B I B B I A .net   > Bibbia CEI 2008 > Bibbia CEI 1974 > La Bibbia TILC

Antico Gen Es Lv Nm Dt - Gios Gdc Rut 1Sam 2Sam 1Re 2Re 1Cr 2Cr Esd Nee Tob Gdt Est 1Mac 2Mac
Testam. Gb Sal Prv Qo Cant Sap Sir - Is Ger Lam Bar Ez Dan Os Gioe Am Abd Gion Mich Naum Abac Sof Agg Zacc Mal

NuovoT. Mt Mc Lc Gv - At - Rom 1Cor 2Cor Gal Ef Fil Col 1Ts 2Ts 1Tm 2Tm Tit Flm Ebr - Giac 1Pt 2Pt 1Gv 2Gv 3Gv Gd - Ap

(Versione sperimentale)
Ricerca per citazione:
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     

Ricerca per parola:
cerca all'interno di
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     
 
hai cercato Angelo
  la ricerca ha riportato 268 risultati  

(Testo TILC)

Gen 16,7 L'angelo del Signore la vide nel deserto, vicino a una sorgente, quella che si trova sulla via di Sur,
Gen 16,9 Torna invece da lei, - ordinò l'angelo del Signore, - e a lei ubbidisci.

Gen 21,17 Dio udì il lamento del ragazzo, e I'angelo di Dio chiamò Agar dal cielo e le disse: 'Agar, che hai? Non temere perché Dio ha udito la voce del ragazzo.
Gen 22,5 Dal cielo l'angelo del Signore chiamò Abramo per la seconda volta
Gen 22,11 Ma I'angelo del Signore lo chiamò dal cielo:
- Abramo, Abramo!
- Eccomi! - gli rispose Abramo.

Gen 22,12 E l'angelo:
- Non colpire il ragazzo. Non fargli alcun male! Ora ho la prova che tu ubbidisci a Dio, perché non gli hai rifiutato il tuo unico figlio.

Gen 24,7 Il Signore, il Dio del cielo e della terra, mi ha fatto uscire dalla mia casa paterna, dal mio paese. È lui che mi ha parlato e mi ha fatto questa promessa: 'Io darò questa terra ai tuoi discendenti'. Perciò lui stesso manderà il suo angelo dinanzi a te, perché tu possa trovare là una moglie per mio figlio.
Gen 24,40 Egli mi ha risposto: 'Io ho sempre fatto la volontà del Signore, perciò egli manderà con te il suo angelo che condurrà a buon esito il tuo viaggio. Così potrai trovare per mio figlio una moglie tra i parenti della casa di mio padre.
Gen 31,11 Sempre in sogno I'angelo di Dio mi chiamò: 'Giacobbe!', disse, e io risposi: 'Eccomi!'.
Gen 48,16 l'Angelo, che mi ha liberato da ogni male,
benedica questi ragazzi!
Il mio nome e quello dei miei padri
Abramo e Isacco continui a vivere in loro
e siano l'inizio di un popolo nel paese'.

Es 3,2 Gli apparve allora l'angelo del Signore come una fiamma di fuoco in un cespuglio. Mosè osservò e si accorse che il cespuglio bruciava ma non si consumava.
Es 11,23 'Il Signore passerà per castigare l'Egitto e vedrà il sangue sugli stipiti: allora egli passerà davanti alla porta e non permetterà all'angelo sterminatore di entrare nella vostra casa per colpire.
Es 12,23 “Il Signore passerà per castigare l'Egitto e vedrà il sangue sugli stipiti: allora egli passerà davanti alla porta e non permetterà all'angelo sterminatore di entrare nella vostra casa per colpire.
Es 14,19 L'angelo di Dio che precedeva gli Israeliti passò dietro al loro accampamento. Anche la nube che era davanti a loro passò dietro
Es 23,20 'Ecco io mando un angelo davanti a te per proteggerti durante il cammino e per condurti nel luogo che ho preparato.
Es 23,23 'Il mio angelo camminerà davanti a te e ti condurrà nel territorio degli Amorrei, degli Ittiti, dei Perizziti, dei Cananei, degli Evei e dei Gebusei. Io li distruggerò;
Es 32,34 Ora va', conduci il popolo nel luogo indicato; il mio angelo ti mostrerà la strada. Ma un giorno interverrò e punirò gli Israeliti per il loro peccato.

Es 33,2-3 È una terra dove scorre latte e miele. Manderò un angelo per guidarvi e scaccerò davanti a voi i Cananei, gli Amorrei, gli Ittiti, i Perizziti, gli Evei e i Gebusei. Io però non camminerò in mezzo a voi, perché avete la testa troppo dura. Finirei per sterminavi lungo la strada'.

Nm 20,16 Abbiamo invocato l'aiuto del Signore. Egli ha dato ascolto alle nostre grida e ha inviato il suo angelo per farci uscire dall'Egitto. Ora noi siamo a Kades, una città ai confini del tuo territorio.
Nm 22,22 La partenza di Balaam provocò lo sdegno di Dio. Balaam cavalcava l'asina, accompagnato da due servitori. L'angelo del Signore andò a piazzarsi sulla strada per sbarrargli il passaggio.
Nm 22,23 L'asina vide l'angelo del Signore fermo in mezzo alla strada con la spada in mano; allora si scostò e passò attraverso i campi. Balaam frustò l'asina per riportarla sulla strada.

Nm 22,24 In seguito l'angelo del Signore andò a mettersi in un punto dove la strada era incavata: attraversava vigneti, e c'era un muretto sia da una parte sia dall'altra.
Nm 22,25 L'asina vide l'angelo del Signore: si strinse contro il muretto e schiacciò il piede di Balaam. Egli la frustò di nuovo.

Nm 22,26 L'angelo del Signore li sorpassò ancora e andò a mettersi in un passaggio della strada così stretto che non si poteva scansarlo né a destra né a sinistra.
Nm 22,31 In quell'istante il Signore aprì gli occhi a Balaam, ed egli vide l'angelo con la spada in mano fermo in mezzo alla strada. Allora si inchinò e si gettò con la faccia a terra.

Nm 22,32 L'angelo gli domandò:
- Perché hai battuto per tre volte la tua asina? Io sono venuto a sbarrarti la strada, perché secondo me hai deciso questo viaggio alla leggera.
Nm 22,34 Balaam disse all'angelo del Signore:
- Sono colpevole. Io non sapevo che tu eri fermo sulla strada davanti a me. Ma se questo viaggio ti fa dispiacere, me ne torno a casa!

Nm 22,35 Rispose l'angelo:
- No! Accompagna pure questi uomini; però pronunzierai soltanto le parole che io ti suggerirò.
Allora Balaam riprese il cammino in compagnia dei messaggeri di Balak.

