LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 30 Luglio 2023 <

Venerdì 28 Luglio 2023

Sabato 29 Luglio 2023

Domenica 30 Luglio 2023

Lunedì 31 Luglio 2023

Martedì 1 Agosto 2023

Mercoledì 2 Agosto 2023

Giovedì 3 Agosto 2023

Venerdì 4 Agosto 2023

Sabato 5 Agosto 2023

Domenica 6 Agosto 2023

Newsletter
Per ricevere la Liturgia del giorno inserisci la tua mail:


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:







  XVII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO A)

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: DOMENICA
Colore liturgico: Verde
AO170 ;

San Tommaso d’Aquino, il grande teologo del Medioevo, utilizza un’immagine: noi uomini siamo come una freccia già in piena corsa. Un altro ha preso la mira e ha tirato. Non spetta più a noi cercare un obiettivo: è già stabilito. E dove va questa freccia di cui il Creatore ha stabilito l’obiettivo? Ecco la risposta: la freccia corre verso il bene, e dunque verso la felicità. Dio, e la felicità di essere presso di lui, corrispondono alla più profonda aspirazione dell’uomo. Qui non vi è nulla di imposto, nessun compito da fare come penso, nessun passaggio a gincana, non dobbiamo stringere i denti. Come il ruscello scorre naturalmente verso il mare, così l’uomo è in cammino verso Dio. Questo insegnamento sugli uomini si trova nella parabola di Gesù che ci presenta il Vangelo. È riassunto in sette righe di una semplicità geniale. Il Regno dei cieli è proprio ciò che si cerca nel profondo del cuore. È come un tesoro di cui si scopre l’esistenza. È come una perla, la perla delle perle che il mercante ha cercato per tutta la sua vita. Se il mercante raggiunge il suo obiettivo, non è grazie alla sua tenacia, ma perché ciò gli è concesso in dono. Tuttavia il regno dei cieli non ci è tirato in testa. Bisogna impegnarsi personalmente, essere pronti anche a sacrificare tutto. Ma non per una cosa estranea. È ciò che abbiamo di più personale, e al tempo stesso un dono. E bisogna saper cogliere questo dono; bisogna essere pronti. Quando si raggiunge l’obiettivo, non bisogna crollare come dopo un eccesso di sforzo, ma esultare di indescrivibile gioia.
Il segreto del cristianesimo può essere espresso in un’immagine di sette righe. Ce ne vogliono un po’ di più ai predicatori! Quanto a ciascuno di noi, ci vuole tutta una vita per capirlo.

Scarica il foglietto della Messa >
Scarica le Letture del Lezionario >
Scarica il Salmo Responsoriale Cantato >
Ricevi la Liturgia via mail >
Condividi questa Liturgia su > Facebook
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Dio sta nella sua santa dimora:
a chi è solo fa abitare una casa;
dà forza e vigore al suo popolo. (Cf. Sal 67,6.7.36)


Colletta
O Dio, nostra forza e nostra speranza,
senza di te nulla esiste di valido e di santo;
effondi su di noi la tua misericordia
perché, da te sorretti e guidati,
usiamo saggiamente dei beni terreni
nella continua ricerca dei beni eterni.
Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio,
e vive e regna con te, nell'unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli.

Oppure (Anno A):
O Padre, fonte di sapienza,
che in Cristo ci hai svelato il tesoro nascosto
e ci hai donato la perla preziosa,
concedi a noi un cuore saggio e intelligente,
perché, fra le cose del mondo, sappiamo apprezzare
il valore inestimabile del tuo regno.
Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio,
e vive e regna con te, nell'unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli.

>

Prima lettura

1Re 3,5.7-12
Hai domandato per te la sapienza.

Dal primo libro dei Re

In quei giorni a Gàbaon il Signore apparve a Salomone in sogno durante la notte. Dio disse: «Chiedimi ciò che vuoi che io ti conceda».
Salomone disse: «Signore, mio Dio, tu hai fatto regnare il tuo servo al posto di Davide, mio padre. Ebbene io sono solo un ragazzo; non so come regolarmi. Il tuo servo è in mezzo al tuo popolo che hai scelto, popolo numeroso che per la quantità non si può calcolare né contare. Concedi al tuo servo un cuore docile, perché sappia rendere giustizia al tuo popolo e sappia distinguere il bene dal male; infatti chi può governare questo tuo popolo così numeroso?».
Piacque agli occhi del Signore che Salomone avesse domandato questa cosa. Dio gli disse: «Poiché hai domandato questa cosa e non hai domandato per te molti giorni, né hai domandato per te ricchezza, né hai domandato la vita dei tuoi nemici, ma hai domandato per te il discernimento nel giudicare, ecco, faccio secondo le tue parole. Ti concedo un cuore saggio e intelligente: uno come te non ci fu prima di te né sorgerà dopo di te».

