don Michele Cerutti       (Omelia del 22-10-2023)
Date a Cesare quel che è di Cesare, a Dio quel che è di Dio
La liturgia di questa domenica propone un tema molto attuale, quello cioè del rapporto tra fede e politica. Nella prima lettura si parla di Ciro, un re persiano che ha sconfitto l'impero babilonese ed è divenuto padrone dei territori che gli appartenevano. Ciro ha emanato un editto con il quale permetteva agli ebrei e a tutti i popoli conquistati dai babilo ...
(continua)

 
    diac. Vito Calella       (Omelia del 22-10-2023)
Missionari della devoluzione della gratuità dell' amore divino
Errata interpretazione della separazione tra fede e politica «Rendete a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio» (Mt 22,21): questa affermazione di Gesù è diventata famosa ed è stata male interpretata, per giustificare la separazione tra azione politica e azione religiosa, tra la pratica della fede ed esercizio responsabile del dover di ci ...
(continua)

 
    don Roberto Rossi       (Omelia del 22-10-2023)
Cuori ardenti e piedi che camminano, nell' amore di Dio
...
(continua)

 
    don Roberto Fiscer       (Omelia del 22-10-2023)
#StradeDorate - Commento su Matteo 22,15-21
...
(continua)

 
    don Marco Scandelli       (Omelia del 22-10-2023)
#2minutiDiVangelo Matteo 22,15-21 - Noi siamo l' immagine di Dio
Mt 22,15-21 Noi siamo chiamati ad essere l'immagine di Dio così da "cristificare" tutto l'universo Commento al Vangelo - Omelia a cura di don Marco Scandelli 2minutiDiVangelo Il brano che ci vede impegnati oggi è tratto dal capitolo 22esimo del Vangelo di Matteo, versetti dal 15 al 21. Subito ci viene detto che, a seguito delle Parabole di Gesù s ...
(continua)

 
    padre Maurizio De Sanctis       (Omelia del 22-10-2023)
L' immagine di Dio...
...
(continua)

 
    don Roberto Seregni       (Omelia del 22-10-2023)
Tutto è di Dio
Dopo le tre parabole sull'accoglienza e il rifiuto di Gesù, il Vangelo di Matteo ci propone una serie di dispute in cui farisei, sadducei ed erodiani sottopongono al maestro alcune delle questioni più scottanti del momento. Ovvio: a nessuno interessa il suo parere, vogliono solo trovare un pretesto per incastrarlo. I rivali di Gesù sono astuti e orchestrano ...
(continua)

 
    don Alfonso Giorgio Liguori       (Omelia del 22-10-2023)
Rendete dunque a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio
LA GIOIA DEL VANGELO ...
(continua)

 
    padre Ermes Ronchi       (Omelia del 22-10-2023)
Impariamo a restituire a Dio ciò che è suo
Abbiamo sempre bisogno di appartenere a qualcuno. Siamo tutti come la moneta romana che mostrano a Gesù: «Divo Tiberio», «sono del divino Tiberio, figlio di Augusto». E io a chi appartengo? Forse alle cose, ai poteri forti, al pensiero dominante, oppure ai miei sogni, ai legami vitali, all'amore che provo e che, mi assicura la Bibbia (cf 1Gv 4,16), è «Dio ch ...
(continua)

 
    don Giampaolo Centofanti       (Omelia del 22-10-2023)

Gesù è vissuto 2000 anni orsono eppure è avanti a noi, specie negli aspetti essenziali della via di crescita integrale. Un lungo cammino nella storia è comprendere i giusti equilibri tra la fede e il potere ma Gesù ha tracciato mirabilmente la strada sia per accompagnare questo cammino sia per indicarne i criteri di fondo. Dare a Dio quel che è di Dio e a Ce ...
(continua)

 
    Paolo Curtaz       (Omelia del 22-10-2023)
Restituite
Bravi: la trappola è spettacolare. E anche la vigliaccheria dell'animo umano è spettacolare. Erodiani e farisei vanno da Gesù per metterlo in difficoltà. Erodiani e farisei, il diavolo e l'acqua santa, chi collabora con i romani e chi li odia, chi li serve e chi li osteggia. Ma hanno un nemico in comune, allora osano. Gesù è il terzo incomodo e va fatto s ...
(continua)

