LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 26 Giugno 2022 <

Venerdì 24 Giugno 2022

Sabato 25 Giugno 2022

Domenica 26 Giugno 2022

Lunedì 27 Giugno 2022

Martedì 28 Giugno 2022

Mercoledì 29 Giugno 2022

Giovedì 30 Giugno 2022

Venerdì 1 Luglio 2022

Sabato 2 Luglio 2022

Domenica 3 Luglio 2022

Newsletter
Per ricevere la Liturgia del giorno inserisci la tua mail:


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:



  XIII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO C)

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: DOMENICA
Colore liturgico: Verde
CO130 ;

C’è qualcosa di radicale nella vocazione a seguire Gesù (è una caratteristica di ogni cristiano autentico) che ci sconvolge. Si potrebbe essere tentati di invocare una particolarità di modo di pensare, perfino di linguaggio, per addolcire o stemperare gli argomenti del Vangelo. Eppure abbiamo ogni interesse a prendere il Vangelo per ciò che è, ed approfittare della sua freschezza, del suo vigore.
Seguire Cristo non è una cosa come un’altra, che si possa conciliare con esigenze parallele o contrarie. Chi intraprende questo cammino deve sapere fin dall’inizio che sarà il discepolo di un povero che non ha un luogo dove posare il capo, di un uomo che ha saputo non senza pericolo rompere certi legami, e che, una volta impegnatosi in una missione, non si è più guardato alle spalle.
Ci si abitua troppo facilmente a vedere i cristiani prendere e lasciare il messaggio evangelico; ora, questo disturba e deve disturbare il male che non cerca che di radicarsi in noi. Bisogna rinnovare il nostro impegno battesimale ricevendo per oggi le dure parole di Gesù, ed accettare coraggiosamente di essere dei discepoli che camminano sui suoi passi, sicuri di trovare, oltre il cammino pietroso, la felicità della vera vita.

Scarica il foglietto della Messa >
Scarica le Letture del Lezionario >
Scarica il Salmo Responsoriale Cantato >
Ricevi la Liturgia via mail >
Condividi questa Liturgia su > Facebook
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Popoli tutti, battete le mani!
Acclamate Dio con grida di gioia. (Sal 46,2)


Colletta
O Dio, che ci hai reso figli della luce
con il tuo Spirito di adozione,
fa' che non ricadiamo nelle tenebre dell'errore,
ma restiamo sempre luminosi
nello splendore della verità.
Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio,
e vive e regna con te, nell'unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli.

Oppure (Anno C):
O Padre,
che in Gesù maestro indichi la via della croce
come sentiero di vita,
fa' che, mossi dal suo Spirito,
lo seguiamo con libertà e fermezza,
senza nulla anteporre all'amore per lui.
Egli è Dio, e vive e regna con te,
nell'unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli.

>

Prima lettura

1Re 19,16.19-21
Eliseo si alzò e seguì Elìa.

Dal primo libro dei Re

In quei giorni, il Signore disse a Elìa: «Ungerai Eliseo, figlio di Safat, di Abel-Mecolà, come profeta al tuo posto».
Partito di lì, Elìa trovò Eliseo, figlio di Safat. Costui arava con dodici paia di buoi davanti a sé, mentre egli stesso guidava il dodicesimo. Elìa, passandogli vicino, gli gettò addosso il suo mantello.
Quello lasciò i buoi e corse dietro a Elìa, dicendogli: «Andrò a baciare mio padre e mia madre, poi ti seguirò». Elìa disse: «Va’ e torna, perché sai che cosa ho fatto per te».
Allontanatosi da lui, Eliseo prese un paio di buoi e li uccise; con la legna del giogo dei buoi fece cuocere la carne e la diede al popolo, perché la mangiasse. Quindi si alzò e seguì Elìa, entrando al suo servizio.

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 15

Sei tu, Signore, l’unico mio bene.

Proteggimi, o Dio: in te mi rifugio.
Ho detto al Signore: «Il mio Signore sei tu».
Il Signore è mia parte di eredità e mio calice:
nelle tue mani è la mia vita.

Benedico il Signore che mi ha dato consiglio;
anche di notte il mio animo mi istruisce.
Io pongo sempre davanti a me il Signore,
sta alla mia destra, non potrò vacillare.

Per questo gioisce il mio cuore
ed esulta la mia anima;
anche il mio corpo riposa al sicuro,
perché non abbandonerai la mia vita negli inferi,
né lascerai che il tuo fedele veda la fossa.

Mi indicherai il sentiero della vita,
gioia piena alla tua presenza,
dolcezza senza fine alla tua destra.

>

Seconda lettura

Gal 5,1.13-18
Siete stati chiamati alla libertà.

Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Gàlati

Fratelli, Cristo ci ha liberati per la libertà! State dunque saldi e non lasciatevi imporre di nuovo il giogo della schiavitù.
Voi infatti, fratelli, siete stati chiamati a libertà. Che questa libertà non divenga però un pretesto per la carne; mediante l’amore siate invece a servizio gli uni degli altri. Tutta la Legge infatti trova la sua pienezza in un solo precetto: «Amerai il tuo prossimo come te stesso». Ma se vi mordete e vi divorate a vicenda, badate almeno di non distruggervi del tutto gli uni gli altri!
Vi dico dunque: camminate secondo lo Spirito e non sarete portati a soddisfare il desiderio della carne. La carne infatti ha desideri contrari allo Spirito e lo Spirito ha desideri contrari alla carne; queste cose si oppongono a vicenda, sicché voi non fate quello che vorreste.
Ma se vi lasciate guidare dallo Spirito, non siete sotto la Legge.

Parola di Dio

Canto al Vangelo (1Sam 3,9; Gv 6,68)
Alleluia, alleluia.
Parla, Signore, perché il tuo servo ti ascolta:
tu hai parole di vita eterna.
Alleluia.

>

Vangelo

Condividi il Vangelo su >   Facebook Ascolta il Vangelo >    

Lc 9,51-62
Prese la ferma decisione di mettersi in cammino verso Gerusalemme. Ti seguirò ovunque tu vada.


+ Dal Vangelo secondo Luca

Mentre stavano compiendosi i giorni in cui sarebbe stato elevato in alto, Gesù prese la ferma decisione di mettersi in cammino verso Gerusalemme e mandò messaggeri davanti a sé.
Questi si incamminarono ed entrarono in un villaggio di Samaritani per preparargli l’ingresso. Ma essi non vollero riceverlo, perché era chiaramente in cammino verso Gerusalemme. Quando videro ciò, i discepoli Giacomo e Giovanni dissero: «Signore, vuoi che diciamo che scenda un fuoco dal cielo e li consumi?». Si voltò e li rimproverò. E si misero in cammino verso un altro villaggio.
Mentre camminavano per la strada, un tale gli disse: «Ti seguirò dovunque tu vada». E Gesù gli rispose: «Le volpi hanno le loro tane e gli uccelli del cielo i loro nidi, ma il Figlio dell’uomo non ha dove posare il capo».
A un altro disse: «Seguimi». E costui rispose: «Signore, permettimi di andare prima a seppellire mio padre». Gli replicò: «Lascia che i morti seppelliscano i loro morti; tu invece va’ e annuncia il regno di Dio».
Un altro disse: «Ti seguirò, Signore; prima però lascia che io mi congedi da quelli di casa mia». Ma Gesù gli rispose: «Nessuno che mette mano all’aratro e poi si volge indietro, è adatto per il regno di Dio».

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
Il Signore ci ha liberato dalla schiavitù del peccato e ci chiede di continuare a vivere da uomini liberi.
Preghiamo insieme e diciamo: Signore dacci il coraggio della libertà.

1. Perché la nostra fedeltà al tuo insegnamento e la nostra capacità di metterlo in pratica non si esprimano solo a parole. Preghiamo.
2. Perché la sicurezza di essere amati da te ci aiuti a non rifiutare nessuno. Preghiamo.
3. Perché l’amore con cui ci hai donato la vita ci aiuti a comprenderne il significato e ad apprezzarne il valore. Preghiamo.
4. Perché la tua scelta di lasciarci la nostra libertà ci sia da esempio per combattere tutte le situazioni in cui qualcuno vuole privarcene. Preghiamo.

O Padre, la tua grandezza supera il nostro cuore e la nostra legge, aiutaci a ricercarla sempre e a trarne sicurezza. Te lo chiediamo per Cristo nostro Signore.

Preghiera sulle offerte
O Dio, che per mezzo dei segni sacramentali
compi l'opera della redenzione,
fa' che il nostro servizio sacerdotale
sia degno del sacrificio che celebriamo.
Per Cristo nostro Signore.


Antifona alla comunione
Benedici il Signore, anima mia,
quanto è in me benedica il suo santo nome. (Sal 102,1)

Oppure:
«Padre, prego perché tutti siano una cosa sola,
perché il mondo creda che tu mi hai mandato»,
dice il Signore. (Gv 17,20-21)

Oppure (Anno C):
Gesù si mise in cammino con decisione
verso Gerusalemme incontro alla sua passione. (Cf. Lc 9,51)


