LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 1 Gennaio 2021 <

Mercoledì 30 Dicembre 2020

Giovedì 31 Dicembre 2020

Venerdì 1 Gennaio 2021

Sabato 2 Gennaio 2021

Domenica 3 Gennaio 2021

Lunedì 4 Gennaio 2021

Martedì 5 Gennaio 2021

Mercoledì 6 Gennaio 2021

Giovedì 7 Gennaio 2021

Venerdì 8 Gennaio 2021

Newsletter
Per ricevere la Liturgia del giorno inserisci la tua mail:


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:



  MARIA SANTISSIMA MADRE DI DIO

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: SOLENNITA'
Colore liturgico: Bianco
Scheda Agiografica: MARIA SANTISSIMA MADRE DI DIO
S0101 ;

Il brano del vangelo ci narra un episodio della vita di una famiglia ebrea, ma l’ambientazione è inusuale per una nascita. Si tratta di una famiglia emarginata socialmente. Eppure il bambino è Dio e la giovane donna l’ha concepito e partorito nella verginità. Alcuni pastori si affrettano, in risposta a un messaggio dal cielo, per riconoscerlo e glorificarlo a loro modo.
Vi è difficile considerarlo vostro Dio?
Volgete il pensiero per un attimo al fascino persistente esercitato da sua madre su uomini e donne di ogni ambiente e classe, su persone che hanno conosciuto successi o fallimenti di ogni tipo, su uomini di genio, su emarginati, su soldati angosciati e destinati a morire sul campo di battaglia, su persone che passano attraverso dure prove spirituali.
Il genio artistico si è spesso consacrato alla sua lode: pensate alla “Pietà” di Michelangelo, al gran numero di Madonne medievali e rinascimentali, alle vetrate incantevoli della cattedrale di Chartres e alla più bella di tutte le icone: la Madonna di Vladimir, che aspetta con pazienza, nel Museo Tretiakov di Mosca, giorni migliori.
Perché la Madonna ispira tanta umanità?
Forse perché è, come dicono gli ortodossi, un’icona (= immagine) di Dio?
Forse perché Dio parla per suo tramite anche se Maria resta sempre una sua creatura, sia pure una creatura unica grazie ai doni ricevuti dal Padre?
Tutto ciò è stato oggetto di discussioni, spesso accese, quando spiriti grandi cercarono di esprimere in termini umani il mistero di Dio fatto uomo.
Maria fu definita madre di Dio, “theotokos”, e ciò contribuì a calmare dispute intellettuali. Questo appellativo è particolarmente caro ai cristiani dell’Est, ai nostri fratelli del mondo ortodosso, ed è profondamente radicato nella loro teologia, ripetuto spesso nelle loro belle liturgie, specialmente nella liturgia bizantina, che è stata considerata la “più perfetta” proprio per via delle sue preghiere ufficiali dedicate al culto di Maria.
Cominciamo l’anno nel segno di questo grande mistero.
Cerchiamo allora di approfondire la nostra devozione a Maria, Madre di Dio e nostra, eliminandone, però, ogni traccia di sentimentalismo spicciolo.
Tentiamo di convincere i giovani che si tratta qui di un idealismo rispondente, certo, alle aspirazioni più profonde dello spirito umano, ma che richiede impegno e molto coraggio.

Scarica il foglietto della Messa >
Scarica le Letture del Lezionario >
Scarica il Salmo Responsoriale Cantato >
Ricevi la Liturgia via mail >
Leggi la sua scheda su Santiebeati.it >
Condividi questa Liturgia su > Facebook
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Salve, Madre santa: hai dato alla luce il Re
che governa il cielo e la terra nei secoli dei secoli.

Oppure:
Oggi la luce splenderà su di noi: è nato per noi il Signore.
Il suo nome sarà: Consigliere mirabile, Dio potente,
Padre per sempre, Principe della pace.
Il suo regno non avrà fine. (Cf. Is 9,1.5; Lc 1,33)


Colletta
O Dio, che nella verginità feconda di Maria
hai donato agli uomini i beni della salvezza eterna,
fa’che sperimentiamo la sua intercessione,
poiché per mezzo di lei abbiamo ricevuto l’autore della vita,
Gesù Cristo, tuo Figlio.
Egli è Dio, e vive e regna con te,
nell’unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli.

>

Prima lettura

Nm 6, 22-27
Porranno il mio nome sugli Israeliti, e io li benedirò.

Dal libro dei Numeri

Il Signore parlò a Mosè e disse: «Parla ad Aronne e ai suoi figli dicendo: “Così benedirete gli Israeliti: direte loro:
Ti benedica il Signore
e ti custodisca.
Il Signore faccia risplendere per te il suo volto
e ti faccia grazia.
Il Signore rivolga a te il suo volto
e ti conceda pace”.
Così porranno il mio nome sugli Israeliti e io li benedirò».

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 66

Dio abbia pietà di noi e ci benedica.

Dio abbia pietà di noi e ci benedica,
su di noi faccia splendere il suo volto;
perché si conosca sulla terra la tua via,
la tua salvezza fra tutte le genti.

Gioiscano le nazioni e si rallegrino,
perché tu giudichi i popoli con rettitudine,
governi le nazioni sulla terra.

Ti lodino i popoli, o Dio,
ti lodino i popoli tutti.
Ci benedica Dio e lo temano
tutti i confini della terra.

>

Seconda lettura

Gal 4,4-7
Dio mandò il suo Figlio, nato da donna.

Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Gàlati

Fratelli, quando venne la pienezza del tempo, Dio mandò il suo Figlio, nato da donna, nato sotto la Legge, per riscattare quelli che erano sotto la Legge, perché ricevessimo l’adozione a figli.
E che voi siete figli lo prova il fatto che Dio mandò nei nostri cuori lo Spirito del suo Figlio, il quale grida: Abbà! Padre! Quindi non sei più schiavo, ma figlio e, se figlio, sei anche erede per grazia di Dio.

Parola di Dio

Canto al Vangelo (Ebr 1,1.2)
Alleluia, alleluia.
Molte volte e in diversi modi nei tempi antichi
Dio ha parlato ai padri per mezzo dei profeti;
ultimamente, in questi giorni,
ha parlato a noi per mezzo del Figlio.
Alleluia.

>

Vangelo

Condividi il Vangelo su >   Facebook Ascolta il Vangelo >    

Lc 2,16-21
I pastori trovarono Maria e Giuseppe e il bambino. Dopo otto giorni gli fu messo nome Gesù.


+ Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, [i pastori] andarono, senza indugio, e trovarono Maria e Giuseppe e il bambino, adagiato nella mangiatoia. E dopo averlo visto, riferirono ciò che del bambino era stato detto loro.
Tutti quelli che udivano si stupirono delle cose dette loro dai pastori. Maria, da parte sua, custodiva tutte queste cose, meditandole nel suo cuore.
I pastori se ne tornarono, glorificando e lodando Dio per tutto quello che avevano udito e visto, com’era stato detto loro.
Quando furono compiuti gli otto giorni prescritti per la circoncisione, gli fu messo nome Gesù, come era stato chiamato dall’angelo prima che fosse concepito nel grembo.

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
(Dall'Orazionale CEI 2020)
Con l’animo colmo di esultanza per la divina maternità della Vergine Maria, innalziamo al Padre la nostra filiale e unanime preghiera.
Preghiamo insieme e diciamo: Per intercessione di Maria, ascoltaci, o Padre.

1. Per la comunità ecclesiale: sull’esempio di Maria, immagine e modello della Chiesa, sia docile all’ascolto della parola di vita e conduca l’umanità all’incontro con il Salvatore. Preghiamo.
2. Per i genitori: accolgano il dono della vita come una benedizione di Dio e siano, per i loro figli, saggi educatori e coerenti testimoni della fede. Preghiamo.
3. Per gli operatori di pace: il loro impegno a favore della riconciliazione e della fraternità fra i popoli sia efficace e fruttuoso. Preghiamo.
4. Per tutte le donne: guardando a Maria, Vergine e Madre, vivano in pienezza la propria vocazione materna e promuovano il valore della bellezza e dell’amore. Preghiamo.
5. Per noi qui presenti: l’anno nuovo, che riceviamo dalla bontà del Signore, sia vissuto nelle nostre famiglie e nelle nostre comunità come tempo di grazia, nell’adesione operosa e serena alla sua volontà. Preghiamo.

O Dio, principio e fine di tutte le cose, accogli dalle mani di Maria, Madre dei viventi, le preghiere del tuo popolo: dona a noi tutti di crescere con la forza del tuo Spirito fino a giungere alla piena maturità di Cristo. Egli vive e regna nei secoli dei secoli.

Preghiera sulle offerte
O Dio, che nella tua provvidenza
dai inizio e compimento a tutto il bene che è nel mondo,
concedi a noi, nella solennità della divina maternità di Maria,
di gustare le primizie del tuo amore misericordioso
per goderne felicemente i frutti.
Per Cristo nostro Signore.


PREFAZIO DELLA BEATA VERGINE MARIA I
La maternità della beata Vergine Maria

È veramente cosa buona e giusta,
nostro dovere e fonte di salvezza,
rendere grazie sempre e in ogni luogo
a te, Signore, Padre santo,
Dio onnipotente ed eterno.
±oi ti lodiamo, ti benediciamo,
ti glorifichiamo
nella maternità della beata sempre Vergine Maria.
Per opera dello Spirito Santo
ha concepito il tuo unico Figlio,
e sempre intatta nella sua gloria verginale,
ha irradiato sul mondo la luce eterna,
Gesù Cristo, Signore nostro.
Per mezzo di lui gli Angeli lodano la tua grandezza,
le Dominazioni ti adorano,
le Potenze ti venerano con tremore;
a te inneggiano i cieli dei cieli e i Serafini,
uniti in eterna esultanza.
Al loro canto concedi, o Signore,
che si uniscano le nostre umili voci
nell’inno di lode: Santo, ...

Nel Canone Romano, si dice il Communicantes proprio.
Nelle Preghiere eucaristiche II e III si fa il ricordo proprio.


Antifona alla comunione
Gesù Cristo è lo stesso
ieri e oggi e sempre. (Eb 13,8)

Oppure:
Maria custodiva tutte queste cose,
meditandole nel suo cuore.


Preghiera dopo la comunione
I sacramenti ricevuti con gioia, o Signore,
conducano alla vita eterna noi che ci gloriamo di riconoscere
la beata sempre Vergine Maria
Madre del tuo Figlio e Madre della Chiesa.
Per Cristo nostro Signore.

Si può utilizzare la formula della benedizione solenne

Dio, sorgente e principio di ogni benedizione,
effonda su di voi la sua grazia
e vi doni per tutto l’anno vita e salute. R. Amen.

Vi custodisca integri nella fede,
costanti nella speranza, perseveranti e pazienti
sino alla fine nella carità. R. Amen.

Dio disponga opere e giorni nella sua pace,
ascolti qui e in ogni luogo le vostre preghiere
e vi conduca alla felicità eterna. R. Amen.

E la benedizione di Dio onnipotente,
Padre e Figlio e Spirito Santo,
discenda su di voi e con voi rimanga sempre. R. Amen.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

don Lucio D'Abbraccio     (Omelia del 01-01-2021)
Vergine Madre, figlia del tuo Figlio!
Oggi, primo giorno del nuovo anno, la chiesa celebra la solennità di Maria Madre di Dio. Nella seconda lettura san Paolo enuncia così questo mistero: «quando venne la pienezza del tempo, Dio mandò il suo Figlio, nato da donna, nato sotto la Legge, per riscattare quelli che erano sotto la Legge, perché ricevessimo l'adozione a figli». Con queste parole, la di ...
(continua)
don Luca Garbinetto     (Omelia del 01-01-2021)
La liturgia di Betlemme
La nascita del Figlio di Dio avviene in una commovente liturgia domestica. A Betlemme, "casa del pane", viene preparata una mensa dalla Madre del Bambino. Nella mangiatoia, in cui viene deposto, si realizza il banchetto del Regno, come germe di vita che in terra compie e inizia la condivisione che salva. Il tempio è una umile abitazione, forse grotta, forse ...
(continua)
Michele Antonio Corona     (Omelia del 01-01-2021)
Una fede viva si nutre di parole e gesti significativi
Iniziamo il nuovo anno con Maria e con lo sguardo su di lei. Sappiamo bene e siamo coscienti quanto gli occhi siano importanti per la nostra vita e in questo tempo intriso di immagini e, troppo spesso, di immagine. La liturgia della Parola presenta in modo delicato e rispettoso la figura della madre di fianco a Giuseppe e in diretto riferimento al Figlio. ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 01-01-2021)
Un nuovo anno nel segno della speranza con l'aiuto della Madre del Signore
Il nuovo anno si apre con la celebrazione in onore della Madonna, sotto il titolo di Maria, Madre di Dio, primo dogma mariano della storia. La chiesa affida quindi alla Madonna l'inizio dell'anno e celebra Maria come Madre del Signore, in quanto il nuovo anno è un nuovo tempo che Dio dona all'umanità e alla stessa creazione, che ha avuto un origine ed avrà ...
(continua)
don Michele Cerutti     (Omelia del 01-01-2021)

