LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 29 Agosto 2023 <

Domenica 27 Agosto 2023

Lunedì 28 Agosto 2023

Martedì 29 Agosto 2023

Mercoledì 30 Agosto 2023

Giovedì 31 Agosto 2023

Venerdì 1 Settembre 2023

Sabato 2 Settembre 2023

Domenica 3 Settembre 2023

Lunedì 4 Settembre 2023

Martedì 5 Settembre 2023

Newsletter
Per ricevere la Liturgia del giorno inserisci la tua mail:


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:








  Martirio di San Giovanni Battista

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: Memoria
Colore liturgico: Rosso
Scheda Agiografica: Martirio di San Giovanni Battista
S0829 ;

La morte del Battista - che lascia intravedere sullo sfondo quella di Gesù - sembra contraddire ciò che leggiamo nella prima lettura, tratta da Geremia: «... alzati e di’ loro tutto ciò che ti ordinerò; non spaventarti di fronte a loro, altrimenti sarò io a farti paura davanti a loro. Ed ecco, oggi io faccio di te come una città fortificata... Ti faranno guerra, ma non ti vinceranno, perché io sono con te per salvarti». Questo invito al coraggio, accompagnato dalla promessa di salvezza, trovano alla fine della vita di san Giovanni un esito tragico e una morte meschina per il capriccio di un’adolescente istigata da una madre assassina. E che dire di Erode, che si sente padrone del mondo: «Chiedimi quello che vuoi e io te lo darò»?
Giovanni, colmo dello Spirito di Dio, come Geremia, sa però distinguere tra il senso profondo delle parole del Signore e gli eventi che pesano sulla sua esistenza umana. Preferisce non spaventarsi e parlare secondo verità; sa per certo che la salvezza promessa dal Signore non riguarda solo la sua povera vita terrena e che coloro che lo uccideranno nulla possono contro la salvezza che gli viene dal suo Dio e che lo condurrà per sempre tra le braccia del Misericordioso.
La Colletta di questa celebrazione ci aiuta a valorizzare la testimonianza del Battista, martire per la verità e la giustizia. In essa chiediamo a Dio - che lo ha dato a suo Figlio come precursore, nella nascita e nella morte - che conceda anche a noi di lottare con coraggio per testimoniare la sua Parola.

Ricevi la Liturgia via mail >
Leggi la sua scheda su Santiebeati.it >
Condividi questa Liturgia su > Facebook
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Davanti ai re parlerò dei tuoi insegnamenti
e non dovrò vergognarmi, Signore.
La mia delizia sarà nei tuoi comandi, che io amo. (Sal 118,46-47)


Colletta
O Dio, che a Cristo tuo Figlio hai dato come precursore,
nella nascita e nella morte, san Giovanni Battista,
concedi anche a noi di lottare con coraggio
per la testimonianza della tua parola,
come egli morì martire per la verità e la giustizia.
Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio,
e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli.

>

Prima lettura

Ger 1,17-19
Àlzati e di’ loro tutto ciò che ti ordinerò.

Dal libro del profeta Geremìa

In quei giorni, mi fu rivolta questa parola del Signore:
«Tu, stringi la veste ai fianchi,
àlzati e di’ loro tutto ciò che ti ordinerò;
non spaventarti di fronte a loro,
altrimenti sarò io a farti paura davanti a loro.
Ed ecco, oggi io faccio di te
come una città fortificata,
una colonna di ferro
e un muro di bronzo
contro tutto il paese,
contro i re di Giuda e i suoi capi,
contro i suoi sacerdoti e il popolo del paese.
Ti faranno guerra, ma non ti vinceranno,
perché io sono con te per salvarti».

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 70

La mia bocca, Signore, racconterà la tua salvezza.

In te, Signore, mi sono rifugiato,
mai sarò deluso.
Per la tua giustizia, liberami e difendimi,
tendi a me il tuo orecchio e salvami.

Sii tu la mia roccia,
una dimora sempre accessibile;
hai deciso di darmi salvezza:
davvero mia rupe e mia fortezza tu sei!
Mio Dio, liberami dalle mani del malvagio.

Sei tu, mio Signore, la mia speranza,
la mia fiducia, Signore, fin dalla mia giovinezza.
Su di te mi appoggiai fin dal grembo materno,
dal seno di mia madre sei tu il mio sostegno.

