LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 1 Marzo 2015 <

Venerdì 27 Febbraio 2015

Sabato 28 Febbraio 2015

Domenica 1 Marzo 2015

Lunedì 2 Marzo 2015

Martedì 3 Marzo 2015

Mercoledì 4 Marzo 2015

Giovedì 5 Marzo 2015

Venerdì 6 Marzo 2015

Sabato 7 Marzo 2015

Domenica 8 Marzo 2015


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:

  II DOMENICA DI QUARESIMA (ANNO B)

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: DOMENICA
Colore liturgico: Viola
BQ020 ;

La trasfigurazione occupava un posto importante nella vita e nell’insegnamento della Chiesa primitiva. Ne sono testimonianze le narrazioni dettagliate dei Vangeli e il riferimento presente nella seconda lettera di Pietro (2Pt 1,16-18).
Per i tre apostoli il velo era caduto: essi stessi avevano visto ed udito. Proprio questi tre apostoli sarebbero stati, più tardi, al Getsemani, testimoni della sofferenza di nostro Signore.
L’Incarnazione è al centro della dottrina cristiana. Possono esserci molti modi di rispondere a Gesù, ma per la Chiesa uno solo è accettabile. Gesù è il Figlio Unigenito del Padre, Dio da Dio, Luce da Luce, Dio vero da Dio vero. La vita cristiana è una contemplazione continua di Gesù Cristo. Nessuna saggezza umana, nessun sapere possono penetrare il mistero della rivelazione. Solo nella preghiera possiamo tendere a Cristo e cominciare a conoscerlo.
“È bello per noi stare qui”, esclama Pietro, il quale “non sapeva infatti che cosa dire, poiché erano stati presi dallo spavento”. La fede pone a tacere la paura, soprattutto la paura di aprire la nostra vita a Cristo, senza condizioni. Tale paura, che nasce spesso dall’eccessivo attaccamento ai beni temporali e dall’ambizione, può impedirci di sentire la voce di Cristo che ci è trasmessa nella Chiesa.

Scarica il foglietto della Messa >
Scarica le Letture del Lezionario >
Scarica il Salmo Responsoriale Cantato >
Ricevi la Liturgia via mail >
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Di te dice il mio cuore: “Cercate il suo volto”.
Il tuo volto io cerco, o Signore.
Non nascondermi il tuo volto. (Sal 27,8-9)

Oppure:
Ricorda, Signore, il tuo amore e la tua bontà,
le tue misericordie che sono da sempre.
Non trionfino su di noi i nostri nemici;
libera il tuo popolo, Signore,
da tutte le sue angosce. (Sal 25,6.3.22)


Colletta
O Padre, che ci chiami
ad ascoltare il tuo amato Figlio,
nutri la nostra fede con la tua parola
e purifica gli occhi del nostro spirito,
perché possiamo godere la visione della tua gloria.
Per il nostro Signore Gesù Cristo...

>

Prima lettura

Gen 22,1-2.9.10-13.15-18
Il sacrificio del nostro padre Abramo.

Dal libro della Gènesi

In quei giorni, Dio mise alla prova Abramo e gli disse: «Abramo!». Rispose: «Eccomi!». Riprese: «Prendi tuo figlio, il tuo unigenito che ami, Isacco, va’ nel territorio di Mòria e offrilo in olocausto su di un monte che io ti indicherò».
Così arrivarono al luogo che Dio gli aveva indicato; qui Abramo costruì l’altare, collocò la legna. Poi Abramo stese la mano e prese il coltello per immolare suo figlio. Ma l’angelo del Signore lo chiamò dal cielo e gli disse: «Abramo, Abramo!». Rispose: «Eccomi!». L’angelo disse: «Non stendere la mano contro il ragazzo e non fargli niente! Ora so che tu temi Dio e non mi hai rifiutato tuo figlio, il tuo unigenito».
Allora Abramo alzò gli occhi e vide un ariete, impigliato con le corna in un cespuglio. Abramo andò a prendere l’ariete e lo offrì in olocausto invece del figlio.
L’angelo del Signore chiamò dal cielo Abramo per la seconda volta e disse: «Giuro per me stesso, oracolo del Signore: perché tu hai fatto questo e non hai risparmiato tuo figlio, il tuo unigenito, io ti colmerò di benedizioni e renderò molto numerosa la tua discendenza, come le stelle del cielo e come la sabbia che è sul lido del mare; la tua discendenza si impadronirà delle città dei nemici. Si diranno benedette nella tua discendenza tutte le nazioni della terra, perché tu hai obbedito alla mia voce».

