LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 19 Gennaio 2020 <

Venerdì 17 Gennaio 2020

Sabato 18 Gennaio 2020

Domenica 19 Gennaio 2020

Lunedì 20 Gennaio 2020

Martedì 21 Gennaio 2020

Mercoledì 22 Gennaio 2020

Giovedì 23 Gennaio 2020

Venerdì 24 Gennaio 2020

Sabato 25 Gennaio 2020

Domenica 26 Gennaio 2020


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:



  II DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO A)

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: DOMENICA
Colore liturgico: Verde
AO020 ;

Il Dio che viene ad incontrarci nella Bibbia non regna, indifferente alla sofferenza umana, in una lontananza beata. E' un Dio che, al contrario, si prende a cuore tutta questa sofferenza. Lui la conosce (Es 3,7). La notizia di Dio che si fa uomo in Gesù non ci lascia di sasso: Dio viene nel cuore della nostra vita, si lascia toccare dalla nostra sofferenza umana, si pone con noi le nostre domande, si compenetra della nostra disperazione: “Mio Dio, perché mi hai abbandonato?” (Mc 15,34). Giovanni Battista dice di Gesù: “Ecco l’Agnello di Dio, che toglie il peccato del mondo”. Ecco questo Dio che si lascia ferire dalla cattiveria dell’uomo, che si lascia commuovere dalla sofferenza di questa terra.
Egli ha voluto avvicinarsi il più possibile a noi, è nel seno della nostra vita, con i suoi dolori e le sue contraddizioni, le sue falle e i suoi abissi.
È in questo che la nostra fede cristiana si distingue da qualsiasi altra religione. Gesù sulla croce - Dio nel mezzo della sofferenza umana: questa notizia è per noi un’incredibile consolazione. È vicino al mio dolore, egli mi capisce, sa come mi sento. Questa notizia implica allo stesso tempo un’esistenza scomoda: impegnati per coloro che, nel nostro mondo, stanno affondando, che naufragano nell’anonimato, che sono torturati, che vengono assassinati, che muoiono di fame o deperiscono... Sono tutti tuoi fratelli e tue sorelle!

Scarica il foglietto della Messa >
Scarica le Letture del Lezionario >
Scarica il Salmo Responsoriale Cantato >
Ricevi la Liturgia via mail >
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Tutta la terra ti adori, o Dio, e inneggi a te:
inneggi al tuo nome, o Altissimo. (Sal 66,4)


Colletta
Dio onnipotente ed eterno,
che governi il cielo e la terra,
ascolta con bontà
le preghiere del tuo popolo
e dona ai nostri giorni la tua pace.
Per il nostro Signore Gesù Cristo...

Oppure:
O Padre,
che in Cristo,
agnello pasquale e luce delle genti,
chiami tutti gli uomini
a formare il popolo della nuova alleanza,
conferma in noi la grazia del battesimo
con la forza del tuo Spirito,
perché tutta la nostra vita
proclami il lieto annunzio del Vangelo.
Per il nostro Signore Gesù Cristo...

>

Prima lettura

Is 49,3.5-6
Ti renderò luce delle nazioni, perché porti la mia salvezza.

Dal libro del profeta Isaìa

Il Signore mi ha detto:
«Mio servo tu sei, Israele,
sul quale manifesterò la mia gloria».
Ora ha parlato il Signore,
che mi ha plasmato suo servo dal seno materno
per ricondurre a lui Giacobbe
e a lui riunire Israele
– poiché ero stato onorato dal Signore
e Dio era stato la mia forza –
e ha detto: «È troppo poco che tu sia mio servo
per restaurare le tribù di Giacobbe
e ricondurre i superstiti d’Israele.
Io ti renderò luce delle nazioni,
perché porti la mia salvezza
fino all’estremità della terra».

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Salmo 39

Ecco, Signore, io vengo per fare la tua volontà.