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 118

Quanto amo la tua legge, Signore!

La mia parte è il Signore:
ho deciso di osservare le tue parole.
Bene per me è la legge della tua bocca,
più di mille pezzi d’oro e d’argento.

Il tuo amore sia la mia consolazione,
secondo la promessa fatta al tuo servo.
Venga a me la tua misericordia e io avrò vita,
perché la tua legge è la mia delizia.

Perciò amo i tuoi comandi,
più dell’oro, dell’oro più fino.
Per questo io considero retti tutti i tuoi precetti
e odio ogni falso sentiero.

Meravigliosi sono i tuoi insegnamenti:
per questo li custodisco.
La rivelazione delle tue parole illumina,
dona intelligenza ai semplici.

>

Seconda lettura

Rm 8,28-30
Ci ha predestinati a essere conformi all’immagine del Figlio suo.

Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Romani

Fratelli, noi sappiamo che tutto concorre al bene, per quelli che amano Dio, per coloro che sono stati chiamati secondo il suo disegno.
Poiché quelli che egli da sempre ha conosciuto, li ha anche predestinati a essere conformi all’immagine del Figlio suo, perché egli sia il primogenito tra molti fratelli; quelli poi che ha predestinato, li ha anche chiamati; quelli che ha chiamato, li ha anche giustificati; quelli che ha giustificato, li ha anche glorificati.

Parola di Dio

Canto al Vangelo (Mt 11,25)
Alleluia, alleluia.
Ti rendo lode, Padre,
Signore del cielo e della terra,
perché ai piccoli hai rivelato i misteri del Regno.
Alleluia.

>

Vangelo

Condividi il Vangelo su >   Facebook Ascolta il Vangelo >    

Mt 13,44-52
Vende tutti i suoi averi e compra quel campo.


+ Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo Gesù disse ai suoi discepoli:
«Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto nel campo; un uomo lo trova e lo nasconde; poi va, pieno di gioia, vende tutti i suoi averi e compra quel campo.
Il regno dei cieli è simile anche a un mercante che va in cerca di perle preziose; trovata una perla di grande valore, va, vende tutti i suoi averi e la compra.
Ancora, il regno dei cieli è simile a una rete gettata nel mare, che raccoglie ogni genere di pesci. Quando è piena, i pescatori la tirano a riva, si mettono a sedere, raccolgono i pesci buoni nei canestri e buttano via i cattivi. Così sarà alla fine del mondo. Verranno gli angeli e separeranno i cattivi dai buoni e li getteranno nella fornace ardente, dove sarà pianto e stridore di denti.
Avete compreso tutte queste cose?». Gli risposero: «Sì». Ed egli disse loro: «Per questo ogni scriba, divenuto discepolo del regno dei cieli, è simile a un padrone di casa che estrae dal suo tesoro cose nuove e cose antiche».

Parola del Signore.

Forma breve (Mt 13,44-46):

Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo Gesù disse ai suoi discepoli:
«Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto nel campo; un uomo lo trova e lo nasconde; poi va, pieno di gioia, vende tutti i suoi averi e compra quel campo.
Il regno dei cieli è simile anche a un mercante che va in cerca di perle preziose; trovata una perla di grande valore, va, vende tutti i suoi averi e la compra».

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
(Dall'Orazionale CEI 2020)
Riuniti con fede nella casa del Signore, rivolgiamo al Padre celeste la mente e il cuore, nella fiducia filiale che egli ci è accanto in tutte le necessità.
Preghiamo insieme e diciamo: Padre della vita, ascoltaci.

