LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 22 Agosto 2010 <

Venerdì 20 Agosto 2010

Sabato 21 Agosto 2010

Domenica 22 Agosto 2010

Lunedì 23 Agosto 2010

Martedì 24 Agosto 2010

Mercoledì 25 Agosto 2010

Giovedì 26 Agosto 2010

Venerdì 27 Agosto 2010

Sabato 28 Agosto 2010

Domenica 29 Agosto 2010


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:

  XXI DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO C)

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: DOMENICA
Colore liturgico: Verde
CO210 ;

Gesù si rifiuta di rispondere alla domanda riguardo al numero di coloro che si salveranno: la questione della salvezza non si pone infatti in termini generali, non si pone innanzitutto per gli altri, ma si pone “per me”.
Dipende dalla mia accettazione o dal mio rifiuto della salvezza che Gesù mi offre.
Il cammino verso la salvezza consiste nel seguire Gesù: egli è la via. Lo sforzo di entrare per “la porta stretta” è lo sforzo di seguire il cammino intrapreso da Gesù, cioè il cammino verso Gerusalemme, il cammino verso il Calvario. Il Calvario fu solo una tappa nel cammino verso la destinazione finale, una tappa di grande sofferenza, di tenebre e di solitudine, ma che sboccò direttamente su un mondo di luce e di gioia, illuminato dal sole nascente di Pasqua, vivente della gioia della risurrezione.
L’ingresso al sepolcro di Gesù, nella basilica del Santo Sepolcro a Gerusalemme, è basso e stretto, all’interno l’ambiente è angusto e buio: eppure, proprio da qui la risurrezione, in tutta la sua potenza irresistibile, levò il masso e aprì le tombe riempiendo il mondo di luce e di vita.
Il punto in cui si incontrano i due bracci della croce è stretto e basso, ma i bracci indicano i quattro punti cardinali, i quattro venti del mondo. Là Gesù “stese le braccia fra il cielo e la terra, in segno di perenne alleanza” ed estese la sua offerta dell’amore e della salvezza di Dio a tutti gli uomini, ad oriente e ad occidente, a settentrione e a mezzogiorno, invitando ogni uomo e ogni donna, di ogni età e di ogni razza, di ogni colore e di ogni lingua, a partecipare al banchetto del regno di Dio.
La porta stretta è il mezzo per uscire dalle angustie di un mondo senza amore; essa è l’apertura verso l’amore senza confini, verso il perdono e la misericordia.

Scarica il foglietto della Messa >
Scarica le Letture del Lezionario >
Scarica il Salmo Responsoriale Cantato >
Ricevi la Liturgia via mail >
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Tendi l’orecchio, Signore, rispondimi:
mio Dio, salva il tuo servo che confida in te:
abbi pietà di me, Signore;
tutto il giorno a te io levo il mio grido. (Sal 86,1-3)


Colletta
O Dio,
che unisci in un solo volere le menti dei fedeli,
concedi al tuo popolo
di amare ciò che comandi
e desiderare ciò che prometti,
perché fra le vicende del mondo
là siano fissi i nostri cuori
dove è la vera gioia.
Per il nostro Signore Gesù Cristo...

Oppure:
O Padre, che chiami tutti gli uomini
per la porta stretta della croce
al banchetto pasquale della vita nuova,
concedi a noi la forza del tuo Spirito,
perché, unendoci al sacrificio del tuo Figlio,
gustiamo il frutto della vera libertà
e la gioia del tuo regno.
Per il nostro Signore Gesù Cristo...

>

Prima lettura

Is 66,18-21
Ricondurranno tutti i vostri fratelli da tutte le genti.

