B I B B I A .net   > Bibbia CEI 2008 > Bibbia CEI 1974 > La Bibbia TILC

Antico Gen Es Lv Nm Dt - Gios Gdc Rut 1Sam 2Sam 1Re 2Re 1Cr 2Cr Esd Nee Tob Gdt Est 1Mac 2Mac
Testam. Gb Sal Prv Qo Cant Sap Sir - Is Ger Lam Bar Ez Dan Os Gioe Am Abd Gion Mich Naum Abac Sof Agg Zacc Mal

NuovoT. Mt Mc Lc Gv - At - Rom 1Cor 2Cor Gal Ef Fil Col 1Ts 2Ts 1Tm 2Tm Tit Flm Ebr - Giac 1Pt 2Pt 1Gv 2Gv 3Gv Gd - Ap

(Versione sperimentale)
Ricerca per citazione:
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     

Ricerca per parola:
cerca all'interno di
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     
 
hai cercato Lazzaro
  la ricerca ha riportato 22 risultati  

(Testo TILC)

Lc 16,20 C'era anche un povero, un certo Lazzaro, che si metteva vicino alla porta del suo palazzo. Era tutto coperto di piaghe e chiedeva l'elemosina.
Lc 16,22 'Un giorno, il povero Lazzaro morý, e gli angeli lo portarono accanto ad Abramo nella pace. Poi morý anche l'uomo ricco e fu sepolto.
Lc 16,23 And˛ a finire all'inferno e soffriva terribilmente. 'Alzando lo sguardo verso l'alto, da lontano vide Abramo e Lazzaro che era con lui.

Lc 16,24 Allora grid˛:
- Padre Abramo, abbi pietÓ di me! Di' a Lazzaro che vada a mettere la punta di un dito nell'acqua e mi rinfreschi la lingua. Io soffro terribilmente in queste fiamme!

Lc 16,25 'Ma Abramo gli rispose:
- Figlio mio, ric˛rdati che durante la tua vita hai giÓ ricevuto molti beni, e Lazzaro ha avuto soltanto sofferenze. Ora invece, lui si trova nella gioia e tu soffri terribilmente.
Lc 16,27 'Ma il ricco disse ancora:
- Ti supplico, padre Abramo, almeno manda Lazzaro nella casa di mio padre.
Lc 16,28 Ho cinque fratelli e vorrei che Lazzaro li convincesse a non venire anche loro in questo luogo di tormenti.

Gv 11,1-2 Lazzaro era il fratello di Maria, la donna che poi unse il Signore con olio profumato e gli asciug˛ i piedi con i suoi capelli. Essi abitavano a BetÓnia insieme a Marta, loro sorella. Lazzaro si ammal˛
Gv 11,5 Ges¨ voleva molto bene a Marta, a sua sorella Maria e a Lazzaro.
Gv 11,6 Quando sentý che Lazzaro era ammalato aspett˛ ancora due giorni,
Gv 11,11 Poi disse ancora:
- Il nostro amico Lazzaro si Ŕ addormentato, ma io vado a risvegliarlo.

Gv 11,13 Ma Ges¨ parlava della morte di Lazzaro; essi invece pensavano che parlasse del sonno.
Gv 11,14 Allora Ges¨ disse chiaramente:
- Lazzaro Ŕ morto;
Gv 11,17-18 BetÓnia era un villaggio distante circa tre chilometri da Gerusalemme: quando vi giunse Ges¨, Lazzaro era nella tomba da quattro giorni.
Gv 11,31 La gente che era in casa a confortare Maria la vide uscire: pensarono che andava a piangere sulla tomba di Lazzaro e la seguirono.

Gv 11,37 Ma alcuni di loro dissero: 'Lui che ha aperto gli occhi al cieco non poteva fare in modo che Lazzaro non morisse?'.

Gv 11,43 Subito dopo grid˛ con voce forte: 'Lazzaro, vieni fuori!'.

Gv 12,1 Sei giorni prima della Pasqua ebraica Ges¨ and˛ a BetÓnia dove c'era Lazzaro, quello che egli aveva risuscitato dai morti.
Gv 12,2 Lý prepararono per lui una cena: Marta serviva e Lazzaro era uno dei commensali.

Gv 12,9 Una gran folla venne a sapere che Ges¨ era a BetÓnia, e ci and˛: non solo per lui, ma anche per vedere Lazzaro, che Ges¨ aveva risuscitato dai morti.
Gv 12,10 Allora i capi dei sacerdoti decisero di uccidere anche Lazzaro,
Gv 12,17 La gente che era con Ges¨ quando aveva chiamato Lazzaro fuori del sepolcro e l'aveva risuscitato dai morti, lo raccontava a tutti.




  la ricerca ha riportato 22 risultati  
inizio pagina