Ho sperato, ho sperato nel Signore,
ed egli su di me si è chinato,
ha dato ascolto al mio grido.
Mi ha messo sulla bocca un canto nuovo,
una lode al nostro Dio.

Sacrificio e offerta non gradisci,
gli orecchi mi hai aperto,
non hai chiesto olocausto né sacrificio per il peccato.
Allora ho detto: «Ecco, io vengo».

«Nel rotolo del libro su di me è scritto
di fare la tua volontà:
mio Dio, questo io desidero;
la tua legge è nel mio intimo».

Ho annunciato la tua giustizia
nella grande assemblea;
vedi: non tengo chiuse le labbra,
Signore, tu lo sai.

>

Seconda lettura

1Cor 1,1-3
Grazia a voi e pace da Dio Padre nostro e dal Signore Gesù Cristo.

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi

Paolo, chiamato a essere apostolo di Cristo Gesù per volontà di Dio, e il fratello Sòstene, alla Chiesa di Dio che è a Corinto, a coloro che sono stati santificati in Cristo Gesù, santi per chiamata, insieme a tutti quelli che in ogni luogo invocano il nome del Signore nostro Gesù Cristo, Signore nostro e loro: grazia a voi e pace da Dio Padre nostro e dal Signore Gesù Cristo!

Parola di Dio

Canto al Vangelo (Gv 1,14.12)
Alleluia, alleluia.
Il Verbo si fece carne
e venne ad abitare in mezzo a noi;
a quanti lo hanno accolto
ha dato potere di diventare figli di Dio.
Alleluia.

>

Vangelo

Gv 1,29-34
Ecco l’agnello di Dio, colui che toglie il peccato del mondo.


+ Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, Giovanni, vedendo Gesù venire verso di lui, disse: «Ecco l’agnello di Dio, colui che toglie il peccato del mondo! Egli è colui del quale ho detto: “Dopo di me viene un uomo che è avanti a me, perché era prima di me”. Io non lo conoscevo, ma sono venuto a battezzare nell’acqua, perché egli fosse manifestato a Israele».
Giovanni testimoniò dicendo: «Ho contemplato lo Spirito discendere come una colomba dal cielo e rimanere su di lui. Io non lo conoscevo, ma proprio colui che mi ha inviato a battezzare nell’acqua mi disse: “Colui sul quale vedrai discendere e rimanere lo Spirito, è lui che battezza nello Spirito Santo”. E io ho visto e ho testimoniato che questi è il Figlio di Dio».

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
Più che offerte e sacrifici, Dio vuole da noi l’obbedienza alla sua volontà. Disponiamo il nostro animo alla preghiera, affinché possiamo domandargli ciò che è conforme ai suoi disegni d’amore.
Preghiamo dicendo: Ascoltaci Signore.

1. Perché la Chiesa sappia annunciare a tutti gli uomini che Gesù è l’Agnello che toglie i peccati dal mondo e che in lui soltanto c’è la salvezza. Preghiamo.
2. Per i predicatori, i catechisti, gli educatori, perché siano consapevoli dell’importanza del compito che è stato loro affidato, di essere cioè instancabili annunciatori del Signore. Preghiamo.
3. Per i cristiani che si trovano in situazioni di peccato, perché riscoprano la loro chiamata alla santità e si aprano alla consolazione e all’aiuto dello Spirito Santo nel cercare e vivere la volontà di Dio. Preghiamo.
4. Per coloro che sono impegnati nel dialogo interreligioso, perché sappiano individuare tutto ciò che unisce e rende possibile l’incontro tra gli uomini, resi in Cristo fratelli. Preghiamo.
5. Per noi, convocati a celebrare l’Eucaristia, perché il saperci salvati nel sangue dell’Agnello ci ispiri comportamenti di perdono e fraternità fondati sulla fede, nell’impegno ad edificare il Regno di Dio. Preghiamo.

