LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 17 Gennaio 2021 <

Venerdì 15 Gennaio 2021

Sabato 16 Gennaio 2021

Domenica 17 Gennaio 2021

Lunedì 18 Gennaio 2021

Martedì 19 Gennaio 2021

Mercoledì 20 Gennaio 2021

Giovedì 21 Gennaio 2021

Venerdì 22 Gennaio 2021

Sabato 23 Gennaio 2021

Domenica 24 Gennaio 2021


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:



  II DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO B)

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: DOMENICA
Colore liturgico: Verde
BO020 ;

Il brano presenta il sapore dei fatti vissuti e ben impressi nella memoria, perché hanno cambiato la vita.
I discepoli hanno dato la loro fiducia a Giovanni il Battista. È sulla sua parola che “seguono” Gesù indicato come l’“Agnello di Dio”.
L’incontro con Cristo prende l’avvio da una domanda che gli viene rivolta: “Dove abiti?”. Ma subito si trasforma in un affidamento dei discepoli al mistero.
Gesù risponde: “Venite e vedrete”.
L’esperienza del condividere tutto convince i discepoli che Gesù è il Messia atteso.
L’incontro con Cristo non è un avvenimento superficiale: si configura come un sentirsi compresi e amati; cambia il nome, e, con il nome, cambia l’atteggiamento di fondo: “Tu sei Simone... ti chiamerai Cefa”.
Il trovare Gesù - o meglio, l’essere trovati da Gesù - non solo muta l’esistenza, ma rende annunciatori della salvezza. A modo di traboccamento di gioia. A modo di esigenza di partecipare insieme alla vita nuova scoperta in Cristo.

Scarica il foglietto della Messa >
Scarica le Letture del Lezionario >
Scarica il Salmo Responsoriale Cantato >
Ricevi la Liturgia via mail >
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
A te si prostri tutta la terra, o Dio.
A te canti inni, canti al tuo nome, o Altissimo. (Cf. Sal 65,4)


Colletta
Dio onnipotente ed eterno,
che governi il cielo e la terra,
ascolta con bontà le preghiere del tuo popolo
e dona ai nostri giorni la tua pace.
Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio,
e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli.

Oppure (Anno B):
O Padre, che in Cristo Signore
hai posto la tua dimora tra noi,
donaci di accogliere costantemente la sua parola
per essere tempio dello Spirito, a gloria del tuo nome.
Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio,
e vive e regna con te, nell'unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli.

>

Prima lettura

1Sam 3,3-10.19
Parla, Signore, perché il tuo servo ti ascolta.

Dal primo libro di Samuèle

In quei giorni, Samuèle dormiva nel tempio del Signore, dove si trovava l’arca di Dio.
Allora il Signore chiamò: «Samuèle!» ed egli rispose: «Eccomi», poi corse da Eli e gli disse: «Mi hai chiamato, eccomi!». Egli rispose: «Non ti ho chiamato, torna a dormire!». Tornò e si mise a dormire.
Ma il Signore chiamò di nuovo: «Samuèle!»; Samuèle si alzò e corse da Eli dicendo: «Mi hai chiamato, eccomi!». Ma quello rispose di nuovo: «Non ti ho chiamato, figlio mio, torna a dormire!». In realtà Samuèle fino allora non aveva ancora conosciuto il Signore, né gli era stata ancora rivelata la parola del Signore.
Il Signore tornò a chiamare: «Samuèle!» per la terza volta; questi si alzò nuovamente e corse da Eli dicendo: «Mi hai chiamato, eccomi!». Allora Eli comprese che il Signore chiamava il giovane. Eli disse a Samuèle: «Vattene a dormire e, se ti chiamerà, dirai: “Parla, Signore, perché il tuo servo ti ascolta”». Samuèle andò a dormire al suo posto.
Venne il Signore, stette accanto a lui e lo chiamò come le altre volte: «Samuéle, Samuéle!». Samuèle rispose subito: «Parla, perché il tuo servo ti ascolta».
Samuèle crebbe e il Signore fu con lui, né lasciò andare a vuoto una sola delle sue parole.

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 39

Ecco, Signore, io vengo per fare la tua volontà.

Ho sperato, ho sperato nel Signore,
ed egli su di me si è chinato,
ha dato ascolto al mio grido.
Mi ha messo sulla bocca un canto nuovo,
una lode al nostro Dio.

Sacrificio e offerta non gradisci,
gli orecchi mi hai aperto,
non hai chiesto olocausto né sacrificio per il peccato.
Allora ho detto: «Ecco, io vengo».

«Nel rotolo del libro su di me è scritto
di fare la tua volontà:
mio Dio, questo io desidero;
la tua legge è nel mio intimo».

Ho annunciato la tua giustizia
nella grande assemblea;
vedi: non tengo chiuse le labbra,
Signore, tu lo sai.

>

Seconda lettura

1Cor 6,13-15.17-20
I vostri corpi sono membra di Cristo.

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi

Fratelli, il corpo non è per l’impurità, ma per il Signore, e il Signore è per il corpo. Dio, che ha risuscitato il Signore, risusciterà anche noi con la sua potenza.
Non sapete che i vostri corpi sono membra di Cristo? Chi si unisce al Signore forma con lui un solo spirito. State lontani dall’impurità! Qualsiasi peccato l’uomo commetta, è fuori del suo corpo; ma chi si dà all’impurità, pecca contro il proprio corpo.
Non sapete che il vostro corpo è tempio dello Spirito Santo, che è in voi? Lo avete ricevuto da Dio e voi non appartenete a voi stessi. Infatti siete stati comprati a caro prezzo: glorificate dunque Dio nel vostro corpo!

Parola di Dio

Canto al Vangelo (Gv 1,41.17b)
Alleluia, alleluia.
«Abbiamo trovato il Messia»:
la grazia e la verità vennero per mezzo di lui.
Alleluia.