Dal libro del profeta Isaìa

Così dice il Signore:
«Io verrò a radunare tutte le genti e tutte le lingue; essi verranno e vedranno la mia gloria.
Io porrò in essi un segno e manderò i loro superstiti alle popolazioni di Tarsis, Put, Lud, Mesec, Ros, Tubal e Iavan, alle isole lontane che non hanno udito parlare di me e non hanno visto la mia gloria; essi annunceranno la mia gloria alle genti.
Ricondurranno tutti i vostri fratelli da tutte le genti come offerta al Signore, su cavalli, su carri, su portantine, su muli, su dromedari, al mio santo monte di Gerusalemme – dice il Signore –, come i figli d’Israele portano l’offerta in vasi puri nel tempio del Signore.
Anche tra loro mi prenderò sacerdoti levìti, dice il Signore».

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 116

Tutti i popoli vedranno la gloria del Signore.

Genti tutte, lodate il Signore,
popoli tutti, cantate la sua lode.

Perché forte è il suo amore per noi
e la fedeltà del Signore dura per sempre.

>

Seconda lettura

Eb 12,5-7.11-13
Il Signore corregge colui che egli ama.

Dalla lettera agli Ebrei

Fratelli, avete già dimenticato l’esortazione a voi rivolta come a figli:
«Figlio mio, non disprezzare la correzione del Signore
e non ti perdere d’animo quando sei ripreso da lui;
perché il Signore corregge colui che egli ama
e percuote chiunque riconosce come figlio».
È per la vostra correzione che voi soffrite! Dio vi tratta come figli; e qual è il figlio che non viene corretto dal padre? Certo, sul momento, ogni correzione non sembra causa di gioia, ma di tristezza; dopo, però, arreca un frutto di pace e di giustizia a quelli che per suo mezzo sono stati addestrati.
Perciò, rinfrancate le mani inerti e le ginocchia fiacche e camminate diritti con i vostri piedi, perché il piede che zoppica non abbia a storpiarsi, ma piuttosto a guarire.

Parola di Dio

Canto al Vangelo (Gv 14,6)
Alleluia, alleluia.
Io sono la via, la verità e la vita, dice il Signore;
nessuno viene al Padre se non per mezzo di me.
Alleluia.

>

Vangelo

Lc 13,22-30
Verranno da oriente a occidente e siederanno a mensa nel regno di Dio.


+ Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, Gesù passava insegnando per città e villaggi, mentre era in cammino verso Gerusalemme.
Un tale gli chiese: «Signore, sono pochi quelli che si salvano?».
Disse loro: «Sforzatevi di entrare per la porta stretta, perché molti, io vi dico, cercheranno di entrare, ma non ci riusciranno.
Quando il padrone di casa si alzerà e chiuderà la porta, voi, rimasti fuori, comincerete a bussare alla porta, dicendo: “Signore, aprici!”. Ma egli vi risponderà: “Non so di dove siete”. Allora comincerete a dire: “Abbiamo mangiato e bevuto in tua presenza e tu hai insegnato nelle nostre piazze”. Ma egli vi dichiarerà: “Voi, non so di dove siete. Allontanatevi da me, voi tutti operatori di ingiustizia!”.
Là ci sarà pianto e stridore di denti, quando vedrete Abramo, Isacco e Giacobbe e tutti i profeti nel regno di Dio, voi invece cacciati fuori.
Verranno da oriente e da occidente, da settentrione e da mezzogiorno e siederanno a mensa nel regno di Dio. Ed ecco, vi sono ultimi che saranno primi, e vi sono primi che saranno ultimi».

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
Gesù ci chiede di vivere la vita come un costante impegno nell’obbedienza al suo Vangelo. Questo radicalità può sorgere solo da una sincera conversione alla sua Parola.
Preghiamo insieme e diciamo: Salvaci, Signore.

1. Perché la Chiesa sia fedele alla missione che le hai affidato di annunciare a tutti il Vangelo della misericordia. Preghiamo.
2. Perché la grandezza del tuo amore vinca l’incapacità degli uomini di perdonarsi reciprocamente. Preghiamo.
3. Perché nelle prove della vita non disperiamo mai della tua provvidenza. Preghiamo.
4. Perché la nostra vita non sia contraddittoria con la testimonianza del Vangelo, ma diventi continuo impegno perché tutti siano salvati nell’amore fraterno. Preghiamo.