Preghiera dopo la comunione
Il santo sacrificio che abbiamo offerto e ricevuto, o Signore,
sia per noi principio di vita nuova,
perché, uniti a te nell'amore,
portiamo frutti che rimangano per sempre.
Per Cristo nostro Signore.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

don Fabio Rosini     (Omelia del 26-06-2022)
Commento al Vangelo del 26 giugno
...
(continua)
don Giacomo Falco Brini     (Omelia del 26-06-2022)
Il cielo è di chi rischia
La pagina evangelica di questa domenica prende le mosse da quello che gli studiosi ritengono sia lo spartiacque del vangelo di Luca: la determinazione di Gesù nel proseguire il suo cammino verso Gerusalemme (Lc 9,51), meta definitiva del suo viaggio sulla terra nonché compimento della sua missione: salvare gli uomini riaprendo loro il sentiero del cielo. Per ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 26-06-2022)
La sequela che richiede coraggio e distacco
Ultima domenica di giugno siamo in pieno delle vacanze estive, durante le quali noi continueremo a presentarvi la parola di Dio per dare senso e significato alle domenica di luglio ed agosto che, speriamo, possano essere per tutti un motivo di gioia e di rinascita e di riposo del corpo, ma non dello spirito.br> Il Vangelo di questa XIII Domenica del tempo o ...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 26-06-2022)
Ti seguirò dovunque tu vada
...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 26-06-2022)
Commento su Luca 9,51-62
Gesù prende la ferma decisione di andare verso Gerusalemme, dove vivrà la sua passione, e manda avanti dei messaggeri. Gesù è disposto a morire per raccontare il vero volto di Dio. Così anche noi dobbiamo andare verso le cose di Dio; decisi, senza tentennamenti! In primo luogo, Gesù cerca ospitalità presso i samaritani, popolo straniero che nutriva forte an ...
(continua)
padre Paul Devreux     (Omelia del 26-06-2022)
Commento su Luca 9,51-62
Oggi abbiamo tre letture importanti. La prima ci parla della chiamata di Eliseo. Eliseo è così contento di questa chiamata che non esita a bruciare il suo prezioso aratro, per festeggiare l'evento con l'amici. Ognuno di noi è chiamato a seguire il Signore. Preghiamo di poterlo vivere con lo stesso entusiasmo di Eliseo. Nella seconda lettura San Paolo ci dice ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 26-06-2022)
Seguire Gesù nella libertà dell'amore
...
(continua)
don Mario Simula     (Omelia del 26-06-2022)
Vocazione Amore Libertà
Elia prende il suo mantello e copre le spalle del discepolo Eliseo. Una "in-vestitura" dal cielo. Da quel momento Eliseo sarà il profeta di Israele. Questo passaggio di testimone racconta due realtà meravigliose: è sempre Dio che chiama; c'è sempre un uomo prescelto come portavoce della chiamata, come colui che parla in nome di Dio. Le vocazioni "fantasio ...
(continua)
don Roberto Seregni     (Omelia del 26-06-2022)
Seguimi
Leggendo con attenzione le prime righe di questo brano evangelico, è evidente che l'inizio del cammino di Gesù verso Gerusalemme è segnato dal rifiuto e dall' incomprensione. Rifiutato dai Samaritani e incompreso dai suoi stessi discepoli, il maestro non si scompone nemmeno un po' e, senza fare una piega, continua il cammino verso Gerusalemme. Ripenso spesso ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 26-06-2022)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di Quintino Venneri Si tratta di rottura. È un nuovo inizio, come accade nella vita di tutti: ci sono momenti, luoghi, geografie che segnano un cambio di passo, un'inversione di rotta. A volte scelta, a volte subita. Dopo aver percorso i sentieri polverosi della Galilea, Gesù si dirige verso la Giudea. Dalla peri ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 26-06-2022)

Buona domenica a tutti voi carissimi. State bene? Penso proprio di sì. Questo periodo di vacanza è tempo di gioia. Il tempo trascorre più sereno, siete meno assillati dagli orari, dai compiti, dai ritmi che quotidianamente avevate durante il periodo scolastico. Penso che qualcuno di voi abbia iniziato a fare attività in parrocchia, con tanto divertimento e t ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 26-06-2022)
Diventare discepoli
Gesù, nel vangelo di oggi, letteralmente, indurisce il suo volto. Ora punta verso Gerusalemme. La Gerusalemme che uccide i profeti. Sa, e Luca l'evangelista lo rimarca, che a Gerusalemme si giocherà tutto. Sa e dice, e restiamo allibiti, di essere disposto a morire pur di non rinnegare il volto del Dio che ha conosciuto e che annuncia. E noi, ora, qui, ...
(continua)
Diocesi di Vicenza     (Omelia del 26-06-2022)
La Parola - Commento al Vangelo di Luca(Lc 9,51-62)
...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 26-06-2022)
Per Cristo l'uomo viene prima delle sue idee
Sulla trama dell'ultimo viaggio, un villaggio di Samaria rifiuta di accogliere Gesù. Vuoi che diciamo che scenda un fuoco dal cielo e li consumi? Eterna tentazione di farla pagare a qualcuno, la propria sconfitta. Gesù si volta, li rimprovera e si avvia verso un altro villaggio. Nella concisione di queste poche parole appare la grande forza interiore di Gesù ...
(continua)
Frati Minori Cappuccini     (Omelia del 26-06-2022)