1. Per la santa madre Chiesa: nel suo pellegrinaggio terreno tenga sempre fisso lo sguardo alle realtà eterne e possa un giorno vedere i suoi figli riuniti al banchetto del cielo. Preghiamo.
2. Per i vescovi e i presbiteri: spezzando quotidianamente il pane della Parola e dell’Eucaristia, offrano ai fedeli il nutrimento efficace per la vita spirituale. Preghiamo.
3. Per i popoli della terra: accogliendo l’invito alla conversione, volgano i loro passi verso Cristo, fonte della vera pace e vincolo di unità. Preghiamo.
4. Per i poveri, i sofferenti e gli affamati: sperimentino la compassione del Figlio nella fraterna sollecitudine di chi si fa loro incontro in sincera condivisione. Preghiamo.
5. Per noi che partecipiamo a questa santa Eucaristia: toccati dalla grazia, crediamo realmente che nulla potrà mai separarci dall’amore di Dio, che si è manifestato in Cristo Gesù. Preghiamo.

Ascolta, Signore, le invocazioni che la Chiesa ti rivolge: la tua premurosa presenza nella nostra vita doni conforto alla nostra debolezza. Per Cristo nostro Signore.

Preghiera sulle offerte
Accetta, o Signore, queste offerte
che la tua generosità ha messo nelle nostre mani,
perché il tuo Spirito, operante nei santi misteri,
santifichi la nostra vita presente
e ci guidi alla felicità senza fine.
Per Cristo nostro Signore.


Antifona alla comunione
Benedici il Signore, anima mia:
non dimenticare tutti i suoi benefici. (Sal 102,2)

Oppure:
Beati i misericordiosi: troveranno misericordia.
Beati i puri di cuore: vedranno Dio. (Mt 5,7-8)

Oppure (Anno A):
«Così sarà alla fine del mondo.
Verranno gli angeli
e separeranno i cattivi dai buoni», dice il Signore. (Mt 13,49)


Preghiera dopo la comunione
O Dio, nostro Padre,
che ci hai dato la grazia di partecipare a questo divino sacramento,
memoriale perpetuo della passione del tuo Figlio,
fa' che il dono del suo ineffabile amore
giovi alla nostra salvezza.
Per Cristo nostro Signore.



O M E L I E
a cura di
Qumran2.net


    Omelie.org - autori vari       (Omelia del 30-07-2023)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di don Paolo Ricciardi Ogni volta che facciamo l'esame di coscienza, nel nostro atto penitenziale all'inizio della messa, dovremmo chiederci: che cristiani siamo? Ci imbattiamo ogni domenica nel vangelo e ancora, e sempre, siamo qui a tergiversare, a discutere, a calcolare... C'è il tesoro, per noi, c'è la perla pr ...
(continua)

 
    don Lucio D'Abbraccio       (Omelia del 30-07-2023)
Cristo è il vero tesoro!
Il Vangelo di questa XVII Domenica del Tempo Ordinario ripropone quattro micro-parabole: il tesoro nascosto nel campo; il mercante che va in cerca di perle preziose; la rete gettata nel mare; lo scriba che, paragonato a un padrone di casa, estrae dal suo tesoro cose nuove e antiche. Soffermiamoci sulle prime due parabole che sottolineano la decisione dei pro ...
(continua)

 
    don Alberto Brignoli       (Omelia del 30-07-2023)
La scomoda logica del Regno
Ci sono alcune professioni, soprattutto artigianali, che oggi non si esercitano più. Le giovani generazioni, figlie della cultura dello scarto, della mentalità dell' "usa e getta", non sanno nemmeno cosa siano... Chi tra i giovani, oggi, sa cosa significa - e soprattutto, chi accetterebbe di fare - l'arrotino? Se un coltello perde la lama, lo si butta e se n ...
(continua)

 
    don Fabio Rosini       (Omelia del 30-07-2023)
Commento al Vangelo del 30 luglio
...
(continua)

 
    Missionari della Via       (Omelia del 30-07-2023)
Ho trovato un tesoro
...
(continua)

 
    Missionari della Via       (Omelia del 30-07-2023)