>

Vangelo

Ascolta il Vangelo >      

Gv 1,35-42
Videro dove dimorava e rimasero con lui.


+ Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo Giovanni stava con due dei suoi discepoli e, fissando lo sguardo su Gesù che passava, disse: «Ecco l’agnello di Dio!». E i suoi due discepoli, sentendolo parlare così, seguirono Gesù.
Gesù allora si voltò e, osservando che essi lo seguivano, disse loro: «Che cosa cercate?». Gli risposero: «Rabbì – che, tradotto, significa maestro –, dove dimori?». Disse loro: «Venite e vedrete». Andarono dunque e videro dove egli dimorava e quel giorno rimasero con lui; erano circa le quattro del pomeriggio.
Uno dei due che avevano udito le parole di Giovanni e lo avevano seguito, era Andrea, fratello di Simon Pietro. Egli incontrò per primo suo fratello Simone e gli disse: «Abbiamo trovato il Messia» – che si traduce Cristo – e lo condusse da Gesù. Fissando lo sguardo su di lui, Gesù disse: «Tu sei Simone, il figlio di Giovanni; sarai chiamato Cefa» – che significa Pietro.

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
Fratelli e sorelle, oggi il Signore ci chiama ad ascoltare la sua parola, per seguirla e metterla in pratica. Oggi si svela il senso della nostra dignità cristiana, spesso rovinata dalle nostre stesse divisioni. Preghiamo perché l'incontro con il Signore Gesù ci renda suoi discepoli e testimoni.
Lo invochiamo dicendo: Dona alla tua Chiesa pace ed unità!

1. Per la Chiesa di Dio, che è chiamata a partecipare e a testimoniare la santità divina, perché in ogni luogo invochi il Signore che dona lo Spirito Santo, preghiamo.
2. Per tutti i credenti in Cristo, perché non siano sordi all'appello del Signore, e sulla strada dell'ecumenismo si impegnino a superare ogni divisione e discordia, preghiamo.
3. Per coloro che hanno consacrato la vita all'annuncio del Vangelo, perché siano coerenti testimoni della tua Parola che salva, preghiamo.
4. Per tutti gli uomini, perché sappiano riscoprire nell'ascolto e nella meditazione della Parola di Dio la fonte della vera vita, preghiamo.
5. Per noi che partecipiamo all'Eucaristia, perché possiamo vivere, come i primi discepoli, la gioia dell'incontro con il Signore, preghiamo.

Signore, che hai detto ai primi discepoli “Venite e vedrete”, ascolta la nostra preghiera unanime. Libera la nostra mente e il nostro cuore da ogni sordità ed egoismo, e dona alla tua Chiesa pace ed unità, per poter offrire al Padre il sacrificio della lode con animo puro e riconoscente.
Tu che vivi e regni nei secoli dei secoli.

Preghiera sulle offerte
Concedi a noi tuoi fedeli, o Padre,
di partecipare con viva fede ai santi misteri,
poiché ogni volta che celebriamo questo memoriale
del sacrificio del tuo Figlio,
si compie l’opera della nostra redenzione.
Per Cristo nostro Signore.


Antifona alla comunione
Davanti a me tu prepari una mensa;
il mio calice trabocca. (Sal 22,5)

Oppure:
Abbiamo conosciuto e creduto
l’amore che Dio ha in noi. (1Gv 4,16)

Oppure:
Giovanni il Battista fissò lo sguardo su Gesù e disse:
«Ecco l’Agnello di Dio!».
E i suoi discepoli seguirono Gesù. (1Gv 1,26-37)


Preghiera dopo la comunione
Infondi in noi, o Padre, lo Spirito del tuo amore,
perché saziati dall’unico pane del cielo,
nell’unica fede siamo resi un solo corpo.
Per Cristo nostro Signore.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

