LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 10 Agosto 2023 <

Martedì 8 Agosto 2023

Mercoledì 9 Agosto 2023

Giovedì 10 Agosto 2023

Venerdì 11 Agosto 2023

Sabato 12 Agosto 2023

Domenica 13 Agosto 2023

Lunedì 14 Agosto 2023

Martedì 15 Agosto 2023

Mercoledì 16 Agosto 2023

Giovedì 17 Agosto 2023

Newsletter
Per ricevere la Liturgia del giorno inserisci la tua mail:


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:








  SAN LORENZO

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: FESTA
Colore liturgico: Rosso
Scheda Agiografica: SAN LORENZO
S0810 ;

La Liturgia si tinge ancora di rosso, del sangue di un martire, il diacono romano san Lorenzo. La preghiera di Colletta sintetizza la sua testimonianza con queste parole: «O Dio, l’ardore della tua carità ha reso san Lorenzo fedele nel ministero e glorioso nel martirio» e chiede per noi: «Fa’ che amiamo ciò che egli ha amato e viviamo ciò che ha insegnato». I martiri, i testimoni, ci insegnano che è possibile vivere di Cristo Gesù e ce ne indicano la strada. Si tratta quindi di «vivere ciò che ci hanno insegnato». Ma per fare questo occorre conoscere la loro vita, il loro insegnamento. Non quelle narrazioni edulcorate e lontane dalla verità, ma i tratti delle lo- ro esistenze così come lo Spirito di Dio li ha disegnati come solo Lui sa fare.
Anche la Liturgia narra a modo suo la vita dei santi, attraverso le orazioni e la scelta delle letture.
Le parole del vangelo di Giovanni sul chicco di grano che, caduto in terra, muore e produce molto frutto; e su colui che odia la propria vita in questo mondo, e la conserva per la vita eterna, e infine su chi si fa servitore di Gesù ed è in piena comunione con Lui ed è onorato dal Padre; queste parole ci offrono un ritratto realistico del diacono Lorenzo. Ma anche la prima lettura ci aiuta a conoscere bene questo servitore della comunità cristiana. Se «chi semina con larghezza, e con larghezza raccoglierà», si può affermare che Lorenzo «ha largheggiato, ha dato ai poveri» per questo «la sua giustizia dura in eterno» e istruisce anche le nostre vite.

Scarica il foglietto della Messa >
Ricevi la Liturgia via mail >
Leggi la sua scheda su Santiebeati.it >
Condividi questa Liturgia su > Facebook
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Questi è il santo diacono Lorenzo,
che diede la sua vita per la Chiesa:
egli meritò la corona del martirio,
per raggiungere in letizia il Signore Gesù Cristo.

Si dice il Gloria.


Colletta
O Dio, l’ardore della tua carità
ha reso san Lorenzo fedele nel ministero
e glorioso nel martirio:
fa’ che amiamo ciò che egli ha amato
e viviamo ciò che ha insegnato.
Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio,
e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli.

>

Prima lettura

2Cor 9,6-10
Dio ama chi dona con gioia.

Dalla seconda lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi

Fratelli, tenete presente questo: chi semina scarsamente, scarsamente raccoglierà e chi semina con larghezza, con larghezza raccoglierà. Ciascuno dia secondo quanto ha deciso nel suo cuore, non con tristezza né per forza, perché Dio ama chi dona con gioia.
Del resto, Dio ha potere di far abbondare in voi ogni grazia perché, avendo sempre il necessario in tutto, possiate compiere generosamente tutte le opere di bene. Sta scritto infatti:
«Ha largheggiato, ha dato ai poveri,
la sua giustizia dura in eterno».
Colui che dà il seme al seminatore e il pane per il nutrimento, darà e moltiplicherà anche la vostra semente e farà crescere i frutti della vostra giustizia.

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 111

Beato l’uomo che teme il Signore.

Beato l’uomo che teme il Signore
e nei suoi precetti trova grande gioia.
Potente sulla terra sarà la sua stirpe,
la discendenza degli uomini retti sarà benedetta.