Si conclude l'ottava di Natale e la Chiesa ci esorta a contemplare la Madre di Dio la Vergine Maria e a riflettere sul dono della Pace. Riconoscendo nella Vergine Maria la maternità di Dio si ha il fondamento tutti i privilegi. Nel V secolo d.c., Nestorio, patriarca di Costantinopoli, combatte il titolo di Theotókos (Madre di Dio). Il Concilio di Efeso (43 ...
(continua)
don Marco Scandelli     (Omelia del 01-01-2021)
#2minutiDiVangelo - 1 gennaio - Maria ci prenda per i capelli quando siam tentati di scappare da Dio
Commento al Vangelo del 1 gennaio - a cura di don Marco Scandelli #2minutiDiVangelo ---- Lc 2 16-21 Dentro la disillusione con cui affrontiamo le nostre giornate, credo che sia possibile provare a fidarci che Lui possa cambiare le cose. In questo tempo dell'anno in molti si affidano ad oroscopi e fattucchiere. Quando in realtà basterebbe affidars ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 01-01-2021)
Tre concetti semplici semplici...
Mai come in questa occasione, credo, il passaggio da un anno a un altro si vive in un clima di totale incertezza, o quantomeno con sentimenti contrastanti nel cuore di ognuno di noi. Se da una parte, infatti, si è quasi unanimemente concordi nel desiderare che l'anno trascorso rimanga al più presto solo un brutto ricordo, non riuscendo a riscattare quasi nul ...
(continua)
don Domenico Bruno     (Omelia del 01-01-2021)
Benedire e(è) custodire
Tra le vocazioni che ogni cristiano riceve col battesimo, c'è la benedizione "dire bene", cioè riconoscere che Dio ha fatto bene ogni cosa. Ecco perché la maledizione non può abitare le nostre labbra. Maledire significa riconoscere il fallimento di Dio per qualcuno o qualcosa da lui creata, ma significa anche sottrarla alla benedizione di Dio. In questo c ...
(continua)
don Mario Simula     (Omelia del 01-01-2021)
Una pace a caro prezzo
Immagino di vedere una mamma che al mattino del nuovo anno si avvicina al letto del figlio e della figlia e svegliandoli augura loro tutto il bene possibile per la nuova, grande avventura che il Signore mette nelle loro mani. "Buon anno!". Sì, Maria. Buon anno da parte tua, dolcissima Madre di Dio e madre di ogni donna e di ogni uomo. Sì. Buon anno per bocc ...
(continua)
don Roberto Fiscer     (Omelia del 01-01-2021)
#StradeDorate - Commento su Luca 2,16-21
...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 01-01-2021)
Commento su Luca 2,16-21
La liturgia della Parola del 1 gennaio ci invita a rendere grazie a Dio per il dono di un nuovo anno: mi permettete un filo di cinismo? "Menomale che è finito il 2020! Del resto, che cosa ci si poteva attendere da un anno bisesto?"... Con un po' di fortuna, il 2021 andrà meglio... (potrebbe forse andare peggio?) Qualsiasi cosa succeda, invocare la benediz ...
(continua)
diac. Vito Calella     (Omelia del 01-01-2021)
Consapevoli della «pienezza del tempo» per cominciare l'anno con lo sguardo di fede
Chi ci benedice? Vogliamo custodire nel cuore e nella mente, all'inizio di questo nuovo anno, guardando al futuro anno entrante, la sacra formula di triplice benedizione del libro dei Numeri. Ma subito verrebbe da dire che i mezzi di comunicazione di questo nostro mondo globalizzato stanno elevando agli onori divini la scienza e la tecnologia applicata, gra ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 01-01-2021)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di Giuseppe di Stefano "Tre passi per un "buon anno" "Anno nuovo, vita nuova!". Così recita un detto popolare e così dovrebbe essere. Occorre svegliare il cuore, farlo alzare, rimetterlo in cammino. Ecco, allora, il primo passo da fare. Sappiamo che Dio esiste, che non invade, non si impone con forza. Come tale, ...
(continua)
padre Fernando Armellini     (Omelia del 01-01-2021)
Videocommento su Lc 2,16-21
...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 01-01-2021)
Amore materno per lui e anche per noi
Dopo la giacenza di Gesù nella culla improvvisata della grotta, accudito da due genitori umili e zelanti, adesso lo sguardo liturgico si volge particolarmente su colei che da poco ha messo alla luce questo bambino, reduce da un trascorso di gravidanza costellato da prove e difficoltà e consapevole che le lotte e le inquietitudini si protrarranno ancora a lun ...
(continua)
don Nicola Salsa     (Omelia del 01-01-2021)
Santa Maria Madre di Dio (Lc 2,16-21)
...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 01-01-2021)
Commento su Nm 6, 22-27; Sal 66; Gal 4,4-7; Lc 2,16-21
Abbiamo appena concluso un anno veramente difficile, che ci ha costretti a rivedere molti dei nostri atteggiamenti e delle nostre abitudini. I propositi che ci eravamo fatti all'inizio dello scorso anno sono stati sconvolti dalla pandemia del coronavirus e ci siamo dovuti adeguare a rivedere i nostri contatti con le persone, la nostra partecipazione alla mes ...
(continua)
don Alessandro Farano     (Omelia del 01-01-2021)
1 Gennaio - Commento al Vangelo - Maria SS. Madre di Dio
...
(continua)
Paolo De Martino     (Omelia del 01-01-2021)
Gli auguri di Dio
Oggi la chiesa celebra Maria Madre di Dio. Perché proprio questa festa all'inizio dell'anno? Perché dare alla luce un figlio è qualcosa di nuovo, una novità che travolge la vita, che ti fa rinascere. Tutto nel vangelo è novità. Il nuovo ci spaventa ma solo perché ancora non lo conosciamo. Il nuovo è così: ci costringe a rimetterci in gioco e la cosa non c ...
(continua)
don Gianfranco Calabrese     (Omelia del 01-01-2021)
Video commento su Luca 2,16-21
...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 01-01-2020)
Commento su Nm 6, 22-27; Sal 66; Gal 4,4-7; Lc 2,16-21
"Ma quando venne la pienezza del tempo, Dio mandò il suo Figlio, nato da donna, nato sotto la Legge, per riscattare quelli che erano sotto la Legge..." "Maria, da parte sua, custodiva tutte queste cose, meditandole nel suo cuore". Due passaggi biblici che rivelano tutta la "umanità" di colei che, nella consecutio temporum (articolazione logica dei tempi) d ...
(continua)
don Lucio D'Abbraccio     (Omelia del 01-01-2020)
Dio, per intercessione di Maria sua Madre, abbia pietà di noi e ci benedica!
Ancora avvolti dal clima spirituale del Natale, nel quale abbiamo contemplato il mistero della nascita di Cristo, oggi celebriamo con i medesimi sentimenti la Vergine Maria, che la Chiesa venera quale Madre di Dio, in quanto ha dato carne al Figlio dell'eterno Padre. Le letture bibliche di questa solennità pongono l'accento principalmente sul Figlio di Dio f ...
(continua)
diac. Vito Calella     (Omelia del 01-01-2020)
Come Maria madre di Dio, auguriamoci la pienezza della triplice benedizione del Signore
La preghiera di benedizione attestata nel libro dei Numeri veniva pronunciata solennemente dai sacerdoti del popolo di Israele ed oggi è il primo annuncio della parola di Dio per tutti noi, che cominciamo il nuovo anno. Basterebbe soltanto custodire nel cuore il sacro nome di Dio, JHWH, ripetuto tre volte, che significa «Ci sono che ci sono», per procedere f ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 01-01-2020)
Con Maria, tutto l'anno incontriamo Dio
Il nuovo anno solare inizia nel nome di Maria Santissima che oggi veneriamo con il titolo di Madre di Dio, una verità di fede che il concilio di Efeso proclamò in modo solenne. Nel IV secolo il titolo «Madre di Dio» era ampiamente usato ad Alessandria d'Egitto ed era conosciuto in tutto l'Impero romano. Fu proclamato dogma dopo la controversia teologica cau ...
(continua)
don Mario Simula     (Omelia del 01-01-2020)
L'augurio di una Madre
Dio, mio Abbà, mio Papà, mi ha regalato il tempo. Il suo pensiero per me. La sua premura. Sono nelle sue mani prodigio di bellezza. Come ogni creatura chiamata per nome. Benedetta dal suo cuore. Protetta dalla sua tenerezza. Il Nostro Abbà ci ha dato una Madre, Sua Madre. Ne sono certo. Gesù, nato da quella Donna, ce l'ha affidata e ci ha affidato a Lei. ...
(continua)
don Domenico Bruno     (Omelia del 01-01-2020)
Commento al Vangelo di Luca 2,16-21
Per ascoltare il brano di commento al Vangelo di oggi CLICCA QUI Per ricevere il commento quotidiano unisciti al canale Telegram @annunciatedaitetti Visita il sito annunciatedaitetti.it Dai uno sguardo anche al canale YouTube ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 01-01-2020)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di don Paolo Ricciardi Ti benedica il Signore e ti custodisca. Nel primo giorno del nuovo anno la liturgia della Parola ci dona subito la benedizione di Dio. Egli dice bene di noi, mentre noi siamo tentati da subito a vedere le cose che non sono andate nell'anno precedente e a scongiurare quelle future... Dio inve ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 01-01-2020)

