LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 25 Maggio 2023 <

Martedì 23 Maggio 2023

Mercoledì 24 Maggio 2023

Giovedì 25 Maggio 2023

Venerdì 26 Maggio 2023

Sabato 27 Maggio 2023

Domenica 28 Maggio 2023

Lunedì 29 Maggio 2023

Martedì 30 Maggio 2023

Mercoledì 31 Maggio 2023

Giovedì 1 Giugno 2023

Newsletter
Per ricevere la Liturgia del giorno inserisci la tua mail:


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:







  Giovedì della VII settimana di Pasqua

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: Feria
Colore liturgico: Bianco
EP074 ;
Cristo garantisce per tutta l’estensione del tempo di pregare per l’unità dei cristiani e noi viviamo immersi nella sua preghiera. Lui certo non si illudeva sulle nostre capacità di vivere nella sua unità e neppure noi possiamo illuderci. Le forze disgregatrici, forze diaboliche perché il diavolo è colui che divide, sono presenti fuori e dentro la vita della Chiesa fin dai tempi di Gesù: “Simone, Simone, ecco satana vi ha cercato per vagliarvi come il grano, ma io ho pregato per te” (Lc 22-31). La tentazione di snaturare l’unità dei credenti fondandola su qualche cosa d’altro che non fosse lo stesso Cristo e il suo corpo vivo che è la Chiesa non ha mai cessato di ostacolare il piano provvidenziale, ma tutta la perversità dell’uomo e delle strutture sociali non possono far dubitare dell’efficacia della preghiera di Cristo e dell’efficacia della preghiera umana che si unisce a quella di Cristo. Per questo posso e devo sperare “contro ogni speranza” (Rm 4,18). L’onnipotenza e la misericordia divina che la preghiera di Cristo fa sprigionare sorpassa di gran lunga la nostra miseria.
Ma come sempre l’opera di Dio s’intreccia con la nostra libertà. Contare sulla preghiera di Cristo accresce più che sminuire la nostra responsabilità. È l’orizzonte della sua preghiera che fissa i nostri traguardi: “Come tu, Padre, sei in me e io in te, siano anch’essi in noi una sola cosa”. È a questa intimità che siamo chiamati. “Perché il mondo creda”. La tensione all’unità spalanca alla missione universale.

Ricevi la Liturgia via mail >
Condividi questa Liturgia su > Facebook
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Accostiamoci con piena fiducia al trono della grazia
per ricevere misericordia e trovare grazia,
che ci sostenga al momento opportuno. Alleluia. (Cf Eb 4,16)


Colletta
Il tuo Spirito, o Signore,
infonda con potenza i suoi doni,
crei in noi un cuore a te gradito
e ci renda conformi alla tua volontà.
Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio,
e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli.

>

Prima lettura

At 22,30;23,6-11
È necessario che tu dia testimonianza anche a Roma.

Dagli Atti degli Apostoli

In quei giorni, [il comandante della coorte,] volendo conoscere la realtà dei fatti, cioè il motivo per cui Paolo veniva accusato dai Giudei, gli fece togliere le catene e ordinò che si riunissero i capi dei sacerdoti e tutto il sinedrio; fece condurre giù Paolo e lo fece comparire davanti a loro.
Paolo, sapendo che una parte era di sadducèi e una parte di farisei, disse a gran voce nel sinedrio: «Fratelli, io sono fariseo, figlio di farisei; sono chiamato in giudizio a motivo della speranza nella risurrezione dei morti».
Appena ebbe detto questo, scoppiò una disputa tra farisei e sadducèi e l’assemblea si divise. I sadducèi infatti affermano che non c’è risurrezione né angeli né spiriti; i farisei invece professano tutte queste cose. Ci fu allora un grande chiasso e alcuni scribi del partito dei farisei si alzarono in piedi e protestavano dicendo: «Non troviamo nulla di male in quest’uomo. Forse uno spirito o un angelo gli ha parlato».
La disputa si accese a tal punto che il comandante, temendo che Paolo venisse linciato da quelli, ordinò alla truppa di scendere, portarlo via e ricondurlo nella fortezza.
La notte seguente gli venne accanto il Signore e gli disse: «Coraggio! Come hai testimoniato a Gerusalemme le cose che mi riguardano, così è necessario che tu dia testimonianza anche a Roma».

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 15

Proteggimi, o Dio: in te mi rifugio.

Proteggimi, o Dio: in te mi rifugio.
Ho detto al Signore: «Il mio Signore sei tu».
Il Signore è mia parte di eredità e mio calice:
nelle tue mani è la mia vita.

Benedico il Signore che mi ha dato consiglio;
anche di notte il mio animo mi istruisce.
Io pongo sempre davanti a me il Signore,
sta alla mia destra, non potrò vacillare.