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 115

Camminerò alla presenza del Signore nella terra dei viventi.

Ho creduto anche quando dicevo:
«Sono troppo infelice».
Agli occhi del Signore è preziosa
la morte dei suoi fedeli.

Ti prego, Signore, perché sono tuo servo;
io sono tuo servo, figlio della tua schiava:
tu hai spezzato le mie catene.
A te offrirò un sacrificio di ringraziamento
e invocherò il nome del Signore.

Adempirò i miei voti al Signore
davanti a tutto il suo popolo,
negli atri della casa del Signore,
in mezzo a te, Gerusalemme.

>

Seconda lettura

Rm 8,31-34
Dio non ha risparmiato il proprio Figlio.

Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Romani

Fratelli, se Dio è per noi, chi sarà contro di noi? Egli, che non ha risparmiato il proprio Figlio, ma lo ha consegnato per tutti noi, non ci donerà forse ogni cosa insieme a lui?
Chi muoverà accuse contro coloro che Dio ha scelto? Dio è colui che giustifica! Chi condannerà? Cristo Gesù è morto, anzi è risorto, sta alla destra di Dio e intercede per noi!

Parola di Dio

Canto al Vangelo (Mc 9,7)
Lode e onore a te, Signore Gesù!
Dalla nube luminosa, si udì la voce del Padre:
«Questi è il mio Figlio, l’amato: ascoltatelo!».
Lode e onore a te, Signore Gesù!

>

Vangelo

Mc 9,2-10
Questi è il Figlio mio, l’amato.


+ Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni e li condusse su un alto monte, in disparte, loro soli.
Fu trasfigurato davanti a loro e le sue vesti divennero splendenti, bianchissime: nessun lavandaio sulla terra potrebbe renderle così bianche. E apparve loro Elia con Mosè e conversavano con Gesù. Prendendo la parola, Pietro disse a Gesù: «Rabbì, è bello per noi essere qui; facciamo tre capanne, una per te, una per Mosè e una per Elia». Non sapeva infatti che cosa dire, perché erano spaventati. Venne una nube che li coprì con la sua ombra e dalla nube uscì una voce: «Questi è il Figlio mio, l’amato: ascoltatelo!». E improvvisamente, guardandosi attorno, non videro più nessuno, se non Gesù solo, con loro.
Mentre scendevano dal monte, ordinò loro di non raccontare ad alcuno ciò che avevano visto, se non dopo che il Figlio dell’uomo fosse risorto dai morti. Ed essi tennero fra loro la cosa, chiedendosi che cosa volesse dire risorgere dai morti.

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
Padre buono, nella Trasfigurazione del tuo Figlio hai concesso a Pietro, Giacomo e Giovanni di partecipare all'anticipazione della gloria del Risorto. Tu ci doni sempre segni d'amore a sostegno della nostra fede. Perciò ti rivolgiamo le nostre suppliche.
Insieme preghiamo: Signore, mostraci il tuo volto.

1. Hai chiesto ad Abramo di affidarsi alla tua Parola. Guida la Chiesa a liberarsi da quei legami che la rendono meno pronta alla ricerca della tua volontà, preghiamo.
2. Hai proposto ad Abramo l'oscuro cammino della fede, passando per il sacrificio di Isacco. Fa' che i credenti di ogni religione siano capaci di superare chiusure e incomprensioni, per offrire all'unico Dio il sacrificio della lode, preghiamo.
3. Sul Tabor rivelasti ai discepoli il volto glorioso del tuo Figlio. Non permettere che le nostre comunità intristiscano, incapaci di leggere i segni dei tempi che anche oggi ci offri, per sostenerci nella fiducia e nella speranza, preghiamo.
4. I discepoli videro la gloria della risurrezione. Fa' che le nostre celebrazioni domenicali diventino reale incontro con il Risorto, per essere segno trasparente della sua presenza nel mondo, preghiamo.

