B I B B I A .net   > Bibbia CEI 2008 > Bibbia CEI 1974 > La Bibbia TILC

Antico Gen Es Lv Nm Dt - Gios Gdc Rut 1Sam 2Sam 1Re 2Re 1Cr 2Cr Esd Nee Tob Gdt Est 1Mac 2Mac
Testam. Gb Sal Prv Qo Cant Sap Sir - Is Ger Lam Bar Ez Dan Os Gioe Am Abd Gion Mich Naum Abac Sof Agg Zacc Mal

NuovoT. Mt Mc Lc Gv - At - Rom 1Cor 2Cor Gal Ef Fil Col 1Ts 2Ts 1Tm 2Tm Tit Flm Ebr - Giac 1Pt 2Pt 1Gv 2Gv 3Gv Gd - Ap

(Versione sperimentale)
Ricerca per citazione:
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     

Ricerca per parola:
cerca all'interno di
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     
 
hai cercato Ezechia
  la ricerca ha riportato 133 risultati  

(Testo TILC)

2Re 16,20 Quando morì, Acaz fu sepolto accanto ai suoi antenati, nella Città di Davide. Dopo di lui regnò suo figlio Ezechia.
2Re 18,1 Ezechia, figlio di Acaz, divenne re di Giuda quando Osea, figlio di Ela, re d'Israele, era al suo terzo anno di regno.
2Re 18,2 Ezechia aveva venticinque anni quando divenne re. Regnò a Gerusalemme per ventinove anni. Sua madre si chiamava Abi ed era figlia di un certo Zaccaria.
2Re 18,3 Ezechia eseguì la volontà del Signore, proprio come il suo antenato Davide.
2Re 18,5 Ezechia ebbe sempre fiducia nel Signore, Dio d'Israele. Nessun re di Giuda fu come lui, né prima né dopo.
2Re 18,7 l Signore fu con Ezechia, e così egli ebbe sempre successo. Si ribellò all'Assiria e non le fu più sottomesso.
2Re 18,9 Durante il quarto anno di regno di Ezechia, corrispondente al settimo di Osea, re d'Israele, Salmanassar, re d'Assiria, marciò contro la città di Samaria e l'assediò.
2Re 18,10 Gli Assiri riuscirono a conquistarla dopo tre anni. Samaria fu presa nel sesto anno di regno di Ezechia, che corrisponde al nono di Osea, re d'Israele.
2Re 18,13 Nel quattordicesimo anno di regno di Ezechia, Sennacherib, re d'Assiria, venne ad assalire le città fortificate del regno di Giuda e le conquistò.
2Re 18,14 Allora Ezechia, re di Giuda, mandò questo messaggio al re d'Assiria, che si trovava a Lachis: 'Ho sbagliato, lo so. Rinunzia ad attaccarmi; imponimi invece un tributo e io lo pagherò'. Così il re d'Assiria obbligò Ezechia, re di Giuda, a versare circa dieci tonnellate d'argento e una d'oro.
2Re 18,15 Ezechia consegnò tutto l'oro che si trovava nel tempio e nel tesoro del palazzo reale.
2Re 18,17 Da Lachis, il re d'Assiria mandò dal re Ezechia un grande esercito guidato dal comandante in capo, da un alto ufficiale e dal luogotenente. Essi vennero fino a Gerusalemme e si fermarono al canale della vasca superiore, che si trovava presso l'argine del campo del Lavandaio.
2Re 18,19 Il luogotenente assiro disse loro:
- Riferite a Ezechia questo messaggio del gran re, il re d'Assiria: Perché ti senti tanto sicuro?
2Re 18,22 Voi mi risponderete che avete fiducia nel Signore, vostro Dio. Ma Ezechia gli ha distrutto tutti i santuari sulle colline e gli altari e ha detto agli abitanti di Giuda e di Gerusalemme di adorare il Signore soltanto davanti all'altare di Gerusalemme!
2Re 18,23 Ezechia, prova a sfidare il mio imperatore, il re d'Assiria! - continuò il luogotenente. - Ti do io duemila cavalli, se riuscirai a trovare gli uomini per cavalcarli.
2Re 18,29 Attenti a non lasciarvi ingannare da Ezechia. Egli non è in grado di liberarvi dal mio assalto!
2Re 18,32 fino a quando non verrò a prendervi per portarvi in una terra simile alla vostra, una terra che produce frumento e mosto, che ha pane e vigne, ulivi e miele. Vi lascerò in vita e non sarete uccisi. Non date ascolto a Ezechia: egli vi inganna, dicendovi che il Signore vi libererà.
2Re 18,36 Il popolo rimase in silenzio e non disse una parola, perché il re Ezechia aveva ordinato di non rispondere.
2Re 18,37 Eliakim, figlio di Chelkia, capo del palazzo reale, il segretario Sebna e Ioach figlio di Asaf, portavoce del re, si presentarono al re Ezechia con i vestiti strappati per il dolore e gli riferirono le parole del luogotenente assiro.