O Padre, aiutaci ad aprire il cuore alla tua misericordia e ad avere fiducia nella tua promessa. Te lo chiediamo per Cristo nostro Signore.

Preghiera sulle offerte
O Padre, che ti sei acquistato una moltitudine di figli
con l’unico e perfetto sacrificio del Cristo,
concedi sempre alla tua Chiesa
il dono dell’unità e della pace.
Per Cristo nostro Signore.


Antifona di comunione
Con il frutto delle tue opere sazi la terra, o Signore,
e trai dai campi il pane e il vino che allietano il cuore dell’uomo.(Sal 104,13-15)

Oppure:
Dice il Signore: “Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue,
ha la vita eterna, e io lo risusciterò nell’ultimo giorno”.(Gv 6,55)

Oppure:
“Alcuni tra gli ultimi saranno i primi,
e i primi saranno ultimi”. (Lc 13,30)


Preghiera dopo la comunione
Porta a compimento, Signore,
l’opera redentrice della tua misericordia
e perché possiamo conformarci in tutto
alla tua volontà,
rendici forti e generosi nel tuo amore.
Per Cristo nostro Signore.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

dom Luigi Gioia     (Omelia del 25-08-2013)
Verranno da oriente a occidente e siederanno a mensa nel regno di Dio
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 25-08-2013)
Gesù riconosce i suoi figli in ogni angolo del mondo
Sforzatevi di entrare per la porta stretta. Per la porta larga vuole passare chi crede di avere addosso l'odo­re di Dio, preso tra incensi, riti e preghiere, e di questo si vanta. Per la porta stretta entra «chi ha addosso l'o­dore delle pecore» (papa Francesco), l'operaio di Dio con le mani segnate ...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 25-08-2013)
Sforzatevi di entrare per la porta stretta
Un problema travaglia da sempre la vita dei credenti: il perché della sofferenza. Se Dio è buono, perché permette che i suoi figli abbiano da affrontare difficoltà, tribolazioni, insuccessi e così via? L'interrogativo, talora tanto pressante da indurre chi se lo pone ad allontanarsi dalla fede, non ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 25-08-2013)
Audio commento a Lcd 13,22-30
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 25-08-2013)
Commento su Luca 13,22-30
Collocazione del brano La nostra lettura di Luca è saltata al capitolo 13. Anche in questo capitolo vi è del materiale diverso, che l'evangelista colloca in forma di discorsi e di azioni realizzate da Gesù durante il suo viaggio verso Gerusalemme. Il capitolo 13 si apre con l'invito alla conversio ...
(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 25-08-2013)
Commento su Eb 12,5-7.11-13
Collocazione del brano Continua la nostra lettura del capitolo 12 della lettera agli Ebrei. L'autore ha ricordato ai suoi interlocutori che essi si trovano come in una corsa, una competizione sportiva e il loro modello e punto di riferimento deve essere Cristo, l'origine e il compimento della loro ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 25-08-2013)
Alcuni tra gli ultimi che saranno primi e alcuni tra i primi che saranno ultimi
Quanta competizione c'è tra i bambini, tra i ragazzi. Quando giocano li osservo spesso da lontano e vogliono primeggiare su tutto, persino chi arriva primo a tavola, o chi si lava per primo, o chi ha una tal cosa migliore dell'altro. Cercano di primeggiare per farsi vedere dagli altri, spesso dagli ...
(continua)
don Marco Pedron     (Omelia del 25-08-2013)
Ognuno raccoglie cio che semina
