LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 6 Marzo 2022 <

Venerdì 4 Marzo 2022

Sabato 5 Marzo 2022

Domenica 6 Marzo 2022

Lunedì 7 Marzo 2022

Martedì 8 Marzo 2022

Mercoledì 9 Marzo 2022

Giovedì 10 Marzo 2022

Venerdì 11 Marzo 2022

Sabato 12 Marzo 2022

Domenica 13 Marzo 2022

Newsletter
Per ricevere la Liturgia del giorno inserisci la tua mail:


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:



  I DOMENICA DI QUARESIMA (ANNO C)

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: DOMENICA
Colore liturgico: Viola
CQ010 ;

La Quaresima si apre con il racconto delle tentazioni di Gesù. Poste alla soglia del suo ministero pubblico, esse sono in qualche modo l’anticipazione delle numerose contraddizioni che Gesù dovrà subire nel suo itinerario, fino all’ultima violenza della morte. In esse è rivelata l’autenticità dell’umanità di Cristo, che, in completa solidarietà con l’uomo, subisce tutte le tentazioni tramite le quali il Nemico cerca di distoglierlo dalla sua completa sottomissione al Padre. “Cristo tentato dal demonio! Ma in Cristo sei tu che sei tentato” (sant’Agostino).
In esse viene anticipata la vittoria finale di Cristo nella risurrezione. Cristo inaugura un cammino - che è l’itinerario di ogni essere umano - dove nessuno potrà impedire che il disegno di Dio si manifesti per tutti gli uomini: la sua volontà di riscattarlo, cioè di recuperare per l’uomo la sovranità della sua vita in un libero riconoscimento della sua dipendenza da Dio.
È nell’obbedienza a Dio che risiede la libertà dell’uomo. L’abbandono nelle mani del Padre - “Io vivo per il Padre” - è la fonte dell’unica e vera libertà, che consiste nel rifiutare di venire trattati in modo diverso da quello che siamo. Il potere di Dio la rende possibile.

Scarica il foglietto della Messa >
Scarica le Letture del Lezionario >
Scarica il Salmo Responsoriale Cantato >
Ricevi la Liturgia via mail >
Condividi questa Liturgia su > Facebook
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Mi invocherà e io gli darò risposta;
nell’angoscia io sarò con lui, lo libererò e lo renderò glorioso.
Lo sazierò di lunghi giorni e gli farò vedere la mia salvezza. (Sal 90,15-16)

Non si dice il Gloria.


Colletta
O Dio, nostro Padre,
con la celebrazione di questa Quaresima,
segno sacramentale della nostra conversione,
concedi a noi tuoi fedeli
di crescere nella conoscenza del mistero di Cristo
e di testimoniarlo con una degna condotta di vita.
Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio,
e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli.

Oppure (Anno C):
Signore misericordioso,
che sempre ascolti la preghiera del tuo popolo,
tendi verso di noi la tua mano,
perché, nutriti con il pane della Parola
e fortificati dallo Spirito,
vinciamo le seduzioni del maligno.
Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio,
e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli.

>

Prima lettura

Dt 26,4-10
Professione di fede del popolo eletto.

Dal libro del Deuteronòmio

Mosè parlò al popolo e disse:
«Il sacerdote prenderà la cesta dalle tue mani e la deporrà davanti all’altare del Signore, tuo Dio, e tu pronuncerai queste parole davanti al Signore, tuo Dio: “Mio padre era un Aramèo errante; scese in Egitto, vi stette come un forestiero con poca gente e vi diventò una nazione grande, forte e numerosa. Gli Egiziani ci maltrattarono, ci umiliarono e ci imposero una dura schiavitù. Allora gridammo al Signore, al Dio dei nostri padri, e il Signore ascoltò la nostra voce, vide la nostra umiliazione, la nostra miseria e la nostra oppressione; il Signore ci fece uscire dall’Egitto con mano potente e con braccio teso, spargendo terrore e operando segni e prodigi. Ci condusse in questo luogo e ci diede questa terra, dove scorrono latte e miele. Ora, ecco, io presento le primizie dei frutti del suolo che tu, Signore, mi hai dato”. Le deporrai davanti al Signore, tuo Dio, e ti prostrerai davanti al Signore, tuo Dio».

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 90

Resta con noi, Signore, nell’ora della prova.

Chi abita al riparo dell’Altissimo
passerà la notte all’ombra dell’Onnipotente.
Io dico al Signore: «Mio rifugio e mia fortezza,
mio Dio in cui confido».

Non ti potrà colpire la sventura,
nessun colpo cadrà sulla tua tenda.
Egli per te darà ordine ai suoi angeli
di custodirti in tutte le tue vie.

Sulle mani essi ti porteranno,
perché il tuo piede non inciampi nella pietra.
Calpesterai leoni e vipere,
schiaccerai leoncelli e draghi.

«Lo libererò, perché a me si è legato,
lo porrò al sicuro, perché ha conosciuto il mio nome.
Mi invocherà e io gli darò risposta;
nell’angoscia io sarò con lui,
lo libererò e lo renderò glorioso».

>

Seconda lettura

Rm 10,8-13
Professione di fede di chi crede in Cristo.

Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Romani

Fratelli, che cosa dice [Mosè]? «Vicino a te è la Parola, sulla tua bocca e nel tuo cuore», cioè la parola della fede che noi predichiamo. Perché se con la tua bocca proclamerai: «Gesù è il Signore!», e con il tuo cuore crederai che Dio lo ha risuscitato dai morti, sarai salvo. Con il cuore infatti si crede per ottenere la giustizia, e con la bocca si fa la professione di fede per avere la salvezza.
Dice infatti la Scrittura: «Chiunque crede in lui non sarà deluso». Poiché non c’è distinzione fra Giudeo e Greco, dato che lui stesso è il Signore di tutti, ricco verso tutti quelli che lo invocano. Infatti: «Chiunque invocherà il nome del Signore sarà salvato».