2Re 19,1 Quando il re Ezechia ebbe udite queste notizie, si strappò anche lui le vesti, indossò un abito di sacco e si recò al tempio.
2Re 19,3 Essi dissero a Isaia: 'Ezechia ti manda a dire: Oggi è per noi una giornata di grande dolore, di castigo e di vergogna. Siamo come donne pronte a partorire ma troppo deboli per farlo.
2Re 19,5 Agli inviati di Ezechia che erano venuti da lui, il profeta Isaia
2Re 19,9 Sennacherib aveva avuto notizia che Tiraca, re d'Etiopia, era in marcia per combattere contro di lui. Allora mandò una seconda volta ambasciatori a Ezechia re di Giuda,
2Re 19,14 Ezechia prese la lettera dalle mani degli ambasciatori e la lesse. Poi si recò al tempio e srotolò la lettera davanti al Signore
2Re 19,20 Isaia, figlio di Amoz, mandò questo messaggio a Ezechia: 'Questa è la risposta del Signore, Dio d'Israele: Ho udito la preghiera che mi hai rivolto a proposito di Sennacherib, re d'Assiria.
2Re 19,29 Poi Isaia disse a Ezechia: 'Ecco un segno di quel che accadrà: quest'anno mangerete il grano cresciuto dalle spighe rimaste sul campo, l'anno prossimo il frutto dei semi caduti fuori del campo. Ma l'anno dopo seminate e mietete pure, piantate vigne e mangiate l'uva.
2Re 20,1 Un giorno, Ezechia fu colpito da una malattia mortale. Il profeta Isaia, figlio di Amoz, andò a trovano e gli riferì questo messaggio da parte del Signore: 'Comunica alla tua famiglia le tue ultime disposizioni, perché non hai più molto da vivere'.
2Re 20,2 Allora Ezechia si voltò verso la parete e rivolse al Signore questa preghiera:
2Re 20,5 'Torna indietro e riferisci a Ezechia, capo del mio popolo, queste parole: Così dice il Signore, Dio del tuo antenato Davide: Ho udito la tua preghiera, ho visto le tue lacrime. Sappi che voglio guarirti; fra tre giorni potrai andare al tempio.
2Re 20,7 Poi, Isaia ordinò a Ezechia di prendere una schiacciata di fichi. Fu applicata sulla parte malata perché guarisse.
2Re 20,8 Ezechia chiese a Isaia:
- Quale segno mi assicura che il Signore mi fa guarire e che fra tre giorni potrò salire al tempio?

2Re 20,10 Ezechia rispose:
- È facile che l'ombra avanzi di dieci passi: è difficile farla tornare indietro di dieci passi.

2Re 20,12 Merodak-Baladan, figlio di Baladan, re di Babilonia, aveva saputo della malattia di Ezechia; gli scrisse e gli mandò un regalo
2Re 20,13 Ezechia si rallegrò per l'arrivo degli inviati di Merodak-Baladan e mostrò loro i suoi depositi, l'oro, l'argento, i profumi, l'olio aromatico, il suo arsenale e tutti i tesori che aveva nei magazzini; fece vedere tutto quel che si trovava nel suo palazzo e nel suo regno, senza tralasciare nulla.

2Re 20,14 Il profeta Isaia venne dal re Ezechia e gli chiese?
- Da dove vengono questi uomini? Che cosa ti hanno detto?
- Vengono da una terra lontana, da Babilonia, - rispose Ezechia.

