LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 18 Dicembre 2022 <

Venerdì 16 Dicembre 2022

Sabato 17 Dicembre 2022

Domenica 18 Dicembre 2022

Lunedì 19 Dicembre 2022

Martedì 20 Dicembre 2022

Mercoledì 21 Dicembre 2022

Giovedì 22 Dicembre 2022

Venerdì 23 Dicembre 2022

Sabato 24 Dicembre 2022

Domenica 25 Dicembre 2022

Newsletter
Per ricevere la Liturgia del giorno inserisci la tua mail:


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:



  IV DOMENICA DI AVVENTO (ANNO A)

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: DOMENICA
Colore liturgico: Viola
AA040 ;

Il Vangelo secondo san Matteo comincia con la “genealogia di Gesù Cristo” (Mt 1,1-17).
L’evangelista sottolinea così che la storia che Dio ha cominciato con Abramo ha ora raggiunto il suo obiettivo in Gesù Cristo. L’obiettivo non è la fine della storia, poiché essa continua, ma in modo nuovo. Ci mostra fino a che punto questa storia sia nuova il brano del vangelo di oggi che parla della “nascita di Gesù Cristo”. San Matteo usa qui questa parola, che può significare tutto: genesi, origine, fonte, esistenza, divenire. Il rinnovamento completo si prepara già al versetto 16, in cui si dice: “Giuseppe, lo sposo di Maria, dalla quale è nato Gesù”. È dunque chiaro che san Matteo vuol dire che Giuseppe non era che il padre adottivo di Gesù.
Ma chi è il vero padre di Gesù? È una domanda che si pone anche Giuseppe nel nostro testo di oggi. E la risposta è assolutamente chiara: è “per opera dello Spirito Santo” che Maria aspetta un bambino. Ma il testo esprime senza dubbio ancora qualcosa di più. Non è perché è stato generato in questo modo straordinario che Gesù è l’obiettivo della storia di Israele e il fondamento di una nuova comunità; si tratta piuttosto di capire che in Gesù Dio si è unito con noi uomini, come rimedio estremo e per sempre. E ciò per liberarci dalla fatalità della colpa del peccato. Ecco perché il figlio di Maria deve portare il nome di Gesù, cioè: “Il Signore salva”, ed ecco perché noi possiamo anche chiamare Gesù Emanuele, che si traduce “Dio è con noi”. È il messaggio con il quale Matteo inizia il suo Vangelo.

Scarica il foglietto della Messa >
Scarica le Letture del Lezionario >
Scarica il Salmo Responsoriale Cantato >
Ricevi la Liturgia via mail >
Condividi questa Liturgia su > Facebook
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Stillate, cieli, dall’alto,
le nubi facciano piovere il Giusto;
si apra la terra e germogli il Salvatore. (Cf. Is 45,8)

Non si dice il Gloria.


Colletta
Infondi nel nostro spirito la tua grazia, o Padre:
tu, che all’annuncio dell’angelo
ci hai rivelato l’incarnazione di Cristo tuo Figlio,
per la sua passione e la sua croce
guidaci alla gloria della risurrezione.
Per il nostro Signore Gesù Cristo, ...


Oppure:
O Dio, Padre buono,
che hai rivelato la gratuità e la potenza del tuo amore
nel silenzioso farsi carne del Verbo nel grembo di Maria,
donaci di accoglierlo con fede
nell’ascolto obbediente della tua parola.
Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio,
e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli.

>

Prima lettura

Is 7,10-14
Ecco, la vergine concepirà e partorirà un figlio.

Dal libro del profeta Isaìa

In quei giorni, il Signore parlò ad Acaz: «Chiedi per te un segno dal Signore, tuo Dio, dal profondo degli inferi oppure dall’alto».
Ma Àcaz rispose: «Non lo chiederò, non voglio tentare il Signore».
Allora Isaìa disse: «Ascoltate, casa di Davide! Non vi basta stancare gli uomini, perché ora vogliate stancare anche il mio Dio? Pertanto il Signore stesso vi darà un segno. Ecco: la vergine concepirà e partorirà un figlio, che chiamerà Emmanuele».

