LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 19 Giugno 2022 <

Venerdì 17 Giugno 2022

Sabato 18 Giugno 2022

Domenica 19 Giugno 2022

Lunedì 20 Giugno 2022

Martedì 21 Giugno 2022

Mercoledì 22 Giugno 2022

Giovedì 23 Giugno 2022

Venerdì 24 Giugno 2022

Sabato 25 Giugno 2022

Domenica 26 Giugno 2022

Newsletter
Per ricevere la Liturgia del giorno inserisci la tua mail:


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:



  SANTISSIMO CORPO E SANGUE DI CRISTO (ANNO C)

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: SOLENNITA'
Colore liturgico: Bianco
Scheda Agiografica: SANTISSIMO CORPO E SANGUE DI CRISTO (ANNO C)
CP110 ;

Onoriamo e adoriamo oggi il “Corpo del Signore”, spezzato e donato per la salvezza di tutti gli uomini, fatto cibo per sostenere la nostra “vita nello Spirito”. Gesù ha moltiplicato i pani e i pesci per nutrire la folla che lo seguiva: il cibo fisico agisce in me anche quando non ci penso, anche quando dormo si trasforma in carne, sangue, energie vitali. Il cibo spirituale è diverso: è efficace se io collaboro con Cristo, che vuole trasformare la mia vita nella sua.
L’Eucaristia è la festa della fede, stimola e rafforza la fede. I nostri rapporti con Dio sono avvolti nel mistero: ci vuole un gran coraggio e una grande fede per dire: “Qui c’è il Signore!”. Se guardo a me stesso, mi trovo sempre piccolo, imperfetto, peccatore, pieno di limiti. Eppure Dio mi ama, come ama tutti gli uomini, fino a farsi nostro cibo e bevanda per comunicarci la sua vita divina, farci vivere la sua vita di amore.
L’Eucaristia non è credibile se rimane un rito, il ricordo di un fatto successo duemila anni fa. È invece una “scuola di vita”, una proposta di amore che coinvolge tutta la mia vita: deve rendermi disponibile ad amare il prossimo, fino a dare la mia vita per gli altri. Secondo l’esempio che Gesù ci ha lasciato.

Scarica il foglietto della Messa >
Scarica le Letture del Lezionario >
Scarica il Salmo Responsoriale Cantato >
Ricevi la Liturgia via mail >
Leggi la sua scheda su Santiebeati.it >
Condividi questa Liturgia su > Facebook
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Il Signore ha nutrito il suo popolo con fiore di frumento
e lo ha saziato con miele dalla roccia. (Cf. Sal 80, 17)

Si dice il Gloria.


Colletta
Signore Gesù Cristo,
che nel mirabile sacramento dell’Eucaristia
ci hai lasciato il memoriale della tua Pasqua,
fa’ che adoriamo con viva fede
il santo mistero del tuo Corpo e del tuo Sangue,
per sentire sempre in noi i benefici della redenzione.
Tu sei Dio, e vivi e regni con Dio Padre,
nell’unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli.

Oppure (Anno C):
Signore del cielo e della terra,
che ci raduni in festosa assemblea
per celebrare il sacramento pasquale
del Corpo e Sangue del tuo Figlio,
fa’ che nella partecipazione
all’unico pane e all’unico calice
impariamo a condividere con i fratelli
i beni della terra e quelli del cielo.
Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio,
e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli.

>

Prima lettura

Gen 14,18-20
Offrì pane e vino.

Dal libro della Gènesi

In quei giorni, Melchìsedek, re di Salem, offrì pane e vino: era sacerdote del Dio altissimo e benedisse Abram con queste parole:
«Sia benedetto Abram dal Dio altissimo,
creatore del cielo e della terra,
e benedetto sia il Dio altissimo,
che ti ha messo in mano i tuoi nemici».
E [Abramo] diede a lui la decima di tutto.

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 109

Tu sei sacerdote per sempre, Cristo Signore.

Oracolo del Signore al mio signore:
«Siedi alla mia destra
finché io ponga i tuoi nemici
a sgabello dei tuoi piedi».

Lo scettro del tuo potere
stende il Signore da Sion:
domina in mezzo ai tuoi nemici!

A te il principato
nel giorno della tua potenza
tra santi splendori;
dal seno dell’aurora,
come rugiada, io ti ho generato.

Il Signore ha giurato e non si pente:
«Tu sei sacerdote per sempre
al modo di Melchìsedek».

>

Seconda lettura

1Cor 11,23-26
Ogni volta infatti che mangiate questo pane e bevete al calice, voi annunciate la morte del Signore.

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi

Fratelli, io ho ricevuto dal Signore quello che a mia volta vi ho trasmesso: il Signore Gesù, nella notte in cui veniva tradito, prese del pane e, dopo aver reso grazie, lo spezzò e disse: «Questo è il mio corpo, che è per voi; fate questo in memoria di me».
Allo stesso modo, dopo aver cenato, prese anche il calice, dicendo: «Questo calice è la Nuova Alleanza nel mio sangue; fate questo, ogni volta che ne bevete, in memoria di me».
Ogni volta infatti che mangiate questo pane e bevete al calice, voi annunciate la morte del Signore, finché egli venga.

Parola di Dio

Sequenza
[Sion, loda il Salvatore,
la tua guida, il tuo pastore
con inni e cantici.

Impegna tutto il tuo fervore:
egli supera ogni lode,
non vi è canto che sia degno.

Pane vivo, che dà vita:
questo è tema del tuo canto,
oggetto della lode.

Veramente fu donato
agli apostoli riuniti
in fraterna e sacra cena.

Lode piena e risonante,
gioia nobile e serena
sgorghi oggi dallo spirito.