don Luca Garbinetto     (Omelia del 17-01-2021)
La vita è vocazione
Fin dall'inizio della sua missione pubblica, Gesù va costituendo una comunità attorno a sé. Chiama degli uomini a seguirlo e a condividere con lui la propria passione e la propria sorte. Non si tratta soltanto di un necessario seguito, adibito a portare gli onori di un nuovo maestro, per esibirne l'autorità e la sapienza. Non è neanche una semplice compagnia ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 17-01-2021)
Video commento a Gv 1,35-42
...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 17-01-2021)
Domande E Risposte
Clicca qui per la vignetta della settimana. C'è una barzelletta che racconta di una signora anziana che bussa con decisione alla porta della camera del figlio e gli dice: "Alzati e sbrigati che altrimenti farai tardi per la messa!". E lui da dentro risponde: "Ma a 40 anni potrò decidere da solo se andarci, no?". E lei: "Beh, hai deciso tu di fare il prete ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 17-01-2021)
Video commento a Gv 1,35-42
...
(continua)
don Lucio D'Abbraccio     (Omelia del 17-01-2021)
Lasciamoci fissare da Gesù, l'Agnello di Dio!
La prima lettura ha per centro la chiamata di Samuele. Samuele serviva il Signore alla presenza di Eli e ancora il suo rapporto con Dio è soltanto un'abitudine, un'educazione religiosa ricevuta. Ma viene il momento decisivo per il giovane Samuele quando, scrive l'autore sacro, alla quarta chiamata di Dio: «Samuele, Samuele!», egli finalmente risponde senza i ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 17-01-2021)
Anche Dio ha le sue fissazioni
Ognuno di noi ha le proprie fissazioni. Non necessariamente questo ha delle accezioni negative, anzi: spesso possono pure rappresentare dei punti fissi nella nostra vita quotidiana, delle cose dalle quali non ci schiodiamo perché le riteniamo importanti, perché rappresentano per noi dei valori, dei punti di riferimento che magari abbiamo ricevuto insieme con ...
(continua)
don Domenico Bruno     (Omelia del 17-01-2021)
Chi cerca trova
Quando dobbiamo fare una ricerca non ci rechiamo più in una biblioteca o nella libreria di casa. Prendiamo il cellulare e nel motore di ricerca scriviamo ciò che ci interessa. Ma siamo certi di trovare la reale verità? Oggi, e ancor più con la pandemia, molti per paura di andare in chiesa cercano la fede online: meditazioni, momenti di preghiera... Ma non ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 17-01-2021)
Ascoltare il Signore e muoversi
Una signora ha testimoniato che, di fronte alla sofferenza per un giovane che ci ha lasciato prematuramente, si è messa a pregare e ha affermato che era da tanto tempo che non pregava, ma ne ha sentito profondamente il bisogno. Anche altri hanno espresso la loro preghiera, trovando nella preghiera la luce, il conforto, la forza da augurare alla famiglia e pe ...
(continua)
don Roberto Seregni     (Omelia del 17-01-2021)
Venite e vedrete
La liturgia ci fa iniziare questo tempo ordinario con un bellissimo testo del Vangelo di Giovanni. Tra le righe possiamo gustare la freschezza dell'inizio, la passione del primo sguardo, l'energia delle prime parole scambiate con il maestro. Sembra che tutto succeda per caso, ma sappiamo bene che non è cosí. Nel Vangelo, e nella vita, le apparenti casualità ...
(continua)
don Marco Scandelli     (Omelia del 17-01-2021)
Commento su Giovanni 1,35-42
Commento al Vangelo del Domenica della Seconda Settimana del Tempo Ordinario - Anno Pari - a cura di don Marco Scandelli #2minutiDiVangelo ---- Mc 1 35-42 Il Battista fissa un uomo fra la folla. Lo riconosce. L'aveva dovuto battezzare il giorno prima, sebbene non lo ritenesse giusto, visto che Gesù era molto più importante. Fissa quell'uomo e lo ...
(continua)
don Alessandro Farano     (Omelia del 17-01-2021)
Lectio Divina - II Domenica del Tempo Ordinario - Anno B
...
(continua)
don Mario Simula     (Omelia del 17-01-2021)
Non posso, non voglio scappare
Ognuno di noi conosce notti turbolente durante le quali non è il sonno a dettare il movimento delle ore interminabili, ma le domande che incalzano togliendo il sonno. Si può arrivare un po' avanti negli anni. Gli interrogativi cruciali continuano a bussare alla porta della nostra esistenza, martellano la testa. Vogliono trovare un varco per dirci che non pa ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 17-01-2021)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di Francesco Botta Celebriamo oggi la seconda domenica del tempo ordinario. Il tempo di Natale è terminato domenica scorsa con il battesimo del Signore. La liturgia, in questa seconda domenica dell'anno B, presenta un tema chiave per poter entrare in questo tempo ordinario: la chiamata di Dio. La liturgia infatti og ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 17-01-2021)

"Venite e vedrete" Cari Bambini ben trovati! Il Vangelo che abbiamo appena ascoltato è la storia di un incontro fantastico! L'incontro dei primi discepoli con il nostro Signore Gesù. Sapete bambini quando si parla dell'incontro con Gesù si parla di una cosa talmente bella che non si finisce più di raccontarla. Dio non è rimasto lontano da noi, ma quando ha ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 17-01-2021)
Ora parla tu, Signore, al mio cuore
...
(continua)
don Fabio Rosini     (Omelia del 17-01-2021)
Commento al Vangelo del 17 gennaio
...
(continua)
Michele Antonio Corona     (Omelia del 17-01-2021)
Accogliere lo sguardo d'amore di Gesù è già salvezza
Riprendiamo il cammino del Tempo Ordinario con la II domenica che ci presenta la figura di Gesù Agnello di Dio. Il brano dell'evangelista Giovanni narra in modo teologico la chiamata dei primi discepoli. Come sempre, i vangeli non sono la cronaca dei fatti, ma ne sono la rilettura credente; così in due domeniche successive (II e III) la liturgia ci offre d ...
(continua)
don Gaetano Luca (Amore)     (Omelia del 17-01-2021)

...
(continua)
diac. Vito Calella     (Omelia del 17-01-2021)
«Stare»
«Stare» uniti nell'ascolto orante della Parola di Dio confidando in una guida spirituale. «Betania, al di là del Giordano, dove Giovanni stava battezzando» (Gv 1,28) significa "casa del povero". Il luogo geografico richiama la condizione esistenziale in cui stare, immedesimandoci in Giovanni Battista, che «stava con due dei suoi discepoli» (Gv 1,35a). È un ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 17-01-2021)
Lo sguardo del Maestro è il primo annuncio
I personaggi del racconto: un Giovanni dagli occhi penetranti; due discepoli meravigliosi, che non se ne stanno comodi e appagati, all'ombra del più grande profeta del tempo, ma si incamminano per sentieri sconosciuti, dietro a un giovane rabbi di cui ignorano tutto, salvo un'immagine folgorante: ecco l'agnello di Dio! Un racconto che profuma di libertà e di ...
(continua)
mons. Erio Castellucci diocesi di Modena-Nonantola     (Omelia del 17-01-2021)
Venite e vedrete
...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 17-01-2021)
Che cosa stai cercando?
...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 17-01-2021)

