LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 1 Agosto 2021 <

Venerdì 30 Luglio 2021

Sabato 31 Luglio 2021

Domenica 1 Agosto 2021

Lunedì 2 Agosto 2021

Martedì 3 Agosto 2021

Mercoledì 4 Agosto 2021

Giovedì 5 Agosto 2021

Venerdì 6 Agosto 2021

Sabato 7 Agosto 2021

Domenica 8 Agosto 2021

Newsletter
Per ricevere la Liturgia del giorno inserisci la tua mail:


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:



  XVIII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO B)

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: DOMENICA
Colore liturgico: Verde
BO180 ;

Il Vangelo secondo san Giovanni ci offre vari discorsi che Gesù ha tenuto nella sinagoga di Cafarnao per spiegare ai credenti il significato della manna ricevuta nel deserto.
Queste spiegazioni devono aiutare i credenti del tempo della Chiesa a vivere in modo giusto. Il Vangelo di oggi riferisce il discorso che parla dell’importanza della fede in Gesù Cristo. Gesù Cristo è l’inviato di Dio, egli porta l’ultima rivelazione ed apre la via che conduce a Dio. Colui che segue Gesù con fede, che entra con Gesù nella comunità mediante il battesimo, che prende Gesù come modello e lo ascolta, troverà attraverso di lui la verità che calma la fame di vita. Perché questa verità è Dio stesso che, attraverso Gesù Cristo, offre a tutti gli uomini la possibilità di condividere la sua vita.
Quello che hanno cercato, presentito, e in parte riconosciuto i pensatori, i profeti e i nostalgici di Dio di tutte le nazioni e di tutti i tempi, raggiunge attraverso Gesù la chiarezza e la verità di Dio. Questa verità è presente e può essere colta nella parola e nell’esempio di Gesù, ma soprattutto nella sua persona. Perché egli è la verità, egli è la via, egli è la vita di Dio in persona! E ci è offerto di vivere con devoto rispetto in modo assolutamente diretto, oggi, nella festa liturgica della sua Chiesa.

Scarica il foglietto della Messa >
Scarica le Letture del Lezionario >
Scarica il Salmo Responsoriale Cantato >
Ricevi la Liturgia via mail >
Condividi questa Liturgia su > Facebook
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
O Dio, vieni a salvarmi,
Signore, vieni presto in mio aiuto.
Tu sei mio aiuto e mio liberatore:
Signore, non tardare.


Colletta
Mostra la tua continua benevolenza, o Padre,
e assisti il tuo popolo,
che ti riconosce creatore e guida;
rinnova l'opera della tua creazione
e custodisci ciò che hai rinnovato.
Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio,
e vive e regna con te, nell'unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli.

Oppure (Anno B):
O Dio, che affidi al lavoro dell'uomo
le risorse del creato,
fa' che non manchi il pane sulla mensa dei tuoi figli,
e risveglia in noi il desiderio della tua parola.
Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio,
e vive e regna con te, nell'unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli.

>

Prima lettura

Es 16,2-4.12-15
Io farò piovere pane dal cielo per voi.

Dal libro dell’Èsodo

In quei giorni, nel deserto tutta la comunità degli Israeliti mormorò contro Mosè e contro Aronne.
Gli Israeliti dissero loro: «Fossimo morti per mano del Signore nella terra d’Egitto, quando eravamo seduti presso la pentola della carne, mangiando pane a sazietà! Invece ci avete fatto uscire in questo deserto per far morire di fame tutta questa moltitudine».
Allora il Signore disse a Mosè: «Ecco, io sto per far piovere pane dal cielo per voi: il popolo uscirà a raccoglierne ogni giorno la razione di un giorno, perché io lo metta alla prova, per vedere se cammina o no secondo la mia legge. Ho inteso la mormorazione degli Israeliti. Parla loro così: “Al tramonto mangerete carne e alla mattina vi sazierete di pane; saprete che io sono il Signore, vostro Dio”».
La sera le quaglie salirono e coprirono l’accampamento; al mattino c’era uno strato di rugiada intorno all’accampamento. Quando lo strato di rugiada svanì, ecco, sulla superficie del deserto c’era una cosa fine e granulosa, minuta come è la brina sulla terra. Gli Israeliti la videro e si dissero l’un l’altro: «Che cos’è?», perché non sapevano che cosa fosse. Mosè disse loro: «È il pane che il Signore vi ha dato in cibo».

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 77

Donaci, Signore, il pane del cielo.

Ciò che abbiamo udito e conosciuto
e i nostri padri ci hanno raccontato
non lo terremo nascosto ai nostri figli,
raccontando alla generazione futura
le azioni gloriose e potenti del Signore
e le meraviglie che egli ha compiuto.

Diede ordine alle nubi dall’alto
e aprì le porte del cielo;
fece piovere su di loro la manna per cibo
e diede loro pane del cielo.

L’uomo mangiò il pane dei forti;
diede loro cibo in abbondanza.
Li fece entrare nei confini del suo santuario,
questo monte che la sua destra si è acquistato.

>

Seconda lettura

Ef 4,17.20-24
Rivestite l’uomo nuovo, creato secondo Dio.