Questa è la festa solenne
nella quale celebriamo
la prima sacra cena.

È il banchetto del nuovo Re,
nuova Pasqua, nuova legge;
e l'antico è giunto a termine.

Cede al nuovo il rito antico,
la realtà disperde l'ombra:
luce, non più tenebra.

Cristo lascia in sua memoria
ciò che ha fatto nella cena:
noi lo rinnoviamo.

Obbedienti al suo comando,
consacriamo il pane e il vino,
ostia di salvezza.

È certezza a noi cristiani:
si trasforma il pane in carne,
si fa sangue il vino.

Tu non vedi, non comprendi,
ma la fede ti conferma,
oltre la natura.

È un segno ciò che appare:
nasconde nel mistero
realtà sublimi.

Mangi carne, bevi sangue;
ma rimane Cristo intero
in ciascuna specie.

Chi ne mangia non lo spezza,
né separa, né divide:
intatto lo riceve.

Siano uno, siano mille,
ugualmente lo ricevono:
mai è consumato.

Vanno i buoni, vanno gli empi;
ma diversa ne è la sorte:
vita o morte provoca.

Vita ai buoni, morte agli empi:
nella stessa comunione
ben diverso è l’esito!

Quando spezzi il sacramento
non temere, ma ricorda:
Cristo è tanto in ogni parte,
quanto nell’intero.

È diviso solo il segno
non si tocca la sostanza;
nulla è diminuito
della sua persona.]

Ecco il pane degli angeli,
pane dei pellegrini,
vero pane dei figli:
non dev’essere gettato.

Con i simboli è annunziato,
in Isacco dato a morte,
nell'agnello della Pasqua,
nella manna data ai padri.

Buon pastore, vero pane,
o Gesù, pietà di noi:
nutrici e difendici,
portaci ai beni eterni
nella terra dei viventi.

Tu che tutto sai e puoi,
che ci nutri sulla terra,
conduci i tuoi fratelli
alla tavola del cielo
nella gioia dei tuoi santi.

Canto al Vangelo (Gv 6,51)
Alleluia, alleluia.
Io sono il pane vivo, disceso dal cielo, dice il Signore,
se uno mangia di questo pane vivrà in eterno.
Alleluia.

>

Vangelo

Condividi il Vangelo su >   Facebook Ascolta il Vangelo >    

Lc 9,11-17
Tutti mangiarono a sazietà.


+ Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, Gesù prese a parlare alle folle del regno di Dio e a guarire quanti avevano bisogno di cure.
Il giorno cominciava a declinare e i Dodici gli si avvicinarono dicendo: «Congeda la folla perché vada nei villaggi e nelle campagne dei dintorni, per alloggiare e trovare cibo: qui siamo in una zona deserta».
Gesù disse loro: «Voi stessi date loro da mangiare». Ma essi risposero: «Non abbiamo che cinque pani e due pesci, a meno che non andiamo noi a comprare viveri per tutta questa gente». C’erano infatti circa cinquemila uomini.
Egli disse ai suoi discepoli: «Fateli sedere a gruppi di cinquanta circa». Fecero così e li fecero sedere tutti quanti.
Egli prese i cinque pani e i due pesci, alzò gli occhi al cielo, recitò su di essi la benedizione, li spezzò e li dava ai discepoli perché li distribuissero alla folla.
Tutti mangiarono a sazietà e furono portati via i pezzi loro avanzati: dodici ceste.

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
Il Signore si è fatto pane per noi e ci chiede di accogliere e vivere quest’atto d’amore. È un compito alto che, nella nostra libertà, siamo chiamati a vivere ogni giorno.
Preghiamo insieme e diciamo: Donaci, Signore, il tuo pane di vita.

1. Perché la Chiesa sappia sempre accogliere la povertà umana e, attraverso la tua Parola, sappia trasformarla in abbondanza. Preghiamo.
2. Perché guardando il nostro corpo ci ricordiamo sempre che tu ne hai avuto uno uguale. Preghiamo.
3. Perché la nostra fede non si limiti a una sterile adesione formale, ma si incarni in ricchezza spirituale. Preghiamo.
4. Perché la coscienza del tuo sacrificio si trasformi in coraggio di fronte ai nostri. Preghiamo.

O Padre, tu ci hai redenti col corpo e il sangue del tuo unico Figlio. L’immensità di questo amore resta per noi un mistero. Aiutaci a non ammirarlo soltanto, ma a viverlo. Te lo chiediamo per Cristo nostro Signore.

Preghiera sulle offerte
Concedi benigno alla tua Chiesa, o Signore,
i doni dell’unità e della pace,
misticamente significati nelle offerte che ti presentiamo.
Per Cristo nostro Signore.


PREFAZIO DELLA SANTISSIMA EUCARISTIA I
L’Eucaristia memoriale del sacrificio di Cristo

È veramente cosa buona e giusta,
nostro dovere e fonte di salvezza,
rendere grazie sempre e in ogni luogo
a te, Signore, Padre santo,
Dio onnipotente ed eterno,
per Cristo Signore nostro.
Sacerdote vero ed eterno,
egli istituì il rito del sacrificio perenne;
a te per primo si offrì vittima di salvezza,
e comandò a noi di compiere l’offerta in sua memoria.
Il suo Corpo per noi immolato
è nostro cibo e ci dà forza,
il suo Sangue per noi versato
è la bevanda che ci redime da ogni colpa.
Per questo mistero di salvezza,
il cielo e la terra si uniscono in un cantico nuovo
di adorazione e di lode,
e noi, con tutti gli angeli del cielo,
proclamiamo senza fine la tua gloria: Santo, ...