Parola di Dio

Canto al Vangelo (Mt 4,4)
Lode a te, o Cristo, re di eterna gloria!
Non di solo pane vivrà l’uomo,
ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio.
Lode a te, o Cristo, re di eterna gloria!

>

Vangelo

Condividi il Vangelo su >   Facebook Ascolta il Vangelo >    

Lc 4,1-13
Gesù fu guidato dallo Spirito nel deserto e tentato dal diavolo.


+ Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, Gesù, pieno di Spirito Santo, si allontanò dal Giordano ed era guidato dallo Spirito nel deserto, per quaranta giorni, tentato dal diavolo. Non mangiò nulla in quei giorni, ma quando furono terminati, ebbe fame. Allora il diavolo gli disse: «Se tu sei Figlio di Dio, di’ a questa pietra che diventi pane». Gesù gli rispose: «Sta scritto: “Non di solo pane vivrà l’uomo”».
Il diavolo lo condusse in alto, gli mostrò in un istante tutti i regni della terra e gli disse: «Ti darò tutto questo potere e la loro gloria, perché a me è stata data e io la do a chi voglio. Perciò, se ti prostrerai in adorazione dinanzi a me, tutto sarà tuo». Gesù gli rispose: «Sta scritto: “Il Signore, Dio tuo, adorerai: a lui solo renderai culto”».
Lo condusse a Gerusalemme, lo pose sul punto più alto del tempio e gli disse: «Se tu sei Figlio di Dio, gèttati giù di qui; sta scritto infatti: “Ai suoi angeli darà ordini a tuo riguardo affinché essi ti custodiscano”; e anche: “Essi ti porteranno sulle loro mani perché il tuo piede non inciampi in una pietra”». Gesù gli rispose: «È stato detto: “Non metterai alla prova il Signore Dio tuo”».
Dopo aver esaurito ogni tentazione, il diavolo si allontanò da lui fino al momento fissato.

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
In Gesù ogni uomo ha la forza di mantenere la propria libertà anche di fronte alle seduzioni del peccato che conducono alla più radicale delle schiavitù.
Preghiamo insieme e diciamo: Mantienici nella Tua fedeltà, Signore.

1. Perché sappiamo sempre credere nella forza dell’unione che c’è tra noi e Te, più stabile delle distrazioni che comportano le tentazioni del momento. Preghiamo.
2. Perché siamo capaci di ribellarci al male presente nel mondo e che agisce anche in noi. Preghiamo.
3. Perché la coscienza del fatto che tu ci sei sempre vicino, anche nei momenti semplici e quotidiani, e soprattutto nei momenti bui di sofferenza, ci accompagni sempre. Preghiamo.
4. Perché la paura e la stanchezza non ci portino mai ad accettare compromessi e surrogati al Tuo amore per noi. Preghiamo.

O Padre, tu sei l’unico Signore che lascia liberi i suoi servitori, aiutaci a non cercare gloria lontano da te per trovare poi solo catene e disperazione. Te lo chiediamo per Cristo nostro Signore.

Preghiera sulle offerte
Si rinnovi, o Signore, la nostra vita
e con il tuo aiuto si ispiri sempre più
al sacrificio che santifica l’inizio della Quaresima,
tempo favorevole per la nostra salvezza.
Per Cristo nostro Signore.


PREFAZIO
Le tentazioni del Signore

È veramente cosa buona e giusta,
nostro dovere e fonte di salvezza,
rendere grazie sempre e in ogni luogo
a te, Signore, Padre santo, Dio onnipotente ed eterno,
per Cristo Signore nostro.
Astenendosi per quaranta giorni dagli alimenti terreni,
egli dedicò questo tempo quaresimale
all’osservanza del digiuno
e, vincendo tutte le insidie dell’antico tentatore,
ci insegnò a dominare le suggestioni del male,
perché, celebrando con spirito rinnovato il mistero pasquale,
possiamo giungere alla Pasqua eterna.
E noi, uniti alla moltitudine degli angeli e dei santi,
cantiamo senza fine l’inno della tua lode: Santo, ...


Antifona alla comunione
Il Signore, Dio tuo, adorerai;
a lui solo renderai culto. (Lc 4,8)


Preghiera dopo la comunione
Ci hai saziati, o Signore, con il pane del cielo
che alimenta la fede,
accresce la speranza e rafforza la carità:
insegnaci ad aver fame di Cristo, pane vivo e vero,
e a nutrirci di ogni parola che esce dalla tua bocca.
Per Cristo nostro Signore.

Orazione sul popolo
Scenda, o Signore, sul tuo popolo
l’abbondanza della tua benedizione,
perché cresca la sua speranza nella prova,
sia rafforzato il suo vigore nella tentazione
e gli sia donata la salvezza eterna.
Per Cristo nostro Signore.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

don Maurizio Prandi     (Omelia del 06-03-2022)
Una risposta affidata!
Un tempo bello quello della Quaresima ci siamo detti la sera del Mercoledì delle Ceneri. Un tempo bello perché desideriamo rinnovare la nostra adesione a Gesù e al suo vangelo; credo che in questo rinnovamento stia la conversione che questi quaranta giorni ci chiedono. Tempo nel quale dirci (pensando ai due ciechi del vangelo di domenica scorsa) che non poss ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 06-03-2022)
Commento su Luca 4,1-13
La liturgia di questa prima domenica di quaresima ci introduce immediatamente nella tematica pasquale, e considerata in modo particolare dal punto di vista del Battesimo, a cui il tempo della quaresima preparava, agl'inizi del cristianesimo. Ma anche oggi per tutta la comunità cristiana, questo itinerario originario si ripropone in un modo carico di senso: c ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 06-03-2022)
Commento su Luca 4,1-13
È cominciata la Quaresima: un tempo di riflessione sul mistero pasquale, un tempo di penitenza; un tempo di riconciliazione, un tempo di ripartenza,... E, come il Figlio di Dio dovette misurarsi con le tentazioni, tutte le tentazione possibili - sostanzialmente: l'attrattiva dei beni materiali, il fascino del potere politico, l'evasione illusoria e fatale d ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 06-03-2022)
Dio è gratis. Il diavolo no.
È divenuto ormai un appuntamento fisso, una specie di "cult" per il cristiano, iniziare il tempo di Quaresima nel deserto, associando il deserto a un numero, il numero quaranta, simbolo della vita dell'uomo (era la durata di una generazione, secondo la mentalità ebraica), ma anche a un popolo, il popolo d'Israele, nel suo lungo percorso di liberazione verso ...
(continua)
don Domenico Bruno     (Omelia del 06-03-2022)

