LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 24 Gennaio 2021 <

Venerdì 22 Gennaio 2021

Sabato 23 Gennaio 2021

Domenica 24 Gennaio 2021

Lunedì 25 Gennaio 2021

Martedì 26 Gennaio 2021

Mercoledì 27 Gennaio 2021

Giovedì 28 Gennaio 2021

Venerdì 29 Gennaio 2021

Sabato 30 Gennaio 2021

Domenica 31 Gennaio 2021

Newsletter
Per ricevere la Liturgia del giorno inserisci la tua mail:


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:



  III DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO o della Parola di Dio (ANNO B)

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: DOMENICA
Colore liturgico: Verde
Scheda Agiografica: III DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO o della Parola di Dio (ANNO B)
BO030 ;

Con la Lettera apostolica in forma di Motu proprio “Aperuit illis”, Papa Francesco ha stabilito che “la III Domenica del Tempo ordinario sia dedicata alla celebrazione, riflessione e divulgazione della Parola di Dio”.
Nel Vangelo di Marco è la prima predica di Gesù.
È brevissima, ma offre una sintesi felicissima dei temi fondamentali di tutta la sua predicazione: il compimento del tempo, il regno di Dio, la conversione, la fede al vangelo. Poi vi è la chiamata dei primi discepoli: è il paradigma concreto di ogni sequela.
Ci sono due indicativi teologici che sono la ragione dei due successivi imperativi antropologici: è suonata l’ora messianica, l’attesa è finita poiché il regno di Dio si è fatto vicino, è ormai presente nella storia, perciò non è più possibile rimandare la decisione, occorre convertirsi, cambiare cioè la testa e la direzione del cammino passando a credere al vangelo.
Conversione e fede non sono due azioni che si succedono, ma due momenti del medesimo movimento: quello negativo del distacco, quello positivo di fondare la vita sul vangelo, cioè credere, mettendosi a seguire Gesù, appunto come Simone e Andrea, Giacomo e Giovanni.
Vangelo è il termine greco che significa lieta notizia nuova, e una bella notizia evidentemente porta gioia. Il regno di Dio è l’espressione riassuntiva di tutta la gioia. Gesù è questo regno arrivato: la gioia è qui a portata di mano. Chi decide di seguire Gesù è sicuro di arrivarci anche lui.

Scarica il foglietto della Messa >
Scarica le Letture del Lezionario >
Scarica il Salmo Responsoriale Cantato >
Ricevi la Liturgia via mail >
Leggi la sua scheda su Santiebeati.it >
Condividi questa Liturgia su > Facebook
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Cantate al Signore un canto nuovo,
cantate al Signore, uomini di tutta la terra.
Maestà e onore sono davanti a lui,
forza e splendore nel suo santuario. (Sal 95,1.6)


Colletta
Dio onnipotente ed eterno,
guida le nostre azioni secondo la tua volontà,
perché nel nome del tuo diletto Figlio
portiamo frutti generosi di opere buone.
Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio,
e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli.

Oppure (Anno B):
O Padre, che nel tuo Figlio venuto in mezzo a noi
hai dato compimento alle promesse dell'antica alleanza,
donaci la grazia di una continua conversione,
per accogliere, in un mondo che passa,
il Vangelo della vita che non tramonta.
Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio,
e vive e regna con te, nell'unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli.

>

Prima lettura

Gio 3,1-5.10
I Niniviti si convertirono dalla loro condotta malvagia.

Dal libro del profeta Giona

Fu rivolta a Giona questa parola del Signore: «Àlzati, va’ a Nìnive, la grande città, e annuncia loro quanto ti dico». Giona si alzò e andò a Nìnive secondo la parola del Signore.
Nìnive era una città molto grande, larga tre giornate di cammino. Giona cominciò a percorrere la città per un giorno di cammino e predicava: «Ancora quaranta giorni e Nìnive sarà distrutta».
I cittadini di Nìnive credettero a Dio e bandirono un digiuno, vestirono il sacco, grandi e piccoli.
Dio vide le loro opere, che cioè si erano convertiti dalla loro condotta malvagia, e Dio si ravvide riguardo al male che aveva minacciato di fare loro e non lo fece.

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 24

Fammi conoscere, Signore, le tue vie.

Fammi conoscere, Signore, le tue vie,
insegnami i tuoi sentieri.
Guidami nella tua fedeltà e istruiscimi,
perché sei tu il Dio della mia salvezza.

Ricòrdati, Signore, della tua misericordia
e del tuo amore, che è da sempre.
Ricòrdati di me nella tua misericordia,
per la tua bontà, Signore.

Buono e retto è il Signore,
indica ai peccatori la via giusta;
guida i poveri secondo giustizia,
insegna ai poveri la sua via.

>

Seconda lettura

1Cor 7,29-31
Passa la figura di questo mondo.

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi

Questo vi dico, fratelli: il tempo si è fatto breve; d’ora innanzi, quelli che hanno moglie, vivano come se non l’avessero; quelli che piangono, come se non piangessero; quelli che gioiscono, come se non gioissero; quelli che comprano, come se non possedessero; quelli che usano i beni del mondo, come se non li usassero pienamente: passa infatti la figura di questo mondo!

Parola di Dio

Canto al Vangelo (Mc 1, 15)
Alleluia, alleluia.
Il regno di Dio è vicino;
convertitevi e credete nel Vangelo.
Alleluia.