La mia bocca racconterà la tua giustizia,
ogni giorno la tua salvezza.
Fin dalla giovinezza, o Dio, mi hai istruito
e oggi ancora proclamo le tue meraviglie.

Canto al Vangelo (Mt 5,10)
Alleluia, alleluia.
Beati i perseguitati per la giustizia,
perché di essi è il regno dei cieli.
Alleluia.

>

Vangelo

Condividi il Vangelo su >   Facebook Ascolta il Vangelo >    

Mc 6,17-29
Voglio che tu mi dia adesso, su un vassoio, la testa di Giovanni il Battista.


+ Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, Erode aveva mandato ad arrestare Giovanni e lo aveva messo in prigione a causa di Erodìade, moglie di suo fratello Filippo, perché l’aveva sposata. Giovanni infatti diceva a Erode: «Non ti è lecito tenere con te la moglie di tuo fratello». Per questo Erodìade lo odiava e voleva farlo uccidere, ma non poteva, perché Erode temeva Giovanni, sapendolo uomo giusto e santo, e vigilava su di lui; nell’ascoltarlo restava molto perplesso, tuttavia lo ascoltava volentieri.
Venne però il giorno propizio, quando Erode, per il suo compleanno, fece un banchetto per i più alti funzionari della sua corte, gli ufficiali dell’esercito e i notabili della Galilea. Entrata la figlia della stessa Erodìade, danzò e piacque a Erode e ai commensali. Allora il re disse alla fanciulla: «Chiedimi quello che vuoi e io te lo darò». E le giurò più volte: «Qualsiasi cosa mi chiederai, te la darò, fosse anche la metà del mio regno». Ella uscì e disse alla madre: «Che cosa devo chiedere?». Quella rispose: «La testa di Giovanni il Battista». E subito, entrata di corsa dal re, fece la richiesta, dicendo: «Voglio che tu mi dia adesso, su un vassoio, la testa di Giovanni il Battista». Il re, fattosi molto triste, a motivo del giuramento e dei commensali non volle opporle un rifiuto.
E subito il re mandò una guardia e ordinò che gli fosse portata la testa di Giovanni. La guardia andò, lo decapitò in prigione e ne portò la testa su un vassoio, la diede alla fanciulla e la fanciulla la diede a sua madre. I discepoli di Giovanni, saputo il fatto, vennero, ne presero il cadavere e lo posero in un sepolcro.

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
(Dall'Orazionale CEI 2020)
Fratelli e sorelle, nel ricordo glorioso di san Giovanni Battista, ultimo tra i profeti e primo tra i testimoni del Cristo salvatore, rivolgiamo al Padre la nostra preghiera.
Preghiamo insieme e diciamo: Rinnova, o Padre, i prodigi del tuo Spirito.

1. Per la santa Chiesa: sull’esempio di Giovanni Battista, indichi agli uomini del nostro tempo Gesù, Agnello di Dio che toglie il peccato del mondo. Preghiamo.
2. Per i consacrati nella vita ascetica, monastica e apostolica: lasciata ogni cosa che appartiene alla terra, seguano senza compromessi Cristo, casto, povero, obbediente. Preghiamo.
3. Per i perseguitati a causa della giustizia: con la medesima forza che animò il Battista, proclamino coraggiosamente Gesù via, verità e vita. Preghiamo.
4. Per i profeti del nostro tempo: rifiutando la violenza e la menzogna, tolgano ogni ostacolo davanti a Cristo, portatore di salvezza e di pace. Preghiamo.
5. Per noi qui riuniti in assemblea: riscoprendo la grazia e gli impegni del Battesimo, ci sia dato di vivere in modo limpido il Vangelo di Cristo, nostro Maestro e Signore. Preghiamo.

Accogli, Padre santo, la nostra preghiera e per intercessione di san Giovanni Battista, amico dello Sposo e suo precursore nel martirio, donaci un cuore attento ai segni della tua presenza, per essere trasformati dalla tua parola di salvezza. Per Cristo nostro Signore.

Preghiera sulle offerte
Accogli, o Padre, le nostre offerte,
e fa’ che camminiamo sempre nella via di santità
che san Giovanni Battista
proclamò con voce profetica nel deserto
e confermò con il suo sangue.
Per Cristo nostro Signore.