Oggi è la solennità di Maria Santissima Madre di Dio. Che significa? Maria è la mamma di Gesù. Gesù durante la sua vita ci ha rivelato la sua identità, ci ha detto di essere il Figlio di Dio e quindi Dio. Infatti essere figlio comporta avere la stessa natura del proprio padre: il figlio di un cane e' un cane, il figlio di un gatto è un gatto.. ecc.. quindi i ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 01-01-2020)
Madre di tutti e della pace
Dopo averci intrattenuto sul fenomeno della nascita di Betlemme e sul conseguente focalizzo della famiglia che scaturisce dalla nascita straordinaria di Gesù, adesso la liturgia ci invita a volgere l'attenzione alla sola Madre di Gesù Bambino. Maria si mostra sollecita e premurosa nei confronti del proprio Bambino, come farebbe qualsiasi mamma di questo mon ...
(continua)
don Nicola Salsa     (Omelia del 01-01-2020)
Custodisci nel tuo cuore
...
(continua)
don Alessandro Farano     (Omelia del 01-01-2020)
Video commento al Vangelo - 1 Gennaio - Maria Santissima Madre di Dio
...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 01-01-2019)
Commento su Lc 2,16-19
«Andarono, senza indugio, e trovarono Maria e Giuseppe e il bambino, adagiato nella mangiatoia. E dopo averlo visto, riferirono ciò che del bambino era stato detto loro. Tutti quelli che udivano si stupirono delle cose dette loro dai pastori. Maria, da parte sua, custodiva tutte queste cose, meditandole nel suo cuore.» Lc 2,16-19 Come vivere questa Parola ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 01-01-2019)
Commento su Luca 2,16-21
Le parole più povere per contenere il mistero più grande: i pastori andarono e trovarono Maria e Giuseppe e il bambino. Grande è anche la povertà dei pastori ed emarginata la loro vita, simbolo dell'attesa del Messia nella "notte" della storia. Povero il segno: un bambino adagiato in una mangiatoia. Per Maria è segno della potente misericordia di Dio. Il bam ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 01-01-2019)
Una Madre che sa di Dio, e un Dio che sa di Madre
Chi di noi ha ancora i genitori in vita, o almeno uno di essi, e non vive più con loro da tempo, quando si avvicinano le feste di fine anno, si preoccupa di passare almeno un momento di festa con loro. E siccome in genere il cenone di san Silvestro, o comunque la serata dell'ultimo dell'anno tra amici e parenti, non vede la presenza dei nostri cari attempati ...
(continua)
Lingua dei Segni Italiana     (Omelia del 01-01-2019)

