B I B B I A .net   > Bibbia CEI 2008 > Bibbia CEI 1974 > La Bibbia TILC

Antico Gen Es Lv Nm Dt - Gios Gdc Rut 1Sam 2Sam 1Re 2Re 1Cr 2Cr Esd Nee Tob Gdt Est 1Mac 2Mac
Testam. Gb Sal Prv Qo Cant Sap Sir - Is Ger Lam Bar Ez Dan Os Gioe Am Abd Gion Mich Naum Abac Sof Agg Zacc Mal

NuovoT. Mt Mc Lc Gv - At - Rom 1Cor 2Cor Gal Ef Fil Col 1Ts 2Ts 1Tm 2Tm Tit Flm Ebr - Giac 1Pt 2Pt 1Gv 2Gv 3Gv Gd - Ap

(Versione sperimentale)
Ricerca per citazione:
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     

Ricerca per parola:
cerca all'interno di
CEI 2008:   CEI 74:   TILC:    Mostra N.Versetto:     
 
Secondo libro delle Cronache
  > Libro: Secondo libro delle Cronache, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36  

(Testo TILC)

18
Giosafat si allea con Acab re d'Israele
(vedi 1Re 22, 1-4)

1Giosafat divenne molto ricco e famoso e, con le nozze del figlio, s'imparentò con Acab re d'Israele. 2Dopo alcuni anni Giosafat andò a trovare Acab a Samaria. Acab uccise per l'occasione molti buoi e molte pecore per festeggiare Giosafat e il suo seguito. Cercò poi di persuaderlo ad attaccare, insieme con lui, la città di Ramot di Galaad. 3Gli propose:
- Vuoi allearti con me contro Ramot di Galaad?
- Conta pure su di me e sul mio esercito, - rispose Giosafat. - Combatterò con te. 4Prima però, interroghiamo il Signore, oggi stesso.

I profeti di corte predicono la vittoria
(vedi 1 Re 22, 5-12)

5Il re Acab convocò i suoi profeti, quattrocento in tutto, e chiese loro:
- Possiamo attaccare Ramot di Galaad o io devo rinunziare?
- Va' pure all'attacco, - risposero i profeti. - Dio farà cadere la città in tuo potere.
6Giosafat chiese:
- Non c'è un altro profeta del Signore che ci aiuti a interrogarlo?
7Il re Acab rispose:
- Ce n'è ancora uno: è Michea figlio di ImIa. Lui può aiutarci a interrogare il Signore, però io lo detesto perché non mi annunzia mai niente di buono: sempre cose cattive!
- Tu, o re, non dovresti parlare così, - replicò Giosafat.
8Allora il re Acab chiamò un ministro e gli ordinò di far venire al più presto Michea figlio di ImIa. 9Intanto Acab, re d'Israele, e Giosafat, re di Giuda, con indosso i loro abiti regali, stavano seduti, ognuno su un trono, sullo spiazzo all'ingresso di Samaria. I profeti pronunziavano oracoli in loro presenza. 10Uno di loro, Sedecia figlio di Chenaana, si era fatto un paio di corna di ferro e diceva: 'Il Signore ha parlato e ha detto: Con queste schiaccerai gli Aramei'. 11Tutti i profeti dicevano la stessa cosa: 'Attacca Ramot di Galaad! Ce la farai. Il Signore farà cadere in mano tua la città!'.

Il profeta Michea predice la sconfitta
(vedi 1 Re 22, 13-28)

