LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 21 Agosto 2023 <

Sabato 19 Agosto 2023

Domenica 20 Agosto 2023

Lunedì 21 Agosto 2023

Martedì 22 Agosto 2023

Mercoledì 23 Agosto 2023

Giovedì 24 Agosto 2023

Venerdì 25 Agosto 2023

Sabato 26 Agosto 2023

Domenica 27 Agosto 2023

Lunedì 28 Agosto 2023

Newsletter
Per ricevere la Liturgia del giorno inserisci la tua mail:


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:








  San Pio X

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: Memoria
Colore liturgico: Bianco
Scheda Agiografica: San Pio X
S0821 ; DO201

Giuseppe Sarto (Treviso 1835 – Roma 20 agosto 1914), vescovo di Mantova (1884) e patriarca di Venezia (1893), sale alla cattedra di Pietro con il nome di Pio X. E’ il pontefice che nel Motu proprio «Tra le sollecitudini» (1903) affermò che la partecipazione ai santi misteri è la fonte prima e indispensabile della vita cristiana. Difese l’integrità della dottrina della fede, promosse la comunione eucaristica anche dei fanciulli, avviò la riforma della legislazione ecclesiastica, si occupò positivamente della questione romana e dell’Azione Cattolica, curò la formazione dei sacerdoti, fece elaborare un nuovo catechismo, favorì il movimento biblico, promosse la riforma liturgica e il canto sacro.
Pio XII lo beatificò nel 1951 e lo canonizzò nel 1954. Il suo corpo è venerato nella basilica Vaticana.

Ricevi la Liturgia via mail >
Leggi la sua scheda su Santiebeati.it >
Condividi questa Liturgia su > Facebook
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Il Signore lo ha scelto come sommo sacerdote,
gli ha aperto i suoi tesori
e lo ha ricolmato di ogni benedizione.

Oppure:
Ecco il sommo sacerdote che nella sua vita piacque a Dio.
Il Signore lo ha reso grande
in mezzo al suo popolo.


Colletta
O Dio, che per difendere la fede cattolica
e ristabilire ogni cosa in Cristo
hai colmato di celeste sapienza
e di apostolica fortezza il santo papa Pio X,
fa’ che, seguendo il suo insegnamento e il suo esempio,
giungiamo al premio eterno.
Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio,
e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli.

>

Prima lettura

Gdc 2,11-19
Il Signore fece sorgere dei giudici, ma neppure a loro davano ascolto.

Dal libro dei Giudici

In quei giorni, gli Israeliti fecero ciò che è male agli occhi del Signore e servirono i Baal; abbandonarono il Signore, Dio dei loro padri, che li aveva fatti uscire dalla terra d’Egitto, e seguirono altri dèi tra quelli dei popoli circostanti: si prostrarono davanti a loro e provocarono il Signore, abbandonarono il Signore e servirono Baal e le Astarti.
Allora si accese l’ira del Signore contro Israele e li mise in mano a predatori che li depredarono; li vendette ai nemici che stavano loro intorno, ed essi non potevano più tener testa ai nemici. In tutte le loro spedizioni la mano del Signore era per il male, contro di loro, come il Signore aveva detto, come il Signore aveva loro giurato: furono ridotti all’estremo.
Allora il Signore fece sorgere dei giudici, che li salvavano dalle mani di quelli che li depredavano. Ma neppure ai loro giudici davano ascolto, anzi si prostituivano ad altri dèi e si prostravano davanti a loro. Abbandonarono ben presto la via seguita dai loro padri, i quali avevano obbedito ai comandi del Signore: essi non fecero così.
Quando il Signore suscitava loro dei giudici, il Signore era con il giudice e li salvava dalla mano dei loro nemici durante tutta la vita del giudice, perché il Signore si muoveva a compassione per i loro gemiti davanti a quelli che li opprimevano e li maltrattavano. Ma quando il giudice moriva, tornavano a corrompersi più dei loro padri, seguendo altri dèi per servirli e prostrarsi davanti a loro: non desistevano dalle loro pratiche e dalla loro condotta ostinata.