Con alcune parabole Gesù annuncia l'arrivo del regno dei cieli. Cosa vuol dire: è apparso sulla terra il regno dei cieli? Significa che è arrivata la buona notizia. Quale notizia è arrivata? È giunto a noi Gesù! Il regno dei cieli, il tesoro nascosto, la perla preziosa è lo stesso Gesù! È come se il Signore ci dicesse: "la salvezza viene a voi, non ve ne acc ...
(continua)

 
    padre Antonio Rungi       (Omelia del 30-07-2023)
Tesoro nascosto, perla preziosa e rete gettata in mare: le altre tre parabole del regno di Gesù
Ultima domenica di luglio e XVII del tempo ordinario continuiamo ad ascoltare le parabole del Regno che Gesù ha detto ed illustrato ai suoi ascoltatori. Delle sette riportate dall'evangelista Matteo queste tre ultime completano il settenario. Si tratta del tesoro nascosto nel campo e trovato per caso, poi conservato gelosamente dal contadino che l'ha trovato ...
(continua)

 
    don Michele Cerutti       (Omelia del 30-07-2023)
Dammi un cuore pronto a lottare per te
Sicuramente Matteo, l'evangelista, che ha scritto questi versetti, che abbiamo proclamato, ha sperimentato molto bene l'insegnamento di Gesù. La prontezza dell'apostolo nel rispondere all'invito di sequela lo abbiamo meditato alcune settimane fa. Matteo un pubblicano che, seduto al banco delle imposte, lascia tutto per mettersi a seguire il Maestro. Quell ...
(continua)

 
    padre Paul Devreux       (Omelia del 30-07-2023)
Commento su Matteo 13,44-52
In quel tempo Gesù disse ai suoi discepoli: «Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto nel campo; Un tesoro è una cosa o una persona, che è in grado di cambiare radicalmente la mia vita. Per me è semplicemente Gesù. Il Campo è un posto dove posso costruire e organizzare la mia vita. Può essere la chiesa. Ora la chiesa la vediamo, sappiamo che c'è e ...
(continua)

 
    don Roberto Seregni       (Omelia del 30-07-2023)
Un tesoro nascosto
Ognuno di noi, anche chi non lo sa, è alla ricerca di un tesoro. Lo chiamiamo felicità, serenità, gioia, pienezza, bellezza... C'è chi lo trova quasi per caso, come l'uomo che scopre il tesoro nascosto in un campo; o chi lo trova dopo una lunga ricerca, come il mercante di perle. Il Regno di Dio, dice Gesù, è così: è per chi lo cerca, ma anche per chi non lo ...
(continua)

 
    padre Maurizio De Sanctis       (Omelia del 30-07-2023)
Tu 6 il suo tesoro...
...
(continua)

 
    don Roberto Rossi       (Omelia del 30-07-2023)
Il tesoro e la pietra preziosa per la vita
...
(continua)

 
    padre Gian Franco Scarpitta       (Omelia del 30-07-2023)
Il Regno, cos'è e cosa comporta
Continua la rassegna delle parabole di Gesù atte a descrivere il Regno dei Cieli. Si tratta questa volta di una serie di brevi paradigmi o similitudini abbastanza esplicite, al punto che, senza bisogno alcuno di commento o di spiegazione, vengono comprese immediatamente dai discepoli che ascoltano. I rilievi che si possono fare, anche in linea con le similit ...
(continua)

 
    don Antonino Sgrò       (Omelia del 30-07-2023)
Il regno di Dio sopra ogni cosa
Gesù spiega in parabole il regno dei cieli; il Maestro vuole introdurre i discepoli alla comprensione della realtà più veritiera, perché è l'unica che supera la soglia della morte. La nostra vita è abitata da esperienze e sentimenti diversi, cui ognuno attribuisce una differente rilevanza a seconda del proprio sistema di valori o della libera decisione del m ...
(continua)

 
    don Marco Scandelli       (Omelia del 30-07-2023)
#2minutiDiVangelo Matteo 13,44-52
Mt 13,44-52 La vera sapienza è seguire i consigli di Gesù Commento al Vangelo - Omelia a cura di don Marco Scandelli 2minutiDiVangelo ...
(continua)

 
    diac. Vito Calella       (Omelia del 30-07-2023)
Discepoli del Regno tra iniziativa divina di salvezza e libertà umana di ricerca dell'essenziale
Il tesoro nascosto dello Spirito Santo in noi Ci identifichiamo con il lavoratore sul campo che, inconsapevolmente e meravigliato, scopre un tesoro prezioso nascosto nella terra di sua proprietà. Grida felice: «C'era un tesoro nel mio campo e io non lo sapevo! È una scoperta fantastica! Cambia radicalmente la mia vita!». La prima parabola di oggi ci rivela ...
(continua)