Oppure:
PREFAZIO DELLA SANTISSIMA EUCARISTIA II
I frutti della Santissima Eucaristia

È veramente cosa buona e giusta,
nostro dovere e fonte di salvezza,
rendere grazie sempre e in ogni luogo
a te, Signore, Padre santo, Dio onnipotente ed eterno,
per Cristo Signore nostro.
Nell’ultima Cena con i suoi apostoli,
egli volle perpetuare nei secoli
il memoriale di salvezza della sua croce,
e si offrì a te, Agnello senza macchia,
lode perfetta e sacrificio a te gradito.
In questo grande mistero
tu nutri e santifichi i tuoi fedeli,
perché l’umanità, diffusa su tutta la terra,
sia illuminata dall’unica fede
e riunita dall’unico amore.
E noi ci accostiamo a questo santo convito,
perché l’effusione del tuo Spirito
ci trasformi a immagine della tua gloria.
Per questo mistero di salvezza,
il cielo e la terra si uniscono in un cantico nuovo
di adorazione e di lode;
e noi, con tutte le schiere degli angeli,
proclamiamo senza fine la tua gloria: Santo, ...


Antifona alla comunione
Gesù prese i cinque pani e i due pesci
e li diede ai discepoli perché li distribuissero alla folla.
Alleluia. (Cf. Lc 9,16)


Preghiera dopo la comunione
Donaci, o Signore,
di godere pienamente della tua vita divina nel convito eterno,
che ci hai fatto pregustare
in questo sacramento del tuo Corpo e del tuo Sangue.
Tu che vivi e regni nei secoli dei secoli.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

don Alberto Brignoli     (Omelia del 19-06-2022)
Il quotidianamente sacro
Quando pensiamo o parliamo dell'Eucaristia, i nostri pensieri e le nostre parole si rivestono di un'aura di sacralità che ha poche analogie nella Chiesa: nulla quanto il Santissimo Sacramento è, tra i cristiani, attorniato di sacralità e onore, e non potrebbe che essere così, dal momento che non veneriamo un simulacro, un'immagine, un'effige di un santo, né ...
(continua)
don Domenico Bruno     (Omelia del 19-06-2022)
Siamo corpo e sangue di Cristo
Lc 9,11-17 Gesù prese a parlare alle folle del regno di Dio e a guarire quanti avevano bisogno di cure. Il giorno cominciava a declinare e i Dodici gli si avvicinarono dicendo: «Congeda la folla perché vada nei villaggi e nelle campagne dei dintorni, per alloggiare e trovare cibo: qui siamo in una zona deserta». Gesù disse loro: «Voi stessi date loro da m ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 19-06-2022)
Santissimo Corpo e Sangue di Cristo
...
(continua)
don Maurizio Prandi     (Omelia del 19-06-2022)
Un Dio "occupato" dall'uomo
Gesù non vuole rimanere chiuso tra le mura di una chiesa, ma desidera uscire, essere portato là dove le persone vivono. È la prima idea che abbiamo condiviso giovedì sera in piazza, nella celebrazione del Corpus Domini, come ci siamo detti anche tre anni fa: è come il prolungamento della processione che in Basilica abbiamo vissuto al termine della messa del ...
(continua)
don Mario Simula     (Omelia del 19-06-2022)
Il pane, le mani, la mensa
"Lo riconobbero allo spezzare del pane". Il pane è il modo di comunicare di tutti. Prepararlo richiede fantasia, mani, cura, consapevolezza che altri ne mangeranno. E' un'arte di amore, di creatività, di servizio e di dono. Occorrono le mani sapienti e duttili della donna di casa che sa andare oltre l'attività materiale. Mette in gioco tutto l'amore, l'aff ...
(continua)
Frati Minori Cappuccini     (Omelia del 19-06-2022)

...
(continua)
don Fabio Rosini     (Omelia del 19-06-2022)
Commento al Vangelo del 19 giugno
...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 19-06-2022)
L'Eucaristia, dono che ti rende dono
...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 19-06-2022)

Questa domenica celebriamo la solennità del Corpus Domini ovverosia della presenza reale di Gesù tra noi nel sacramento dell'Eucaristia. Un dono immenso, che mai comprenderemo fino in fondo: Gesù Risorto si rende presente nella comunità riunita per celebrare (e rimane presente nell'ostia consacrata) per unirci a se è comunicarci la sua vita divina. Gesù stes ...
(continua)
don Michele Cerutti     (Omelia del 19-06-2022)
Commento su Luca 9,11-17
In questa solennità del Corpus Domini non mi rifarò alla ricchezza della letteratura teologica sul tema dell'Eucaristia, non presenterò personaggi ecclesiali, del mondo civile, politico o scientifico che hanno trovato in questo sacramento la forza per proseguire. Mi rincuora il fatto che quando gli studiosi del Medioevo si dilettavano a presentare le grandi ...
(continua)
padre Paul Devreux     (Omelia del 19-06-2022)
Commento su Luca 9,11-17
Oggi è la festa del Santissimo Corpo e Sangue di Cristo, che Gesù istituì nell'ultima cena e che ricordiamo in ogni eucaristia. Noi ci nutriamo del suo corpo a messa, e lo conserviamo come dono prezioso nel tabernacolo. Oggi, in tanti paesi e città, si fa anche la processione del Corpus Domini, come fa anche il Papa a Roma ogni anno, come gesto di venerazion ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 19-06-2022)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura delle Clarisse di Città della Pieve "La lingua non può dire né parola esprimere, solo chi ne ha esperienza impara con dolcezza che cosa sia amare Gesù" (Dulcis Iesu Memoria, str. V), canta un antico e sempre attuale Inno della Chiesa. E dice bene: chi può trovare parole per descrivere il mistero di Gesù Cristo? Sol ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 19-06-2022)