Dalla lettera di san Paolo apostolo agli Efesìni

Fratelli, vi dico e vi scongiuro nel Signore: non comportatevi più come i pagani con i loro vani pensieri.
Voi non così avete imparato a conoscere il Cristo, se davvero gli avete dato ascolto e se in lui siete stati istruiti, secondo la verità che è in Gesù, ad abbandonare, con la sua condotta di prima, l’uomo vecchio che si corrompe seguendo le passioni ingannevoli, a rinnovarvi nello spirito della vostra mente e a rivestire l’uomo nuovo, creato secondo Dio nella giustizia e nella vera santità.

Parola di Dio

Canto al Vangelo (Mt 4,4)
Alleluia, alleluia.
Non di solo pane vivrà l’uomo,
ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio.
Alleluia.

>

Vangelo

Condividi il Vangelo su >   Facebook Ascolta il Vangelo >    

Gv 6,24-35
Chi viene a me non avrà fame e chi crede in me non avrà sete, mai!


+ Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, quando la folla vide che Gesù non era più là e nemmeno i suoi discepoli, salì sulle barche e si diresse alla volta di Cafàrnao alla ricerca di Gesù. Lo trovarono di là dal mare e gli dissero: «Rabbì, quando sei venuto qua?».
Gesù rispose loro: «In verità, in verità io vi dico: voi mi cercate non perché avete visto dei segni, ma perché avete mangiato di quei pani e vi siete saziati. Datevi da fare non per il cibo che non dura, ma per il cibo che rimane per la vita eterna e che il Figlio dell’uomo vi darà. Perché su di lui il Padre, Dio, ha messo il suo sigillo».
Gli dissero allora: «Che cosa dobbiamo compiere per fare le opere di Dio?». Gesù rispose loro: «Questa è l’opera di Dio: che crediate in colui che egli ha mandato».
Allora gli dissero: «Quale segno tu compi perché vediamo e ti crediamo? Quale opera fai? I nostri padri hanno mangiato la manna nel deserto, come sta scritto: “Diede loro da mangiare un pane dal cielo”». Rispose loro Gesù: «In verità, in verità io vi dico: non è Mosè che vi ha dato il pane dal cielo, ma è il Padre mio che vi dà il pane dal cielo, quello vero. Infatti il pane di Dio è colui che discende dal cielo e dà la vita al mondo».
Allora gli dissero: «Signore, dacci sempre questo pane». Gesù rispose loro: «Io sono il pane della vita; chi viene a me non avrà fame e chi crede in me non avrà sete, mai!».

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
Fratelli e sorelle, il Padre ha mandato suo figlio Gesù per invitaci a vivere una vita nuova, da figli di Dio. Preghiamo perché ci aiuti a nutrirci sempre di più della sua Parola, che sazia tutte le nostre attese.
Preghiamo insieme e diciamo: Ascoltaci, o Signore.

1. Per la Chiesa, il Papa e i vescovi: ricordino con coraggio a quanti sono preoccupati del benessere materiale che le persone hanno esigenze più profonde, che solo la fede e la parola di Gesù possono saziare, preghiamo.
2. Per coloro che hanno autorità sulle nazioni: non spingano la società solo al benessere materiale, ma sappiano regolare il loro impegno sulle esigenze profonde della persona: la sicurezza sociale, l'educazione, la solidarietà, l'impegno per i più deboli, preghiamo.
3. Per quanti vivono nell'insicurezza, nella disperazione e nella solitudine: trovino nella Parola la vicinanza di Dio, consapevoli che la vita è un dono di Dio e che egli è sempre al nostro fianco come Padre misericordioso e fedele, preghiamo.
4. Per la nostra comunità cristiana: sappia nutrirsi della parola di Dio per vivere la vita nuova dei figli di Dio e sia capace di avvicinare anche i più piccoli alla lettura della Bibbia, preghiamo.

O Padre, che hai mandato il tuo Figlio per donarci il “cibo che dura per la vita eterna”, esaudisci le nostre preghiere e aumenta la nostra fede nella tua Parola. Egli vive e regna nei secoli dei secoli.

Preghiera sulle offerte
Santifica, o Signore, i doni che ti presentiamo
e, accogliendo questo sacrificio spirituale,
trasforma anche noi in offerta perenne a te gradita.
Per Cristo nostro Signore.


Antifona alla comunione
Ci hai mandato, Signore, un pane dal cielo,
un pane che porta in sé ogni dolcezza
e soddisfa ogni desiderio. (Cf. Sap 16,20)

Oppure (Anno B):
Io sono il pane della vita;
chi viene a me non avrà più fame
e chi crede in me non avrà più sete. (Gv 6,35)


Preghiera dopo la comunione
Accompagna con la tua continua protezione, o Signore,
i tuoi fedeli che nutri con il pane del cielo,
e rendi degni della salvezza eterna
coloro che non privi del tuo aiuto.
Per Cristo nostro Signore.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