2Re 20,15 - Che cosa hanno visto in casa tua? -chiese ancora Isaia.
Ezechia rispose:
- Hanno visto tutto. Ho mostrato loro tutti i tesori che si trovano nei miei magazzini, senza tralasciare nulla.

2Re 20,16 Allora Isaia rispose a Ezechia:
- Ascolta la parola del Signore:
2Re 20,19 Ezechia rispose a Isaia:
- Mi hai portato una buona notizia da parte del Signore: vuoi dire che almeno io avrò pace e sicurezza!

2Re 20,20 Gli altri fatti della vita di Ezechia, il suo valore in guerra, la notizia di come egli costruì il serbatoio e l'acquedotto per portare l'acqua in città, tutto questo è raccontato nella 'Storia dei re di Giuda'.
2Re 20,21 Alla morte di Ezechia, divenne re suo figlio Manasse.


2Re 21,3 Ricostruì i santuari sulle colline distrutti da suo padre Ezechia ed eresse altari dedicati al dio Baal. Innalzò anche un palo sacro alla dea Asera, come già aveva fatto Acab, uno dei re d'Israele, praticò il culto degli astri e li adorò.
1Cr 3,13 Acaz, Ezechia, Manasse,
1Cr 3,23 Naaria ne ebbe tre: Elioenai, Ezechia e Azrikam.
1Cr 4,41 Ma, al tempo del re di Giuda Ezechia, i capi nominati sopra andarono a distruggere le tende e le abitazioni dei discendenti di Cam e li sterminarono, tanto che oggi non vi è più traccia di loro. Poi si stabilirono al loro posto perché la regione era ricca di pascoli.
2Cr 28,12 Anche alcune autorità del regno d'Israele disapprovarono il comportamento di quei soldati. Erano: Azaria figlio di Giovanni, Berechia figlio di Mesillemot, Ezechia figlio di Sallum e Amasa figlio di Caldai.
2Cr 28,27 Quando morì, Acaz fu sepolto a Gerusalemme, ma non nella tomba dei re. Dopo di lui regnò suo figlio Ezechia.


2Cr 29,1 Ezechia divenne re all'età di venticinque anni e regnò a Gerusalemme ventinove anni. Sua madre era Abia figlia di Zaccaria.
2Cr 29,3 Nel primo anno del suo regno, proprio nel primo mese, Ezechia fece restaurare e riaprire le porte del tempio.
2Cr 29,18 Allora i sacerdoti andarono a informare il re Ezechia: 'Abbiamo purificato tutto il tempio, anche l'altare per i sacrifici, la tavola dei pani da offrirsi al Signore e tutti gli arredi.
2Cr 29,20 Il mattino seguente il re Ezechia convocò le autorità della capitale e salì con loro al tempio.
2Cr 29,27 Allora Ezechia ordinò di bruciare gli animali sull'altare. Contemporaneamente si intonarono canti in onore del Signore, al suono delle trombe e degli altri strumenti voluti dal re Davide.
2Cr 29,30 Poi il re Ezechia e i capi ordinarono ai leviti di lodare il Signore con i canti composti da Davide e dal profeta Asaf. Essi cantarono con grande gioia, poi s'inchinarono profondamente.
2Cr 29,31 Ezechia, allora, si rivolse al popolo: 'Ora, anche voi che siete pronti a offrire doni al Signore, avvicinatevi pure e portate al tempio sacrifici e offerte di ringraziamento'. L'assemblea portò animali da sacrificare, offerte di ringraziamento, e i più generosi offrirono sacrifici completi.
2Cr 29,36 Ezechia e il popolo furono molto contenti, perché Dio li aveva aiutati anche se tutto era stato preparato in fretta.