...
(continua)
don Antonino Sgrò     (Omelia del 26-06-2022)
Radicalità con sé e pazienza col prossimo
È il momento della svolta. Non che Gesù finora abbia tergiversato nel realizzare la sua missione, ma è giunto il tempo in cui quanto annunciato deve compiersi. Il cuore del Figlio è sempre stato abitato dal pensiero del ritorno al Padre, che implica il distacco da questo mondo. Per noi si tratta di una riflessione dai contorni ambigui, sappiamo ma spesso vog ...
(continua)
don Domenico Bruno     (Omelia del 26-06-2022)
Il nostro audio quotidiano
Ricevi ogni giorno il commento direttamente sul tuo telefono: unisciti al canale Telegram @annunciatedaitetti Leggi o ascolta il commento intero sul sito: annunciatedaitetti.it e resta sempre aggiornato! Iscriviti anche al canale YouTube NOVITA': Ascolta raDioON la web radio dallo spirito divino. Clicca Qui oppure vai su www.rdon.it Ti aspettiamo ...
(continua)
diac. Vito Calella     (Omelia del 26-06-2022)
Pellegrini dallo sguardo profondo oltre la morte e i legami familiari
«Mentre erano compiuti i giorni del suo essere tolto (elevato in alto), allora egli rese duro il suo volto (prese la ferma decisione) per andare a Gerusalemme» (Lc 9,51). Inizia la sezione del Vangelo di Luca in cui l'evangelista ci invita ad accompagnare Gesù nel suo viaggio definitivo verso Gerusalemme. La città santa è luogo teologico della realizzazione ...
(continua)
don Alessandro Farano     (Omelia del 26-06-2022)
Domenica - XIII Settimana del Tempo Ordinario - Anno C
...
(continua)
Paolo De Martino     (Omelia del 26-06-2022)
In cammino
Si apre la seconda parte del Vangelo secondo Luca. Gesù dalla Galilea si incammina, insieme con alcuni discepoli, verso Gerusalemme per la festa di Pasqua e per arrivarci sceglie di passare per la Samaria (avrebbe potuto scegliere di costeggiare il Giordano). Gesù «prese la ferma decisione di mettersi in cammino verso Gerusalemme», letteralmente "indurì il s ...
(continua)
padre Maurizio De Sanctis     (Omelia del 26-06-2022)
Gesù non guarda l'eretico, ma la persona da salvare...
...
(continua)
don Nicola Salsa     (Omelia del 26-06-2022)
Lascia andare il tuo passato (Lc 9,51-62)
...
(continua)
don Alfonso Giorgio Liguori     (Omelia del 26-06-2022)
Tu invece va' e annuncia il regno di Dio
...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 26-06-2022)
Il vero senso della libertà
Dopo l'intermezzo del tempo pasquale, con le feste ad esso collegate, da questa domenica riprende la celebrazione del tempo normale, seguendo quest'anno l'evangelista Luca. Sinora egli ha riferito episodi della vita pubblica di Gesù avvenuti in Galilea; d'ora in poi riferirà quelli avvenuti lungo il viaggio verso Gerusalemme, e poi in città, culminati con la ...
(continua)
padre Fernando Armellini     (Omelia del 26-06-2022)
Videocommento su Lc 9,51-62
...
(continua)
don Claudio Luigi Fasulo     (Omelia del 26-06-2022)
Cristiani di faccia e non di facciata
...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 26-06-2022)
Commento su Lc 9,51-62
Oggi il vangelo ci racconta l'inizio di un viaggio, di un cammino: quello che Gesù decide di fare verso Gerusalemme "... prese la ferma decisione di mettersi in cammino... " Un decisione definitiva. Inizia un viaggio che nel vangelo di Luca dura 10 capitoli, ma verso dove? Verso Gerusalemme, verso la croce, verso la Pasqua. Gesù lo decide, il suo volto si i ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 30-06-2019)