Carissimi bambini, Oggi è un giorno molto importante, sia per voi che avete ricevuto la Prima Comunione, sia per voi che vi state preparando a riceverla. Infatti oggi è la domenica dedicata a festeggiare e ringraziare Dio per averci dato nella Eucarestia la presenza stessa del suo Figlio Gesù. Noi ogni volta che a Messa ci ritroviamo insieme festeggiamo una ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 19-06-2022)
Accoglienza, condivisione e dono
Nella descrizione di questo brano evangelico non devono sfuggire due atteggiamenti di Gesù nei riguardi della folla: accoglienza e condivisione. Gesù in effetti per prima cosa supera l'isolamento, sebbene questo sia stato appositamente procurato per il sollievo suo e degli apostoli, elude l'imbarazzo di dover rinunciare al legittimo riposo solitario e viene ...
(continua)
padre Maurizio De Sanctis     (Omelia del 19-06-2022)
Senza l'Eucarestia si incorre all'anoressia spirituale...
...
(continua)
don Alessandro Farano     (Omelia del 19-06-2022)
Corpus Domini - Commento al Vangelo - Anno C
...
(continua)
don Roberto Seregni     (Omelia del 19-06-2022)
Tutti mangiarono
Mentre in molti cercano già di scappare dal morso feroce dell'estate, rifugiandosi su qualche bella spiaggia o nascondendosi all'ombra delle fresche cime alpine, la liturgia della madre chiesa ci invita a celebrare la festa del Corpus Domini meditando su uno dei più famosi miracoli di Gesù. La versione di Luca sottolinea alcune caratteristiche interessanti ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 19-06-2022)
Quel dono del «pane» per tutti e insieme
Mandali via, è sera ormai, e siamo in un luogo deserto. Gli apostoli si preoccupano per la folla, ne condividono la fame, ma non vedono soluzioni: «lascia che ciascuno vada a risolversi i suoi problemi, come può, dove può». Ma Gesù non ha mai mandato via nessuno. Anzi vuole fare di quel luogo deserto una casa calda di pane e di affetto. E condividendo la fam ...
(continua)
don Antonino Sgrò     (Omelia del 19-06-2022)
La fiducia in Dio moltiplica la vita
Il pane è la vita di una famiglia, il frutto di un lavoro onesto, il segno dell'essenzialità e la possibilità di una lieta convivialità. La mancanza di pane è ansia che assale, senso di fallimento di un padre, montare di complicazioni e scoraggiamento diffuso. Il «parlare alle folle» di Gesù è come distribuire il pane del regno, che ha come ingredienti gli i ...
(continua)
don Nicola Salsa     (Omelia del 19-06-2022)
Date voi stessi loro da mangiare (Lc 9,11-17)
...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 19-06-2022)
Ho ricevuto, ho trasmesso
Io ho ricevuto dal Signore quello che a mia volta vi ho trasmesso: Il Signore Gesù, nella notte in cui veniva tradito... Paolo scrive alla comunità di Corinto prima ancora che Marco si ingegni a scrivere un Vangelo. E, lui, apostolo di riserva, che non ha conosciuto e vissuto col Signore, ci tiene a rassicurare i suoi parrocchiani: racconta con scrupolo, c ...
(continua)
diac. Vito Calella     (Omelia del 19-06-2022)
Il sacerdozio esistenziale di Cristo chiama alla condivisione e alla missione
Melquisedek è un primo annuncio su Gesù Cristo sacerdote servo che si dona a noi nel sacramento dell'Eucaristia. Rimaniamo stupiti nellàscoltare che, all'inizio della storia della salvezza, nel villaggio di Salem (futura Gerusalemme), Abramo incontrò il sacerdote re Melchisedek. L'ospitalità di Melchisedec si realizzò con due azioni significative: l'offerta ...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 19-06-2022)
Il nostro cuore è inquieto finché non riposa in te
La Messa di oggi richiama l'attenzione proprio sulla Messa: ricorre infatti la "Solennità del Corpo e Sangue di Cristo", più nota col precedente nome latino di "Corpus Domini". In altre parole, si celebra l'istituzione dell'Eucaristia (seconda lettura, 1Corinzi 11,23-26), col sottinteso dato sociologico, ricordato chiaramente dal vangelo (Luca 9,11-17), narr ...
(continua)
Diocesi di Vicenza     (Omelia del 19-06-2022)
La Parola - Commento al Vangelo di Luca(Lc 9,11-17)
...
(continua)
don Claudio Luigi Fasulo     (Omelia del 19-06-2022)
Nutrire l'anima... non solo il corpo!
...
(continua)
don Alfonso Giorgio Liguori     (Omelia del 19-06-2022)
Voi stessi date loro da mangiare
...
(continua)
Paolo De Martino     (Omelia del 19-06-2022)
Metti in circolo l'amore.
La situazione iniziava a essere tesa, meglio ritirarsi in disparte. Gesù vuole far riposare i suoi discepoli dopo averli mandati in missione e si ritira a Betsaida, fuori dal territorio giudeo, ma quando arriva, vede che la folla lo aveva preceduto. Ne prova compassione, ne soffre insieme, perché Gesù non riusciva ad amare lo spirito di un uomo e non amarne ...
(continua)
padre Fernando Armellini     (Omelia del 19-06-2022)
Videocommento su Lc 9,11-17
...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 19-06-2022)
Commento su Gen 14,18-20; Sal 109; 1Cor 11,23-26; Lc 9,11-17
La liturgia della Parola, della festività odierna, ci offre un bellissimo gioiello incastonato in una splendida cornice. La cornice è formata dalla prima lettura ( Gn 14, 18-20 ) e dal Vangelo ( Lc 9, 11-17 ), che incastonano la seconda lettura tratta da 1 Cor 11, 23-26. Pertanto, grande importanza ha la figura del sacerdote Melchisedek ( ii significato del ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 23-06-2019)