12Nel frattempo, il messaggero che era andato a chiamare Michea, gli diceva:
- Tutti i profeti, a una sola voce, annunziano al re cose buone. Fa' anche tu come loro e fagli buone previsioni.
13Michea rispose:
- Com'è vero che il Signore vive, dirò quel che il mio Dio mi farà dire.
14Michea andò dal re e questi gli chiese: - Possiamo attaccare Ramot di Galaad o dobbiamo rinunziare?
Michea rispose:
- Certo, attaccate pure, ce la farete! Il Signore farà cadere la città in vostro potere! 15Anche questa volta, ti scongiuro - disse il re Acab: - dimmi soltanto la verità quando parli in nome del Signore.
16Allora Michea rispose:
- Ho visto il popolo d'Israele disperso sulle montagne, come un gregge senza pastore.
Il Signore ha detto:
'Questi uomini son senza guida; tornino in pace alle loro case!'. 17Acab disse a Giosafat:
- Te l'avevo detto: quest'uomo non mi annunzia mai niente di buono, ma solo cose cattive!
18Michea riprese a parlare:
- Ascoltate la parola del Signore! Io l'ho visto seduto sul suo trono, con tutti i suoi servitori in piedi alla sua destra e alla sua sinistra. 19A un certo punto ha chiesto loro: 'Chi convincerà Acab re d'Israele ad andare a Ramot di Galaad, dove finirà ammazzato?'. I servitori davano le risposte più varie, 20finché uno spirito si è presentato al Signore e ha detto: 'Lo convincerò io!'. Il Signore gli ha chiesto come avrebbe fatto 21e lui ha risposto: 'Farò uscire menzogne dalla bocca dei profeti'. 'Va' pure, ingannalo così! Ci riuscirai', gli ha detto il Signore.
22E Michea concluse:
- Il Signore ha fatto uscire menzogne dalla bocca dei profeti, ma in realtà ha deciso di farti finir male.
23Sedecia figlio di Chenaana si avvicinò a Michea, gli diede uno schiaffo e gli disse:
- Da che parte lo spirito del Signore è uscito da me per parlare a te?
24Lo vedrai il giorno che cercherai un nascondiglio di stanza in stanza, - rispose Michea.
25Il re Acab ordinò:
- Arrestate Michea e consegnatelo ad Amon, governatore della città, e al principe Ioas. 26Ordinate loro di rinchiuderlo in prigione e di tenerlo a pane e acqua, finché non tornerò sano e salvo dalla guerra!
27Michea replicò:
- Se tornerai sano e salvo vorrà dire che non è stato il Signore a parlare per bocca mia!

Acab, re d'Israele, muore in combattimento
(vedi 1 Re 22, 29-35)

28Il re d'Israele, Acab, e il re di Giuda, Giosafat, attaccarono Ramon di Galaad. 29Acab disse a Giosafat: 'Per combattere io mi travestirò ma tu tieni i tuoi abiti regali'.
Il re Acab si travesti e andò a combattere.
30Il re di Aram aveva ordinato ai capi dei suoi carri: 'Voi cercate di colpire il re d'Israele e lasciate perdere tutti gli altri'.
31Quando i capi dei carri videro Giosafat, dissero: 'Ecco là il re d'Israele!'. E lo circondarono per attaccarlo. Giosafat si mise a gridare. In quel momento il Signore l'aiutò e Dio fece allontanare da lui quelli che lo aggredivano. 32I capi dei carri si accorsero che non era lui il re d'Israele e si allontanarono. 33Un soldato, però, tirò a caso con l'arco e una freccia colpì proprio Acab, infilandosi tra le piastre della sua corazza. 'Sono ferito! -gridò Acab al suo cocchiere, - gira il carro e portami lontano dal campo di battaglia'. 34La battaglia infuriò per tutto il giorno e Acab, re d'Israele, dovette stare nel suo carro fino a sera, di fronte allo schieramento arameo. Al tramonto morì.

(Testo CEI2008)

18
Alleanza con il regno del nord contro gli Aramei

1 Giòsafat, che aveva ricchezza e gloria in abbondanza, si imparentò con Acab. 2Dopo alcuni anni scese da Acab a Samaria; Acab uccise per lui e per la gente del suo seguito pecore e buoi in quantità e lo persuase ad attaccare con lui Ramot di Gàlaad. 3Acab, re d'Israele, disse a Giòsafat, re di Giuda: «Verresti con me contro Ramot di Gàlaad?». Gli rispose: «Conta su di me come su te stesso, sul mio popolo come sul tuo; sarò con te in battaglia».

I profeti di corte annunciano la vittoria

4Giòsafat disse al re d'Israele: «Consulta, per favore, oggi stesso la parola del Signore». 5Il re d'Israele radunò i profeti, quattrocento persone, e domandò loro: «Dobbiamo andare contro Ramot di Gàlaad o devo rinunciare?». Risposero: «Attacca; Dio la metterà in mano al re». 6Giòsafat disse: «Non c'è qui ancora un profeta del Signore da consultare?». 7Il re d'Israele rispose a Giòsafat: «C'è ancora un uomo, per consultare tramite lui il Signore, ma io lo detesto perché non mi profetizza il bene, ma sempre il male: è Michea, figlio di Imla». Giòsafat disse: «Il re non parli così». 8Il re d'Israele, chiamato un cortigiano, gli ordinò: «Convoca subito Michea, figlio di Imla!».
9Il re d'Israele e Giòsafat, re di Giuda, sedevano ognuno sul suo trono, vestiti dei loro mantelli, nello spiazzo all'ingresso della porta di Samaria; tutti i profeti profetizzavano davanti a loro. 10Sedecìa, figlio di Chenaanà, che si era fatto corna di ferro, affermava: «Così dice il Signore: «Con queste cozzerai contro gli Aramei sino a finirli»». 11Tutti i profeti profetizzavano allo stesso modo: «Assali Ramot di Gàlaad, avrai successo. Il Signore la metterà in mano al re».

