LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 15 Gennaio 2023 <

Venerdì 13 Gennaio 2023

Sabato 14 Gennaio 2023

Domenica 15 Gennaio 2023

Lunedì 16 Gennaio 2023

Martedì 17 Gennaio 2023

Mercoledì 18 Gennaio 2023

Giovedì 19 Gennaio 2023

Venerdì 20 Gennaio 2023

Sabato 21 Gennaio 2023

Domenica 22 Gennaio 2023

Newsletter
Per ricevere la Liturgia del giorno inserisci la tua mail:


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:



  II DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO A)

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: DOMENICA
Colore liturgico: Verde
AO020 ;

Il Dio che viene ad incontrarci nella Bibbia non regna, indifferente alla sofferenza umana, in una lontananza beata. E' un Dio che, al contrario, si prende a cuore tutta questa sofferenza. Lui la conosce (Es 3,7). La notizia di Dio che si fa uomo in Gesù non ci lascia di sasso: Dio viene nel cuore della nostra vita, si lascia toccare dalla nostra sofferenza umana, si pone con noi le nostre domande, si compenetra della nostra disperazione: “Mio Dio, perché mi hai abbandonato?” (Mc 15,34). Giovanni Battista dice di Gesù: “Ecco l’Agnello di Dio, che toglie il peccato del mondo”. Ecco questo Dio che si lascia ferire dalla cattiveria dell’uomo, che si lascia commuovere dalla sofferenza di questa terra.
Egli ha voluto avvicinarsi il più possibile a noi, è nel seno della nostra vita, con i suoi dolori e le sue contraddizioni, le sue falle e i suoi abissi.
È in questo che la nostra fede cristiana si distingue da qualsiasi altra religione. Gesù sulla croce - Dio nel mezzo della sofferenza umana: questa notizia è per noi un’incredibile consolazione. È vicino al mio dolore, egli mi capisce, sa come mi sento. Questa notizia implica allo stesso tempo un’esistenza scomoda: impegnati per coloro che, nel nostro mondo, stanno affondando, che naufragano nell’anonimato, che sono torturati, che vengono assassinati, che muoiono di fame o deperiscono... Sono tutti tuoi fratelli e tue sorelle!

Scarica il foglietto della Messa >
Scarica le Letture del Lezionario >
Scarica il Salmo Responsoriale Cantato >
Ricevi la Liturgia via mail >
Condividi questa Liturgia su > Facebook
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
A te si prostri tutta la terra, o Dio.
A te canti inni, canti al tuo nome, o Altissimo. (Cf. Sal 65,4)


Colletta
Dio onnipotente ed eterno,
che governi il cielo e la terra,
ascolta con bontà le preghiere del tuo popolo
e dona ai nostri giorni la tua pace.
Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è
per tutti i secoli dei secoli.

Oppure (Anno A):
O Padre,
che per mezzo di Cristo,
Agnello pasquale e luce delle genti,
chiami tutti gli uomini
a formare il popolo della nuova alleanza,
conferma in noi la grazia del Battesimo,
perché con la forza del tuo Spirito
proclamiamo il lieto annuncio del Vangelo.
Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio,
e vive e regna con te, nell'unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli.

>

Prima lettura

Is 49,3.5-6
Ti renderò luce delle nazioni, perché porti la mia salvezza.

Dal libro del profeta Isaìa

Il Signore mi ha detto:
«Mio servo tu sei, Israele,
sul quale manifesterò la mia gloria».
Ora ha parlato il Signore,
che mi ha plasmato suo servo dal seno materno
per ricondurre a lui Giacobbe
e a lui riunire Israele
– poiché ero stato onorato dal Signore
e Dio era stato la mia forza –
e ha detto: «È troppo poco che tu sia mio servo
per restaurare le tribù di Giacobbe
e ricondurre i superstiti d’Israele.
Io ti renderò luce delle nazioni,
perché porti la mia salvezza
fino all’estremità della terra».

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Salmo 39

Ecco, Signore, io vengo per fare la tua volontà.

Ho sperato, ho sperato nel Signore,
ed egli su di me si è chinato,
ha dato ascolto al mio grido.
Mi ha messo sulla bocca un canto nuovo,
una lode al nostro Dio.

Sacrificio e offerta non gradisci,
gli orecchi mi hai aperto,
non hai chiesto olocausto né sacrificio per il peccato.
Allora ho detto: «Ecco, io vengo».

«Nel rotolo del libro su di me è scritto
di fare la tua volontà:
mio Dio, questo io desidero;
la tua legge è nel mio intimo».

Ho annunciato la tua giustizia
nella grande assemblea;
vedi: non tengo chiuse le labbra,
Signore, tu lo sai.

>

Seconda lettura

1Cor 1,1-3
Grazia a voi e pace da Dio Padre nostro e dal Signore Gesù Cristo.