 
    Diocesi di Vicenza       (Omelia del 22-10-2023)
La Parola - Commento al Vangelo di Matteo (Mt 22,15-21)
...
(continua)

 
    don Antonino Sgrò       (Omelia del 22-10-2023)
Mai secondi fini per chi ama la Verità
Un secondo fine. Ciascuno di noi conosce la pericolosità di un approccio che nasconda un'intenzione non rivelata e per nulla semplice da cogliere, spesso malevola, camuffata da un parlare e un agire benevoli e ossequiosi. Scoprirsi vittima di un tale raggiro è una sensazione molto amara, che provoca delusione, rabbia, e qualche volta può portare anche alla v ...
(continua)

 
    padre Fernando Armellini       (Omelia del 22-10-2023)
Video commentosu Mt 22,15-21
...
(continua)

 
    Paolo De Martino       (Omelia del 22-10-2023)
Cesare e Dio
Matteo continua a raccontare l'ultima settimana di vita di Gesù trascorsa tra dispute con scribi e farisei. A Gerusalemme Gesù si scontra con quelli che saranno i suoi accusatori durante il processo. Sia chiaro: a nessuno interessa il suo parere, vogliono solo trovare il pretesto per puntare il dito contro di lui. Domanda Gesù è stato molto duro con i capi ...
(continua)

 
    don Claudio Luigi Fasulo       (Omelia del 22-10-2023)
Cittadini esemplari cristiani coraggiosi
...
(continua)

 
    don Claudio Doglio       (Omelia del 18-10-2020)
Video commento a Mt 22,15-21
...
(continua)

 
    don Giovanni Berti       (Omelia del 18-10-2020)
Credenti O Attori Nella Fede?
Clicca qui per la vignetta della settimana. C'è stato un momento del mio percorso di vita, attorno ai 18 anni in cui stavo per prendere tutta un'altra strada rispetto a quella attuale. Ero agli ultimi anni del liceo e dovevo cominciare seriamente a decidere il percorso di studi universitari e quindi anche il mio futuro lavorativo. Ovviamente sentivo che d ...
(continua)

 
    Paolo Curtaz       (Omelia del 18-10-2020)
Video commento a Mt 22,15-21
...
(continua)

 
    CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)       (Omelia del 18-10-2020)
Commento su Is 45,1.4-6; Sal 95; 1Ts 1,1-5; Mt 22,15-21
Le letture di questo giorno si può dire che siano molto conosciute soprattutto il brano del vangelo di Matteo nel quale vi sono molteplici elementi di riflessione scendendo in profondità sotto la prima impressione direi "politica" della risposta di Gesù ai farisei. Intanto la risposta iniziale di Gesù mette in pratica le parole che disse altrove: "siate pru ...
(continua)

 
    Omelie.org - autori vari       (Omelia del 18-10-2020)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di don Paolo Ricciardi Rendete a Cesare quel che è di Cesare e a Dio quel che è di Dio. La risposta data da Gesù ai farisei e agli erodiani, nel vangelo di questa domenica. è diventata un modo di dire molto famoso. Viene usata spesso come fosse un proverbio, purtroppo usata male. Di queste parole abbiamo infatti p ...
(continua)

 
    Omelie.org (bambini)       (Omelia del 18-10-2020)

Carissimi bambini, il Vangelo di oggi ci mette davanti ad una terribile sfida. Da una parte Gesù e dall'altra persone in malafede che cercavano di fargli dire cose che non pensava per cacciarlo nei guai. Gli avversari di Gesù avevano pensato un bel tranello prendendo spunto da un grosso problema dell'epoca: bisognava pagare molte tasse ingiuste ai romani c ...
(continua)

 
    don Lucio D'Abbraccio       (Omelia del 18-10-2020)
Diamo a Dio quello che è di Dio e a Cesare quello che è di Cesare
L'evangelista Matteo riferisce che, un giorno, un gruppo di farisei e un gruppo di erodiani si coalizzarono contro Gesù «per vedere come coglierlo in fallo nei suoi discorsi». Spesso per fare del male alcuni sono disposti a fare alleanza con chiunque. L'odio, infatti, ha il tremendo potere di accecare: accade, allora, che anche persone divise da vecchi ranco ...
(continua)