Volendo scegliere un titolo che sintetizzi i contenuti dei brani biblici della Messa di oggi penso si debba scegliere "la vocazione per la missione", di cui tutti e tre parlano, seppure in maniere diverse e complementari. Il libro dei Re narra la chiamata di Eliseo al servizio profetico, da parte di Elia, per indicazione di Dio. Una vocazione manifestat ...
(continua)
Sulla strada - TV2000     (Omelia del 30-06-2019)
Commento su Luca 9,51-62
...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 30-06-2019)
Audio commento alla liturgia - Lc 9,51-62
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
don Fabio Rosini     (Omelia del 30-06-2019)
Commento al Vangelo del 30 giugno
...
(continua)
don Luigi Maria Epicoco     (Omelia del 30-06-2019)
Proporre, non imporre
...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 30-06-2019)
Il Capitano e la tana della volpe
Il Capitano della storia - quello che, quando nacque a Betlemme, riempiva una greppia ma tradiva già l'impressione di riempire un giorno il mondo intero - sta facendo rotta verso la Città Santa. Finito il ciclo delle feste paesane, scatta l'ora d'emigrare altrove: «Gesù prese la ferma decisione di mettersi in cammino verso Gerusalemme». Il generale d'armata, ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 30-06-2019)
Per il regno di Dio
Mettersi in cammino Per Luca, Gesù è sempre in cammino, tutto il suo vangelo è immaginato intorno ad un unico viaggio che da Nazareth arriva a Gerusalemme dove sarebbe stato elevato in alto. Tutto accade lungo la strada di cui non c'è un tracciato geografico ma è caratterizzata da una valenza teologica marcata. Gesù prese la ferma decisione di mettersi in ...
(continua)
don Luca Garbinetto     (Omelia del 30-06-2019)
L'esigernza della libertà
La vita terrena di Gesù, nel racconto di Luca, sperimenta una svolta fondamentale. Il Maestro decide ?a muso duro' di avviarsi verso Gerusalemme. Prende questa risoluzione con fermezza: egli per primo non si volgerà più indietro. E ad attenderlo ci saranno coloro che lo ?toglieranno dal mondo'. Svetta, imperiosa, la sua figura: Gesù è un uomo libero! Dio in ...
(continua)
Luca Rubin     (Omelia del 30-06-2019)
In cammino, senza se, senza ma
Gesù prese la ferma decisione di mettersi in cammino verso Gerusalemme. Ti sarà sicuramente successo: dopo tempi più o meno lunghi vissuti nel se, nel chissà, nel "poi vediamo" giungi ad avere chiara davanti a te la via da percorrere, e quando giungi a questa chiarezza inequivocabile la vuoi realizzare subito, con forza, deciso ad affrontare qualsiasi cosa ...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 30-06-2019)

Clicca qui per la vignetta della settimana. Ho diversi amici che mi hanno raccontato di aver fatto il Cammino di Santiago di Compostela, quel percorso che attraverso Francia e Spagna porta al grande santuario che custodisce la tomba dell'Apostolo Giacomo. Questo cammino iniziato nel medioevo, fa parte di tanti altri percorsi che si trovano in Italia e nel ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 30-06-2019)
Video commento a Lc 9,51-62
...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 30-06-2019)
Video commento a Lc 9,51-62
...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 30-06-2019)
No, non si torna indietro!
C'è gente che vive di risentimenti. È gente eternamente scontenta di tutto, capace solamente di dare agli altri la colpa di tutti i mali, sia quelli della società sia quelli propri. La colpa non è mai loro, è sempre degli altri: e anche qualora ciò fosse vero - e può capitare - la reazione è da... "apriti cielo!", nel vero senso della parola, ossia se potess ...
(continua)
don Gaetano Luca (Amore)     (Omelia del 30-06-2019)