2Cr 30,1 Ezechia decise di invitare tutti gli abitanti del paese a celebrare la Pasqua del Signore, Dio d'Israele, nel suo tempio a Gerusalemme. Decise perciò di mandare lettere d'invito anche alle tribù di Efraim e Manasse nel regno d'Israele al nord.
2Cr 30,18 Queste persone mangiarono ugualmente l'agnello pasquale, anche se era proibito dalle norme scritte. Così fecero moltissime persone provenienti dalle tribù di Efraim, Manasse, Issacar e Zabulon, perché Ezechia aveva fatto questa preghiera: 'Signore, tu sei buono, perdona
2Cr 30,20 Il Signore ascoltò la preghiera di Ezechia e perdonò quella gente.
2Cr 30,22 Ezechia lodò cordialmente tutti i leviti per la dedizione dimostrata nel servizio al Signore. Essi, per sette giorni, offrirono i sacrifici per i banchetti sacri e lodarono il Signore, Dio dei loro padri.

2Cr 30,24 Il re Ezechia, infatti, mise a disposizione del popolo mille buoi e settemila pecore, e le altre autorità altri mille buoi e diecimila pecore. Moltissimi sacerdoti si purificarono per i sacrifici. GIi abitanti del regno di Giuda, i sacerdoti e i leviti, la gente venuta dai territori del nord, sia i pellegrini sia quelli che si erano stabiliti nel regno di Giuda, tutti furono pieni di gioia.
2Cr 31,2 Ezechia riorganizzò i gruppi dei sacerdoti e dei leviti. Stabilì le funzioni di ciascuno nei vari tipi di sacrifici, nelle celebrazioni e nelle lodi del Signore all'interno del tempio.
2Cr 31,8 Quando Ezechia e le autorità videro la quantità delle offerte, ringraziarono il Signore e la generosità del suo popolo, Israele.
2Cr 31,9 Ezechia s'informò dai sacerdoti e dai leviti sulla quantità delle offerte.
2Cr 31,11-12 Ezechia ordinò che si preparassero depositi nel tempio per conservare con cura le offerte, le decime e gli altri doni consacrati. Così fu fatto e il levita Conania, aiutato da suo fratello Simei, fu nominato direttore del deposito.
2Cr 31,13 Alle loro dipendenze lavoravano alcuni sorveglianti, sotto l'autorità del re Ezechia e del sopraintendente al tempio, il sacerdote Azaria. Erano: Iechiel, Azaria, Nacat, Asael, Ierimot, Iozabad, Eliel, Ismachia, Macat e Benaia.
2Cr 31,20 Ezechia organizzò tutto questo nel regno di Giuda. Egli ubbidì alla volontà del Signore con precisione e fedeltà verso il suo Dio.
2Cr 32,1 Dopo che Ezechia si era mostrato fedele a Dio, Sennacherib, re d'Assiria, invase il regno di Giuda. Assediò le città fortificate con l'idea di conquistarle.
2Cr 32,2 Ezechia si rese conto che Sennacherib si preparava ad attaccare anche Gerusalemme.
2Cr 32,5 Con grande decisione Ezechia fece riparare le mura dov'erano diroccate, fece sopraelevare le torri e costruire un secondo muro più esterno. Fortificò il terrapieno del Millo della Città di Davide e fece preparare lance e scudi in quantità.
2Cr 32,8 Il re d'Assiria ha una grande forza terrena, ma con noi c'è il Signore nostro Dio. Egli ci aiuterà e combatterà la nostra battaglia'. Queste parole di Ezechia, re di Giuda, diedero coraggio al popolo.

2Cr 32,9 Il re d'Assiria Sennacherib stava assediando con tutto il suo esercito la città di Lachis. Un giorno mandò messaggeri al re Ezechia e a tutti gli abitanti di Gerusalemme.
2Cr 32,11 Il vostro re Ezechia dice che il Signore vostro Dio vi salverà dal nostro potere, ma vi inganna. Finirete per morire di fame e di sete.
2Cr 32,12 Questo Ezechia, infatti, ha ordinato agli abitanti di Gerusalemme e di Giuda di adorare il Signore e offrirgli incenso soltanto sull'altare di Gerusalemme e ha fatto distruggere tutti gli altari e santuari del vostro Dio.
2Cr 32,15 Non lasciatevi facilmente illudere e ingannare da Ezechia. Non fidatevi delle sue promesse. Ve lo ripeto: nessun dio di nessun popolo o regno ha mai potuto liberare nessuno dal dominio dell'Assiria! Non potranno farlo neppure i vostri dèi'.