 
    Frati Minori Cappuccini       (Omelia del 18-10-2020)
Commento su Matteo 22,15-21
...
(continua)

 
    Luca Rubin       (Omelia del 18-10-2020)
Un'immagine da ritrovare per una vita che rende
I farisei se ne andarono e tennero consiglio per vedere come cogliere in fallo Gesù nei suoi discorsi. Dopo aver ascoltato le parabole sul Regno, raccontate da Gesù, i farisei vanno via. Hanno ascoltato il Maestro, ma senza mai abbandonare il loro pensiero, senza uscire da se stessi, ma covando risentimento e disaccordo. Se ne vanno in silenzi ...
(continua)

 
    don Marco Scandelli       (Omelia del 18-10-2020)
#2minutiDiVangelo - Domenica 18/10 - Anche nella scelta di che cosa indossare, possiamo lodare Dio!
Commento al Vangelo di domenica 18 ottobre 2020 - XXVIII settimana del Tempo Ordinario - a cura di don Marco Scandelli #2minutiDiVangelo Matteo 22 15-21 Cosa non appartiene a Dio? Tutto è di Dio. Allora impariamo a disinteressarci delle cose che gli altri fanno per apparire grandi - come l'incidere la propria faccia su una moneta o il fregiarsi di t ...
(continua)

 
    don Alberto Brignoli       (Omelia del 18-10-2020)
Mettiamo Dio al suo posto
Mentre stavo preparando la riflessione per questa domenica - a me particolarmente cara, perché è la Giornata Missionaria Mondiale - seduto alla scrivania, guardavo i miei libri riposti in maniera ordinata sugli scaffali della mia libreria e pensavo a quanto tempo ho impiegato per metterli a posto, dal giorno in cui ho traslocato qui a Selvino, un anno fa. Ho ...
(continua)

 
    don Roberto Rossi       (Omelia del 18-10-2020)
Risplendete come Astri nel mondo
Risplendete come astri nel mondo, tenendo salda la parola di vita. (Fil 2,15d.16a) Mi capita a volte di sentire qualche persona anziana che dice: "in questo mondo io non mi ci trovo più" e si sente di portare avanti la sua esistenza con malinconia, come peso. In questi giorni avvertiamo tutta la nostra preoccupazione e paura di fronte al dilagare del virus. ...
(continua)

 
    don Mario Simula       (Omelia del 18-10-2020)
Il credente è un cittadino credibile
Dio è il Signore del mondo e della storia. Protegge e accompagna ogni autorità che si mette al servizio onesto e sincero dei suoi cittadini. Ciro, re di Persia, ne è l'esempio. Anche se è pagano, possiede una rettitudine così chiara e coerente, da ricevere l'elogio di Dio e meritare la sua assistenza nel governare. Dio lo chiama per nome. Lo prende per la ma ...
(continua)

 
    don Gaetano Luca (Amore)       (Omelia del 18-10-2020)

...
(continua)

 
    don Domenico Bruno       (Omelia del 18-10-2020)
Per Dio non vali niente!
Siamo così abituati a comprare tutto, che crediamo di poter comprare anche le cose di Dio... se non addirittura Dio stesso. Se solo pensassimo a quante cose gratuite il Signore ci ha dato, ci renderemmo conto che ciò che possiamo acquistare, per il solo fatto che abbia un valore economico, è limitato. Nel valore e nella quantità. Aprire la mente signif ...
(continua)

 
    don Roberto Seregni       (Omelia del 18-10-2020)
Tutto è di Dio
Dopo le tre parabole sull'accoglienza e il rifiuto di Gesù, il racconto di Matteo ci propone una serie di dispute in cui farisei, sadducei ed erodiani sottopongono al maestro alcune delle questioni più scottanti del momento. Ovvio: a nessuno interessa il suo parere, vogliono solo trovare un pretesto per incastrarlo. I rivali di Gesù sono astuti e orchestran ...
(continua)