don Lucio D'Abbraccio     (Omelia del 01-08-2021)
Signore, aumenta la nostra fede e aiutaci ad amarti!
La prima lettura di questa domenica, tratta dal libro dell'Esodo, si collega indubbiamente al vangelo. Il riferimento è alla manna e alle quaglie, ma anche alla figura di Mosè. L'autore sacro scrive che la liberazione dall'Egitto è stata grandiosa, ma il viaggio nel deserto si fa difficile e gli Ebrei si lamentano con Mosè e Aronne, che chiedono pane e carne ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 01-08-2021)
Il pane e l'amore
La storia del popolo d'Israele fuggito dall'Egitto ci ragguaglia del fatto che solo Dio può soddisfare le necessità materiali dell'uomo: mentre nel deserto ci si lamenta della mancanza assoluta di generi alimentari anche semplici e frugali, Dio interviene a sfamare il suo popolo concedendo carne che al tramonto viene elargita sotto forma di quaglie, ma sopra ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 01-08-2021)
Vita precaria, ma eterna
Oggi che abbiamo conoscenze scientifiche che secoli e millenni fa non avevamo, tante cose naturali che avvengono nel mondo le possiamo spiegare, appunto, in modo scientifico. Eppure, anche tanti misteri della natura, sia pur spiegabili naturalmente, rimangono dei misteri. Uno stormo di quaglie che provenendo dal nord fanno tappa nel deserto del Sinai per ri ...
(continua)
don Domenico Bruno     (Omelia del 01-08-2021)
Dove c'è Pane, c'è Casa!
Mangiare insieme è un atto di intimità. Quando si vuole approfondire la conoscenza con qualcuno lo si invita a mangiare insieme e nascono cose belle. In queste domeniche stiamo leggendo che la folla insegue Gesù, vuole stare con lui, Gesù per entrare in intimità con tutti dà loro da mangiare e per farlo moltiplica i pani e ne mangiano tutti. Non è solo un ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 01-08-2021)
Datevi da fare per il cibo che dura
"Datevi da fare..." È una parola di Gesù. Certo noi ci diamo molto da fare, siamo sempre molto occupati, impegnati, pieni di tensioni, di preoccupazioni, di programmi, ma perché cosa? Che cosa cerchiamo? Cosa vogliamo, nell'impostazione della vita e nelle scelte di ogni giorno? E anche quando ci rivolgiamo a Dio, che cosa cerchiamo? Solo cose materiali, graz ...
(continua)
don Marco Scandelli     (Omelia del 01-08-2021)
#2minutiDiVangelo - Domenica XVIII TO - Noi siamo il miracolo del pane nell'oggi della storia
Commento al Vangelo della XVIII Domenica del TO - a cura di don Marco Scandelli #2minutiDiVangelo Gv 6 24-35 ...
(continua)
don Mario Simula     (Omelia del 01-08-2021)
Pane fatto in casa
Ho conosciuto il pane del forno di casa. Nasceva come un rito di gratitudine, nelle primissime ore del giorno. Celebrava una liturgia di comunione e di condivisione. Dalla fatica dell'impasto. Alla preparazione del forno. Alla cura delle diverse fasi di cottura. Nasceva una creatura essenziale. Le donne controllavano la vivacità del calore, la graduale i ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 01-08-2021)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di Gigi Avanti Per gustare meglio il brano di oggi è opportuno richiamare alla memoria lo scopo che aveva in mente l'apostolo Giovanni quando decise di mettere mano alla redazione del suo vangelo. Giovanni scrisse il suo vangelo per uno scopo ben preciso, questo: "Affinché crediate che Gesù è il Cristo, il Figlio d ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 01-08-2021)
Datevi da fare! Che cosa cerchiamo...?
...
(continua)
don Fabio Rosini     (Omelia del 01-08-2021)
Commento al Vangelo del 1 agosto
...
(continua)
mons. Erio Castellucci diocesi di Modena-Nonantola     (Omelia del 01-08-2021)
Io sono il pane della vita
...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 01-08-2021)
Per chi vivi?
...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 01-08-2021)

Dopo la moltiplicazione dei pani, inizia il "discorso eucaristico" di Gesù mediante il quale ci conduce a cogliere che è Lui il "pane della vita" che sazia la nostra fame d'infinito, rendendosi ancor oggi presente in mezzo a noi mediante l'Eucaristia. Dal testo di oggi notiamo che Gesù prima riprende la folla che lo cerca non perché ha colto il significato p ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 01-08-2021)
Il pane dei pellegrini e il pane della vita
Il vangelo di questa diciottesima domenica del tempo ordinario ci narra di quanto è successo, dopo il miracolo della moltiplicazione dei pani e dei pesci. L'evangelista Giovanni, infatti, prosegue nel raccontarci quello che fece la folla quando si accorse che Gesù e i discepoli non stavano più in montagna a pregare. Subito la gente salì sulle barche e si di ...
(continua)
Michele Antonio Corona     (Omelia del 01-08-2021)
Il segno del pane che discende dal cielo
Il normale corso della lettura semicontinua (alcuni dicono discontinua!) del vangelo di Marco si interrompe per quasi tutte le domeniche di agosto e ci viene offerto il capitolo sesto del vangelo di Giovanni. Per questo motivo, merita attenzione non solo il brano di questa prima domenica agostana, ma una riflessione che il lettore può fare in modo più ampio. ...
(continua)
don Roberto Seregni     (Omelia del 01-08-2021)
Io sono il pane della vita
La folla cerca Gesù, vogliono farlo re. Hanno mangiato a sazietà e sono convinti di aver finalmente trovato un messia all'altezza delle loro attese. E del loro stomaco. Dopo la moltiplicazione dei pani e dei pesci, la folla è in delirio e vuole accalappiarsi il maestro di Nazareth. Ma Gesù, come sempre, ribalta le attese e le pretese dei suoi seguaci. Perch ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 01-08-2021)
L'opera del Signore è nutrire la vita
Gesù ha appena compiuto il "segno" al quale tiene di più, il pane condiviso, ed è poi quello più frainteso, il meno capito. La gente infatti lo cerca, lo raggiunge e vorrebbe accaparrarselo come garanzia contro ogni fame futura. Ma il Vangelo di Gesù non fornisce pane, bensì lievito mite e possente al cuore della storia, per farla scorrere verso l'alto, vers ...
(continua)
don Alessandro Farano     (Omelia del 01-08-2021)
Domenica - XVIII del Tempo Ordinario - Anno B - Commento al Vangelo
...
(continua)
diac. Vito Calella     (Omelia del 01-08-2021)
Sguardo secondo lo Spirito prioritario sullo sguardo secondo la carne
La ricerca di Gesù più secondo la carne che secondo lo Spirito La folla, saziata dal prodigioso segno dei cinque pani e dei pesci, completamente condivisi e bastati sovrabbondantemente per tutti, cercava affannosamente Gesù e lo ritrovava finalmente Cafarnao. Quella moltitudine lo seguiva prevalentemente come "discepolo secondo la carne", secondariamente co ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 01-08-2021)