Questa seconda domenica del tempo ordinario ci propone l'inizio della missione pubblica di Gesù secondo Giovanni. Il Battista, indicandolo ai suoi discepoli, disse: «ecco l'agnello di Dio». Tradotto: ecco colui che attendevamo, ecco colui che è venuto a sacrificarsi per noi, ad amarci fino in fondo, a prendere su di sé il male presente nel mondo per redimerl ...
(continua)
padre Paul Devreux     (Omelia del 17-01-2021)
Commento su Giovanni 1,35-42
Il giorno dopo Giovanni stava ancora là con due dei suoi discepoli e, fissando lo sguardo su Gesù che passava, disse: «Ecco l'agnello di Dio!». Il giorno prima Giovanni aveva visto Gesù venire verso di lui e avva detto ai discepoli che si trattava del figlio di Dio, venuto a togliere il peccato del mondo e a battezzare in Spirito Santo. Ha detto cose import ...
(continua)
don Michele Cerutti     (Omelia del 17-01-2021)

Una occasione grande ci viene offerta oggi dalla Parola di Dio nel brano evangelico e nella prima lettura, ovvero, quello di fare memoria della chiamata del Signore a vivere la nostra vocazione in pienezza. La proposta non esclude nessuno. La vocazione non è solo del prete, del frate e della suora o dei consacrati in generale, ma è anche di coloro che vivo ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 17-01-2021)
Parla Signore, abbiamo bisogno di sentire la tua voce
Con questa seconda domenica del tempo ordinario entriamo nel vivo di quel periodo liturgico che ci traghetterà verso la Quaresima e la Pasqua. La parola di Dio di questo giorno santo ci invita a riflettere su tema della chiamata vocazionale. Già la prima lettura, tratta dal libro di Samuele ci parla appunto della chiamata di questo giovanetto al servizio ...
(continua)
Frati Minori Cappuccini     (Omelia del 17-01-2021)
Commento su Giovanni 1,35-42
...
(continua)
Diocesi di Vicenza     (Omelia del 17-01-2021)
La Parola - Commento al Vangelo di Giovanni (Gv 1,35-42)
...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 17-01-2021)
Commento su Giovanni 1,35-42
La pagina del Libro di Samuele, e il brano del Vangelo di Giovanni contengono i caratteri fondamentali di una storia di vocazione, di tutte le storie di vocazione: forse conoscete la vicenda del giovane Samuele: venne portato al Tempio dalla madre, e donato a Dio, in ringraziamento per averlo avuto, dopo anni di sterilità; la donna aveva pregato Dio affinché ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 17-01-2021)
Commento su Giovanni 1,35-42
In questa seconda Domenica del tempo ordinario la liturgia ci invita a riflettere e a meditare sul grande tema della sequela del Cristo. Il Vangelo di Giovanni ci offre un vero e proprio itinerario di conversione che parte da Giovanni Battista, il quale riconosce e confessa l'Agnello di Dio, e arriva a Simone sul quale Gesù porrà le basi della sua Chiesa. Il ...
(continua)
don Roberto Fiscer     (Omelia del 17-01-2021)
#StradeDorate - Commento su Giovanni 1,35-42
...
(continua)
don Alfonso Giorgio Liguori     (Omelia del 17-01-2021)
Abbiamo trovato il Messia
...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 17-01-2021)
Un nome, non a caso
Le letture di oggi ispirano qualche riflessione sui nomi propri delle persone. Pare sia stato il commediografo latino Plauto a coniare l'espressione "Nomen est omen", cioè "Il nome è un presagio", che si usa quando si vuol vedere nel nome o nel cognome di qualcuno un significato allusivo alla sua personalità o a un evento che lo riguarda. In realtà il cogno ...
(continua)
don Claudio Luigi Fasulo     (Omelia del 17-01-2021)
Dio ti chiama perché ti ama (Seconda domenica del Tempo ordinario - anno B)
...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 17-01-2021)
Tutto in un incontro
"Da quell'incontro sorse la comunità". Questa è un'espressione di Don Pierino Gelmini, fondatore di una casa di recupero per tossicodipendenti, che mi ha sempre affascinato, perché conclude la sua storia personale di un incontro con un giovane tossico che cambiò radicalmente la sua vita. Da Monsignore lo rese infatti Don Pierino, dedito ai ragazzi in preda a ...
(continua)
Paolo De Martino     (Omelia del 17-01-2021)
Domande
Giovanni inizia il suo racconto presentando la settimana inaugurale della vita pubblica di Gesù, quei giorni nei quali Gesù ha incominciato ad apparire come un rabbi predicatore. In questo brano c'è un bellissimo gioco di sguardi. Prima Giovanni Battista fissa lo sguardo su Gesù. Alla fine del brano è Gesù che fissa lo sguardo su Pietro. Poi c'è Gesù che ...
(continua)
don Nicola Salsa     (Omelia del 17-01-2021)
Ecco l'agnello di Dio (Gv 1,35-42)
...
(continua)
Michele Antonio Corona     (Omelia del 17-01-2021)
Battista-Gesù-Simone: una cascata di sguardi
Riprendiamo il cammino del Tempo Ordinario con la II domenica che ci presenta la figura di Gesù Agnello di Dio. Il brano dell'evangelista Giovanni narra in modo teologico la chiamata dei primi discepoli. Come sempre, i vangeli non sono la cronaca dei fatti, ma ne sono la rilettura credente; così in due domeniche successive (II e III) la liturgia ci offre d ...
(continua)
padre Fernando Armellini     (Omelia del 17-01-2021)
Videocommento su Gv 1,35-42
...
(continua)
don Fabio Rosini     (Omelia del 14-01-2018)
Audio commento alla liturgia del 14 gennaio 2018
...
(continua)
don Claudio Luigi Fasulo     (Omelia del 14-01-2018)
Audio commento al Vangelo - Gv 1,35-42
...
(continua)
Sulla strada - TV2000     (Omelia del 14-01-2018)
Commento su Giovanni 1,35-42
...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 14-01-2018)
Audio commento alla liturgia - Gv 1,35-42
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 14-01-2018)

