LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 25 Luglio 2021 <

Venerdì 23 Luglio 2021

Sabato 24 Luglio 2021

Domenica 25 Luglio 2021

Lunedì 26 Luglio 2021

Martedì 27 Luglio 2021

Mercoledì 28 Luglio 2021

Giovedì 29 Luglio 2021

Venerdì 30 Luglio 2021

Sabato 31 Luglio 2021

Domenica 1 Agosto 2021

Newsletter
Per ricevere la Liturgia del giorno inserisci la tua mail:


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:



  XVII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO B)

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: DOMENICA
Colore liturgico: Verde
BO170 ;

Tutti gli evangelisti ci riportano il racconto del miracolo della moltiplicazione dei pani. Si tratta di nutrire una grande folla di persone e di seguaci di Gesù, radunati sulla riva nord-est del lago di Tiberiade (cf. Mt 14,13-21; Mc 6,32-44; Lc 9,10b-17). Come dimostra l’atteggiamento dei partecipanti, essi interpretano questo pasto come un segno messianico. La tradizione ebraica voleva che il Messia rinnovasse i miracoli compiuti da Mosè durante la traversata del deserto. Ecco perché, secondo questa attesa messianica, si chiamava “profeta” il futuro Salvatore, cioè “l’ultimo Mosè”. Infatti, secondo il Deuteronomio, Dio aveva promesso a Mosè prima della sua morte: “Io susciterò loro un profeta in mezzo ai loro fratelli e gli porrò in bocca le mie parole ed egli dirà loro quanto io gli comanderò” (Dt 18,18). Ecco perché le persone che sono presenti durante la moltiplicazione dei pani cercano di proclamare re Gesù. Ma Gesù si rifiuta, perché la sua missione non è politica, ma religiosa.
Se la Chiesa riporta questo episodio nella celebrazione liturgica è perché essa ha la convinzione che Gesù Cristo risuscitato nutre con il suo miracolo, durante l’Eucaristia, il nuovo popolo di Dio. E che gli dà le forze per continuare la sua strada lungo la storia. Egli precede il suo popolo per mostrargli la via grazie alla sua parola. Coloro che attraversano la storia in compagnia della Chiesa raggiungeranno la meta di tutte le vie, l’eredità eterna di Dio (cf. Gv 14,1-7).

Scarica il foglietto della Messa >
Scarica le Letture del Lezionario >
Scarica il Salmo Responsoriale Cantato >
Ricevi la Liturgia via mail >
Condividi questa Liturgia su > Facebook
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Dio sta nella sua santa dimora:
a chi è solo fa abitare una casa;
dà forza e vigore al suo popolo. (Cf. Sal 67,6.7.36)


Colletta
O Dio, nostra forza e nostra speranza,
senza di te nulla esiste di valido e di santo;
effondi su di noi la tua misericordia
perché, da te sorretti e guidati,
usiamo saggiamente dei beni terreni
nella continua ricerca dei beni eterni.
Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio,
e vive e regna con te, nell'unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli.

Oppure (Anno B):
O Padre, che nella Pasqua domenicale
ci chiami a condividere il pane vivo disceso dal cielo,
aiutaci a spezzare nella carità di Cristo
anche il pane terreno,
perché sia saziata ogni fame del corpo e dello spirito.
Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio,
e vive e regna con te, nell'unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli.

>

Prima lettura

2Re 4,42-44
Ne mangeranno e ne faranno avanzare.

Dal secondo libro dei Re

In quei giorni, da Baal Salisà venne un uomo, che portò pane di primizie all’uomo di Dio: venti pani d’orzo e grano novello che aveva nella bisaccia.
Eliseo disse: «Dallo da mangiare alla gente». Ma il suo servitore disse: «Come posso mettere questo davanti a cento persone?». Egli replicò: «Dallo da mangiare alla gente. Poiché così dice il Signore: “Ne mangeranno e ne faranno avanzare”».
Lo pose davanti a quelli, che mangiarono e ne fecero avanzare, secondo la parola del Signore.

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 144

Apri la tua mano, Signore, e sazia ogni vivente.

Ti lodino, Signore, tutte le tue opere
e ti benedicano i tuoi fedeli.
Dicano la gloria del tuo regno
e parlino della tua potenza.

Gli occhi di tutti a te sono rivolti in attesa
e tu dai loro il cibo a tempo opportuno.
Tu apri la tua mano
e sazi il desiderio di ogni vivente.

Giusto è il Signore in tutte le sue vie
e buono in tutte le sue opere.
Il Signore è vicino a chiunque lo invoca,
a quanti lo invocano con sincerità.

>

Seconda lettura

Ef 4,1-6
Un solo corpo, un solo Signore, una sola fede, un solo battesimo.

Dalla lettera di san Paolo apostolo agli Efesìni

Fratelli, io, prigioniero a motivo del Signore, vi esorto: comportatevi in maniera degna della chiamata che avete ricevuto, con ogni umiltà, dolcezza e magnanimità, sopportandovi a vicenda nell’amore, avendo a cuore di conservare l’unità dello spirito per mezzo del vincolo della pace.
Un solo corpo e un solo spirito, come una sola è la speranza alla quale siete stati chiamati, quella della vostra vocazione; un solo Signore, una sola fede, un solo battesimo. Un solo Dio e Padre di tutti, che è al di sopra di tutti, opera per mezzo di tutti ed è presente in tutti.

Parola di Dio

Canto al Vangelo (Lc 7,16)
Alleluia, alleluia.
Un grande profeta è sorto tra noi,
e Dio ha visitato il suo popolo.
Alleluia.