 
    don Alessandro Farano       (Omelia del 18-10-2020)
Lectio Divina - XXIX Domenica del Tempo Ordinario - Anno A
...
(continua)

 
    don Roberto Rossi       (Omelia del 18-10-2020)
Cos'è di Dio? La vita di ogni uomo
...
(continua)

 
    don Fabio Rosini       (Omelia del 18-10-2020)
Commento al Vangelo del 18 ottobre
...
(continua)

 
    don Luca Garbinetto       (Omelia del 18-10-2020)
Date a Dio di essere Dio
L'adagio ormai conosciuto "date a Cesare quel che è di Cesare e a Dio quel che è di Dio" (v. 21) ci sollecita se non altro a essere buoni cittadini. Con i tempi che corrono, nei quali la vita civile, sociale, economica e politica è caratterizzata sempre di più da logiche di interesse personale e da chiusure individualiste e nazionaliste, appare più che mai n ...
(continua)

 
    don Michele Cerutti       (Omelia del 18-10-2020)

La liturgia di questa domenica propone un tema molto attuale, quello cioè del rapporto tra fede e politica. Nella prima lettura si parla di Ciro, un re persiano che ha sconfitto l'impero babilonese ed è divenuto padrone dei territori che gli appartenevano. Ciro ha emanato un editto con il quale permetteva agli ebrei e a tutti i popoli conquistati dai babil ...
(continua)

 
    diac. Vito Calella       (Omelia del 18-10-2020)
La restituzione del dono
Il contesto di tensione e la questione del tributo a Cesare. Uno dei tributi più scomodi da dover pagare al tempo di Gesù era la tassa pro capite imposta dai romani dopo l'occupazione della Palestina nel 6 d.C. Ogni abitante della Giudea, della Samaria e dell'Idumea, uomini, donne, liberi e schiavi, dai dodici anni per le donne e dai quattordici anni per gl ...
(continua)

 
    padre Ermes Ronchi       (Omelia del 18-10-2020)
Nessuno può avere potere sull'uomo. È solo di Dio
Vengono da Gesù e gli pongono una domanda cattiva, di quelle che scatenano odi, che creano nemici: è lecito o no pagare le tasse a Roma? Sono partigiani di Erode, il mezzosangue idumeo re fantoccio di Roma; insieme ci sono i farisei, i puri che sognano una teocrazia sotto la legge di Mosè. Non si sopportano tra loro, ma oggi si alleano contro un nemico comun ...
(continua)

 
    Missionari della Via       (Omelia del 18-10-2020)
A Cesare il suo, a Dio te stesso
...
(continua)

 
    Missionari della Via       (Omelia del 18-10-2020)

Siamo nei giorni che precedono la morte in croce di Gesù e la trama contro di Lui va intessendosi. Assistiamo oggi alla prima di quattro controversie di Gesù con coloro che poi saranno i suoi accusatori nel processo inerente il tributo a Cesare. Farisei ed erodiani, "nemici" tra loro, si alleano (nel male) contro di Lui, loro nemico comune. Quante volte acca ...
(continua)

 
    mons. Erio Castellucci diocesi di Modena-Nonantola       (Omelia del 18-10-2020)
Rendete a Cesare quello che è di Cesare
...
(continua)

 
    padre Antonio Rungi       (Omelia del 18-10-2020)
Rendete a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio
La parola di Dio di questa 29esima domenica del tempo ordinario è sicuramente accattivante sotto tanti aspetti. In particolare è il testo del Vangelo che cattura la maggiore nostra attenzione sui testi sacri che compongono la liturgia della parola di Dio di questa domenica di metà ottobre 2020, messe missionario e di evangelizzazione nel contesto della pande ...
(continua)