Gesù sta passando, è in cammino. Per ben 3 volte troviamo il verbo vedere. Non è tanto un vedere fisico, ma indica la capacità di cogliere la realtà più profonda e bella dell'altro: è vedere oltre la vista. E così Giovanni Battista "vede" nel Nazareno che si avvicina il Messia servo di JHWH; i due discepoli "vedono" dove Gesù rimane, e rimangono con lui, dan ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 14-01-2018)
Glorificate Dio nel vostro corpo
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
don Maurizio Prandi     (Omelia del 14-01-2018)
Un Dio incontrabile
Anche questo incontro di Gesù con i discepoli è inserito in un viaggio, in un cammino. Le scorse celebrazioni sono state segnate dal cammino dei Magi, dal cammino degli uomini; oggi se volete, potremmo dire che stiamo insieme al cammino che Dio in Gesù decide di intraprendere. Gesù che passa, viene incontro all'umanità. Mi piace questo Dio che in Gesù si fa ...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 14-01-2018)
Cosa cerchiamo?
Clicca qui per la vignetta della settimana. "Che cosa cercate?" È la domanda che Gesù rivolge ai discepoli di Giovanni Battista che si sono messi a seguirlo. Giovanni ha detto loro che è l'agnello di Dio, usando un'espressione biblica che indicava salvezza e realizzazione delle promesse di vita per il popolo di Dio. Così i discepoli vanno da quest'uomo ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 14-01-2018)
La domanda è la più grande risposta
Il Padre, all'indomani della Creazione, esordì sul palcoscenico della storia con una domanda: «(Adamo), dove sei?» (Gen 3,9). Domanda d'interesse, una sorta di ammissione implicita di compagnia dopo la truffa perpetrata da Satana. Il Figlio - salutati i suoi a Nazareth e partito obbedendo all'ora per la quale era venuto al mondo - fece il suo esordio tra gli ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 14-01-2018)
Venite e vedrete
Bella scena. I due discepoli di Giovanni si avvicinano a Gesù, grandioso. Nessuno sa chi sia, è uno dei tanti pellegrini venuto a farsi battezzare, non è ancora il rabbino che raduna folle oceaniche. Sono determinati i due discepoli (forse sono Andrea il fratello di Pietro e Giovanni l'evangelista), ma quando si avvicinano, Gesù li gela. Si aspettano un i ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 14-01-2018)
Video commento a Gv 1,35-42
...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 14-01-2018)
Video commento a Gv 1,35-42
...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 14-01-2018)
Vocazione
Chissà quale idea abbiamo della vocazione...e oggi, che nella nostra Diocesi celebriamo la Giornata del Seminario, questa domanda acquista un significato tutto particolare. Penso sia abbastanza semplice cadere in equivoci riguardo al termine "vocazione", soprattutto quando non si fa parte della categoria degli "addetti ai lavori": diciamo che, se per chi ha ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 14-01-2018)
Commento su Giovanni 1,35-42
Giovanni fissa lo sguardo su Gesù e lo svela Agnello di Dio. "Ecco l'agnello di Dio": tre parole sostanziose che svelano il segreto di Gesù preannunciato nella prima Pasqua in Egitto e nel Servo innocente sacrificato. Da quel giorno, in riva al Giordano, la Chiesa non ha fatto altro che indicare e mostrare l'Agnello di Dio, seguirlo e rimanere con lui. Quest ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 14-01-2018)
Commento su Giovanni 1,35-42
"Che cosa cercate?", chiede il Signore ai due discepoli di Giovanni, che lo seguivano: è una domanda che dovremmo porre anche noi al nostro cuore, alla nostra mente, alla nostra coscienza,... Prima di intraprendere un'opera importante, dovremmo sempre chiederci che cosa stiamo cercando, che cosa vogliamo ottenere e perché. Temo che molti fedeli che frequent ...
(continua)
don Roberto Farruggio     (Omelia del 14-01-2018)
Commento alle letture con i ragazzi - II Domenica del Tempo Ordinario (Anno B)
...
(continua)
don Roberto Farruggio     (Omelia del 14-01-2018)
Commento alle letture - II Domenica del tempo ordinario (Anno B)
...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 14-01-2018)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di Rocco Pezzimenti 1. Il brano del Vangelo odierno ci interroga sul fondamento della nostra fede che, spesso, diamo per scontato e, come tale, non viene quasi mai approfondito. Se lo facessimo, forse, scopriremmo che le perplessità dei Giudei sono altrettanto presenti ora come lo furono allora. "Io sono il pane del ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 14-01-2018)