Gdc 2,1 L'angelo del Signore da Galgala andò a Bochim e disse al popolo:'Io vi ho fatti uscire dall'Egitto e vi ho portati nella terra promessa ai vostri padri. Ho giurato di non rompere mai la mia alleanza con voi.
Gdc 5,23 Disse l'angelo del Signore:
'Maledetta la città di Meroz
e maledetti i suoi abitanti!
Non sono venuti in aiuto al Signore,
e i suoi soldati non sono accorsi
a combattere per lui!'.


Gdc 6,11 Allora l'angelo del Signore venne nel villaggio di Ofra e si sedette sotto un grande albero, che apparteneva a Ioas, un uomo della famiglia di Abiezer. Suo figlio Gedeone stava battendo il grano di nascosto dentro a un tino, per non farsi scoprire dai Madianiti.
Gdc 6,12 L'angelo del Signore gli apparve e gli disse:
- Tu sei un uomo forte e valoroso: il Signore è con te.

Gdc 6,20 L'angelo di Dio gli disse:
- Prendi la carne e il pane non lievitato, posali su questa pietra e versaci sopra il brodo. Gedeone ubbidì.
Gdc 6,21 Allora l'angelo del Signore tese il braccio e, con la punta del bastone che teneva in mano, toccò il pane e la carne. Dalla pietra sprigionò una fiamma, e il fuoco bruciò la carne e il pane non lievitato. Poi l'angelo del Signore scomparve.
Gdc 6,22 Gedeone si rese conto che era davvero l'angelo del Signore e disse:
- Signore, mio Dio! Ho visto con i miei occhi il tuo angelo.

Gdc 13,3 L'angelo del Signore apparve alla donna e le disse: 'Tu finora non hai potuto avere figli. Ma ora resterai incinta e avrai un figlio maschio.
Gdc 13,6 Allora la donna andò a dire a suo marito: 'È venuto da me un uomo mandato da Dio. Aveva un aspetto molto maestoso e sembrava proprio l'angelo di Dio. Io non gli ho chiesto: chi era, ed egli non mi ha rivelato il suo nome.
Gdc 13,9 Dio esaudì la preghiera di Manoach. L'angelo di Dio tornò da sua moglie che era nei campi. Suo marito non era con lei;
Gdc 13,13 L'angelo del Signore rispose a Manoach: Tua moglie deve fare tutto quello che le ho detto.
Gdc 13,15 Manoach disse all'angelo del Signore:
- Ti prego di non andare subito via. Aspetta che ti prepari un capretto e te lo porti.

Gdc 13,16 L'angelo del Signore rispose:
- Tu mi vorresti trattenere, ma io non toccherò i tuoi cibi. Preparali pure, ma poi bruciali interamente come offerta al Signore. Manoach non si era accorto che era l'angelo del Signore,
Gdc 13,18 Ma l'angelo del Signore gli rispose:
- Perché vuoi sapere il mio nome? Esso è misterioso.

Gdc 13,20 Mentre dall'altare il fuoco si levava verso il cielo, l'angelo del Signore salì in alto con le fiamme dell'altare. Vedendo ciò, Manoach e sua moglie si inginocchiarono con la faccia a terra.
Gdc 13,21 Poi l'angelo del Signore non gli apparve più. Appena Manoach capì che quello era l'angelo del Signore,
2Sam 14,17 Quanto a me, ero certa che la parola del mio re mi sarebbe stata di aiuto, perché il mio re è come un angelo di Dio e sa distinguere il bene dal male. Il Signore tuo Dio sia sempre con te!

2Sam 14,20 Ha fatto così per presentarti i fatti in forma diversa, ma tu sei sapiente come un angelo di Dio e capisci le cose di questo mondo.

2Sam 19,28 e poi mi ha messo in cattiva luce presso di te. Ora tu, che sei come un angelo di Dio, trattami come vuoi.
2Sam 24,16 Ma quando l'angelo del Signore stava per lanciare la distruzione su Gerusalemme, il Signore decise di interrompere la disgrazia e ordinò all'angelo sterminatore del popolo: 'Basta, fermati!'. In quel momento l'angelo si trovava sopra il cortile di Arauna il Gebuseo.
2Sam 24,17 Quando Davide vide l'angelo che colpiva il popolo si rivolse al Signore e pregò: 'Io solo ho sbagliato, il pastore ha peccato. li gregge non ha nessuna colpa. Punisci me e la mia famiglia'.

1Re 13,18 Il vecchio insistette:
- Anch'io sono un profeta, come te. Un angelo mandato da Dio mi ha ordinato di invitarti a casa mia a mangiare e bere qualcosa. In realtà il vecchio mentiva,
1Re 19,5 Si coricò e si addormentò sotto la ginestra, ma all'improvviso un angelo lo svegliò e disse: 'Alzati e mangia'.
1Re 19,7 L'angelo del Signore lo svegliò una seconda volta: 'Mangia ancora, - gli disse, - perché il cammino sarà molto lungo per te'.
2Re 1,3 Ma l'angelo del Signore ordinò a Elia di Tisbe: 'Va' incontro ai messaggeri del re di Samaria e di' loro: Perché andate a consultare Baal-Zebub, il dio di Accaron? Non c'è un Dio in Israele?
2Re 1,15 - L'angelo del Signore ordinò a Elia: 'Va' con l'ufficiale; non aver paura'.
Elia seguì l'ufficiale, andò dal re
2Re 19,35 Quella stessa notte un angelo del Signore fece morire centottantacinquemila uomini dell'esercito assiro. Al mattino, quando gli altri si alzarono non videro altro che cadaveri.
1Cr 21,12 carestia per tre anni, oppure assalti di nemici che ti inseguono con la spada per tre mesi, oppure la spada del Signore che colpisce il paese con la peste per tre giorni, mentre l'angelo del Signore semina distruzione in tutto il territorio d'Israele. Pensaci e decidi quale risposta devo dare al Signore che mi ha mandato.
1Cr 21,15 Dio mandò un angelo a Gerusalemme per portare anche lì la distruzione. Ma, quando il Signore vide tutto quel male, ritornò sulla sua decisione e ordinò all'angelo sterminatore: 'Basta! fermati!'. In quel momento l'angelo del Signore stava sopra il cortile della fattoria di un certo Ornan, un Gebuseo.
1Cr 21,16 Davide alzò gli occhi e vide l'angelo del Signore fermo tra la terra e il cielo, con in mano la spada puntata contro la città di Gerusalemme. Insieme a Davide c'erano i responsabili della città, vestiti di sacco. Tutti si gettarono con la faccia a terra.
1Cr 21,18 L'angelo del Signore disse al profeta Gad: 'Ordina a Davide di entrare nel cortile di Ornan il Gebuseo e di costruire là un altare al Signore'.
1Cr 21,20 Ornan, intanto, stava battendo il grano. Ad un certo punto si accorse della presenza dell'angelo. I quattro figli che lavoravano con lui scapparono e si nascosero.
1Cr 21,27 Poi l'angelo, a un ordine del Signore, ritirò la spada.
1Cr 21,30 Ma Davide non si sentiva di andar là per consultare Dio, perché era rimasto sconvolto alla vista di quella spada in mano all'angelo del Signore.