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 23

Ecco, viene il Signore, re della gloria.

Del Signore è la terra e quanto contiene:
il mondo, con i suoi abitanti.
È lui che l’ha fondato sui mari
e sui fiumi l’ha stabilito.

Chi potrà salire il monte del Signore?
Chi potrà stare nel suo luogo santo?
Chi ha mani innocenti e cuore puro,
chi non si rivolge agli idoli.

Egli otterrà benedizione dal Signore,
giustizia da Dio sua salvezza.
Ecco la generazione che lo cerca,
che cerca il tuo volto, Dio di Giacobbe.

>

Seconda lettura

Rm 1,1-7
Gesù Cristo, dal seme di Davide, Figlio di Dio.

Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Romani

Paolo, servo di Cristo Gesù, apostolo per chiamata, scelto per annunciare il vangelo di Dio – che egli aveva promesso per mezzo dei suoi profeti nelle sacre Scritture e che riguarda il Figlio suo, nato dal seme di Davide secondo la carne, costituito Figlio di Dio con potenza, secondo lo Spirito di santità, in virtù della risurrezione dei morti, Gesù Cristo nostro Signore; per mezzo di lui abbiamo ricevuto la grazia di essere apostoli, per suscitare l’obbedienza della fede in tutte le genti, a gloria del suo nome, e tra queste siete anche voi, chiamati da Gesù Cristo –, a tutti quelli che sono a Roma, amati da Dio e santi per chiamata, grazia a voi e pace da Dio, Padre nostro, e dal Signore Gesù Cristo!

Parola di Dio

Canto al Vangelo (Mt 1,23)
Alleluia, alleluia.

Ecco la vergine concepirà e darà alla luce un figlio:
a lui sarà dato il nome di Emmanuele: “Dio con noi”.

Alleluia.

>

Vangelo

Condividi il Vangelo su >   Facebook Ascolta il Vangelo >    

Mt 1,18-24
Gesù nascerà da Maria, sposa di Giuseppe, della stirpe di Davide.


+ Dal Vangelo secondo Matteo

Così fu generato Gesù Cristo: sua madre Maria, essendo promessa sposa di Giuseppe, prima che andassero a vivere insieme si trovò incinta per opera dello Spirito Santo. Giuseppe suo sposo, poiché era uomo giusto e non voleva accusarla pubblicamente, pensò di ripudiarla in segreto.
Però, mentre stava considerando queste cose, ecco, gli apparve in sogno un angelo del Signore e gli disse: «Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa. Infatti il bambino che è generato in lei viene dallo Spirito Santo; ella darà alla luce un figlio e tu lo chiamerai Gesù: egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati».
Tutto questo è avvenuto perché si compisse ciò che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta: «Ecco, la vergine concepirà e darà alla luce un figlio: a lui sarà dato il nome di Emmanuele», che significa “Dio con noi”.
Quando si destò dal sonno, Giuseppe fece come gli aveva ordinato l’angelo del Signore e prese con sé la sua sposa.

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
(Dall'Orazionale CEI 2020)
Il giorno della salvezza è ormai vicino: con la santa Chiesa diamo voce alle attese di tutti gli uomini, specialmente dei più poveri e dimenticati.
Preghiamo insieme e diciamo: Ricordati, o Padre, del tuo amore.

1. Per la santa Chiesa: in questo tempo di attesa vigilante, sostenga con tenerezza materna i suoi figli e alimenti la speranza di una vita nuova nel Cristo che viene. Preghiamo.
2. Per la Terra santa: una pace duratura raggiunga i popoli dei territori in cui è nato ed è vissuto Gesù, il principe della pace. Preghiamo.
3. Per tutti coloro che, oppressi dalle prove della vita, trascorrono giorni di angoscia: il loro grido apra i cieli e possano incontrare Cristo, luce dei cuori. Preghiamo.
4. Per coloro che hanno responsabilità di governo: animati dalla costante ricerca del bene comune compiano il loro servizio a favore dei popoli. Preghiamo.
5. Per noi qui riuniti: ci sia dato di custodire il silenzio in questi giorni di trepidante attesa del Signore che viene a bussare al nostro cuore. Preghiamo.