O Dio, che ti fai chiamare Padre, ti rendiamo grazie per averci salvati nel sacrificio in croce del tuo Figlio, Gesù. Aiutaci a comprendere i nostri limiti e rendici capaci di orientare al bene le nostre azioni. Te lo chiediamo per Cristo nostro Signore.

Preghiera sulle offerte
Concedi a noi tuoi fedeli, Signore,
di partecipare degnamente ai santi misteri
perché, ogni volta che celebriamo
questo memoriale del sacrificio del tuo Figlio,
si compie l’opera della nostra redenzione.
Per Cristo nostro Signore.


Antifona di comunione
Dinanzi a me hai preparato una mensa
e il mio calice trabocca. (Sal 23,5)

Oppure:
Abbiamo conosciuto l’amore che Dio ha per noi
e vi abbiamo creduto. (1Gv 4,16)

Oppure:
“Ecco l’Agnello di Dio,
che toglie il peccato del mondo!” (Gv 1,29)


Preghiera dopo la comunione
Infondi in noi, o Padre, lo Spirito del tuo amore,
perché nutriti con l’unico pane di vita
formiamo un cuor solo e un’anima sola.
Per Cristo nostro Signore.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

don Fabio Rosini     (Omelia del 19-01-2020)
Commento al Vangelo del 19 gennaio
...
(continua)
mons. Erio Castellucci diocesi di Modena-Nonantola     (Omelia del 19-01-2020)
Ecco l'agnello di Dio, Colui che toglie il peccato del mondo
...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 19-01-2020)
Gesù, l'Agnello immolato sulla croce per la nostra redenzione
Dopo la conclusione del tempo di natale, liturgicamente ritorniamo alla normalità, nel senso che il tempo che da Natale ci separa dalla Pasqua, prevede queste settimane intermedie definite del tempo ordinario. Questa che celebriamo è la seconda domenica di questo tempo, in quanto la prima è consider ...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 19-01-2020)
Testimone dell'amore
...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 19-01-2020)
Commento su Giovanni 1,29-34
Io battezzo nell'acqua lui battezza nello Spirito, lui è l'agnello di Dio. Queste parole di Giovanni Battista sono vere e profonde. Il Battista è un uomo in attesa, il suo essere è rivolto ad Altro. Giovanni sa che vi è la promessa di Dio da compiersi. «È dunque uno che cerca, ma non si accontenta d ...
(continua)
don Mario Simula     (Omelia del 19-01-2020)
Dio si fida del mio "nulla"
Dio si fida di noi con un coraggio e con un amore che non avremmo mai immaginato. Celo dice esplicitamente: ?Mio servo tu sei. A te manifesterò la mia gloria?. In queste poche parole è racchiusa la chiamata sublime, imprevista, immeritata proposta a tutti noi. Una chiamata che ha origini dal primo m ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 19-01-2020)
Un agnello che porta la tenerezza divina
Giovanni vedendo Gesù venire... Poter avere, come lui, occhi di profeta e so che non è impossibile perché «vi è un pizzico di profeta nei recessi di ogni esistenza umana» (A.J. Heschel); vedere Gesù mentre viene, eternamente incamminato lungo il fiume dei giorni, carico di tutta la lontananza; mentr ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 19-01-2020)
Lectio Divina. Agnello dono d'Amore per la vita
...
(continua)
don Roberto Fiscer     (Omelia del 19-01-2020)
#StradeDorate - Commento su Giovanni 1,29-34
...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 19-01-2020)
È lui che battezza nello Spirito Santo
Le parole di Gesù sono verità eterna e immutabile. La Chiesa vive di questa verità. Chi distrugge questa verità, distrugge la Chiesa: ?«In verità, in verità io ti dico, se uno non nasce dall'alto, non può vedere il regno di Dio». Gli disse Nicodèmo: «Come può nascere un uomo quando è vecchio? Può fo ...
(continua)
don Alessandro Farano     (Omelia del 19-01-2020)
Lectio Divina - II Domenica del Tempo Ordinario - Anno A
...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 19-01-2020)
Commento su Giovanni 1,29-34
Dopo la festività del Battesimo del Signore è iniziato per la Chiesa il tempo ordinario. Oggi celebriamo la seconda Domenica di questo tempo liturgico e il Vangelo ci invita a riflettere sulla proclamazione del Cristo da parte di Giovanni Battista: ?In quel tempo, Giovanni, vedendo Gesù venire verso ...
(continua)