>

Vangelo

Condividi il Vangelo su >   Facebook Ascolta il Vangelo >    

Gv 6,1-15
Distribuì a quelli che erano seduti quanto ne volevano.


+ Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, Gesù passò all’altra riva del mare di Galilea, cioè di Tiberìade, e lo seguiva una grande folla, perché vedeva i segni che compiva sugli infermi. Gesù salì sul monte e là si pose a sedere con i suoi discepoli. Era vicina la Pasqua, la festa dei Giudei.
Allora Gesù, alzàti gli occhi, vide che una grande folla veniva da lui e disse a Filippo: «Dove potremo comprare il pane perché costoro abbiano da mangiare?». Diceva così per metterlo alla prova; egli infatti sapeva quello che stava per compiere. Gli rispose Filippo: «Duecento denari di pane non sono sufficienti neppure perché ognuno possa riceverne un pezzo».
Gli disse allora uno dei suoi discepoli, Andrea, fratello di Simon Pietro: «C’è qui un ragazzo che ha cinque pani d’orzo e due pesci; ma che cos’è questo per tanta gente?». Rispose Gesù: «Fateli sedere». C’era molta erba in quel luogo. Si misero dunque a sedere ed erano circa cinquemila uomini.
Allora Gesù prese i pani e, dopo aver reso grazie, li diede a quelli che erano seduti, e lo stesso fece dei pesci, quanto ne volevano.
E quando furono saziati, disse ai suoi discepoli: «Raccogliete i pezzi avanzati, perché nulla vada perduto». Li raccolsero e riempirono dodici canestri con i pezzi dei cinque pani d’orzo, avanzati a coloro che avevano mangiato.
Allora la gente, visto il segno che egli aveva compiuto, diceva: «Questi è davvero il profeta, colui che viene nel mondo!». Ma Gesù, sapendo che venivano a prenderlo per farlo re, si ritirò di nuovo sul monte, lui da solo.

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
Gesù ha moltiplicato il cibo per compassione verso le persone che lo seguivano e che erano affamate. Preghiamo il Padre perché la nostra vita sia coerente con ciò che Gesù ci ha insegnato a vivere.
Preghiamo insieme e diciamo: Ascoltaci, o Signore.

1. Per la Chiesa e i suoi testimoni: sappiano denunciare l'ingiustizia di un sistema economico che rende i ricchi sempre più ricchi e porta all'indigenza coloro che non hanno risorse, preghiamo.
2. Per quanti hanno l'incarico di governare: si distinguano per il disinteresse e per la dedizione al loro compito di servizio alla società civile, proponendosi anche come esempio di vita, preghiamo.
3. Per i popoli tormentati dalla guerra e dalla fame: gli organismi internazionali e la sensibilità dell'opinione pubblica impediscano il proliferare della violenza e delle ingiustizie, preghiamo.
4. Per gli insegnanti e per gli educatori: perché i giovani crescano nell'apprezzare il valore della solidarietà e sappiano farsi capaci di gesti solidali verso i più poveri, preghiamo.
5. Per la nostra comunità, perché la condivisione dello stesso pane e la celebrazione dell'Eucaristia unisca tutti noi, nella condivisione dei nostri doni e carismi, preghiamo.

Signore, aiutaci a continuare con la nostra vita cristiana il miracolo che tu hai operato in favore di tutti gli uomini, affamati della tua Parola. Tu sei Dio e vivi e regni nei secoli dei secoli.

Preghiera sulle offerte
Accetta, o Signore, queste offerte
che la tua generosità ha messo nelle nostre mani,
perché il tuo Spirito, operante nei santi misteri,
santifichi la nostra vita presente
e ci guidi alla felicità senza fine.
Per Cristo nostro Signore.


Antifona alla comunione
Benedici il Signore, anima mia:
non dimenticare tutti i suoi benefici. (Sal 102,2)

Oppure:
Beati i misericordiosi: troveranno misericordia.
Beati i puri di cuore: vedranno Dio. (Mt 5,7-8)

Oppure (Anno B): Cf. Mc 6, 4ı-42
Gesù spezzò i cinque pani e li diede ai suoi discepoli
perché li distribuissero.
Tutti mangiarono e furono sazi. (Cf. Mc 6,41-42)


Preghiera dopo la comunione
O Dio, nostro Padre,
che ci hai dato la grazia di partecipare a questo divino sacramento,
memoriale perpetuo della passione del tuo Figlio,
fa' che il dono del suo ineffabile amore
giovi alla nostra salvezza.
Per Cristo nostro Signore.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