 
    padre Ermes Ronchi       (Omelia del 30-07-2023)
Dio per noi è un tesoro o soltanto una fatica?
Il regno dei cieli è simile a un tesoro. Tesoro: parola magica, parola da innamorati, da avventure, da favole, ma anche da Vangelo. Accade con Dio ciò che accade a chi trova un tesoro o una perla: un capovolgimento totale e gioioso che travolge l'esistenza, qualcosa che fa la differenza tra prima e dopo.Ebbene, anche nei nostri giorni disillusi e scontenti, ...
(continua)

 
    don Giampaolo Centofanti       (Omelia del 30-07-2023)

Dio sa come aiutare con la sua infinita delicatezza ciascuno ad aprire il cuore alla vita e prima di tutto ad accogliere la sua misericordia senza condizioni. In tale direzione ci lavora dall'alto con lo Spirito e dal basso con le esperienze concrete che ci mostrano come facendo di testa nostra non combiniamo nulla e anzi ci roviniamo la vita. Lui nel suo am ...
(continua)

 
    Frati Minori Cappuccini       (Omelia del 30-07-2023)
Commento su Matteo 13,44-52
...
(continua)

 
    Paolo Curtaz       (Omelia del 30-07-2023)
Spinto dalla gioia
Abbronzarsi l'anima, sia. Lasciando che Dio, sole che fa crescere, che scalda, che illumina, diventi il punto di riferimento e la chiave di lettura della nostra vita. La Parola seminata che cresce, nonostante la zizzania, ci orienta, ci spinge, ci illumina, ci salva. Perché abbiamo scoperto l'origine della gioia. Tesori Sono due parabole ribattute, mo ...
(continua)

 
    Giancarlo Airaghi       (Omelia del 30-07-2023)
Domenica 30 luglio 2023 | Commento al Vangelo del giorno di Giancarlo Airaghi
...
(continua)

 
    Diocesi di Vicenza       (Omelia del 30-07-2023)
La Parola - Commento al Vangelo di Matteo (Mt 13,44-52)
...
(continua)

 
    don Claudio Luigi Fasulo       (Omelia del 30-07-2023)
La gioia è il frutto dell'incontro con Dio
...
(continua)

 
    don Alfonso Giorgio Liguori       (Omelia del 30-07-2023)
Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto nel campo
LA GIOIA DEL VANGELO Riflessioni dell'assistente spirituale nazionale del Movimento Apostolico Ciechi ...
(continua)

 
    CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)       (Omelia del 30-07-2023)
Commento su Mt 13,44-52
Una persona bella: chi non desidera di esserlo? Chi non vuole incontrare nella sua vita persone belle? Una persona bella, che sa sempre come comportarsi, che vive le sue giornate piene di senso, che quando parla pronuncia parole utili, che servono, a se ed agli altri, che agisce con giustizia con tutti quelli che incontra. Usando un termine forse oggi un po' ...
(continua)

 
    padre Fernando Armellini       (Omelia del 30-07-2023)
Videocommento su Mt 13,44-52
...
(continua)

 
    Paolo De Martino       (Omelia del 30-07-2023)
Dio, un tesoro nascosto
Sia nella parabola del tesoro che in quella della perla c'è l'idea del ritrovamento. Di solito il tesoro era un vaso di argilla pieno di monete di oro o di argento, che i proprietari seppellivano per non perderne la proprietà in caso di guerra o d'invasione di popolazioni straniere. Questa realtà in Palestina ai tempi di Gesù era ancora presente, quindi non ...
(continua)

 
    Bella prof! - don Gianmario Pagano       (Omelia del 26-07-2020)
Che cosa vale di più? La vera saggezza
...
(continua)

 
    Agenzia SIR       (Omelia del 26-07-2020)

Siamo alla fine del cap. 13 dell'evangelista Matteo, che ci ha fatto ascoltare in queste domeniche delle parabole legate alla presenza del Regno di Dio nel cuore dell'uomo. Oggi, Gesù ci parla ancora in parabole, legate a due temi della vita spirituale: la scoperta di un tesoro (nei termini del ritrovarsi davanti ad un tesoro nascosto o della ricerca di u ...
(continua)

 
    don Giovanni Berti       (Omelia del 26-07-2020)
Il Mio Tesoro
Clicca qui per la vignetta della settimana. "il mio tesoro..." sibila con la sua voce gracchiante Gollum, completamente soggiogato dal potere dell'anello che vuole tenere ad ogni costo! Gollum è una figura fondamentale nella storia de "il Signore degli Anelli" di J.R.R. Tolkien, che in un mondo immaginario popolato da personaggi fantastici narra lo scon ...
(continua)

 
    don Claudio Doglio       (Omelia del 26-07-2020)
Video commento a Mt 13,44 52
...
(continua)