diac. Vito Calella     (Omelia del 19-01-2020)
Testimoni della Luce, come Giovanni Battista
Già nel prologo, all'inizio del suo vangelo, l'evangelista Giovanni ci aveva presentato Giovanni Battista come testimone della luce: «Venne un uomo mandato da Dio: il suo nome era Giovanni. Egli venne come testimone per dare testimonianza alla luce, perché tutti credessero per mezzo di lui. Non era ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 19-01-2020)
Umiltà e Spirito
Ecco l'agnello di Dio, ecco colui che toglie i peccati del mondo." Giovanni con queste parole precedute da altre predicazioni, insegnamenti e atti accompagnati dal battesimo per la conversione dei peccati rende testimonianza a Gesù identificandolo e indicandolo a tutti come il Messia, la luce che è ...
(continua)
don Claudio Luigi Fasulo     (Omelia del 19-01-2020)
Audio commento al Vangelo della Seconda domenica del Tempo Ordinario (Anno A - Gv 1,29-34)
...
(continua)
Diocesi di Vicenza     (Omelia del 19-01-2020)
La Parola - Commento al Vangelo di Giovanni(Gv 1,29-34)
...
(continua)
frate Attilio Gueli     (Omelia del 19-01-2020)
Ecco l'Agnello di Dio: la meravigliosa scoperta del Battista
...
(continua)
don Nicola Salsa     (Omelia del 19-01-2020)
Ecco l'agnello di Dio
...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 19-01-2020)
Commento su Giovanni 1,29-34
Erano passati circa trent'anni da quando Giovanni e Gesù si erano incontrati - si fa per dire -: in verità si erano incontrate le loro madri, Elisabetta che era al sesto mese di gravidanza e Maria, rimasta incinta da poco. In quell'occasione, avvertendo la presenza del Messia, colui che si sarebbe s ...
(continua)
padre Fernando Armellini     (Omelia del 19-01-2020)
Videocommento su Gv 1,29-34
...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 19-01-2020)
Commento su Is 49,3.5-6; Salmo 39; 1Cor 1,1-3; Gv 1,29-34
Il battista, fedele al suo ruolo di precursore, ha distolto dalla sua persona gli uomini inviati da Gerusalemme a indagare se lui sia il Messia. Questi che lo interrogano egli dice di essere la ? voce? della ?Parola2e di essere là per preparare la via al ?Verbo?. Secondo la tradizione del Tempio, il ...
(continua)
Sulla strada - TV2000     (Omelia del 15-01-2017)
Commento su Giovanni 1,29-34
...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 15-01-2017)
Commento su Gv 1,29-32
«In quel tempo, Giovanni vedendo Gesù venire verso di lui disse: "Ecco l'Agnello di Dio, ecco colui che toglie il peccato del mondo....Giovanni rese testimonianza dicendo: " Ho visto lo Spirito scendere come una colomba dal cielo e posarsi su di lui"». Gv 1,29-32 Come vivere questa Parola? Giova ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 15-01-2017)
Audio commento alla liturgia - Gv 1,29-34
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 15-01-2017)
Ecco, Signore, io vengo per fare la tua volontà
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 15-01-2017)
Il dito di Giovanni: "Calmatevi! Perché volete cristianizzare il mondo?"
Abituati com'erano al Battista, chissà quale uomo più grande di lui stavano immaginando di attendere i discepoli di Giovanni: «Ecco l'agnello di Dio!» Temo sia stato inenarrabile lo stupore apparso nei loro occhi: tra profezie, annunci e correzioni nessun popolo, al pari d'Israele, era mai stato cos ...
(continua)
don Luca Garbinetto     (Omelia del 15-01-2017)
Ecco l'Agnello di Dio
Dopo averci introdotti come testimone al mistero del Natale, Giovanni Battista è ancora nostro compagno di viaggio all'inizio del tempo ordinario. È lui che tende il dito della mano, e con esso tutta la sua persona protesa nell'accoglienza del Messia, e ci indica Gesù come Colui che stiamo attendend ...
(continua)
don Maurizio Prandi     (Omelia del 15-01-2017)
Attraversando l'umano
Dobbiamo leggere anche questa seconda domenica con l'attenzione rivolta al manifestarsi di Dio nella vita di un popolo e nella nostra vita. La prima lettura che abbiamo ascoltato ci dice una volta di più che siamo avvolti da un mistero di piccolezza; quel servo di cui si parla salva il suo popolo. ...
(continua)
padre Paul Devreux     (Omelia del 15-01-2017)