2Cr 32,21 Il Signore, allora, mandò un angelo; fece morire nell'accampamento assiro tutti i comandanti, gli ufficiali e i soldati più forti. Sennacherib, pieno di vergogna, se ne tornò in patria. Quando entrò nel tempio del suo dio, fu assassinato da alcuni dei suoi stessi figli.
Tb 3,17 e mandò l'angelo Raffaele per curare i loro mali. Doveva far sparire le macchie dagli occhi di Tobi, perché lui potesse vedere di nuovo la luce, dono di Dio. Doveva anche liberare Sara, la figlia di Raguel, dal demonio maligno e darla in sposa a Tobia, il figlio di Tobi. Difatti Tobia aveva la precedenza su tutti quelli che aspiravano a sposarla. Nello stesso istante in cui Tobi rientrò in casa sua dal cortile, Sara, la figlia di Raguel, scese dal piano superiore della casa di suo padre.


Tb 5,4 Tobia uscì in cerca di qualcuno pratico della strada per la Media e disposto ad accompagnarlo. Appena fuori di casa, incontrò Raffaele: non sospettò affatto che egli fosse un angelo di Dio.

Tb 5,17 Egli rispose:
- D'accordo, lo accompagnerò. Enon aver paura: sani partiamo e sani torneremo. Prenderemo una strada sicura.
Tobi aggiunse:
- Il Signore vi benedica!
Poi chiamò suo figlio e gli disse:
- Figlio, preparati per il viaggio e parti con questo amico. Dio, dal cielo, sia buono con voi! Vi faccia tornare da me sani e salvi! L'angelo di Dio vi accompagni e vi liberi da qualsiasi pericolo, figlio mio!
Tobia uscì per mettersi in viaggio. Baciò suo padre e sua madre.
Tobi gli disse ancora:
- Buon viaggio!

Tb 5,22 Perciò non addolorarti, cara! Non stare in pensiero per lui: un buon angelo l'accompagnerà. Farà un viaggio tranquillo e tornerà sano e salvo. Allora lei cessò di piangere.


Tb 6,1 Tobia si mise in cammino con l'angelo. Il cane di casa si accodò a loro e li seguì. I due camminarono fino a sera e si accamparono in riva al fiume Tigri.
Tb 6,3 ma l'angelo gli disse: 'Prendi quel pesce, non lasciartelo scappare!'. Tobia catturò il pesce e lo tirò sulla sponda.
Tb 6,4 L'angelo gli disse: 'Taglia il pesce a metà. Levagli il fiele, il cuore e il fegato, e mettili da parte. Getta via gli intestini. Il fiele, il cuore e il fegato sono molto utili: servono a preparare medicine!'.
Tb 6,7 Tobia chiese all'angelo:
- Azaria, amico mio: il cuore, il fegato e il fiele del pesce per quali medicine servono?

Tb 6,11 Raffaele disse al ragazzo:
- Tobia, amico mio!
- Cosa c'è? - rispose.
- Passeremo la notte da Raguel, - continuò l'angelo. - Èun tuo parente, e ha una sola figlia di nome Sara.
Tb 8,3 L'odore del pesce mise in fuga il demonio, che scappò di volata fino dalle parti dell'Alto Egitto. L'angelo Raffaele lo seguì all'istante e lo incatenò là, mani e piedi.
Tb 12,22 Allora si misero a lodare e ringraziare Dio. Proclamarono le grandi cose che Dio aveva operato e il fatto straordinario che aveva compiuto: era apparso loro un angelo di Dio.


1Mac 7,41 'O Signore, quando i rappresentanti del re Sennacherib bestemmiarono contro di te, il tuo angelo scese e ne uccise centottantacinquemila.
2Mac 11,6 Quando Giuda Maccabeo e i suoi uomini vennero a sapere che Lisia assediava le loro fortezze, si radunarono con tutto il popolo e pregarono il Signore, tra gemiti e lacrime, di mandare un angelo buono a salvare Israele.
2Mac 15,22 Giuda fece questa preghiera: 'Signore, al tempo di Ezechia, re della Giudea, tu hai mandato il tuo angelo che uccise nell'accampamento di Sennacherib centottantacinquemila soldati.
2Mac 15,23 Manda anche questa volta, o Dio dell'universo, un angelo buono alla nostra testa, perché semini paura e terrore tra i nostri nemici.
Gb 33,23 Se un angelo,
uno dei molti messaggeri di Dio,
va da quest'uomo
per indicargli la via da seguire,

Sal 34,8 L'angelo del Signore veglia su chi lo teme
e lo salva da ogni pericolo.


Sal 35,5 Il tuo angelo li disperda
come foglie spazzate dal vento.

Sal 35,6 Il loro sentiero sia buio e scivoloso
mentre il tuo angelo li insegue.


Sir 48,21 Il Signore colpì l'esercito degli Assiri,
con il suo angelo li sterminò tutti.

Ezechia e Isaia

Is 37,36 Quella stessa notte un angelo del Signore fece morire centottantacinquemila uomini dell'esercito assiro. Al mattino quando gli altri si alzarono, non videro altro che cadaveri.
Is 63,9 dalle loro sofferenze.
Non ha mandato un altro in aiuto,
nemmeno un angelo,
ma lui stesso ha voluto salvarli.
Nel suo amore e nella sua compassione
li ha liberati dall'oppressione.
Si è sempre preso cura di loro.

Dn 3,28 Il re gridò: 'Lode al Dio di Sadrach, di Mesach e di Abdenego! Egli ha mandato il suo angelo a salvare i suoi servi che, confidando in lui, hanno trasgredito i miei ordini. Hanno preferito mettere in pericolo la loro vita piuttosto che servire e adorare altri dèi.
Dn 4,10 'Sempre mentre dormivo, ho poi visto un angelo santo che scendeva dal cielo.
Dn 4,20 Poi tu hai visto un angelo santo scendere dal cielo e dare quest'ordine: 'Abbattete l'albero e distruggetelo! Ma lasciate nella terra il ceppo con le radici e legatelo con una catena di ferro e di bronzo tra l'erba dei campi. Sarà bagnato dalla rugiada e dovrà condividere per sette anni la sorte degli animali'.
Dn 6,23 Sì, il mio Dio ha mandato il suo angelo a chiudere le fauci dei leoni ed essi non mi hanno fatto alcun male. Infatti, agli occhi del mio Dio sono innocente e anche nei tuoi riguardi non ho commesso alcuna colpa, maestà!

Dn 8,13 'Sentii allora un angelo santo che parlava e un altro che gli domandava: 'Quanto tempo dureranno gli avvenimenti annunziati in questa visione? Per quanto tempo sarà abolito il sacrificio quotidiano, trionferà l'ingiustizia, il santuario e gli esseri celesti saranno calpestati?'.
Dn 8,14 Il primo angelo gli rispose: 'Dovranno passare duemilatrecento sere e mattine. Poi il santuario verrà di nuovo consacrato'.