Ascolta, o Padre, la voce della Chiesa: fa’ che il tuo Figlio, venendo in mezzo a noi, trovi la stessa fede umile e obbediente di Maria, Vergine e Madre. Egli vive e regna nei secoli dei secoli.

Preghiera sulle offerte
Accogli, o Signore, i doni che abbiamo deposto sull’altare
e consacrali con la potenza del tuo Spirito
che santificò il grembo della Vergine Maria.
Per Cristo nostro Signore.


PREFAZIO DELL’AVVENTO II
Le due attese di Cristo

È veramente cosa buona e giusta,
nostro dovere e fonte di salvezza,
rendere grazie sempre e in ogni luogo
a te, Signore, Padre santo,
Dio onnipotente ed eterno,
per Cristo Signore nostro.
Egli fu annunciato da tutti i profeti,
la Vergine Madre l’attese e lo portò in grembo
con ineΩabile amore,
Giovanni proclamò la sua venuta
e lo indicò presente nel mondo.
Lo stesso Signore,
che ci invita a preparare con gioia il suo Natale,
ci trovi vigilanti nella preghiera,
esultanti nella lode.
Per questo dono della tua benevolenza,
uniti agli Angeli e agli Arcangeli,
ai Troni e alle Dominazioni
e alla moltitudine dei cori celesti,
cantiamo con voce incessante
l’inno della tua gloria: Santo...

Oppure:

PREFAZIO DELL’AVVENTO II/A
Maria nuova Eva

È veramente giusto
rendere grazie
a te, Signore, Padre santo,
Dio onnipotente ed eterno.
Noi ti lodiamo, ti benediciamo,
ti glorifichiamo
per il mistero della Vergine Madre.
Dall’antico avversario venne la rovina,
dal grembo verginale della figlia di Sion
è germinato colui che ci nutre con il pane degli angeli
e sono scaturite per tutto il genere umano
la salvezza e la pace.
La grazia che Eva ci tolse
ci è ridonata in Maria.
In lei, Madre di tutti gli uomini,
la maternità, redenta dal peccato e dalla morte,
si apre al dono della vita nuova.
Dove abbondò la colpa,
sovrabbonda la tua misericordia
in Cristo nostro salvatore.
E noi,
nell’attesa della sua venuta,
uniti agli angeli e ai santi,
cantiamo l’inno della tua lode: Santo ...


Antifona alla comunione
Ecco, la Vergine concepirà e darà alla luce un figlio:
lo chiamerà Emmanuele, Dio con noi. (Cf. Is 7,14)

Oppure:
Giuseppe, non temere: Maria darà alla luce un figlio
e tu lo chiamerai Gesù. Egli salverà il suo popolo. (Cf. Mt 1,20-21)


Preghiera dopo la comunione
Dio onnipotente, che ci hai dato il pegno della redenzione eterna,
ascolta la nostra preghiera:
quanto più si avvicina il grande giorno della nostra salvezza,
tanto più cresca il nostro fervore,
per celebrare degnamente il mistero della nascita del tuo Figlio.
Egli vive e regna nei secoli dei secoli.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