>

Vangelo

Condividi il Vangelo su >   Facebook Ascolta il Vangelo >    

Mc 1,14-20
Convertitevi e credete al Vangelo.


+ Dal Vangelo secondo Marco

Dopo che Giovanni fu arrestato, Gesù andò nella Galilea, proclamando il vangelo di Dio, e diceva: «Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; convertitevi e credete nel Vangelo».
Passando lungo il mare di Galilea, vide Simone e Andrea, fratello di Simone, mentre gettavano le reti in mare; erano infatti pescatori. Gesù disse loro: «Venite dietro a me, vi farò diventare pescatori di uomini». E subito lasciarono le reti e lo seguirono.
Andando un poco oltre, vide Giacomo, figlio di Zebedèo, e Giovanni suo fratello, mentre anch’essi nella barca riparavano le reti. E subito li chiamò. Ed essi lasciarono il loro padre Zebedèo nella barca con i garzoni e andarono dietro a lui.

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
Fratelli e sorelle, il Signore è luce e salvezza per la nostra vita. Per l'intercessione di san Paolo, rivolgiamogli in comunione di fede le nostre suppliche.
Lo invochiamo dicendo: Padre, converti i nostri cuori!

1. Perché possiamo accogliere con docilità la Parola di Cristo tuo Figlio.
2. Perché nel mondo trionfi il bene sul male.
3. Perché gli uomini accolgano il messaggio di pace del Vangelo.
4. Perché le Chiese cristiane sappiano superare le divisioni ancora presenti.
5. Perché nelle famiglie si superino le fratture, attraverso una disponibilità al perdono reciproco.
6. Perché tutti i cristiani rispondano con docilità e prontezza alla propria vocazione.

O Dio, Padre di ogni uomo, giuda i nostri passi con la luce della tua Parola, e fa' che, uniti nel vincolo del tuo amore, accogliamo il tuo invito alla conversione e alla concordia. Per Cristo nostro Signore.

Preghiera sulle offerte
Accogli i nostri doni, Padre misericordioso,
e consacrali con la potenza del tuo Spirito,
perché diventino per noi sacramento di salvezza.
Per Cristo nostro Signore.


Antifona alla comunione
Guardate al Signore e sarete raggianti,
non dovranno arrossire i vostri volti. (Sal 33,6)

Oppure:
"Io sono la luce del mondo", dice il Signore;
"chi segue me, non camminerà nelle tenebre,
ma avrà la luce della vita". (Gv 8,12)

Oppure:
Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino;
convertitevi e credete nel Vangelo. (Mc 1,15)


Preghiera dopo la comunione
O Dio, che in questi santi misteri
ci hai nutriti col corpo e sangue del tuo Figlio,
fa' che ci rallegriamo sempre del tuo dono,
sorgente inesauribile di vita nuova.
Per Cristo nostro Signore.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

don Luca Garbinetto     (Omelia del 24-01-2021)
La Parola attesa
Chissà che cosa avranno provato, i fratelli pescatori di Galilea, a sentirsi invitare da Gesù alla sua sequela, mentre affannati cercavano di cogliere le ultime prede del mattino o piuttosto riassettavano le reti dopo una notte di fatiche e delusioni. Chissà che cosa si aspettavano da questo Rabbi venuto da Nazareth, dopo averlo probabilmente già incontrato ...
(continua)
don Lucio D'Abbraccio     (Omelia del 24-01-2021)
Come viviamo la chiamata di Dio?
Nella prima lettura abbiamo ascoltato il racconto di Giona che viene inviato da Dio a Ninive e, agli abitanti di questa città, egli contesta la loro corruzione. Avere il coraggio di dire la verità è scomodo. Quanti nemici si fanno quando diciamo la verità! Oggi le persone vogliono sentire ciò che a loro fa piacere! Però, dire la verità, è un gesto di carità. ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 24-01-2021)
Video commento a Mc 1,14-20
...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 24-01-2021)
Colpi Di Fulmine
Clicca qui per la vignetta della settimana. Esistono i colpi di fulmine? Dal punto di vista meteorologico ovviamente si, e sono questi fenomeni atmosferici imprevedibili nel quando e nel dove cadono, a dare il nome simbolico a quegli incontri imprevedibili che fanno nascere un amore e legami forti e duraturi tra persone. Qualcuno dice che in fondo i colpi ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 24-01-2021)
Video commento a Mc 1,14-20
...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 24-01-2021)
Commento su Marco 1,14-20
In questa terza Domenica del tempo ordinario il Vangelo di Marco ci presenta la prima predica di Gesù, il suo primo annuncio del Vangelo, uno dei momenti più attesi e decisivi della vita di Cristo. Tuttavia, l'intero annuncio del Vangelo sembra essere contenuto in sole due parole: "Convertitevi e credete". Nella sua prima predica ci saremmo aspettati un lun ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 24-01-2021)
Convertiamoci!
Domenica scorsa, tutto era iniziato con uno "sguardo", uno sguardo tenuto fisso da Dio su di noi e, per tutta risposta, un nostro sguardo fisso su Dio. Così è iniziata la storia del profeta Samuele; così è iniziata la storia pubblica di Gesù di Nazareth, il suo camminare in mezzo a noi. Una volta "scoccata la scintilla", gli sguardi non bastano più: e allora ...
(continua)
don Domenico Bruno     (Omelia del 24-01-2021)
Noi siamo i pescatori, Gesù è l'amore
Anche oggi ascoltiamo il vangelo di Marco, detto "il vangelo del discepolo" perché conduce i discepoli a una graduale rivelazione di Gesù. In effetti, Gesù oggi dice «Venite dietro a me, vi farò diventare pescatori di uomini» (Mc 1,14-20). Diventare pescatori significa aiutare le persone a radunarsi, come la rete che prende i pesci e quando viene tirata su ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 24-01-2021)
Convertirsi alla buona notizia dell'amore di Dio
Terza domenica del tempo ordinario, domenica della Parola, della parola di Dio. Papa Francesco ha detto varie volte: "Se mi volete bene, leggete la Bibbia". La Bibbia è quella parola che il Signore dice al suo popolo e a ciascuno, per far sentire il suo amore unico e infinito, per sorreggere il cammino della vita di ciascuno e dei popoli, per indicare la str ...
(continua)
don Alessandro Farano     (Omelia del 24-01-2021)
Lectio Divina - III Domenica del Tempo Ordinario - Anno B
...
(continua)
don Marco Scandelli     (Omelia del 24-01-2021)
#2minutiDiVangelo Domenica 24: La conversione è innamorarsi di Dio, non sapere a memoria la Bibbia!
Commento al Vangelo del Domenica della Terza Settimana del Tempo Ordinario - Anno Pari - a cura di don Marco Scandelli - Domenica della Parola #2minutiDiVangelo ---- Mc 1 14-20 Il compimento del tempo indica che con la venuta di Gesù finalmente possiamo essere liberati da ciò che ci rende schiavi. Il tempo di Gesù è il tempo della misericordia, d ...
(continua)
don Mario Simula     (Omelia del 24-01-2021)
E' tempo di risposte
Quando Dio ci convoca per la sua missione, le nostre risposte possono essere molteplici. Si può rispondere aderendo con entusiasmo alla chiamata, anche se comporta una rinuncia radicale. Ci può essere una risposta "forzata" come quella di Giona, ribelle e fuggiasco dai percorsi verso Ninive perché non ama e non vuole che gli abitanti di quella città si con ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 24-01-2021)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura delle Clarisse di Città della Pieve Dopo che Giovanni fu arrestato: inizia con questo richiamo a Giovanni Battista l'odierno Vangelo; una sottolineatura non casuale: infatti sappiamo che nessuna parola o espressione della Bibbia è insignificante o scritta a caso. Con l'arresto del Battista si inaugura secondo l'Eva ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 24-01-2021)