Nella solennità della Santissima Trinità, abbiamo contemplato l'origine primordiale della storia della salvezza; oggi celebriamo il dono che riempie la vita di coloro che credono in Gesù: il mistero eucaristico, dono del Corpo e Sangue del Signore che sostiene la Chiesa nel cammino della storia; con il messaggio: nessun cristiano cammina solitario nel tempo, ...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 23-06-2019)
Moltiplichiamo L'umanità
Clicca qui per la vignetta della settimana. Ricordo bene la sera della festa del mio 25esimo di ordinazione qui in parrocchia, lo scorso anno. È stata davvero una domenica di festa ricca di affetto da parte della comunità parrocchiale e del paese intero, anche da parte di persone che magari in chiesa si vedono poco ma che hanno voluto dimostrare il loro a ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 23-06-2019)
Video commento a Lc 9,11-17
...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 23-06-2019)
Video commento a L 9,11-17
...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 23-06-2019)
Commento su Lc 9,11-13a
«Ma le folle vennero a saperlo e lo seguirono. Egli le accolse e prese a parlare loro del regno di Dio e a guarire quanti avevano bisogno di cure. Il giorno cominciava a declinare e i Dodici gli si avvicinarono dicendo: «Congeda la folla perché vada nei villaggi e nelle campagne dei dintorni, per alloggiare e trovare cibo: qui siamo in una zona deserta». Ges ...
(continua)
don Maurizio Prandi     (Omelia del 23-06-2019)
Ascoltare la fame dell'altro
Mi colpisce il contesto in cui si muove questo brano di vangelo; o meglio: mi colpisce l'antefatto. I discepoli stanno tornando da una missione durante la quale hanno annunciato di villaggio in villaggio che il Regno di Dio in Gesù si è fatto vicino e tornando raccontano utto quello che avevano fatto. Gesù decide che è il momento di prendersi una pausa e si ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 23-06-2019)
"Ti amo!" scritto con il Pane
Nei bassifondi del mare, qualche tempo fa, hanno recuperato un naufrago adolescente con la pagella cucita nella tasca dei pantaloni. Un altro, invece, appena messo piede in zona-salvezza, ha baciato il bracciale che teneva al polso: era il regalo fatto dalla madre morente alla sua partenza. Ognuno, per guadare il mare della la vita, porta con sè qualcosa che ...
(continua)
Sulla strada - TV2000     (Omelia del 23-06-2019)
Commento su Luca 9,11-17
...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 23-06-2019)
Audio commento alla liturgia - Lc 9,11-17
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 23-06-2019)
Imperfetto: il tempo preferito da Gesù
L'uso dei tempi dei verbi, in grammatica, non è poi così indifferente: e lo sanno bene gli studenti che in questi giorni si sono cimentati con le prove scritte agli esami di maturità o di licenza media. E non parlo solamente di tempi tra di loro evidentemente differenti (tutti sanno la differenza tra presente e futuro), ma anche e soprattutto di tempi verbal ...
(continua)
Luca Rubin     (Omelia del 23-06-2019)
Pane di Dio, anche tu
Il vangelo di oggi coglie in un'unica foto, il limite umano e il suo riscatto. Da una parte l'impossibilità a nutrire tutta quella gente, dall'altra la sfida di Dio: Gesù disse loro: «Voi stessi date loro da mangiare». Questo invito del Signore ci dà la misura di come Dio non sta giocando con noi, ma ha investito tutto Se stesso affinché noi sapessimo ri ...
(continua)
don Lucio D'Abbraccio     (Omelia del 23-06-2019)
Fate questo in memoria di me!
Celebriamo oggi la festa del SS. Corpo e Sangue del Signore. Questa solennità è strettamente collegata ai giorni del Giovedì santo e della Pasqua, che sono le feste eucaristiche per eccellenza. La solennità del Corpus Domini nacque nel 1247 nella Diocesi di Liegi, in Belgio, per celebrare la reale presenza di Cristo nell'eucaristia in reazione alle tesi di ...
(continua)
don Domenico Bruno     (Omelia del 23-06-2019)
Gesù è l'energia della vita
Gesù parla e chi lo ascolta non avverte altro bisogno che stare con Lui. Nel Vangelo è Gesù ad avere premura che i suoi ascoltatori si rifocillino. Gesù non vuole che si viva in modo disincarnato e non ci si curi del proprio corpo, del cibo per la sussistenza. Molta gente invece crede di fare cosa buona e gradita a Dio mortificando il cibo per pregare ...
(continua)
don Roberto Farruggio     (Omelia del 23-06-2019)
Commento alle letture - Domenica del Santissimo Corpo e Sangue di Cristo (Anno C)
...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 23-06-2019)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di Giuseppe Di Stefano Un solo Pane per imparare ad accogliere e condividere La solennità del Corpo e Sangue del Signore che celebriamo, rimette al centro della celebrazione e dell'adorazione del popolo cristiano, il mistero di un Dio "tradito", consegnato alle nostre mani. Il Signore Gesù decide di rimanere in ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 23-06-2019)

