LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 26 Settembre 2021 <

Venerdì 24 Settembre 2021

Sabato 25 Settembre 2021

Domenica 26 Settembre 2021

Lunedì 27 Settembre 2021

Martedì 28 Settembre 2021

Mercoledì 29 Settembre 2021

Giovedì 30 Settembre 2021

Venerdì 1 Ottobre 2021

Sabato 2 Ottobre 2021

Domenica 3 Ottobre 2021

Newsletter
Per ricevere la Liturgia del giorno inserisci la tua mail:


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:



  XXVI DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO B)

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: DOMENICA
Colore liturgico: Verde
BO260 ;

L’itinerario di Gesù verso Gerusalemme è un susseguirsi di insegnamenti e raccomandazioni; una specie di manuale catechetico, che serve da continuo confronto per la fede, ancora solo incipiente, dei discepoli.
L’interrogativo posto da uno di loro: “Abbiamo visto uno che scacciava i demoni... ma non era dei nostri” descrive bene il rigido schematismo dentro cui, loro come noi, vorremmo imprigionare la libertà dello Spirito, che soffia sempre dove e come vuole.
Non siamo noi cristiani i padroni della salvezza, donataci da Cristo. Sia pure avendo responsabilità e modalità diverse in seno alla Chiesa, noi cristiani abbiamo solo il compito di far incontrare, tra di noi e agli altri, con la nostra testimonianza, la nostra parola e le nostre opere, la persona di Cristo.
La consapevolezza della gratuità del dono di Cristo ci obbliga a valorizzare tutto ciò che, nel mondo, fa presagire e manifesta la sua presenza redentrice, perché Cristo, unico ad avere una risposta esauriente all’inquietudine presente nel cuore dell’uomo, può inviare lo Spirito Santo a illuminare il cuore di ogni persona.
Il nostro desiderio più profondo dovrebbe essere quello di Mosè, quando ha esclamato: “Fossero tutti profeti nel popolo di Dio e volesse il Signore dare loro il suo spirito!”.

Scarica il foglietto della Messa >
Scarica le Letture del Lezionario >
Scarica il Salmo Responsoriale Cantato >
Ricevi la Liturgia via mail >
Condividi questa Liturgia su > Facebook
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Signore, quanto hai fatto ricadere su di noi,
l'hai fatto con retto giudizio, poiché noi abbiamo peccato,
non abbiamo obbedito ai tuoi comandamenti.
Ma ora, salvaci con i tuoi prodigi; da' gloria al tuo nome,
Signore, fa' con noi secondo la tua clemenza,
secondo la tua grande misericordia. (Dn 3,31.29.43.42)


Colletta
O Dio, che riveli la tua onnipotenza
soprattutto con la misericordia e il perdono,
continua a effondere su di noi la tua grazia,
perché, affrettandoci verso i beni da te promessi,
diventiamo partecipi della felicità eterna.
Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio,
e vive e regna con te, nell'unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli.

Oppure (Anno B):
O Dio,
che in ogni tempo
hai parlato al tuo popolo per bocca dei profeti,
effondi il tuo Spirito,
perché ogni uomo sia ricco del tuo dono,
e a tutti i popoli della terra
siano annunciate le meraviglie del tuo amore.
Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio,
e vive e regna con te, nell'unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli.

>

Prima lettura

Num 11,25-29
Sei tu geloso per me? Fossero tutti profeti nel popolo!

Dal libro dei Numeri

In quei giorni, il Signore scese nella nube e parlò a Mosè: tolse parte dello spirito che era su di lui e lo pose sopra i settanta uomini anziani; quando lo spirito si fu posato su di loro, quelli profetizzarono, ma non lo fecero più in seguito.
Ma erano rimasti due uomini nell’accampamento, uno chiamato Eldad e l’altro Medad. E lo spirito si posò su di loro; erano fra gli iscritti, ma non erano usciti per andare alla tenda. Si misero a profetizzare nell’accampamento.
Un giovane corse ad annunciarlo a Mosè e disse: «Eldad e Medad profetizzano nell’accampamento». Giosuè, figlio di Nun, servitore di Mosè fin dalla sua adolescenza, prese la parola e disse: «Mosè, mio signore, impediscili!». Ma Mosè gli disse: «Sei tu geloso per me? Fossero tutti profeti nel popolo del Signore e volesse il Signore porre su di loro il suo spirito!».