 
    Michele Antonio Corona       (Omelia del 18-10-2020)
Vivere da credenti, nel qui e ora della storia
Quell'immagine e quella iscrizione presentata da erodiani e farisei mostra la loro ipocrisia: hanno la moneta poiché pagano la tassa e cercano in Gesù solo un cavillo per condannarlo. Col brano evangelico di questa domenica entriamo nella sezione delle dispute: politiche e teologiche. Per gli ebrei, soprattutto per i rabbini e il loro stile didattico, è più ...
(continua)

 
    don Roberto Fiscer       (Omelia del 18-10-2020)
#StradeDorate - Commento su Matteo 22,15-21
...
(continua)

 
    mons. Roberto Brunelli       (Omelia del 18-10-2020)
Coerenti con l'immagine di cui siamo portatori
Le democrazie assicurano ai cittadini libertà di pensiero e di opinione, con la conseguenza tra le altre di poter praticare la religione che vogliono. In passato tale libertà era negata, come lo è tuttora in tante parti del mondo: non di rado negata sino alla persecuzione. Di qui la lunga schiera di martiri che ha contrassegnato i secoli e, le cronache lo di ...
(continua)

 
    don Alfonso Giorgio Liguori       (Omelia del 18-10-2020)
Rendete a Cesare quel che è di Cesare, a Dio quello che è di Dio
...
(continua)

 
    don Giampaolo Centofanti       (Omelia del 18-10-2020)

Una delle ferite più profonde e distorsive della nostra umanità si è consolidata all'epoca di Galileo. Si è confinato il rapporto con Dio ad un ambito spirituale disincarnato e si sono affidati i discernimenti nelle cose umane a tecniche scientifiche frammentate in campi diversi. Si è dunque scissa l'umanità della persona che poi nella vita concreta si trova ...
(continua)

 
    Paolo De Martino       (Omelia del 18-10-2020)
A Cesare spetta una cosa. A Dio spetta la persona.
Dopo le tre parabole sull'accoglienza e il rifiuto di Gesù, il racconto di Matteo ci propone una serie di dispute in cui i farisei, i sadducei e gli erodiani sottopongono al Rabbì di Nazareth alcune delle questioni più scottanti del momento. Sia chiaro: a nessuno interessa il Suo parere, vogliono solo trovare il pretesto per puntare il dito contro di Lui. ...
(continua)

 
    padre Paul Devreux       (Omelia del 18-10-2020)
Rendiamo a cesare ciò che è suo, per essere liberi di servire e amare.
"In quel tempo, i farisei se ne andarono e tennero consiglio per vedere come coglierlo in fallo nei suoi discorsi." I farisei non amano i Romani mentre gli erodiani collaborando con loro, ma qui si mettono d'accordo pur di eliminare Gesù. "Mandarono dunque da lui i propr discepoli, con gli erodiani, a dirgli: «Maestro, sappiamo che sei veritiero e insegni ...
(continua)

 
    padre Gian Franco Scarpitta       (Omelia del 18-10-2020)
Il dovere e l'umiltà di Dio
Attraverso la figura di Ciro il Grande, che dopo l'esilio di Babilonia provvederà alla ricostruzione di Gerusalemme e del tempio, Dio nelle parole di Isaia annuncia la sua gloria e il suo potere indomito. Anzi, la stessa opera di ricostruzione nella scelta dello straniero monarca Ciro, avviene proprio perché tutti riconoscano che "Io sono il Signore, non ce ...
(continua)

 
    don Claudio Luigi Fasulo       (Omelia del 18-10-2020)
Audio commento a Mt 22,15-21
...
(continua)

 
    don Nicola Salsa       (Omelia del 18-10-2020)
Date a Dio ciò che è di Dio
...
(continua)

 
    fr. Massimo Rossi       (Omelia del 18-10-2020)
Commento su Matteo 22,15-21
"Rendete a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio." Queste parole di Gesù gli saranno fatali! Durante il processo davanti a Pilato, alcuni testimoni corrotti dai sommi sacerdoti, lo accusarono di sobillare il popolo, impedendo di versare i tributi a Cesare (cfr. Lc 23,1-2). Del resto, per riuscire nel loro intento di eliminare il Nazaren ...
(continua)

 
    padre Fernando Armellini       (Omelia del 18-10-2020)
Videocommento su Mt 22,15-21
...
(continua)

 
    don Fabio Rosini       (Omelia del 22-10-2017)
Audio commento alla liturgia del 22 ottobre 2017
...
(continua)