Ascolta, Signore, la nostra preghiera. Tu che conosci il nostro cuore, non farci mancare il tuo sostegno nella nostra storia e accompagnaci all'incontro glorioso con il tuo Figlio Gesù. Egli vive e regna nei secoli dei secoli.

Preghiera sulle offerte
Questa offerta, Signore misericordioso,
ci ottenga il perdono dei nostri peccati
e ci santifichi nel corpo e nello spirito,
perché possiamo celebrare degnamente
le feste pasquali.
Per Cristo nostro Signore.


PREFAZIO
La trasfigurazione annunzio della beata passione.

È veramente cosa buona e giusta,
nostro dovere e fonte di salvezza,
rendere grazie sempre e in ogni luogo
a te, Signore, Padre santo,
Dio onnipotente ed eterno,
per Cristo nostro Signore.
Egli, dopo aver dato ai discepoli
l’annunzio della sua morte,
sul santo monte manifestò la sua gloria
e chiamando a testimoni la legge e i profeti
indicò agli apostoli
che solo attraverso la passione
possiamo giungere al trionfo della risurrezione.
E noi, uniti agli angeli del cielo,
acclamiamo senza fine la tua santità,
cantando l’inno di lode: Santo...


Antifona di comunione
“Questi è il mio Figlio prediletto;
nel quale mi sono compiaciuto.
Ascoltatelo”. (Mt 17,5; Mc 9,7; Lc 9,35)


Preghiera dopo la comunione
Per la partecipazione ai tuoi gloriosi misteri
ti rendiamo fervide grazie, Signore,
perché a noi ancora pellegrini sulla terra
fai pregustare i beni del cielo.
Per Cristo nostro Signore.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

don Lello Ponticelli     (Omelia del 08-03-2015)
Prediche senza Pulpito - Vangelo di Gv 2,13-25
...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 01-03-2015)
Audio commento alla liturgia - Mc 9,2-10
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
mons. Gianfranco Poma     (Omelia del 01-03-2015)
Ascoltatelo!
Nella seconda domenica di Quaresima il Vangelo di Marco (Mc.9,2-10) ci rende partecipi dell'esperienza vissuta da Pietro, Giacomo e Giovanni, nella Trasigurazione di Gesù, in cui il mistero della sua persona si apre per svelarne tutta la novità e la ricchezza. Dopo l'invito di Gesù a seguirlo sulla ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 01-03-2015)
Nello splendore di Dio
E' la domenica quaresimale della trasfigurazione di Gesù sul monte: un fatto straordinario con un significato particolare nell'esperienza dei tre apostoli che sono stati ammessi a contemplare il volto glorioso di Cristo. Lo stesso significato entra nella vita delle persone: dei credenti, della Chies ...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 01-03-2015)
Avvolti dalla preghiera di Gesù
Clicca qui per la vignetta della settimana. Chi è Gesù? L'amato da Dio... Chi siamo noi? Gli amati da Dio... Qual è la nostra missione? Amare come Gesù... Questo amore che avvolge l'esistenza umana è come quella luce che avvolge Gesù e i suoi discepoli, che in una frazione di tempo, compren ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 01-03-2015)
Dio è per noi
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 01-03-2015)
Questi è il Figlio mio, l'amato
Questo passaggio della lettera di san Paolo apostolo ai Romani, questo breve estratto che ci offre la liturgia di oggi, e? uno dei passaggi piu? struggenti di tutto il Nuovo Testamento. E' uno di questi slanci lirici nei quali Paolo e? come sopraffatto dal pensiero dell'amore di Cristo, dell'amore d ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 01-03-2015)
Video commento a Mc 9,2-10
...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 01-03-2015)
La tentazione non è finita
Certo, per noi è tutto più semplice, dal momento che conosciamo già il finale... È come guardare un film sapendo già come va a finire: perdi la passione, il pathos, quel coinvolgimento che ti immedesima col protagonista facendoti sperimentare ciò che lui sperimenta. Sapere già il finale non ti coinv ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 01-03-2015)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di Giuseppe Di Stefano CHI CONDANNERÀ? La difficoltà più grande di annunciare il perdono di Dio tra la nostra gente sta nel fatto che tanti non credono che qualcuno mai li possa perdonare per ciò che hanno fatto. Ciò che è più difficile, infatti, non è ...
(continua)
don Roberto Fiscer     (Omelia del 01-03-2015)
#StradeDorate - Commento su Marco 9,2-10
...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 01-03-2015)