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi

Paolo, chiamato a essere apostolo di Cristo Gesù per volontà di Dio, e il fratello Sòstene, alla Chiesa di Dio che è a Corinto, a coloro che sono stati santificati in Cristo Gesù, santi per chiamata, insieme a tutti quelli che in ogni luogo invocano il nome del Signore nostro Gesù Cristo, Signore nostro e loro: grazia a voi e pace da Dio Padre nostro e dal Signore Gesù Cristo!

Parola di Dio

Canto al Vangelo (Gv 1,14.12)
Alleluia, alleluia.
Il Verbo si fece carne
e venne ad abitare in mezzo a noi;
a quanti lo hanno accolto
ha dato potere di diventare figli di Dio.
Alleluia.

>

Vangelo

Condividi il Vangelo su >   Facebook Ascolta il Vangelo >    

Gv 1,29-34
Ecco l'agnello di Dio, colui che toglie il peccato del mondo.


+ Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, Giovanni, vedendo Gesù venire verso di lui, disse: «Ecco l’agnello di Dio, colui che toglie il peccato del mondo! Egli è colui del quale ho detto: “Dopo di me viene un uomo che è avanti a me, perché era prima di me”. Io non lo conoscevo, ma sono venuto a battezzare nell’acqua, perché egli fosse manifestato a Israele».
Giovanni testimoniò dicendo: «Ho contemplato lo Spirito discendere come una colomba dal cielo e rimanere su di lui. Io non lo conoscevo, ma proprio colui che mi ha inviato a battezzare nell’acqua mi disse: “Colui sul quale vedrai discendere e rimanere lo Spirito, è lui che battezza nello Spirito Santo”. E io ho visto e ho testimoniato che questi è il Figlio di Dio».

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
(Dall'Orazionale CEI 2020)
Fratelli e sorelle, ogni giorno della nostra vita è un dono, un tempo favorevole per operare il bene. Invochiamo il Padre che è nei cieli, perché conceda a ciascuno di noi di camminare sempre nelle sue vie.
Preghiamo insieme e diciamo: Ascoltaci, Signore.

1. Per la santa Chiesa: guidata dallo Spirito Santo, sappia riconoscere nel tempo i segni della presenza di Dio. Preghiamo.
2. Per i nostri pastori: mediante il ministero e la santità personale siano educatori e padri nella fede. Preghiamo.
3. Per quanti sono duramente provati dalla vita: a nessuno manchi il soccorso nella tribolazione, il conforto di una casa, la sicurezza di un lavoro dignitoso, il sostegno della fede. Preghiamo.
4. Per i bambini che oggi vengono alla luce: siano circondati dalle cure di genitori pronti a svolgere la loro missione educativa. Preghiamo.
5. Per tutti noi rinati nel Battesimo: il Signore ci renda capaci di accogliere docilmente la sua parola e di annunciare al mondo con gioia e coraggio la potenza del suo amore che salva. Preghiamo.

Assisti, o Padre, i tuoi figli e fa’ che, portando con fede il peso della fatica quotidiana, giungano alla pienezza della tua gloria. Per Cristo nostro Signore.

Preghiera sulle offerte
Concedi a noi tuoi fedeli, o Padre,
di partecipare con viva fede ai santi misteri,
poiché ogni volta che celebriamo questo memoriale
del sacrificio del tuo Figlio,
si compie l’opera della nostra redenzione.
Per Cristo nostro Signore.


Antifona alla comunione
Davanti a me tu prepari una mensa;
il mio calice trabocca. (Sal 22,5)

Oppure:
Abbiamo conosciuto e creduto
l’amore che Dio ha in noi. (1Gv 4,16)

Oppure:
Ecco l’Agnello di Dio,
colui che toglie il peccato del mondo! (Gv 1,29)


Preghiera dopo la comunione
Infondi in noi, o Padre, lo Spirito del tuo amore,
perché saziati dall’unico pane del cielo,
nell’unica fede siamo resi un solo corpo.
Per Cristo nostro Signore.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