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 18

I precetti del Signore fanno gioire il cuore.

La legge del Signore è perfetta,
rinfranca l’anima;
la testimonianza del Signore è stabile,
rende saggio il semplice.

Il timore del Signore è puro,
rimane per sempre;
i giudizi del Signore sono fedeli,
sono tutti giusti.

Anche il tuo servo ne è illuminato,
per chi li osserva è grande il profitto.
Le inavvertenze, chi le discerne?
Assolvimi dai peccati nascosti.

Anche dall’orgoglio salva il tuo servo
perché su di me non abbia potere;
allora sarò irreprensibile,
sarò puro da grave peccato.

>

Seconda lettura

Giac 5,1-6
La vostre ricchezze sono marce.

Dalla lettera di san Giacomo apostolo

Ora a voi, ricchi: piangete e gridate per le sciagure che cadranno su di voi! Le vostre ricchezze sono marce, i vostri vestiti sono mangiati dalle tarme. Il vostro oro e il vostro argento sono consumati dalla ruggine, la loro ruggine si alzerà ad accusarvi e divorerà le vostre carni come un fuoco. Avete accumulato tesori per gli ultimi giorni!
Ecco, il salario dei lavoratori che hanno mietuto sulle vostre terre, e che voi non avete pagato, grida, e le proteste dei mietitori sono giunte alle orecchie del Signore onnipotente.
Sulla terra avete vissuto in mezzo a piaceri e delizie, e vi siete ingrassati per il giorno della strage.
Avete condannato e ucciso il giusto ed egli non vi ha opposto resistenza.

Parola di Dio

Canto al Vangelo (Gv 17,17)
Alleluia, alleluia.
La tua parola, Signore, è verità;
consacraci nella verità.
Alleluia.

>

Vangelo

Condividi il Vangelo su >   Facebook Ascolta il Vangelo >    

Mc 9,38-43.45.47-48
Chi non è contro di noi è per noi. Se la tua mano ti è motivo di scandalo, tagliala.


+ Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, Giovanni disse a Gesù: «Maestro, abbiamo visto uno che scacciava demòni nel tuo nome e volevamo impedirglielo, perché non ci seguiva». Ma Gesù disse: «Non glielo impedite, perché non c’è nessuno che faccia un miracolo nel mio nome e subito possa parlare male di me: chi non è contro di noi è per noi.
Chiunque infatti vi darà da bere un bicchiere d’acqua nel mio nome perché siete di Cristo, in verità io vi dico, non perderà la sua ricompensa.
Chi scandalizzerà uno solo di questi piccoli che credono in me, è molto meglio per lui che gli venga messa al collo una macina da mulino e sia gettato nel mare. Se la tua mano ti è motivo di scandalo, tagliala: è meglio per te entrare nella vita con una mano sola, anziché con le due mani andare nella Geènna, nel fuoco inestinguibile. E se il tuo piede ti è motivo di scandalo, taglialo: è meglio per te entrare nella vita con un piede solo, anziché con i due piedi essere gettato nella Geènna. E se il tuo occhio ti è motivo di scandalo, gettalo via: è meglio per te entrare nel regno di Dio con un occhio solo, anziché con due occhi essere gettato nella Geènna, dove il loro verme non muore e il fuoco non si estingue».

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
Fratelli e sorelle, siamo diversi gli uni dagli altri e ciascuno ha carismi e doni da condividere. Lo Spirito Santo ci spinge a condividere e ad amalgamare le nostre differenze in uno stile di fraternità. Preghiamo il Padre perché ci doni benignità e mitezza verso tutti.
Preghiamo insieme e diciamo: Ascoltaci, o Signore!

1. Per coloro che hanno responsabilità nella Chiesa, perché aiutino a non avere mai atteggiamenti intolleranti, a non innalzare steccati, a non cercare divisioni, preghiamo.
2. Per i cristiani di tutte le confessioni, perché il Padre aiuti a ricercare l'unità, a valorizzare ciò che unisce e non ciò che divide, e a perseverare nel dialogo ecumenico con reciproco rispetto, preghiamo.
3. Per i bambini innocenti, per tutti gli emarginati e per tutte le vittime di abusi e di violenze, perché la loro grande sofferenza sia consolata dalla vicinanza del Signore, preghiamo.
4. Per la nostra comunità cristiana, perché offra un'immagine vera di Gesù, mite e accogliente, intorno a cui possano radunarsi i piccoli nella fede, preghiamo.