Per questo gioisce il mio cuore
ed esulta la mia anima;
anche il mio corpo riposa al sicuro,
perché non abbandonerai la mia vita negli inferi,
né lascerai che il tuo fedele veda la fossa.

Mi indicherai il sentiero della vita,
gioia piena alla tua presenza,
dolcezza senza fine alla tua destra.

Canto al Vangelo (Gv 17,21)
Alleluia, alleluia.
Siano tutti una cosa sola,
come tu, Padre, sei in me e io in te,
perché il mondo creda che tu mi hai mandato.
Alleluia.

>

Vangelo

Condividi il Vangelo su >   Facebook Ascolta il Vangelo >    

Gv 17,20-26
Siano perfetti nell'unità.


+ Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, [Gesù, alzàti gli occhi al cielo, pregò dicendo:]
«Non prego solo per questi, ma anche per quelli che crederanno in me mediante la loro parola: perché tutti siano una sola cosa; come tu, Padre, sei in me e io in te, siano anch’essi in noi, perché il mondo creda che tu mi hai mandato.
E la gloria che tu hai dato a me, io l’ho data a loro, perché siano una sola cosa come noi siamo una sola cosa. Io in loro e tu in me, perché siano perfetti nell’unità e il mondo conosca che tu mi hai mandato e che li hai amati come hai amato me.
Padre, voglio che quelli che mi hai dato siano anch’essi con me dove sono io, perché contemplino la mia gloria, quella che tu mi hai dato; poiché mi hai amato prima della creazione del mondo.
Padre giusto, il mondo non ti ha conosciuto, ma io ti ho conosciuto, e questi hanno conosciuto che tu mi hai mandato. E io ho fatto conoscere loro il tuo nome e lo farò conoscere, perché l’amore con il quale mi hai amato sia in essi e io in loro».

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
(Dall'Orazionale CEI 2020)
Lo Spirito Santo ci dona un cuore nuovo e fa di tutti noi un solo corpo in Cristo Gesù. Forti di questa certezza, innalziamo a Dio la nostra comune preghiera.
Preghiamo insieme e diciamo: Venga il tuo Spirito, o Padre.

1. Per la Chiesa: lo Spirito del Signore, che raduna i figli di Dio da ogni parte della terra, bruci ogni traccia di egoismo, causa di discordie e divisioni. Preghiamo.
2. Per i missionari: lo Spirito Santo sostenga il loro coraggio apostolico e renda tutti i cristiani corresponsabili dell’annuncio evangelico. Preghiamo.
3. Per i giovani: lo Spirito doni loro forza di profezia e l’audacia di un servizio generoso alla Chiesa e al mondo. Preghiamo.
4. Per i governanti: illuminati dallo Spirito Santo promuovano con sapienza il bene comune, la vera libertà e la pace. Preghiamo.
5. Per noi tutti: dall’ascolto della Parola e dalla partecipazione all’Eucaristia sappiamo trarre la forza di testimoniare una fede autentica e una carità senza riserve. Preghiamo.

O Signore, che rinnovi il mondo con la forza creatrice del tuo Spirito, fa’ rifiorire le speranze deluse: ricostruisci ciò che l’odio distrugge, consola i cuori affranti e raduna i tuoi figli dispersi. Per Cristo nostro Signore.

Preghiera sulle offerte
Santifica, o Signore, i doni che ti presentiamo
e, accogliendo questo sacrificio spirituale,
trasforma anche noi in offerta perenne a te gradita.
Per Cristo nostro Signore.

Oppure:
Accetta, o Padre, l’offerta viva dei tuoi figli
in unione con il sacrificio di Cristo,
e fa’ che riceviamo un’effusione sempre più abbondante
dei doni del tuo Spirito.
Per Cristo nostro Signore.


PREFAZIO DELL’ASCENSIONE DEL SIGNORE II
Il mistero dell’Ascensione

È veramente cosa buona e giusta,
nostro dovere e fonte di salvezza,
rendere grazie sempre e in ogni luogo
a te, Signore, Padre santo,
Dio onnipotente ed eterno,
per Cristo Signore nostro.
Dopo la risurrezione
egli si mostrò visibilmente a tutti i discepoli,
e sotto il loro sguardo salì al cielo,
perché noi fossimo partecipi
della sua vita divina.
Per questo mistero,
nella pienezza della gioia pasquale,
l’umanità esulta su tutta la terra
e le schiere degli angeli e dei santi
cantano senza fine l’inno della tua gloria: Santo, ...

Oppure Prefazio dell’Ascensione I, oppure Prefazio Dopo l’Ascensione.