Abbiamo ancora nel cuore il Vangelo di domenica scorsa quando Gesù si è fatto battezzare da Giovanni Battista. Vi ricordate? Oggi troviamo un'altra volta Giovanni che sta con due dei suoi discepoli e che fissa lo sguardo su Gesù che passa. Voi sapete che cosa significa "fissare lo sguardo"? È come quando la maestra vi guarda in modo così intenso, così pro ...
(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 14-01-2018)
Continuare a sperare
Nel salmo responsoriale troviamo queste parole: Ho sperato, ho sperato nel Signore, ed egli su di me si è chinato, ha dato ascolto al mio grido (Sal 40,2). La nostra speranza nel Signore, la nostra attesa, il nostro grido, la nostra preghiera devono saper essere duraturi, perseveranti. Per questo il salmista ripete: ho sperato, ho sperato nel Signore. Questa ...
(continua)
don Giacomo Falco Brini     (Omelia del 14-01-2018)
La vita è bella
La vita è vocazione. Cioè, il senso della vita è udire la voce di Dio che non solo mi ha chiamato all'esistenza, ma in essa scrive con me una nuova pagina di storia sacra dentro il suo imperscrutabile disegno di amore. Ho una missione da compiere sulla terra. Anzi, Papa Francesco direbbe: io sono una missione e per questo mi trovo in questo mondo (EG n.273). ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 14-01-2018)
Commento su Gv. 1,38-39
"Rabbi, dove abiti? Gesù rispose: venite e vedrete. Andarono dunque e videro dove Egli dimorava. Quel giorno rimasero con Lui. Erano circa le quattro del pomeriggio." Gv. 1,38-39 Come vivere questa Parola? L'apostolo evangelista Giovanni annota qualcosa di molto importante per capire la ?divina umanità' di Gesù. Gli stessi discepoli del Battista sono incu ...
(continua)
diac. Vito Calella     (Omelia del 14-01-2018)
Attratti da una sensata follia d'amore
Discepoli dell'agnello di Dio, attratti da una sensata follia di amore Prima di vivere la santa comunione, nella celebrazione della Messa, invochiamo tre volte "l'agnello di Dio che toglie i peccati del mondo" chiedendo di avere misericordia di noi e di donarci la pace. Poi ascoltiamo l'invito a ricevere il Corpo e il Sangue di Gesù, e ci sentiamo dire: "Be ...
(continua)
don Roberto Fiscer     (Omelia del 14-01-2018)
#StradeDorate - Commento su Giovanni 1,35-42
...
(continua)
don Gianfranco Calabrese     (Omelia del 14-01-2018)
Video commento su Giovanni 1,35-42
...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 14-01-2018)
La chiave del cuore, che apre anche la porta del Regno
Gesù allora si voltò e, vedendo che lo seguivano, disse: «Che cercate?». Le prime parole di Gesù che il Vangelo di Giovanni registra sono sotto forma di domanda. È la pedagogia di quel giovane rabbi, che sembra quasi dimenticare se stesso per mettere in primo piano quei due giovani, quasi dicesse loro: prima venite voi. Amore vero mette sempre il tu prima de ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 14-01-2018)
Rabbì, dove dimori?
Fissando lo sguardo Uno dei problemi del nostro tempo è il telefono cellulare su cui troppo spesso fissiamo lo sguardo assentandoci dal mondo che ci circonda; succede camminando sul marciapiede e anche attraversando la strada, andando in bicicletta e in motorino, quando si è fermi al semaforo e purtroppo anche guidando. Quando uno sguardo si fa fisso, conce ...
(continua)
padre Giuseppe De Nardi     (Omelia del 14-01-2018)
Sulla Tua Parola - Gv 1,35-42
...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 14-01-2018)
La parola di Dio: un'indicazione di marcia precisa per la nostra vita
La parola di Dio di questa seconda domenica del tempo ordinario del nuovo anno solare ci riporta all'importa della stessa parola che oggi noi proclamiamo nella liturgia eucaristica, che ascoltiamo e che se accolta può indicarci la strada maestra nel cammino della nostra terrena, nella continua ricerca dei beni del cielo. La prima bellissima lettura, tratta ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 14-01-2018)
Video commento su Gv 1,35-42
...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 14-01-2018)
Nel nome un presagio o meglio una qualifica
Pare sia stato il commediografo latino Plauto a coniare l'espressione "Nomen est omen", cioè "Il nome è un presagio", che si usa quando si vuol vedere nel nome o nel cognome di qualcuno un significato allusivo alla sua personalità o a un evento che lo riguarda. In realtà il cognome, bello o brutto che sia, si eredita, senza poterci fare nulla, e il nome imp ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 14-01-2018)
Quanti erano i primi discepoli?
Oggi state bene attenti al Vangelo perché c'è un personaggio nascosto da scoprire e dobbiamo fare gli investigatori per trovarlo. L'altra volta vi avevo fatto questa domanda "chi erano i primi due discepoli di Gesù?" e voi avete citato i due nomi che avete trovato nel brano di questo vangelo, cioè Andrea e Simone. Risposta sbagliata perché già la domanda era ...
(continua)
Diocesi di Vicenza     (Omelia del 14-01-2018)
La Parola - Commento al Vangelo Giovanni (Gv 1,35-42)
...
(continua)
Carla Sprinzeles     (Omelia del 14-01-2018)
Commento su 1Sam 3,3-10.19; Gv 1,35-42
Terminato il tempo di Natale, rimettiamoci in cammino. L'obiettivo è essere felici, ma come fare? Ecco le letture ci conducono per mano e ci indicano la strada. Oggi ci viene presentata dalla liturgia la chiamata dei discepoli, che a quel tempo erano discepoli di Giovanni. In fondo è proprio il passaggio del testimone da Giovanni Battista a Gesù attraverso ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 14-01-2018)
Dio, vocazione e verità
Due episodi soltanto apparentemente simili quelli che riguardano Samuele da una parte e i discepoli di Cristo dall'altra. Nel primo caso infatti, si tratta di un fanciullo che dimora nel tempio del Signore, il cui sacerdote è Eli, che sente nottetempo di essere chiamato e dopo aver frainteso la provenienza di quella voce, si accorge che in realtà è una Parol ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 14-01-2018)
Commento su 1Sam 3,3-10.19; Sal 39; 1Cor 6,13-15.17-20; Gv 1,35-42
Le letture, che la liturgia di questa seconda domenica del tempo ordinario, offre alla nostra meditazione, ci presentano un atteggiamento costante di Dio: la ricerca della nostra collaborazione alla sua volontà. Senza questo atteggiamento alla collaborazione, Dio non fa violenza per obbligarci a servirlo - (" Ecco sto alla porta e busso. Se qualcuno ascolta ...
(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 14-01-2018)
Video Commento a Gv 1,35-42
Don Giorgio Zevini, decano emerito della Facoltà di Teologia dell'UPS commenta la liturgia della II Domenica del Tempo Ordinario (Anno B). ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 14-01-2018)
E quel giorno rimasero con lui
Possiamo servirci di una immagine usata dalla navigazione per comprendere chi è Cristo Gesù. Lui è la stella polare da raggiungere. La bussola dovrà orientare la vita di ogni uomo verso quella direzione. Per questo Gesù dovrà essere sempre dinanzi ai nostri occhi. Questa verità così viene vissuta da Paolo, così anche annunziata dalla Lettera agli Ebrei. Chi ...
(continua)
padre Fernando Armellini     (Omelia del 14-01-2018)
Videocommento su Gv 1,35-42
...
(continua)
Diocesi di Vicenza     (Omelia del 18-01-2015)
La Parola - commento a Gv 1,35-42
...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 18-01-2015)
Dio non chiede sacrifici ma sacrifica se stesso
Un Vangelo che profuma di libertà, di spazi e cuori aperti. Due discepoli lasciano il vecchio maestro e si mettono in cammino dietro a un giovane rabbi di cui ignorano tutto, tranne una definizione folgorante: ecco l'agnello di Dio, ecco l'animale dei sacrifici, immolato presso gli altari, l'ultimo ucciso perché nessuno sia più ucciso. In tutte le religioni ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 18-01-2015)
Andarono dunque e videro dove egli dimorava
Ognuno di noi è obbligato a chiedersi ogni giorno - non una sola volta in vita o addirittura mai - dove dimora il Signore. Dove lo si può trovare. Se dimentichiamo di farci questa domanda, sprofondiamo nella più grande falsità della nostra stessa umanità. Ci faremo disumani. Diventeremo cannibali dei nostri fratelli. Il profeta Geremia rivela che quando l'uo ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 18-01-2015)
Commento su Gv 1,39
«Videro dove egli dimorava e quel giorno rimasero con lui» Gv 1,39 Come vivere questa Parola? L'incontro con Gesù ha cambiato la vita ai discepoli: sulla parola di Giovanni Battista, che indica Gesù come "l'Agnello di Dio", i primi discepoli si pongono alla sua sequela. Essi chiedono dove egli abiti e subito si affidano completamente a lui che li invita: ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 18-01-2015)
Audio commento alla liturgia
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
mons. Gianfranco Poma     (Omelia del 18-01-2015)
Andarono, videro, rimasero con Lui
Con questa domenica inizia il "tempo ordinario" della Liturgia, tempo nel quale la Chiesa ci guida con la sua meravigliosa forza pedagogica nel cammino della crescita nella fede e nell'esperienza della vita nuova in Cristo. La fede non è l'adesione ad un sistema filosofico o etico, ma l'incontro con una persona viva: oggi la Liturgia ci invita a rinnovare i ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 18-01-2015)
Non apparteniamo a noi stessi, siamo del Signore
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
don Luca Garbinetto     (Omelia del 18-01-2015)
La vita è vocazione
Fin dall'inizio della sua missione pubblica, Gesù va costituendo una comunità attorno a sé. Chiama degli uomini a seguirlo e a condividere con lui la propria passione e la propria sorte. Non si tratta soltanto di un necessario seguito, adibito a portare gli onori di un nuovo maestro, per esibirne l'autorità e la sapienza. Non è neanche una semplice compagnia ...
(continua)
don Maurizio Prandi     (Omelia del 18-01-2015)
Un Dio che parla
Domenica scorsa abbiamo un incontrato un Gesù "difficile". La stessa idea continua a guidarci anche oggi: un Gesù che fa domande e non da risposte (cosa cercate?) un Gesù che invita a muoversi, a prendere delle decisioni senza però dare garanzie sulla bontà di ciò che si vedrà e si troverà (venite e vedrete)! Ancora una volta, all'inizio del tempo ordinario ...
(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 18-01-2015)
Commento su 1Cor 6,13-15.17-20
Collocazione del brano Per tutti i tre anni in cui è suddivisa la liturgia domenicale la Chiesa propone nelle prime domeniche del tempo Ordinario la prima lettera ai Corinzi. L'anno A si leggono i primi 4 capitoli, quest'anno sono previsti i capitoli 6-10, e per l'anno C i capitoli dal 12 al 15. Paolo era arrivato a Corinto dopo il fallimento avuto ad Aten ...
(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 18-01-2015)
Parla, Signore, perché il tuo servo ti ascolta
Nel salmo responsoriale di questa seconda domenica del tempo ordinario ascoltiamo queste parole: Ho sperato, ho sperato nel Signore, ed egli su di me si e? chinato, ha dato ascolto al mio grido. La nostra speranza nel Signore, la nostra attesa del Signore, il nostro grido al Signore, la nostra preghiera al Signore devono saper essere duraturi, perseveranti. ...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 18-01-2015)
L'importanza della domanda!
Clicca qui per la vignetta della settimana. Che ci stiamo a fare qui? Perché vado a messa questa domenica? Vorrei iniziare con questo interrogativo la celebrazione di domenica prossima. È un interrogativo che ovviamente pongo anche a me stesso e la cui risposta non è affatto scontata. Che cosa cerco dal momento che inizio a mettermi in moto mentalmente ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 18-01-2015)
Eccomi, una parola che trasforma
Un conto è sentirsi al mondo a caso o svolgere la propria vita a caso. Un conto è sentirsi chiamati, perché amati: chiamati alla vita, chiamati alle scelte, alla gioia, agli impegni, alla soddisfazione di avere un senso nella propria esistenza e nello scorrere delle giornate. La Bibbia, Parola di Dio, spesso ci presenta dei personaggi, delle testimonianze: p ...
(continua)
don Michele Cerutti     (Omelia del 18-01-2015)