...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 01-01-2019)
Maria e il nostro tempo
Il primo giorno dell'anno potrebbe essere l'occasione per riflettere sul fatto che la nostra vita e la nostra sussistenza nel cosmo non sono affidate al caso. Per completare il ciclo di rivoluzione attorno al sole (che anche gli altri pianeti svolgono regolarmente) la terra percorre un'orbita di circa 940 chilometri a una velocità di 30 km al secondo e impie ...
(continua)
don Mario Simula     (Omelia del 01-01-2019)
Anche io ti chiamo MADRE
Un omelia può diventare una preghiera. Contemplando il volto, la grandezza, la tenerezza, la regalità di Maria Madre di Dio e Madre nostra, non so trovare un linguaggio altrettanto adeguato per dire a tutti quelli che ascoltano, che leggono, che meditano, la bellezza immensa della Madre di Dio, specchio della bellezza di Dio, se non ricorrendo alla preghiera ...
(continua)
don Lucio D'Abbraccio     (Omelia del 01-01-2019)
Gli fu messo nome Gesù, come era stato chiamato dall'angelo
La prima lettura che la liturgia della parola ci propone, è un testo di benedizione, è un'invocazione a Dio, affinché faccia brillare il suo volto sul popolo e lo protegga: «Il Signore faccia risplendere per te il suo volto e ti faccia grazia. Il Signore rivolga a te il suo volto e ti conceda pace». Questa benedizione deve essere per noi un monito: mentre i ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 01-01-2019)
Commento su Luca 2,16-21
"Il grido della pace si levi alto perché giunga al cuore di tutti e tutti depongano le armi e si lascino guidare dall'anelito di pace.": è il grido lanciato nel settembre del 2013, da Papa Francesco, in occasione della veglia di digiuno e di preghiera per la pace in Siria. Invocare la pace il primo giorno del nuovo anno è un rischio: significa sottoscrivere ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 01-01-2019)
Si stupirono
Andarono, senza indugio, e trovarono Il vescovo Lancelot Andrewes (1555-1626) nel suo sermone per il Natale 1618 osserva: «Nel messaggio dell'angelo ci sono due parti: "La nascita, e. il ritrovamento". Perché questa è una festa doppia: non solo la festa della sua nascita, ma anche la festa del suo "ritrovamento". Per questo l'angelo non conclude l'annuncio ...
(continua)
don Fabio Rosini     (Omelia del 01-01-2018)
Audio commento alla liturgia del 1 gennaio 2018
...
(continua)
don Claudio Luigi Fasulo     (Omelia del 01-01-2018)
Audio commento al Vangelo - Lc 2,16-21
...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 01-01-2018)
Maria Ss.ma Madre di Dio
I pastori sono annunciatori, raccontano e diffondono quanto hanno veduto. Una scelta che non pare opportuna, vista la fama di cui godevano. Eppure sono proprio i primi. Il Figlio di Dio, il Salvatore del mondo, ha privilegiato questa modalità di annuncio. Oggi noi avremmo fatto ricorso ai social, alla messaggistica. Avremmo però lo stesso spessore d ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 01-01-2018)
Commento su Nm 6, 22-27; Sal 66; Gal 4,4-7; Lc 2,16-21
Maria (in ebraico:????, Myrhiàm; aramaico: Mary?m; greco:?????? Mariam, ?????/????? María; arabo: ????, Maryam), detta anche Maria di Nazaret, è la madre di Gesù. Venerata come "Santissima Madre di Dio" dai cattolici e dagli ortodossi (che la onorano del titolo di ????????, Theotókos), la sua santità è comunque riconosciuta dalla Comunione anglicana e anche ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 01-01-2018)
Commento su Lc 2, 16
«E andarono in fretta e scoprirono e Maria e Giuseppe e il bambino adagiato in una mangiatoia». Lc 2, 16 Come vivere questa Parola? Tra i vari segni della nascita del Redentore, quelli delle fasce e della mangiatoia sono i più citati perché rivelano il cuore del grande mistero dell'Incarnazione. Un Dio che si fa piccolo, che viene fasciato, curato da una ...
(continua)
don Maurizio Prandi     (Omelia del 01-01-2018)
Gesù nasce in chi ci crede
Negli appunti di questi anni trovo sempre qualcosa che mi fa bene e allora lo ripropongo, a me e a voi, provando ad aggiungere qualcosina che speriamo sia lo Spirito a suggerire. Quanti temi nella liturgia di oggi, quante suggestioni, quale ricchezza! La benedizione, la luce, il volto, il nome, la solidarietà di Dio con gli uomini, il tempo, il conservare e ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 01-01-2018)
C'è una mano amica che ci tira su
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 01-01-2018)
Cristo, la Madre e il nostro tempo
Oggi principalmente si presta attenzione alla Festa di Capodanno e ci si scambia i voti augurali di bene, pace e prosperità per tutte le giornate del 2018 incipiente. Il che se vogliamo non è impertinente con la Scrittura e con la liturgia: proprio la seconda Lettura di oggi, tratta da un famoso brano di Paolo ai Galati esclama infatti che "Quando venne la p ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 01-01-2018)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di don Marco Simeone Con Lui e con Maria sarà un anno bellissimo! Tra le Solennità dell'anno liturgico penso che la solennità di oggi sia veramente la cenerentola! Molti fedeli, infatti, partecipano alla Messa prefestiva, quella per capirci in cui si canta l'inno "Te Deum", ma il giorno dopo, quello della Solennit ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 01-01-2018)
Nel nome della Beata Vergine Maria, iniziamo questo nuovo anno del Signore
Un nuovo anno solare che inizia oggi è sempre un motivo per guardare avanti nel segno della gioia, della pace e della speranza. E ciò lo facciamo affidando questo nuovo itinerario temporale alla Beata Vergine Maria, che oggi celebriamo con il titolo di "Madre di Dio", perché Madre di Gesù, nato da lei per opera dello Spirito Santo e della cui natività stiam ...
(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 01-01-2018)
Veramente uno di noi
Come si possa ritenere una creatura umana madre di Dio non cessa di interrogarci. Tale appellativo sembra implicare una nascita, un inizio, mentre sappiamo che Dio è eterno, esiste da sempre, è l'esistenza stessa. Poi non si capisce come avverrebbe una tale generazione, che analogia dovremmo trovare in una tale immagine per la fecondazione. Più simbolicament ...
(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 01-01-2018)
Video Commento a Lc 2, 16 - 21
...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 01-01-2017)
Figli
La pienezza del tempo In questo giorno di capodanno, quando abbiamo buttato via il vecchio calendario e apriamo un'agenda tutta nuova, ancora un po' frastornati dal chiasso che questa notte ha salutato l'arrivo del nuovo anno, è facile pensare al tempo. San Paolo ai Galati parla della pienezza del tempo ma certamente non si riferiva alla situazione storica ...
(continua)
Sulla strada - TV2000     (Omelia del 01-01-2017)
Commento su Luca 2,16-21
...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 01-01-2017)
Audio commento alla liturgia - Lc 2,16-21
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
don Maurizio Prandi     (Omelia del 01-01-2017)
La beatitudine dei pastori, la beatitudine di Maria
È sempre bello, all'inizio di un nuovo anno, ascoltare queste parole di benedizione, quelle che la prima lettura ci propone. Sinceramente ne ho bisogno, ne abbiamo bisogno credo. È bello sapere, ancora una volta, che il nostro Dio è un Dio che parla: il Signore parlò a Mosè e disse. Ed è un Dio che ha bisogno degli uomini per poter far correre questa parola ...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 01-01-2017)