Cari bambini e ragazzi, ben trovati. Siamo nel pieno anno scolastico e questo significa che, nonostante le difficoltà da pandemia, abbiamo tante attività che ci mantengono costantemente impegnati. Bene! È proprio così che ci vuole Dio, però le occupazioni devono essere quelle buone... Tutt'e tre le letture chiamano all'attenzione: stanno per arrivare giorn ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 24-01-2021)
La conversione e la bellezza del Vangelo
...
(continua)
don Fabio Rosini     (Omelia del 24-01-2021)
Commento al Vangelo del 24 gennaio
...
(continua)
mons. Erio Castellucci diocesi di Modena-Nonantola     (Omelia del 24-01-2021)
Venite dietro a me: vi farò diventare pescatori di uomini
...
(continua)
Bella prof! - don Gianmario Pagano     (Omelia del 24-01-2021)
Un'esperienza che cambia la vita
...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 24-01-2021)
Convertirsi alla bellezza
...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 24-01-2021)
Commento su Marco 1,14-20
Gesù inizia la sua missione pubblica proclamando il Vangelo di Dio, "la buona notizia" della venuta del regno di Dio. Gesù offre, nella fede in Lui, la meravigliosa possibilità di essere "innestati in Dio", affinché Dio regni nell'anima. Si tratta di essere resi partecipi del Suo Spirito, cosicché agisca in noi, liberandoci progressivamente dal nostro egoism ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 24-01-2021)
Conversione e chiamata per potenziare il Regno di Dio
La terza domenica del tempo ordinario ci offre l'opportunità di riflettere sui temi della conversione e della chiamata, strettamente legati tra loro. Tutta la liturgia della parola è appunto incentrata su questi argomenti, che rappresenta la parte dominante dell'annuncio messianico e della prima comunità cristiana. Il tempo è compiuto e proprio perché non ...
(continua)
Michele Antonio Corona     (Omelia del 24-01-2021)
La salvezza non si acquista mai: è dono del Maestro che chiama e ama
Venite gente, accorrete numerosi! Forse è annuncio dimenticato, poiché i mercatini non si fanno più e nelle nostre città lo stile del mercato si è perso. Ricordo bene la prima volta che entrai in un mercato del pesce e mi sentii sopraffatto dalle urla invitanti/esagerate dei venditori. Cercavano di convincermi che il loro banco offrisse la merce migliore, il ...
(continua)
don Gaetano Luca (Amore)     (Omelia del 24-01-2021)