"Che cosa dobbiamo compiere per fare le opere di Dio?" Gesù rispose loro: "Questa è l'opera di Dio: che crediate in colui che egli ha mandato". Il tema centrale di questa diciottesima domenica del tempo ordinario è la fede. Gesù istruisce i suoi discepoli circa la necessità di vivere la fede come un atto di totale affidamento e di fiduciosa sottomissione a D ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 01-08-2021)
Fame
È l'inizio della fine. Non lo sa Gesù, tenero, ma la moltiplicazione dei pani e dei pesci segna il declino della sua popolarità. Ma anche, come vedremo più avanti, motiverà la decisione, da parte sua, di cambiare strategia pastorale: non si rivolgerà più alle folle ma al gruppo dei discepoli, agli intimi. Il Maestro pensava, sperava, che la gente fosse pro ...
(continua)
don Claudio Luigi Fasulo     (Omelia del 01-08-2021)
Colmare il vuoto interiore con la presenza di Dio
...
(continua)
don Michele Cerutti     (Omelia del 01-08-2021)
Commento su Giovanni 6,24-35
Confusione in quella riva dove Gesù aveva compiuto il grande prodigio della moltiplicazione del pane e dei pesci. Essi si sono limitati ad ammirare il miracolo che ha soddisfatto la loro fame materiale e allora le categorie umane prendono il sopravvento, ma come ogni entusiasmo rischia sempre di spegnersi quando altri propongono qualcosa di più. Gesù lo ab ...
(continua)
padre Paul Devreux     (Omelia del 01-08-2021)
Conta più il materiale o lo spirituale?
Domenica scorsa Gesù ha dimostrato alla folla che se consideriamo i beni di questo mondo come un dono di Dio da condividere, non manca niente a nessuno, perché c'è abbondanza di risorse. "Quando dunque la folla vide che Gesù non era più là e nemmeno i suoi discepoli, salì sulle barche e si diresse alla volta di Cafàrnao alla ricerca di Gesù. Lo trovarono d ...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 01-08-2021)
La fede non è cosa da bambini
La concatenazione di fatti e parole, cominciata la scorsa domenica con la moltiplicazione dei pani e dei pesci, prosegue nel vangelo di oggi (Giovanni 6,24-35). Vi si narra che la folla segue Gesù sino in città, a Cafarnao, ed egli sa bene il perché: sperano che egli continui a sfamarli. Glielo dice chiaro, con un invito: "Datevi da fare non per il cibo mate ...
(continua)
don Roberto Fiscer     (Omelia del 01-08-2021)
#StradeDorate - Commento su Giovanni 6,24-35
...
(continua)
Diocesi di Vicenza     (Omelia del 01-08-2021)
La Parola - Commento al Vangelo di Giovanni (Gv 6,24-35)
...
(continua)
don Alfonso Giorgio Liguori     (Omelia del 01-08-2021)
Io sono il pane della vita
...
(continua)
Paolo De Martino     (Omelia del 01-08-2021)
E' Lui la risposta alla nostra fame d'Infinito.
Subito dopo il grande segno della condivisione dei pani la folla cerca Gesù. Finalmente un Messia che risolve i problemi, in primis quello della fame. E Gesù scappa. Non hanno capito. Lui non è quel messia che loro pensano di aver trovato. La folla ha visto il prodigio ma non vi ha letto il segno, ciò che quell'azione di Gesù significava. Il brano si apre ...
(continua)
Frati Minori Cappuccini     (Omelia del 01-08-2021)
Commento su Giovanni 6,24-35
...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 01-08-2021)
Commento su Es 16,2-4.12-15; Sal 77; Ef 4,17.20-24; Gv 6,24-35
La diciottesima domenica del tempo ordinario ci ripresenta il tema del pane, con il duplice riferimento: nella prima lettura, tratta dal Libro dell'Esodo, in cui è raccontato il miracolo della mamma piovuta dal cielo, e nel vangelo di Giovanni, con il capitolo sesto sul pane della vita. Tutto questo per sottolineare il fatto che noi abbiamo bisogno del doppi ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 01-08-2021)
Commento su Giovanni 6,24-35
"Man h??", che cos'è? .....ecco l'espressione da cui abbiamo tratto il termine ?manna', il cibo misterioso simile a farina, che ogni mattina, per quaranta anni, gli Israeliti raccoglievano, impastavano ricavandone focacce, e che li sostenne durante il viaggio. Il Vangelo di questa domenica, continua quello di sette giorni fa e affronta il tema centrale d ...
(continua)
padre Fernando Armellini     (Omelia del 01-08-2021)
Videocommento su Gv 6,24/35
...
(continua)
don Gianfranco Calabrese     (Omelia del 01-08-2021)
Video commento su Giovanni 6,24-35
...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 01-08-2021)
Commento su Es 16,2-4.12-15; Sal 77; Ef 4,17.20-24; Gv 6,24-35
Le letture di oggi agli occhi di chi imposta la propria visione della vita e della società sul legalismo e sul giustizialismo risultano sconvolgenti se non addirittura scandalose. Le pecore lontane (agnostici, atei, sbandati, mangiapreti, scettici, anticlericali, femministe, peccatrici e peccatori cioè tutti noi!) sono stati lasciati (o fatti!) allontanare ...
(continua)
don Nicola Salsa     (Omelia del 25-07-2021)
Come nutro la mia vita? (Gv 6,24-35)
...
(continua)
Luca Rubin     (Omelia del 05-08-2018)
Datevi da fare