don Lucio D'Abbraccio     (Omelia del 15-01-2023)
Ecco l'agnello di Dio, colui che toglie il peccato del mondo!
Con la festa del Battesimo del Signore, celebrata domenica scorsa, siamo entrati nel tempo liturgico chiamato «ordinario». In questa seconda domenica, il Vangelo ci presenta la scena dell'incontro tra Gesù e Giovanni Battista, presso il fiume Giordano. Chi la racconta è il testimone oculare, Giovanni Evangelista, che prima di essere discepolo di Gesù era dis ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 15-01-2023)
Una testimonianza importante
Il Signore si rivolge a Isaia (I Lettura) che rivolgendosi al popolo di Israele, fa parlare il cosiddetto "Servo di Yahve" destinato a diventare apportatore di salvezza non solo al popolo eletto (Israele appunto) ma a tutte le nazioni della terra. A rafforzare questa salvezza universale è l'immagine della "luce", con la quale il Servo illuminerà tutti i popo ...
(continua)
don Domenico Bruno     (Omelia del 15-01-2023)
Nel Battesimo siamo tutti amati
Dopo il brano evangelico del Battesimo di Gesù della scorsa settimana, oggi è come se vedessimo gli effetti di quel Battesimo. Per comprendere quello che dice Giovanni, cioè "Ecco l'agnello di Dio, colui che toglie il peccato del mondo!", è importante capire cosa c'entri l'agnello. Anticamente si credeva che per espiare (ossia togliere) i peccati si do ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 15-01-2023)
Agnelli sacrificali e capri espiatori
"Ecco l'agnello di Dio, colui che toglie il peccato del mondo!": con questa frase, da sempre, abbiamo identificato il precursore del Messia, Giovanni Battista. E con questa frase, da sempre, lo vediamo raffigurato nell'iconografia: con la sua veste di pelle di cammello, una croce in mano e un agnello avvolti da un nastro che riporta, appunto, questa frase. V ...
(continua)
don Fabio Rosini     (Omelia del 15-01-2023)
Commento al Vangelo del 15 gennaio
...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 15-01-2023)
Gesù Figlio di Dio, Salvatore
...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 15-01-2023)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di don Massimo Cautero IL BATTESIMO DEGLI AGNELLI La strada che sale dal mar Morto a Gerusalemme si snoda in mezzo ad un paesaggio aspro fatto di terreni bruciati dal sole e di rocce rossastre, sono i monti Adummim («del sangue»), al tempo di Gesù insanguinati anche a causa degli assalti delle bande dei razziator ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 15-01-2023)

Bambini sapete che cosa è la mascotte? Me ne sapreste citare qualcuna? Una mascotte è un simbolo, di solito identificato in un personaggio fittizio, che ha lo scopo di rappresentare un gruppo di persone: squadre sportive, scuole, università, gruppi musicali. La mascotte, oltre a rappresentare lo spirito della comunità a cui appartiene e a essere un segno di ...
(continua)
diac. Vito Calella     (Omelia del 15-01-2023)
Servi sofferenti, fratelli tutti, luminosi nella santità, come Gesù
Giovanni Battista è presentato dall'evangelista Giovanni come il testimone di Gesù, che è la luce del mondo (cfr il prologo di Gv 1,6-8). Nel Vangelo di questa domenica, Giovanni Battista invita i suoi a diventare discepoli e missionari di Gesù Cristo. Andrea, fratello di Simon Pietro, e un altro discepolo, senza nome, che rappresenta il discepolo amato e p ...
(continua)
don Antonino Sgrò     (Omelia del 15-01-2023)
La Verità ha finalmente un volto
Cosa avrà provato Giovanni «vedendo Gesù venire verso di lui»? Un'intima gioia che sfocia in una solenne testimonianza sull'identità di Cristo, «agnello di Dio». E da dove il Battista avrà tratto tale immagine da applicare al cugino? Mosso dallo Spirito, Giovanni attinge alla Legge e ai Profeti, perché la Scrittura presenta l'agnello come figura di Cristo in ...
(continua)
don Roberto Seregni     (Omelia del 15-01-2023)
Ecco l'Agnello di Dio
Lo abbiamo ascoltato, detto e perfino cantato un milione di volte, ma forse non ci siamo mai fermati a riflettere sul significato della famosissima frase con la quale il Battista presenta il messia atteso: "Ecco agnello di Dio che toglie il peccato del mondo". L'evangelista vuole da subito presentare la novità strabiliante che accompagna la rivelazione del ...
(continua)
Diocesi di Vicenza     (Omelia del 15-01-2023)
La Parola - Commento al Vangelo di Giovanni (Gv 1,29-34)
...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 15-01-2023)
Ecco colui che toglie il peccato
...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 15-01-2023)