don Luca Garbinetto     (Omelia del 25-07-2021)
Preliminari del banchetto del cielo
Preparare un pasto per tante persone richiede molto lavoro e una particolare cura ai preliminari. Lo sanno bene tante ammirevoli massaie, che hanno fatto la storia della nostra cucina italiana. Lo sanno bene, oltre alle mamme, le nonne che oggi celebriamo con riconoscenza, capaci di mettere un piatto sulla mensa per una quantità incredibile di ospiti, anche ...
(continua)
don Giacomo Falco Brini     (Omelia del 25-07-2021)
Commuoversi e rischiare, se si vuole amare
Anche questa domenica il vangelo dice che Gesù alza gli occhi e vede tanta gente accorrere a Lui (Gv 6,5). Lo sguardo di Dio è sempre attento, i suoi occhi non si distolgono mai da noi. Gesù non si commuove solo perché erano come pecore che non hanno pastore (domenica scorsa). La sua compassione nasce dall'amore per la vita di ogni uomo, nella concretezza de ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 25-07-2021)
Nelle nostre mani
Quando ero in missione all'estero, nei paesi in via di sviluppo, ci avevano insegnato - ma era anche abbastanza ovvio rendersene conto di persona - che non era sufficiente evangelizzare annunciando la Parola di Dio e dispensando sacramenti a ritta e a manca per fare il maggior numero possibile di cristiani (come del resto è stato per molti secoli, nella Chie ...
(continua)
Luca Rubin     (Omelia del 25-07-2021)
Un Segno: la folla diventa persona
 Mentre qui si può leggere un pensiero scritto qualche anno fa, oggi, leggendo questa pagina di vangelo, mi ha colpito come l'evangelista Giovanni ripeta molte volte il riferimento alla folla, e allora sia la folla ad accompagnare questo stare sul vangelo.  Lo seguiva una grande folla, perché vedeva i segni che compiva sugli infermi. ...
(continua)
don Lucio D'Abbraccio     (Omelia del 25-07-2021)
Non deludiamo e non amareggiamo il Signore
Per cinque domeniche verrà letto il capitolo 6 del Vangelo di Giovanni che ha per oggetto fondamentale il pane di vita. Il capitolo inizia con il racconto della moltiplicazione dei pani e dei pesci. L'evangelista Giovanni non ci dà precise indicazioni di tempo su questa giornata straordinaria, se non che era vicina la Pasqua. Giovanni inoltre annota che è G ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 25-07-2021)
L'amore di Dio per le necessità degli uomini
Gesù vide una grande folla che veniva da Lui. Comincia col coinvolgere l'apostolo Filippo con una domanda, sia per sensibilizzarlo, sia permetterlo alla prova. "Dove potremo comprare il pane per tutta questa gente?" Quella era la folla che seguiva Gesù, perché vedeva i segni che compiva, aedeva e sperimentava la bontà del suo cuore, il suo amore, la sua preo ...
(continua)
don Marco Scandelli     (Omelia del 25-07-2021)
#2minutiDiVangelo - Domenica XVII TO - Che cosa ci sazia per davvero?
Commento al Vangelo della XVII Domenica del TO - a cura di don Marco Scandelli #2minutiDiVangelo Gv 6 1-15 ...
(continua)
don Mario Simula     (Omelia del 25-07-2021)
Il cesto che non ti aspetti
Cinque pani e due pesci sono il prezioso tesoro nascosto nel cestino di un ragazzo confuso in mezzo alla folla. E' tutta la giornata che segue Gesù. Non vuole perdere un attimo dell'incontro gioioso col Maestro. Gesù è presso il mare di Tiberiade. Una grande folla, assetata di verità, di conforto, di segni lo circonda. Sale sul monte e siede con i dodici. ...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 25-07-2021)
Che Cosa Abbiamo Nello Zaino?
Clicca qui per la vignetta della settimana. Uno dei momenti più simpatici delle gite del grest è quello del pranzo. È davvero curioso vedere quello che i genitori (in genere le mamme) hanno messo dentro gli zaini dei loro figli, anche se non è raro che siano i figli stessi a provvedere per sé o anche ad aggiungere qualcosa. Solitamente sono ben forniti ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 25-07-2021)
Video commento a Gv 6,1-15
...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 25-07-2021)

Quando «poco» è sinonimo di «tanto» Mentre il giorno volge al termine, la folla che ha visto i segni compiuti da Gesù sugli infermi, sembra non avere intenzione di tornare a casa e forse, neppure avrebbe potuto farlo, vista l'ora e la distanza del luogo in cui si trovano, dal centro abitato. È Gesù a dare voce alla "fame" della folla che gli sta davanti e ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 25-07-2021)
Il pane per le folle di oggi
...
(continua)
don Gaetano Luca (Amore)     (Omelia del 25-07-2021)