Gesù, pieno di Spirito Santo, si allontanò dal Giordano ed era guidato dallo Spirito nel deserto, per quaranta giorni, tentato dal diavolo. Non mangiò nulla in quei giorni, ma quando furono terminati, ebbe fame. Allora il diavolo gli disse: «Se tu sei Figlio di Dio, di' a questa pietra che diventi pane». Gesù gli rispose: «Sta scritto: "Non di solo pane vivr ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 06-03-2022)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di Gigi Avanti Oggi la Chiesa sottopone alla nostra attenzione il celebre brano che narra l'episodio sconcertante delle tentazioni riservate a Gesù. Sconcertante perché la nostra scadente lettura dello spirituale e del mistero ci porta talvolta a pensare che Dio avrebbe potuto riservare al Suo Figlio preferito un t ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 06-03-2022)

Cari bambini e ragazzi, ragazze e bambine, ben trovati! Siamo arrivati già alla Quaresima e ci prepariamo per la Pasqua: dunque è arrivato il momento di guardare all'anno trascorso per rendere grazie di tutti i doni, uno ad uno, che Dio ci ha fatto. Ciò significa essere onesti, con noi stessi prima di tutto, e non concentrarci su quello che vorremmo ma soffe ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 06-03-2022)
La vita, le tentazioni, la Parola che salva.
Vogliamo portare nel cuore e nella preghiera i tanti fratelli e sorelle che nel mondo soffrono a causa della guerra e di tante altre situazioni difficili. Per noi cristiani è importante che il nostro cuore sia sempre attento, capace di amare e di incontrare le persone. Nella prima domenica di Quaresima possiamo riprendere gli elementi fondamentali di questo ...
(continua)
don Mario Simula     (Omelia del 06-03-2022)
Fidarsi di se stessi è da perdenti
Gesù vuole essere uno di noi. Venendo su questa terra accetta la nostra fragilità umana. Non rifiuta i nostri limiti. Non si colloca al di sopra di nessuno di noi. Piuttosto si immerge nella nostra storia personale e nella storia del mondo. La strada che sceglie per condividere la nostra vicenda terrena, anche quella fatta di debolezza e di peccati, è una s ...
(continua)
don Giacomo Falco Brini     (Omelia del 06-03-2022)
Prepararsi, lottare, farsi portare
Mi sembra che dal vangelo di domenica scorsa sia uscito un salutare monito per tutti quelli che vogliono essere discepoli del Signore: attenzione a trascurare la vita interiore. Infatti, si può camminare nella vita totalmente ciechi su quanto accade nel proprio cuore, perché oltremodo occupati a scoprire ed evidenziare il male negli altri, cioè al di fuori d ...
(continua)
padre Maurizio De Sanctis     (Omelia del 06-03-2022)
Nel deserto per riscoprire l'amore di Dio... occhio alla tentazione!
...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 06-03-2022)
Con le armi della preghiera vinceremo la battaglia contro le forze del male
Da mercoledì scorso, con il rito delle Ceneri, è iniziato la Quaresima. Questa è la prima domenica di questo tempo forte dell'Anno Liturgico, penitenziale in tutti i sensi, che ci prepara alla Pasqua, quella annuale, essendo la domenica, Pasqua settimanale. Il mio primo pensiero va a tutti gli ucraini sottoposti a bombardamenti continui a causa della guerra ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 06-03-2022)
La Quaresima del nostro tempo
...
(continua)
don Antonino Sgrò     (Omelia del 06-03-2022)
La vita è fatica e bellezza di scegliere
Gesù è ricolmo della potenza dello Spirito Santo, ricevuto nel Battesimo, ed è proprio lo Spirito a condurlo nel deserto perché sia tentato dal diavolo. Ci disturba la presenza del Maligno all'inizio del ministero di Cristo, appena dichiarato dal Padre come «il Figlio mio, l'amato», perché mai vorremmo che un momento bello fosse rovinato da un ospite non gra ...
(continua)
don Roberto Seregni     (Omelia del 06-03-2022)
Quaranta giorni
Lo sappiamo bene: è nel momento della prova che esce il nostro vero essere, è nel momento della difficoltà che emerge con forza la verità della nostra persona. Anche per Gesù è lo stesso. Forse, leggendo questo affascinante testo di Luca, dovremmo parlare della "prova di Gesù", e non tanto delle "tentazioni di Gesù". Lo Spirito Santo non conduce il maestro n ...
(continua)
don Fabio Rosini     (Omelia del 06-03-2022)
Commento al Vangelo del 6 marzo
...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 06-03-2022)
Combattimento spirituale
...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 06-03-2022)