In questa seconda domenica di Quaresima siamo invitati a partecipare alla straordinaria esperienza che vivono Pietro, Giacomo e Giovanni: la Trasfigurazione. L'evangelista Marco, probabilmente ha raccolto la narrazione di quanto è avvenuto, proprio dalle parole di Pietro ed infatti il suo Vangelo è ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 01-03-2015)
Scusa la modestia: sono troppo bello per te
Con Mosè era stato chiaro. Eppure se c'era uno che meritava quella grazia era proprio lui. Perché svegliarsi una mattina per portare a spasso il gregge e scoprirsi nel mirino di Dio, non è mai cosa dalle dolci faccende; nemmeno sapersi fragili di lingua e vedersi al cospetto del faraone a convincerl ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 01-03-2015)
Chiedendosi
Chiedendosi che cosa volesse dire risorgere dai morti Il brano termina con una questione non risolta. Per dir la verità l'evento della trasfigurazione è come incastonato tra due interrogativi simili: Pietro che non capisce e rimprovera il Signore ottenendone la risposta «Va' dietro a me, Satana! Pe ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 01-03-2015)
Commento su Gen 22,1-2.9.10-13.15-18; Rm 8,31-34; Mc 9,2-10
Nel percorso quaresimale, la seconda domenica interroga ciascuno di noi sul tema della fede: quanto è grande la nostra fede in Dio? Ci fidiamo di Lui? Quando e in che modo? Nella prima lettura entra nella storia un Dio nuovo, che si rivolge all'uomo in modo differente rispetto al passato e lo fa cr ...
(continua)
don Gianfranco Calabrese     (Omelia del 01-03-2015)
Video commento su Marco 9,2-10
...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 01-03-2015)
Commento su Mc 9, 9-10
«Mentre scendevano dal monte, ordinò loro di non raccontare ad alcuno ciò che avevano visto, se non dopo che il Figlio dell'uomo fosse risorto dai morti. Ed essi tennero fra loro la cosa, chiedendosi che cosa volesse dire risorgere dai morti." Mc 9, 9-10 Come vivere questa Parola? Mi metto nei pa ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 01-03-2015)
Così il Signore ha sognato il volto dell'uomo
Dall'abisso di pietre al monte della luce, dalle tentazioni nel deserto alla trasfigurazione. Le prime due domeniche di Quaresima offrono la sintesi del percorso che la vita spirituale di ciascuno deve affrontare: evangelizzare le nostre zone d'ombra e di durezza, liberare tutta la luce sepolta in n ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 01-03-2015)
Video commento su Mc 9,2-10
...
(continua)
don Lello Ponticelli     (Omelia del 01-03-2015)
Prediche senza Pulpito - Mc 9,2-10
...
(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 01-03-2015)
Video commento a Mc 9, 2-10
...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 01-03-2015)
La fede ci trasfigura nel Cristo Redentore
Il vangelo della seconda domenica di Quaresima ci presenta Gesù che sale sul monte Tabor dove, davanti ai suoi tre discepoli Pietro, Giacomo e Giovanni, si trasfigura, cambia sembianze risplendendo ai loro occhi di luce incommensurabile e di una bellezza unica. La bellezza della gloria dei cieli, de ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 01-03-2015)
Commento su Marco 9,2-10
Sei giorni dopo la sorda incomprensione dei discepoli - che prima avevano discusso per la mancanza di pane e poi lo stesso Pietro aveva rimproverato Gesù per aver annunciato la propria passione, morte e resurrezione - il Signore si trasfigura dinanzi a loro. Il sesto è il giorno della manifestazione ...
(continua)
Diocesi di Vicenza     (Omelia del 01-03-2015)
La Parola - commento a Mc 9,2-10
...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 01-03-2015)
Il valore del sacrificio
Quaresima, tempo di rinnovamento interiore e di radicale trasformazione, coincide con il tempo della prova e della sopportazione. Per prova non si intende solamente la "provocazione" per cui si è sospinti ad abbandonare la fede o a non perseverare nei nostri propositi, ma anche la particolare richie ...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 01-03-2015)
Una prospettiva in un mondo feroce
Gli atti barbari della guerra in corso poco lontano dal nostro Paese, atti di una ferocia quale mai si era vista, spudoratamente ostentati e ancor più spudoratamente compiuti in nome di una fede religiosa, hanno indignato il mondo. Non pare che il mondo faccia molto, per evitare che si ripetano; qua ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 01-03-2015)
Video commento a Mc 9,2-10
...
(continua)
don Marco Pratesi     (Omelia del 01-03-2015)
Ruminare i Salmi - Salmo 116,9 (II domenica di quaresima, anno B)
Ruminare i Salmi - Salmo 116 (Vulgata / liturgia 114),9 (II domenica di quaresima, anno B) CEI Camminerò alla presenza del Signore nella terra dei viventi. TILC Cammino alla presenza del Signore, di nuovo, nel mondo dei vivi. Romani 8,31-34 Se Dio è per noi, chi sarà contro di noi? Egli, ch ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 01-03-2015)