La seconda domenica del tempo ordinario ci propone la testimonianza del Battista. Nella prospettiva dell'evangelista Giovanni, il Battista riconosce e indica Gesù. "Ecco" in greco è come un imperativo, che vuol dire: "guarda, vedi!". Ecco l'agnello di Dio, colui che viene a farsi carico del peccato presente nel mondo per toglierlo di mezzo, riconciliando nel ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 15-01-2023)
Giovanni Battista testimonial del vero Messia.
Il vangelo di questa seconda domenica del tempo ordinario dell'anno liturgico Ciclo A è tratto da San Giovanni ed è un dei testi più citati, ripetuti nella liturgica cattolica, in quanto l'espressione usata da San Giovanni Battista per indicare la presenza del Salvatore nella storia dell'umanità è la stessa che i fedeli ripetono ogni santa messa prima di acc ...
(continua)
don Michele Cerutti     (Omelia del 15-01-2023)
Una ordinarietà percorrendo le strade dell'umiltà
Quante volte nel corso del suo pontificato Papa Benedetto XVI ha insistito sul fatto che l'esperienza cristiana nasce da un incontro con la figura di Gesù. Il brano evangelico che la liturgia di questa domenica ci presenta ci conduce proprio a vivere la nostra fede, non come un'ideologia, ma partendo dal fatto che tutto parte dalla relazione significativa c ...
(continua)
padre Paul Devreux     (Omelia del 15-01-2023)
Commento su Giovanni 1,29-34
In quel tempo, Giovanni, vedendo Gesù venire verso di lui, disse: «Ecco l'agnello di Dio, colui che toglie il peccato del mondo! Giovanni ha un grande dono; quello di riconoscere la presenza del Signore e di annunciarla. Preghiamo il Signore di avere questo dono anche noi. Inoltre lo vede come agnello che toglie il peccato. Suppongo che si tratti del pecca ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 15-01-2023)
Gesù, Agnello che toglie il peccato del mondo
Il mondo ci prova, ha tentato, ma non ce la fa a fiorire secondo il sogno di Dio: gli uomini non ce la fanno a raggiungere la felicità. Dio ha guardato l'umanità, l'ha trovata smarrita, malata, sperduta e se n'è preso cura. È venuto, e invece del ripudio o del castigo, ha portato liberazione e guarigione. Lo afferma il profeta roccioso e selvatico, Giovanni ...
(continua)
padre Maurizio De Sanctis     (Omelia del 15-01-2023)
L'agnello e la colomba...
...
(continua)
don Alfonso Giorgio Liguori     (Omelia del 15-01-2023)
Ecco l'agnello di Dio, colui che toglie i peccati del mondo
La Gioia del Vangelo Riflessioni dell'assistente spirituale nazionale, don Alfonso Giorgio. ...
(continua)
padre Fernando Armellini     (Omelia del 15-01-2023)
Videocommento su Gv 1,29-34
...
(continua)
Frati Minori Cappuccini     (Omelia del 15-01-2023)

...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 15-01-2023)
Ho visto
Giovanni, vedendo Gesù venire verso di lui. È la prima azione che Gesù compie nel Vangelo di Giovanni. Gesù cammina, è il viandante deciso a condividere con ogni uomo un tratto di strada. E viene incontro, viene verso Giovanni il Battista, viene verso di me. Come abbiamo celebrato in questo breve tempo di Natale appena trascorso, per ricordarci che Dio s ...
(continua)
don Nicola Salsa     (Omelia del 15-01-2023)
Ecco è Lui l'agnello di Dio (Gv 1,29-34)
...
(continua)
don Claudio Luigi Fasulo     (Omelia del 15-01-2023)
Rivoluzione della tenerezza
...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 15-01-2023)
Commento su Is 49,3.5-6; Salmo 39; 1Cor 1,1-3; Gv 1,29-34
Tutte le letture di questa seconda domenica del Tempo ordinario, anno "A", posseggono un forte impatto teologico con il quale dobbiamo confrontarci. Già nell'antifona d'ingresso, viene formulato l'auspicio che tutta la terra adori Dio; non solo alcune persone privilegiate, credenti, che si ritrovano la domenica per glorificare il Signore, ma la terra tutta: ...
(continua)
Paolo De Martino     (Omelia del 08-01-2023)
Dio è un incontro
Nel giro di poche settimane, per la quarta volta, la liturgia ci mette davanti agli occhi Giovanni il battezzatore. Questa sua nuova apparizione - narrata da una delle prime pagine del quarto Vangelo - ci viene presentata all'inizio del "tempo ordinario". Finite le grandi feste del Natale, il nuovo tempo che la Chiesa ci consegna è un invito forte a costrui ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 19-01-2020)
Audio commento alla liturgia - Gv 1,29-34
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 19-01-2020)
Video commento a Gv 1,29-34
...
(continua)
Sulla strada - TV2000     (Omelia del 19-01-2020)
Commento su Giovanni 1,29-34
...
(continua)
Luca Rubin     (Omelia del 19-01-2020)
Ora tocca a te!
Giovanni, vedendo Gesù venire verso di lui, disse: «Ecco l’ agnello di Dio, colui che toglie il peccato del mondo! Ti sarà capitato che, vedendo arrivare un amico, o una persona cara, esclami un "carissimo!" Oppure spalanchi le braccia e fai un bel sorriso, magari ti scappa anche una lacrima per l'emozione. In quel momento sei tras ...
(continua)
don Lucio D'Abbraccio     (Omelia del 19-01-2020)
Ecco l'Agnello di Dio!
Giovanni il Battista, che domenica scorsa abbiamo incontrato al battesimo di Gesù, oggi si manifesta quale testimone di Gesù Agnello-Servo di Dio e Figlio di Dio. Nel quarto vangelo di Giovanni appare fin dal prologo l'inviato da Dio come «testimone per rendere testimonianza alla luce» - la Parola di Dio fatta carne - «perché tutti credessero per mezzo di l ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 19-01-2020)
Superuomo o Agnello?
"Considera il gregge di pecore che pascola di fronte a te: non sa che cosa sia ieri, che cosa sia domani, salta di qua e di là, mangia, riposa, digerisce, salta di nuovo, e così dalla mattina alla sera, giorno dopo giorno, poco legato al suo piacere e alla sua svogliatezza, cioè al paletto dell'istante, e perciò né malinconico né annoiato. È doloroso per l'u ...
(continua)
don Domenico Bruno     (Omelia del 19-01-2020)
Gesù è il nostro scudo
Per capire l'immagine dell'Agnello che toglie i peccati del mondo dobbiamo richiamare la funzione religiosa che si compiva ai tempi di Gesù. Era pratica del tempo, così come ancora in uso in alcune religioni, liberarsi dal male, dal peccato trasferendolo in un animale e poi sacrificarlo a Dio. Si credeva che, morendo l'animale contenente il peccato, anche ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 19-01-2020)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di padre Alvise Bellinato DIO O IL CASO? Lo scrittore e giornalista Roberto Gervaso, volto noto della televisione, ha dato una definizione provocatoria della vita: "La vita è un'avventura con un inizio deciso da altri, una fine non voluta da noi, e tanti intermezzi scelti a caso dal Caso". Questa definizione rispe ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 19-01-2020)