Dn 9,21 In quello stesso momento l'angelo Gabriele che mi era apparso nella mia precedente visione, si accostò a me, volando rapidamente, nell'ora in cui si offre il sacrificio della sera.
Dn 10,13 Ma l'angelo protettore del regno persiano mi ha fatto opposizione per ventun giorni, finché Michele, uno degli angeli più importanti, non è venuto in mio aiuto. Perciò sono stato trattenuto là presso i re di Persia.
Dn 10,20-21 Ed egli aggiunse: 'Sai perché sono venuto da te? Sono venuto per annunziarti quel che è scritto nel libro della verità. Ora devo ancora combattere con l'angelo protettore della Persia e, proprio mentre vado a combatterlo, arriva l'angelo protettore della Grecia. E nessuno può aiutarmi a combattere questi avversari se non il vostro angelo protettore, Michele

Dn 12,1 'L'angelo mi disse ancora; 'In quel tempo apparirà Michele, il capo degli angeli, il protettore del tuo popolo. Sarà un tempo di angoscia come non c'è mai stato dalla nascita delle nazioni fino a quel momento. Allora tutti gli appartenenti al tuo popolo che avranno il nome scritto nel libro della vita saranno salvati.
Os 12,5 Egli ha lottato contro un angelo e ha vinto. Poi ha pianto e ha domandato grazia. Ha ritrovato Dio a Betel e là Dio gli ha parlato.
Zc 1,9 Io domandai:
- Mio signore, che cosa rappresentano quei cavalli?
L'angelo incaricato di parlarmi rispose: - Ti mostrerò che cosa significano.

Zc 1,11 Allora i cavalieri riferirono all'angelo del Signore:
- Abbiamo percorso tutta la terra: ovunque c'è calma e tranquillità.

Zc 1,12 L'angelo esclamò:
- Signore dell'universo, eppure sono settant'anni che sei adirato con Gerusalemme e le altre città della regione di Giuda. Fino a quando non ne avrai pietà?

Zc 1,13 Allora il Signore si rivolse all'angelo con parole di conforto.

Zc 1,14 L'angelo, incaricato di parlarmi, mi ordinò di proclamare questo messaggio del Signore dell'universo: 'Io amo tanto Gerusalemme la città di Sion,
Zc 1,17 L'angelo mi disse di comunicare anche questo messaggio: 'Io, il Signore dell'universo, annunzio che le mie città saranno di nuovo fiorenti. Sceglierò ancora Gerusalemme come la mia città, verrò in aiuto di Sion'.


Zc 2,2 Domandai all'angelo incaricato di parlarmi:
- Che cosa significano quelle corna? Mi rispose:
Rappresentano le nazioni potenti che hanno disperso gli abitanti del regno di Giuda, del regno di Israele e della città di Gerusalemme.

Zc 2,7 L'angelo incaricato di parlarmi si diresse verso un altro angelo che gli veniva incontro.
Zc 3,1 Il Signore mi fece vedere il sommo sacerdote Giosuè, in piedi davanti all'angelo del Signore. Satana stava alla destra di Giosuè per accusano.
Zc 3,2 L'angelo disse a Satana: 'Il Signore ti riduca al silenzio, Satana, ti riduca al silenzio lui che ha scelto Gerusalemme. Giosuè è come un tizzone strappato dal fuoco'.
Zc 3,3 Infatti Giosuè aveva vesti sporche e stava in piedi davanti all'angelo.
Zc 3,4 L'angelo ordinò a quelli che lo accompagnavano di togliere a Giosuè quelle vesti sporche. Poi disse a Giosuè: 'Ho tolto il tuo peccato e ti darò da indossare abiti da festa'.
Zc 3,5 Egli ordinò anche di mettergli sulla testa un turbante pulito. E gli misero un turbante e abiti puliti alla presenza dell'angelo.
Zc 3,6 Poi l'angelo del Signore disse a Giosuè:

Zc 4,1 L'angelo incaricato di parlarmi venne a scuotermi come si fa con uno che dorme.
Zc 4,4 E domandai all'angelo:
- Che cosa significa tutto questo, mio signore?

Zc 4,6 aAllora l'angelo mi spiegò:
Zc 4,6 bL'angelo mi ordinò di riferire a Zorobabele queste parole del Signore dell'universo: 'Tu riuscirai nel tuo sforzo non per la tua potenza e per la tua forza, ma grazie al mio spirito'.
Zc 4,13 - Non lo sai? - mi disse l'angelo.
Risposi di no.
Zc 5,2 - Che cosa vedi? - mi domandò l'angelo.
Risposi:
- Vedo un rotolo in aria: è lungo dieci metri e largo cinque.

Zc 5,5 L'angelo incaricato di parlarmi si avvicinò e mi disse:
- Guarda! Qualcosa viene avanti.

Zc 5,8 L'angelo disse:
- È la malvagità.
Allora la ricacciò dentro al cesto e lo richiuse con il coperchio di piombo.
Zc 5,10 Domandai all'angelo dove lo portavano.
Zc 6,4 Domandai all'angelo incaricato di parlarmi:
- Che cosa significano, mio signore?
Zc 12,8 In quel tempo proteggerò gli abitanti di Gerusalemme. I più deboli tra loro diventeranno forti come Davide, e i suoi discendenti li guideranno come l'angelo del Signore, come Dio stesso.
Mt 1,20 Ci stava ancora pensando, quando una notte in sogno gli apparve un angelo del Signore e gli disse: 'Giuseppe, discendente di Davide, non devi aver paura di sposare Maria, la tua fidanzata: il bambino che lei aspetta è opera dello Spirito Santo.
Mt 1,24 Quando Giuseppe si svegliò, fece come l'angelo di Dio gli aveva ordinato e prese Maria in casa sua.
Mt 2,13 Dopo la partenza dei sapienti, Giuseppe fece un sogno. L'angelo di Dio gli apparve e gli disse: 'Àlzati, prendi con te il bambino e sua madre e fuggi in Egitto. Erode sta cercando il bambino per ucciderlo. Tu devi rimanere là, fino a quando io non ti avvertirò'.

Mt 2,19 Dopo la morte di Erode, un angelo del Signore apparve in sogno a Giuseppe, in Egitto.
Mt 2,20 L'angelo gli disse: 'Àlzati, prendi il bambino e sua madre e torna nella terra d'Israele: perché ormai sono morti quelli che cercavano di far morire il bambino'.
Mt 26,13 Io vi assicuro che in tutto il mondo, dovunque sarà predicato questo messaggio del Vangelo, ci si ricorderà di questa donna e di quel che ha fatto.