PREFAZIO
La missione del Precursore

È veramente cosa buona e giusta,
nostro dovere e fonte di salvezza,
rendere grazie sempre e in ogni luogo
a te, Signore, Padre santo,
Dio onnipotente ed eterno.
Noi ti lodiamo per le meraviglie operate
in san Giovanni Battista,
che fra tutti i nati di donna
hai eletto e consacrato a preparare la via a Cristo Signore.
Fin dal grembo materno esultò per la venuta del redentore;
nella sua nascita preannunciò i prodigi dei tempi messianici
e, solo fra tutti i profeti,
indicò al mondo l’Agnello del nostro riscatto.
Egli battezzò nelle acque del Giordano
lo stesso tuo Figlio, autore del Battesimo,
e rese a lui la testimonianza suprema
con l’effusione del sangue.
E noi, uniti agli angeli e ai santi,
a te innalziamo sulla terra il nostro canto
e proclamiamo senza fine la tua gloria: Santo, ...


Antifona alla comunione
Giovanni rispose:
«Lui deve crescere e io diminuire». (Gv 3,27.30)


Preghiera dopo la comunione
O Dio, che ci hai riuniti alla tua mensa
nel glorioso ricordo
del martirio di san Giovanni Battista,
donaci di venerare con fede viva
il mistero che abbiamo celebrato
e di raccoglierne con gioia il frutto di salvezza.
Per Cristo nostro Signore.



O M E L I E
a cura di
Qumran2.net


    don Giampaolo Centofanti       (Omelia del 29-08-2023)

La vita di Erode stimola molte riflessioni. Aveva ricevuto potenti semi di grazia, il brano odierno lo dice chiaramente. Ma cosa fa la grazia in tanti casi? Orienta ad un andare oltre un un percorso che aprirà nuovi orizzonti di vita, esperienze di resurrezione con ogni bene. Dunque non sempre si sperimenta immediatamente chissà che cosa ma si intuisce un pe ...
(continua)

 
    don Carlo Occelli       (Omelia del 29-08-2022)
Commento al Vangelo 29 agosto 2022
...
(continua)

 
    don Nicola Salsa       (Omelia del 29-08-2022)
Martirio di Giovanni Battista (Mc 6,17-29)
...
(continua)

 
    don Marco Scandelli       (Omelia del 29-08-2020)
#2minutiDiVangelo - Sabato 29/08 - Decollazione di San Giovanni Battista: le bugie allontanano Dio!
Commento al Vangelo di sabato 29 agosto 2020 - XXI settimana del Tempo Ordinario - a cura di don Marco Scandelli #2minutiDiVangelo Marco 6 17-29 Peggiore di qualsiasi peccato è la bugia: che uno sbagli e pecchi, è "umano", è normale. Ma la menzogna, la mancanza di verità, è peggiore: di solito non si dice la verità quando non si è pentiti di aver ...
(continua)

 
    don Giampaolo Centofanti       (Omelia del 29-08-2020)

Il profeta è un cercatore della verità viva, tendenzialmente dunque dell'autentico amore. Cerca di inserirsi con amore, comprensione, anche, a seconda del suo ruolo, buonsenso, nella società. Ma è sempre una feritoia per il passaggio della Luce. Non può entrare nelle cabine del potere quando in esse le piste autentiche sono viste come optional da rispolverar ...
(continua)

 
    don Nicola Salsa       (Omelia del 29-08-2020)
Martirio di San Giovanni Battista
...
(continua)

 
    Paolo Curtaz       (Omelia del 29-08-2015)

Oggi la Chiesa celebra il martirio di Giovanni il Battista, il più grande uomo mai vissuto, secondo Gesù. Ancora oggi la sua coerenza e la sua testimonianza ci incoraggiano sulle strade della fede. Così muore ucciso Giovanni. Schiacciato dalla debolezza di un re burattino che non vuole sfigurare davanti ai suoi commensali. Un gigante che viene ucciso da una ...
(continua)

 
    Paolo Curtaz       (Omelia del 29-08-2014)

Giovanni è l'unico santo, insieme a Maria di Nazareth, di cui festeggiamo l'inizio e la fine della vita. E la sua è stata una fine orribile, spietata, simile alle tante morti cui assistiamo ancora oggi. Uomini e donne vittime del potere e della guerra, dell'ideologia, degli interessi economici. Dall'ormai dimenticata tragedia siriana ai massacri religiosi in ...
(continua)