Che cosa ci dice oggi il Signore? Perché ci ha voluti tutti qui davanti a Lui, ad ascoltare la sua Parola? Oggi, domenica, giorno da santificare, Dio non fa altro che chiamarci alla sua mensa e parlare con noi prima di mangiare con Lui e benedirci. Ogni volta che veniamo alla S.Messa possiamo immaginare di essere con Gesù e gli altri suoi discepoli nella sa ...
(continua)
don Giacomo Falco Brini     (Omelia del 19-01-2020)
Lasciagli prendere i tuoi peccati
Giovanni compare sulla scena pubblica di Israele nel deserto della Giudea. Deve compiere la sua missione: preparare interiormente il popolo alla imminente venuta del Messia amministrando un battesimo di conversione (Mt 3,1). Per questo ministero sceglie le acque del Giordano. Presso quelle stesse acque, Gesù fa la sua prima apparizione pubblica andando incon ...
(continua)
don Gaetano Luca (Amore)     (Omelia del 19-01-2020)
Commento su Giovanni 1,29-34
...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 19-01-2020)
Ecco colui che toglie il peccato del mondo!
L'agnello di Dio Ci è familiare l'espressione agnello di Dio - molto raffigurata in diverse forme - perché è entrata nella liturgia. C'è però da domandarsi cosa l'autore del vangelo intendesse, alcuni commentatori mettono in dubbio che il Battista l'abbia effettivamente usata ipotizzando l'espressione servo di Dio, più facilmente comprensibile a chi ha assi ...
(continua)
don Fabio Rosini     (Omelia del 19-01-2020)
Commento al Vangelo del 19 gennaio
...
(continua)
mons. Erio Castellucci diocesi di Modena-Nonantola     (Omelia del 19-01-2020)
Ecco l'agnello di Dio, Colui che toglie il peccato del mondo
...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 19-01-2020)
Gesù, l'Agnello immolato sulla croce per la nostra redenzione
Dopo la conclusione del tempo di natale, liturgicamente ritorniamo alla normalità, nel senso che il tempo che da Natale ci separa dalla Pasqua, prevede queste settimane intermedie definite del tempo ordinario. Questa che celebriamo è la seconda domenica di questo tempo, in quanto la prima è considera quella del Battesimo di Gesù, che abbiamo celebrato domeni ...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 19-01-2020)
Testimone dell'amore
...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 19-01-2020)
Commento su Giovanni 1,29-34
Io battezzo nell'acqua lui battezza nello Spirito, lui è l'agnello di Dio. Queste parole di Giovanni Battista sono vere e profonde. Il Battista è un uomo in attesa, il suo essere è rivolto ad Altro. Giovanni sa che vi è la promessa di Dio da compiersi. «È dunque uno che cerca, ma non si accontenta del suo cercare sarebbe solo frustrazione - ma trova ciò che ...
(continua)
don Mario Simula     (Omelia del 19-01-2020)
Dio si fida del mio "nulla"
Dio si fida di noi con un coraggio e con un amore che non avremmo mai immaginato. Celo dice esplicitamente: "Mio servo tu sei. A te manifesterò la mia gloria". In queste poche parole è racchiusa la chiamata sublime, imprevista, immeritata proposta a tutti noi. Una chiamata che ha origini dal primo momento nel quale Dio ha plasmato la nostra vita nel seno mat ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 19-01-2020)
Un agnello che porta la tenerezza divina
Giovanni vedendo Gesù venire... Poter avere, come lui, occhi di profeta e so che non è impossibile perché «vi è un pizzico di profeta nei recessi di ogni esistenza umana» (A.J. Heschel); vedere Gesù mentre viene, eternamente incamminato lungo il fiume dei giorni, carico di tutta la lontananza; mentre viene negli occhi dei fratelli uccisi come agnelli; mentre ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 19-01-2020)
Lectio Divina. Agnello dono d'Amore per la vita
...
(continua)
don Roberto Fiscer     (Omelia del 19-01-2020)
#StradeDorate - Commento su Giovanni 1,29-34
...
(continua)
don Alessandro Farano     (Omelia del 19-01-2020)
Lectio Divina - II Domenica del Tempo Ordinario - Anno A
...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 19-01-2020)
Commento su Giovanni 1,29-34
Dopo la festività del Battesimo del Signore è iniziato per la Chiesa il tempo ordinario. Oggi celebriamo la seconda Domenica di questo tempo liturgico e il Vangelo ci invita a riflettere sulla proclamazione del Cristo da parte di Giovanni Battista: "In quel tempo, Giovanni, vedendo Gesù venire verso di lui, disse: Ecco l'agnello di Dio, colui che toglie il p ...
(continua)
diac. Vito Calella     (Omelia del 19-01-2020)
Testimoni della Luce, come Giovanni Battista
Già nel prologo, all'inizio del suo vangelo, l'evangelista Giovanni ci aveva presentato Giovanni Battista come testimone della luce: «Venne un uomo mandato da Dio: il suo nome era Giovanni. Egli venne come testimone per dare testimonianza alla luce, perché tutti credessero per mezzo di lui. Non era lui la luce, ma doveva dare testimonianza alla luce» (Gv 1, ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 19-01-2020)
Umiltà e Spirito
Ecco l'agnello di Dio, ecco colui che toglie i peccati del mondo." Giovanni con queste parole precedute da altre predicazioni, insegnamenti e atti accompagnati dal battesimo per la conversione dei peccati rende testimonianza a Gesù identificandolo e indicandolo a tutti come il Messia, la luce che è venuta nel mondo, il Salvatore per il quale occorre spianare ...
(continua)
don Claudio Luigi Fasulo     (Omelia del 19-01-2020)
Audio commento a Gv 1,29-34
...
(continua)
Diocesi di Vicenza     (Omelia del 19-01-2020)
La Parola - Commento al Vangelo di Giovanni(Gv 1,29-34)
...
(continua)
frate Attilio Gueli     (Omelia del 19-01-2020)
Ecco l'Agnello di Dio: la meravigliosa scoperta del Battista
...
(continua)
don Nicola Salsa     (Omelia del 19-01-2020)
Ecco l'agnello di Dio
...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 19-01-2020)
Commento su Giovanni 1,29-34
Erano passati circa trent'anni da quando Giovanni e Gesù si erano incontrati - si fa per dire -: in verità si erano incontrate le loro madri, Elisabetta che era al sesto mese di gravidanza e Maria, rimasta incinta da poco. In quell'occasione, avvertendo la presenza del Messia, colui che si sarebbe stato chiamato col nome di Giovanni aveva sussultato nel grem ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 19-01-2020)
Commento su Is 49,3.5-6; Salmo 39; 1Cor 1,1-3; Gv 1,29-34
Il battista, fedele al suo ruolo di precursore, ha distolto dalla sua persona gli uomini inviati da Gerusalemme a indagare se lui sia il Messia. Questi che lo interrogano egli dice di essere la " voce" della "Parola2e di essere là per preparare la via al "Verbo". Secondo la tradizione del Tempio, il Messia doveva rimanere nascosto finché il profeta Elia, red ...
(continua)
Sulla strada - TV2000     (Omelia del 15-01-2017)
Commento su Giovanni 1,29-34
...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 15-01-2017)
Commento su Gv 1,29-32
«In quel tempo, Giovanni vedendo Gesù venire verso di lui disse: "Ecco l'Agnello di Dio, ecco colui che toglie il peccato del mondo....Giovanni rese testimonianza dicendo: " Ho visto lo Spirito scendere come una colomba dal cielo e posarsi su di lui"». Gv 1,29-32 Come vivere questa Parola? Giovanni vuole essere semplicemente la "voce" di Colui che deve v ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 15-01-2017)
Audio commento alla liturgia - Gv 1,29-34
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 15-01-2017)
Ecco, Signore, io vengo per fare la tua volontà
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 15-01-2017)
Il dito di Giovanni: "Calmatevi! Perché volete cristianizzare il mondo?"
Abituati com'erano al Battista, chissà quale uomo più grande di lui stavano immaginando di attendere i discepoli di Giovanni: «Ecco l'agnello di Dio!» Temo sia stato inenarrabile lo stupore apparso nei loro occhi: tra profezie, annunci e correzioni nessun popolo, al pari d'Israele, era mai stato così a lungo avvisato. L'attesa stava tutta nell'apparizione di ...
(continua)
don Luca Garbinetto     (Omelia del 15-01-2017)
Ecco l'Agnello di Dio
Dopo averci introdotti come testimone al mistero del Natale, Giovanni Battista è ancora nostro compagno di viaggio all'inizio del tempo ordinario. È lui che tende il dito della mano, e con esso tutta la sua persona protesa nell'accoglienza del Messia, e ci indica Gesù come Colui che stiamo attendendo. Ora è giunto, è in mezzo a noi. Gesù si rivela, Figlio di ...
(continua)
don Maurizio Prandi     (Omelia del 15-01-2017)
Attraversando l'umano
Dobbiamo leggere anche questa seconda domenica con l'attenzione rivolta al manifestarsi di Dio nella vita di un popolo e nella nostra vita. La prima lettura che abbiamo ascoltato ci dice una volta di più che siamo avvolti da un mistero di piccolezza; quel servo di cui si parla salva il suo popolo. Un servo capite? Non un re forte, potente, ma un servo! 1 ...
(continua)
padre Paul Devreux     (Omelia del 15-01-2017)