Mt 28,2 Improvvisamente vi fu un terremoto, un angelo del Signore scese dal cielo, fece rotolare la grossa pietra e si sedette sopra.
Mt 28,5 L'angelo parlò e disse alle donne: 'Non abbiate paura, voi. So che cercate Gesù, quello che hanno crocifisso.
Mc 1,1 Questo è l'inizio del Vangelo, il lieto messaggio di Gesù, che è il Cristo e il Figlio di Dio.
Mc 1,14 Poi Giovanni il Battezzatore fu arrestato e messo in prigione. Allora Gesù andò nella regione della Galilea e cominciò a proclamare il Vangelo, il lieto messaggio di Dio.
Mc 8,35 Chi pensa soltanto a salvare la propria vita la perderà; chi invece è pronto a sacrificare la propria vita per me e per il Vangelo la salverà.
Mc 10,29 Gesù rispose:
- Io vi assicuro che se qualcuno ha abbandonato casa, fratelli, sorelle, madre, padre, figli, campi... per me e per il messaggio del Vangelo,
Mc 13,10 'È necessario anzitutto che il messaggio del Vangelo sia annunziato a tutti i popoli.
Mc 14,9 Io vi assicuro che in tutto il mondo, dovunque sarà predicato il messaggio del Vangelo, ci si ricorderà di questa donna e di quel che ha fatto'.

Mc 16,15 Poi disse: 'Andate in tutto il mondo e portate il messaggio del Vangelo a tutti gli uomini.
Mc 16,20 Allora i discepoli partirono per portare dappertutto il messaggio del Vangelo. E il Signore agiva insieme a loro e confermava le loro parole con segni miracolosi.

Lc 1,11 In quell'istante un angelo del Signore apparve a Zaccaria al lato destro dell'altare sul quale si offriva l'incenso.
Lc 1,13 Ma l'angelo gli disse:
- Non temere, Zaccaria! Dio ha ascoltato la tua preghiera. Tua moglie Elisabetta ti darà un figlio e tu lo chiamerai Giovanni.
Lc 1,18 Ma Zaccaria disse all'angelo:
- Come potrò essere sicuro di quel che mi dici? Io sono ormai vecchio, e anche mia moglie è avanti negli anni.

Lc 1,19 L'angelo gli rispose:
- Io sono Gabriele e sto davanti a Dio sempre pronto a servirlo. Lui mi ha mandato da te a parlarti e a portarti questa bella notizia.
Lc 1,26 Quando Elisabetta fu al sesto mese Dio mandò l'angelo Gabriele a Nàzaret, un villaggio della Galilea.
Lc 1,27 L'angelo andò da una fanciulla che era fidanzata con un certo Giuseppe, discendente del re Davide. La fanciulla si chiamava Maria.
Lc 1,28 L'angelo entrò in casa e le disse:
- Ti saluto, Maria! Il Signore è con te: egli ti ha colmata di grazia.

Lc 1,30 Ma l'angelo le disse:
- Non temere, Maria! Tu hai trovato grazia presso Dio.
Lc 1,34 Allora Maria disse all'angelo:
- Come è possibile questo, dal momento che io sono vergine?

Lc 1,35 L'angelo rispose:
- Lo Spirito Santo verrà su di te, l'Onnipotente Dio, come una nube, ti avvolgerà. Per questo il bambino che avrai sarà santo, Figlio di Dio.
Lc 1,38 Allora Maria disse:
- Eccomi, sono la serva del Signore. Dio faccia con me come tu hai detto.
Poi l'angelo la lasciò.

Lc 2,9 Un angelo del Signore si presentò a loro, la gloria del Signore li avvolse di luce ed essi ebbero una grande paura.
Lc 2,10 L'angelo disse: 'Non temete! Io vi porto una bella notizia che procurerà una grande gioia a tutto il popolo:
Lc 2,20 I pastori, sulla via del ritorno, lodavano Dio e lo ringraziavano per quel che avevano sentito e visto, perché tutto era avvenuto come l'angelo aveva loro detto.

Lc 2,21 Passati otto giorni, venne il tempo di compiere il rito della circoncisione del bambino. Gli fu messo nome Gesù, come aveva detto l'angelo ancor prima che fosse concepito nel grembo di sua madre.

Lc 9,6 Allora i discepoli partirono e passavano di villaggio in villaggio, annunziando dovunque il messaggio del Vangelo e guarendo i malati.

Lc 22,43 Allora dal cielo venne un angelo a Gesù per confortarlo;
Gv 12,29 La gente sentì e alcuni dissero: 'È un tuono'. Altri dicevano: 'No, è un angelo che gli ha parlato'.

At 5,19 Ma durante la notte un angelo del Signore aprì le porte della prigione, li fece uscire e disse loro:
At 6,15 Tutti quelli che sedevano nella sala del tribunale fissarono gli occhi su di lui e videro il suo volto splendere come quello di un angelo.


At 7,30 'Quarant'anni dopo, quando era nel deserto del monte Sinai, gli apparve un angelo tra le fiamme di un cespuglio che bruciava.
At 7,35 'Quest'uomo, Mosè, è colui che gli Israeliti avevano rinnegato dicendo: Chi ti ha nominato capo e giudice?: proprio lui Dio ha mandato come capo e salvatore, per mezzo dell'angelo che gli era apparso nel cespuglio.
At 7,38 Egli è colui che, mentre erano radunati nel deserto, fece da intermediario tra l'angelo che gli parlava sul monte Sinai e i nostri padri. Egli ricevette da Dio parole capaci di dare la vita e le comunicò a noi.

At 8,26 Un angelo del Signore parlò così a Filippo: 'Àlzati, e va' verso sud, sulla strada che scende da Gerusalemme a Gaza: è una strada deserta'.
At 10,3 Un giorno, verso le tre del pomeriggio, Cornelio ebbe una visione: vide chiaramente un angelo di Dio che gli veniva incontro e lo chiamava per nome.

At 10,4 Egli lo fissò e con timore disse:
- Che c'è, Signore?
L'angelo gli rispose:
- Dio ha accolto le tue preghiere e le tue elemosine come un sacrificio gradito.
At 10,7 Poi l'angelo che gli parlava si allontanò.
Allora Cornelio chiamò due suoi servitori e un soldato che credeva in Dio, tra quelli a lui più fedeli.
At 10,22 Quelli risposero: 'Veniamo per conto di Cornelio, ufficiale romano. Egli è un uomo giusto che crede in Dio ed è stimato da tutti gli Ebrei. Un angelo del Signore gli ha suggerito di farti venire a casa sua e di ascoltare quello che tu hai da dirgli'.
At 11,13 'Egli ci raccontò di aver visto in casa sua un angelo che gli diceva: Manda qualcuno a Giaffa e fa' venire Simone, detto anche Pietro.
At 12,7 Quand'ecco, improvvisamente, si presentò un angelo del Signore e la cella si riempì di luce. L'angelo toccò Pietro, lo svegliò e gli disse: 'Svelto, àlzati!'. E subito le catene, caddero dai polsi di Pietro.
At 12,8 Poi l'angelo continuò: 'Mettiti vesti e sandali'. Pietro ubbidì. Infine l'angelo gli disse: 'Ora prendi il tuo mantello e vieni con me'.