Quando la folla vide che Gesù non era più là e nemmeno i suoi discepoli, salì sulle barche e si diresse alla volta di Cafàrnao alla ricerca di Gesù. Lo trovarono di là dal mare e gli dissero: «Rabbì, quando sei venuto qua?». Ansia, la folla che cerca Gesù trasmette ansia. Lo cercano, lo rincorrono, non per se stesso, ma come si rincorre un fenomeno da baracc ...
(continua)
Sulla strada - TV2000     (Omelia del 05-08-2018)
Commento su Giovanni 6,24-35
...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 05-08-2018)
Audio commento alla liturgia - Gv 6,24-35
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
don Maurizio Prandi     (Omelia del 05-08-2018)
Lasciarsi mangiare
Siamo ancora nell'ambito della durezza e della piccineria del cuore. Nel senso che Gesù si trova di fronte ad una folla che lo cerca e lo cerca unicamente perché è stata saziata. Una folla cerca Gesù perché ha risolto un problema: ha dato da mangiare a molta gente. Lo si cerca perché si vorrebbe continuare a mangiare, a saziarsi. Domenica scorsa ricordate ce ...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 05-08-2018)
Pane fatto con tanto amore
Clicca qui per la vignetta della settimana. Quando mia mamma preparava qualche pietanza particolarmente buona, alla domanda "con che cosa l'hai fatta?", lei rispondeva sorridendo "... con tanto amore". Conoscendola era un modo per evitare la seccatura di dover spiegare le sue improvvisazioni culinarie, ma anche per farci capire che davvero l'aveva prepara ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 05-08-2018)
Video commento a Gv 6,24-35
...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 05-08-2018)
Video commento a Gv 6,24-35
...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 05-08-2018)
Perché mai cercare Dio?
Oggigiorno, cercare una persona non è poi così difficile. Se si tratta di un parente, di un conoscente o di un amico, è sufficiente avere il suo numero di cellulare, e alla domanda "Dove sei?", si può ottenere la risposta in pochi secondi, anche se ci si trova all'altro capo del mondo. Se invece è una persona di cui da tempo si sono perse le tracce, allora è ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 05-08-2018)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di Ottavio De Bertolis Tutto sommato, l'impressione finale che deriva dalla lettura del Vangelo di oggi è un po' triste: quella "folla", che all'inizio del brano cercava Gesù con tanta ansia da salire sulle barche e andare "alla ricerca di Gesù", non diventa "Chiesa", ma rimane "folla", una marea di gente senza cosc ...
(continua)
don Fabio Rosini     (Omelia del 05-08-2018)
Audio commento al Vangelo del 5 agosto
...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 05-08-2018)
Quel Pane che alimenta l'esistenza senza fine
Chiedono a Gesù: che cosa dobbiamo fare per compiere le opere di Dio? Grande domanda. Compiere le opere di Dio è ben altro che osservare i suoi comandamenti. Opera di Dio è la creazione, opera sua è la liberazione del popolo dalla schiavitù e poi la meravigliosa volontà di costruire, nonostante tutte le delusioni, una storia di alleanza. Compiere l'opera di ...
(continua)
diac. Vito Calella     (Omelia del 05-08-2018)
L'opera di Dio: credere in Gesù Parola, pane di vita
L'opera di Dio è credere in Gesù. Dopo i segni della moltiplicazione dei cinque pani due pesci (Gv 6,1-15) e del camminare di Gesù sulle acque del lago di Tiberiade (Gv 6, 16-21), inizia un lungo discorso di Gesù fatto nella sinagoga di Cafarnao (Gv 6, 26- 71), già conosciuto da molti di noi come il discorso sul pane di vita, che vuole approfondire il signi ...
(continua)
don Mario Simula     (Omelia del 05-08-2018)
Gesù di Nazareth, un Dio mangiato
C'è un pane che alimenta soltanto il corpo. Noi lo cerchiamo con ansia; talvolta con bramosia. Senza quel pane non si può vivere. Si è pronti a barattarlo con la libertà. Israele pellegrino sui sentieri che portano alla Terra Promessa, verso regioni nelle quali "scorre latte e miele", è straziato dalla nostalgia del pane abbondante e delle cipolle saporite d ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 05-08-2018)
Video commento su Gv 6,24-35
...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 05-08-2018)
Il pane dal cielo, cibo per la nostra vita terrena
La diciottesima domenica del tempo ordinario ci ripresenta il tema del pane eucaristico, con il duplice riferimento ad esso nella prima lettura, tratta dal Libro dell'Esodo, in cui è raccontato il miracolo della mamma piovuta dal cielo, e nel vangelo di Giovanni, con il noto capitolo sesto sul pane della vita, nuovamente viene presentata alla nostra riflessi ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 05-08-2018)
Il pane di Dio
Quando sei venuto qua? È una domanda senza senso come quella di due discepoli che iniziano a seguire Gesù, che interpellati, non sanno che dire ed escono con la domanda Maestro dove dimori? (Gv 1,38). Eppure, queste domande inutili nascondono un bisogno; un bisogno di relazione o meglio ancora un bisogno di dare senso alla propria vita e di trovare qualcuno ...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 05-08-2018)