padre Fernando Armellini     (Omelia del 18-12-2022)
Videocommento su Mt 1,18-24
...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 18-12-2022)
Commento su Is 7,10-14; Sal 23; Rm 1,1-7; Mt 1,18-24
La storia della salvezza è cadenzata, nei suoi grandi momenti, dal verbo temere: " Non temere". Verbo che ci rivela che Dio è vicino ai dubbiosi a quanti hanno paura di recargli offesa. L'ufficio delle letture odierno, nel Vangelo secondo Matteo, ci parla di una persona, della tribù di Davide, di nome Giuseppe, "il giusto, sposo di Maria di Nazaret. Giuse ...
(continua)
don Domenico Bruno     (Omelia del 27-12-2019)
Commento audio al Vangelo di Giovanni 20,2-8
Commento audio al Vangelo nella festa di san Giovanni Qui ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 22-12-2019)
Audio commento alla liturgia - Mt 1,18-24
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 22-12-2019)
Video commento a Mt 1,18-24
...
(continua)
Sulla strada - TV2000     (Omelia del 22-12-2019)
Commento su Matteo 1,18-24
...
(continua)
Luca Rubin     (Omelia del 22-12-2019)
Cambio di programma (o forse no)
Hai presente quando organizzi nel dettaglio una giornata o una settimana, ma anche un periodo molto più lungo, e poi interviene sempre qualcuno o qualcosa a scombinare tutto? Ecco che ricorri al piano B, C, D... barcamenandoti tra le onde burrascose della tua vita, cercando di stare a galla. La pagina di vangelo a cui ci riferiamo illustra proprio il ...
(continua)
don Lucio D'Abbraccio     (Omelia del 22-12-2019)
Gli sarà dato il nome di Emmanuele, Dio con noi!
In questa quarta ed ultima domenica di avvento, la liturgia della parola ci parla dell'annuncio e della venuta del Figlio di Dio. Nel brano evangelico Matteo scrive che Giuseppe, sposo di Maria e «uomo giusto», ossia uomo capace di vivere nella giustizia, nella pace, nell'amore fraterno fino alla compassione, e al perdono, pensò non di esporre alla vergogna ...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 22-12-2019)
Commento su Matteo 1,18-24
Matteo, in questo suo Vangelo, ci mostra la reazione di Giuseppe, alla gravidanza di Maria sua promessa sposa. Giuseppe, cerca una soluzione giusta per risolvere questo grande problema che gli si pone davanti; e lo fa in silenzio. Non una parola proferita da Giuseppe, tutto nel suo cuore, nessuna confidenza ad altri, nessuna lamentela. Solo un grande silenzi ...
(continua)
don Domenico Bruno     (Omelia del 22-12-2019)
Senza sogni, non c'è vita
Hai presente quando ti dicono che i sogni aiutano a vivere? Beh è vero. Tutti abbiamo dei sogni... o per lo meno dovremmo. Chi non ha un sogno, o non lo coltiva, è un perdente. Possiamo dire che è morto in partenza. Di Giuseppe il Vangelo non ci riporta alcun commento, alcuna parola. Sappiamo solo che aveva un sogno: sposare Maria. Giuseppe ha certamente ...
(continua)
mons. Erio Castellucci diocesi di Modena-Nonantola     (Omelia del 22-12-2019)
Giuseppe... era uomo giusto
...
(continua)
don Fabio Rosini     (Omelia del 22-12-2019)
Commento al Vangelo del 22 dicembre
...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 22-12-2019)
San Giuseppe, la scommessa vincente
...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 22-12-2019)
Uomo giusto
Così fu generato Nella Scrittura si racconta come Dio opera per gli uomini e con gli uomini; oltre a essere oggetto dell'azione di Dio, gli uomini ne sono strumento più o meno docile, più o meno consapevole. Molti sono chiamati da Dio all'improvviso nel mezzo della loro vita, altri lo sono fin dalla nascita. C'è un «genere letterario» particolare, un modo d ...
(continua)
don Giacomo Falco Brini     (Omelia del 22-12-2019)
Giuseppe
Gli anelli della lunga genealogia di Gesù con cui Matteo avvia il suo racconto si interrompono al nome di Giuseppe, detto lo sposo di Maria (Mt 1,16). L'interruzione segna l'irruzione di Dio all'interno di questa storia con qualcosa di assolutamente nuovo che la rende asimmetrica. Colui che deve venire secondo le promesse dalla discendenza davidica, giunge s ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 22-12-2019)
Certe notti con Dio
Che bella, la vita dei bambini piccoli, soprattutto quella dei neonati! Mangiano, ridono, giocano, dormono, e sono privi di preoccupazioni. E se a volte strillano, è perché una di queste cose manca loro, e fanno di tutto per ottenerla. Poi, però, si cresce, e quella beata e innocente semplicità che fa dormire sonni tranquilli, a poco a poco viene meno e prog ...
(continua)
don Alessandro Farano     (Omelia del 22-12-2019)
Lectio Divina - IV Domenica di Avvento - Anno A
...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 22-12-2019)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di Lucia Piemontese Siamo alla IV domenica di Avvento e la liturgia della Parola di questa domenica nell'anno A ci presenta l'annunzio della nascita di Gesù a Giuseppe dal Vangelo di Matteo, un parallelo dell'annunciazione a Maria narrata dal Vangelo di Luca. Anche Giuseppe riceve tramite un angelo la chiamata ad un ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 22-12-2019)