Felice l’uomo pietoso che dà in prestito,
amministra i suoi beni con giustizia.
Egli non vacillerà in eterno:
eterno sarà il ricordo del giusto.

Egli dona largamente ai poveri,
la sua giustizia rimane per sempre,
la sua fronte s’innalza nella gloria.

Canto al Vangelo (Gv 8,12)
Alleluia, alleluia.
Chi segue me, non camminerà nelle tenebre,
ma avrà la luce della vita, dice il Signore.
Alleluia.

>

Vangelo

Condividi il Vangelo su >   Facebook Ascolta il Vangelo >    

Gv 12,24-26
Se il chicco di grano muore, produce molto frutto.


+ Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«In verità, in verità io vi dico: se il chicco di grano, caduto in terra, non muore, rimane solo; se invece muore, produce molto frutto.
Chi ama la propria vita, la perde e chi odia la propria vita in questo mondo, la conserverà per la vita eterna.
Se uno mi vuole servire, mi segua, e dove sono io, là sarà anche il mio servitore. Se uno serve me, il Padre lo onorerà».

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
(Dall'Orazionale CEI 2020)
Fratelli e sorelle, a Dio, nostro Padre, che in san Lorenzo ci ha donato un esempio di carità e di testimonianza di fede fino al martirio, rivolgiamo la nostra supplica.
Preghiamo insieme e diciamo: Noi ti invochiamo, Signore.

1. Per la santa Chiesa di Roma, che presiede nella carità tutte le Chiese: la Parola seminata con abbondanza nei solchi aperti dai martiri porti ancora frutti di rinnovamento e di generosa dedizione. Preghiamo.
2. Per i diaconi, che come san Lorenzo sono al servizio del vescovo e della comunità cristiana: nell’esercizio del loro ministero siano autentici e umili, sempre premurosi verso i poveri. Preghiamo.
3. Per i cristiani osteggiati nel mondo a causa della loro fede: nella tribolazione e nella prova ricevano la consolazione dello Spirito e il sostegno concreto dei fratelli. Preghiamo.
4. Per quanti, nella comunità cristiana e nella società civile, si pongono a servizio dei più deboli e bisognosi: siano animati da uno spirito di giustizia e carità. Preghiamo.
5. Per noi, che nell’Eucaristia attingiamo all’amore di Cristo: la comunione all’Agnello immolato renda la nostra vita un’offerta gradita a Dio. Preghiamo.

Guarda, o Padre, questa tua famiglia che gioisce nella festa di san Lorenzo e donaci lo Spirito di santità, perché possiamo imitare nell’amore colui che ha dato la vita per noi, Gesù Cristo, il nostro Signore, che vive e regna nei secoli dei secoli.

Preghiera sulle offerte
Accogli con bontà, o Signore,
i doni che ti offriamo con esultanza nella festa di san Lorenzo
e fa’ che giovino alla nostra salvezza.
Per Cristo nostro Signore.


PREFAZIO DEI SANTI MARTIRI I
Il segno e l’esempio del martirio

È veramente cosa buona e giusta,
nostro dovere e fonte di salvezza,
rendere grazie sempre e in ogni luogo
a te, Signore, Padre santo,
Dio onnipotente ed eterno.
Il sangue versato dal santo martire Lorenzo,
a imitazione di Cristo e per la gloria del tuo nome,
manifesta i tuoi prodigi, o Padre,
che riveli nei deboli la tua potenza
e doni agli inermi la forza del martirio,
per Cristo Signore nostro.
E noi, con tutti gli angeli del cielo,
a te innalziamo sulla terra il nostro canto
e proclamiamo senza fine la tua gloria: Santo, ...


Antifona alla comunione
«Se uno mi vuole servire, mi segua,
e dove sono io, là sarà anche il mio servo»,
dice il Signore. (Gv 12,26)


Preghiera dopo la comunione
Saziati dai tuoi santi doni, ti preghiamo, o Signore:
il servizio sacerdotale, compiuto nella festa di san Lorenzo,
accresca in noi la grazia della tua salvezza.
Per Cristo nostro Signore.