At 12,9 Pietro lo seguì fuori dal carcere, ma non si rendeva conto di quello che l'angelo faceva e di ciò che stava succedendo. Gli sembrava che non fosse vero: credeva di avere una visione.

At 12,10 Pietro e l'angelo attraversarono i primi due posti di guardia. Poi arrivarono al portone di ferro che portava in città. Il portone si aprì davanti a loro, ed essi uscirono. Camminarono un po' in una strada, e all'improvviso l'angelo scomparve.
At 12,11 Allora Pietro si rese conto di quello che stava accadendo e disse: 'Ora capisco: è proprio il Signore che ha mandato il suo angelo per liberarmi dal potere di Erode e da tutto il male che il popolo voleva farmi'.

At 12,15 Ma gli altri le dissero: 'Tu sei matta'.
La ragazza però insisteva e diceva che era proprio vero. Allora le dissero: 'Sarà il suo angelo'.

At 12,23 Ma improvvisamente un angelo del Signore colpì Erode perché aveva preso per sé la gloria che è dovuta solo a Dio. Egli mori, divorato dai vermi.

At 15,7 Dopo una lunga discussione si alzò Pietro e disse: 'Fratelli, come voi ben sapete, è da tanto tempo che Dio mi ha scelto tra di voi e mi ha affidato il compito di annunziare anche ai pagani il messaggio del Vangelo, perché essi credano.
At 23,9 Ci fu dunque una grande confusione. Poi alcuni maestri della Legge appartenenti al partito dei farisei si alzarono e protestarono: 'Noi non troviamo nulla di male in quest'uomo. Non potrebbe darsi che uno spirito o un angelo gli abbia parlato?'.

At 27,23 Questa notte, infatti, mi è apparso un angelo di quel Dio che io servo e al quale io appartengo.
Rm 1,16 Io non mi vergogno del messaggio del Vangelo, perché è potenza di Dio per salvare chiunque ha fede, prima l'Ebreo e poi tutti gli altri.
Rm 11,28 Per la predicazione del Vangelo, a vostro vantaggio, sono diventati nemici: per scelta di Dio, a causa dei loro padri, restano amici.
1Cor 9,14 Allo stesso modo, per quelli che annunziano il Vangelo, il Signore ha stabilito che hanno il diritto di vivere di questo lavoro.

1Cor 9,18 Quale sarà dunque la mia ricompensa? La soddisfazione di annunziare Cristo gratuitamente, senza usare quei diritti che la predicazione del Vangelo mi darebbe.

1Cor 9,23 Tutto questo lo faccio per il Vangelo, e per ricevere anch'io insieme con gli altri ciò che esso promette.

1Cor 10,10 Non vi lamentate come hanno fatto alcuni di loro, i quali, di conseguenza, furono distrutti dall'angelo sterminatore.
2Cor 11,14 Non c'è da meravigliarsene, visto che anche Satana finge dì essere un angelo.
Gal 1,7 In realtà, un altro non c'è. Esistono solamente alcuni che vi confondono le idee. Essi vogliono cambiare il vangelo di Cristo.
Gal 1,8 Ma sia maledetto chiunque vi annunzia una via di salvezza diversa da quella che io vi ho annunziata: anche se fossi io stesso o fosse un angelo venuto dal cielo.
Gal 4,14 La mia malattia fu per voi una vera prova. Ma non mi avete disprezzato né cacciato via. Anzi! Mi accoglieste come un angelo di Dio, come Gesù Cristo stesso!
Ef 1,13 E anche voi
siete uniti a Cristo,
perché avete ascoltato
l'annunzio della verità,
il messaggio del Vangelo
che vi portò la salvezza,
e avete creduto in Cristo.
Allora Dio vi ha segnati
con il suo sigillo:
lo Spirito Santo che aveva promesso.

Ef 3,6 E il segreto è questo: anche i pagani diventano un unico corpo in Cristo Gesù, e ricevono la stessa eredità che Dio ha promesso al suo popolo per mezzo del Vangelo,
Ef 6,15 sandali ai vostri piedi sia la prontezza per annunziare il messaggio di pace del Vangelo.
Ef 6,20 Benché sia in prigione, io sono ambasciatore del Vangelo. Pregate perché io possa parlare coraggiosamente, come è mio dovere.

Fil 1,4-5 Con gioia prego per voi, perché dal primo giorno fino a oggi mi avete aiutato a diffondere il messaggio del Vangelo.
Fil 1,12 Desidero che sappiate questo, fratelli: la situazione in cui mi trovo ha giovato alla diffusione del Vangelo.
Fil 1,27 In ogni caso vivete la vostra vita comunitaria in modo degno, secondo il messaggio del vangelo di Cristo. Può darsi che io possa venire da voi e vedervi, oppure che io debba solo avere vostre notizie da lontano; comunque mi auguro di sentire che siete uniti saldamente in un medesimo spirito e che lottate in pieno accordo per la fede che nasce dal messaggio di Cristo.

Fil 4,3 E prego anche te, mio caro compagno di lavoro, di aiutarle. Esse hanno lottato con me per la diffusione del messaggio del Vangelo, insieme con Clemente e gli altri collaboratori, i cui nomi sono scritti nel libro della vita.

Fil 4,15 Voi di Filippi, lo sapete bene: quando lasciai la Macedonia e cominciai a diffondere altrove il messaggio del Vangelo, soltanto voi, e nessun'altra comunità, vi siete fatti miei soci nei guadagni e nelle perdite.
Col 1,5 che vi aspetta nel cielo. Ne siete informati da quando per la prima volta giunse tra voi il messaggio della verità, cioè il Vangelo.

Col 1,6 Il Vangelo cresce e porta frutto in tutto il mondo, come ha fatto in mezzo a voi, da quando avete sentito parlare dell'amore di Dio e avete conosciuto che cosa esso è veramente.

Col 1,23 perché rimaniate fermi e saldi nella fede, e non permettiate a nessuno di portarvi lontano da quella speranza che è vostra dal giorno in cui avete ascoltato l'annunzio del Vangelo. Questo Vangelo è stato annunziato a tutti gli uomini in tutto il mondo e io, Paolo, sono diventato il suo servitore.

1Ts 1,5 Infatti, quando vi abbiamo annunziato il messaggio del Vangelo, ciò non è avvenuto solo a parole, ma anche con la forza e l'aiuto dello Spirito Santo. Come ben sapete, abbiamo agito tra voi con profonda convinzione, e per il vostro bene.