Signore Gesù, aiutaci a distaccare il nostro cuore dai beni che passano. Tu che sei sempre accanto a noi, rendi il nostro cuore umile e accogliente come il tuo. Tu che vivi e regni nei secoli dei secoli.

Preghiera sulle offerte
Accogli, Padre misericordioso, i nostri doni,
e da questa offerta
fa' scaturire per noi la sorgente di ogni benedizione.
Per Cristo nostro Signore.


Antifona alla comunione
Ricordati, o Signore, della parola detta al tuo servo,
con la quale mi hai dato speranza.
Questa mi consola nella mia miseria. (Cf. Sal 118,49-50)

Oppure:
In questo abbiamo conosciuto l'amore:
egli ha dato la sua vita per noi;
anche noi dobbiamo dare la vita per i fratelli. (1Gv 3,16)

Oppure (Anno B):
È meglio per te entrare nel regno di Dio con un occhio solo
che essere gettato con due occhi nella Geenna. (Mc 9,47)


Preghiera dopo la comunione
Questo sacramento di vita eterna
ci rinnovi, o Padre, nell'anima e nel corpo,
perché, annunciando la morte del tuo Figlio,
partecipiamo alla sua passione
per diventare eredi con lui nella gloria.
Egli vive e regna nei secoli dei secoli.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

Paolo De Martino     (Omelia del 26-09-2021)
Il vangelo? Un bicchiere d'acqua.
Domenica scorsa i discepoli sono usciti un po' malconci con la loro smania da protagonisti. Questa Domenica le cose non vanno poi molto meglio. Gesù sta andando verso Gerusalemme e camminando istruisce i discepoli. Alcuni studiosi definiscono questo brano un "piccolo catechismo della comunità". Ad un tratto qualcuno guarisce e scaccia i demoni nel nome di ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 26-09-2021)
Commento su Marco 9,38-43.45.47-48
Nelle letture che la liturgia propone alla nostra riflessione, si riscontra un parallelismo tra quanto raccontato all'interno della Prima lettura e il Vangelo. Gesù ha donato ai suoi Apostoli il potere di liberare il cuore dell'uomo dai demoni, che non permettono di ascoltare e accogliere la Sua parola. L'uomo denunciato dall'apostolo Giovanni agiva anch'ess ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 26-09-2021)
Cieli aperti e cieli chiusi
Lo Spirito Santo c'era già nell ?Antico testamento? Sì c'era, ma la prima lettura ci mostra il regime dei cieli chiusi che vigeva nell'Antico testamento e cioè che lo Spirito era effuso su determinate persone per compiere particolari missioni, ma poi veniva ritirato e non era effuso su tutti. Invece il regime dei cieli aperti si caratterizza proprio dal fatt ...
(continua)
don Claudio Luigi Fasulo     (Omelia del 26-09-2021)
Il coraggio di tagliare per rinascere nella vita
...
(continua)
don Gianfranco Calabrese     (Omelia del 26-09-2021)
Video commento su Marco 9,38-43.45.47-48
...
(continua)
don Nicola Salsa     (Omelia del 26-09-2021)
Un gesto d'amore che fa la differenza (Lc 9,38-48)
...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 26-09-2021)
Commento su Marco 9,38-43.45.47-48
Ogni promessa è debito! Domenica scorsa vi ho annunciato che avrei ripreso la riflessione puntando il nostro spotlight virtuale sulla generosità, quale carattere distintivo di ogni servizio cristiano, e così faccio. La generosità secondo il Vangelo non si esprime solo nel donare con gioia, senza condizioni, né distinzioni di persona, ma anche nel riconosce ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 26-09-2021)
Commento su Mc 9,38-43.45.47-48
Allargare gli orizzonti. Forse questo slogan riassume il messaggio che il vangelo della XXVI domenica dell'anno B ci vuole comunicare. Tutto nasce da una domanda di Giovanni: "Maestro, abbiamo visto uno che scacciava i demoni del tuo nome e volevamo impedirglielo, perché non ci seguiva..." Non era uno di noi, non era uno del nostro gruppo, non faceva parte ...
(continua)
padre Fernando Armellini     (Omelia del 26-09-2021)
Videocommento su Mc 9,38-43.45.47-48
...
(continua)
don Lucio D'Abbraccio     (Omelia del 30-09-2018)
Chi non è contro di noi è per noi
L'Autore del libro dei Numeri narra un episodio collegato alla costituzione dei settanta destinati ad aiutare Mosè nella guida del popolo incamminato verso la terra promessa. Lo spirito di Mosè viene donato da Dio ai settanta anziani radunati, dallo stesso Mosè, intorno alla tenda, ma anche su due uomini, Eldad e Medad, che non erano andati alla riunione. «I ...
(continua)
Sulla strada - TV2000     (Omelia del 30-09-2018)
Commento su Marco 9,38-43.45.47-48
...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 30-09-2018)
Audio commento alla liturgia - Mc 9,38-43.45.47-48
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 30-09-2018)
La gelosia dei
Pizzicati, anche stavolta, in fuorigioco. Goal annullato: «Maestro, abbiamo visto uno che scacciava dèmoni nel tuo nome e volevamo impedirglielo, perché non ci seguiva». Fianco a fianco col loro Maestro, stanno diventando persone intelligenti i discepoli: fatica, tanta fatica, ma lentamente imparano a leggere nel trambusto delle cose, nelle pieghe del reale, ...
(continua)
don Domenico Bruno     (Omelia del 30-09-2018)
Da Ikea con Gesù
Ho pensato che Gesù stesse scherzando quando parlava di tagliare mani scandalose e cavare occhi peccaminosi... (cfr Mc 9,38-43.45.47-48), poi mi sono ricordato che nel Vangelo Gesù usa delle metafore per guidarci a una comprensione chiara. Tagliare, cavare e, più in generale, privarsi di una parte del corpo non è intesa da Gesù letteralmente, ma sono verb ...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 30-09-2018)
Piccoli Nella Fede
Clicca qui per la vignetta della settimana. "Perché chiedete il Battesimo per il vostro bambino o bambina?". È la prima domanda che faccio sempre quando mi trovo a preparare il Battesimo con quei genitori che me lo chiedono per il figlio o la figlia. È una domanda che può sembrare banale, ma per me non lo è. La preparazione del Battesimo non è questione ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 30-09-2018)
?Nel nome di Gesù?
"Don, scusa una cosa: come mai quella persona fa quell'attività qui in parrocchia da noi, che non è neppure di qui?"; "Don, come mai c'è gente che fa volontariato in oratorio e non li vedi mai a messa?"; "Don, ma questa attività non era programmata: come mai quelli che l'hanno organizzata non si mettono insieme con noi e non chiedono a noi, prima di fare qua ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 30-09-2018)
Video commento a Mc 9,38-43.45.47-48
...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 30-09-2018)
Video commento a Mc 9,38-43.45.47-48
...
(continua)
don Luigi Maria Epicoco     (Omelia del 30-09-2018)
Tutto in un bicchier d'acqua
...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 30-09-2018)