La prima domenica del tempo di Quaresima incontriamo il brano delle tentazioni di Gesù. Ci viene così ricordato che anche noi abbiamo un nemico che ci insidia e tanto più vogliamo veramente "fare deserto" e prendere seri propositi per seguire Cristo, tanto più cerca di metterci "i bastoni tra le ruote". Gesù ha appena ricevuto il battesimo come "consacraz ...
(continua)
diac. Vito Calella     (Omelia del 06-03-2022)
La sfida della comunione contro le divisioni dell'egoismo umano
La scelta fondamentale di Gesù fu quella di rimanere unito al Padre nello Spirito Santo. Da quando disse vi voler «stare nelle cose del Padre» (Lc 2,49), all'età di dodici anni, fino al momento drammatico della sua morte in croce, Gesù lottó per rimanere sempre unito al Padre con la forza dello Spirito Santo, in un rapporto di obbedienza filiale. Ma, avend ...
(continua)
don Alessandro Farano     (Omelia del 06-03-2022)
Domenica I di Quaresima - Anno C - Lectio Divina
...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 06-03-2022)
La libertà di scegliere è chiamata alla vita
Come Gesù, siamo tutti posti davanti alla fatica aspra e liberante di scegliere tra umano e disumano, tra più vita e meno vita. "Scegli" è l'imperativo di libertà che apre tutta la sezione della Legge antica: Io pongo davanti a te il bene e la vita, il male e la morte. Scegli dunque la vita. (Deut 30,15). E non suona come un imperativo, ma come una preghiera ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 06-03-2022)
Quaresima, pace e carità
l'esordio della Quaresima 2022 è segnato dallo sconforto e dalla demoralizzazione causataci dal fragore delle armi che in Ucraina destabilizzano la popolazione, che in preda al panico e alla paura si da alla fuga e alla dispersione. Questo periodo liturgico non può che essere vissuto pertanto con l'obiettivo immediato e urgente della carità, da esternarsi so ...
(continua)
don Roberto Fiscer     (Omelia del 06-03-2022)
#StradeDorate - Commento su Luca 4,1-13
...
(continua)
don Gianfranco Calabrese     (Omelia del 06-03-2022)
Video commento su Luca 4,1-13
...
(continua)
don Alessandro Farano     (Omelia del 06-03-2022)
Domenica - I settimana di Quaresima - Anno C - Commento al Vangelo
...
(continua)
Giancarlo Airaghi     (Omelia del 06-03-2022)
La Via del germoglio - Tappa 1: Fame di Dio
...
(continua)
Frati Minori Cappuccini     (Omelia del 06-03-2022)
Le tentazioni per noi oggi
...
(continua)
padre Paul Devreux     (Omelia del 06-03-2022)
Commento su Luca 4,1-13
Oggi cominciamo la quaresima; tempo che ci viene donato per contemplare la Passione di Gesù, e per provare a coglierne la bellezza. La Passione è la massima manifestazione dell'amore di Dio per me e per tutti noi. E' importante almeno capirlo. Cominciamo con le tentazioni, cioè quelle idee che sembrano buone, ma se le metti in pratica ti accorgi che non lo s ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 06-03-2022)
Scelte
Inizia la Quaresima. Come se fosse finita, da due anni a questa parte. Inizia proprio nei giorni in cui abbiamo scoperto di essere fragili, impotenti, malati. Due anni di paura, di malattia, di morte, di problemi economici. E che hanno inciso pesantemente sulle nostre scelte, sui nostri sogni, sulla nostra socialità. Siamo tutti sfiniti, stanchi, insoffer ...
(continua)
Diocesi di Vicenza     (Omelia del 06-03-2022)
La Parola - Commento al Vangelo di Luca (Lc 4,1-13)
...
(continua)
frate Attilio Gueli     (Omelia del 06-03-2022)
La Quaresima con Santa Faustina
Vi invitiamo ad ascoltare la video catechesi di Frate Antonio Domenico Pio Cardelli OFM, Volontario Faustinum Serino (Av), che ci introduce al tempo forte della Quaresima, tempo favorevole di preghiera e di ascolto della Parola di Dio per "ri-analizzarci", per rivedere cioè il nostro stile di vita al fine di purificare ogni nostra fragilità e vivere al megli ...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 06-03-2022)
Tre tentazioni tre risposte
Con il mercoledì delle Ceneri, appena celebrato, è cominciata la quaresima. Oggi, prima domenica di questo tempo di preparazione alla Pasqua, come ogni anno il vangelo è quello relativo al misterioso episodio delle tentazioni cui anche Gesù fu sottoposto. Lo riferiscono tre degli evangelisti: Marco si limita a dire che Gesù fu tentato; Matteo specifica come, ...
(continua)
don Claudio Luigi Fasulo     (Omelia del 06-03-2022)
Manuale per vincere le tentazioni
...
(continua)
don Alfonso Giorgio Liguori     (Omelia del 06-03-2022)
Non metterai alla prova il Signore Dio tuo
...
(continua)
don Nicola Salsa     (Omelia del 06-03-2022)
Gesù tentato dal diavolo (Lc 4,1-13)
...
(continua)
Paolo De Martino     (Omelia del 06-03-2022)
Che Messia essere?
Con Gesù ci inoltriamo nel deserto per quaranta giorni per verificare dove stiamo andando e riprogrammare il cammino dietro a Lui. Entriamo anche noi nel deserto per metterci in ascolto della Sua Parola, di noi stessi, per (ri)scoprire il silenzio e per dare una gerarchia ai nostri mille impegni. Facciamo un po' di vuoto e di silenzio intorno a noi per rit ...
(continua)
padre Fernando Armellini     (Omelia del 06-03-2022)
Videocommento su Lc 4,1-13
...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 10-03-2019)
Commento su Lc 4,1-13
"In quel tempo, Gesù, pieno di Spirito Santo, si allontanò dal Giordano ed era guidato dallo Spirito nel deserto, per quaranta giorni, tentato dal diavolo. Non mangiò nulla in quei giorni, ma quando furono terminati, ebbe fame. Allora il diavolo gli disse: «Se tu sei Figlio di Dio, di' a questa pietra che diventi pane». Gesù gli rispose: «Sta scritto: "Non d ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 10-03-2019)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura delle Clarisse di Via Vitellia «Allora gridammo al Signore... e il Signore ascoltò la nostra voce» (Deut 26,7-8 prima lettura). «Mi invocherà e io gli darò risposta» (Salmo responsoriale 90,15). «Chiunque invocherà il nome del Signore sarà salvato» (Rm 10,13 seconda lettura). All'inizio del cammino quaresimale, ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 10-03-2019)