 
    Paolo Curtaz       (Omelia del 26-07-2020)
Video commento a Mt 13,44 52
...
(continua)

 
    don Lucio D'Abbraccio       (Omelia del 26-07-2020)
Il vero tesoro è Cristo
Siamo giunti all'ultima parte del discorso con cui Gesù rivolge alla folla e ai discepoli l'annuncio del regno dei cieli: oggi ascoltiamo le parabole del tesoro e della perla, assai simili tra loro, e quella della rete gettata nel mare. Nelle prime due parabole ci sono due figure diverse in scena, un uomo e un mercante: sono loro ad agire, eppure non sono ...
(continua)

 
    don Roberto Rossi       (Omelia del 26-07-2020)
IL TESORO DELLA MIA VITA, LA PERLA PREZIOSA...
Ciascuno può porsi alcune domande: Che cosa vorrei fare della mia vita? Forse vorrei tante cose, forse non lo so neanch'io... Che cosa voglio veramente? Vorrei essere contento, essere felice. Ci fanno paura queste parole, perché c'è tanta mediocrità in giro, grigiore, abitudine a cose molto normali, senza entusiasmi, con rassegnazione, spesso con lamen ...
(continua)

 
    Luca Rubin       (Omelia del 26-07-2020)
Gioie e fatiche di un Regno
Gesù prosegue la sua lezione con altre tre parabole sul regno dei cieli: il tesoro nascosto, il mercante di perle preziose, la rete gettata in mare.  Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto nel campo; un uomo lo trova e lo nasconde; poi va, pieno di gioia, vende tutti i suoi averi e compra quel campo.  Un tesoro nascosto du ...
(continua)

 
    don Alberto Brignoli       (Omelia del 26-07-2020)
Cose nuove e cose antiche
Sono sempre stato d'accordo con chi dice che la Chiesa "è vecchia" e va continuamente rinnovata e rimodernata. Lo sono con chi lo ha sostenuto nel passato e con chi lo sostiene nel presente. Dai Padri della Chiesa (Ambrogio in modo particolare) ai grandi movimenti pauperistici del Medioevo (su tutti, il Francescanesimo), dalla Riforma Luterana al Concilio Va ...
(continua)

 
    Frati Minori Cappuccini       (Omelia del 26-07-2020)

...
(continua)

 
    don Domenico Bruno       (Omelia del 26-07-2020)
Dio è un mercante e tu sei importante!
Vi è mai capitato di volere tantissimo qualcosa? Una cosa per la quale avreste fatto di tutto per averla? Questo accade anche con le persone: quando ci teniamo tanto a qualcuno facciamo di tutto per entrarci in relazione o mantenere buoni i rapporti. In quei casi perdoniamo con generosità anche quando l'altro non se lo merita, ma lo facciamo perché non vogli ...
(continua)

 
    don Mario Simula       (Omelia del 26-07-2020)
Quel misterioso Regno!
La Parola di Dio ci regala pagine di una lucentezza abbagliante. Aprono squarci semplici e profondissimi di sapienza che scompigliano in profondità i nostri modi di pensare, le nostre abitudini mondane, e ci orientano decise verso il cuore di Dio. Se Dio ci chiedesse: "Chiedimi ciò che vuoi?", noi cosa risponderemmo? Quali sarebbero i desideri che affiorer ...
(continua)

 
    padre Antonio Rungi       (Omelia del 26-07-2020)
Un regno di grande valore spirituale
La parola di Dio di questa XVII domenica del tempo ordinario, ultima domenica di luglio 2020, ci presenta, nel Vangelo di Matteo, altre tre parabole, molto sintetiche, di Gesù sul tema del ...
(continua)