Nel vangelo di oggi viene posta una grande domanda, tipica del tempo: "Sono pochi quelli che si salvano?". Tutti noi ci siamo posti questa domanda in qualche momento della nostra vita: "Ma di là ci sarà qualcosa?". E poi: "E se ci sarà, io ci sarò?". Tutti noi abbiamo paura di perderci, di finire ne ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 25-08-2013)
Video commento a Lc 13,22-30
...
(continua)
don Luigi Trapelli     (Omelia del 25-08-2013)
Passare per la porta stretta
"Signore, sono pochi quelli che si salvano?" ?Quante volte abbiamo sentito rivolgere a noi tale domanda o noi avremmo voluta porla al Signore!? La salvezza è solo per pochi o è per tante persone? E come fare a salvarsi? ?Gesù ci invita a sforzarci di passare per la porta stretta, perché mol ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 25-08-2013)
Come ci si salva?
«Signore, quanti sono coloro che si salvano?» È una domanda alla quale Dio non risponde. Bisogna prendere atto che ci sono domande alle quali Dio non risponde. Anche riguardo al tempo della fine del mondo Gesù non risponde e chiude velocemente il discorso con le celebri parole: «Non sta a voi conosc ...
(continua)
Ileana Mortari - rito romano     (Omelia del 25-08-2013)
Sforzatevi di entrare per la porta stretta........
Il testo del vangelo di oggi costituisce un forte richiamo alla consapevolezza e alla responsabilità dell'essere cristiani. Il brano è introdotto dalla domanda di un anonimo ("un tale") che fa riferimento a una questione molto dibattuta nel giudaismo del tempo di Gesù: le condizioni della salvezz ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 25-08-2013)
Video commento su Lc 13,22-30
...
(continua)
mons. Giuseppe Giudice     (Omelia del 25-08-2013)
L'incancellabile desiderio della salvezza
Ci portiamo dentro il grande desiderio: essere nel numero dei salvati, sforzandoci di entrare per la porta stretta e con la paura di rimanere fuori, soli, dinanzi alla porta chiusa. Per passare bisogna accogliere l'esortazione a noi rivolta come a figli: non disprezzare la correzione del Signore e n ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 25-08-2013)
Fregati al fotofinish. La beffa dell'Eternità
Sono curiosi di sapere se la compagnia sarà numerosa oppure no. Perché chi pone una domanda siffatta - "Signore, sono tanti quelli che si salvano?" - lascia per lo meno intendere di essere sicuro di far parte di quella schiera di salvati. Forse gradirebbero d'essere di aiuto a Cristo nella selezione ...
(continua)
Giovani Missioitalia     (Omelia del 25-08-2013)
Decentrarsi per ricentrarsi
Il Vangelo di Luca di questa domenica (13,22-30) ci presenta Gesù che insegna passando per città e villaggi. Ma che cosa insegna quest'uomo in cammino verso Gerusalemme? La domanda posta dal "un tale" ci rivela che Gesù insegnava circa la "salvezza". Ma che cos'è questa salvezza che Gesù insegna? Co ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 25-08-2013)
Come si chiama la porta stretta?
Volete sapere cosa non esiste nel Vangelo? Non esistono le porte larghe. Non ci sono proprio! Cercate fin che volete, non le troverete. Troverete la via larga, ma non la porta larga. E anche quella, guai a prenderla: la via larga porta proprio dove non si vuole andare! Nessuna alternativa! ...
(continua)
mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 25-08-2013)
Entrare in Cielo per la porta stretta