Dal Vangelo di oggi vogliamo trarre due grandi insegnamenti: se vogliamo davvero testimoniare il risorto e vivere la vita nuova che ci ha donato, è importante non chiudersi e non scandalizzare, ma aprirsi agli altri ed edificarli. Primo punto: non chiudersi, ma aprirsi. I discepoli vedono un altro parlare di Gesù e fare un prodigio nel suo nome; ma questo ...
(continua)
don Mario Simula     (Omelia del 30-09-2018)
Se lo Spirito ti sfugge di mano
Si è proprio nascosta la profezia o siamo talmente convinti di possederla in appalto stabile, da contestare Dio e il suo Spirito se la si trova anche in colui che nemmeno ci aspettiamo? Una parte dello spirito che era in Mose è posta sopra settanta anziani ed essi profetizzano. Ma profetizzano anche i due uomini rimasti nell'accampamento. Giosuè chiede a Mo ...
(continua)
don Fabio Rosini     (Omelia del 30-09-2018)
Audio commento al Vangelo del 30 settembre
...
(continua)
don Giacomo Falco Brini     (Omelia del 30-09-2018)
Non buttarti via
NON BUTTARTI VIA Sembra che sin dai suoi albori la chiesa abbia subito sperimentato la tentazione di fare di se stessa il centro e il riferimento di ogni valutazione/decisione da prendere davanti a questioni teologiche, morali o di natura pastorale. Vediamo nel vangelo di oggi l'apostolo Giovanni rivolgersi al Maestro per una decisione che si vuole assume ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 30-09-2018)
Se tutto il Vangelo sta in un bicchiere d'acqua
Maestro, quell'uomo guariva e liberava, ma non era dei nostri, non era in regola, e noi glielo abbiamo impedito. Come se dicessero: i malati non sono un problema nostro, si arrangino, prima le regole. I miracoli, la salute, la libertà, il dolore dell'uomo possono attendere. Non era, non sono dei nostri. Tutti lo ripetono: gli apostoli di allora, i partiti, ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 30-09-2018)
A rischio di collasso
E' molto meglio per lui "Oggi non si scandalizza più nessuno", almeno così si dice eppure pensando a quanti vivono sullo scandalo non sembrerebbe. Ci sono riviste intere dedicato al "gossip", gli opinionisti, i politici sembrano attendere il prossimo scandalo per tirare l'acqua al proprio mulino, indignarsi e suscitare indignazione sembra essere una attivi ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 30-09-2018)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di padre Alvise Bellinato Forse ci ricordiamo dai tempi del catechismo i Dieci Comandamenti. Essi delineano un percorso di libertà nel servizio di Dio, in due fasi: i primi tre riguardano la relazione con Dio, gli altri sette la relazione col prossimo, partendo dalla famiglia (l'onore dovuto ai genitori), fino al c ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 30-09-2018)