La Quaresima è un tempo di preparazione che, come dice il nome, dura 40 giorni e non è solo un periodo che viene "prima" della Pasqua, ma è un periodo che ci "prepara" alla grandissima festa della Pasqua. I paramenti che il sacerdote usa in questo tempo sono di colore viola, come lo sono stati anche in Avvento, momento di preparazione alla venuta di Gesù, e ...
(continua)
Sulla strada - TV2000     (Omelia del 10-03-2019)
Commento su Luca 4,1-13
...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 10-03-2019)
Audio commento alla liturgia - Lc 4,1-13
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 10-03-2019)
Migliorarsi sfidando il meglio del peggio
Il segreto è rimasto sempre il medesimo: "Vuoi migliorarti? Confrontati con i migliori". Misurarsi con il migliore in circolazione, per cavare fuori il meglio da sé. Col meglio del meglio. Senza aver paura, in caso di necessità, d'affrontare il meglio del peggio: a guardare in faccia la lordura, la bellezza brillerà doppio. Il che, badate bene, è roba da tit ...
(continua)
don Maurizio Prandi     (Omelia del 10-03-2019)
Dove mi porti?
Inizia il tempo di Quaresima e anche Gesù è all'inizio! All'inizio della sua vita pubblica è segnato da quella che per lui dovrebbe essere una certezza: l'essere figlio di Dio, quel figlio in cui il Padre ha posto il suo compiacimento. Prima dell'ingresso nel deserto c'è il Battesimo al Giordano con la voce che dal cielo afferma: sei mio figlio; poi la genea ...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 10-03-2019)

In questa prima domenica di Quaresima, in preparazione alla Pasqua, ci viene presentato il Vangelo delle tentazioni di Gesù nel deserto. Il deserto nella Bibbia rappresenta luogo e tempo di prova, di rafforzamento, ma anche di innamoramento. Tutti quanti abbiamo bisogno di passare per delle prove per testare chi siamo noi, chi sono gli altri per noi, e chi ...
(continua)
Luca Rubin     (Omelia del 10-03-2019)
Gesù pieno di Spirito Santo, guidato nel deserto
Gesù, pieno di Spirito Santo L'affermazione iniziale è la nota distintiva di questa pagina di vangelo, una nota quasi dimessa, che non si fa notare, ma che esprime tutta la sua forza, e diventerà determinante, come vedremo. La pienezza: è un ?esperienza che raramente viviamo, oserei dire mai, perché non siamo mai sazi, mai appagati, cerchiamo sempre qualcos ...
(continua)
don Fabio Rosini     (Omelia del 10-03-2019)
Audio commento al Vangelo del 10 marzo
...
(continua)
don Domenico Bruno     (Omelia del 10-03-2019)
La bussola di Dio
Non è tutto oro ciò che luccica: lo sa bene chi vive nel deserto che non deve farsi prendere in giro dai miraggi, perché sono immaginazioni prodotte dal forte bisogno di fame, di sete, e dal grande disagio provocato dal forte calore. La mente vede come bene ciò che non lo è. Quando siamo nel bisogno, nella prova, rischiamo di fare scelte sbagliate pur ave ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 10-03-2019)
Commento su Luca 4,1-13
È cominciata la Quaresima, cammino di conversione, per rimettere a fuoco la fede, facendo anche noi "la faccia brutta", nel nostro viaggio verso la Pasqua; così descrive Matteo l'espressione sul volto di Gesù, al momento della decisione di salire a Gerusalemme, dove sarebbe morto in croce: un misto di forza temprata dal dolore, ma soprattutto decisione, cons ...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 10-03-2019)
Nel Deserto, Alleluia!
Clicca qui per la vignetta della settimana. Le Chiese sono sempre più deserte, come sempre più deserti sono gli incontri di formazione per adulti in parrocchia, gli incontri di preghiera. La fascia più desertificata in parrocchia è quella giovanile per poi avere una timida ripresa di qualche "oasi" di presenza giovanile intorno agli eventi delle nozze in ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 10-03-2019)
Video commento a Lc 4,1-13
...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 10-03-2019)
Video commento Lc 4,1-13
...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 10-03-2019)
Ecco ora il tempo della fatica
Se siamo qui, come ogni domenica, ad ascoltare la Parola che salva, può anche darsi che lo facciamo per abitudine o per tradizione, ma comunque abbiamo deciso di ritagliarci un po' di tempo da dedicare a Dio, come questo tempo di Quaresima ci invita a fare in maniera più pressante rispetto agli altri periodi dell'anno. E di ritagliarci del tempo per Dio, nel ...
(continua)
don Alessandro Farano     (Omelia del 10-03-2019)
Lectio Divina - I Domenica di Quaresima - Anno C
...
(continua)
don Mario Simula     (Omelia del 10-03-2019)
Gesù, simile in tutto a me. Anche nella tentazione
Gesù è dentro i nostri deserti compromettenti: la sete di soddisfazione, la bramosia del potere, la sottile volontà di mettere alla prova Dio col desiderio di prendere il suo posto. Il Tentatore cerca di scalfire anche la fedeltà adamantina di Cristo Signore, Gesù di Nazareth. Il deserto è il luogo ideale per scatenare la tentazione. In quell'arsura ci si ...
(continua)
don Lucio D'Abbraccio     (Omelia del 10-03-2019)
Resta con noi, Signore, nell' ora della prova
Inizia la Quaresima, tempo forte dell'anno liturgico, tempo di grazia per noi cristiani, tempo favorevole che ci richiama alla conversione, alla riconciliazione, ad un ritorno a Dio. La Quaresima ci fa riscoprire la nostra situazione di infedeltà o di non piena aderenza al vangelo e perciò ci richiama a riflettere sulle scelte che spesso facciamo. A volte - ...
(continua)
don Gaetano Luca (Amore)     (Omelia del 10-03-2019)
Lo portò in alto Sul top del Campanile della Chiesa Matrice
...
(continua)
mons. Erio Castellucci diocesi di Modena-Nonantola     (Omelia del 10-03-2019)
Non metterai alla prova il Signore Dio tuo
...
(continua)
don Roberto Fiscer     (Omelia del 10-03-2019)
#StradeDorate - Commento su Luca 4,1-13
...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 10-03-2019)
Dal deserto al giardino, cammino verso la vita
Dal deserto al giardino: dal deserto di pietre e tentazioni al giardino del sepolcro vuoto, fresco e risplendente nell'alba, mentre fuori è primavera: è questo il percorso della Quaresima. Non penitenziale, quindi, ma vitale. Dalle ceneri sul capo, alla luce che «fa risplendere la vita» (2Tm 1,10). Deserto e giardino sono immagini bibliche che accompagnano l ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 10-03-2019)
Video commento su Lc 4,1-13
...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 10-03-2019)
Nel deserto
Nel deserto Non è semplice, e anche fuorviate, leggere questa pagina come un "racconto", un "episodio" della vita di Gesù; Luca usa il linguaggio dei simboli per esprimere realtà che difficilmente potrebbero essere descritte con un linguaggio semplice; i luoghi, i tempi, le parole sono utilizzati come strumenti per dire "altro" rispetto a ciò che percepiamo ...
(continua)
diac. Vito Calella     (Omelia del 10-03-2019)
Figlio di Dio o figlio dell'Io?
Nel giorno del battesimo al Giordano lo Spirito Santo scese su Gesù e la voce dal cielo lo proclamò «figlio di Dio, il prediletto» (Lc 3, 21-22). La genealogia da Gesù ad Adamo, si conclude dicendo «Adamo, figlio di Dio» (Lc 3,28). Come Gesù, in Adamo anche ciascuno di noi si può identificare degno di essere figlio dell'Altissimo, figlio di Abbà, il Padre. ...
(continua)
don Michele Cerutti     (Omelia del 10-03-2019)