Il Vangelo di oggi ci presenta Giovanni non come il Battista ma come il testimone, venuto a rivelarci la presenza di Gesù. Vi troviamo anche una frase che leggiamo in ogni messa, prima della comunione: "Ecco l'agnello di Dio, ecco colui che toglie il peccato del mondo!". Cosa significa? Cos'è ques ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 15-01-2017)
Profughi e carichi del peccato del mondo
Nel giorno dello Yom Kippur, cioè il "giorno dell'espiazione", il popolo ebraico offriva a Dio due capri, da sacrificare nel Tempio di Gerusalemme in espiazione dei propri peccati. Il sommo sacerdote estraeva a sorte tra i due capri. Il primo era immolato in sacrificio: il suo sangue era utilizzato ...
(continua)
don Roberto Farruggio     (Omelia del 15-01-2017)
Commento alle letture con i ragazzi - II Domenica del Tempo Ordinario (Anno A)
...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 15-01-2017)
Occhiali spirituali per vedere oltre
Clicca qui per la vignetta della settimana. Qualche tempo fa, girava su internet un breve video, nel quale un giovane uomo preso dal proprio lavoro e dalla fretta di fare tutto quel che ha da fare, ogni volta che incontra una persona sul proprio cammino che gli rallenta ritmo si arrabbia e dentro ...
(continua)
don Roberto Farruggio     (Omelia del 15-01-2017)
Commento alle letture - II Domenica del Tempo Ordinario (Anno A)
...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 15-01-2017)
Video commento a Gv 1,29-34
...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 15-01-2017)
Ho visto. Ho testimoniato.
Io non lo conoscevo, ripete per due volte un assorto Giovanni Battista. Lo stupore di domenica scorsa (Tu vieni da me?) gli ha spalancato un mondo, un orizzonte, una comprensione del mistero di Dio totalmente inattesa. Credeva di sapere, credeva di credere, credeva di conoscere. Tutta la sua vita ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 15-01-2017)
Video commento a Gv 1,29-34
...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 15-01-2017)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di don Paolo Ricciardi Abbiamo da poco lasciato i magi, i grandi camminatori alla ricerca della verità e di Dio, e in questa seconda domenica del Tempo ordinario la situazione è capovolta: è Dio che, in Gesù, si mette sulle strade degli uomini. Dio si fa ri ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 15-01-2017)