 
    don Giacomo Falco Brini       (Omelia del 26-07-2020)
Bellezza sempre antica e sempre nuova
Avete capito tutte queste cose? - dice il Signore Gesù ai suoi discepoli dopo aver esposto loro 3 parabole (Mt 13,51). Dopo averle ascoltate, gli rispondereste allo stesso modo? È di fondamentale importanza che ce lo chiediamo, per verificare se stiamo davvero camminando dietro di Lui. Perché Dio parla per farsi comprendere, non certo per fare l'enigmista. P ...
(continua)

 
    don Marco Scandelli       (Omelia del 26-07-2020)
#2minutiDiVangelo - 26/7 - Il Regno dei cieli: la possibilità di compimento della nostra vita!
Commento al Vangelo di domenica 26 luglio 2020 - XVII domenica del Tempo Ordinario - a cura di don Marco Scandelli #2minutiDiVangelo Matteo 13,44-46 "Il Regno dei cieli". È così importante parlare di "Regno dei cieli"? Certo. Soprattutto perché con il "Regno dei cieli" Gesù indica "la possibilità di compimento e felicità". Quando Gesù parla del Regn ...
(continua)

 
    don Roberto Seregni       (Omelia del 26-07-2020)
Il vero tesoro
Ognuno di noi, anche chi non lo sa, è alla ricerca di un tesoro. Lo chiamiamo felicità, serenità, gioia, pienezza, bellezza... C'è chi lo trova quasi per caso, come l'uomo che scopre il tesoro nascosto in un campo; o chi lo trova dopo una lunga ricerca, come il mercante di perle. Il Regno di Dio, dice Gesù, è così: è per chi lo cerca, ma anche per chi non lo ...
(continua)

 
    don Gaetano Luca (Amore)       (Omelia del 26-07-2020)

...
(continua)

 
    don Roberto Rossi       (Omelia del 26-07-2020)
Il tesoro della mia vita, la pietra preziosa...
...
(continua)

 
    don Fabio Rosini       (Omelia del 26-07-2020)
Commento al Vangelo del 26 luglio
...
(continua)

 
    mons. Erio Castellucci diocesi di Modena-Nonantola       (Omelia del 26-07-2020)
Il regno dei cieli e' simile ad un tesoro
...
(continua)

 
    Missionari della Via       (Omelia del 26-07-2020)
Discernere ciò' che davvero vale
...
(continua)

 
    Missionari della Via       (Omelia del 26-07-2020)
Commento su Matteo 13,44-52
Anche nel Vangelo di questa domenica, Matteo ci presenta le ultime parabole raccolte nel capitolo tredicesimo. Gesù nelle sue parabole (oscure alla folla ma spiegate in disparte a chi vuol capire) fa ricorso a delle immagini di vita concreta. Soffermandoci sulle prime due parabole, vi sono due uomini che vendono i loro tesori nascosti anche ai loro occhi, e ...
(continua)

 
    don Luca Garbinetto       (Omelia del 26-07-2020)
Il tesoro del regno nel campo dell'uomo
L'evangelista Matteo si presenta: egli è uno "scriba divenuto discepolo del regno dei cieli" (v. 52). Non che "Levi, il figlio di Alfeo" (Mc 2,14), fosse un esperto della Legge per professione; sappiamo infatti che era un pubblicano, dunque ben attivo in un mestiere poco consono con le esigenze della Legge. Ma doveva essere certamente un trascinatore, vista ...
(continua)

 
    padre Paul Devreux       (Omelia del 26-07-2020)

Quello che mi affascina in questo Vangelo è la prospettiva di un tesoro e di una perla preziosa. Il tesoro perché è una cosa che può cambiare la mia vita in meglio, la perla perché è una cosa bella, e le cose belle sono in grado di fermarci, di affascinarci e aprirci alla contemplazione. Il tesoro è nascosto in un campo e potrebbe essere il campo stesso. Co ...
(continua)