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 105

Ricordati di noi, Signore, per amore del tuo popolo.

[I nostri padri] non sterminarono i popoli
come aveva ordinato il Signore,
ma si mescolarono con le genti
e impararono ad agire come loro.

Servirono i loro idoli
e questi furono per loro un tranello.
Immolarono i loro figli
e le loro figlie ai falsi dèi.

Si contaminarono con le loro opere,
si prostituirono con le loro azioni.
L’ira del Signore si accese contro il suo popolo
ed egli ebbe in orrore la sua eredità.

Molte volte li aveva liberati,
eppure si ostinarono nei loro progetti
ma egli vide la loro angustia,
quando udì il loro grido.

Canto al Vangelo (Mt 5,3)
Alleluia, alleluia.
Beati i poveri in spirito,
perché di essi è il regno dei cieli.
Alleluia.

>

Vangelo

Condividi il Vangelo su >   Facebook Ascolta il Vangelo >    

Mt 19,16-22
Se vuoi essere perfetto, vendi quello che possiedi e avrai un tesoro nel cielo.


+ Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, un tale si avvicinò e gli disse: «Maestro, che cosa devo fare di buono per avere la vita eterna?». Gli rispose: «Perché mi interroghi su ciò che è buono? Buono è uno solo. Se vuoi entrare nella vita, osserva i comandamenti». Gli chiese: «Quali?».
Gesù rispose: «Non ucciderai, non commetterai adulterio, non ruberai, non testimonierai il falso, onora il padre e la madre e amerai il prossimo tuo come te stesso». Il giovane gli disse: «Tutte queste cose le ho osservate; che altro mi manca?». Gli disse Gesù: «Se vuoi essere perfetto, va’, vendi quello che possiedi, dallo ai poveri e avrai un tesoro nel cielo; e vieni! Seguimi!».
Udita questa parola, il giovane se ne andò, triste; possedeva infatti molte ricchezze.

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
Fratelli carissimi, nella certezza che il nostro Padre celeste è sommamente buono, rivolgiamo con fiducia a lui la nostra preghiera, dicendo:
Illumina le nostre scelte, o Signore.

Per la Chiesa santa di Dio, perché viva e annunci con chiarezza e semplicità i valori della legge di Dio. Preghiamo:
Per tutte le persone consacrate a Dio, perché sappiano mostrare la gioia della loro scelta e la libertà della loro rinuncia. Preghiamo:
Per tutti i cristiani, perché si sforzino di perseguire sempre più la perfezione evangelica nell'ambiente e nell'attività in cui vivono. Preghiamo:
Per i giovani, perché non abbiano paura di rispondere alla chiamata del Signore, nella certezza che la gioia da lui donata è maggiore della rinuncia richiesta. Preghiamo:
Per la nostra comunità parrocchiale, perché la fede vissuta e testimoniata sia sorgente di nuove vocazioni religiose. Preghiamo:
Perché ogni uomo si senta amato personalmente da Dio.
Perché i cristiani per primi sappiano rinunciare alla ricchezza.

Ascolta ed esaudisci, o Padre, le preghiere che noi ti rivolgiamo e fà che, dopo averti incontrato, non ci capiti mai di allontanarci tristi da te. Per Cristo nostro Signore. Amen.

Preghiera sulle offerte
Accetta con bontà, o Signore,
le nostre offerte e fa’ che,
seguendo le esortazioni di san Pio X,
celebriamo i divini misteri con devozione sincera
e li riceviamo con spirito di fede.
Per Cristo nostro Signore.


Antifona alla comunione
Il buon pastore dà la propria vita per le sue pecore.


Preghiera dopo la comunione
Signore Dio nostro,
la mensa eucaristica, alla quale abbiamo partecipato
nella memoria del santo papa Pio X,
ci renda forti nella fede e concordi nel tuo amore.
Per Cristo nostro Signore.