...
(continua)
don Fabio Rosini     (Omelia del 25-07-2021)
Commento al Vangelo del 25 luglio
...
(continua)
mons. Erio Castellucci diocesi di Modena-Nonantola     (Omelia del 25-07-2021)
Gesù prese i pani
...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 25-07-2021)
La generosità di una ragazzo permette a Gesù di operare il miracolo della moltiplicazione dei pani e dei pesci
Il miracolo della moltiplicazione dei pani e dei pesci, che il vangelo di questa domenica, pone alla nostra meditazione, è sicuramente quello più celebre, noto e citato del vangelo, per un duplice motivo: per l'estensione del numero delle persone ai quali arrivare questo dono Senza volere quantificare in numeri precisi, sta di fatto l'evangelista Giovanni ci ...
(continua)
don Roberto Seregni     (Omelia del 25-07-2021)
Prese il pane e rese grazie
Il racconto della moltiplicazione dei pani è l'unico miracolo di Gesù narrato da tutti gli evangelisti. Giovanni sottolinea con forza la centralità del maestro: è lui che vede il bisogno della folla, che attira l'attenzione dei discepoli e che distribuisce pane e pesci. Il maestro è attento e concreto, si accorge che la gente accampata sulle sponde del lago ...
(continua)
don Roberto Fiscer     (Omelia del 25-07-2021)
#StradeDorate - Commento su Giovanni 6,1-15
...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 25-07-2021)
Quel pane moltiplicato che chiama alla fraternità
Domenica del pane che trabocca dalle mani, dalle ceste, che sembra non finire mai. E mentre lo distribuivano, non veniva a mancare; e mentre passava di mano in mano, restava in ogni mano. C'è qui un ragazzo che ha cinque pani d'orzo e due pesci... Un pane d'orzo, il primo cereale che matura; un ragazzo, in cui matura un uomo. Quella primizia d'umanità ha ca ...
(continua)
diac. Vito Calella     (Omelia del 25-07-2021)
Le presenze del Cristo risuscitato e il nostro esodo
In ascolto del sesto capitolo del Vangelo di Giovanni In quest'anno liturgico le domeniche del tempo ordinario ci stanno proponendo l'ascolto del racconto dell'evangelo di Marco per aiutarci ad essere discepoli di Gesù Cristo nella nostra vita quotidiana. Una volta giunti al sesto capitolo, quando l'evangelista inizia la cosiddetta sezione dei pani (Mc 6,30 ...
(continua)
don Alessandro Farano     (Omelia del 25-07-2021)
Domenica - XVII del Tempo Ordinario - Anno B - Commento al Vangelo
...
(continua)
Frati Minori Cappuccini     (Omelia del 25-07-2021)
Commento su Giovanni 6,1-15
...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 25-07-2021)
La Parola, il Pane e la Vita
La volta scorsa osservavamo Gesù che rinunciava al legittimo riposo lontano dalla turba, un po' perché costretto dagli eventi, un po' perché commosso dall'insistenza della folla di persone che si erano messe sulle sue tracce, comportandosi come "pecore che non hanno pastore" e pendendo così dalle sue labbra. Gesù volentieri si intrattiene con loro per insegn ...
(continua)
don Michele Cerutti     (Omelia del 25-07-2021)
Commento su Giovanni 6,1-15
La fede dei semplici ancora una volta ci colpisce come la difficoltà dei dottori della Legge a non accettare la novità evangelica. Tutte le volte che ci costruiamo una fede fatta di prescrizioni e di leggi diventa difficile aprirci all'Amore. Non è relegato al tempo di Gesù questa situazione ancora oggi vediamo tanta difficoltà a pensare al rapporto con Dio ...
(continua)
padre Paul Devreux     (Omelia del 25-07-2021)
Parola d'ordine: solidarietà
Dopo questi fatti, Gesù passò all'altra riva del mare di Galilea, cioè di Tiberìade, e lo seguiva una grande folla, perché vedeva i segni che compiva sugli infermi. Gesù salì sul monte e là si pose a sedere con i suoi discepoli. Era vicina la Pasqua, la festa dei Giudei. Allora Gesù, alzati gli occhi, vide che una grande folla veniva da lui e disse a Filipp ...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 25-07-2021)
Il tuo poco nelle sue mani diventa molto!
...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 25-07-2021)
Commento su Giovanni 6,1-15
Inizia il capitolo VI di Giovanni che ci rivela il profondo significato del segno della moltiplicazione dei pani. «Il pane materiale diventa segno e simbolo di un altro pane: quello (colui) che discende dal cielo ad inaugurare la nuova Pasqua ed è capace di nutrire di vita eterna il mondo intero» (G. Vannucci). La gente va da Gesù, attratta da lui e dai seg ...
(continua)
Diocesi di Vicenza     (Omelia del 25-07-2021)
La Parola - Commento al Vangelo di Giovanni (Gv 6,1-15)
...
(continua)
don Alfonso Giorgio Liguori     (Omelia del 25-07-2021)
Raccogliete i pezzi avanzati
...
(continua)
don Claudio Luigi Fasulo     (Omelia del 25-07-2021)
Essere e farsi dono a Dio e agli altri
...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 25-07-2021)
Un mondo tra lussi e miseria
Il vangelo della scorsa domenica ci ha presentato un Gesù che si commuove davanti alla folla accorsa a lui, paragonata a un gregge senza pastore, cioè bisognosa di una guida morale e spirituale. Il vangelo di oggi (Giovanni 6,1-15) esprime però anche la concretezza del divino Maestro, il quale chiede all'apostolo Filippo: "Dove potremo comprare il pane perch ...
(continua)
Paolo De Martino     (Omelia del 25-07-2021)
Il miracolo della condivisione
Domenica scorsa la folla aveva sete di parole, oggi hanno fame di cibo. Questa Domenica, oltre che essere senza pastore, sono anche pecore affamate. Il Vangelo è pieno di miracoli compiuti sui corpi perché in tutta la Bibbia, l'uomo non "ha" un corpo, "è" un corpo spirituale. Il Cristianesimo è la religione del corpo. Per secoli si è diviso materia e spirit ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 25-07-2021)
Commento su 2Re 4,42-44; Sal 144; Ef 4,1-6; Gv 6,1-15
La liturgia oggi abbandona il percorso del vangelo di Marco per soffermarsi, per alcune domeniche, sul capitolo VI del vangelo di Giovanni, che tratta il così detto "tema dei pani", e in particolare oggi lo troviamo raccontato sia nella prima lettura, tratta dal libro dei Re, che nel Vangelo. Infatti nella prima lettura troviamo il profeta Eliseo che riceve ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 25-07-2021)
Commento su Giovanni 6,1-15
Eccoci all'ormai consueto appuntamento estivo con il capitolo 6 di Giovanni; si tratta della moltiplicazione dei pani e dei pesci: il racconto di questo miracolo ci offre parecchi spunti sui quali rifletteremo per quattro domeniche. Gesù raggiunge l'altra riva del lago di Tiberiade, dopo aver guarito molte persone e, anche là, si trova accerchiato dalla fol ...
(continua)
padre Fernando Armellini     (Omelia del 25-07-2021)
Videocommento su Gv 6,1-15
...
(continua)
don Gianfranco Calabrese     (Omelia del 25-07-2021)
Video commento su Giovanni 6,1-15
...
(continua)
don Nicola Salsa     (Omelia del 18-07-2021)
Date loro voi stessi da mangiare (Gv 6,1-15)
...
(continua)
don Nicola Salsa     (Omelia del 18-07-2021)
Date loro voi stessi da mangiare (Gv 6,1-15)
...
(continua)
Luca Rubin     (Omelia del 29-07-2018)
C'è qui un ragazzo
Gesù passò all'altra riva del mare di Galilea, cioè di Tiberìade, e lo seguiva una grande folla, perché vedeva i segni che compiva sugli infermi. Ogni azione ha sempre un perché, possiamo immaginarlo come una sorgente, una radice, un motore, una scintilla: in qualunque modo lo immaginiamo, il perché è all'origine di un come, di un atteggiamento, di un'azio ...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 29-07-2018)
Lezione di matematica evangelica
Clicca qui per la vignetta della settimana. Dividere per moltiplicare... è la matematica che il Maestro Gesù insegna ai suoi discepoli con questa lezione sul campo. Non siamo in un aula scolastica o di catechismo, e nemmeno in una ovattata stanza di quale palazzo dove si governa la società o la Chiesa, ma siamo nell'aula della vita. La folla segue Gesù, ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 29-07-2018)
Video commento a Gv 6,1-15
...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 29-07-2018)
Video commento a Gv 6,1-15
...
(continua)
Sulla strada - TV2000     (Omelia del 29-07-2018)
Commento su Giovanni 6,1-15
...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 29-07-2018)
Audio commento alla liturgia - Gv 6,1-15
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
don Maurizio Prandi     (Omelia del 29-07-2018)
La generosità, per guarire la piccolezza del cuore
Questa diciassettesima domenica del tempo ordinario coincide per le nostre comunità con la festa di S. Anna a Breccanecca e allargo a tutti la riflessione che sto proponendo nei giorni del triduo di preparazione. Una riflessione che parte dall'ascolto di alcune parole di padre Ermes Ronchi ma non solo; una riflessione sul cuore e sulle malattie che il cuore ...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 29-07-2018)