Il Vangelo di oggi ci presenta Giovanni non come il Battista ma come il testimone, venuto a rivelarci la presenza di Gesù. Vi troviamo anche una frase che leggiamo in ogni messa, prima della comunione: "Ecco l'agnello di Dio, ecco colui che toglie il peccato del mondo!". Cosa significa? Cos'è questo peccato del mondo?" Non parla ne di espiare, ne di tanti ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 15-01-2017)
Profughi e carichi del peccato del mondo
Nel giorno dello Yom Kippur, cioè il "giorno dell'espiazione", il popolo ebraico offriva a Dio due capri, da sacrificare nel Tempio di Gerusalemme in espiazione dei propri peccati. Il sommo sacerdote estraeva a sorte tra i due capri. Il primo era immolato in sacrificio: il suo sangue era utilizzato per purificare il tempio e l'altare "profanati" dai peccati ...
(continua)
don Roberto Farruggio     (Omelia del 15-01-2017)
Commento alle letture con i ragazzi - II Domenica del Tempo Ordinario (Anno A)
...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 15-01-2017)
Occhiali spirituali per vedere oltre
Clicca qui per la vignetta della settimana. Qualche tempo fa, girava su internet un breve video, nel quale un giovane uomo preso dal proprio lavoro e dalla fretta di fare tutto quel che ha da fare, ogni volta che incontra una persona sul proprio cammino che gli rallenta ritmo si arrabbia e dentro di se esprime giudizi negativi su tutti. E così giudica ...
(continua)
don Roberto Farruggio     (Omelia del 15-01-2017)
Commento alle letture - II Domenica del Tempo Ordinario (Anno A)
...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 15-01-2017)
Video commento a Gv 1,29-34
...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 15-01-2017)
Ho visto. Ho testimoniato.
Io non lo conoscevo, ripete per due volte un assorto Giovanni Battista. Lo stupore di domenica scorsa (Tu vieni da me?) gli ha spalancato un mondo, un orizzonte, una comprensione del mistero di Dio totalmente inattesa. Credeva di sapere, credeva di credere, credeva di conoscere. Tutta la sua vita si era consumata intorno a quell'attesa, a quella preparazio ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 15-01-2017)
Video commento a Gv 1,29-34
...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 15-01-2017)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di don Paolo Ricciardi Abbiamo da poco lasciato i magi, i grandi camminatori alla ricerca della verità e di Dio, e in questa seconda domenica del Tempo ordinario la situazione è capovolta: è Dio che, in Gesù, si mette sulle strade degli uomini. Dio si fa ricerca. Da allora il nostro ricercare è "imparentato" con il ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 15-01-2017)