2Cr 32,16 I messaggeri assiri dissero anche altre cose contro il Signore Dio e contro Ezechia suo servitore.
2Cr 32,17 Consegnarono una lettera di Sennacherib che insultava il Signore Dio d'Israele. Essa diceva: 'Nessun dio della terra ha mai salvato il suo popolo dal mio potere e neppure il dio di Ezechia salverà il suo'.
2Cr 32,20 Il re Ezechia, insieme con il profeta Isaia figlio di Amoz, rivolse preghiere e invocazioni al cielo.
2Cr 32,22 Così il Signore salvò dal re d'Assiria e da tutti i nemici Ezechia e gli abitanti di Gerusalemme e ridonò loro la pace su tutti i confini.
2Cr 32,23 Per ringraziare il Signore, molti portarono offerte a Gerusalemme. Fecero anche preziosi regali a Ezechia re di Giuda che, da allora, fu sempre più rispettato da tutti i popoli.

2Cr 32,24 Dopo un po' di tempo Ezechia si ammalò e fu in punto di morte. Si rivolse al Signore con una preghiera e il Signore gli diede un segno che sarebbe guarito.
2Cr 32,25 Ma Ezechia non fu riconoscente al Signore per il beneficio ricevuto. Si sentiva troppo sicuro di sé, così attirò il castigo su di sé, su Gerusalemme e sul suo regno.
2Cr 32,26 Ma poi, sia lui sia gli abitanti di Gerusalemme riconobbero il loro orgoglio e si umiliarono. Il Signore non mandò più castighi per il resto della vita di Ezechia.
2Cr 32,27 Anzi, la ricchezza e il prestigio di Ezechia aumentarono ancora. Egli si fece costruire depositi per custodire l'argento, l'oro, le pietre preziose, i profumi rari, gli scudi e gli altri oggetti di valore di sua proprietà.
2Cr 32,30 Ezechia fece deviare il corso del torrente Ghicon. Chiuse l'uscita superiore e convogliò le acque verso ovest in un canale sotterraneo che saliva all'interno della Città di Davide. Ezechia ebbe successo in ogni sua azione.
2Cr 32,31 Così avvenne anche quando arrivarono gli ambasciatori mandati dalle autorità di Babilonia per informarsi di un fatto straordinario che era avvenuto nel regno di Giuda. In quell'occasione Dio aveva lasciato che Ezechia agisse di sua iniziativa per verificare la sua fedeltà.
2Cr 32,32 Il resto della vita di Ezechia è raccontato nel libro 'I re di Giuda e d'Israele' e nelle 'Rivelazioni del profeta Isaia figlio di Amoz'. Là si parla anche della sua fedeltà al Signore.
2Cr 32,33 Quando morì, Ezechia fu sepolto nella zona alta delle tombe dei discendenti di Davide. Gli abitanti di Gerusalemme e di Giuda gli resero grandi onori. Dopo di lui regnò suo figlio Manasse.


2Cr 33,3 Ricostruì i santuari sulle colline che suo padre Ezechia aveva distrutto, fece altari in onore degli dèi chiamati Baal; innalzò pali sacri alla dea Asera e li venerò. Seguì anche il culto degli astri e li adorò.
Esd 2,16 Discendenti di Ater, cioè di Ezechia: 98

Ne 7,21 Discendenti di Ater, cioè di Ezechia: 98,

Ne 10,18 Ater, Ezechia, Azzur,
2Mac 15,22 Giuda fece questa preghiera: 'Signore, al tempo di Ezechia, re della Giudea, tu hai mandato il tuo angelo che uccise nell'accampamento di Sennacherib centottantacinquemila soldati.
Pro 25,1 Ecco altri proverbi di Salomone
raccolti dagli scrivani di Ezechia,
re di Giuda.

Sir 48,16 Alcuni di loro fecero ciò che piace a Dio,
altri invece si comportarono peggio di
prima.

Ezechia

Sir 48,17 Il re Ezechia fortificò la sua città,
con il ferro scavò la roccia,
costruì serbatoi
e fece giungere l'acqua in città.