In questa domenica vogliamo concentrarci su un unico pensiero: il pane e il vino che diventano per noi il Corpo e il Sangue di Gesù. Ma perché Gesù ci ha lasciato questo dono? Cerchiamo di capire, ragioniamo un poco insieme... Cosa succede se un bimbo, a pranzo o a cena, dice di non avere fame e di non voler mangiare? Tutti si preoccupano: forse non sta ben ...
(continua)
don Luigi Maria Epicoco     (Omelia del 23-06-2019)
Date voi stessi da mangiare
...
(continua)
don Giacomo Falco Brini     (Omelia del 23-06-2019)
Quel pane che va al centro della tavola
Gesù è circondato da folle di persone. La sua parola trasmette speranza. La sua parola ha il potere di guarire chi ha bisogno di cure (Lc 9,11). Il testo del vangelo ci dice che si avvicinava ormai la sera e gli apostoli suggeriscono qualcosa al Signore. Siccome ci si trova in zona deserta, bisogna congedare la folla perché vada a cercarsi cibo e alloggio (L ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 23-06-2019)
Dodici ceste
Congeda la folla Al termine di una giornata faticosa, visto il luogo desertico e senza risorse, i dodici si preoccupano della situazione che si era venuta a creare e si rivolgono a Gesù: «Congeda la folla». Se da una parte i discepoli manifestano una giusta preoccupazione per tanta gente, dall'altra la soluzione prospettata fa molto pensare: che ognuno si ...
(continua)
don Mario Simula     (Omelia del 23-06-2019)
Un mendicante che grida: ?Dammi da mangiare, dammi da bere?
Il prete è un uomo "mangiato". Non lo è di meno ogni membro del popolo di Dio. O mi lascio consumare dalla passione per il vangelo, oppure saranno i surrogati di ogni specie a consumarmi e corrodermi nel tempo, nelle attività, nelle scelte. Chi ogni giorno mangia il Pane di vita, e osserva con stupore "Dio che si fa cibo e bevanda" per la fame del mondo, ac ...
(continua)
don Fabio Rosini     (Omelia del 23-06-2019)
Commento al Vangelo del 23 giugno
...
(continua)
mons. Erio Castellucci diocesi di Modena-Nonantola     (Omelia del 23-06-2019)
Voi stessi date loro da mangiare
...
(continua)
don Gaetano Luca (Amore)     (Omelia del 23-06-2019)

...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 23-06-2019)
La festa della comunione con il corpo e il sangue del Signore
Celebriamo oggi la solennità del Corpo e Sangue di Cristo, meglio conosciuta con l'espressione latina "Corpus Domini". Due sono i momenti forti e significativi per noi cristiani da vivere in questa giornata dedicata al Santissimo Sacramento dell'Altare: la partecipazione alla Santa Messa, memoriale della Pasqua di Cristo e alla processione in onore e a lode ...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 23-06-2019)

Questa domenica festeggiamo la solennità del Corpo e Sangue di Cristo che egli ha donato per noi una volta per tutte. Gesù, infatti, si è sacrificato per noi morendo sulla croce; ivi ha compiuto un sacrificio unico ed eterno, che si perpetua nel tempo e viene riattualizzato nella santa Messa, dove riceviamo Gesù stesso. Lui stesso ha detto nell'ultima cena: ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 23-06-2019)
Condividere gioco divino cui il Signore invita tutti
Né a noi né a Dio è bastato darci la sua Parola. Troppa fame ha l'uomo, e Dio ha dovuto dare la sua Carne e il suo Sangue (Divo Barsotti). Neppure il suo corpo ha tenuto per sé: prendete, mangiate, neppure il suo sangue ha tenuto per sé: prendete, bevete. Neppure il suo futuro: sarò con voi tutti i giorni fino al consumarsi del tempo. La festa del Corpo e Sa ...
(continua)
diac. Vito Calella     (Omelia del 23-06-2019)
Spezzati come Gesù, in dono e comunione
Melchisedek era un sacerdote re del piccolo borgo di Salem, la futura Gerusalemme. È impressionante contemplare come, ai primordi della storia della nostra salvezza, già a partire da Abramo, lo Spirito Santo ha ispirato gli autori sacri dell'Antico Testamento per donarci la testimonianza dell'offerta misteriosa di pane e vino. Melchisedek, non appartenente a ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 23-06-2019)
Video commento su Lc 9,11-17
...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 23-06-2019)
La Messa di oggi parla di sè
La Messa di oggi parla di sè: ricorre infatti la "Solennità del Corpo e Sangue di Cristo", più nota col precedente nome latino di "Corpus Domini", che richiama l'istituzione dell'Eucaristia (seconda lettura, 1Corinzi 11,23-26). Nel cuore della fede si insinua però anche un dato sociologico: lo ricorda chiaramente il vangelo (Luca 9,11-17), narrando la moltip ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 23-06-2019)
Il Pane vivo capace di belle cose
Sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo". Mentre inviava gli apostoli a rendere discepoli gli uomini di tutte le nazioni, a battezzare nel suo Nome e a rendergli testimonianza fino agli estremi confini della terra, Gesù prometteva loro che non li avrebbe lasciati soli: lo Spirito Santo avrebbe consentito che esperissero la sua presenza invisibi ...
(continua)
Diocesi di Vicenza     (Omelia del 23-06-2019)
La Parola - Commento al Vangelo di Luca (Lc 9,11-17)
...
(continua)
don Claudio Luigi Fasulo     (Omelia del 23-06-2019)
Audio commento a Lc 9,11-17
...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 23-06-2019)
Commento su Luca 9,11-17
La solennità del Corpus Domini ci dà l'occasione per riflettere ancora sul mistero dell'Eucaristia, un sacramento che, potremmo dire, rappresenta e realizza il massimo del significato nella minima consistenza: un frammento di pane dal peso insignificante, contiene la pienezza della divinità. Ci vuole molta fede per credere che quel pezzo di pane costituisca ...
(continua)
padre Fernando Armellini     (Omelia del 23-06-2019)
Videocommento su Lc 9,11-17
...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 23-06-2019)
Commento su Gen 14,18-20; Sal 109; 1Cor 11,23-26; Lc 9,11-17
Il Corpus Domini è la festa che celebra il mistero dell'Eucarestia, sacramento della nostra salvezza. Questa festa venne istituita nel 1246 in Belgio, basandosi su una visione mistica, avvenuta nel 1208 dalla beata Giuliana Retìne, priora del Monastero Agostiniano del monte Carmelo di Liegi, con approvazione del vescovo della medesima città. Due anni dopo l' ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 29-05-2016)
Audio commento alla liturgia - Lc 9,11-17
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
Sulla strada - TV2000     (Omelia del 29-05-2016)