Inizia un cammino quaresimale e ci viene in aiuto la Parola di Dio con il brano che la liturgia ci propone in questa domenica. Gesù ha appena ricevuto il Battesimo nel fiume Giordano e lo Spirito lo conduce già nel deserto. Un tempo di quaranta giorni, c'è il richiamo all'esperienza del popolo di Israele peregrinante deserto nei suoi quattro lustri in camm ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 10-03-2019)
?Una spirituale escursione nel deserto insieme a Gesù
Mercoledì scorso, con il rito delle ceneri abbiamo iniziato il cammino quaresimale che ci porta alla celebrazione annuale della Pasqua, che quest'anno ricorre il 21 aprile. Questo cammino verso la Pasqua è anticipata dal racconto che il Libro del Deuteronomio fa dell'esperienza esodale di Israele, in cui Mosè fa memoria delle sue origini "Mio padre era un A ...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 10-03-2019)
E' cominciata la quaresima
Lo scorso mercoledì, con il rito delle Ceneri, è cominciata la quaresima, il tempo di preparazione alla Pasqua. Oggi, prima domenica, come ogni anno il vangelo è quello relativo al misterioso episodio delle tentazioni cui anche Gesù fu sottoposto. Lo riferiscono tre degli evangelisti: Marco si limita a dire che Gesù fu tentato; Matteo specifica come, elencan ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 10-03-2019)
Cambiare mentalità
Prima domenica di Quaresima. Invito alla conversione! Gesù è stato condotto al deserto per trionfare sul nemico ed uscirne vincitore. Lui ha stravinto ma noi per uscirne vincitori cosa dobbiamo fare? Anzitutto cambiare mentalità. Dobbiamo abbandonare ciò che è contrario alla volontà di Dio. E questo lo dobbiamo fare noi, Dio non cambia la nostra mente. San P ...
(continua)
Diocesi di Vicenza     (Omelia del 10-03-2019)
La Parola - Commento al Vangelo di Luca (Lc 4,1-13)
...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 10-03-2019)
Raminghi ed erranti, ma guidati
"Mio padre era un Arameo errante". Con questa espressione Mosè introduce una professione di fede che consegna al popolo d'Israele e che è evocativa di un passato lontano per cui adesso il popolo deve rendere grazie al Signore. Arameo errante era infatti Abramo, trovandosi ad uscire dalla propria terra per diventare nomade, peregrino, con la sola fiducia che ...
(continua)
don Claudio Luigi Fasulo     (Omelia del 10-03-2019)
Audio commento a Lc 4,1-13
...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 10-03-2019)
Commento su Dt 26,4-10; Sal 90; Rm 10,8-13; Lc 4,1-13
Le letture odierne, che la Sacra liturgia offre, mettono in evidenza tre elementi tipici, per vivere con profitto, la penitenza quaresimale: azione di grazie, professione di fede, purificazione mediante la Parola. Il brano evangelico di Luca, già al quarto capitolo, ci presenta lo scontro tra i due protagonisti del dramma, che raggiungerà il suo culmine il ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 14-02-2016)
Audio commento alla liturgia - Lc 4,1-13
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 14-02-2016)
Un grosso gradasso grasso. Eppur sensuale
Quell'essere, oltreché lurido e immondo, è alquanto tracagnotto. Il corpo di Giuda appeso al fico, al confronto, appare il simulacro di una bellezza antica e dissolta. Quello di Giuda fu un peccato d'ingordigia, una sorta di gelosia mai digerita. Eppur, in cuor suo, per l'Amico serbò sempre un che d'affetto: «Fa' che questa strada non finisca mai» gli mette ...
(continua)
don Maurizio Prandi     (Omelia del 14-02-2016)
Vivere la realtà
E' sempre bello ed importante il tempo della quaresima, ma quest'anno, assume una importanza particolare se teniamo di conto del Giubileo straordinario della misericordia. Ma, come ho appena detto, si tratta di qualcosa di straordinario e quindi teniamo presente quello che è il cammino di sempre e che ci riguarda come uomini e donne che desiderano crescere n ...
(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 14-02-2016)
Commento su Lc 4,1-13
Collocazione del brano Il brano di oggi viene chiamato Tentazioni di Gesù nel deserto. Il termine greco peirasmos significa mettere alla prova, fare un test per verificare la fedeltà e il valore di qualcuno. Anche i grandi protagonisti della storia sacra (Abramo, Mosè, Giobbe, il popolo di Israele nell'Esodo) sono stati messi alla prova. Gesù viene tentato ...
(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 14-02-2016)
Commento su Rm 10,8-13
Collocazione del brano Cominciamo il nostro cammino di Quaresima con un brano della lettera di san Paolo ai Romani. Questa lettera è in pratica un piccolo trattato teologico che Paolo aveva mandato alla comunità di Roma per presentare se stesso, in vista di un suo viaggio nella città eterna. Roma, con la sua comunità già abbastanza organizzata, sarebbe sta ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 14-02-2016)
Commento su Lc 4,1-13
Osa! Cerca il deserto, la solitudine. Innanzitutto rinuncia alla coscienza comune poi, si vedrà. In questa frase di Léon Chestov, filosofo russo di religione ebraica, sta, mi sembra, la sintesi dell'avventura umana di Gesù nel deserto, la pagina di Luca che meditiamo in questa prima domenica di quaresima. Si tratta di un'avventura che ognuno di noi può ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 14-02-2016)
Commento su Lc 4, 1-13
«Gesù, pieno di Spirito Santo, si allontanò dal Giordano ed era guidato dallo Spirito nel deserto, per quaranta giorni, tentato dal diavolo. Non mangiò nulla in quei giorni, ma quando furono terminati, ebbe fame. Allora il diavolo gli disse: "Se tu sei il Figlio di Dio, di' a questa pietra che diventi pane". Gesù gli rispose: "Sta scritto: «Non di solo pane ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 14-02-2016)
Resta con noi, Signore, nell'ora della prova
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
don Luca Garbinetto     (Omelia del 14-02-2016)
Tentati dalla parola
La Parola è una grande protagonista della battaglia che si scatena nel deserto. Da una parte Gesù, Figlio di Dio fatto uomo, sospinto dallo Spirito che lo riempie oltre modo come aveva riempito di grazia traboccante la Madre. Dall'altra il maligno, subdolo compagno di 40 giorni di solitudine e privazione, che della debolezza condivisa dal Figlio ne fa occasi ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 14-02-2016)
Anche oggi
Per quaranta giorni Il numero di quaranta ci pone immediatamente sul piano simbolico del racconto. Questo non toglie nulla alla storicità dell'evento che è diversamente raccontato da tutti i sinottici, ma è proprio il modo con cui lo si racconta che evidenzia un aspetto simbolico rispetto all'altro. Quaranta è misura del tempo che non indica una quantità ...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 14-02-2016)
Commento su Luca 4,1-13
E' iniziato il tempo di Quaresima, tempo di grazia, di conversione, di purificazione della nostra fede dai tanti idoli e dalle false sicurezze che ci rendono schiavi per vivere da risorti. Nelle letture di questa prima domenica risuona proprio il tema della fede: nel Vangelo di oggi vediamo la vittoria di Gesù sul diavolo. Il brano è quello delle tentazion ...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 14-02-2016)
Il maestro di paure
Clicca qui per la vignetta della settimana. Poco dopo aver letto il brano di Vangelo di questa prima domenica di Quaresima che ci racconta dei 40 giorni di Gesù nel deserto, apro il giornale on line e leggo il titolo in testa a tutti gli altri: "Primo ministro francese: Ci saranno altri grandi attentati dell'Isis in Europa!". Più o meno tutti gli altri gi ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 14-02-2016)
Video commento a Lc 4,1-13
...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 14-02-2016)
Video commento a Lc 4,1-13
...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 14-02-2016)
Prostriamoci davanti al Signore, inginocchiamoci davanti ai poveri
"La Quaresima di questo Anno Giubilare sia vissuta più intensamente come momento forte per celebrare e sperimentare la misericordia di Dio". Il Signore è clemente, misericordioso e grande nell'amore. "Benedici il Signore anima mia, non dimenticare nessuno dei suoi benefici. Egli perdona tutte le tue colpe, guarisce tutte le tue malattie..." Lasciamoci abbrac ...
(continua)
mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 14-02-2016)
Seguiamo Gesù nel deserto
La Chiesa, come ogni anno, alza il sipario sul ?prezioso tempo della Quaresima', con il racconto di una delle più sconcertanti, ma nello stesso tempo più umane, vicende vissute da Gesù. "In quel tempo, Gesù, pieno di Spirito Santo, si allontanò dal Giordano ed era guidato dallo Spirito nel deserto, per quaranta giorni, tentato dal diavolo." (Lc 4, 1-13) Su ...
(continua)
don Michele Cerutti     (Omelia del 14-02-2016)
Commento su Luca 4,1-13
Il tempo che si apre oggi davanti a noi è il Tempo di Quaresima: 40 giorni in cui siamo chiamati a intensificare il nostro cammino verso la Pasqua che è mistero centrale della nostra fede, mistero di morte e risurrezione. In questo periodo di preparazione siamo invitati a riscoprire il nostro Battesimo. Con il Battesimo siamo più intimamente uniti a Gesù e ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 14-02-2016)
Amore e servizio, e satana è battuto.
Come sarebbe bello, se le tentazioni di Gesù - e le nostre! - durassero l'arco di una domenica di Quaresima, o al massimo i quaranta giorni nei quali, stando ai Vangeli, Gesù fu inviato dallo Spirito nel deserto! Invece, poiché nella Bibbia i numeri hanno sempre una valenza più simbolica che aritmetica, quei "quaranta giorni" dicono ben altro. A partire dall ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 14-02-2016)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di don Marco Simeone "Mettiamoci in viaggio" Siamo alla prima fermata del treno della Quaresima, sì perché come un treno porta i viaggiatori verso la meta desiderata, passando per paesaggi diversi, a volte belli e altre inquietanti, così ci viene offerta la possibilità di metterci in cammino verso la Pasqua di Gesù ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 14-02-2016)