Posso dire che abbiamo lasciato alle spalle un periodo di riposo, per essere pronti ad affrontare il cammino della quotidianità. Anche se non fanno cronaca, ormai è evidente che sono tanti quelli che dedicano il tempo delle ferie per un ?ristoro dello spirito', cercando luoghi di silenzio, di medit ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 25-08-2013)
La porta degli ultimi
Mentre era in cammino verso Gerusalemme È un motivo ritornante quello del camminare. È nella dinamica della vita che siamo capaci di ascoltare e di trovare risposte; nel camminare ci si incontra e ci si confronta, si esce da se stessi per trovare un punto altro rispetto a quello personale ed egoist ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 25-08-2013)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di Gigi Avanti Capita talvolta di imbattersi in persone che accampano dei diritti, che millantano crediti, che pretendono trattamenti di preferenza in ragione di questa o quella appartenenza o di questo o quel titolo. Sono persone che a lungo andare finisco ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 25-08-2013)
Video commento a Lc 13,22-30
...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 25-08-2013)
L'opportunità della porta stretta
"La salvezza appartiene al nostro Dio assiso sul trono e all'Agnello" (Ap 7, 10), esclamano gli angeli nell'Apocalisse davanti al trono di Dio, attribuendo solo all'Altissimo e al suo Figlio la magnificenza della salvezza e sottolineando che Dio ci salva tutti in forza del Figlio di Dio che ha dato ...
(continua)
don Marco Pratesi     (Omelia del 25-08-2013)
Ruminare i Salmi - Salmo 117,2 (XXI domenica del tempo ordinario, anno C)
Ruminare i Salmi - Salmo 117, (Vulgata / liturgia 116),2 (XXI domenica del tempo ordinario, anno C) CEI forte è il suo amore per noi e la fedeltà del Signore dura per sempre. TILC È forte il suo amore per noi, la sua fedeltà dura per sempre. NV Quoniam confirmata est super nos misericordia ei ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 25-08-2013)
Allontanatevi da me, voi tutti operatori di ingiustizia!
La Scrittura Antica conosce già questi operatori di iniquità, ingiustizia, menzogna. Gesù parla e i suoi ascoltatori comprendono l'esatto significato delle sue parole. L'operatore di ingiustizia è persona che cerca il male per i suoi fratelli, perché lo vuole. Dopo la morte di Giuda riapparvero g ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 25-08-2013)
Commento su Lc 13,22-30
La salvezza è una porta e c'è lotta per entrarci. Passa chi dice di averne bisogno, si sente peccatore e accetta il perdono di Dio; resta fuori chi si sente sicuro e appagato dei propri meriti. Gesù è la porta: larga per la misericordia e stretta per l'egoismo e la presunzione. Nessuno si salva con ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 25-08-2013)
Commento su Isaia 66,18-21; Salmo 116; Ebrei 12,5-7.11-13; Luca 13,22-30
La domenica corrente, posta verso la fine delle nostre vacanze estive, ci invita a riflettere su quali siano i requisiti per essere salvati, cioè per entrare nel regno di Dio, nella vita nuova e piena di cui Gesù ha parlato nel corso della sua predicazione. Innanzitutto, come riporta la prima lettu ...
(continua)
padre Fernando Armellini     (Omelia del 25-08-2013)
Video commento su Lc 13,22-30
...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 25-08-2013)