...
(continua)
don Lucio D'Abbraccio     (Omelia del 30-06-2019)
Seguimi!
Seguire Gesù è un impegno che esige sacrificio, fedeltà e perseveranza. Non basta una risposta occasionale. E allora, come possiamo seguire il nostro Maestro e Redentore? A questa domanda risponde il vangelo odierno. Il brano si apre con un'annotazione importante: «Gesù prese la ferma decisione di mettersi in cammino verso Gerusalemme». Inizia qui la parte ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 30-06-2019)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di padre Alvise Bellinato Esiste un legame tra la prima lettura e il Vangelo odierni. Entrambi ci parlano del tema della vocazione alla sequela, ma con toni diversi. Osserviamo oggi, tra le tante, tre semplici sfumature. Nella prima lettura Eliseo viene chiamato a seguire Elia e chiede il permesso al suo maestro ...
(continua)
don Roberto Farruggio     (Omelia del 30-06-2019)
Commento alle letture con i ragazzi - XIII Domenica del Tempo Ordinario (Anno C)
...
(continua)
don Domenico Bruno     (Omelia del 30-06-2019)
Gesù non si ferma ai posti di blocco
Penso che Gesù oggi sarebbe stato un grande motociclista. Sì, perché per guidare la moto bisogna essere un po' sfrontati, quasi come quelli che vanno in 3 o 4 sulla stessa moto, nonostante rischino di essere bloccati dalla polizia. È ciò a cui Gesù era certamente abituato: seguire la volontà di Dio e arrivare fino a Gerusalemme (dove si doveva compiere tu ...
(continua)
don Roberto Farruggio     (Omelia del 30-06-2019)
Commento alle letture - XIII Domenica del Tempo Ordinario (Anno C)
...
(continua)
diac. Vito Calella     (Omelia del 30-06-2019)
Tu, va', annuncia il Regno di Dio!
All'inizio del Vangelo di questa domenica contempliamo una scelta sicura e libera di Gesù: «si diresse decisamente verso Gerusalemme», e lo fece essendo consapevole che «stavano compiendosi i giorni in cui sarebbe stato tolto dal mondo» (Lc 9, 51). Gesù aveva chiaro il futuro di sofferenza, passione e morte che lo attendeva a Gerusalemme. Lo aveva già detto ...
(continua)
don Mario Simula     (Omelia del 30-06-2019)
Se scegli Gesù, ti comprometti
Aspetto il mantello che copra la mia povertà, ma che rappresenta la ricchezza di Dio, la sua chiamata indiscutibile, la sua provocazione benevola e amorosa. Quel mantello è come la nube che mi avvolge e mi conduce verso sentieri, per me, imprevedibili. Dio chiama. Gesù chiama. La strada è sempre da scoprire. La vocazione che viene da Gesù, non è un pacche ...
(continua)
don Giacomo Falco Brini     (Omelia del 30-06-2019)
Gesù, il fuoco e il discepolo
Il vangelo di Luca è concepito come la narrazione del cammino del Figlio di Dio che, uscito da Dio e divenuto uno di noi, deve compiersi a Gerusalemme. Lì avverrà il suo nuovo esodo. Il Figlio infatti ritorna da dove è venuto (il Cielo) insieme ai suoi trofei: gli uomini, fratelli salvati dal suo amore. Nella pagina di oggi la svolta capitale del suo cammino ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 30-06-2019)
Per il Signore ogni uomo viene prima delle sue idee
È la svolta decisiva del Vangelo di Luca. Il volto trasfigurato sul Tabor, il volto bello diventa il volto forte di Gesù, in cammino verso Gerusalemme. «E indurì il suo volto» è scritto letteralmente, lo rese forte, deciso, risoluto. Con il volto bello del Tabor termina la catechesi dell'ascolto: "ascoltate Lui" aveva detto la voce dalla nube, con il volto ...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 30-06-2019)
Commento su Luca 9,51-62
Dovete sapere che un po' come oggi, anche al tempo di Gesù c'erano muri fra un popolo e l'altro, non muri di pietra (anche se non ci siamo fatti mancare neanche quelli...), ma muri più profondi. Fra il regno animale e noi c'è una sorta di barriera protettiva: nessuno si sognerebbe di andare in una savana a passeggiare fra i leoni (anche se qualcuno lo fa per ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 30-06-2019)
Il coraggio della sequela
Il Vangelo di questa XIII Domenica del tempo ordinario ci pone di fronte la risposta alla chiamata di Dio e vocazione ricevuta dal Signore, per strade e percorsi diversi, alla quale tutti dobbiamo dare una risposta, non dilazionabile nel tempo. Uscire fuori da schemi mentali di vendetta, odio e quanto altro che è in opposizione aduna visione pacifica dell'es ...
(continua)
mons. Erio Castellucci diocesi di Modena-Nonantola     (Omelia del 30-06-2019)
Seguimi
...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 30-06-2019)
Video commento su Lc 9,51-62
...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 30-06-2019)
Commento su Luca 9,51-62
Il Vangelo di oggi tocca punti nevralgici del ministero di Gesù, ma anche del nostro ministero, del nostro mandato di battezzati, discepoli del Signore. Al Vangelo fa eco la pagina di san Paolo: "Cristo ci ha liberati perché restassimo liberi!"; mi permetto di citare secondo la penultima versione, che ritengo più chiara e illuminante. Ma procediamo con or ...
(continua)
don Claudio Luigi Fasulo     (Omelia del 30-06-2019)
Audio commento a Lc 9,51-62
...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 30-06-2019)
Mettersi in cammino verso Gerusalemme
Dopo la celebrazione della Pasqua e feste connesse (Ascensione, Pentecoste, SS.ma Trinità, Corpus Domini), la liturgia riprende con oggi le letture del tempo ordinario. Il vangelo è quello di Luca, il cui brano odierno (9,51-62), specie se letto dopo la Pasqua, comprende un'espressione inquietante. Dice: "Mentre stavano compiendosi i giorni in cui sarebbe st ...
(continua)
Diocesi di Vicenza     (Omelia del 30-06-2019)
La Parola - Commento al Vangelo di Luca (Lc 9,51-62)
...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 30-06-2019)
Fedeli e radicali verso l'Unico che ci sceglie
"Non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi e vi ho costituiti perché andiate e portiate frutto e il vostro frutto rimanga"(Mt 15, 16 - 17) Gesù con queste parole ribadisce una verità più volte ripetuta sulla necessità di prescindere dalle nostre facoltà o dalle nostre volontà decisionali nell'intraprendere un percorso o un progetto di vita. In primo luog ...
(continua)
padre Fernando Armellini     (Omelia del 30-06-2019)
Videocommento su Lc 9,51-62
...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 30-06-2019)
Commento su 1Re 19,16.19-21; Sal 15; Gal 5,1.13-18; Lc 9,51-62
L'ufficio delle letture di oggi ha un teme comune: le esigenze della vocazione. La prima e la terza lettura ha come motivo la necessità del distacco, non solo, dalle cose, ma anche quello dalle persone care. Mettersi al servizio del Regno significa anche andare incontro a profonde lacerazioni. Tuttavia se esaminiamo più attentamente le due letture ( 1Re 19 ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 26-06-2016)
Video commento a Lc 9,51-62
...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 26-06-2016)
Cristo ci ha liberati per la libertà
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
Sulla strada - TV2000     (Omelia del 26-06-2016)