(Chi non è contro di noi è per noi) Un giorno la mamma di Carolina decise di fare un dolce. Non aveva molti ingredienti nella dispensa ma la sua idea era semplice e gustosa: avrebbe preparato il salame al cioccolato. In casa lo amavano tutti; non richiedeva una preparazione troppo lunga o complicata; non avrebbe sporcato molte padelle e nemmeno acceso il fo ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 30-09-2018)
Video commento su Mc 9,38-43.45.47-48
...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 30-09-2018)
Consacrati per evangelizzare
La parola di Dio di questa domenica 26esima è incentrata sul significato e valore della profezia, sia nell'Antico Testamento che nel Nuovo Testamento. La prima lettura di oggi, tratta dal Libro dei Numeri e il Vangelo di Marco ci fanno riflettere, infatti, su questo aspetto dell'essere credenti e cristiani. Nel Battesimo siamo stati consacrati a Cristo Re, ...
(continua)
don Roberto Fiscer     (Omelia del 30-09-2018)
#StradeDorate - Commento su Marco 9,38-43.45.47-48
...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 30-09-2018)
Commento su Marco 9,38-43.45.47-48
Due grandi massime il Signore pronuncia in questa breve pagina di Vangelo, che non passano mai di moda... La prima: "Chi non è contro di noi è per noi.". La seconda: "Chi scandalizzerà uno solo di questi piccoli...". Dunque: "Chi non è contro di noi è con noi.". In una società come la nostra, si parla tanto di globalizzazione, di integrazione; ma poi sia ...
(continua)
Diocesi di Vicenza     (Omelia del 30-09-2018)
La Parola - Commento al Vangelo di Marco (Mc 9,38-43.45.47-48)
...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 30-09-2018)
Lo Spirito del dialogo e dell'apertura
E' risaputo che tante volte, quando vediamo gli altri migliori di noi o più fortunati di noi possiamo essere colti da invidia e dal desiderio di possedere qualità che sono proprie di altri e di cui noi vorremmo disporre. Anche nell'ambito della medesima professione che si svolge possiamo usare gelosia nei confronti di colleghi che, lavorando sullo stesso cam ...
(continua)
Luca Rubin     (Omelia del 30-09-2018)
Non perderà la sua ricompensa
Giovanni disse a Gesù: «Maestro, abbiamo visto uno che scacciava demòni nel tuo nome e volevamo impedirglielo, perché non ci seguiva». C'è una sensazione che può diventare patologia, chiamata agorafobia, letteralmente significa paura della piazza, ed è il disagio che un soggetto prova quando si ritrova in ampi spazi all'aperto. Questa paura tende al ripiega ...
(continua)
don Claudio Luigi Fasulo     (Omelia del 30-09-2018)
Audio commento al Vangelo della Ventiseiesima domenica del Tempo Ordinario (Anno B - Mc 9,38-43.45.47-48)
...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 30-09-2018)
Chi non è contro di noi è per noi
Domenica scorsa Gesù parlava dei bambini, e si diceva a commento che in loro, fragili e poveri di risorse, si potevano vedere anche gli adulti in condizioni economiche, sociali, fisiche e psicologiche di debolezza. Il vangelo di oggi (Marco 9,38-48) torna sull'argomento parlando dei "piccoli", che nel suo linguaggio sono appunto, oltre ai bambini, tutti g ...
(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 30-09-2018)
Video Commento a Mc 9,38-43.47-48
...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 30-09-2018)
Commento su Nm 11,25-29; Sal 18; Giac 5,1-6; Mc 9,38-43.45.47-48
Avevo (ho) un amico, un caro amico, un regista astigiano morto qualche mese fa di SLA, al quale mi viene spontaneo pensare quando leggo la pagina di Vangelo di Marco (e lo splendido racconto di Numeri) su cui la comunità cristiana è chiamata a riflettere in questa 26.a domenica del tempo ordinario. Scriveva Luciano, ormai quasi impossibilitato a parlare, int ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 30-09-2018)
Commento su Marco 9,38-43.45.47-48
Chi è il discepolo? Poco prima di questo episodio, Gesù ne aveva tracciato il profilo: uno che si fa ultimo e servo di tutti, che accoglie i piccoli perché tale si sente fra le braccia di Dio. Ora, in questa pagina, Gesù spiega meglio: il discepolo è colui che vive ogni cosa "nel nome di Gesù". Ciò che conta è la sua persona; lui è l'unico Maestro; noi tutti ...
(continua)
padre Fernando Armellini     (Omelia del 30-09-2018)
Videocommento su Mc 9,38-43.45.47-48
...
(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 27-09-2015)
Commento su Gc 5,1-6
Collocazione del brano Terminiamo questa domenica la nostra lettura di Giacomo. Il brano di oggi è una dura ammonizione ai ricchi. L'autore li mette in guardia dal confidare troppo nelle proprie ricchezze. Ritornano alcuni temi cari ai profeti e anche ai Sinottici. La ricchezza non può sostituire la fede in Dio, ma soprattutto è spesso frutto di ingiustizi ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 27-09-2015)
Audio commento alla liturgia - Mc 9,38-43.45.47-48
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 27-09-2015)
Una Chiesa "da mettersi le mani nei capelli"
Sanno di buono i Vangeli di queste ultime domeniche. Sono popolati da uomini così buoni, in quanto ad umano, che ti verrebbe quasi da dire: "Ma come siete belli, continuate a raccontarmi storie di voi, delle vostre balle, dei vostri limiti". Funziona così da una vita: quando tu sai di buono, l'altro ha voglia di assaggiarti, ad uno gli viene voglia di curios ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 27-09-2015)