Prosegue il discorso di Gesù sul pane vivo; domenica scorsa ha moltiplicato i pani, presentandosi come il Messia atteso: più profondamente, egli si presenta come Colui che nutre la fame dell'uomo, figura dei suoi bisogni più profondi, del suo bisogno di vita, di amore, di eternità. Oggi vediamo che le folle lo inseguono; dapprima non lo trovano quindi, dopo ...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 05-08-2018)
Solo un adulto può capire davvero
Prosegue, nel vangelo di oggi (Giovanni 6,24-35), la concatenazione di fatti e parole cominciata la scorsa domenica con la moltiplicazione dei pani e dei pesci. La folla segue Gesù sino in città, a Cafarnao, ed egli sa bene il perché: sperano che egli continui a sfamarli. Glielo dice chiaro, con un invito: "Datevi da fare non per il cibo materiale, ma per qu ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 05-08-2018)
Qual'è l'opera di Dio?
La folla vedendo che Gesù non era più là ripartì sulle barche alla volta di Cafarnao, alla sua ricerca. Era proprio un inseguimento serrato, una ricerca continua del Signore e quella volta gli posero la seguente domanda: "Cosa dobbiamo fare per compiere l'opera di Dio". Credete che compiere l'opera di Dio sia fare miracoli, prodigi e portenti? Ebbene no! "Qu ...
(continua)
Diocesi di Vicenza     (Omelia del 05-08-2018)
La Parola - Commento al Vangelo di Giovanni (Gv 6,24-35)
...
(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 05-08-2018)
Video Commento a Gv 6,24-35
...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 05-08-2018)
Di pane e lavoro
Si mette ulteriormente a fuoco in questa Domenica la tematica del pane della vita come dono che non può che scaturire dal Signore. Dio infatti assiste l'uomo nella perenne necessità materiale di alimenti, non omettendo però di appagare la sua inconsapevole fame spirituale di verità e di assoluto. La storia del popolo d'Israele fuggito dall'Egitto ci ragguagl ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 05-08-2018)
Commento su Giovanni 6,24-35
Pentirsi! Può essere una tentazione; anzi, è una tentazione, quasi irresistibile, ogni volta che affrontiamo un'impresa nuova e rischiosa... Quante volte gli Israeliti mormorarono contro Mosè e contro Aronne, durante quei quarant'anni trascorsi nel deserto! Al primo pericolo, alla prima caduta, ecco che si voltavano indietro, indecisi se andare avanti oppur ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 05-08-2018)
Commento su Giovanni 6,24-35
Al miracolo, anzi al "segno", della moltiplicazione dei pani e al conseguente confronto tra Gesù e la folla dei giudei, il Vangelo di Giovanni dedica l'intero capitolo VI. Domenica scorsa abbiamo ascoltato l'evento: Gesù con cinque pani d'orzo sfama circa cinquemila persone; ma la folla comprende solo in parte il significato del dono di Gesù - "Questi è davv ...
(continua)
don Claudio Luigi Fasulo     (Omelia del 05-08-2018)
Audio commento su Gv 6,24-35)
...
(continua)
don Roberto Fiscer     (Omelia del 05-08-2018)
#StradeDorate - Commento su Giovanni 6,24-35
...
(continua)
don Gianfranco Calabrese     (Omelia del 05-08-2018)
Video commento su Giovanni 6,24,35
...
(continua)
padre Fernando Armellini     (Omelia del 05-08-2018)
Videocommento su Gv 6,24-35
...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 05-08-2018)
Commento su Es 16,2-4.12-15; Sal 77; Ef 4,17.20-24; Gv 6,24-35
Le letture che, la liturgia di questa domenica ci invita a contemplare, offrono un messaggio biblico che può essere letto come un cammino verso la libertà. Come dice il Concilio Vaticano II: la Chiesa è il popolo di Dio in cammino con tutto il genere umano e ci invita a non procedere per cammini separati, ma tutti siamo sollecitati a precedere dentro il camm ...
(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 02-08-2015)
Commento su Gv 6,24-35
Collocazione del brano Dopo la moltiplicazione dei pani e dei pesci Gesù ha mandato i suoi discepoli all'altra riva, a Cafarnao e li ha raggiunti lungo la notte. La folla dopo aver mangiato i pani moltiplicati cerca Gesù per farlo re. A Cafarnao Gesù incomincia il discorso sul vero pane che dà la vera vita. Lectio 24Quando dunque la folla vide che Gesù ...
(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 02-08-2015)
Commento su Ef 4,17.20-24
Collocazione del brano Continuano le esortazioni di Paolo a comportarsi in maniera degna della vocazione ricevuta. Il comportamento degli Efesini che hanno abbracciato la fede non può più essere quello di prima, di quando erano pagani. C'è uno stile di vita, l'uomo vecchio che non può più esistere: la fede rende uomini nuovi. Lectio Fratelli, 17vi dico ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 02-08-2015)