...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 26-06-2016)
Audio commento alla lilturgia - Lc 9,51-62
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 26-06-2016)
Discepoli affamati di incendi dolosi
Cammina agile in direzione di Gerusalemme l'Uomo che del cammino fece un'identità: «Gesù prese la ferma decisione di mettersi in cammino verso Gerusalemme e mandò messaggeri davanti a sé» (Lc 9.51-62). Quando il frutto è maturo, raccoglierlo è gustarne la delizia: lasciarlo ancora un attimo è esporlo al rischio del marcire. Coglierlo in anticipo è morderlo a ...
(continua)
don Maurizio Prandi     (Omelia del 26-06-2016)
Il discepolo tra obbedienza, cammino, libertà, strada
Obbedienza, cammino, libertà, strada... sono le parole che ci guidano in questa domenica, la tredicesima del tempo ordinario. Riflessioni vecchie e nuove come sempre, ma che sento importanti innanzitutto per me. Domenica scorsa ci siamo detti che il tema del cammino, del viaggio verso Gerusalemme ci terrà impegnati per moltissime settimane e il fatto che Luc ...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 26-06-2016)
A muso duro e a cuore aperto
Clicca qui per la vignetta della settimana. Gesù va verso Gerusalemme con decisione, anzi "a muso duro" secondo la traduzione letterale del testo greco. Non è un viaggio turistico quello che Gesù ha in mente nella città centro della fede di Israele, e nemmeno un pellegrinaggio personale ai luoghi santi, ma il Maestro ha il proposito di cercare lo scontro ...
(continua)
don Roberto Farruggio     (Omelia del 26-06-2016)
Video commento alla Liturgia - Lc 9,51-62
...
(continua)
don Giacomo Falco Brini     (Omelia del 26-06-2016)
Si voltò e li rimproverò
Domenica scorsa siamo arrivati vicino all'inizio della seconda metà del vangelo di Luca, concepito come un racconto della vita di Gesù incamminato con i suoi discepoli verso il destino che lo attende a Gerusalemme. Spartiacque della narrazione, la domanda rivolta ai discepoli circa la propria identità: e voi, chi dite che io sia? Pietro risponde a nome di tu ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 26-06-2016)
Seguire Cristo incondizionatamente
Come è difficile seguire gli altri, mettersi sulla scia di chi ci precede e vuole condurci verso mete importanti. Seguire Gesù è molto più difficile di quanto si creda e si afferma, in quanto la sua sequela non ammette condizionamenti, richiede una totale risposta di amore e di impegni, non attende, ma deve trovare risposta subito. Il Vangelo di questa XIII ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 26-06-2016)
Prendere o lasciare
Tra le parole maggiormente usate nel lessico comune quando si parla di attualità, c'è sicuramente la parola "integralismo". Ne parliamo tutti, o comunque tutti ne sentiamo parlare in abbondanza: e sicuramente, ognuno ha la propria interpretazione e le proprie idee al riguardo, molto differenti tra di loro. Di certo, quasi tutti la associamo a un fenomeno rel ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 26-06-2016)
Nella certezza della precarietà
Mentre camminavano per la strada Siamo ad una svolta decisiva che porterà Gesù e i suoi discepoli a Gerusalemme dove si compiranno i giorni. La decisione è presa con fermezza, letteralmente si dice che il volto di Gesù si fece duro. I discepoli seguono il Signore ma viene qualche dubbio sulla consapevolezza di questa decisione e sulla prospettiva che compor ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 26-06-2016)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di Gigi Avanti Sono tanti, come sempre, gli spunti di meditazione con i quali nutrire l'anima nel suo percorso di ritorno al Padre... curiosamente corrispondono in qualche modo al medesimo percorso di Gesù verso Gerusalemme descrittoci da Luca nel brano di oggi. Lo spunto da cui vorrei partire sta in quel verbo "de ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 26-06-2016)