...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 29-05-2016)
La tradizione eucaristica fino a noi oggi
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 29-05-2016)
Commento su Lc 9, 11-14; 16
«Ma le folle vennero a saperlo e lo seguirono. Egli le accolse e prese a parlare loro del regno di Dio e a guarire quanti avevano bisogno di cure. Il giorno cominciava a declinare e i Dodici gli si avvicinarono dicendo: "Congeda la folla perché vada nei villaggi e nelle campagne dei dintorni, per alloggiare e trovare cibo: qui siamo in una zona deserta". Ges ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 29-05-2016)
Che corpo, Cristo: ti morsicherei!
Del Dio cristiano, calata la sua avventura umana, null'altro è rimasto come presenza che un tozzo di pane. Come memoria, memoriale, nostalgia. Ancora oggi, negli scantinati dell'umanità, togliete il superfluo e ciò che rimarrà sarà il pane: Dacci oggi il nostro pane quotidiano. Precursore di Pollicino, il Nazareno scelse di lasciare traccia di sé nel pane: i ...
(continua)
don Marco Pedron     (Omelia del 29-05-2016)
Accetta ciò che sei e mettilo in circolo
L'eucarestia è sempre stato un momento importante, decisivo, di ogni comunità cristiana, perché l'eucarestia è il luogo privilegiato dove si fa esperienza del Signore. Per questo nei vangeli il riferimento all'eucarestia non è soltanto nell'Ultima Cena, ma tutti i vangeli, dall'inizio alla fine, hanno questo riferimento all'eucarestia. In particolare nell'ep ...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 29-05-2016)
Condividere per moltiplicare
Clicca qui per la vignetta della settimana. "La preghiera non serve per cambiare gli eventi della vita, ma aiuta a viverli" (padre Alberto Maggi) Ho trovato questa citazione del biblista Maggi sulla bacheca di un amico di Facebook ed ha catturato la mia attenzione mentre stavo meditando sul brano evangelico di questa domenica del Corpus Domini. Gesù pre ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 29-05-2016)
Video commento a Lc 9,11-17
...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 29-05-2016)
Video commento a Lc 9,11-17
...
(continua)
don Giacomo Falco Brini     (Omelia del 29-05-2016)
Gesù, il corpo dell'Amore
Questa è la domenica in cui ricordiamo solennemente cosa ha inventato l'amore del Signore Gesù per noi: ha lasciato nelle nostre mani il suo corpo, ogni giorno. Il che vuol dire: ha lasciato la sua stessa persona, la sua reale presenza, proprio come ci aveva promesso. Ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo (Mt 28,20). Se ci pensiamo, ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 29-05-2016)
Gesù Eucaristia è il nostro pane di pellegrini
Oggi celebriamo la solennità del Santissimo Corpo e Sangue di Gesù, che in questo anno giubilare della misericordia asume un particolare significato per tutti noi che siamo il pellegrini verso l'eternità. Questo pane ci nutre e ci sostiene nel cammino della vita, in quanto Gesù lo ha utilizzato nell'ultima cena, consumata con gli apostoli, in quel giovedì sa ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 29-05-2016)
Con la fede di Maria accogliamo il dono di Gesù presente nell'Eucarestia
Celebriamo la solennità del Corpo e Sangue del Signore, di Gesù vivente nell'Eucarestia, dato a noi nel pane consacrato che ci alimenta, ci sostiene, ci dà forza, ci salva. Ci aiuta in questa Maria Ss. che veneriamo in maniera particolare in questa conclusione del mese di maggio. Possiamo prendere come linee di riflessione, di preghiera, di impegno, le parol ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 29-05-2016)
G7? No, grazie: G12. Più uno.
In questi giorni, i grandi della terra si sono riuniti in uno dei loro periodici summit, e le conclusioni a cui sono giunti dopo giorni di dialogo serrato sono di grande interesse per tutto il pianeta, e soprattutto dotate di una visione a lungo raggio che fa ben sperare per la soluzione dei problemi nel mondo. Tra le altre cose, i potenti dei regni della te ...
(continua)
mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 29-05-2016)
SS. CORPO E SANGUE DI CRISTO
Celebrando la Solennità del Santissimo Corpo e Sangue di Cristo, credo sia necessario in tutti noi risvegliare la bellezza dell'incredibile dono che Gesù ci ha fatto, non un dono qualsiasi, ma un Dono sublime, divino: ?il Suo Corpo e il Suo Sangue'. Ed è lo stesso Gesù che si incarica di introdurci nella grandezza del dono, partendo da una realtà che è vita ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 29-05-2016)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di don Paolo Ricciardi Di nuovo, in questa domenica del Corpus Domini, il vangelo ci invita ad entrare nella folla di cinquemila persone presenti a quel miracolo di fame e di pane, di bisogno e di sovrabbondanza; segno tangibile della compassione di Gesù verso l'umanità ferita, isolata, abbandonata. Una risposta o ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 29-05-2016)