...
(continua)
diac. Vito Calella     (Omelia del 24-01-2021)
Le tre ?S-C? della conversione credendo nel Vangelo.
La pandemia ci pone di fronte allo scorrere inesorabile del cronometro della nostra fugace esistenza, segnata dal limite certo e inaspettato della morte. Ciascuno di noi sente la sfida di scegliere bene giorno dopo giorno la direzione da dare alla sua unica e irripetibile vita, che oltre alla morte come orizzonte, deve fare i conti anche con la fragilità del ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 24-01-2021)
Chi lo segue sa che Dio dona tutto, riempie le reti
«Passando lungo il mare di Galilea» (il paesaggio d'acque del lago è l'ambiente naturale preferito da Gesù) «vide Simone e Andrea che gettavano le reti in mare». Pescatori che svolgono la loro attività quotidiana, ed è lì che il Maestro li incontra. Dio si incarna nella vita, al tempio preferisce il tempo, allo straordinario il piccolo. Come in tutta la Bibb ...
(continua)
don Roberto Seregni     (Omelia del 24-01-2021)
Venite dietro a me
Fin dalle prime righe del suo Vangelo, Marco vuole chiarire una cosa importantissima: Gesù non propone una nuova religione, ma annuncia un evento: il regno di Dio si è fatto vicino. Dio si è fatto vicino. È a portata di mano. Questo è il Vangelo, la buona notizia di un Dio che si butta nella mischia, che ci cerca e non molla la presa. La conversione annuncia ...
(continua)
Frati Minori Cappuccini     (Omelia del 24-01-2021)

...
(continua)
Diocesi di Vicenza     (Omelia del 24-01-2021)
La Parola - Commento al Vangelo di Marco (Mc 1,14-20)
...
(continua)
don Alfonso Giorgio Liguori     (Omelia del 24-01-2021)
Vi farò diventare pescatori di uomini
...
(continua)
don Roberto Fiscer     (Omelia del 24-01-2021)
#StradeDorate - Commento su Marco 1,14-20
...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 24-01-2021)
Nella Settimana per l'Unità
Oggi, mentre nel vangelo (Marco 1,14-20) si torna a parlare della chiamata degli apostoli, anche un altro argomento appare rilevante: siamo in piena Settimana di preghiera per l'unità dei cristiani, che impegna ogni anno i cristiani di tutte le confessioni (cattolici, ortodossi, protestanti delle varie denominazioni) a pregare perché si realizzi la loro pien ...
(continua)
don Michele Cerutti     (Omelia del 24-01-2021)