Tra la pagina di Isaia e quella di Luca sembra esserci un contrasto stridente: parola-chiave della prima è "tutti", parola-chiave della seconda è "pochi". Così pure il senso dei due brani: la profezia parla di salvezza totale; san Luca riporta invece la promessa di un giudizio severo del Messia, qua ...
(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 22-08-2010)
Commento su Luca 13,22-30
Lectio Luca ricorda qui che Gesù sta andando a Gerusalemme, dove avverrà la sua passione e morte. La domanda dell'interlocutore: «Sono pochi quelli che si salvano?» indica la ripresa del tema della salvezza. E' ora il tempo della conversione. Al momento della Parusia, sarà troppo tardi: il padrone ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 22-08-2010)
Signore, sono pochi quelli che si salvano?
Fede e società, fede e civiltà, fede e progresso civile sono intimamente collegati, strettamente uniti, vitalmente vincolati, più che il bambino nel grembo materno è vincolato, collegato, unitO alla madre dal quale riceve ogni sostentamento perché possa crescere, svilupparsi, raggiungere la pienezza ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 22-08-2010)
Audio commento a Lc 13,22-30
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
don Mario Campisi     (Omelia del 22-08-2010)
Audio commento a Lc 13,22-30
Lo "scanner" di Dio vede in fondo a noi, e rivela quello che veramente abita nel nostro cuore e nel nostro atteggiamento di vita. E da primi che credevamo di essere, veniamo ricacciati per ultimi... Ma questo "scanner" ce l'ha anche la nostra coscienza, e se la sappiamo ascoltare non possiamo non v ...
(continua)
don Daniele Muraro     (Omelia del 22-08-2010)
Arrivare davanti a Dio
"Sforzatevi di entrare per la porta stretta" dice Gesù. Non risolve il problema sul numero dei salvati, se siano tanti o pochi, ma coinvolge personalmente i suoi interlocutori. Nessuno può rimanere indifferente di fronte ad una questione così importante. C'è una porta da trovare e occorre mettercel ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 22-08-2010)
La domenica dei cristiani anonimi
So che sembra una roba da matti, ma secondo una recente e ben documentata indagine - stupefacente - di F. Garelli, un numero impressionante di giovani - circa un milione - in Italia ha pensato almeno una volta nella propria vita a... farsi prete. Sì, avete sentito bene: 1.000.000 (un milione) dei n ...
(continua)
Il pane della domenica     (Omelia del 22-08-2010)
La radicalità del vangelo
Verranno da oriente e da settentrione e siederanno a mensa nel Regno di Dio 1. Il Regno di Dio è un dono che va accolto nella fede. Questa accoglienza impegna la vita del discepolo in una scelta continua. Questo è il significato del tema odierno: una porta stretta per il Regno di Dio. L'esempio d ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 22-08-2010)
Video commento a Lc 13, 22-30
...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 22-08-2010)
Il body-scanner di Dio
Clicca qui per la vignetta della settimana. Qualche tempo fa sui vari media, molto si è parlato dei "body-scanner", di quei nuovi dispositivi da posizionare negli aeroporti per controllare i passeggeri in transito. Questi body-scanner vorrebbero essere un gradino in più sul fronte della sicurez ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 22-08-2010)
Una porta stretta, aperta, bella
Siamo davanti al Signore, celebriamo la sua bontà, il suo amore, la sua salvezza, cioè crediamo alla sua presenza, contempliamo il suo volto, accogliamo il suo perdono e la sua grazia. Questo avviene per noi soprattutto ora nell'Eucarestia, segno e strumento dell'infinito amore di Gesù Cristo, Lui c ...
(continua)
don Luca Orlando Russo     (Omelia del 22-08-2010)
Lottate!
È una caratteristica del vangelo di Luca presentarci Gesù come un Profeta inviato per la salvezza di tutte le genti. Ed è ancora una caratteristica del vangelo di Luca ricordare a tutti che per entrare nella salvezza è necessario essere sgombri da tutto ciò che ci impedisce di attraversare una porta ...
(continua)
mons. Gianfranco Poma     (Omelia del 22-08-2010)
Una porta aperta sulla felicità
"Signore, sono pochi coloro che sono salvati?". Comincia con questa domanda il brano del Vangelo di Luca (Lc.13,23-30) che la liturgia della Chiesa cattolica legge in questa domenica. Ogni pagina del Vangelo, ascoltata con mente aperta, è come una porta che si apre su orizzonti imprevedibili e sorp ...
(continua)
Monastero Janua Coeli     (Omelia del 22-08-2010)
Per la porta stretta
Sforzatevi di entrare per la porta stretta. Le parole di Gesù sembrano lontane dall'esperienza che oggi gli uomini fanno. Tutte le porte si aprono se ci sai fare. E invece qui si parla di "sforzo per", di fatica, di timore nel non riuscire. Perché? Il vangelo non è dato a tutti? La misericordia del ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 22-08-2010)
Ma che pretese hai con Dio?