Voi, bambini, vi siete mai messi in cammino seriamente? Mettersi in cammino è sempre faticoso. Quanto più comodo sarebbe infatti starsene spaparanzati su una poltrona a guardare la TV! C'è un però.... quando si sta nella poltrona non si arriva da nessuna parte, mentre quando ci si mette in cammino si raggiunge una meta. Potrebbe essere la cima di un mont ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 26-06-2016)
Gesù vuole eliminare il concetto stesso di «nemico»
Vuoi che scenda un fuoco dal cielo e li consumi? La reazione di Giacomo e Giovanni al rifiuto dei Samaritani è logica e umana: farla pagare, occhio per occhio. Gesù si voltò, li rimproverò e si avviò verso un altro villaggio. Nella concisione di queste parole si staglia la grandezza di Gesù. Uno che difende perfino la libertà di chi non la pensa come lui. ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 26-06-2016)
Video commento su Lc 9,51-62
...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 26-06-2016)
Commento su Luca 9,51-62
"Mettersi in cammino verso Gerusalemme" è una espressione tecnica che significa: decidere di affrontare le prove decisive della vita, sapendo che (la vita) non sarà facile, che sarà anzi dolorosa, molto dolorosa. Sto parlando dell'esperienza di Gesù, ma anche di tutti coloro che desiderano seguirlo. Gerusalemme era la città santa della fede ebraica: lo è a ...
(continua)
don Roberto Fiscer     (Omelia del 26-06-2016)
#StradeDorate - Commento su Luca 9,51-62
...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 26-06-2016)
Commento su 1 Re 19, 19
«Elia, passandogli vicino, gli gettò addosso il suo mantello» 1 Re 19, 19 Come vivere questa Parola? La vocazione è un'espressione della generatività di Dio: è la sua vitalità che egli trasmette alle creature e che le rende capaci di generare. Amore che desidera e crea. Amore che si trasmette, si fa eredità. Amore che diventa missione. Elia è un predilet ...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 26-06-2016)
Non lasciatevi imporre il giogo della schiavitù?
"Mentre stavano compiendosi i giorni in cui sarebbe stato elevato in alto, Gesù prese la ferma decisione di mettersi in cammino verso Gerusalemme". Sinora l'evangelista Luca ha riferito episodi della vita pubblica di Gesù avvenuti in Galilea; d'ora in poi riferirà uelli avvenuti lungo il viaggio verso Gerusalemme, e poi in città, culminati con la sua morte e ...
(continua)
Michele Antonio Corona     (Omelia del 26-06-2016)

Il percorso di Gesù del vangelo di Luca si trova al bivio decisivo della svolta verso Gerusalemme. Non che questo viaggio non fosse stato messo in conto, ma ora diventa necessario ed effettivo. È come quando - nella drammaticità - si sanno le conseguenze di una chemioterapia, ma ci si ritrova concretamente a perdere i capelli. Occorre "decidersi convintamen ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 26-06-2016)
La radicalità del "si"
Durante l'anno del Noviziato ci veniva ripetuto che la scelta della vita religiosa e del sacerdozio erano talmente serie e importanti che andavano fatte non senza accurata ponderazione, e soprattutto che dovevano essere fatte senza rimpianti o nostalgie per il passato. Nella vita di speciale consacrazione ci si immedesima infatti in una nuova dimensione esi ...
(continua)
Diocesi di Vicenza     (Omelia del 26-06-2016)
La Parola - commento a Lc 9,51-62
A cura di monsignor Renato Tomasi, arciprete abate di santa Maria in Colle, Bassano. ...
(continua)
Carla Sprinzeles     (Omelia del 26-06-2016)
Commento su 1Re 19,16.19-21; Luca 9,51-62
Oggi la liturgia ci propone la chiamata di Eliseo e la chiamata dei discepoli. Che cos'è una chiamata di Dio? Un'immaginazione? No, un autentico progetto di vita è apertura alla forza creatrice d'amore, incarnata in ogni storia personale. Gesù invitando i suoi a seguirlo trasfigura la sua situazione umana, associandoli alla sua missione di salvatore. Da pe ...
(continua)
padre Giuseppe De Nardi     (Omelia del 26-06-2016)
Sulla Tua Parola - Lc 9,51-62
...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 26-06-2016)
Commento su 1Re 19,16.19-21; Sal 15; Gal 5,1.13-18; Lc 9,51-62
Può essere capitato a noi o a qualcuno a noi vicino di aver fatto esperienza di un momento in cui si sente che la propria vita prende una nuova direzione. Capita da ragazzi quando si inizia un ciclo di scuola diverso, quando si sceglie l'università o quando ci viene offerto il primo lavoro; oppure ancora quando incontriamo una persona speciale, un amico, o u ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 26-06-2016)
Video commento a Lc 9,51-62
...
(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 26-06-2016)
Video Commento a Lc 9, 51-62
...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 26-06-2016)

Luca disegna il volto del Signore, ogni frase è una pennellata, fino al pianto su Gerusalemme quando si mostra totalmente come volto di misericordia del Padre, culminando sulla croce dove dà "theoria", spettacolo. Dio si fa vedere così com'è. Anche il cammino di Gesù verso Gerusalemme è un dipinto del suo volto. Per andare a Gerusalemme gli ebrei evitavano l ...
(continua)