Cari bambini e ragazzi, ci siamo: tra pochissimi giorni è Natale! Le letture di questa domenica ci aiutano ad essere veramente pronti per vivere al meglio tale evento meraviglioso. Infatti, in questo periodo il rischio è quello di perderci nei preparativi pratici della festa: gli ultimi inviti da fare, la spesa da completare, gli addobbi più belli da mette ...
(continua)
don Mario Simula     (Omelia del 22-12-2019)
Un mistero d'amore svelato in un sogno
Giuseppe è la figura dominante di questa quarta domenica di Avvento. Uomo semplice e di una rettitudine adamantina, vive la gioia dell'incontro sponsale con Maria. L'uno promesso all'altra e Maria pronta a donarsi come Donna della vita per Giuseppe. Nella storia d'amore che Dio ci rivela, domina questa promessa. Piena di fiducia, fondata sulla parola data, ...
(continua)
diac. Vito Calella     (Omelia del 22-12-2019)
«Emmanuele: «Dio è con noi» e «Con noi Dio è»
Nel giorno della solennità di Maria Immacolata, l'8 dicembre scorso, abbiamo custodito nel cuore e nella mente la narrazione biblica dell'annunciazione dell'angelo a Maria. Oggi «Gesù Cristo, nostro Signore, figlio di Dio Padre, nato dal seme di Davide, secondo la carne, costituito Figlio di Dio con potenza, secondo lo Spirito di santità, in virtù della ris ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 22-12-2019)
San Giuseppe uomo giusto con gli stessi sogni di Dio
Tra i custodi dell'attesa è il momento di Giuseppe, uomo dei sogni e delle mani callose, l'ultimo patriarca dell'antico Israele, sigillo di una storia gravida di contraddizioni e di promesse: la sua casa e i suoi sogni narrano una storia d'amore, i suoi dubbi e il cuore ferito raccontano un'umanissima storia di attese e di crisi. Prima che andassero a vivere ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 22-12-2019)
La Vergine concepirà e darà alla luce l'atteso Messia
Questa ultima domenica di Avvento, la quarta della serie, ci prepara immediatamente al Natale 2019. Già la prima lettura, tratta dal profeta Isaia ci immette in questo clima di attesa prossima e trasformante "il Signore stesso darà un segno a tutto il popolo, impaziente di conoscere il Messia. Ecco: la vergine concepirà e partorirà un figlio, che chiamerà E ...
(continua)
padre Paul Devreux     (Omelia del 22-12-2019)