L'inizio del nuovo anno è posto sotto il segno di Maria, Madre di Dio e nostra tenera Madre. Il popolo cristiano da sempre l'ha invocata come Madre di Dio (specialmente nel III sec.), definizione solennemente sancita al concilio di Efeso, nel 431 d.C. Si racconta che mentre i vescovi erano riuniti insieme per decidere, fuori una folla immensa già gridava: ma ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 01-01-2017)
La benedizione di Dio sulla nostra vita
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 01-01-2017)
Tacerlo era diventato impossibile
conoscevano solamente due cose: l'esistenza di Dio sopra le loro teste spazzolate dal vento, l'esistenza delle pecore strette ai loro piedi di pastori. Due cose che a loro bastarono per non perdersi l'appuntamento con la storia. Il giorno in cui, primi tra tutti, andarono «senza indugio» a trovare il Cristo-atteso, recarono con loro una di quelle due cose ch ...
(continua)
don Luca Garbinetto     (Omelia del 01-01-2017)
Custodire il Dio della pace nel cuore
Siamo in compagnia della Vergine Madre, Regina della pace. Ma quale pace invochiamo e quale pace può intercedere, la fanciulla di Nazareth, in un mondo ferito e straziato da secoli, tragicamente attraversato, ieri e oggi, da bufere di violenza e di odio? Quale pace ha conosciuto lei, nella notte di Betlemme, negli anni della maternità, quando già da bambino ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 01-01-2017)
Commento su Nm 6, 22-27; Sal 66; Gal 4,4-7; Lc 2,16-21
«(I pastori) andarono, senza indugio, e trovarono Maria e Giuseppe e il bambino, adagiato nella mangiatoia. E dopo averlo visto, riferirono ciò che del bambino era stato detto loro. Tutti quelli che udivano si stupirono delle cose dette loro dai pastori. Maria, da parte sua, custodiva tutte queste cose, meditandole nel suo cuore. I pastori se ne tornarono, g ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 01-01-2017)
Commento su Gal 4,4
Dio mandò il suo Figlio, nato da donna, nato sotto la Legge, per riscattare quelli che erano sotto la Legge, perché ricevessimo l'adozione a figli. Gal 4,4 Come vivere questa Parola? In pochissime parole, San Paolo descrive il mistero dell'incarnazione: Dio manda il Figlio suo nel mondo e lo pone sotto due condizioni: nascere da una donna, nascere sotto l ...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 01-01-2017)
Non più schiavi della violenza
Clicca qui per la vignetta della settimana. Sono stato a Berlino qualche mese fa in visita turistica, e la cosa che mi ha colpito è il senso di ordine e modernità di questa grande metropoli tedesca. Berlino nello scorso secolo è stata il simbolo della una divisione profonda tra blocchi mondiali (filo occidentali e filo sovietici) che ha segnato la seconda ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 01-01-2017)
Così benedirete
Così benedirete gli Israeliti. L'ordine dato da Dio a Mosè e Aronne è perentorio e senza possibilità di interpretazione. I due liberatori, i due condottieri, i due profeti fratelli sono chiamati a benedire il popolo, a dire del bene. L'invito che il Signore rivolge a ciascuno di noi all'inizio di questo nuovo anno è semplice e lineare: siamo chiamati a ben ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 01-01-2017)
Video commento a Lc 2,16-21
...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 01-01-2017)
Video commento a Lc 2,16-21
...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 01-01-2017)
Nonviolenza, caratteristica del cristiano
La Giornata Mondiale di preghiera per la Pace raggiunge quest'anno un traguardo importante, ovvero quello del mezzo secolo: da cinquant'anni, infatti, iniziamo il nuovo anno civile nel nome della Pace, oltre che sotto la protezione della Maternità di Maria, che liturgicamente parlando è stata istituita molto prima, addirittura nell'VIII secolo. Il messaggio ...
(continua)
don Roberto Farruggio     (Omelia del 01-01-2017)
Commento alle letture con i ragazzi - Maria Santissima Madre di Dio
...
(continua)
don Roberto Farruggio     (Omelia del 01-01-2017)
Commento alle letture - Maria Santissima Madre di Dio
...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 01-01-2017)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura delle Clarisse di Via Vitellia "Salve, Madre santa": così inizia la Chiesa questo nuovo anno civile, salutando la Madre, vedendo dunque in Maria la porta - davvero santa, santissima - attraverso la quale passare per muovere con sicurezza i primi passi in questa terra vergine che è l'anno che inizia. È bella l'immagi ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 01-01-2017)