Quando le tenebre del mondo si diramano e tutto sembra non aver più senso, quando l'oscurità della notte sembra non finire mai, quando il male sembra essere la protagonista unica della Storia è proprio in quel momento che Dio irrompe nella scena del mondo e interrompe quel silenzio che disorienta l'uomo. Erode cerca in tutti i modi di zittire la verità e fa ...
(continua)
padre Paul Devreux     (Omelia del 24-01-2021)
Commento su Marco 1,14-20
Dopo che Giovanni fu arrestato, Gesù andò nella Galilea" Quando Giovanni Battista viene arrestato, la gente è sgomenta. Gesù avrebbe potuto riprendere in mano il suo ministero per colmare il vuoto che si era creato. Di fatto la sua prima attività, secondo il Vangelo di Giovanni, fu quella di invitare i suoi primi discepoli a battezzare, rendendoli subito pr ...
(continua)
Paolo De Martino     (Omelia del 24-01-2021)
Oggi, è il tempo di Dio!
Il clima non è proprio dei migliori. Giovanni Battista è stato arrestato e il buon senso avrebbe suggerito a Gesù di aspettare ancora un po' per iniziare a predicare. Aveva aspettato 30 anni, cosa gli costava? Ma lui, come sempre, ci lascia senza parole e decide di partire andando in Galilea, proclamando la buona notizia. E qual è la buona notizia di Dio? Di ...
(continua)
don Claudio Luigi Fasulo     (Omelia del 24-01-2021)
Prendersi cura gli uni degli altri è il cuore di ogni vocazione (Terza domenica Tempo Ordinario)
...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 24-01-2021)
L'incontro e l'incentivo alla missione
Incontrare il Signore è l'esperienza fondamentale che trasforma la nostra vita; realizzare l'intimità con Dio in Gesù Cristo, familiarizzare con lui e vivere il rapporto di esperienza continua vitale nell'ascolto, nell'attenzione e nel dialogo sostenuto e convinto è alla base di qualsiasi corrispondenza vocazionale e in un certo qual modo, come abbiamo visto ...
(continua)
don Nicola Salsa     (Omelia del 24-01-2021)
Venite dietro a me, sarete pescatori di uomini (Mc 1,14-20)
...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 24-01-2021)
Commento su Marco 1,14-20
Conoscete la storia di Giona? Questo profeta minore visse intorno all'VIII sec. a.C. e venne chiamato da Dio per predicare la conversione agli abitanti di Ninive, una grande città presentata dall'autore ispirato come la capitale corrotta e peccatrice dell'Assiria. C'è un solo problema: in quel tempo Ninive non era la capitale del'Assiria e non esisteva alcu ...
(continua)
padre Fernando Armellini     (Omelia del 24-01-2021)
Videocommento su Mc 1,14-20
...
(continua)
don Fabio Rosini     (Omelia del 21-01-2018)
Audio commento alla liturgia del 21 gennaio 2018
...
(continua)
don Claudio Luigi Fasulo     (Omelia del 21-01-2018)
Audio commento al Vangelo - Mc 1,14-20
...
(continua)
don Alessandro Farano     (Omelia del 21-01-2018)
Video commento - terza domenica ordinario B
...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 21-01-2018)
Le barche troppo piccole
Clicca qui per la vignetta della settimana. Le rive del Lago di Tiberiade (chiamato dall'evangelista Marco "mare di Galilea") hanno ancora oggi i segni della presenza dei pescatori del primo secolo, tempo in sui si svolgono i fatti narrati nel Vangelo. Si possono vedere queste pietre, una volta appena affioranti dall'acqua ma oggi lontane dalla riva, con ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 21-01-2018)
Video commento a Mc 1,14-20
...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 21-01-2018)
Video commento a Mc 1,14-20
...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 21-01-2018)
Cristo pulisce la Sfinge con spazzolini da denti
Gettò per un'ultima volta lo sguardo al portone di casa e indirizzò a quel suo piccolo mondo l'ultimo saluto: «Prese un mantello, allacciò i suoi sandali, e disse a sua madre una parola d'addio che non sarà mai conosciuta» (F. Mauriac). La sua ora era scoccata, l'ora per la quale era venuto al mondo, s'era fatto-grande, aveva investito trent'anni di silenzi, ...
(continua)
Sulla strada - TV2000     (Omelia del 21-01-2018)
Commento su Marco 1,14-20
...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 21-01-2018)
Audio commento alla liturgia - Mc 1,14-20
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 21-01-2018)
Commento su Marco 1,14-20
Gesù inizia il suo ministero, proclamando: il tempo è compiuto, il regno di Dio è vicino: convertitevi e credete al Vangelo! Cioè: è finito il tempo dell'attesa, della schiavitù, Dio è entrato nella storia facendosi uomo! Gesù mostra l'irruzione di questo regno guarendo, liberando, sanando, abbattendo muri e divisioni. È arrivata la liberazione dal peccato ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 21-01-2018)
Passa la figura di questo mondo!
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
don Luca Garbinetto     (Omelia del 21-01-2018)
Una vita in stato di conversione
Un evento tragico segna l'inizio del ministero pubblico di Gesù: l'arresto di Giovanni il Battista. Le difficoltà sono spesso motivo di dubbio, di incertezza. Per Gesù, invece, la persecuzione subita dal cugino e amico diviene segno evidente che ?è giunta l'ora'. La sofferenza svela il tempo che si compie. Per questo, Gesù comincia quando tutti avrebbero pot ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 21-01-2018)
È ora di cambiare!
È dura, cambiare la nostra mentalità... Siamo persone che in genere, una volta trovato il proprio assetto, non hanno molta predisposizione a cambiare, e diveniamo abitudinari: per quasi tutta la nostra esistenza, gli stessi ritmi, lo stesso modo di vestire, lo stesso modo di parlare, le stesse compagnie, le stesse letture, gli stessi gusti alimentari, lo ste ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 21-01-2018)
Commento su Sal 24,4
«Fammi conoscere, Signore, le tue vie, insegnami i tuoi sentieri.» Ps 24,4 Come vivere questa Parola? La vocazione di ciascuno di noi è un intreccio tra storia, responsabilità, promessa, dono, volontà di Dio e volontà nostra. Nulla capita a caso. Nulla è definito a priori. Tutto diviene, si incarna e si trasforma. Diviene: ogni vocazione è una storia che ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 21-01-2018)
Il tempo è compiuto
Nella Galilea Gesù andò nella Galilea, da lì inizia la sua predicazione, in una terra di confine, incrocio di popoli, alla periferia di Israele lontano dai poteri religiosi, ai margini dell'impero in cui Roma esercitava il dominio economico, politico e militare. Nella insignificanza di una periferia umana, come in ogni periferia Dio si manifesta nella stori ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 21-01-2018)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di don Massimo Cautero L'AMORE CHE CONVERTE E MUOVE ALLA SEQUELA Le parole importanti che emergono dal Vangelo di questa domenica sono: Tempo; compiuto; credete; convertitevi; lasciarono; seguirono. Sono tutte parole importanti, specie se consideriamo che la pericope di Marco ci racconta l'inizio assoluto della p ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 21-01-2018)