Il giudizio di Dio contro i ricchi disonesti
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 27-09-2015)
Guai a chi dà scandalo!
Dicevamo alcune domeniche fa, che il cuore dell'uomo è la sede delle scelte da compiere e luogo sacro delle responsabilità. Il Vangelo di Marco di oggi inizia con una bella apertura di orizzonte: "In quel tempo, Giovanni rispose a Gesù dicendo: ?Maestro abbiamo visto uno che scacciava i demoni nel tuo nome e volevamo impedirglielo, perché non ci seguiva'. M ...
(continua)
don Marco Pedron     (Omelia del 27-09-2015)
Chi è fedele a sé conoscerà la vera pace
Gesù aveva dato ai suoi discepoli la capacità di liberare dai demoni, cioè di liberare da quelle ideologie che impediscono di accogliere la buona notizia. Ebbene, non solo non ne sono capaci ma tentano, con arroganza, di impedirlo a coloro che lo fanno. 9,38 Giovanni gli disse: «Maestro, abbiamo visto uno che scacciava demòni nel tuo nome e volevamo imped ...
(continua)
don Maurizio Prandi     (Omelia del 27-09-2015)
Qualcosa da tagliare
Il libro dei Numeri, dal quale è tratto il brano che abbiamo ascoltato nella prima lettura, racconta il seguito e la fine dell'esodo dall'Egitto. In particolare qui ci si riferisce alla partenza degli israeliti dal monte Sinai. Il popolo comincia a lamentarsi per i disagi del viaggio e ricorda con nostalgia gli aspetti piacevoli della schiavitù egiziana, in ...
(continua)
don Luca Garbinetto     (Omelia del 27-09-2015)
Per non essere pietra d'inciampo
I discepoli di Gesù sembrano piuttosto preoccupati di non avere concorrenti in campo! Sono stati chiamati a seguire il Maestro, hanno lasciato tutto per rispondere alle esigenze della sequela, sono ormai da tempo i più intimi di questo sorprendente Rabbi, la cui fama si diffonde in tutta la Palestina. Bisogna riconoscere che hanno qualche buon motivo per riv ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 27-09-2015)
Tutti profeti!
In un momento in cui Mosè è chiamato ad un discernimento, su quali persone contare, per accogliere la grazia che lo Spirito di Dio dona alle persone, mentre Giosuè non comprende e vorrebbe fosse impedito a due dell'accampamento che di fatto non era non nel numero dei settanta anziani. Mosè esclama: "Fossero tutti profeti nel popolo del Signore e volesse il S ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 27-09-2015)
Una fede esclusiva crea esclusioni
La seconda lettura di oggi ci offre un assist talmente meraviglioso che è un peccato non "andare in goal", ovvero non farvi una profonda riflessione a partire da quella che noi attenti alla ricaduta, sull'ambito sociale, della Parola di Dio prendiamo come una pietra miliare, ovvero la frase del grande teologo Karl Barth: "In una mano il Vangelo e nell'altra ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 27-09-2015)
Si può essere di Cristo senza appartenere al gruppo dei Dodici
Maestro, c'era uno che scacciava demoni e volevamo impedirglielo, perché non era dei nostri. Un uomo, che liberava altri dal male e li restituiva alla vita, viene bloccato dai seguaci di Gesù. Giovanni si fa portavoce di una mentalità gretta, fatta di barriere e di muri, per la quale non conta la vita piena dell'uomo, il vero progetto di Gesù, ma la difesa ...
(continua)
don Lello Ponticelli     (Omelia del 27-09-2015)
Prediche senza Pulpito - Commento al Vangelo
...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 27-09-2015)
Piccolezza
Non ci seguiva La preoccupazione di Giovanni è anche lecita, quella di mantenere il gruppo dei discepoli unito, ma anche identificato e identificabile. Non c'era un ufficio brevetti in cui registrare un marchio o una idea, non esisteva il copyright, neanche si ipotizzava l'idea di una proprietà intellettuale in modo da difendersi da appropriazioni indebite, ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 27-09-2015)
Video commento su Mc 9,38-43.45.47-48
...
(continua)
don Gianfranco Calabrese     (Omelia del 27-09-2015)
Video commento su Marco 9,38-43.45.47-48
...
(continua)
don Roberto Fiscer     (Omelia del 27-09-2015)
#StradeDorate - Commento su Marco 9,38-43.45.47-48
...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 27-09-2015)
Essere dalla parte di Cristo e vivere il Vangelo concretamente
La bellissima liturgia della parola di Dio di questa XXVI domenica del tempo ordinario, ci impegna a riflettere su alcuni importanti temi del nostro essere religiosi e credenti, che richiedono una nostra disponibilità personale e spirituale a lasciarci interpellare da simile parola. Se il nostro cuore non è disponibile a questo mettersi in discussione, a ver ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 27-09-2015)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di don Marco Simeone Questa domenica proseguiamo il cammino di domenica scorsa: le letture sono forti, specialmente la lettera di S. Giacomo, e bisogna lasciare che ci lavorino dentro, un po' come una medicina che disinfetta e guarisce. Badate bene che non è la durezza che guarisce, in fondo di toni forti ce ne cibi ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 27-09-2015)