Oggi è la prima domenica dell'anno ed oggi il Vangelo porta la nostra attenzione ad una delle figure più importanti della vita di Gesù: la sua Mamma. In questa ricorrenza di "Maria Santissima Madre di Dio" ci aspetteremmo un brano che parli di Lei, che metta in luce tutta la sua bellezza e bontà d'animo, che ci permetta di cogliere tutta la delicatezza di un ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 01-01-2017)
Scoprire un Dio dalle grandi braccia e dal cuore di luce
Otto giorni dopo Natale, lo stesso racconto di quella notte: Natale non è facile da capire, è una lenta conquista. Ci disorienta: per la nascita, quella nascita, che divenne nella notte un passare di voci che raccontavano una storia incredibile. Da stropicciarsi gli occhi. È venuto il Messia ed è nel giro di poche fasce, nella ruvida paglia di una mangiatoia ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 01-01-2017)
Video commento su Lc 2,16-21
...
(continua)
Diocesi di Vicenza     (Omelia del 01-01-2017)
La Parola - commento a Lc 2,16-21
A cura di don Alessio Graziani. Registrato nella cappella dell'episcopio. ...
(continua)
padre Giuseppe De Nardi     (Omelia del 01-01-2017)
Sulla Tua Parola - Lc 2,16 21
...
(continua)
padre Paul Devreux     (Omelia del 01-01-2017)
Commento su Luca 2,16-21
Come abbiamo visto nella notte di Natale, i pastori, che sanno che di loro si pensa solo del male e per cui sono convinti di essere considerati maledetti anche da Dio, si meravigliano tantissimo del fatto che gli angeli gli annunciano un Dio che li ama e che viene per aiutarli e non per condannarli. Perciò vanno in fretta a vedere se è vero, come chi ha app ...
(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 01-01-2017)
Video Commento a Lc 2, 16 - 21
...
(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 01-01-2017)
Risplenda su di te il suo volto
Il testo dell'omelia si trova in Luigi Gioia, "Mi guida la tua mano. Omelie sui vangeli domenicali. Anno A", ed. Dehoniane, disponibile online presso questo link https://goo.gl/NWRzYo ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 01-01-2017)
Messaggeri di pace, con l'aiuto della Madre di Dio
Dopo i ringraziamenti al Signore per il dono di un anno che è ormai alle spalle, dopo i festeggiamenti per il passaggio al nuovo anno 2017, ci ritroviamo, insieme a pregare, all'inizio del nuovo anno solare 2017, confidando nell'aiuto di Dio, fidandoci di Lui e affidandoci completamente alla sua guida e direzione di marcia. Nulla è impossibile a Dio e nulla ...
(continua)
Carla Sprinzeles     (Omelia del 01-01-2017)
Commento su Numeri 6,22-27; Luca 2,16-21
Oggi è capodanno, è l'inizio di un nuovo anno e c'è la consuetudine di farsi gli auguri: cosa significa? Non è solo una gioiosa consuetudine, ma è anche il necessario richiamo alla nostra condizione di creature. Il tempo, infatti, ci costituisce viventi, perché solo in una successione di eventi siamo in grado di accogliere le offerte vitali che ci sono fatte ...
(continua)
don Roberto Fiscer     (Omelia del 01-01-2017)
#StradeDorate - Commento su Luca 2,16-21
...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 01-01-2017)
Con Maria verso l'avvenire
"Nato da donna, nato sotto la legge, per riscattare coloro che erano sotto la legge"(Gal 4,4). Così Paolo descrive il Cristo venuto nella carne, che è entrano nella storia umana, uomo fra gli uomini. "Nato da donna" è espressione spesso adoperata dalla mariologia per dare risalto a Maria Madre del Dio fatto uomo e alla sua figura di modello e di maternità an ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 01-01-2017)
Commento su Luca 2,16-21
Sono molti anni, ormai, che la Chiesa celebra la giornata della pace, istituita da S.Giovanni Paolo II: Appena sette giorni fa abbiamo contemplato il mistero del Natale, in tutta la sua grandiosa manifestazione, eserciti angelici compresi, i quali cantavano "Gloria a Dio nel più alto dei cieli e pace in terra agli uomini che Egli ama."; è un testo che procla ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 01-01-2017)

Inizia l'anno e, per grazia, siamo subito raggiunti da un augurio e da una benedizione: "Ti benedica il Signore e ti protegga. [...] Il Signore rivolga su di te il suo volto e ti conceda pace". Sì, il Signore ci conceda la pace per intercessione di Maria che oggi celebriamo come Madre di Dio. "Sotto la tua protezione cerchiamo rifugio, santa Madre di Dio: no ...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 01-01-2017)
Il tempo che passa avvicina alla meta
E' capodanno: auguri a tutti i lettori. Oggi sarebbe festa anche se non fosse domenica, ma non perché comincia un anno nuovo: la liturgia celebra oggi, ottavo giorno dal Natale, il maggior titolo di gloria di Maria, il fatto di essere la Madre di quel Bambino che è nel contempo, inestricabilmente, uomo e Dio, sicché pur essendo creatura umana ella può essere ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 01-01-2016)
Vinci l'indifferenza e conquista la pace
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 01-01-2016)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di don Paolo Ricciardi Eccoci qui, al passaggio di un anno, tra fuochi d'artificio, botti, giochi, cene e pranzi da consumare con parenti ed amici. Sono giorni particolari, fatti di bilance (con l'aumento per tutti di qualche chilo) e soprattutto di "bilanci", come naturalmente avviene quando aggiungiamo una unità a ...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 01-01-2016)
Il cuore grida pace
Clicca qui per la vignetta della settimana. Non voglio la pace! Quando questa mi rende indifferente al fratello Quando rende sordo il mio orecchio al grido di aiuto di chi soffre Quando chiude le mie mani per trattenere le mie cose senza condividere Quando orienta i miei occhi solo dove mi interessa e dove non ho fastidi. Non voglio la pace se sign ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 01-01-2016)
Indifferenti alla pace?
"Il vero male è l'indifferenza": con questa convinzione, Madre Teresa affrontava ogni giorno il contatto con migliaia di malati, di lebbrosi, di senzatetto e di disperati nelle strade di Calcutta. "Non ho paura della cattiveria dei malvagi, ma dell'indifferenza degli onesti": così Martin Luther King lottava quotidianamente contro le coscienze perché i suoi ...
(continua)
mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 01-01-2016)
VI DO LA MIA PACE
Un augurio per Capodanno Oggi, solennità che la Chiesa dedica a Maria Madre di Dio e Giornata della pace, seppure in mille modi diversi, tutti, ma proprio tutti, abbiamo bisogno di ritrovare la pace. Vi sono tante domande nel nostro cuore che, umanamente, restano senza risposte; tanti ?perché', che paiono non avere un senso. Spesso restiamo frastornati, co ...
(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 01-01-2016)
Video Commento a Lc 2, 16-21
...
(continua)
don Lello Ponticelli     (Omelia del 01-01-2016)
Prediche senza Pulpito - Commento al Vangelo
...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 01-01-2016)
Maria, Stella della Misericordia
La liturgia di questo primo giorno del nuovo anno ci fa celebrare la solennità di Maria, Madre di Dio e la giornata mondiale della pace. Se questa annuale ricorrenza assume un significato particolare, ogni inizio d'anno, in quanto affidiamo il cammino temporale della nostra vita e della nostra storia alla Madre di Dio, questo lo è particolarmente oggi, nell' ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 01-01-2016)
Commento su Luca 2,16-21
Io mi sono sempre chiesto che cosa ci trovassero, i pastori, di tanto stupefacente, nella scena del presepe: i pastori erano poveri, i più poveri della società di quel tempo. Il loro lavoro era uno dei più disagevoli e peggio pagati: giorno e notte all'aperto, in qualsiasi stagione e con qualsiasi tempo. Le condizioni dei pastori non sono cambiate di molto, ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 01-01-2016)