Domenica scorsa abbiamo ascoltato il Vangelo del Battesimo di Gesù al Giordano, avvenimento importantissimo in cui il Padre fa sentire la sua voce: "Tu sei il mio Figlio, l'amato, in te ho posto la mia gioia". Appena battezzato Gesù esce dall'acqua e si aprono per lui i cieli e, come una colomba, d ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 15-01-2017)
Un agnello inerme, ma più forte di ogni Erode
Giovanni vedendo Gesù venirgli incontro, dice: Ecco l'agnello di Dio. Un'immagine inattesa di Dio, una rivoluzione totale: non più il Dio che chiede sacrifici, ma Colui che sacrifica se stesso. E sarà così per tutto il Vangelo: ed ecco un agnello invece di un leone; una chioccia (Lc 13,31-34) invec ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 15-01-2017)
Io non lo conoscevo
Ecco l'agnello di Dio Cosa effettivamente abbia detto il Battista vedendo Gesù venire verso di lui non è dato di saperlo, il Vangelo ci dona l'immagine dell'Agnello, assai caro all'evangelista Giovanni che fa coincidere il sacrificio della Croce all'offerta sacrificale degli agnelli per la Pasqua d ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 15-01-2017)
Video commento su Gv 1,29-34
...
(continua)
don Roberto Fiscer     (Omelia del 15-01-2017)
#StradeDorate - Commento su Giovanni 1,29-34
...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 15-01-2017)
La fotografia di Gesù
Oggi vediamo il Battista che definisce Gesù "l'Agnello di Dio". E non parla del battesimo al Giordano, ma testimonia di aver visto lo Spirito scendere su Gesù e rimanervi. Ecco i due punti sui quali vorrei soffermarmi. Perché agnello? L'Agnello cosa significa? Non lo chiama neanche col suo nome ...
(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 15-01-2017)
Un riposo per la colomba
Il testo dell'omelia si trova in Luigi Gioia, "Mi guida la tua mano. Omelie sui vangeli domenicali. Anno A", ed. Dehoniane. Clicca qui ...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 15-01-2017)
C'è un agnello tra passato e futuro
Il vangelo di oggi (Giovanni 1,29-34) ripresenta l'episodio di domenica scorsa, vale a dire il battesimo di Gesù, stavolta narrato attraverso la testimonianza del Battista, arricchita però da una espressione molto importante, per capire la quale è forse utile una premessa. Si sente dire talvolta che ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 15-01-2017)
Vedere e testimoniare Cristo, Messia e Redentore
Dopo il periodo di Avvento e di Natale, conclusosi con la festa del battesimo del Signore, continuiamo il nostro cammino spirituale, da un punto di vista liturgico, per realizzare la nostra personale santificazione, nel contesto della vita della comunità dei credenti. Come assemblea convocata per re ...
(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 15-01-2017)
Video Commento a Gv 1, 29 - 34
...
(continua)
Diocesi di Vicenza     (Omelia del 15-01-2017)
Commento su Giovanni 1,29-34
A cura di monsignor Renato Tomasi. Registrato nella chiesa parrocchiale dei santi Leonzio e Carpoforo di Magrè (Vicenza). ...
(continua)
padre Giuseppe De Nardi     (Omelia del 15-01-2017)
Sulla Tua Parola - Gv 1,29-34
...
(continua)
Carla Sprinzeles     (Omelia del 15-01-2017)
Commento su Isaia 49,3.5-6; Giovanni 1,29-34
La liturgia di oggi è centrata sulla testimonianza che Giovanni Battista dà di Gesù nel quarto Vangelo, dove dice: "Ecco l'Agnello di Dio che toglie il peccato del mondo", cercheremo di capire cosa può significare nella simbologia del quarto Vangelo. Certo non sono parole dette da Giovanni il Batti ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 15-01-2017)
E io ho visto e ho testimoniato
La fede non è un'acquisizione razionale, un frutto di logica mentale. Si pensa, si riflette, si deduce, si giunge alla fede. Questa non è fede. La fede è una risposta di sapienza, intelligenza ad una parola che si ascolta e questa discende dall'alto, viene da Dio. San Giovanni fa intervenire tutti i ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 15-01-2017)
Lo Spirito e l'Agnello
Non soltanto Giovanni parla di Gesù come colui al quale non è degno di sciogliere il legaccio dei sandali, ma gli rende testimonianza, si direbbe, in ragione di una rivelazione divina: "Colui che mi ha mandato a battezzare con acqua mi disse: Colui sul quale vedrai discendere e rimanere lo Spirito, ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 15-01-2017)