Maria si trova incinta per opera dello Spirito Santo. La cosa più incredibile non è tanto il fatto che lo Spirito Santo mette Maria incinta. L' Incredibile, il difficile da credere, è il fatto che si tratti del Figlio di Dio. Ora mettiamoci nei panni di Maria. Tutte le donne d'Israele sognavano di diventare la madre del Messia, quindi Maria ha ricevuto una ...
(continua)
don Gaetano Luca (Amore)     (Omelia del 22-12-2019)
Commento su Matteo 1,18-24
...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 22-12-2019)
Lectio Divina. Giusto è chi ascolta e si fa carico
...
(continua)
don Roberto Fiscer     (Omelia del 22-12-2019)
StradeDorate - Commento su Matteo 1,18-24
...
(continua)
don Claudio Luigi Fasulo     (Omelia del 22-12-2019)
Audio commento a Mt 1,18-24
...
(continua)
Diocesi di Vicenza     (Omelia del 22-12-2019)
La Parola - Commento al Vangelo di Matteo (Mt 1,18-24)
...
(continua)
frate Attilio Gueli     (Omelia del 22-12-2019)
San Giuseppe vive con amore l'"imprevisto"!
...
(continua)
Bella prof! - don Gianmario Pagano     (Omelia del 22-12-2019)
Giuseppe, uomo giusto e padre per vocazione
...
(continua)
don Nicola Salsa     (Omelia del 22-12-2019)
Pace agli uomini perché Dio li ama
...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 22-12-2019)
Dio con noi e Dio "per noi"
"Abbi fede e confida in Dio, perché presto il suo aiuto arriverà"; questo è il monito che ci proviene in primo luogo dalle letture di oggi, che ci descrivono come il re Acaz di Giuda ne sia il primo destinatario. Il libro del profeta Isaia descrive infatti l'episodio passato alla storia come la "guerra siro efraimita", di cui sarebbe lungo parlare ma che ved ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 22-12-2019)
Commento su Matteo 1,18-24
Tre giorni ed è Natale! tutto pronto? I regali, gli inviti, tutto OK? E ad accogliere il Verbo fatto carne, siamo pronti? Come ci siamo preparati, durante queste quattro settimane? Rispondete a casa, con comodo, rispondete sinceramente, secondo coscienza; per arrivare alla grotta ad adorare il Bambino, è necessario mettersi in viaggio: per qualcuno sarà sta ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 22-12-2019)
Commento su Is 7,10-14; Sal 23; Rm 1,1-7; Mt 1,18-24
Le letture di questa quarta domenica di Avvento, anno A e della solennità della Annunciazione del Signore, 25 marzo, si devono leggere in funzione "mariana" oltre che messianica, a motivo della doppia lettura del termine "vergine", come indicato nel brano di Isaia, ma è un altro punto di vista che voglio affrontare in questo commento. Il brano evangelico, p ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 18-12-2016)
Commento su Is 7,10-14; Sal 23; Rm 1,1-7; Mt 1,18-24
Continua il nostro cammino di preparazione alla venuta di quel "bambino" annunciato che cambierà il volto della storia. La nostra preparazione deve consistere nel svuotare il nostro cuore per accoglierlo. Nella terza domenica detta anche domenica della Gioia e della speranza per la prossima venuta del Cristo, la liturgia ci invitava a rallegrarci, perché le ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 18-12-2016)
Commento su Mt 1, 20b-21
«Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa. Infatti il bambino che è generato in lei viene dallo Spirito Santo;21ella darà alla luce un figlio e tu lo chiamerai Gesù: egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati». Mt 1, 20b-21 Come vivere questa Parola? La storia che Dio ha cominciato con Abramo ha ora raggiunto il ...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 18-12-2016)
L'uomo dei sogni
Clicca qui per la vignetta della settimana. Maria ha trovato davvero l'uomo dei suoi sogni, ma per "suoi" prima di tutto penso ai sogni dello stesso Giuseppe, che ci viene presentato nel Vangelo di Matteo sempre addormentato nei momenti cruciali della sua vita come marito e come padre. Ma potremmo dire che è anche l'uomo dei sogni di Maria stessa, che ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 18-12-2016)
Video commento a Mt 1,18-24
...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 18-12-2016)
Video commento a Mt 1,18-24
...
(continua)
Sulla strada - TV2000     (Omelia del 18-12-2016)
Commento su Matteo 1,18-24
...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 18-12-2016)
Audio commento alla liturgia - Mt 1,18-24
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 18-12-2016)
La carriera di un meridionale del Sud
E' un meridionale del Sud, Giuseppe. Il suo albero genealogico, quello che Matteo evangelista riporta con nomi-e-cognomi nella prima pagina del Vangelo, è una strada infestata di criminali, di prostitute, di tradimenti. La Grazia dovette procedere a zig-zag, come su di una strada interrotta: nessun peccato è stato in grado, però, di arrestare il sacro assalt ...
(continua)
don Maurizio Prandi     (Omelia del 18-12-2016)
Il sogno di Giuseppe, il nostro sogno
Il vangelo di questa domenica ci racconta come fu generato Gesù e ci chiede di fissare il nostro sguardo su Giuseppe e di lasciarci guidare da lui, perché anche noi possiamo, sul suo esempio, sul suo modello, essere uomini e donne che generano Gesù nella propria vita e nella vita degli altri. Si, perché Matteo ci dice abbastanza chiaramente che qui è Giusepp ...
(continua)
don Michele Cerutti     (Omelia del 18-12-2016)
Commento su Matteo 1,18-24
In questo tempo di Avvento abbiamo dei personaggi che ci hanno accompagnato. Il Battista ci è stato di aiuto e Maria ha illuminato il percorso. Questa domenica è Giuseppe il bastone del nostro cammino. Da lui impariamo: - UMILTA' Virtù comune a tutti i personaggi dell'Avvento, virtù che è propria della santità. Giuseppe ha compreso di essere semplice str ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 18-12-2016)
San Giuseppe, modello di obbedienza della fede
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 18-12-2016)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di Lucia Piemontesi Nel vangelo di oggi appare emergente la figura di Giuseppe ma, per comprendere cosa vogliano comunicarci le pagine iniziali del Vangelo di Matteo, dobbiamo ricordare che i Vangeli sono stati scritti a partire dalla Resurrezione e che tra gli evangelisti solo Matteo e Luca arrivano a considerare l ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 18-12-2016)