Nella prima lettura di oggi Samuele ci dimostra che il Signore continua a chiamare a seguirlo più da vicino; Lui non si stanca di chiamare. Credo che anche i giovani che sentono oggi la chiamata nella loro vita non siano pochi. La difficoltà odierna sta nel trovare persone come Eli capaci di decodificare i segni di una chiamata. I primi responsabili sono ce ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 18-01-2015)
Erano le quattro. M'innamorai di te
Sa di non essere lui quello che la gente va cercando appieno. E non vanta la seppur minima arroganza o pretesa di farlo sospettare. Il Battista è come un girasole, sa sempre dove voltarsi: «Fissando lo sguardo su Gesù che passava». Punta il dito, addita alla Verità, la battezza col suo nome: «Ecco l'agnello di Dio». E' Lui che dovranno seguire e, dopo averlo ...
(continua)
don Roberto Fiscer     (Omelia del 18-01-2015)
#StradeDorate - Commento su Giovanni 1,35-42
...
(continua)
don Lello Ponticelli     (Omelia del 18-01-2015)
Prediche senza Pulpito - Commento a Gv 1,35-42
...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 18-01-2015)
Passaggi
Stava con due dei suoi discepoli Il primo "passaggio" che questa pagina ci racconta è tra lo "stare" di Giovanni e il camminare di Gesù. Nel sottofondo sembra esserci un passaggio difficile e fragile tra l'antica e la nuova Alleanza. Nella stabilità di Giovanni si potrebbe raffigurare, in una lettura positiva, la fedeltà di Israele a Dio, alla sua Legge, la ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 18-01-2015)
Video commento su Gv 1,35-42
...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 18-01-2015)
Il Messia di tutti
Siamo un po' troppo convinti che il Signore si riveli solo ad alcuni privilegiati. Personalmente, ho questa sensazione ogni volta che qualcuno si rivolge a me chiedendomi di pregare per lui o comunque secondo le sue intenzioni. E fin qui, nulla di strano, anzi: se non chiedi a un prete di pregare per te, a chi lo chiedi? Quello che invece mi colpisce e che s ...
(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 18-01-2015)
Videocommento a Gv 1, 35-42
...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 18-01-2015)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di don Massimo Cautero Le quattro del pomeriggio Chi di noi, specie i più "anzianotti", non ha un anno, un giorno, un'ora da ricordare legata ad un momento "centrale" della propria vita? Ci sono dei fatti - lo ribadisco per i più giovani! - che non lasceranno più il nostro cuore, fatti che hanno cambiato in qualc ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 18-01-2015)
Video commento a Gv 1,35-42
...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 18-01-2015)
Video commento a Gv 1,35-42
...
(continua)
don Gianfranco Calabrese     (Omelia del 18-01-2015)
Video commento su Giovanni 1,35-42
...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 18-01-2015)