 
    Casa di Preghiera San Biagio FMA       (Omelia del 22-10-2017)
Commento su Mt. 22, 17- 21
"Essi gli presentarono un denaro. Egli domandò loro: "di chi è questa immagine e l'iscrizione?" Gli risposero: "Di Cesare". Allora disse loro: "Rendete dunque a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio"." Mt. 22, 17- 21 Come vivere questa Parola? La trappola è scattata. I farisei l'hanno preparata con cura. Le parole giuste, maliziose, ca ...
(continua)

 
    diac. Vito Calella       (Omelia del 22-10-2017)
Restituire come "liberarsi" e come "servire"
1: Il trabocchetto per incastrare Gesù, usando la questione delle tasse da pagare. C'è un clima di tensione tra Gesù e i farisei. Fecero un incontro per trovare le modalità per coglierlo in fallo nei suoi discorsi e accusarlo pubblicamente davanti al popolo e davanti alle autorità religiose e politiche. La scena del vangelo di questa domenica ci ricorda una ...
(continua)

 
    Omelie.org - autori vari       (Omelia del 22-10-2017)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di don Massimo Cautero Il pensiero limitato dell'uomo mostra sempre la sua pochezza e la scarsità di orizzonti quando si vende alla logica della "contrapposizione". All'uomo piace la "contrapposizione", il conflitto, e a colui che del conflitto e la divisione fa la sua opera principale, il diavolo, piace che l'uomo ...
(continua)

 
    Omelie.org (bambini)       (Omelia del 22-10-2017)

Buongiorno e buona domenica a tutti. Eccoci qui in ascolto del Signore che Parla. Questa Parola è la luce necessaria al nostro cammino. Vi chiederete:" Ma che cammino facciamo?". C'è un cammino fatto con le gambe, come quello che compiamo per andare a scuola, in oratorio, allo sport, a casa, a trovare i nonni, ecc. Ma c'è anche un cammino fatto con il cuore ...
(continua)

 
    Sulla strada - TV2000       (Omelia del 22-10-2017)
Commento su Matteo 22,15-21
...
(continua)

 
    Wilma Chasseur       (Omelia del 22-10-2017)
Audio commento alla liturgia - Mt 22,15-21
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)

 
    don Giovanni Berti       (Omelia del 22-10-2017)
La moneta di Dio
Clicca qui per la vignetta della settimana. "cosa pagherei per..." è una espressione che usiamo tante volte per dire una cosa che vorremmo con tutto il cuore ma che risulta impossibile. E pensiamo che se avessimo tanti soldi quella cosa che pensiamo irrealizzabile si può realizzare. L'uomo nella sua evoluzione sociale ha davvero fatto dei soldi e del pot ...
(continua)

 
    Paolo Curtaz       (Omelia del 22-10-2017)
Video commento a Mt 22,15-21
...
(continua)

 
    don Claudio Doglio       (Omelia del 22-10-2017)
Video commento a Mt 22,15-21
...
(continua)

 
    Wilma Chasseur       (Omelia del 22-10-2017)
Cos'è che è di Dio?
Il clima si fa incandescente! Dopo le parabole elettroshock rivolte ai farisei nel tentativo di farli rinsavire, questi partono al contrattacco con lo scopo di cogliere in fallo Gesù. Ormai è guerra dichiarata, le ostilità sono aperte. I farisei avevano capito molto bene che la parabola dei vignaioli omicidi era rivolta a loro e si alleano addirittura con ...
(continua)

 
    don Claudio Doglio       (Omelia del 22-10-2017)
Il Signore è l'unico che guida la storia
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)