In questa prima domenica di Quaresima accompagniamo Gesù nel deserto dove si è ritirato per riflettere, pregare, stare in solitudine e prepararsi alla vita da Rabbi che lo attende. L'evangelista Luca, nella pagina che abbiamo ascoltato, ci racconta che rimane lì, nel deserto, Gesù se ne sta proprio da solo, per quaranta giorni e lì viene tentato dal diavolo. ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 14-02-2016)
Le tentazioni? Non si evitano, sono da «attraversare»
Le tentazioni di Gesù sono le forze, le lusinghe che mettono ogni uomo davanti alle scelte di fondo della vita. Ognuno tentato di ridurre i suoi sogni a pane, a denaro, di trasformare tutto, anche la terra e la bellezza, in cose da consumare. Ognuno tentatore di Dio: fammi, dammi, risolvi i miei problemi, manda angeli. Buttarsi nel vuoto e aspettare un vol ...
(continua)
Michele Antonio Corona     (Omelia del 14-02-2016)
Commento su Luca 4,1-13
In questo anno particolare, per la velocità con cui si passa dal natale alla quaresima, ci sentiamo immessi in un tempo forte quasi senza aver avuto occasione per preparaci adeguatamente. Ma questa è la nostra tentazione: sentirci sempre impreparati a vivere profondamente il tempo che ci viene offerto e rimandare ad un imprecisato domani. La quaresima inizi ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 14-02-2016)