Sir 48,21 Il Signore colpì l'esercito degli Assiri,
con il suo angelo li sterminò tutti.

Ezechia e Isaia

Sir 48,22 Ezechia infatti fece ciò che piace al
Signore
e seguì con fermezza la linea del suo
antenato Davide,
come gli comandava il profeta Isaia,
un uomo grande e degno di fede nelle sue
visioni.

Sir 49,4 Tranne Davide, Ezechia e Giosia,
gli altri re hanno commesso un sacco di
errori,
perché hanno abbandonato la legge
dell'Altissimo.
I re di Giuda scomparvero

Is 1,1 Questo libro contiene i messaggi per gli abitanti di Giuda e per Gerusalemme. Dio li rivelò a Isaia, figlio di Amoz, mentre Ozia, Iotam, Acaz e Ezechia erano re di Giuda.

Is 36,1 Nel quattordicesimo anno di regno di Ezechia, Sennacherib, re d'Assiria, assalì le città fortificate del regno di Giuda e le conquistò.
Is 36,2 Dalla città di Lachis il re d'Assiria mandò a Gerusalemme, dal re Ezechia, il suo luogotenente con un grande esercito. Gli Assiri si fermarono al canale della vasca superiore che si trovava presso l'argine del campo del Lavandaio.
Is 36,4 Il luogotenente assiro disse loro: 'Riferite a Ezechia questo messaggio del gran re, il re d'Assiria: Perché ti senti tanto sicuro?
Is 36,7 Voi mi risponderete che avete fiducia nel Signore vostro Dio. Ma Ezechia gli ha distrutto tutti i santuari sulle colline e gli altari, e ha detto agli abitanti di Giuda e di Gerusalemme di adorare il Signore davanti a un solo altare!.
Is 36,8 'Ezechia, prova a sfidare il mio imperatore, il re d'Assiria! - continuò il luogotenente. - Ti do io duemila cavalli; se riuscirai a trovare gli uomini per cavalcarli.
Is 36,14 Attenti a non lasciarvi ingannare da Ezechia. Egli non è in grado di liberarvi dal mio assalto!
Is 36,18 Non date ascolto a Ezechia; egli vi inganna, dicendovi che il Signore vi libererà. Gli dèi degli altri popoli hanno forse liberato i loro territori dalla mano del re d'Assiria?
Is 36,21 Tutti rimasero in silenzio e non dissero neppure una parola, perché il re Ezechia aveva ordinato di non rispondere.
Is 37,1 Quando il re Ezechia ebbe udite queste notizie, si strappò anche lui le vesti, indossò un abito di sacco e si recò al tempio.
Is 37,3 Essi dissero a Isaia: 'Ezechia ti manda a dire: Oggi è per noi una giornata di grande dolore, di castigo e di vergogna. Siamo come donne pronte a partorire, ma troppo deboli per farlo.
Is 37,5 Agli inviati di Ezechia che erano venuti da lui, il profeta Isaia
Is 37,9 Sennacherib aveva avuto notizia che Tiraka, re di Etiopia, era in marcia per combattere contro di lui. Allora mandò una seconda volta ambasciatori a Ezechia, re di Giuda, con l'incarico di riferirgli questo messaggio:
Is 37,14 Ezechia prese la lettera dalle mani degli ambasciatori e la lesse. Poi si recò al tempio e srotolò la lettera davanti al Signore
Is 37,21 Isaia, figlio di Amoz, mandò questo messaggio a Ezechia: 'Questa è la risposta del Signore, Dio d'Israele: Ho udito la preghiera che mi hai rivolto a proposito di Sennacherib, re d'Assiria.
Is 37,30 Poi Isaia disse al re Ezechia: 'Ecco un segno di quel che accadrà: quest'anno mangerete il grano cresciuto dalle spighe rimaste sul campo, l'anno prossimo il frutto dei semi caduti fuori del campo. Ma l'anno dopo seminate e mietete pure, piantate vigne e mangiate l'uva.
Is 38,1 Un giorno Ezechia fu colpito da una malattia mortale. Il profeta Isaia, figlio di Amoz, andò a trovarlo e gli riferì questo messaggio da parte del Signore: 'Comunica alla tua famiglia le tue ultime disposizioni, perché non hai più molto tempo da vivere'.
Is 38,2 Allora Ezechia si voltò verso la parete e rivolse al Signore questa preghiera:
Is 38,5 di ritornare da Ezechia a dirgli: 'Così dice il Signore, Dio del tuo antenato Davide: Ho udito la tua preghiera, ho visto le tue lacrime; ti concederò altri quindici anni di vita.
Is 38,9 Quando Ezechia guarì della sua malattia compose questo canto di lode:

Is 38,21 Poi Isaia ordinò a Ezechia di prendere una schiacciata di fichi. Fu applicata sulla parte malata perché guarisse.
Is 38,22 Ezechia chiese a Isaia:
- Quale segno mi assicura che potrò salire di nuovo al tempio?

Is 39,1 Merodak-Baladan, figlio di Baladan, re di Babilonia, aveva saputo della malattia di Ezechia e della sua guarigione. Gli scrisse e gli mandò un regalo.
Is 39,2 Ezechia si rallegrò per l'arrivo degli inviati di Merodak-Baladan e mostrò loro i suoi depositi, l'oro, l'argento, i profumi, l'olio aromatico, il suo arsenale e tutti i tesori che aveva nei magazzini; fece vedere tutto quel che si trovava nel suo palazzo e nel suo regno, senza tralasciare nulla.

Is 39,3 Il profeta Isaia venne dal re Ezechia e gli chiese:
- Da dove vengono questi uomini? Che cosa ti hanno detto?
Ezechia rispose:
-Vengono da una terra lontana, da Babilonia.

Is 39,4 - Che cosa hanno visto in casa tua?, -chiese ancora Isaia. Ezechia rispose:
- Hanno visto tutto. Ho mostrato loro tutti i tesori che si trovano nei miei magazzini, senza tralasciare nulla.

Is 39,5 Allora Isaia rispose a Ezechia:
- Ascolta la parola del Signore dell'universo:

Is 39,8 Ezechia rispose a Isaia:
- Mi hai portato una buona notizia da parte del Signore: vuol dire che almeno io avrò pace e sicurezza.

Ger 15,4 Tutti i popoli della terra avranno orrore per il castigo che ha colpito gli abitanti di Giuda. È la conseguenza dei delitti commessi a Gerusalemme da Manasse, figlio di Ezechia, quando era re di Giuda'.

Ger 26,18 'Durante il regno di Ezechia re di Giuda, il profeta Michea di Moreset ripeteva a tutta la gente di questa regione quel che gli aveva cominciato il Signore dell'universo:
'Sion sarà arata come un campo,
Gerusalemme diventerà un mucchio di
rovine
e il monte del tempio
si trasformerà in un bosco selvaggio'.

Ger 26,19 'Ebbene, il re Ezechia e la gente di Giuda hanno forse ucciso il profeta per questo? No, hanno avuto timore del Signore e hanno calmato la sua ira. Così il Signore ha rinunziato a colpirli con le disgrazie minacciate. Noi invece con le nostre azioni stiamo per tirarci addosso un castigo terribile'.

Os 1,1 Messaggio del Signore inviato a Osea, figlio di Beeri, durante i regni dei re di Giuda Ozia, Iotam, Acaz ed Ezechia, mentre Geroboamo, figlio di Ioas, era re d'Israele.

Mi 1,1 Durante i regni di Iotam, di Acaz, di Ezechia, tutti re di Giuda, il Signore parlò a Michea, originario della città di Moreset. Gli rivelò questo messaggio che riguarda le città di Samaria e di Gerusalemme.

Sof 1,1 Questo è il messaggio che il Signore rivolse a Sofonia quando Giosia, figlio di Ammon, era re di Giuda. Sofonia era figlio di Cushi e nipote di Godolia, figlio di Amaria. Amaria era figlio di Ezechia.

Mt 1,9 Ozia fu il padre di Ioatam;
Ioatam di Acaz;
Acaz di Ezechia;

Mt 1,10 Ezechia fu il padre di Manàsse;
Manàsse di Amos;
Amos di Giosia;





  la ricerca ha riportato 133 risultati  
inizio pagina