Antifona alla comunione
È bene per voi che io me ne vada, perché, se non vado,
non verrà a voi il Paraclito. Alleluia. (Gv 16,7)

Oppure:
Padre, l’amore con il quale mi hai amato sia in essi,
e io in loro. Alleluia. (Gv 17,26)


Preghiera dopo la comunione
La partecipazione ai tuoi misteri, o Signore,
ci doni la vera sapienza e rinnovi la nostra vita,
perché possiamo ottenere i doni dello Spirito.
Per Cristo nostro Signore.

Oppure:
Ci illumini, o Signore, la tua parola
e ci sostenga la comunione al sacrificio
che abbiamo celebrato,
perché, guidati dal tuo santo Spirito,
perseveriamo nell’unità e nella pace.
Per Cristo nostro Signore.



O M E L I E
a cura di
Qumran2.net


    Casa di Preghiera San Biagio FMA       (Omelia del 16-05-2024)
Commento su Gv 17,20-26
Dov'è il Padre? Il Padre è nel Figlio. E dov'è il Figlio? Il Figlio è in noi. Qual è la parte più visibile di Dio? Noi. Questa è la grande responsabilità che ci è stata consegnata, e cioè quella di essere la visibilità di Dio. E ciò è possibile perché l'amore ci fa entrare nell'altro in maniera profonda. Quando si ama qualcuno allora quell'amore ci entra tal ...
(continua)

 
    Missionari della Via       (Omelia del 16-05-2024)

Parole meravigliose, da rileggere, da "ruminare interiormente"; parole che toccano, che ci cambiano, che ci introducono in una comunione sempre più forte con Dio e tra noi. Parole che commuovono, perché in quello che è definito dai biblisti "il discorso di addio", Gesù prega per noi! Sì, perché noi siamo nel mondo, e Lui sa che non è semplice e che da soli n ...
(continua)

 
    don Domenico Bruno       (Omelia del 16-05-2024)
Il nostro audio quotidiano
Visita www.annunciatedaitetti.it La nostra missione continua con altri formati anche su: Instagram Facebook Telegram dove troverai anteprime e contenuti esclusivi. Abbiamo anche una WebTv Ascolta tutti i nostri podcast e gli altri progetti: clicca qui  Per ascoltare il commento qui sotto, clicca play! SE QUESTO SERVIZIO AL VANGELO CREDI SIA U ...
(continua)

 
    don Michele Cerutti       (Omelia del 16-05-2024)
Unità
L'unità non è un prodotto mondano, ma arriva a noi dal Padre mediante il Figlio e nello Spirito Santo; va ricercata perché è la fonte originaria della missione cristiana nel mondo. In questo modo la Chiesa diventa il luogo in cui continua la stessa missione di Cristo nella Chiesa. Egli ci ha lasciato un Vangelo chiaro che ha un fine chiaro ovvero l'invito ad ...
(continua)

 
    don Alessandro Farano       (Omelia del 16-05-2024)
Giovedì - VII Settimana di Pasqua - Anno B - Commento al Vangelo - Gv 17,20-26
segui la WebTv o iscriviti al MONASTERO INVISIBILE su www.ilcenacolowebtv.it ...
(continua)

 
    don Carlo Occelli       (Omelia del 25-05-2023)
Commento al Vangelo 25 maggio 2023
...
(continua)

 
    don Domenico Bruno       (Omelia del 25-05-2023)
Il nostro audio quotidiano
Visita www.annunciatedaitetti.it La nostra missione continua con altri formati anche su: Instagram Facebook Telegram dove troverai anteprime e contenuti esclusivi. Abbiamo anche una WebTv Ascolta tutti i nostri podcast e gli altri progetti: clicca qui  Per ascoltare il commento qui sotto, clicca play! SE QUESTO SERVIZIO AL VANGELO CREDI SIA U ...
(continua)

 
    don Giampaolo Centofanti       (Omelia del 25-05-2023)

Gesù sembra parlare di pura teoria perché le persone faticano ad andare d'accordo, le tensioni sembrano inevitabili. Ma quando si scopre per grazia che Gesù accompagna la crescita a misura di ciascuna specifica persona, chi si sente chiamato ad un cammino comunitario di fede sperimenta non di rado una certa serenità, leggerezza dei momenti comunitari. Allora ...
(continua)

 
    don Nicola Salsa       (Omelia del 25-05-2023)
L'amore di Dio sia in te (Gv 17,20-26)
...
(continua)

 
    don Carlo Occelli       (Omelia del 02-06-2022)
Commento al Vangelo 2 giugno 2022
...
(continua)

 
    don Domenico Bruno       (Omelia del 02-06-2022)
Il nostro audio quotidiano
Ricevi ogni giorno il commento direttamente sul tuo telefono: unisciti al canale Telegram @annunciatedaitetti Leggi o ascolta il commento intero sul sito: annunciatedaitetti.it e resta sempre aggiornato! Iscriviti anche al canale YouTube NOVITA': Ascolta raDioON la web radio dallo spirito divino. Clicca Qui oppure vai su www.rdon.it Ti aspettiamo ...
(continua)