Da oggi, per cinque domeniche, mediteremo sul capitolo 6 del Vangelo di Giovanni, discostandoci dalla lettura continua del Vangelo secondo Marco. L'inserzione avviene proprio nel punto in cui Marco tratta la moltiplicazione dei pani (collocata in quella che gli studiosi chiamano: "sezione dei pani"); questo perché a differenza di Marco, Giovanni ne approfond ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 29-07-2018)
Gesù: la compassione, l'amore, il miracolo
Il Vangelo ci riporta il racconto del grande miracolo della moltiplicazione dei pani e dei pesci per una grande folla. Questo racconto che cosa mi dice dell'amore di Dio? Come mi fa conoscere l'amore delicato e infinito di Dio? È sempre interessante sottolineare le azioni di Gesù e i verbi con i quali il testo descrive quello che lui fa, quello che lui dice ...
(continua)
don Domenico Bruno     (Omelia del 29-07-2018)
Dio ama in modo ?pesante?!
Pesare Dio? Valutare il suo amore? Per quante cose possiamo contrapporgli, resterà incomparabile. L'incisione e il peso che Dio ha nella vita degli uomini sono di gran lunga superiori alle migliaia di opere che l'uomo può inventarsi per migliorare la propria vita. L'amore che Dio nutre per l'uomo non si può acquistare... perché già ci viene donato gratuit ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 29-07-2018)
E Dio rimase da solo
Il brano di Vangelo di domenica scorsa si era aperto con l'invito di Gesù ai discepoli a ritirarsi po' in disparte, in un luogo solitario: un po' per riposarsi dalle fatiche dell'apostolato, ma un po' anche per liberare la mente dalle manie di grandezza, dai desideri di onnipotenza, dalla fame di gloria che potevano colpire i discepoli, visti i prodigi e mir ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 29-07-2018)
La legge della generosità: il pane condiviso non finisce
C'è qui un ragazzo che ha cinque pani d'orzo e due pesci... Ma che cos'è questo per tanta gente? Quel ragazzo ha capito tutto, nessuno gli chiede nulla e lui mette tutto a disposizione: la prima soluzione davanti alla fame dei cinquemila, quella sera sul lago e sempre, è condividere. E allora: io comincio da me, metto la mia parte, per quanto poco sia. E Ges ...
(continua)
don Fabio Rosini     (Omelia del 29-07-2018)
Audio commento al Vangelo del 29 luglio
...
(continua)
diac. Vito Calella     (Omelia del 29-07-2018)
Dono sovrabbondante e gratuito per tutti
1. L'interpretazione più corrente: il poco che si ha, quando viene condiviso, giova per tutti. Tutte le volte che ascoltiamo il miracolo della moltiplicazione dei pani, raccontato sei volte nei quattro vangeli, ormai è diventato comune riconoscere che l'accumulo di beni è la radice di tante ingiustizie, a partire dalla fame nel mondo. Se tutti imparassero a ...
(continua)
don Luigi Maria Epicoco     (Omelia del 29-07-2018)
5 + 2 = infinito
...
(continua)
don Giacomo Falco Brini     (Omelia del 29-07-2018)
Ringrazia, dona, non buttar via
Gesù che alza gli occhi (Gv 6,5a). Questa espressione mi piace tanto. Gesù che sa raccogliersi e raccogliere i suoi discepoli ma che non si distrae, perché tiene gli occhi sempre aperti sull'uomo. Anche domenica scorsa lo abbiamo visto così mentre cercava un po' di riposo per i suoi e per sé. Gesù che guarda e sente la fame umana di Dio e di pane. Gesù, il D ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 29-07-2018)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di Lucia Piemontese A partire da questa domenica ascolteremo, suddiviso in brani, il capitolo sesto del Vangelo di Giovanni, dedicato al tema del Pane di vita. Oggi i primi 15 versetti, che presentano la narrazione del segno fatto da Gesù, la moltiplicazione dei pani. La scorsa domenica il Vangelo di Marco ci ha la ...
(continua)
don Mario Simula     (Omelia del 29-07-2018)
Ci pensano i piccoli
Davanti a Dio siamo più propensi a fare obiezioni che a fidarci. Forse perché le proposte di Dio contengono una dose imprevista di irresponsabilità. Il Dio del rischio e della temerarietà amorosa, non ci va molto a genio. Ci piace un Dio "garantista". Sotto questo profilo caratteriale Dio è incorreggibile. Perché è così? Lo fa apposta? E' dispettoso? Penso ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 29-07-2018)
Video commento su Gv 6,1-15
...
(continua)
don Roberto Fiscer     (Omelia del 29-07-2018)
#StradeDorate - Commento su Giovanni 6,1-15
...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 29-07-2018)
Raccogliete i pezzi avanzati
Vide che una grande folla veniva da lui Lo stesso fatto è raccontato da tutti gli evangelisti (Mt 14,13-21; 15,32-39; Mc 6,30-44; 8,1-10; Lc 9,10-17) in modo quasi simile. Giovanni di distanzia dagli altri per il luogo che non appare desertico, per il tempo: Era vicina la Pasqua, la festa dei Giudei, per la spontanea decisione del Signore [nei sinottici si ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 29-07-2018)
La fiducia in Dio moltiplica all'infinito ogni pane per la vita
La parola di Dio di questa XVII domenica del tempo ordinario, che chiude il mese di luglio, ci offre l'opportunità di riflettere su un tema molto caro alla teologia cattolica, quello dell'eucaristia. Sia la prima lettura che il Vangelo di questa domenica ci aiutano ad entrare in questo mistero della fede, che è mistero di amore e donazione, mistero di fiduci ...
(continua)
don Gianfranco Calabrese     (Omelia del 29-07-2018)
Video commento su Giovanni 6,1-15
...
(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 29-07-2018)
Video commento a Gv 6,1-15
...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 29-07-2018)
Commento su Giovanni 6,1-15
Eccoci, ancora una volta all'appuntamento con il capitolo 6 del Vangelo di Giovanni, il cosiddetto discorso eucaristico; la riflessione durerà ben sei domeniche... e questo la dice lunga sul valore di questa pagina non solo per il quarto evangelo, ma per l'intera economia della salvezza. Otto giorni fa sottolineavo il fatto che Gesù sapeva andare incontro a ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 29-07-2018)
Dio parla ancora?
Gesù era partito in barca: aveva intenzione di appartarsi per pregare, ma la gente saputolo, era partita a piedi arrivando addirittura prima della barca, cosicché quando Egli scese, vide tantissima gente venuta dalle varie città, apposta per ascoltarlo: 5000 uomini senza contare le donne e i bambini. Folla immensa per quei tempi: bastava a svuotare interi pa ...
(continua)
Diocesi di Vicenza     (Omelia del 29-07-2018)
La Parola - Commento al Vangelo di Giovanni (Gv 6,1-15)
...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 29-07-2018)
Pane, amore e Parola di Dio
Dovunque si parli di pane nella Scrittura, si tratta di un alimento indispensabile e prezioso per la vita dell'uomo e dovunque se ne parli lo si considera un dono inestimabile del Signore. Nei casi in cui Dio interviene per sfamare il singolo soggetto o l'intero popolo, egli lo fa concedendo manna, pane al mattino e carne alla sera (il caso del profeta Elia ...
(continua)
don Claudio Luigi Fasulo     (Omelia del 29-07-2018)
Audio commento al Vangelo della Diciassettesima domenica del Tempo Ordinario (Anno B - Gv 6,1-15)
...
(continua)
don Gianfranco Calabrese     (Omelia del 29-07-2018)
Video commento su Giovanni 6,1-15
...
(continua)
padre Fernando Armellini     (Omelia del 29-07-2018)
Videocommento su Gv 6,1-15
...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 29-07-2018)
Commento su 2Re 4,42-44; Sal 144; Ef 4,1-6; Gv 6,1-15
"Il tutto di uno, anche se pochissimo, sarà il molto di tantissimi". Possiamo riassumere così le letture domenicali che hanno al centro la moltiplicazione di pochi pani e pesci per sfamare centinaia di persone; prodigio che è simbolo del grande mistero dell'Eucarestia che ogni giorno sfama "spiritualmente" milioni di persone in tutto il mondo. Mi piace sot ...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 29-07-2018)
Non c'è pace senza giustizia
Si è visto domenica scorsa Gesù commuoversi davanti alla folla accorsa a lui, paragonata a un gregge senza pastore, cioè bisognosa di una guida morale e spirituale. Il vangelo di oggi (Giovanni 6,1-15) esprime però anche la sua concretezza: "Dove potremo comprare il pane perché costoro abbiano da mangiare?" La domanda da lui rivolta all'apostolo Filippo è pr ...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 08-11-2015)