1Ts 2,2 Sapete che poco prima, nella città di Filippi, ero stato maltrattato e avevo sofferto. Eppure, anche in mezzo a molte difficoltà, Dio mi ha dato la forza di annunziarvi il messaggio del suo Vangelo.
1Ts 2,4 Anzi, poiché Dio mi ha giudicato degno e mi ha affidato il messaggio del Vangelo, io parlo sempre in modo da avere non l'approvazione degli uomini, ma quella di Dio, il quale giudica anche le nostre intenzioni nascoste.
1Ts 4,16 Infatti in quel giorno sentiremo un ordine, la voce dell'arcangelo e il suono della tromba di Dio. Il Signore scenderà dal cielo, e allora quelli che sono morti credendo in lui risorgeranno per primi.
2Ts 2,14 Con il messaggio del Vangelo che io annunzio, Dio vi ha chiamati alla salvezza, cioè a possedere la gloria del Signore nostro Gesù Cristo.

2Tm 1,8 Dunque non aver vergogna quando parli del nostro Signore e dichiari di credere in lui, e non vergognarti di me che sono in prigione per lui. Piuttosto anche tu, aiutato dalla forza di Dio, soffri insieme con me per il Vangelo.

2Tm 1,10 ma la sua grazia si è chiaramente manifestata ora che è venuto Gesù Cristo, il nostro Salvatore. Egli ha distrutto il potere della morte e, per mezzo del Vangelo, ci ha fatto conoscere la vita immortale.

2Tm 4,5 Tu però sta' sempre in guardia, sopporta le sofferenze, continua il tuo lavoro di predicatore del Vangelo, porta a termine il tuo impegno a servizio di Dio.

Eb 1,5 Infatti Dio non ha mai detto a un angelo queste parole della Bibbia:
Tu sei mio figlio;
io oggi ti ho generato
oppure:
Io sarò per lui un padre,
egli sarà per me un figlio.

Eb 1,13 Dio non ha mai detto a un angelo:
Siedi accanto a me, sul mio trono,
e farò dei tuoi nemici
lo sgabello dei tuoi piedi

Eb 11,28 Per fede, egli celebrò la prima Pasqua e ordinò di mettere sangue sulle porte delle case, perché l'angelo sterminatore non uccidesse i figli primogeniti degli Ebrei.

1Pt 1,12 Dio rivelò ai profeti che quel messaggio non era per loro stessi, ma per voi. E infatti voi ora avete ricevuto il suo annunzio da quelli che vi hanno portato il Vangelo con la forza dello Spirito Santo mandato dal cielo. Sono cose sulle quali perfino gli angeli desiderano fissare lo sguardo.

1Pt 1,25 ma la parola del Signore dura in eterno.
E questa è la parola del Vangelo che vi è stato annunziato.


1Pt 4,6 Per questo il messaggio del Vangelo è stato annunziato anche ai morti: perché, pur ricevendo nel loro corpo la condanna comune a tutti gli uomini, ora per mezzo dello Spirito di Dio, possano vivere la vita di Dio.

Gd 1,9 Neppure l'arcangelo Michele fece come loro. Quando si trovò a contrasto con il demonio, discutendo per avere il corpo di Mosè, non osò accusarlo con parole offensive; gli disse soltanto: 'Che il Signore ti punisca!'.
Ap 1,1 Questo libro contiene la rivelazione che Gesù Cristo ha ricevuto da Dio, per far conoscere ai suoi servitori quel che fra breve deve accadere. Gesù ha mandato il suo angelo al suo servo Giovanni, per farglielo sapere.

Ap 5,2 Vidi anche un angelo vigoroso che gridava con voce tonante: 'Chi è degno di togliere i sigilli e di aprire il libro?'.
Ap 7,2 Dall'oriente apparve un altro angelo. Aveva in mano il sigillo del Dio vivente. Egli gridò con voce possente ai quattro angeli ai quali Dio aveva dato il potere di devastare la terra e il mare:
Ap 8,3 Un altro angelo, con un incensiere d'oro, si avvicinò all'altare e ricevette una grande quantità d'incenso da offrire, insieme con le preghiere di tutto il popolo di Dio, sull'altare d'oro posto davanti al trono;
Ap 8,4 e dalle mani dell'angelo il fumo dell'incenso salì alla presenza di Dio, con le preghiere del suo popolo.

Ap 8,5 Allora l'angelo prese l'incensiere, lo riempì di brace ardente tolta dall'altare e lo scagliò sulla terra. Immediatamente ci fu un terremoto accompagnato da lampi e tuoni.

Ap 8,7 Il primo angelo suonò la tromba e una grande tempesta di grandine e di fuoco, mescolati con sangue, si riversò sulla terra. Un terzo della terra fu bruciato, un terzo degli alberi andò in fiamme, e tutta l'erba verde fu arsa.

Ap 8,8 Il secondo angelo suonò la tromba, e una massa ardente simile a una montagna infuocata fu precipitata nel mare. Un terzo del mare diventò sangue,
Ap 8,10 Il terzo angelo suonò la tromba, e cadde dal cielo una grande stella, ardente come una torcia, che piombò su un terzo dei fiumi e delle sorgenti.
Ap 8,12 Quando il quarto angelo suonò la tromba, furono colpiti un terzo del sole, della luna e delle stelle: la loro luce diminuì di un terzo, e un terzo del giorno e della notte rimase privo di luce.

Ap 9,1 Il quinto angelo suonò la tromba, e vidi una stella che era caduta dal cielo sulla terra. A questa stella fu data la chiave del mondo sotterraneo.

Ap 9,11 A capo delle locuste c'era un re, l'angelo del mondo sotterraneo. Il suo nome in ebraico è 'Abaddon', che per noi vuoi dire: sterminatore.

Ap 9,13 Il sesto angelo suonò la tromba, e allora intesi una voce dai quattro angoli dell'altare d'oro posto di fronte a Dio.

Ap 9,14 La voce disse al sesto angelo che teneva la tromba: 'Libera i quattro angeli incatenati presso il grande fiume Eufrate!'.
Ap 10,1 Vidi ancora un altro angelo vigoroso scendere dal cielo. Era avvolto in una nuvola e sul capo aveva un arcobaleno, come aureola; il suo viso era simile al sole, e le sue gambe somigliavano a colonne di fuoco.
Ap 10,5 E l'angelo, che avevo visto in piedi sulla terra e sul mare, alzò la destra verso il cielo,
Ap 10,7 e quando il settimo angelo suonerà la tromba, Dio realizzerà il suo piano segreto, come aveva promesso ai profeti che insegnavano nel suo nome'.

Ap 10,8 La voce che avevo udita dal cielo mi rivolse di nuovo la parola: 'Vai dall'angelo, che sta ritto in piedi sulla terra e sul mare, e prendi il libretto che sta aperto nella sua mano'.

Ap 10,9 Io mi avvicinai all'angelo e gli dissi:
- Dammi il libretto.
Egli mi rispose:
- Prendilo e mangialo. Sarà amaro per il tuo stomaco, anche se in bocca ti sarà dolce, come il miele.

Ap 10,10 Io presi il libretto dalla mano dell'angelo e lo divorai: nella mia bocca fu dolce, come il miele, ma quando lo inghiottii fu amaro per il mio stomaco.
Ap 11,15 Il settimo angelo suonò la tromba, e si fecero udire nel cielo voci forti che gridavano:
'Ora comincia nel mondo
il regno di Dio nostro Signore
e del suo Cristo.
Un regno per i secoli eterni'.