O M E L I E
a cura di
Qumran2.net


    don Carlo Occelli       (Omelia del 21-08-2023)
Commento al Vangelo 21 agosto 2023
...
(continua)

 
    don Giampaolo Centofanti       (Omelia del 21-08-2023)

Quel giovane vive la fede ancora come un do ut des, come un fare cose, fare il bravo. Ma Gesù intuisce, vede, in lui oltre: quel giovane chiede circa la vita eterna, il buono, a Gesù perché comincia a riconoscere in lui qualcuno di più di un maestro. Gesù prima gli fa comprendere che già sta vivendo cose belle, infatti sottolinea solo i comandamenti che il r ...
(continua)

 
    don Carlo Occelli       (Omelia del 16-08-2021)
Commento al Vangelo 16 agosto 2021
...
(continua)

 
    don Nicola Salsa       (Omelia del 16-08-2021)
Una cosa sola ti manca (Mt 19,16-22)
...
(continua)

 
    don Marco Scandelli       (Omelia del 16-08-2021)
#2minutiDiVangelo - Lunedì XX TO - Sentirsi dire: "seguimi" e decidere di andare altrove...
Commento al Vangelo del XX lunedì del TO - a cura di don Marco Scandelli #2minutiDiVangelo Mt 19 16-22 ...
(continua)

 
    don Alessandro Farano       (Omelia del 16-08-2021)
Lunedì - XX del Tempo Ordinario - Commento al Vangelo
...
(continua)

 
    don Carlo Occelli       (Omelia del 17-08-2020)
Commento al Vangelo 17 agosto 2020
...
(continua)

 
    don Carlo Occelli       (Omelia del 17-08-2020)
Commento al Vangelo 17 agosto 2020
...
(continua)

 
    don Nicola Salsa       (Omelia del 17-08-2020)
Vendi quello che hai, vieni e seguimi
...
(continua)

 
    don Marco Scandelli       (Omelia del 17-08-2020)
#2minutiDiVangelo - Lunedì 17/08 - La strada dell'Inferno è lastricata di "buone azioni"!
Commento al Vangelo di lunedì 17 agosto 2020 - XX settimana del Tempo Ordinario - a cura di don Marco Scandelli #2minutiDiVangelo Matteo 19 16-22 Un giovane ragazzo. Buono come il pane. Si avvicinò a Gesù per chiedergli cosa gli mancasse per entrare nel Regno dei cieli. È la storia che tutti conosciamo come del "giovane ricco". Ciò che lo ha fregat ...
(continua)

 
    don Giampaolo Centofanti       (Omelia del 17-08-2020)

Gesù vede nel cuore del giovane tanti semi di grazia che hanno solo bisogno di maturare. Il giovane lo interroga su ciò che deve fare di buono perché germinalmente intuisce in Lui la bontà divina. Il ragazzo pensa di dover "fare" qualcosa per "avere" la vita eterna. E pensa di essere lui stesso a fare. Il Figlio dell'uomo accompagna il suo cammino con gradua ...
(continua)

 
    Paolo Curtaz       (Omelia del 17-08-2015)

Il giovane ricco del racconto di oggi porta nel suo cuore un forte desiderio di Dio e chiede a Gesù di indicargli un percorso, una strada. Che bello incontrare persone che danno spazio alla propria anima, che hanno a cuore la propria spiritualità, che non si accontentano delle cose che fanno ma che vogliono andare oltre, altrove! E Gesù gli offre un percorso ...
(continua)

 
    Paolo Curtaz       (Omelia del 18-08-2014)

Gesù, nell'incontro col giovane ricco, ci offre due prospettive straordinarie per la nostra interiorità. Per avere la vita, la vita vera, la vita piena, la vita dell'Eterno, è sufficiente rispettare i comandamenti, le prescrizioni di Dio al suo popolo che ci accompagnano sin dall'infanzia. Conoscere e vivere i comandamenti senza cadere nel legalismo, coglier ...
(continua)