Oggi, festa del Corpo del Signore, l'evangelista Luca inizia il suo Vangelo raccontandoci un episodio in cui Gesù si trova a parlare ad una grande folla in un luogo desertico. Ha parlato certamente del regno di Dio, ma cosa ha fatto anche? "Ha guarito quanti avevano bisogno di cure". Proviamo a pensare di essere noi quella folla... Sì, oggi, qui, in que ...
(continua)
padre Giuseppe De Nardi     (Omelia del 29-05-2016)
Sulla Tua Parola - Lc 9,11b-17
...
(continua)
don Roberto Farruggio     (Omelia del 29-05-2016)
Video commento alla liturgia - Lc 9,11-17
...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 29-05-2016)

La povertà come condivisione (non è moltiplicazione, ma suddivisione) non è un ornamento della missione apostolica, ma essenziale. Prima del miracolo del pane spezzato per tutti (la carità divide le cose per moltiplicarle), Gesù chiede ai suoi di provvedere a tutto, di offrire alla gente una cena speciale, ricca di significato, strettamente legato proprio al ...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 29-05-2016)
Commento su Luca 9,11-17
Eccoci alla festa del Corpus Domini, cioè del Corpo (e sangue) del Signore: attraverso questo sacramento, Gesù si rende presente in mezzo a noi, anzi, viene persino dentro di noi per unirci a sé e darci la sua vita divina! Gesù stesso nell'ultima cena ha detto: questo è il mio Corpo! cioè, questo sono io; prendete e mangiatene tutti. Usa un imperativo d'amor ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 29-05-2016)
Commento su Luca 9,11-17
La solennità del Corpus Domini non è l'unica circostanza nella quale la liturgia ci offre l'opportunità di riflettere sull'Eucaristia. Anche il Giovedì Santo la Chiesa ricorda l'istituzione del sacramento dell'altare, dal quale tutti gli altri sacramenti scaturiscono. Ma concentriamoci sul Vangelo di oggi; il fatto lo conosciamo tutti molto bene: dopo un gi ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 29-05-2016)
Il miracolo del pane condiviso, amare significa dare
Festa della vita donata, del Corpo e del Sangue dati a noi: partecipare al Corpo e al Sangue di Cristo non tende ad altro che a trasformarci in quello che riceviamo (Leone Magno). Dio è in noi: il mio cuore lo assorbe, lui assorbe il mio cuore, e diventiamo una cosa sola. L'uomo è l'unica creatura che ha Dio nel sangue (Giovanni Vannucci), abbiamo in noi un ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 29-05-2016)
Video commento su Lc 9,11-17
...
(continua)
don Roberto Fiscer     (Omelia del 29-05-2016)
#StradeDorate - Commento su Luca 9,11-17
...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 29-05-2016)
Fate questo... per il futuro
Nella notte in cui veniva tradito Paolo ha sentito il bisogno di riprendere i Corinti che avevano degradato il modo di vivere insieme la Cena del Signore: Ma quando vi riunite, la vostra cena non è di certo la Cena del Signore! (1Cor 11,20). Attraverso le sue parole scopriamo che nelle assemblee c'è rivalità e ingiustizia, fame dei poveri e ubriachezze dei ...
(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 29-05-2016)
Video Commento a Lc 9, 11-17
...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 29-05-2016)
Non di solo pane vivrà l'uomo
Nella Messa di oggi l'attenzione si appunta tutta proprio sulla Messa. Ricorre infatti la "Solennità del Corpo e Sangue di Cristo", più nota col precedente nome latino di "Corpus Domini", che richiama l'istituzione dell'Eucaristia (seconda lettura, 1Corinzi 11,23-26). Nel cuore della fede si insinua però anche un dato sociologico: lo ricorda chiaramente il v ...
(continua)
Diocesi di Vicenza     (Omelia del 29-05-2016)
La Parola - commento a Lc 9,11-17 - Santissimo Corpo e Sangue di Cristo
Commento a cura di don Alessio Graziani. Registrato nell'abbazia di sant'Agostino, Vicenza. ...
(continua)
Michele Antonio Corona     (Omelia del 29-05-2016)

L'inizio della pericope sottolinea il primo e fondamentale ruolo di Gesù nell'economia della salvezza: annuncio e guarigione. I due aspetti non sono separabili, ma l'uno illumina e corrobora l'altro con particolare fecondità. Il Cristo unisce parole sul Regno all'opera taumaturgica tipica di Dio. Il guarire sembra essere molto più ampio della sola sfera fis ...
(continua)
Carla Sprinzeles     (Omelia del 29-05-2016)
Commento su Luca 9,11-17
La festa di oggi pone al centro il mistero della comunione tra Dio e l'uomo. Il "Corpo di Cristo", l'intera sua persona e esistenza, è il dono che Dio ha fatto all'umanità. Oggi per noi che significato ha? Penso di poter dire che questo "dono" ci permette di gustare la presenza di Dio in mezzo a noi. Presenza che non spaziale, dentro l'ostia, non è dentr ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 29-05-2016)
Presenza ordinaria perché straordinaria
Forse il Dio nel quale noi crediamo è l'unico che sappia appagare la necessità umana della sua presenza. Di Dio l'uomo infatti non soltanto ha bisogno, ma vuole anche la sua compagnia perenne, la sua amicizia, vuole insomma da Lui essere accompagnato passo dopo passo. Come un bambino non si sente sicuro quando lascia la mano della mamma oppure vaga ramingo p ...
(continua)