Domenica scorsa abbiamo ascoltato il Vangelo del Battesimo di Gesù al Giordano, avvenimento importantissimo in cui il Padre fa sentire la sua voce: "Tu sei il mio Figlio, l'amato, in te ho posto la mia gioia". Appena battezzato Gesù esce dall'acqua e si aprono per lui i cieli e, come una colomba, discende sopra di lui lo Spirito Santo, compagno inseparabile ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 15-01-2017)
Un agnello inerme, ma più forte di ogni Erode
Giovanni vedendo Gesù venirgli incontro, dice: Ecco l'agnello di Dio. Un'immagine inattesa di Dio, una rivoluzione totale: non più il Dio che chiede sacrifici, ma Colui che sacrifica se stesso. E sarà così per tutto il Vangelo: ed ecco un agnello invece di un leone; una chioccia (Lc 13,31-34) invece di un'aquila; un bambino come modello del Regno; una picco ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 15-01-2017)
Io non lo conoscevo
Ecco l'agnello di Dio Cosa effettivamente abbia detto il Battista vedendo Gesù venire verso di lui non è dato di saperlo, il Vangelo ci dona l'immagine dell'Agnello, assai caro all'evangelista Giovanni che fa coincidere il sacrificio della Croce all'offerta sacrificale degli agnelli per la Pasqua dei giudei. È abbastanza plausibile che l'affermazione del Ba ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 15-01-2017)
Video commento su Gv 1,29-34
...
(continua)
don Roberto Fiscer     (Omelia del 15-01-2017)
#StradeDorate - Commento su Giovanni 1,29-34
...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 15-01-2017)
La fotografia di Gesù
Oggi vediamo il Battista che definisce Gesù "l'Agnello di Dio". E non parla del battesimo al Giordano, ma testimonia di aver visto lo Spirito scendere su Gesù e rimanervi. Ecco i due punti sui quali vorrei soffermarmi. Perché agnello? L'Agnello cosa significa? Non lo chiama neanche col suo nome, ma solo "l'Agnello" segno che questa definizione rivela l' ...
(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 15-01-2017)
Un riposo per la colomba
Il testo dell'omelia si trova in Luigi Gioia, "Mi guida la tua mano. Omelie sui vangeli domenicali. Anno A", ed. Dehoniane. Clicca qui ...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 15-01-2017)
C'è un agnello tra passato e futuro
Il vangelo di oggi (Giovanni 1,29-34) ripresenta l'episodio di domenica scorsa, vale a dire il battesimo di Gesù, stavolta narrato attraverso la testimonianza del Battista, arricchita però da una espressione molto importante, per capire la quale è forse utile una premessa. Si sente dire talvolta che i cristiani, avendo il vangelo, non hanno più bisogno del f ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 15-01-2017)
Vedere e testimoniare Cristo, Messia e Redentore
Dopo il periodo di Avvento e di Natale, conclusosi con la festa del battesimo del Signore, continuiamo il nostro cammino spirituale, da un punto di vista liturgico, per realizzare la nostra personale santificazione, nel contesto della vita della comunità dei credenti. Come assemblea convocata per rendere lode al Signore, siamo chiamati ad ascoltare la sua pa ...
(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 15-01-2017)
Video Commento a Gv 1, 29 - 34
...
(continua)
Diocesi di Vicenza     (Omelia del 15-01-2017)
Commento su Giovanni 1,29-34
A cura di monsignor Renato Tomasi. Registrato nella chiesa parrocchiale dei santi Leonzio e Carpoforo di Magrè (Vicenza). ...
(continua)
padre Giuseppe De Nardi     (Omelia del 15-01-2017)
Sulla Tua Parola - Gv 1,29-34
...
(continua)
Carla Sprinzeles     (Omelia del 15-01-2017)
Commento su Isaia 49,3.5-6; Giovanni 1,29-34
La liturgia di oggi è centrata sulla testimonianza che Giovanni Battista dà di Gesù nel quarto Vangelo, dove dice: "Ecco l'Agnello di Dio che toglie il peccato del mondo", cercheremo di capire cosa può significare nella simbologia del quarto Vangelo. Certo non sono parole dette da Giovanni il Battista ma riflessioni che l'autore del quarto Vangelo fa sul si ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 15-01-2017)
Lo Spirito e l'Agnello
Non soltanto Giovanni parla di Gesù come colui al quale non è degno di sciogliere il legaccio dei sandali, ma gli rende testimonianza, si direbbe, in ragione di una rivelazione divina: "Colui che mi ha mandato a battezzare con acqua mi disse: Colui sul quale vedrai discendere e rimanere lo Spirito, è lui che battezza nello Spirito Santo." Si discute fra stud ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 15-01-2017)