Mi sono chiesto il motivo che ha convinto i liturgisti a scegliere questo Vangelo per la II Domenica di Quaresima. Ma anche le altre due letture fanno pensare! Del resto, l'ho già detto domenica scorsa, la Quaresima è il tempo della riflessione. Prima si riflette e poi si agisce: la riflessione è in ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 01-03-2015)
Questi è il Figlio mio, l'amato: ascoltatelo!
Perché un altro ci conosca non solo è necessario che gli diciamo chi siamo secondo verità perfetta, è anche indispensabile che il nostro essere corrisponda al nostro dire. Dire e mostrare, parlare e far vedere, insegnare e attestare storicamente la nostra verità. Forse sul momento l'altro non compre ...
(continua)
padre Fernando Armellini     (Omelia del 01-03-2015)
Video commento su Mc 9,2-10
...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 04-03-2012)
Commento su Marco 9,2-10
Iniziamo la quaresima guardando al Tabor. Iniziamo la purificazione dei nostri cuori guardando a questa piccola collina poco distante da Nazareth. Gesù porta con sé, per una bella passeggiata, i suoi amici più stretti. E lì, sul monte battuto dal vento, accade. Per la prima volta gli apostoli vedo ...
(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 04-03-2012)
Questi è il Figlio mio, l'amato
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
don Mario Campisi     (Omelia del 04-03-2012)
La fede non è questione di ICI
Questa seconda domenica di Quaresima dell'anno B pone problemi seri a noi che di questi tempi rischiamo di ridurre la fede a una questione di tasse o meno sui beni immobili della Chiesa. Diciamo la verità: per noi, abituati a pensare alla fede come pratica religiosa che interrompe ogni tanto il cor ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 04-03-2012)

Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
don Marco Pedron     (Omelia del 04-03-2012)
Ama le persone per quello che sono e non per quello che tu vuoi che siano
Il vangelo inizia dicendo: "Sei giorni dopo" (Mc 9,2). I numeri nella Bibbia sono importanti. I sei giorni richiamano altri sei giorni (Es 24,16): "La Gloria del Signore venne a dimorare sul Monte Sinai e la nube lo coprì per sei giorni". Mosè era stato faccia a faccia con Dio per sei giorni sul Sin ...
(continua)
don Maurizio Prandi     (Omelia del 04-03-2012)
Dio? Un uomo che cammina verso la Croce
Dopo i simboli dell'arcobaleno e del deserto (prima lettura e vangelo di domenica scorsa), la liturgia della Parola di oggi ci propone di lasciarci interrogare dal simbolo del monte, che tanto nella prima lettura come nel vangelo ci accompagna. Nelle comunità qui a Cuba è piaciuto molto (il monte ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 04-03-2012)
Bello da impazzire: che pezzo d'uomo!
D'una bellezza inconsueta. C'è un'ora nel Vangelo in cui il nostro Amico ci fa il regalo più sorprendente: non è un oggetto, nemmeno un beneficio. Potremmo chiamarla confidenza, ma una confidenza così totale e profonda che non è solo una parte intima di lui, ma è il suo tutto, l'essenza ultima e tra ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 04-03-2012)
Commento su Marco 9,10
Essi tennero fra loro la cosa, chiedendosi che cosa volesse dire risorgere dai morti. Mc 9,10 Come vivere questa Parola? La seconda domenica di quaresima ci schiude dinanzi un'esperienza gaudiosa che fa quasi palpare ai discepoli la divinità di Cristo. Eppure vi si registra spavento e incomprensi ...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 04-03-2012)
La fede in montagna
Clicca qui per la vignetta della settimana E' una montagna la "location" scelta da Gesù per portare i suoi amici e far fare loro una esperienza spirituale profonda e rigenerante. La tradizione cristiana chiama questo luogo Monte Tabor, identificandolo con una collina che si eleva 400 metri sulla ...
(continua)
padre Paul Devreux     (Omelia del 04-03-2012)

Vedo che facilmente ci si scandalizza del fatto che Abramo è disposto ad offrire suo figlio a Dio, mentre nessuno si scandalizza del fatto che Dio ci offre il suo. Ci si scandalizza anche del fatto che Dio gli chieda questo sacrificio mentre nessuno si scandalizza del fatto che noi chiediamo questo ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 04-03-2012)
Trasfigurati dalla Vita
"Se Dio è per noi, chi sarà contro di noi?". Se Dio si fa presente nella storia dell'umanità, e nella storia particolare di ogni uomo, che timore può avere l'uomo che esista qualcuno più potente di Dio capace di fargli del male? "Se Dio è per noi, chi sarà contro di noi?". Se Dio ha sempre dimostra ...
(continua)
don Luca Orlando Russo     (Omelia del 04-03-2012)
«Questi è il Figlio mio, l'amato: ascoltatelo!»
Racconta l'evangelista Marco, nel brano che precede il nostro, che Gesù cominciò a parlare apertamente delle sue sofferenze, della sua passione ai suoi discepoli per chiarire la sua vera identità: è il Messia, sì, come ha confessato Pietro per ispirazione del Padre, ma un Messia che va verso la mort ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 04-03-2012)
Dio non ha risparmiato il proprio Figlio, ma lo ha dato per tutti noi
C'è un libro intitolato " I monti della Bibbia". Nella Bibbia la montagna è luogo della presenza di Dio, quindi della bellezza, del silenzio meditativo, della perfezione e della prova. Si fa così simbolo dell'elevazione dell'uomo. Nella liturgia di oggi abbiamo m i racconti di ciò che avvenuto su d ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 04-03-2012)

COMMENTO ALLE LETTURE a cura di don Pino Pulcinelli * Ogni tanto si sente riparlare del progetto per la costruzione di un ponte sullo stretto di Messina: se verrà realizzato sarà il ponte più lungo sulla faccia della terra: un'unica campata lunga più di tre km. Servirà ad unire l'isola con il r ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 04-03-2012)