Almeno una volta, nella nostra vita di credenti, ci saremo chiesti: "Mi salverò oppure no?". Quantomeno, ci siamo posti la domanda sulla salvezza, la nostra, ancor prima che quella universale instaurata da Cristo con la sua venuta nel mondo: cosa significa "salvarsi"? Cosa vuol dire, e come avviene? ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 22-08-2010)
Porta stretta: come entrarvi?
- 1) Invitati al banchetto Uno dei temi delle letture di oggi è l'invito al banchetto (I lettura) ma la porta è stretta (vangelo). E tra i due c'è la correzione di DIO (II lettura). Nella prima lettura il Signore ci dice una cosa molto consolante, ci promette nientemeno che la sua gloria. "Io v ...
(continua)
padre Mimmo Castiglione     (Omelia del 22-08-2010)
Niente raccomandati. Agonizzare!
Sapienza informarsi non sul "numero"! Non è curiosità! Importante comprendere "come" salvarsi! Non è questione di conoscere la "lista"! Si tratta invece di capire. Che non è facile addentrarsi! La porta è stretta! E non per masochismo o per castigo! Lo Sposo tutti quanti dentro vuol tenere. Fa ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 22-08-2010)
Dio non si merita, ma si accoglie
Sono pochi quelli che si salvano, o molti? Gesù non risponde sul nume­ro dei salvati ma sulle moda­lità. Dice: la porta è stretta, ma non perché ami gli sforzi, le fatiche, i sacrifici. Stretta per­ché è la misura del bambino: «Se non sarete come bambini non entrerete!». Se la porta è piccola, per p ...
(continua)
LaParrocchia.it     (Omelia del 22-08-2010)
Una Domanda? Inquietante
È questa una domanda, insieme a tante altre, che assilla il cuore dell'uomo: Sono pochi quelli che si salvano? È un interrogativo che attraversa inesorabilmente la vita e il cuore di tutti gli uomini, credenti e non, nel momento in cui si vuole pensare all'aldilà... o si è costretti a dare una rispo ...
(continua)
Ileana Mortari - rito romano     (Omelia del 22-08-2010)
Sforzatevi di entrare per la porta stretta
Il testo del vangelo di oggi costituisce un forte richiamo alla consapevolezza e alla responsabilità dell'essere cristiani. Il brano è introdotto dalla domanda di un anonimo ("un tale") che fa riferimento a una questione molto dibattuta nel giudaismo del tempo di Gesù: le condizioni della salvezz ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 22-08-2010)
Video commento a Lc 13,22-30
...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 22-08-2010)
Verranno da ogni dove
Un giorno un tale chiese a Gesù: "Signore, sono pochi quelli che si salvano?" E' da sperare che la domanda non fosse motivata da banale curiosità statistica, ma sottintendesse l'interrogativo cruciale che ogni persona ragionevole prima o poi si pone: se la vita dopo questa può essere per sempre feli ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 22-08-2010)
Porta stretta, cuore largo
Maria, prima dei discepoli, prima fra i risorti, capocordata della lunga ascensione verso il cuore di Dio, colei che si è lasciata fare dalla Parola, che ha saputo riconoscere la grandiosa opera di Dio nella Storia e nella sua piccola storia, ci invita a prendere sul serio l'opera di suo Figlio, a f ...
(continua)
don Marco Pedron     (Omelia del 22-08-2010)
Se una cosa deve essere fatta, si deve fare
Gesù procede nel suo cammino verso Gerusalemme. Nel vangelo di Lc viene sempre detto e ripetuto che Gesù camminava. Gesù era sempre in cammino. Non è soltanto un'annotazione descrittiva ma piuttosto simbolica, indice di una disposizione dell'anima. Se non sei in cammino sei fermo. Se sei fermo non ...
(continua)
mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 22-08-2010)
Entrate per la porta stretta
Quante volte abbiamo udito queste frasi: 'Sono un buon cristiano, migliore forse di tanti altri che vanno in Chiesa ogni giorno e magari si battono il petto' - 'Non frequento tanto Chiesa e sacerdoti, ma non mi tiro indietro dal fare l'elemosina al povero che incontro e mi tende la mano'. Senza con ...
(continua)
don Roberto Seregni     (Omelia del 22-08-2010)
La porta stretta
La domanda posta al Rabbì di Nazareth riguarda una tra le tematica più discusse nel dibattito teologico del tempo. L'interrogativo era più o meno in questi termini: per chi Dio ha riservato un futuro di salvezza? Per tutto Israele? Solo per i giusti? L'anonimo interlocutore che il Vangelo ci fa inc ...
(continua)
padre Sergio Tellan, OFM cap.     (Omelia del 22-08-2010)
Video commento a Lc 13, 22-30
...
(continua)
don Remigio Menegatti     (Omelia del 22-08-2010)
Tutti i popoli vedranno la gloria del Signore
PREGHIERA DI COLLETTA O Padre, che chiami tutti gli uomini per la porta stretta della croce al banchetto pasquale della vita nuova, concedi a noi la forza del tuo Spirito, perché, unendoci al sacrificio del tuo Figlio, gustiamo il frutto della vera libertà e la gioia del tuo regno. Per il nostro Si ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 22-08-2010)