"Venite dietro a me" Appena letto il Vangelo di oggi mi è ritornato subito in mente che, proprio grazie a questo brano, ho iniziato il mio cammino di conversione e di ascolto della Parola di Dio, ed ho assaporato tutta la bellezza e la gioia che suscita questo cammino, nonostante la presenza di momenti faticosi e difficili che la vita ci presenta. Proprio ...
(continua)
don Giacomo Falco Brini     (Omelia del 21-01-2018)
Se mi raggiunge il tuo sguardo
Ero diventato sacerdote da un paio di anni, vivevo a Quartu S.Elena, periferia di Cagliari. Un giorno mi recai al grande ospedale cittadino "Brotzu" per far visita a un uomo che stava combattendo contro il cancro. Non appena varcai la porta del reparto di oncologia, incrociai gli occhi piuttosto spenti di una infermiera ferma nel corridoio, con una cartella ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 21-01-2018)
E una notizia percorse la Galilea: un altro mondo è possibile
In poche righe, un incalzare di avvenimenti: Giovanni arrestato, Gesù che ne prende il testimone, la Parola che non si lascia imprigionare, ancora Gesù che cammina e strade, lago, barche; le prime parole e i primi discepoli. Siamo al momento fresco, sorgivo del Vangelo. Gesù andò nella Galilea, proclamando il Vangelo di Dio. La prima caratteristica che Marc ...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 21-01-2018)
Tutti impegnati per arrivare all'unità
Nel vangelo di oggi (Marco 1,14-20) si torna a parlare della chiamata degli apostoli. Ma anche un altro argomento appare oggi rilevante: siamo in piena Settimana di preghiera per l'unità dei cristiani, che impegna ogni anno i cristiani di tutte le confessione (cattolici, ortodossi, protestanti delle varie denominazioni) a pregare perché si realizzi la loro u ...
(continua)
diac. Vito Calella     (Omelia del 21-01-2018)
Alla sequela di Cristo risorto, pienezza del tempo
Il tempo è compiuto Le prime parole di Gesù nel Vangelo secondo Marco sono un programma di vita. Quando ci sentiamo dire che "il tempo è compiuto", non dobbiamo pensare al tempo cronologico, fatto di secondi, minuti, ore, giorni, settimane, anni. Siamo immersi in questo tempo cronologico, siamo schiavi di questo tempo, perché la nostra vita quotidiana è tu ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 21-01-2018)
Video commento su Mc 1,14-20
...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 21-01-2018)
L'urgente esigenza di convertirci per seguire davvero Cristo
C'è il rischio oggi, più di ieri, di sentirsi santi e perfetti, quando non lo siamo affatto, in quanto tutti siamo peccatori e tutti siamo chiamati ad una sincera conversione della nostra vita a Dio. Non per il fatto che non si commettono alcuni gravi peccati che uno può ritenersi giusto e santo davanti a Dio e agli altri; anzi in ragione del nostro appiatt ...
(continua)
don Roberto Fiscer     (Omelia del 21-01-2018)
#StradeDorate - Commento su Marco 1,14-20
...
(continua)
Diocesi di Vicenza     (Omelia del 21-01-2018)
La Parola - Commento al Vangelo Marco (Mc 1,14-20)
...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 21-01-2018)
Giona missionario fallito
Ancora il tema della chiamata. E della risposta. Nella prima lettura vediamo il profeta Giona che per la seconda volta viene mandato in missione a Ninive. Ma se la prima volta era stato un missionario-resistente alla chiamata questa volta non cerca più di squagliarsela come aveva fatto prima. ? ...E POI RIPESCATO Ha finalmente capito che quando il Sign ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 21-01-2018)
In un giorno come tanti altri
Le letture di questa Domenica danno l'occasione di riflettere su una realtà di fondo: quelli del Signore, eccettuando casi particolari e del tutto rari, non sono mai giorni straordinari. Dio si rivela infatti nell'immediatezza della vita ordinaria, nella spontaneità e nell'ordinarietà, nelle situazioni comuni della vita e quando la sua manifestazione avviene ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 21-01-2018)