Il Vangelo di questa settimana ci porta in cima a un monte alto, in un luogo appartato, dove si verifica un evento specialissimo: la Trasfigurazione. Chi di voi ha letto i libri, o ha visto i film, di Harry Potter, sa che alla scuola di Hogwarts la prof.ssa McGranitt insegna proprio Trasfigurazione ...
(continua)
Gaetano Salvati     (Omelia del 04-03-2012)
Obbedienza sofferta e offerta
La liturgia della parola odierna manifesta al credente che l'itinerario di fede quaresimale (del discepolato) esige la difficile scelta della libertà nella fede. Tale dramma non rimane circoscritto nel silenzio doloroso dell'esistenza; ma, nella fede, diviene obbedienza filiale sofferta e offerta. È ...
(continua)
mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 04-03-2012)
La Trasfigurazione di Gesù sul monte
Può sembrare, nel tempo quaresimale, un non senso quello che racconta il Vangelo oggi, nella trasfigurazione di Gesù sul monte Tabor. Eppure è proprio in Quaresima che dovrebbe essere tempo di penitenza, per essere degni di capire e giungere alla pienezza della gioia, che è la Pasqua di Resurrezione ...
(continua)
don Valentino Porcile     (Omelia del 04-03-2012)
Video commento a Mc 9, 2-10
...
(continua)
Giovani Missioitalia     (Omelia del 04-03-2012)
Ascoltatelo!
Per l'evangelista Marco Gesù ha già fatto il giro di boa e decisamente si sta avviando verso Gerusalemme, non per una visita di piacere o dovere di culto, ma per affrontare il suo destino, per portare a termine la sua missione attraverso la sofferenza e morte in croce seguita dalla promessa della re ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 04-03-2012)
Il futuro presente
Li condusse su un alto monte, in disparte, loro soli. Gesù prende l'iniziativa e conduce alcuni discepoli con sé su un alto monte. Come Mosè che, nel racconto dell'Esodo, salì sull'alto monte chiamato da Dio per contemplare la sua gloria e ricevere in dono le dieci parole della Alleanza. Lui solo m ...
(continua)
mons. Gianfranco Poma     (Omelia del 04-03-2012)
Gesù solo con loro
La seconda domenica di quaresima è dedicata alla contemplazione della Trasfigurazione di Gesù: un lampo che, all'inizio della quaresima, illumina il nostro cammino, anticipando la luce della Pasqua. La lettura classica di questo evento lo interpreta come un aiuto che Gesù offre ai discepoli perché a ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 04-03-2012)
Finestre di cielo aperte sul Regno
Gesù porta i tre discepo­li sopra un monte alto. La montagna è la terra dove si posa il primo raggio di sole e indugia l'ultimo, la terra che si innalza nella luce, la più vicina al cielo, quella che Dio sceglie per parlare e rive­larsi. Infatti lassù appaiono Mosè ed Elia, gli unici che han­no ved ...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 04-03-2012)
Se Dio è per noi chi sarà contro di noi?
Seconda domenica di quaresima: come ogni anno, la liturgia propone il passo della trasfigurazione di Gesù; quest'anno, nel racconto dell'evangelista Marco (9,2-10), comprendente una delle sue pittoresche annotazioni che rendono il suo scritto così vivace. Gesù prende con sé gli apostoli Pietro, Giac ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 04-03-2012)
Inquietudine e bellezza
Cosa ci rende così inquieti? Quando riusciamo, infine, a fare silenzio intorno, magari costretti da una gigantesca nevicata, quando non funzionano i cellulari e le televisioni e i portatili, quando torniamo di colpo indietro di cento anni, capendo quanta strada abbiamo fatto e di quante cose abbiam ...
(continua)
padre Sergio Tellan, OFM cap.     (Omelia del 04-03-2012)
Video commento a Mc 9, 2-10
...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 04-03-2012)
Video commento a Mc 9, 2-10
...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 04-03-2012)
Video commento a Mc 9, 2-10
...
(continua)
don Roberto Seregni     (Omelia del 04-03-2012)
L'altra faccia del mistero
Per farci pregustare la meta verso la quale siamo incamminati, la liturgia ci fa balzare dal deserto della scorsa settimana al monte della Trasfigurazione. Questo "salto spirituale" ci mette davanti agli occhi un Vangelo che scardina quell'immagine grigia e cupa della Quaresima che si è sedimentata ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 04-03-2012)