Audio commento alla liturgia - Gv 6,24-35
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
don Luca Garbinetto     (Omelia del 02-08-2015)
Gesù è pane che ci fa pane
Quello che si trova dipende certamente da ciò che si cerca. La risposta è conseguente alla domanda. Fa parte della dinamica della vita. Gesù lo sa bene, e quando vede le folle che lo seguono, sollecita il dubbio, stimola a interrogarsi. Chi cerca nutrimento materiale, probabilmente può trovarlo: Gesù ha sfamato la moltitudine, come Dio aveva provveduto al ...
(continua)
don Maurizio Prandi     (Omelia del 02-08-2015)
Il discepolo: un uomo libero
La prima lettura ci dice qualcosa di bellissimo sul volto di Dio: qualcosa di simile a quanto due settimane fa abbiamo già sottolineato: Dio risponde con la bontà e la misericordia alla nostra fragilità, debolezza, al nostro tradimento, al nostro mugugno. Tutta una comunità mormora... tutta una comunità si lamenta... possiamo cogliere in questa prima lettura ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 02-08-2015)
L'opera è credere, cioè imparare Cristo
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 02-08-2015)
Signore, dacci sempre questo Pane
Possiamo facilmente immaginare la scena che l'apostolo Giovanni ci descrive nel suo Vangelo. La folla era stata saziata dal miracolo dei pani, compiuto da Gesù. Aveva, quindi, nella sua immaginazione e nella sua sete di serenità e sicurezza economica, che troppe volte manca a tanti nel mondo, in ogni tempo, la possibilità di trovare in Gesù una certezza ?ma ...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 02-08-2015)
Un segno dal cielo che ci rende segni per il mondo
Clicca qui per la vignetta della settimana. Ho iniziato a leggere un libricino di un autore che amo molto, Henri Nouwen, dal titolo "la forza della sua presenza", che parla dell'Eucarestia. Mi piace il punto di partenza dell'autore che è una domanda porta prima di tutto a se stesso: celebro tutti i giorni l'Eucarestia... ma so quello che sto facendo?" Ve ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 02-08-2015)
Una dieta sana per stare in forma: mangiare Pane in abbondanza
Scelse il pane, come chi «riconosce la sua terra dal sapore del suo pane» (L. Savary). Non poteva essere altrimenti per uno che era nato col sapore del pane sotto al naso. Che s'aprì al mondo nella terra di Betlemme, la casa del pane. Terra di contadini, di poeti, di gente che sa fare il pane, di gente che ama gli alberi e riconosce il vento dal suo fruscio. ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 02-08-2015)
Un'unica opera: credere in Lui.
Prepariamoci a quattro domeniche d'agosto "infuocate", e non è il clima meteorologico ciò a cui mi riferisco. Non ve lo nascondo: non sarà per nulla facile comprendere questo capitolo 6 del Vangelo di Giovanni, nel quale ci stiamo addentrando. Sarà una fatica, un lavoro serio: perché, del resto, la fede stessa è una fatica. Fatica e lavoro spesso coincidono: ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 02-08-2015)
Commento su Giovanni 6,24-35
Giovanni in questo capitolo, spiega il pane, simbolo della vita, dopo quello dell'acqua alla donna samaritana. Certo, l'acqua è necessaria, ma nel pane c'è anche il lavoro, la relazione, la condivisione. Gesù spiega il pane dopo averlo dato a tutti e tutti erano contenti perché avevano mangiato e ne aspettavano altro. Ma Gesù si allontana e li precede a Cafa ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 02-08-2015)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di don Massimo Cautero IL VERO DIETRO LE COSE. Un fidanzato, parlando della sua fidanzata spiegava il perché ne era tanto innamorato e diceva: " Adoro il modo come si veste, la sua ricerca dei particolari, il suo modo di parlare, la sua pettinatura, la sua risata. Adoro rimanere ore a pensare a lei e starei ore a p ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 02-08-2015)
Video commento su Gv 6,24-35
...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 02-08-2015)
Il Signore vuole diventare il nostro pane
Un Vangelo di grandi domande. Chiedono a Gesù: Che cosa dobbiamo fare per compiere le opere di Dio? Egli risponde: Questa è l'opera di Dio, credere in colui che egli ha mandato. Al cuore della fede sta la tenace, dolcissima fiducia che Dio ha il volto di Cristo, il volto di uno che sa soltanto amare. Nessun aspetto minaccioso, ma solo le due ali aperte di u ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 02-08-2015)
Video commento a Gv 6,24-35
...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 02-08-2015)
Fame di Dio