Che strano leggere questo Vangelo dopo la prima settimana di scuola! L'attenzione si è posata su quella frase: "Maestro, abbiamo visto uno che scacciava demoni nel tuo nome e volevamo impedirglielo, perché non ci seguiva". Ho subito pensato a quante volte alcuni miei alunni vengono da me a dire "Maestra, vedi quello là, vedi quelli lì..." e tutte le conseg ...
(continua)
don Michele Cerutti     (Omelia del 27-09-2015)
Commento su Marco 9,38-43.45.47-48
Il popolo termina la sua permanenza nel Sinai e fra poco dovrà tornare a camminare per giungere alla terra promessa. Come in tutte le comunità ci sono divisioni e quella degli Israeliti non è da meno. Ci si rivolge a Mosè perché rimproveri alcuni profeti che vanno sorgendo qua e là negli accampamenti. E' lo stesso atteggiamento che i discepoli hanno nei c ...
(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 27-09-2015)
Video commento a Mc 9, 38-43,47-48
...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 27-09-2015)
Video commento a Mc 9,38-43.45.48-48
...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 27-09-2015)
Video commento a Mc 9,38-43.45.48-48
...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 27-09-2015)
I cristiani e le altre religioni
Nel vangelo di oggi (Marco 9,38-48) l'apostolo Giovanni, riflettendo la mentalità corrente, esprime un atteggiamento bocciato già da Mosè (prima lettura, Numeri 11,25-29). Dice: "Maestro, abbiamo visto uno che scacciava demoni nel tuo nome e volevamo impedirglielo, perché non ci seguiva" (cioè non è dei nostri). Simili atteggiamenti si riscontrano numerosi, ...
(continua)
padre Giuseppe De Nardi     (Omelia del 27-09-2015)
Sulla Tua Parola - Mc 9,42
...
(continua)
Diocesi di Vicenza     (Omelia del 27-09-2015)
La Parola - commento a Mc 9,38-43.45.47-48
Commento di don Giovanni Imbonati, parroco di Tezze di Arzignano e Pugnello. ...
(continua)
Carla Sprinzeles     (Omelia del 27-09-2015)
Commento su Nm 11,25-29; Mc 9,38-43.45.47-48
Oggi cerchiamo di chiederci: cosa c'è di importante, di definitivo, nella nostra vita? Gesù diceva: "una sola cosa è necessaria!" Tutto il resto è secondario, funzionale. Gesù parlava di un tesoro, di una perla preziosa che dobbiamo scoprire, una perla preziosa per cui essere disposti a vendere tutto. Per te, che mi ascolti, che cos'è nella tua vita conc ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 27-09-2015)
Commento su Marco 9,38-43.45.47-48
Il Vangelo che abbiamo ascoltato è un vero e proprio "rosario" di detti del Signore, cuciti insieme senza un apparente criterio; tuttavia, come i grani di una corona, questi apoftegmi di Gesù sono accomunati da un'intima coerenza: potremmo identificarla, questa coerenza segreta, con quel disagio - san Marco parla addirittura di scandalo- che il mondo può pro ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 27-09-2015)