Commento su Mc 9,2-10
Gesù è il Messia. A questa rivelazione è legata l'ascesa sul monte, la visione e l'ascolto della voce del Padre. Testimoni sono i tre discepoli che avevano visto risorgere la figlia di Giairo. Ora vedono Gesù trasfigurato, avvolto da una luce divina che irraggia persino dalle vesti, più splendenti d ...
(continua)
Ileana Mortari - rito romano     (Omelia del 04-03-2012)
Gesù fu trasfigurato davanti a loro
L'episodio evangelico della Trasfigurazione di Gesù è certamente uno dei più studiati, commentati, approfonditi; ben a ragione, data la sua importanza nella vicenda di Gesù e per la nostra spiritualità. Con tre dei suoi discepoli (Pietro, Giacomo e Giovanni), Gesù sale su un alto monte (probabilm ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 04-03-2012)
Video commento a Mc 9,2-10
...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 04-03-2012)
Commento su Marco 9,10
Essi tennero fra loro la cosa, chiedendosi che cosa volesse dire risorgere dai morti. Mc 9,10 Come vivere questa Parola? La seconda domenica di quaresima ci schiude dinanzi un'esperienza gaudiosa che fa quasi palpare ai discepoli la divinità di Cristo. Eppure vi si registra spavento e incompren ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 04-03-2012)
Rifulse di luce nel volto e nelle vesti
Oggi siamo invitati a salire sul monte e ad essere inondati di luce. Gesù, spendente nel volto e nelle vesti, rivela in modo inequivocabile la sua natura divina, lo splendore che procede dal suo vedere il Padre che - in persona - attesta che Egli è il suo figlio diletto. Quale mistero cerca l'uo ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 04-03-2012)
Un saggio della vittoria
Abramo è riconosciuto come il simbolo della fede sia per gli ebrei che per i cristiani. Affidarsi a Dio e disporsi a fare la sua volontà è atteggiamento tipico di quest'uomo semplice e umile che senza riserve e tentennamenti abbandona la sua città, Ur dei Caldei, per raggiungere la terra di Carran e ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 04-03-2012)
Questi è il Figlio mio, l'amato: ascoltatelo!
Quanto sia stata importante la trasfigurazione di Gesù ce lo attesta San Pietro nella sua Seconda Lettera: "Penso perciò di rammentarvi sempre queste cose, benché le sappiate e siate stabili nella verità che possedete. Io credo giusto, finché vivo in questa tenda, di tenervi desti con le mie esortaz ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 04-03-2012)
Commento su Genesi 22,1-2.9a.10-13.15-18; Salmo 115; Romani 8,31b-34; Marco 9,2-10
Le letture di oggi parlano della fede, quella di Abramo, di Paolo, del salmista, di noi tutti. Giorno per giorno, tutti quanti noi facciamo atti di fede, cioè crediamo in qualcuno, in qualcosa: crediamo ai giornali, crediamo alla televisione, crediamo agli amici, crediamo persino alle leggende metro ...
(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 08-03-2009)
Commento su Marco 9,2-10
Lectio Contesto La trasfigurazione di Gesù segue immediatamente il primo annuncio della passione; episodio dai molteplici rimandi biblici e simbolici, ha al centro una preoccupazione Cristologia: sottolineare l'identità di Gesù e la centralità della croce per comprenderla autenticamente. Altro ele ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 08-03-2009)

Tabor. Su quella collina, di una bellezza selvaggia, che possiede una forza misteriosa, Gesù ha voluto portare i suoi a contemplare il suo vero volto. Il cammino del deserto quaresimale ha un solo obiettivo: farci contemplare, liberi, infine, l'immensa bellezza di Dio. Nella solitudine e nella pr ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 08-03-2009)
Gli spiragli della gloria
Il Vangelo della seconda domenica di Quaresima ci presenta la stupenda scena della Trasfigurazione -festa prediletta dai nostri fratelli ortodossi- che ci rivela, oltre alla realtà della natura divina di Gesù, anche la nostra realtà escatologica. Infatti la vera condizione di Gesù figlio di DIO e s ...
(continua)
padre Sergio Tellan, OFM cap.     (Omelia del 08-03-2009)
Video commento a Mc 9,2-10
...
(continua)
   > Translate this page (italian > english) with Google