Questa domenica troviamo Gesù seduto nel Tempio davanti alla sala del te-soro, dove c'erano tre cassette nelle quali i fedeli depositavano le loro offerte. Gesù osservava come gettavano le offerte. Da una parte abbiamo gli scribi, i maestri della Scrittura, che amano passeggiare in lunghe vesti, essere sa-lutati nelle piazze, avere primi posti.. amano cioè e ...
(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 26-07-2015)
Commento su Ef 4,1-6
Collocazione del brano Incomincia con questa domenica la seconda parte della lettera agli Efesini, quella dedicata alla parenesi, cioè all'esortazione. Paolo, in catene, dopo aver scritto della centralità del sacrificio di Cristo e della sua efficacia a riunire tutti i popoli in una sola Chiesa, si rivolge ai suoi destinatari ricordando loro di dare una te ...
(continua)
mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 26-07-2015)
Dove possiamo trovare il pane per questa grande folla?
Ci hanno predicato per anni, politicamente, di ?produrre e consumare', ed ora paghiamo il prezzo di questa follia. Eravamo abituati a vivere nell'abbondanza, al punto da svenderci alla follia del consumismo, che invitava a comprare anche il non necessario. A volte abbiamo riempito la casa di tante cose, che ora sono lì, servono a nulla, se non a prendere pol ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 26-07-2015)
Era vicina la Pasqua dei giudei
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 26-07-2015)
Video commento a Gv 6,1-15
...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 26-07-2015)
Moltiplicazione: vivere "per"
Clicca qui per la vignetta della settimana. Qualche giorno fa ho letto un articolo, postato su un sito internet che raccoglie riflessioni e devozioni cristiane, che raccomandava una specie di "galateo" per chi partecipa alla messa domenicale. L'articolo iniziava proprio così: "E' DOMENICA, giorno da passare con un po' di tempo dedicato al Signore, attrav ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 26-07-2015)
La fame dell'uomo, la compassione di Dio, la condivisione nostra
Viviamo nella messa un rapporto profondo con il Signore e con i fratelli. La liturgia ci offre da oggi in avanti, per varie domeniche, la lettura del cap. 6 di Giovanni, che potremmo chiamare "il grande discorso Eucaristico di Gesù". Avremo modo, volta per volta, di approfondire i vari aspetti del mistero e del dono d'amore di Gesù presente nell'Eucarestia. ...
(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 26-07-2015)
Distribuì a quelli che erano seduti quanto ne volevano
Il racconto della moltiplicazione dei pani e dei pesci e? denso di reminiscenze dell'Antico Testamento e di riferimenti simbolici. Uno dei piu? significativi e? posto proprio all'inizio di questa pagina evangelica, quando offrendo un dettaglio apparentemente solo temporale, l'evangelista osserva che era vicina la Pasqua, la festa dei Giudei. In realta? quest ...
(continua)
don Luca Garbinetto     (Omelia del 26-07-2015)
Il mondo ha fame
Siamo in piena estate, le notizie dei telegiornali non disdegnano le tradizionali carellate di gossip delle vacanze dei vip. A Milano continua la maratona dell'EXPO, dove il tema del cibo è messo bene in mostra, con sfilate di potenti e scambi affascinanti di culture non solo culinarie. E intanto, le tragedie degli ultimi del mondo non terminano, anzi sem ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 26-07-2015)
Eucaristia gratis! Per tutti!
La lettura continuata del Vangelo di Marco che ci accompagna in questo anno liturgico B ci offre una tregua che durerà circa un mese, durante il quale leggeremo ciò che cronologicamente - seguendo i capitoli del Vangelo di Marco - ci avrebbe giustamente atteso, ossia il racconto della moltiplicazione dei pani e dei pesci, conseguenza del sentimento di compas ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 26-07-2015)
Non dire a Dio: "Ho un grande problema". Dì al problema: "Ho un grande Dio"
Che ridere: le proviamo tutte per essere felici. Adocchiamo nella pubblicità la beatitudine per aver cucinato i tortellini con il dado e sondiamo pure noi. Ma a casa nostra, con tre dadi, mamma, papà e figlio s'ingegnano furiose litigate. In tv all'alba si danza per le fette biscottate a colazione. Ma a casa nostra, anche con le stesse fette biscottate, tutt ...
(continua)
don Michele Cerutti     (Omelia del 26-07-2015)