È il primo sommario che si incontra nel Vangelo di Marco: la predicazione di Gesù "dopo che Giovanni fu arrestato"; una prefigurazione del destino di Gesù. Il Signore si reca fin da subito in Galilea, la regione che sarà anche il luogo d'incontro con il Cristo risorto. Gesù diffonde il Vangelo di Dio; lui stesso ha chiamato il suo messaggio buona notizia, Va ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 21-01-2018)
Commento su Marco 1,14-20
...Quando si dice: "il carisma della sintesi"... In appena due versetti, l'evangelista Marco esprime l'essenza di tutto il Vangelo: "Gesù andò nella Galilea, proclamando il Vangelo di Dio, e diceva: "«Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; convertitevi e credete nel Vangelo»". Particolare non trascurabile, il Signore cominciò a predicare in una r ...
(continua)
don Gianfranco Calabrese     (Omelia del 21-01-2018)
Video commento su Marco 1,14-20
...
(continua)
don Gianfranco Calabrese     (Omelia del 21-01-2018)
Video commento su Marco 1,14-20
...
(continua)
Carla Sprinzeles     (Omelia del 21-01-2018)
Commento su Gn 3,1-5.10; Mc 1,14-20
Lo Spirito di Dio è con noi da sempre e in modo completo, ma noi non ne abbiamo la consapevolezza, non lo sappiamo. Dio è così grande che noi non riusciamo a percepirlo, il cammino è lasciare la nostra immagine di Dio, a nostra misura, rimpicciolito, con i nostri difetti e aprirci al Dio che Gesù è venuto a rivelarci. Non basta il nostro entusiasmo, occorre ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 21-01-2018)
Commento su Gn 3,1-5.10; Sal 24; 1Cor 7,29-31; Mc 1,14-20
Le letture liturgiche di questa domenica ci dicono che Gesù è la buona notizia che venuto, perché inviato dal Padre, a parlarci di lui. C'è da chiederci se noi che, diciamo di essere cristiani, siamo consci che quanto ci viene detto nel vangelo, e se questo è per noi veramente una buona notizia. Siamo cristiani, cioè credenti in Cristo Gesù o solamente, com ...
(continua)
Diocesi di Vicenza     (Omelia del 25-01-2015)
La Parola - commento a Mc 1,14-20
...
(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 25-01-2015)
Commento su 1Cor 7,29-31
Collocazione del brano Il capitolo 7 della 1 Corinti è dedicato al significato cristiano del matrimonio e del celibato. Di questo capitolo leggeremo due brani, quello previsto per oggi e quello di domenica prossima. I tre versetti che leggiamo oggi vengono subito dopo i consigli che Paolo dà a coloro che sono celibi. Non si sa bene quale fosse la situazione ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 25-01-2015)
Commento su Mc 1, 15
«Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; Convertitevi e credete nel Vangelo» MC 1, 15 Come vivere questa Parola? Oggi si chiude la settimana dell'unità dei cristiani. Questi giorni, se non ce ne siamo dimenticati, ci aiutano a meditare su come la nostra storia ha fatto passi avanti ma anche indietro nella via della comunione. Il tempo ha a volte d ...
(continua)
mons. Vincenzo Paglia     (Omelia del 25-01-2015)
Commento su Mc 1,14-20
Introduzione Nel Vangelo di Marco è la prima predica di Gesù. È brevissima, ma offre una sintesi felicissima dei temi fondamentali di tutta la sua predicazione: il compimento del tempo, il regno di Dio, la conversione, la fede al vangelo. Poi vi è la chiamata dei primi discepoli: è il paradigma concreto di ogni sequela. Ci sono due indicativi teologici ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 25-01-2015)
Audio commento alla liturgia
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
don Maurizio Prandi     (Omelia del 25-01-2015)
Un mondo secondo Gesù
La liturgia della parola di questa domenica ci fa riflettere sul tema della chiamata... una chiamata ad annunciare la misericordia di Dio nella prima lettura, una chiamata a prendere delle decisioni nella seconda lettura, una duplice chiamata nel vangelo: a cambiare e a seguire Gesù. L'invito a cambiare lo sintetizzo così, riprendendo un'idea proposta da Ser ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 25-01-2015)
La conversione ci fa essere pescatori di uomini
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
don Roberto Fiscer     (Omelia del 25-01-2015)
#StradeDorate - Commento su Marco 1,14-20
...
(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 25-01-2015)
Convertitevi e credete al Vangelo
Nel vangelo di Marco la prima parola pronunciata da Gesu? e? quella che abbiamo nel vangelo di oggi: Il tempo e? compiuto e il regno di Dio e? vicino; convertitevi e credete nel Vangelo. Convertitevi e credete: queste due parole sono pronunciate, ma non sono spiegate. Di fronte a un appello, a una chiamata cosi? concisa, cosi? assoluta, e? necessario chiede ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 25-01-2015)
Il Regno e la guarigione dal male di vivere
Marco ci conduce al momento sorgivo e fresco del Vangelo, a quando una notizia bella inizia a correre per la Galilea, annunciando con la prima parola: il tempo è compiuto, il regno di Dio è qui. Gesù non dimostra il Regno, lo mostra e lo fa fiorire dalle sue mani: libera, guarisce, perdona, toglie barriere, ridona pienezza di relazione a tutti, a cominciare ...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 25-01-2015)
Il marketing del Vangelo
Clicca qui per la vignetta della settimana. "Da domani mattina iniziano i saldi di stagione! Trenta, cinquanta, settanta per cento di sconto su tutta la merce! Un'occasione da non perdere!!" Quando sta per partire il periodo di forti sconti sui prodotti di fine stagione, anche i telegiornali (come i giornali) dedicano ampi servizi con lo scopo di informa ...
(continua)
don Luca Garbinetto     (Omelia del 25-01-2015)
Lasciarsi fare per vivere in pienezza
Quando normalmente diciamo che qualcosa è compiuto, intendiamo dire che è finito, che si è concluso. Nella nostra logica abituale, compiere è sinonimo di terminare, se non addirittura chiudere. Il vangelo di oggi, invece, ci annuncia un compimento diverso, e ci manifesta il paradosso di Dio: ?il tempo è compiuto', proclama Gesù in Galilea... ed inizia qualco ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 25-01-2015)
Video commento a Mc 1,14-20
...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 25-01-2015)
Video commento a Mc 1,14-20
...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 25-01-2015)
Và e parla a nome di Dio
Gesù ci chiama per affidarci una missione importante, la missione più importante, quella di portare l'amore del Signore a tutti, perché tutti si sentano amati e trovino il senso vero della propria vita, della vita degli altri, il senso di tutte le cose. "Il regno di Dio è vicino": la conversione è l'accogliere e il vivere di questo e non delle realtà mondane ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 25-01-2015)
Non è affatto tutto perduto!
Il libro del profeta Giona è uno dei più belli della Bibbia: e non solo per il suo genere letterario (che in realtà ne fa un libro sapienziale più che un libro profetico) o per la sua brevità che lo rende insieme efficace e profondo; quanto perché ci mostra in maniera anche simpatica che colui che è chiamato ad annunciare un messaggio di conversione è, in re ...
(continua)
mons. Gianfranco Poma     (Omelia del 25-01-2015)
Il Regno di Dio è vicino
Marco, nel suo stile scarno ed essenziale, in poche parole sintetizza tutto il messaggio di Gesù Cristo che la Liturgia fa risuonare, oggi, in tutto il mondo (Mc.1,14-20). Lo chiama il "Vangelo di Dio" che Gesù proclama in Galilea, in questa regione di confine tra la sacralità della Giudea e la terra dei pagani, sottolineando la dimensione perennemente missi ...
(continua)
padre Giuseppe De Nardi     (Omelia del 25-01-2015)
Sulla Tua Parola - Mc 1, 14-20
...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 25-01-2015)
Girasoli di tutto il mondo, voltatevi!
La storia di Giovanni è ai titoli di coda: «Dopo che Giovanni fu arrestato». Il momento è sfavorevole, la situazione è delicata, gli avvenimenti dell'ultima ora danno come assai rischioso azzardarsi in un'altra profezia: le sbarre della galera annunciano che le tenebre hanno scelto da che parte stare. Dalla loro. Lui è un Camminatore. Un giorno - dategli il ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 25-01-2015)
Irrompere
Proclamando il vangelo di Dio Marco racconta che all'inizio Gesù proclamava, annunciava in modo aperto e palese, il Vangelo di Dio. Per farlo andò in Galilea. Mentre Giovanni rimaneva nel deserto e là accoglieva le folle, Gesù si mette in cammino per andare incontro agli uomini dove questi si trovano; prima ancora di chiedere la conversione (cambiamento di ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 25-01-2015)
Conversione e missione
La parola di Dio odierna ci parla della conversione e della vocazione missionaria. Oggi Gesù, oltre a predicare la vicinanza del suo Regno che richiede un cambiamento radicale per fare un cammino di vera conversione, invita anche i primi apostoli del suo gruppo a seguirlo su questa strada. Ben quattro dei dodici da Lui chiamati all'inizio del suo ministero r ...
(continua)
don Michele Cerutti     (Omelia del 25-01-2015)