Liberare dal demonio è la cosa più importante. Non per gli apostoli, a quanto sembra, vista la loro preoccupazione: "Abbiamo visto uno che... non ci seguiva". Per loro il gruppo viene prima, l'ammalato e la sua felicità dopo. Non per Gesù. Una grande e profonda verità: si può essere di Cristo senza essere della Chiesa, perché il regno di Gesù è più grande de ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 27-09-2015)
La prudenza e il dialogo
Quale atteggiamento assumere nei confronti delle altre religioni o dei movimenti che inviano i loro "missionari" o "apostoli" nelle nostre case a propinarci la loro dottrina? Come comportarci di fronte ai credenti di altre religioni? Per rispondere adeguatamente occorre fare parecchie distinzioni fra gruppo e gruppo religioso, fra movimenti e sette religiose ...
(continua)
don Marco Pratesi     (Omelia del 27-09-2015)
Ruminare i Salmi - Salmo 19,14a (XXVI domenica del tempo ordinario, anno B)
Ruminare i Salmi - Salmo 19 (Vulgata / liturgia 18),14a - (XXVI domenica del tempo ordinario, anno B) CEI Anche dall'orgoglio salva il tuo servo perché su di me non abbia potere. TILC Difendi il tuo servo dall'orgoglio: su di me non abbia presa. Giacomo 5,1-3 Ora a voi, ricchi: piangete e gridate per le sciagure che cadranno su di voi! Le vostre ric ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 27-09-2015)
Commento su Nm 11,25-29; Sal 18; Giac 5,1-6; Mc 9,38-43.45.47-48
Brigitte Pian nel racconto "La Farisea" così descrive: "Ella si dava sempre da fare per trovare qualche ragione che facesse apparire legittimo quel suo piacere (lo zelo che guarda dall'alto e con freddezza e scandalo i peccatori) e lo adattasse nel quadro della sua perfezione morale... Era una logica, lei fedele a una via diritta, costeggiata da principi evi ...
(continua)