 
    Carla Sprinzeles       (Omelia del 22-10-2017)
Commento su Isaia 45,1.4-6; Matteo 22,15-21
Il messaggio della liturgia di oggi è centrato su una delle verità fondamentali della nostra sequela di Gesù, cioè la presenza costante di Dio nella nostra vita. Gesù ci richiama la centralità di Dio: in tutte le azioni che compiamo, anche quando diamo ai fratelli un dono di vita, dobbiamo essere consapevoli che è l'azione di Dio che in noi si esprime. Quand ...
(continua)

 
    don Marco Pozza       (Omelia del 22-10-2017)
Ridatemi l'uomo. Il resto datelo pure a chi volete
Malfidenti--nati. Gente espertissima a fare gli attori: i farisei, tra quelli che si son messi di frammezzo a Cristo, erano gli esperti dei corsi di recitazione. Loro unico scopo - giacché, da subito, Lui mostrò d'essere il rivale più accreditato al loro noioso conversare sulla felicità - era quello di tendere tranelli al Cristo. Più per spirito di gelosia c ...
(continua)

 
    don Luca Garbinetto       (Omelia del 22-10-2017)
Rendiamo a Dio i cuori e la storia
"Rendete a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio': Gesù non ha mai voluto immischiarsi in diatribe legate a questioni strettamente partitiche. Non sono gli ordinamenti sociali e amministrativi l'ambito della sua predicazione, tanto meno Egli ha pensato di avvallare o di condannare questo o quel organismo di governo. Così, la famosa espres ...
(continua)

 
    don Roberto Farruggio       (Omelia del 22-10-2017)
Commento alle letture - XXIX Domenica Del Tempo Ordinario (Anno A)
...
(continua)

 
    Agenzia SIR       (Omelia del 22-10-2017)
Commento su Matteo 22,15-21
Quale il rapporto tra il Regno di Dio e i regni della terra? È il tema centrale dei testi biblici di questa Messa. Il brano di Isaia, ci riporta al 538 avanti Cristo. L'imperatore persiano Ciro ha, da un anno, conquistato Babilonia. Tra i suoi primi editti c'è quello della libertà per gli ebrei: potranno tornare nella loro patria. Isaia descrive questa decis ...
(continua)

 
    don Nazareno Galullo (giovani)       (Omelia del 22-10-2017)
Fatti un selfie e ti dirò chi sei!
Se io ti chiedessi "come stai" e poi giro la faccia senza attendere una risposta da te, sono interessato o no a sapere della tua salute? Facilmente si potrebbe dire che del tuo star bene o male non m'importa affatto. Se io sto al telefono e, mentre parli, faccio altro, scrivo al PC, leggo i messaggini Whatsapp di altri amici, ti sto davvero ascoltando? Non ...
(continua)

 
    don Roberto Rossi       (Omelia del 22-10-2017)
Date a Cesare ciò che è di Cesare, date a Dio ciò che è di Dio
Questo vangelo ci illumina nel cammino della nostra comunità cristiana in questi anni: "Cristiani adulti, cittadini responsabili". Il cristiano diventa adulto quando è in grado di assumere le responsabilità tipiche degli adulti nella società e nella Chiesa. Nella sua vita di fede dentro la comunità sa scegliere, dopo opportuno discernimento, la sua vocazione ...
(continua)

 
    Missionari della Via       (Omelia del 22-10-2017)
Commento su Matteo 22,15-21
Il tributo era uno dei segni più odiosi per far sentire al popolo d'Israele la sua condizione di schiavitù: si trattava di un denaro a testa (census) che tutti dovevano versare all'Impero romano, tranne bambini e anziani. La domanda posta a Gesù non era mossa da sincera ricerca della verità, ma solo per farlo cadere: se Gesù avesse detto di non pagare, era ...
(continua)

 
    dom Luigi Gioia       (Omelia del 22-10-2017)
Dare per gioia
Con la frase Rendete dunque a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio, in maniera lapidaria e brillante, Gesù espone il principio fondamentale della relazione del cristiano nei confronti dell'autorità civile. La fede cristiana non dispensa dall'obbedienza nei confronti dell'autorità civile in tutta la sfera delle relazioni politiche e socia ...
(continua)