È l'inizio della fine. Non lo sa Gesù, tenero, ma la moltiplicazione dei pani e dei pesci segna il declino della sua popolarità. Ma anche, come vedremo più avanti, motiverà la decisione, da parte sua, di cambiare strategia pastorale: non si rivolgerà più alle folle ma al gruppo dei discepoli, agli intimi. Il Maestro pensava, sperava, che la gente fosse pro ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 02-08-2015)
Video commento a Gv 6,24-35
https://youtu.be/gJEv9dkwzD4 ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 02-08-2015)
Il segno
Voi mi cercate Come spesso accade, Gesù non risponde alla domanda, piuttosto la supera, andando a scandagliare l'animo dell'uomo così da scoprirne la verità tenuta nascosta o quella che i suoi interlocutori neanche riescono a percepire obnubilati da altre idee o preoccupazioni. La gente ha trovato qualcuno che risolve i problemi basilari dell'uomo sfamando ...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 02-08-2015)
I miracoli non bastano a chi non vuole credere
Secondo tempo dell'episodio che compone il sesto capitolo del vangelo di Giovanni. Nei versetti 24-35 si narra come, dopo avere sfamato cinquemila uomini con la moltiplicazione dei pani e dei pesci, Gesù si sposti con gli apostoli in un'altra località sulle rive del lago di Galilea, la cittadina di Cafarnao. La folla li segue, e Gesù ne sa bene il motivo: tu ...
(continua)
don Lello Ponticelli     (Omelia del 02-08-2015)
Prediche senza Pulpito - Commento al Vangelo
...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 02-08-2015)
Datevi da fare per il cibo che dura per la vita eterna
Domenica scorsa il Vangelo di Giovanni ci ha presentato il racconto del miracolo della moltiplicazione dei pani. Continuando, oggi, in questa domenica XVIII la lettura del sesto capitolo dl quarto vangelo, ci viene presentato il commento alquanto amaro e veritiero che Gesù fa, quando vede venire da lui tanta gente. Egli infatti annota, secondo quanto scrive ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 02-08-2015)
Commento su Giovanni 6,24-35
Riprendiamo la riflessione sul Vangelo di Giovanni, del pane di vita, iniziata domenica scorsa. Quando la vita sembra, dico sembra, aver perduto ogni senso e valore, noi invochiamo sorella morte! nella speranza (perversa) che almeno la morte metta fine al calvario nostro, e/o altrui. È così che reagivano gli Ebrei alle fatiche del deserto; anzi, non reagiv ...
(continua)
Diocesi di Vicenza     (Omelia del 02-08-2015)
La Parola - commento a Gv 6, 24-35
Commento di don Giuseppe Berardi, della comunità religiosa Società san Paolo, Vicenza. ...
(continua)
padre Giuseppe De Nardi     (Omelia del 02-08-2015)
Sulla Tua Parola - Gv 6,28-29
...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 02-08-2015)
Pane e carne mattina, sera e sempre
"Rimpiangere le cipolle dell'Egitto" è una locuzione in uso anche al giorno d'oggi, che equivale a "stavamo meglio quando stavamo peggio". Essa trae origine dall'episodio narrato dal libro dell'Esodo (Prima Lettura di oggi) che ha un riverbero in Num 11, 3 - 6: il popolo d'Israele, pellegrino e viandante nel deserto, è arcistufo di alimenti frugalissimi e re ...
(continua)
don Marco Pratesi     (Omelia del 02-08-2015)
Ruminare i Salmi - Salmo 78,24 (XVIII domenica del tempo ordinario, anno B)
Ruminare i Salmi - Salmo 78 (Vulgata / liturgia 77),24 - (XVIII domenica del tempo ordinario, anno B) CEI Fece piovere su di loro la manna per cibo e diede loro pane del cielo. TILC Fece piovere la manna per nutrirli, e dal cielo donò pane al suo popolo. Efesini 4,22-24 (Siete stati istruiti)... ad abbandonare... l'uomo vecchio che si corrompe segue ...
(continua)
don Gianfranco Calabrese     (Omelia del 02-08-2015)
Video commento su Giovanni 6,24-35
...
(continua)
Carla Sprinzeles     (Omelia del 02-08-2015)
Commento su Es 16,2-4.12-15; Gv 6,24-35
Oggi vorrei proprio che ci facessimo sinceramente una domanda, perché vedo attorno a me che molte persone sono persuase che per loro, la condizione migliore è la sottomissione, la schiavitù, hanno paura di perdere le sicurezze che hanno ottenuto da questo stato. La schiavitù non è una condizione ma una convinzione, non una situazione ma un atteggiamento, par ...
(continua)
don Roberto Fiscer     (Omelia del 02-08-2015)
#StradeDorate - Commento su Giovanni 6,24-35
...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 02-08-2015)
Commento Es 16,2-4.12-15; Sal 77; Ef 4,17.20-24; Gv 6,24-35
La liturgia della scorsa domenica attraverso il racconto del miracolo compiuto da Gesù della moltiplicazione dei pani e dei pesci ha voluto farci meditare il nostro attaccamento a tutto ciò che è terreno. Le folle dopo questo grande miracolo volevano proclamare re Gesù, ma Egli si ritirò da solo sulla montagna. Cristo vuole far comprendere alla moltitudine c ...
(continua)