Quanti sono gli scampati, quelli che si salvano? I giudei erano parecchio pessimisti nei confronti della salvezza eterna. Uno di loro ha scritto: "L'Altissimo ha creato questo mondo per amore di molti, ma quello futuro per pochi". Come dire: sono più quelli che si perdono di quelli che si salvano. ...
(continua)
Suor Giuseppina Pisano o.p.     (Omelia del 22-08-2010)
Quella porta stretta che ci introduce nella vita eterna
"Io verrò a radunare tutti i popoli e tutte le lingue; essi verranno e vedranno la mia gloria. Io porrò in essi un segno e manderò i loro superstiti alle genti, ai lidi lontani che non hanno udito parlare di me, e non hanno visto la mia gloria; essi annunzieranno la mia gloria alle nazioni. Ricondur ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 22-08-2010)
Sforziamoci quando è richiesto!
Almeno per quello che riguarda la mia esperienza diretta, il ministero pastorale è molto bello perché, quando è svolto con impegno, zelo e disinteresse, aiuta a vincere l'egoismo e in tutti i casi ci rende utili agli altri e già questo apporta non poche soddisfazioni. Vi sono tuttavia dei casi in cu ...
(continua)
don Luciano Sanvito     (Omelia del 22-08-2010)
Chiave d'accesso
Puntare dritti e decisi sul Cristo. Non c'è altra scelta. Non c'è altra porta: Lui è quella decisiva e fondante: "Io sono la Porta". Quando, sospinti dallo Spirito Santo, sappiamo accogliere Cristo con tutta la nostra realtà di vita, ecco che si focalizzano tutti i nostri atteggiamenti: quelli ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 22-08-2010)

Siamo tutti quanti creature di Dio, figli nel Figlio e perciò chiamati dal Padre ad abitare nella sua casa che è casa di salvezza. Per giungere sino ad essa dobbiamo percorrere una via, che dura tutta una vita, stando attenti a dove mettiamo i piedi perché non è liscia e asfaltata. Ad essa si accede ...
(continua)
don Ezio Stermieri     (Omelia del 26-08-2007)
una salvezza esistenziale
Il cristianesimo, nella sua essenza, è fede-fiducia che Dio, in Cristo, è salvezza, perché ci dona il suo Spirito. Oh certo, non puramente una salvezza "mondana", come di quelle che la storia registra come tentativi che l'umanità cerca di darsi da sola e ultimamente anche a prescindere è contro Dio. ...
(continua)
   > Translate this page (italian > english) with Google