 
    Omelie.org - autori vari       (Omelia del 26-07-2020)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di Rocco Pezzimenti 1. Il Signore, nell'odierno brano del Vangelo, ci parla dell'avvento finale del suo Regno facendo una serie di paragoni facilmente comprensibili ed è davvero interessante che, da Maestro, alla fine si preoccupi di sapere se il suo messaggio è stato recepito: "Avete capito tutto questo?" e gli ris ...
(continua)

 
    padre Ermes Ronchi       (Omelia del 26-07-2020)
Nessun viaggio è lungo per chi ama
Gesù, con due parabole simili, brevi e lampeggianti, dipinge come su un fondo d'oro il dittico lucente della fede. Evoca tesori e perle, termini bellissimi e inusuali nel nostro rapporto con Dio. Lo diresti un linguaggio da romanzi, da pirati e da avventure, da favole o da innamorati, non certo da teologi o da liturgie, che però racconta la fede come una for ...
(continua)

 
    don Domenico Luciani       (Omelia del 26-07-2020)
Lectio Divina - Dove il tesoro là il cuore!
...
(continua)

 
    don Alfonso Giorgio Liguori       (Omelia del 26-07-2020)
Verranno gli angeli e separeranno i cattivi dai buoni
...
(continua)

 
    diac. Vito Calella       (Omelia del 26-07-2020)
Unico possesso
Un approfondimento della parabola del seminatore. Le parabole della scoperta del tesoro prezioso e della perla più preziosa di tutte le altre corrispondono ad un approfondimento della parabola del seminatore, riguardante il terreno pieno di rovi e spine, tendenti a soffocare la seminagione abbondante e gratuita delle parole del Cristo risuscitato nella nost ...
(continua)

 
    don Giampaolo Centofanti       (Omelia del 26-07-2020)
Commento su Matteo 13,44-52
Un tesoro è stato individuato in un campo da qualcuno che non ne era il proprietario. Quell'uomo poi di nuovo nasconde il tesoro. Come mai? Forse perché nessuno possa vantare diritti su quei beni qualora lui li portasse via. Il tesoro di Dio va anche protetto, curato, lasciato fruttificare nella libertà e nella serenità. Forse il tesoro è riconosciuto pienam ...
(continua)

 
    fr. Massimo Rossi       (Omelia del 26-07-2020)
Commento su Matteo 13,44-52
"Per questo ogni scriba, divenuto discepolo del regno dei cieli. È simile a un padrone di casa che estrae dal suo tesoro cose nuove e cose antiche.": e con questa sentenza termina un altro discorso di Gesù, il terzo; nel Vangelo di Matteo ce ne sono 5: il primo, dal cap. 5, è quello delle Beatitudini, o discorso evangelico; al cap.10 troviamo il discorso apo ...
(continua)

 
    Paolo De Martino       (Omelia del 26-07-2020)
Hai già trovato il tuo tesoro?
Per la terza domenica consecutiva la liturgia ci consegna una pagina di parabole. Matteo dice che la vita è una caccia al tesoro. Questo tesoro, altro non è che il Vangelo stesso, ovvero la bella notizia che Dio è Padre, Amore assoluto, misericordia senza limiti; che io sono figlio amato e che l'altro è un fratello da amare come il Padre ama me. Toh... ...
(continua)

 
    don Claudio Luigi Fasulo       (Omelia del 26-07-2020)
Audio commento a Mt 13,44-52
...
(continua)

 
    Diocesi di Vicenza       (Omelia del 26-07-2020)
La Parola - Commento al Vangelo di Matteo (Mt 13,44-52)
...
(continua)

 
    padre Gian Franco Scarpitta       (Omelia del 26-07-2020)
Dal tesoro nascosto alla rete
Le parabole hanno l'efficacia di comunicare una realtà profonda per mezzo di immagini, metafore e paradigmi e ben si adattano a un argomento profondo e denso di significato come quello del Regno dei Cieli, del quale sarebbe molto difficile veicolare la realtà per mezzo dei soli concetti e astrattismi. Già nelle Domeniche precedenti il Regno veniva descritto ...
(continua)

 
    don Nicola Salsa       (Omelia del 26-07-2020)
Il tesoro nascosto, la perla trovata
...
(continua)

 
    diac. Vito Calella       (Omelia del 30-07-2017)
Commento alla liturgia - 1Re 3,5. 7-12; Romani 8, 28-30; Matteo 13,44-52
1: Il Regno di Dio è il mare dell'umanità e la rete dell'ultimo giorno. Tutte le volte che mi metto in viaggio e mi ritrovo in un aeroporto, aspettando di prendere l'aereo, mi viene spontaneo contemplare la moltitudine di gente di tutte le razze, di innumerevoli lingue, di tutte le età, che va e che viene, in continuo movimento. Se viaggio da solo contemplo ...
(continua)