O M E L I E
a cura di
Qumran2.net


    don Carlo Occelli       (Omelia del 10-08-2023)
Commento al Vangelo 10 agosto 2023
...
(continua)

 
    don Nicola Salsa       (Omelia del 10-08-2023)
La tua vita senza falsi sconti (Gv 12,24-26)
...
(continua)

 
    don Giampaolo Centofanti       (Omelia del 10-08-2023)

Senza la grazia non si può fare nulla ma anche nella grazia ricevuta paure, miopi interessi, affettività, ferite, schemi, possono rallentare, deviare, persino spegnere, il cammino di sequela di Gesù. L'uomo ha, al momento della grazia, davanti a sé la via dello scioglimento dei suoi nodi, dell'apertura di strade di pienezza con ogni bene e restare ripiegato ...
(continua)

 
    don Marco Scandelli       (Omelia del 10-08-2022)
2minutiDiVangelo - Giovanni 12,24-26
Gv 12,24-26 Commento al Vangelo - Omelia a cura di don Marco Scandelli 2minutiDiVangelo ...
(continua)

 
    don Carlo Occelli       (Omelia del 10-08-2022)
Commento al Vangelo 10 agosto 2022
...
(continua)

 
    don Nicola Salsa       (Omelia del 10-08-2022)
Festa di San Lorenzo (Gv 12,24-26)
...
(continua)

 
    don Carlo Occelli       (Omelia del 10-08-2021)
Commento al Vangelo 10 agosto 2021
...
(continua)

 
    don Marco Scandelli       (Omelia del 10-08-2021)
#2minutiDiVangelo - S. Lorenzo - Rimanere soli o offrirsi per gli altri?
Commento al Vangelo di Santa Lorenzo - a cura di don Marco Scandelli #2minutiDiVangelo Gv 12 24-26 ...
(continua)

 
    don Alessandro Farano       (Omelia del 10-08-2021)
S. Lorenzo - Commento al Vangelo
...
(continua)

 
    don Nicola Salsa       (Omelia del 10-08-2021)
La vita è fatta per amare (Gv 12,24-26)
...
(continua)

 
    don Carlo Occelli       (Omelia del 10-08-2020)
Commento al Vangelo 10 agosto 2020
...
(continua)

 
    don Marco Scandelli       (Omelia del 10-08-2020)
#2minutiDiVangelo - Lunedì 10/08 - San Lorenzo: tre parole che valgono più di una stella cadente!
Commento al Vangelo di lunedì 10 agosto 2020 - San Lorenzo - a cura di don Marco Scandelli #2minutiDiVangelo Matteo 12,24-26 Il Vangelo di oggi e la vita di san lorenzo, anzi il suo martirio, ci indicano la strada: la vera scia luminosa da seguire per poter giungere alla felicità non è il cercare di realizzare se stessi a tutti i costi - magari arri ...
(continua)

 
    don Giampaolo Centofanti       (Omelia del 10-08-2020)

Ci si può agitare per tante cose, anche buone, ma ciò che davvero dà vita, protegge, costruisce, è seguire Gesù. In Lui impariamo la via bella, semplice, buona, anche la vera creatività, distinguendo ciò dai mille inganni del fare. Lì dove ci possono apparire cose buone e giuste anche discernimenti che con Gesù non hanno nulla a che vedere, dove cerchiamo ap ...
(continua)

 
    Paolo Curtaz       (Omelia del 10-08-2015)

Oggi la Chiesa celebra la santità di Lorenzo, diacono della Chiesa di Roma, luminoso esempio di martirio e di amore per i poveri. Sappiamo poco di Lorenzo. Ma quel poco basta. Vive in un momento di grande persecuzione della Chiesa, sotto l'imperatore Valeriano, che vieta le assemblee di cristiani, blocca gli accessi alle catacombe, anche se non obbliga a ri ...
(continua)