Provo ad immaginare l'impressione di Giuseppe nel sentirsi chiamare Figlio di Davide... Non avevo mai considerato che, in occasione dell'incontro tra Gesù e il cieco nato, costui lo chiama allo stesso modo: Figlio di Davide (cfr. Lc 18,35-43). Può darsi che l'evangelista Matteo abbia voluto semplicemente sottolineare il motivo, per il quale Giuseppe, e non ...
(continua)
don Roberto Farruggio     (Omelia del 18-12-2016)
Video commento alla liturgia con i ragazzi - IV Domenica del Tempo di Avvento (Anno A)
...
(continua)
don Roberto Farruggio     (Omelia del 18-12-2016)
Video commento alla liturgia - IV Domenica del Tempo di Avvento (Anno A)
...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 18-12-2016)
Caro Giuseppe...
Caro Giuseppe; non penso proprio di essere originale, scrivendoti una lettera. Chissà quanti, certamente più autorevoli e famosi di me, l'hanno fatto lungo i secoli. Non importa: di certo, c'è qualcuno che non ti ha mai scritto nulla, perché non ha avuto il tempo di farlo, oppure perché (con rispetto parlando) era analfabeta, o forse perché ha preferito dir ...
(continua)
mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 18-12-2016)
Giuseppe ?uomo giusto' e la grande attesa di Dio-tra-noi
Per chi davvero ha fede e vive di gioia, perché Dio si fa uno di noi, per stare con noi, questi giorni, che ci accostano al Natale, sono giorni di meravigliosa attesa: un'attesa piena di stupore, che si prova quando si riceve la notizia che una persona molto cara sta per arrivare. ?Al solo pensare - mi diceva una mamma che attendeva il figlio a lungo lontano ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 18-12-2016)
Commento su Matteo 1,18-24
Così fu generato Gesù Cristo: sua madre Maria, essendo promessa sposa di Giuseppe, prima che andassero a vivere insieme si trovò incinta per opera dello Spirito Santo. Giuseppe suo sposo, poiché era uomo giusto e non voleva accusarla pubblicamente, pensò di ripudiarla in segreto. Però, mentre stava considerando queste cose, ecco, gli apparve in sogno un a ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 18-12-2016)
Giuseppe, il giusto con gli stessi sogni di Dio
Tra i testimoni d'Avvento, tra coloro che rendono, «testimonianza alla luce» (Gv 1,7.8) e ci accompagnano al Natale, entra Giuseppe, uomo giusto che sogna e ama, non parla e agisce. Prima che andassero a vivere insieme Maria si trovò incinta. Sorpresa assoluta della creatura che arriva a concepire l'inconcepibile, il proprio Creatore. Qualcosa che però stra ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 18-12-2016)
Fece
Si trovò Non è facile la lettura di quanto Matteo comunica a proposito della "generazione", o meglio della "Genesi di Gesù Cristo, figlio di David, figlio di Abramo" (Mt 1,1). Nel lungo elenco della genealogia antecedente il racconto odierno traspare la costante presenza di Dio nella storia degli uomini che da sempre precede l'uomo: l'amore di Dio che si c ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 18-12-2016)
Video commento su Mt 1,18-24
...
(continua)
don Roberto Fiscer     (Omelia del 18-12-2016)
#StradeDorate - Commento su Matteo 1,18-24
...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 18-12-2016)
Perché ogni anno si torna al Natale
Tempo di festa, regali, auguri e sorrisi. Ma il Natale non può essere tutto qui: ecco allora propizio il vangelo della domenica che lo precede (Matteo 1,18-24). Lungi dalla superficialità che ne maschera l'autentico significato, Matteo ne ripropone lo spirito autentico, con la sua carica di dramma e mistero. ? "Maria, essendo promessa sposa di Giuseppe, pri ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 18-12-2016)
La Vergine partorirà il Dio che sarà sempre con noi
Celebriamo oggi la quarta ed ultima domenica di Avvento 2016 e siamo, praticamente alla vigilia del solennità del Natale. Nel breve itinerario del cammino spirituale verso il Natale, ci ritroviamo, oggi, a fare i conti con quanto abbiamo realizzato finora o che intendiamo fare nei prossimi giorni e soprattutto dal Natale in poi. La liturgia di questa domeni ...
(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 18-12-2016)
Video Commento a Mt 1, 18 - 24
...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 18-12-2016)
Commento su Matteo 1,18-24
Nel Vangelo di quest'oggi san Matteo ci presenta come avvenne la nascita di Gesù, aiutando il lettore a capire sin da subito: chi è Gesù? Da dove viene? Come può essere "figlio di Davide", e al contempo "figlio di Dio"? Sin dalle prime righe è chiaro: l'angelo rivela a Giuseppe che Colui che è in Ma-ria è generato dallo Spirito Santo. E Giuseppe, prendendo c ...
(continua)
Carla Sprinzeles     (Omelia del 18-12-2016)
Commento su Isaia 7,10-14; Matteo 1,18-24
Il tema della liturgia di oggi è l'evento dell'inizio dell'incarnazione, che dura poi tutta la vita di Gesù fino alla Resurrezione, fino alla Pasqua. E' l'evento che continua ancora oggi nella nostra piccola storia, perché anche in noi il figlio di Dio deve crescere, grazie allo Spirito. Occorre perciò che noi lo accogliamo, altrimenti abbiamo il potere di n ...
(continua)
Diocesi di Vicenza     (Omelia del 18-12-2016)
La Parola - commento a Mt 1,18-24
Commento a cura di suor Lucia Scerra, delle Suore della Divina Volontà. ...
(continua)
padre Giuseppe De Nardi     (Omelia del 18-12-2016)
Sulla Tua Parola - Mt 5,1 12a
...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 18-12-2016)
Dio Amore con noi
Non è solo nei Vangeli che si incontra il nome di Gesù. Il libro del Siracide è attribuito infatti a un "Gesù figlio di Sirach" e Paolo in Col 4, 10 - 11 parla di un altro "Gesù" chiamato Giusto. Solo in questo brano evangelico però si menziona il significato esatto del nome "Gesù", mentre si narra della nascita ventura del Verbo di Dio nella carne: dalle pa ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 00-00-0000)
Video commento a Mt 1,18-24
...
(continua)