 
    dom Luigi Gioia       (Omelia del 22-10-2017)
Dare per gioia
Con la frase Rendete dunque a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio, in maniera lapidaria e brillante, Gesù espone il principio fondamentale della relazione del cristiano nei confronti dell'autorità civile. La fede cristiana non dispensa dall'obbedienza nei confronti dell'autorità civile in tutta la sfera delle relazioni politiche e socia ...
(continua)

 
    padre Ermes Ronchi       (Omelia del 22-10-2017)
A Cesare ciò che è di Cesare. E noi siamo del Signore
La trappola è ben congegnata: È lecito o no pagare il tributo a Roma? Stai con gli invasori o con la tua gente? Con qualsiasi risposta Gesù avrebbe rischiato la vita, o per la spada dei Romani, come istigatore alla rivolta, o per il pugnale degli Zeloti, come sostenitore degli occupanti. Erodiani e farisei, due facce note del pantheon del potere, pur essend ...
(continua)

 
    don Luciano Cantini       (Omelia del 22-10-2017)
L'immagine della servitù o della libertà
Di chi è l'immagine Gesù chiede che fosse mostrata la moneta del tributo, non è che non la conoscesse, ma voleva che fosse messa nel mezzo, testimone muta e loquace di quel fatto. Così dalle borse di chi aveva posto la questione uscì quella moneta; eppure non era lecito ad un ebreo osservante avere immagini, ma sappiamo bene che gli affari sono affari e ne ...
(continua)

 
    don Domenico Luciani       (Omelia del 22-10-2017)
Video commento su Mt 22,15-21
...
(continua)

 
    don Roberto Fiscer       (Omelia del 22-10-2017)
#StradeDorate - Commento su Matteo 22,15-21
...
(continua)

 
    padre Antonio Rungi       (Omelia del 22-10-2017)
Il programma e progetto "politico" di Gesù
La Parola di Dio di questa XXIX domenica del tempo ordinario ci pone di fronte ad un altro dilemma: è giusto pagare o meno le tasse, ovvero, nel vangelo di oggi, il tributo a Cesare? E' la domanda che pongono a Gesù alcuni discepoli dei farisei e alcuni erodiani per cogliere in fallo il divino Maestro, in poche parole per trovare il capo di accusa e segnala ...
(continua)

 
    Diocesi di Vicenza       (Omelia del 22-10-2017)
La Parola - Commento al Vangelo Matteo 22,15-21
...
(continua)

 
    padre Gian Franco Scarpitta       (Omelia del 22-10-2017)
Ciascuno il suo e a ciascuno il suo
Isaia preconizza l'esistenza di un solo Dio e Signore universale, accanto al quale non si ammettono altre divinità e al quale ciascun uomo deve mostrare riverenza e sottomissione. E se Dio è Uno e unico, occorre che tutti ci si predisponga a fare la sua volontà, a vivere secondo i suoi dettami anche quando queste contrastino con determinate posizioni sociali ...
(continua)

 
    padre Giuseppe De Nardi       (Omelia del 22-10-2017)
Sulla Tua Parola - Mt 22,15-21
...
(continua)

 
    CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)       (Omelia del 22-10-2017)
Commento su Is 45,1.4-6; Sal 95; 1Ts 1,1-5; Mt 22,15-21
La liturgia di domenica scorsa ci ha presentato un re che fa una festa di nozze per il figlio. Alla festa vengono invitati i privilegiati, ma questi non accolgono l'invito perché occupati in altri lavori. Vengono allora invitati alle nozze tutti coloro che si trovano per strada, a condizione che abbiano la veste candida. Gesù presenta la salvezza come un ba ...
(continua)

 
    don Gianfranco Calabrese       (Omelia del 22-10-2017)
Video commento su Matteo 22,15-21
...
(continua)

 
    mons. Roberto Brunelli       (Omelia del 22-10-2017)
Apparteniamo a colui di cui siamo immagine
I moderni regimi democratici assicurano ai loro cittadini libertà di pensiero e di opinione, con la conseguenza tra le altre di poter praticare la religione che si vuole. In passato tale libertà era negata, come lo è tuttora in tante parti del mondo: non di rado negata sino alla persecuzione. Di qui la lunga schiera di martiri che ha contrassegnato i secoli ...
(continua)