Il profeta Michea annuncia la sconfitta

12Il messaggero, che era andato a chiamare Michea, gli disse: «Ecco, le parole dei profeti concordano sul successo del re; ora la tua parola sia come quella degli altri: preannuncia il successo». 13Michea rispose: «Per la vita del Signore, annuncerò quanto il mio Dio mi dirà». 14Si presentò al re, che gli domandò: «Michea, dobbiamo andare in guerra contro Ramot di Gàlaad o rinunciare?». Gli rispose: «Attaccàtela, avrete successo; i suoi abitanti saranno messi nelle vostre mani». 15Il re gli disse: «Quante volte ti devo scongiurare di non dirmi altro se non la verità nel nome del Signore?». 16Egli disse:
«Vedo tutti gli Israeliti vagare sui monti
come pecore che non hanno pastore.
Il Signore dice:
«Questi non hanno padrone;
ognuno torni a casa sua in pace!»».
17Il re d'Israele disse a Giòsafat: «Non te l'avevo detto che costui non mi profetizza il bene, ma solo il male?». 18Michea disse: «Perciò, ascoltate la parola del Signore. Io ho visto il Signore seduto sul trono; tutto l'esercito del cielo stava alla sua destra e alla sua sinistra. 19Il Signore domandò: «Chi ingannerà Acab, re d'Israele, perché salga contro Ramot di Gàlaad e vi perisca?». Chi rispose in un modo e chi in un altro. 20Si fece avanti uno spirito che, presentatosi al Signore, disse: «Lo ingannerò io». «Come?», gli domandò il Signore. 21Rispose: «Andrò e diventerò spirito di menzogna sulla bocca di tutti i suoi profeti». Gli disse: «Lo ingannerai; certo riuscirai: va' e fa' così». 22Ecco, dunque, il Signore ha messo uno spirito di menzogna sulla bocca di questi tuoi profeti, ma il Signore a tuo riguardo parla di sciagura».
23Allora Sedecìa, figlio di Chenaanà, si avvicinò e percosse Michea sulla guancia dicendo: «Per quale via lo spirito del Signore è passato da me per parlare a te?». 24Michea rispose: «Ecco, lo vedrai nel giorno in cui passerai di stanza in stanza per nasconderti». 25Il re d'Israele disse: «Prendete Michea e conducetelo da Amon, governatore della città, e da Ioas, figlio del re. 26Direte loro: «Così dice il re: Mettete costui in prigione e nutritelo con il minimo di pane e di acqua finché tornerò in pace»». 27Michea disse: «Se davvero tornerai in pace, il Signore non ha parlato per mezzo mio». E aggiunse: «Popoli tutti, ascoltate!».

Morte del re alleato

28Il re d'Israele marciò, insieme con Giòsafat, re di Giuda, contro Ramot di Gàlaad. 29Il re d'Israele disse a Giòsafat: «Io per combattere mi travestirò. Tu resta con i tuoi abiti». Il re d'Israele si travestì ed entrarono in battaglia. 30Il re di Aram aveva ordinato ai comandanti dei suoi carri: «Non combattete contro nessuno, piccolo o grande, ma unicamente contro il re d'Israele». 31Appena videro Giòsafat, i comandanti dei carri dissero: «Quello è il re d'Israele!». Lo circondarono per combattere. Giòsafat lanciò un grido e il Signore gli venne in aiuto e Dio li allontanò dalla sua persona. 32I comandanti dei carri si accorsero che non era il re d'Israele e si allontanarono da lui. 33Ma un uomo tese a caso l'arco e colpì il re d'Israele fra le maglie dell'armatura e la corazza. Il re disse al suo cocchiere: «Gira, portami fuori dalla mischia, perché sono ferito». 34La battaglia infuriò in quel giorno; il re d'Israele stette sul carro di fronte agli Aramei sino alla sera e morì al tramonto del sole.



> Cerca omelie su questo capitolo

  > Libro: Secondo libro delle Cronache, Cap.: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36  


inizio pagina