C'è l'eco del Battesimo di Gesù. Giovanni lo addita come l'Agnello di Dio, "colui che toglie il peccato del mondo". Siamo all'inizio della vita pubblica di Gesù, ma anche all'inizio del quarto Vangelo, subito dopo il "Prologo". È come se dopo la vertiginosa introduzione teologica ("In principio era il Verbo...") ne seguisse la traduzione nel linguaggio della ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 15-01-2017)
Commento su Is 49,3.5-6; Salmo 39; 1Cor 1,1-3; Gv 1,29-34
Con questa domenica la liturgia ritorna al "tempo ordinario", cioè il tempo in cui siamo chiamati a fare esperienza della presenza del Signore nella nostra vita di tutti i giorni e calare la sua Parola nel nostro agire quotidiano. Essa ci ripropone ancora una riflessione sulla figura di Giovanni Battista, l'ultimo dei profeti, che ci ha accompagnato durante ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 15-01-2017)
Commento su Giovanni 1,29-34
È venuto dopo, ma c'era già prima!... Che strani giochetti fa Dio! Ma, perché, invece di mandare qualcuno di noi ad annunciare il Suo arrivo, non è arrivato direttamente Lui?...Che poi, tutti coloro che sono venuti non c'hanno azzeccato granché, siamo sinceri... Anche Giovanni, o meglio, neppure Giovanni fu in grado di capire che il Messia promesso avrebbe ...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 00-00-0000)
La Fede Oltre La Superficie
Clicca qui per la vignetta della settimana. "Conosci Gesù?" era lo slogan scelto da un gruppo di frati venuti in una parrocchia per una settimana per una missione popolare. Le missioni al popolo, che vengono organizzare nelle parrocchie, sono una occasione molto forte di risveglio della fede dentro le comunità cristiane che spesso hanno un po' spento la f ...
(continua)