Giona deve essere rimasto sorpreso: i niniviti, che appaiono uomini di dura cervice, si convertono alla predicazione. Pensare che per non predicare a loro la conversione aveva tentato veramente di tutto: si era imbarcato per Tarsis e questo gli costò il rischio del naufragio e i suoi compagni di viaggio avevano compreso che Lui ne era la causa. Lo buttarono ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 25-01-2015)
Video commento su Mc 1,14-20
...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 25-01-2015)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di don Marco Simeone È una domenica strana questa, si parla un po' del profeta che è mandato ad una città di non credenti, un po' della fine del mondo e un po' di vocazione? Un po' strana, no? Ma anche no! Partiamo dal vangelo: questo brano del vangelo di Marco descrive prima l'effetto immediato del battesimo e po ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 25-01-2015)

Nel vangelo di oggi Gesù inizia la proclamazione della Bella Notizia: chi la ascolta, chi la accoglie e la mette in pratica, sarà felice. Facciamo un esempio. Se un vostro amico vi desse questa notizia: "Mi hanno regalato i biglietti per andare al concerto di Violetta, venite con me?", quale sarebbe la vostra reazione? Sono certa che, senza l'imposizione di ...
(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 25-01-2015)
Commento su Marco 1,14-20
...
(continua)
don Gianfranco Calabrese     (Omelia del 25-01-2015)
Video commento su Marco 1,14-20
...
(continua)
don Lello Ponticelli     (Omelia del 25-01-2015)
Prediche senza Pulpito - Commento a Mc 1,14-20
...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 25-01-2015)
Convertirsi e restare saldi
"Il tempo è compiuto e il Regno di Dio è vicino; convertitevi e credete al vangelo." Questa espressione, che secondo Marco costituisce la prima predicazione di Gesù, è in effetti l'inizio del "vero Vangelo" di Gesù Cristo. Con questa espressione infatti cominci l'annuncio evangelico vero e proprio, il contenuto essenziale della Buona Novella del Regno. Essa ...
(continua)
don Marco Pratesi     (Omelia del 25-01-2015)
Ruminare i Salmi - Salmo 25,4 (III domenica del tempo ordinario, anno B)
Ruminare i Salmi - Salmo 25 (Vulgata / liturgia 24),4 (III domenica del tempo ordinario, anno B) CEI Fammi conoscere, Signore, le tue vie, insegnami i tuoi sentieri. TILC Fammi conoscere le tue vie, Signore; insegnami il cammino da seguire. 1Corinzi 7,29 Questo vi dico, fratelli: il tempo si è fatto breve. Marco 1,16-20 Passando lungo il mare di Ga ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 25-01-2015)
Commento su Gn 3,1-5.10; Sal 24; 1Cor 7,29-31; Mc 1,14-20
La liturgia di domenica scorsa ci ha fatto meditare sul fatto che il cristiano, per riconoscere il volto di Dio e per seguirlo, ha bisogno della fede e della testimonianza degli altri; ce lo insegna lo stesso Pietro che per seguire Gesù ha bisogno della testimonianza di suo fratello Andrea. La liturgia di questa domenica ci ricorda che il tempo è compiuto e ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 25-01-2015)

Non me ne vogliano i ?puristi' della liturgia, i quali sanno bene che il prete non deve approfittare della predica per fare catechesi, o esegesi biblica... Tuttavia, concedetemelo almeno oggi, io approfitto e spendo tempo e parole per presentare, in sintesi, il libro e la persona di Giona. Dunque: il profeta Giona compare due volte nell'AT; il II Libro dei ...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 25-01-2015)
Finalmente oggi una bella notizia
Due motivi di riflessione spiccano in questa domenica. Primo: nel giorno in cui si ricorda la chiamata dell'apostolo Paolo sulla via di Damasco, si conclude la Settimana di preghiera per l'unità dei cristiani; nella preghiera comune trovano ulteriore motivo di unità tra loro, cattolici, ortodossi, valdesi, anglicani, luterani e gli altri professanti tutti la ...
(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 00-00-0000)
Una urgenza inedita
La liturgia ci fa ascoltare oggi la prima parola pronunciata da Gesù nel vangelo di Marco: Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; convertitevi e credete nel Vangelo (Mc 1,15). Dobbiamo allora cominciare con il chiederci cosa voglia dire 'convertirsi' e 'credere'. La caratteristica principale del vangelo di Marco è quella di spiegare le cose non tant ...
(continua)