Le tentazioni di Gesù. Non solo sue; anche dei santi. Persino di santa Teresina, che le vinceva con la ricerca di Dio solo e l'abbandono innocente. Le tentazioni sono una costante della vita; affidiamoci alla misericordia del Signore. Non solo nel deserto si è tentati. Gesù è sempre guidato dallo Spirito ma si lascia condurre anche da Satana. Non bastano ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 14-02-2016)
Commento su Luca 4,1-13
È cominciata la Quaresima, un mese esatto dalla solennità del Battesimo di Gesù, che ha concluso il Tempo di Natale. Il 27 marzo sarà Pasqua: poco più di quaranta giorni per "centrare il bersaglio della conversione". Non possiamo parlare di misericordia, senza parlare anche di conversione; non possiamo vivere l'Anno santo della Misericordia, senza vivere mo ...
(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 14-02-2016)
Video Commento a Lc 4, 1­ - 13
...
(continua)
don Roberto Fiscer     (Omelia del 14-02-2016)
#StradeDorate - Commento su Luca 4,1-13
...
(continua)
don Lello Ponticelli     (Omelia del 14-02-2016)
Prediche senza Pulpito - Commento al Vangelo
...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 14-02-2016)
Video commento su Lc 4,1-13
...
(continua)
don Gianfranco Calabrese     (Omelia del 14-02-2016)
Video commento su Luca 4,1-13
...
(continua)
Carla Sprinzeles     (Omelia del 14-02-2016)
Commento su Dt 26,4-10; Lc 4,1-13
Amici, siamo giunti alla quaresima, cerchiamo di coglierne un senso. Chiediamoci: chi siamo? Qual è la nostra fonte? Viviamo in contatto con la nostra origine fontale? Ci fidiamo dell'Amore come il piccolo appena nato, si abbandona senza riserve fra le braccia di chi lo ama? Solo allora si scopre la gioia di essere figli di un Padre amoroso! Per ques ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 14-02-2016)
Il pellegrinaggio quaresimale e giubilare
La prima domenica di Quaresima di questo anno giubilare straordinario della misericordia assume un significa speciale, per un duplice motivo: inizia il cammino verso la pasqua 2016 e si potenzia il nostro pellegrinaggio giubilare in questo anno della misericordia, di cui la Quaresima rappresenta il momento più intenso e forte. E' lo stesso Papa Francesco che ...
(continua)
Diocesi di Vicenza     (Omelia del 14-02-2016)
La Parola - commento a Lc 4, 1-13
Commento a cura di don Stefano Caichiolo, parroco dell'Unità pastorale di Marchesane - Nove. Registrato nella chiesa arcipretale dei Santi Pietro e Paolo di Nove, Vicenza. ...
(continua)
padre Giuseppe De Nardi     (Omelia del 14-02-2016)
Sulla Tua Parola - Lc 4,1-13
...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 14-02-2016)
Tre tentazioni per riassumerle tutte
Prima domenica di quaresima: come ogni anno, il vangelo è quello relativo al misterioso episodio delle tentazioni cui anche Gesù fu sottoposto. Lo riferiscono tre degli evangelisti: Marco si limita a dire che Gesù fu tentato; Matteo specifica come, elencando le tentazioni che dovette affrontare, mentre Luca, che si legge quest'anno all'inizio del capitolo qu ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 14-02-2016)
Di fronte alla prova e alla tentazione
Di Sant'Antonio Abate, precursore del monachesimo cristiano in Oriente, San Atanasio scrive che visse nel deserto dove menava vita solitaria, ma proprio fra le asperità del luogo e nella lontananza dal contatto con la gente, subiva le provocazioni e le vessazioni del demonio. I santi anacoreti come lui ci confermano che proprio la vita eremitica e ascetica è ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 17-02-2013)
Commento su Lc 4,1-13
Deponiamo le maschere: quelle di Carnevale e quelle che la vita ci ha cucito addosso, quelle che gli altri ci hanno messo, quelle dietro cui ci rifugiamo per paura delle scelte. Davanti a Dio, almeno davanti a lui, possiamo restare nudi senza provare vergogna. Gesù è spinto dallo Spirito Santo: i suoi anni di quotidianità, la quiete assordante di Nazareth s ...
(continua)