Le visite nel Vangelo. L'angelo visita Maria a Nazaret. Maria visita Elisabetta ad Ain Karim. Oggi i pastori visitano la grotta dove Maria e Giuseppe hanno deposto il bambino nella mangiatoia. Povero il luogo, ancor più poveri i pastori, emarginati dalla società, lontani dall'ambiente del culto, eppure simboli dell'attesa fedele del Messia nella notte della ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 01-01-2016)
Dio con sua Madre ci sostenga
E' risaputo che Natale non si limita al solo 25 Dicembre, ma riguarda un periodo liturgico prolungato nei giorni che ci fa' riflettere su come il Figlio di Dio sia diventato Bambino nascendo in un certo contesto epocale e in una notte molto difficile; su come questo Bambino divino si sia deciso per un'infanzia abbandonata e precaria ma pur tuttavia protetta ...
(continua)
padre Fernando Armellini     (Omelia del 01-01-2016)
Video commento su Lc 2,16-21
...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 01-01-2015)
Commento su Luca 2,16-21
Un anno nuovo, con le sue speranze e le sue contraddizioni. La Chiesa osa proporre come modello di vita la figura di Maria, la prima fra i discepoli, colei che ha fatto del tempo donatole un capolavoro. Maria ha rappresentato un importante punto di riferimento nel percorso dei cristiani lungo la storia. Prima ad avere accolto la Parola, che in lei si è fatt ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 01-01-2015)
Commento su Nm 6, 22-27; Gal 4,4-7; Lc 2,16-21
NUMERI 6,22-27 Il Signore rivolgendosi a Mosè e alla benedizione degli israeliti conferisce benessere e felicità verso il Suo popolo. Dio ha premura per Israele in tutto il percorso della sua esistenza. Questa di Dio è una benedizione verso Mosè e tutta Israele. Il volto sorridente di Dio è auspicio di protezione e prosperità verso il Suo popolo. Tutta l'at ...
(continua)
don Luca Garbinetto     (Omelia del 01-01-2015)
Globalizzare la fraternità
Se è vero quello che gli archeologi e gli studiosi della Bibbia ci raccontano, Gesù è nato in una grotta che costituiva la parte più interna di una povera casa di Betlemme. Era tipico ubicare giù in fondo, nella zona più nascosta dell'abitazione, la stalla degli animali, perché il loro fiato potesse risalire e riscaldare l'ambiente intero. Nella parte anteri ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 01-01-2015)
Nato sotto la legge per creare un cuore nuovo
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 01-01-2015)
Maria Madre di Dio e della gioia
MARIA MADRE DI DIO E DELLA GIOIA Con la solennità di oggi, Maria Madre di Dio, inizia il nuovo anno solare del 2015. E come tutti gli inizi, anche questo primo giorno dell'anno lo affidiamo alla protezione della Madonna, Regina della pace e Madre della gioia. Questo nuovo anno che vede gli albori con questo giorno si prospetta molto importante per la vit ...
(continua)
don Gianfranco Calabrese     (Omelia del 01-01-2015)
Video commento su Luca 2,16-21
...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 01-01-2015)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di Gigi Avanti Ci sono persone che non rileggono per la seconda volta un romanzo o un racconto per il semplice fatto che ne conoscono già il contenuto e soprattutto, come affermano, perché sanno già "come va a finire"... Se si dovesse, paradossalmente parlando, applicare questo modo di fare alla vita... oppure al va ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 01-01-2015)
Madre di Dio e Madre Nostra
Tantissimi titoli venerano la Vergine Maria e anche le nostre liturgie spesseggiano di celebrazioni in suo onore in diverse circostanze dell'anno. Ma il titolo più appropriato da attribuire a Maria in pieno tempo di Natale, nel quale contempliamo la nascita nella carne del Figlio di Dio, non può essere che quello di Madre di Dio. Maria è infatti Madre di Col ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 01-01-2015)

Le parole più povere per contenere il mistero più grande: i pastori andarono e trovarono Maria e Giuseppe e il bambino. Grande è anche la povertà dei pastori ed emarginata la loro vita, simbolo dell'attesa del Messia nella "notte" della storia. Povero il segno: un bambino adagiato in una mangiatoia. Per Maria è segno della potente misericordia di Dio. Il bam ...
(continua)
don Michele Cerutti     (Omelia del 01-01-2015)

Un nuovo anno civile si apre. La liturgia della Parola ci invia già da subito le benedizioni necessarie perché questo cammino fatto di difficoltà, momenti felici e meno, sia sempre illuminato dal Signore. Le parole sono tratte dal libro dei Numeri al capitolo 6. Siamo ancora all'interno della pericope sinaitica. Il popolo è fermo sul Sinai. E' prossimo a u ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 01-01-2015)

Sei giorni fa ho presentato il Mistero del Natale come la Rivelazione di una relazione nuova con Dio e tra di noi: "Non vi chiamo più servi, ma amici!". La presenza del Signore nella nostra vita è quella di un amico fidato. Il Suo amore non verrà mai meno: anche "se noi manchiamo di fede, Egli però rimane fedele, - scrive san Paolo - perché non può rinnegare ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 01-01-2014)

Come ogni anno, la Chiesa dedica il primo giorno alla festa della maternità di Maria e alla preghiera per la pace nel mondo. Due priorità all'interno delle nostre scelte quotidiane... Tre sono gli elementi che caratterizzano la nostra vita, tre le cose da chiedere all'inizio di questo anno civile. Anzitutto la Chiesa ci propone il silenzio meditativo di Mar ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 01-01-2013)
Commento su Lc 2,16-21
Un anno che inizia, un anno donato in cui realizziamo il Regno, un anno per crescere, conoscere, amare. Maria ci accompagna in questa avventura di scoperta di ciò che siamo in profondità e ci insegna a guardare col cuore. È bello vivere momenti di speranza nella nostra vita. Bello il fatto che l'uomo, nonostante tutto, cerchi sempre delle vie d'uscita dai m ...
(continua)