 
    don Nicola Salsa       (Omelia del 02-06-2022)
Gesù prega per la sua Chiesa (Gv 17,20-26)
...
(continua)

 
    don Alessandro Farano       (Omelia del 02-06-2022)
Giovedì - VII Settimana di Pasqua - Anno C - Commento al Vangelo
...
(continua)

 
    don Domenico Bruno       (Omelia del 20-05-2021)
Il nostro audio quotidiano
Ricevi ogni giorno il commento direttamente sul tuo telefono: unisciti al canale Telegram @annunciatedaitetti Resta aggiornato col sito: annunciatedaitetti.it Iscriviti anche al canale YouTube Ti aspettiamo anche su Instagram con tante immagini! Per ascoltare subito il commento qui sotto, clicca play! ...
(continua)

 
    don Carlo Occelli       (Omelia del 20-05-2021)
Commento al Vangelo 20 maggio 2021
...
(continua)

 
    don Marco Scandelli       (Omelia del 20-05-2021)
#2minutiDiVangelo - VII Giovedì Pasqua - Cosa c'è di meglio che vivere tutti in pace?
Commento al Vangelo del VII Giovedì Pasqua - a cura di don Marco Scandelli #2minutiDiVangelo Gv 17 20-26 ...
(continua)

 
    don Nicola Salsa       (Omelia del 20-05-2021)
Che siano perfetti, uniti nell'amore (Gv 17,20-26)
...
(continua)

 
    don Alessandro Farano       (Omelia del 20-05-2021)
Giovedi? - VII settimana di Pasqua - Commento al Vangelo
...
(continua)

 
    don Nicola Salsa       (Omelia del 28-05-2020)
Perché siano una cosa sola
...
(continua)

 
    don Fabio Zaffuto       (Omelia del 28-05-2020)
Lo innaffiamo sto terreno? Video commento su Gv 17,20-26
Un duni saziu a nuddu: non ti mostri grato a nessuno. ...
(continua)

 
    don Carlo Occelli       (Omelia del 28-05-2020)
Commento al vangelo 28 maggio 2020
...
(continua)

 
    don Domenico Bruno       (Omelia del 28-05-2020)
Il nostro audio quotidiano
Per ricevere il commento quotidiano unisciti al canale Telegram @annunciatedaitetti Visita il sito annunciatedaitetti.it Dai uno sguardo anche al canale YouTube Ascolta il commento qui sotto. Clicca play ...
(continua)

 
    don Marco Scandelli       (Omelia del 28-05-2020)
Quando parliamo con gli altri dialoghiamo o facciamo monologhi?
Commento al Vangelo di Giovedì 28 Maggio 2020 a cura di don Marco Scandelli #2minutiDiVangelo -- Giovanni 17,20-26 -- Gesù termina la grande preghiera del cuore chiedendo il dono dell'unità. Noi come ci trattiamo? Siamo capaci di dialogo o siamo solo gran bravi a fare monologhi? Fidiamoci di chi nella Chiesa è costituita in autorità. Per evitare lo ...
(continua)

 
    Casa di Preghiera San Biagio FMA       (Omelia del 06-06-2019)
Commento su Gv 17, 25-26
"Padre giusto, il mondo non ti ha conosciuto, ma io ti ho conosciuto, e questi hanno conosciuto che tu mi hai mandato. E io ho fatto conoscere loro il tuo nome e lo farò conoscere, perché l'amore con il quale mi hai amato sia in essi e io in loro." Gv 17, 25-26 Come vivere questa Parola? Oggi meditiamo questo circolo di amore e di conoscenza che ci lega t ...
(continua)

 
    don Nicola Salsa       (Omelia del 06-06-2019)
Uniti in comunione con Dio
...
(continua)

 
    Paolo Curtaz       (Omelia del 21-05-2015)

Mette i brividi pensare che Gesù ha pensato proprio a noi oggi, durante la preghiera sacerdotale dopo l'ultima cena... Eppure è proprio così: Gesù, dopo essersi preoccupato dei suoi discepoli che stanno per affrontare la durissima prova della sua morte, ha pensato anche a chi, attraverso di loro, si sarebbero convertiti, cioè a noi, a me. E per me, per noi, ...
(continua)

 
    Paolo Curtaz       (Omelia del 05-06-2014)

Ogni volta che leggo questo testo mi emoziono. Tanto. Mi emoziono perché Gesù, nel momento più drammatico della propria vita, non getta la spugna, non lascia perdere, non si arrende, non dice che non ci sono soluzioni e se ne va. Mi emoziono perché, nel marasma interiore che immagino stia vivendo, riesce ancora a parlare di Dio, insegna, profetizza. Mi emozi ...
(continua)