Da quel giorno la Chiesa non ha fatto altro: mostrare l'Agnello di Dio, seguirlo e rimanere con lui, vedere i suoi gesti e toccare la sua persona. Questo è il contenuto dell'evangelizzazione, il significato dell'annuncio del Vangelo. A testimoniarlo, nel corso di due millenni, la storia di santi, martiri e missionari, senza alcun confine di età, sesso, condi ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 18-01-2015)
Una parola che scalda il cuore e spinge nella giusta direzione
La parola di Dio della seconda domenica del tempo ordinario è incentrata sul tema della chiamata: quella di Samuele ad essere profeta di Signore, quella degli apostoli ad essere inviati di Gesù Cristo. Ogni chiamata richiede la parola di chi chiama e l'ascolto che diventa risposta positiva o negazione a chi chiama e fa capire con precisione la sua voce, il ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 18-01-2015)
La verità è vocazione
Da dove vengo? Dove sono diretto? Queste sono solo alcuni degli interrogativi inquietanti che da sempre tormentano l'uomo esigendo risposte soddisfacenti e precise, che però non si trovano negli ambiti preferiti della scienza e del sistema in cui si vive. Solo la rivelazione può soddisfare questo anelito sostanziale dell'uomo perché in essa avviene l'inveros ...
(continua)
don Marco Pratesi     (Omelia del 18-01-2015)
Ruminare i Salmi - Salmo 40,7-8 (II domenica del tempo ordinario, anno B)
Ruminare i Salmi - Salmo 40 (Vulgata / liturgia 39),7-8 (II domenica del tempo ordinario, anno B) CEI Non hai chiesto olocausto né (sacrificio per il) peccato. Allora ho detto: «Ecco, io vengo». TILC Non hai chiesto di bruciare animali sull'altare, o di offrire sacrifici per togliere i peccati. Allora ho detto: 'Ecco, io vengo'. 1Corinzi 6,19-20 No ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 18-01-2015)

Siamo di nuovo nel Tempo Ordinario, lo saremo per un mese appena, fino al 18 febbraio, mercoledì delle ceneri, quando inizierà un altro tempo forte, il tempo di Quaresima-Pasqua: che facciamo in questi 30 giorni? intendo, a livello di fede, di vita accordata sulla fede... Aspettando i giorni del digiuno, dell'astinenza, della preghiera e dell'elemosina - i p ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 18-01-2015)
Commento su 1Sam 3,3-10.19; Sal 39; 1Cor 6,13-15.17-20; Gv 1,35-42
Le letture di oggi ci presentano un Dio in ricerca della nostra collaborazione. Anche oggi Dio cerca collaboratori attraverso le vie misteriose degli eventi umani. A noi spetta scoprire ciò che Dio vuole da noi e dire come Samuele: "Parla, perché il tuo servo ti ascolta". La prima lettura è centrata sulla chiamata di Samuele, il figlio di Anna, la moglie st ...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 18-01-2015)
La vita: aprirsi alla relazione con Dio
Dopo l'infanzia, considerata nel periodo natalizio, già il vangelo di domenica scorsa presentava Gesù adulto. Il suo battesimo al fiume Giordano ha significato la sua solenne presentazione al popolo d'Israele quale Messia, il ricattatore atteso da secoli, e l'inizio della sua vita pubblica, che tra i primissimi atti ha visto la chiamata dei primi apostoli. ...
(continua)