Gesù è inseguito dalle folle. Queste cercano i grandi segni e gesti. Vedono in Lui un taumaturgo, un grande guaritore. Una fede troppo superficiale dettata anche da giuste esigenze: c'è bisogno di guarire da malattie, infermità. Il Signore però non è taumaturgo e i suoi miracoli vogliono richiamare qualcosa in più. E' così anche nel miracolo di oggi. Gesù co ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 26-07-2015)
Testimoni di una carità concreta ed operativa
La prima lettura della parola di Dio di questa XVII domenica del tempo ordinario, come pure il vangelo di oggi, tratto da San Giovanni Evangelista ci parlano della moltiplicazione dei pani. Possiamo dire si fa riferimento in questi due testi a due speciali interventi di Dio e di Gesù, Figlio di Dio per venire incontro alle necessità materiali ed alimentari d ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 26-07-2015)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di Rocco Pezzimenti 1. Di fronte a questo straordinario brano evangelico della moltiplicazione dei pani e dei pesci, si corre il rischio di dimenticare che esso si apre e si chiude con Gesù che cerca di sfuggire alla folla che, in qualche modo, pretende persino di farlo re. Il Signore fa un prodigio mai visto e non ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 26-07-2015)
Quel lievito di un pane che non finisce
La moltiplicazione dei pani è qualcosa di così importante da essere l'unico miracolo presente in tutti e quattro i Vangeli. Più che un miracolo è un segno, fessura di mistero, segnale decisivo per capire Gesù: Lui ha pane per tutti, lui fa' vivere! Lo fa' offrendo ciò che nutre le profondità della vita, alimentando la vita con gesti e parole che guariscono d ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 26-07-2015)
Servo degli uomini
Allora Gesù, alzàti gli occhi, vide che una grande folla Rispetto ai racconti paralleli dei vangeli sinottici (Mt 14,13-21; 15,32-39; Mc 6,30-44; 8,1-10; Lc 9,10-17) Il Vangelo secondo Giovanni ha differenze e particolarità a cui dobbiamo prestare particolare attenzione. Questo racconto, infatti, fa da introduzione al lungo discorso sul Pane della vita, che ...
(continua)
don Lello Ponticelli     (Omelia del 26-07-2015)
Prediche senza Pulpito - Commento al Vangelo
...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 26-07-2015)
Il miracolo della condivisione
Confesso un certo disappunto liturgico, se devo essere sincero. Speravo, dopo l'ultimo, impegnativo, vangelo di domenica scorsa, di commentare oggi il proseguimento di quel racconto. Si sarebbe comunque parlato di moltiplicazione dei pani e dei pesci ma Marco, questo il disappunto, avrebbe aggiunto qualche dettaglio inquietante che, di solito non si comment ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 26-07-2015)
Video commento a Gv 6,1-15
...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 26-07-2015)
Una tappa intermedia e il traguardo finale
Comincia oggi, protraendosi per alcune domeniche, la lettura del vangelo di Giovanni al capitolo 6. Circa cinquemila uomini seguono Gesù, instancabili e speranzosi, avendo visto quello che egli sa fare. Viene il momento in cui tutta quella gente deve pur mangiare; si trovano sulla riva del lago di Galilea, in un luogo isolato, e mentre Gesù pensa a dove trov ...
(continua)
don Gianfranco Calabrese     (Omelia del 26-07-2015)
Video commento su Giovanni 6,1-15
...
(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 26-07-2015)

