B I B B I A .net   > Bibbia CEI 2008 > Bibbia CEI 1974 > La Bibbia TILC

Antico Gen Es Lv Nm Dt - Gios Gdc Rut 1Sam 2Sam 1Re 2Re 1Cr 2Cr Esd Nee Tob Gdt Est 1Mac 2Mac
Testam. Gb Sal Prv Qo Cant Sap Sir - Is Ger Lam Bar Ez Dan Os Gioe Am Abd Gion Mich Naum Abac Sof Agg Zacc Mal

NuovoT. Mt Mc Lc Gv - At - Rom 1Cor 2Cor Gal Ef Fil Col 1Ts 2Ts 1Tm 2Tm Tit Flm Ebr - Giac 1Pt 2Pt 1Gv 2Gv 3Gv Gd - Ap

(Versione sperimentale)
Ricerca per citazione:
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     

Ricerca per parola:
cerca all'interno di
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     
 
Siracide
  > Libro: Siracide, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51  

(Testo TILC)

14
1Felice chi sa controllare le sue parole
e non sarà tormentato dal rimorso dei
peccati.
2Felice chi ha la coscienza tranquilla
e non ha perduto la speranza.
Invidiosi e avari

3Che giova a un avaro diventare ricco
e all'invidioso a che cosa servono i soldi?
4Chi fa soldi a prezzo di stenti accumula
per altri:
a spenderli ci penseranno poi loro.
5Chi è tirchio con sé con chi mai sarà
generoso?
Nemmeno lui godrà dei suoi beni.
6Nessuno è peggiore di chi tortura se
stesso;
egli paga per la sua cattiveria.
7Anche se fa il bene, lo fa solo per sbaglio,
e alla fine salterà fuori la sua malizia.
8L'invidioso si riconosce perfino dallo
sguardo;
è così cattivo che disprezza la gente
voltando la faccia.
9L'avaro non è mai soddisfatto di quello
che ha
perché dentro lo rode l'invidia.
10Egli è tirchio anche nel pane,
e lo fa mancare sulla sua tavola.

Impiega bene i tuoi soldi

11Figlio mio, se puoi trattati bene
e presenta al Signore i doni che gli devi.
12Ricorda che la morte non si può
rimandare,
e la data fissata ti è sconosciuta.
13Prima di morire, fa' del bene al tuo
amico,
sii generoso e dagli tutto quello che puoi.
14Non perdere un'occasione propizia,
e non rinunziare a un desiderio legittimo.
15Perché lasci a un altro i frutti del tuo
lavoro?
Perché gli eredi dovrebbero spartirsi il
frutto delle tue fatiche?
16Regala e accetta regali, goditi la vita,
perché, una volta morto, non avrai altre
soddisfazioni.
17L'uomo è fragile e invecchia come un
vestito;
questo è il destino di ognuno: 'Tu
morirai'.
18Guarda le foglie su un albero frondoso:
cadono e ne spuntano altre.
Lo stesso succede alle generazioni umane:
una muore e l'altra nasce;
19ogni opera umana si logora e perisce,
e chi l'ha fatta avrà lo stesso destino.

Cerca la sapienza

20Felice chi si dedica alla sapienza,
e ragiona con la sua testa per andare a
fondo delle cose.
21Felice chi segue le strade della sapienza,
e cerca di capire i suoi segreti.
22Buttati alla sua ricerca e seguine le tracce,
nasconditi aspettando là dove essa passa.
23Chi fa così è come un innamorato: spia
alle sue finestre
e sta in ascolto alla sua porta.
24-25Per restarle vicino,
pianta la sua tenda accanto alle mura della
sua casa,
dove è bello per lui abitare.
26Alla sapienza affiderà i suoi figli,
troverà riparo sotto i suoi rami:
27sarà protetto dal suo calore
e vivrà alla luce della sua presenza.



> Cerca omelie su questo capitolo

  > Libro: Siracide, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51  
inizio pagina