Ap 14,6 Poi vidi volare alto nel cielo un altro angelo che portava la lieta notizia, valida per ogni tempo, da annunziare a ogni nazione e razza e lingua e popolo.
Ap 14,8 Un altro angelo comparve dopo il primo, e disse: 'È caduta, è caduta la grande Babilonia, quella che aveva fatto bere a tutti i popoli il vino inebriante della sua prostituzione'.

Ap 14,9 Un terzo angelo comparve dopo gli altri due, dicendo a gran voce: 'Chiunque adora il mostro e la sua statua, e riceve il suo marchio sulla fronte o sulla mano,
Ap 14,15 Un altro angelo uscì dal tempio, e con voce potente gridò a colui che sedeva sulla nuvola: 'Prendi la tua falce affilata e comincia a mietere! L'ora è giunta, la terra è pronta per la mietitura'.
Ap 14,17 Poi un altro angelo uscì dal tempio che è nel cielo; anche lui aveva una falce affilata.

Ap 14,18 Un altro angelo, che ha potere sul fuoco, lasciò l'altare, e con voce tonante disse all'angelo dalla falce affilata: 'Prendi la tua falce affilata e vendemmia i grappoli della vigna della terra: le sue uve sono mature'.

Ap 14,19 L'angelo passò la falce sopra la terra, vendemmiò la vigna della terra e gettò i grappoli nel grande tino della pigiatura, che rappresenta il terribile castigo di Dio.

Ap 16,2 Il primo angelo andò a versare la sua coppa sulla terra: su tutti gli uomini che avevano il marchio del mostro e avevano adorato la sua immagine, si formò una piaga dolorosa e maligna.

Ap 16,3 Il secondo angelo versò la sua coppa sul mare: l'acqua del mare diventò come il sangue dei cadaveri, e tutti gli animali che erano nel mare morirono.

Ap 16,4 Il terzo angelo versò la sua coppa nei fiumi e nelle sorgenti: la loro acqua si trasformò in sangue,
Ap 16,5 e udii le parole dell'angelo che ha potere sulle acque:
'Signore santo, che sei e che eri,
ti sei mostrato giusto giudice:

Ap 16,8 Il quarto angelo versò la sua coppa sul sole, che si fece così ardente, da tormentare gli uomini con il suo calore.
Ap 16,10 Il quinto angelo versò la sua coppa sul trono del mostro e il regno del mostro piombò nell'oscurità. La gente si mordeva la lingua per il dolore,
Ap 16,12 Il sesto angelo versò la sua coppa sul gran fiume Eufrate: il fiume si prosciugò e si formò una strada, pronta per i re dell'oriente.

Ap 16,17 Il settimo angelo versò la sua coppa nell'aria, e dal santuario del cielo uscì una voce tonante che veniva dal trono, ed esclamò: 'È fatto!'.

Ap 17,7 e l'angelo mi disse: 'Perché ti meravigli? Io ti spiegherò il significato misterioso della donna e del mostro che la sostiene, quello che ha sette teste e dieci corna.

Ap 17,15 L'angelo continuò a spiegare: 'Le acque che hai visto, dove abita la prostituta, rappresentano popoli, moltitudini, nazioni e lingue.
Ap 18,1 Dopo queste spiegazioni vidi scendere dal cielo un altro angelo che aveva grandi poteri, e il suo splendore illuminò tutta la terra.
Ap 18,2 L'angelo gridò con voce potente:
'È caduta!
La grande Babilonia è caduta!
È diventata dimora di demòni,
rifugio di tutti gli spiriti immondi,
rifugio di ogni uccello impuro e ripugnante.

Ap 18,21 Allora un angelo vigoroso prese una pietra grande come una macina da mulino e la scagliò in mare, dicendo:
'Così sarà precipitata Babilonia,
la grande città;
nessuno la vedrà più.

Ap 19,9 Poi l'angelo mi disse: 'Scrivi: Beati gli invitati al pranzo di nozze dell'Agnello'.
E aggiunse: 'Sono parole di Dio. Egli dice il vero'.

Ap 19,10 Allora mi inginocchiai davanti all'angelo, per adorarlo. Ma egli mi disse: 'Che fai? Io sono un servitore, come te e come i tuoi fratelli che rimangono fedeli alla testimonianza portata da Gesù. È Dio che devi adorare'.
Infatti questa testimonianza di Gesù è la forza della nostra predicazione.

LA DISTRUZIONE DELLE NAZIONI

Ap 19,17 Poi vidi un angelo, in piedi nel sole. Egli chiamò a gran voce tutti gli uccelli che volano alto nel cielo: 'Venite, radunatevi per il grande banchetto di Dio:
Ap 20,1 Poi vidi scendere dal cielo un angelo che teneva in mano la chiave del mondo sotterraneo e una lunga catena.
Ap 20,2 L'angelo afferrò il drago, il serpente antico, cioè Satana, il diavolo, e lo incatenò per mille anni,
Ap 21,10 Lo Spirito mi trasportò su una grande montagna, molto alta, e l'angelo mi mostrò Gerusalemme, la città santa che appartiene al Signore. Essa scendeva dal cielo, Dio.
Ap 21,15 L'angelo che parlava con me aveva una canna d'oro per misurare la città, le sue mura e le sue porte.

Ap 21,16 La città era quadrata, di larghezza uguale alla lunghezza. L'angelo misurò la città: dodicimila stadi (più di duemila chilometri). La lunghezza, la larghezza e l'altezza sono identiche.

Ap 21,17 Poi misurò le mura: centoquarantaquattro cubiti (settanta metri), secondo la misura umana che usava l'angelo.

Ap 22,1 Poi l'angelo mi mostrò il fiume dell'acqua che dà vita, limpido come cristallo, che sgorgava dal trono di Dio e dell'Agnello.
Ap 22,6 L'angelo mi disse: 'Queste parole sono vere e degne di fede. Il Signore, che ispira i profeti, ha mandato il suo angelo per far vedere, a quelli che lo servono, tutto ciò che deve accadere tra poco'.

Ap 22,8 Io, Giovanni, ho udito e veduto queste cose. Dopo averle udite e vedute, mi inginocchiai ai piedi dell'angelo che me le aveva mostrate, per adorarlo.
Ap 22,9 Ma l'angelo mi disse: 'Non farlo! Io sono un servitore di Dio come te e come i tuoi fratelli, i profeti che annunziano la parola di Dio, e come quelli che prendono a cuore il messaggio di questo libro. Inginòcchiati solo davanti a Dio.

Ap 22,16 'Io, Gesù, ho mandato il mio angelo a portarvi questo messaggio per le chiese. Io sono il germoglio e la discendenza di Davide, la splendida stella del mattino'.





  la ricerca ha riportato 268 risultati  
inizio pagina