...
(continua)
Carla Sprinzeles     (Omelia del 26-07-2015)
Commento su 2Re 4,42-44; Gv 6,1-15
Questa domenica la liturgia ci propone di mettere al centro la persona di Gesù, il suo insegnamento. Lo stile di vita che Gesù è venuto a proporci era sconvolgente ai suoi tempi, ma non è passato nella nostra vita, ancora oggi. Chiede di amare tutti, di perdonare sempre, di giungere persino ad amare i nemici, chiede di portare il male degli altri. C'è ogg ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 26-07-2015)
Commento su Giovanni 6,1-15
"Ma Gesù, sapendo che venivano a prenderlo per farlo re, si ritirò di nuovo sul monte, lui da solo.". Il miracolo compiuto da Gesù insinua nella gente la convinzione che un re, capace di sfamare intere folle con uno schiocco di dita e voilà, era un'occasione da non perdere per niente al mondo. Ma Gesù rifiuta di essere strumentalizzato dagli uomini... La ...
(continua)
Diocesi di Vicenza     (Omelia del 26-07-2015)
La Parola - commento a Gv 6, 1-15
Commento di don Andrea Dani, responsabile Comunità del Mandorlo, Seminario Vescovile di Vicenza. ...
(continua)
padre Giuseppe De Nardi     (Omelia del 26-07-2015)
Sulla Tua Parola - Gv 6,1-15
...
(continua)
don Marco Pratesi     (Omelia del 26-07-2015)
Ruminare i Salmi - Salmo 145,15 (XVII domenica del tempo ordinario, anno B)
Ruminare i Salmi - Salmo 145 (Vulgata / liturgia 144),15 - (XVII domenica del tempo ordinario, anno B) CEI Gli occhi di tutti a te sono rivolti in attesa e tu dai loro il cibo a tempo opportuno. TILC Gli occhi di tutti sono fissi su di te e tu doni il cibo a tempo opportuno. Efesini 4,4-6 Un solo corpo e un solo spirito, come una sola è la speranza ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 26-07-2015)
Pane e Parola
Di pane si parla tanto nella Bibbia e con significati diversi secondo le circostanze. Dove esso indica il lavoro, il sudore e la fatica, dove l'angoscia (il pane di lacrime), dove la gioia. Il prezioso alimento viene messo in relazione con il lievito, anche per indicare consuetudini e usanze palestinesi e soprattutto per ricordare la notte della fuga del po ...
(continua)
don Roberto Fiscer     (Omelia del 26-07-2015)
#StradeDorate - Commento su Giovanni 6,1-15
...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 26-07-2015)
Commento su 2Re 4,42-44; Sal 144; Ef 4,1-6; Gv 6,1-15
Con la domenica odierna la liturgia lascia il Vangelo di Marco e fa uso del Vangelo di Giovanni.! Argomento della liturgia odierna è come vincere la fame. Questa tesi è l'oggetto, in maniera diretta o indiretta, di tutte tre le lettura di questa celebrazione eucaristica. Come i profeti caratterizzavano i tempi messianici all'abbondanza, così Gesù paragona la ...
(continua)