C'è l'eco del Battesimo di Gesù. Giovanni lo addita come l'Agnello di Dio, "colui che toglie il peccato del mondo". Siamo all'inizio della vita pubblica di Gesù, ma anche all'inizio del quarto Vangelo, subito dopo il "Prologo". È come se dopo la vertiginosa introduzione teologica ("In principio era ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 15-01-2017)
Commento su Is 49,3.5-6; Salmo 39; 1Cor 1,1-3; Gv 1,29-34
Con questa domenica la liturgia ritorna al "tempo ordinario", cioè il tempo in cui siamo chiamati a fare esperienza della presenza del Signore nella nostra vita di tutti i giorni e calare la sua Parola nel nostro agire quotidiano. Essa ci ripropone ancora una riflessione sulla figura di Giovanni Bat ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 15-01-2017)
Commento su Giovanni 1,29-34
È venuto dopo, ma c'era già prima!... Che strani giochetti fa Dio! Ma, perché, invece di mandare qualcuno di noi ad annunciare il Suo arrivo, non è arrivato direttamente Lui?...Che poi, tutti coloro che sono venuti non c'hanno azzeccato granché, siamo sinceri... Anche Giovanni, o meglio, neppure G ...
(continua)
padre Fernando Armellini     (Omelia del 15-01-2017)
Video commento su Gv 1,29-34
...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 19-01-2014)

"Io non lo conoscevo", dichiara Giovanni il battezzatore, riguardo a Gesù; e la dichiarazione compare ben 2 volte in poche righe, a rimarcare la differenza assoluta tra i due protagonisti della salvezza, la distanza che separa il Precursore da Colui che viene dopo di lui, ma era prima di lui. La Tr ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 19-01-2014)
Audio commento alla liturgia
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 19-01-2014)
Ecco l'agnello di Dio, colui che toglie il peccato del mondo
...
(continua)
Giovani Missioitalia     (Omelia del 19-01-2014)
Io come Giovanni
Lo ripete più volte Giovanni in questo vangelo, Io non lo conoscevo eppure lui e Gesù erano i figli di due cugine; fu lui ad esultare nel grembo della madre quando Maria incinta andò a trovar Elisabetta, riconoscendo per primo quel bambino. Ma Giovanni sa che questo non basta, ha dovuto assistere a ...
(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 19-01-2014)
Commento su Prima Corinzi 1,1-3
Collocazione del brano Per tutto il Tempo Ordinario che ci separa dalla Quaresima leggeremo la Prima lettera ai Corinti di san Paolo apostolo. Secondo quanto narrato negli Atti degli Apostoli, Paolo era arrivato a Corinto dopo il fallimento della sua predicazione ad Atene (Atti 17,22-34). Corinto, ...
(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 19-01-2014)
Commento su Giovanni 1,29-34
Lectio Questo brano fa parte del prologo narrativo del vangelo di Giovanni. Dopo il maestoso prologo altamente poetico e teologico con cui apre il proprio vangelo (In principio era il Verbo... 1,1-18) Giovanni continua appunto con un prologo narrativo (1,19-2,12), in cui i fatti riportati si esten ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 19-01-2014)
Commento su Giovanni 1,34
"E io ho visto e ho testimoniato che questi è il Figlio di Dio." Gv 1,34 Come vivere questa Parola? Molte volte in questo periodo la Parola del Signore ci ha proposto la figura di Giovanni Battista: un uomo ancorato nella fede sostenuta dai profeti, un servo di Dio che non esita mai a manifestar ...
(continua)
don Marco Pedron     (Omelia del 19-01-2014)
Buono come un agnello
Gv cadenza il suo vangelo seguendo il ritmo della Creazione secondo il libro della Genesi. E' per questo che il brano di oggi inizia dicendo: "Il giorno dopo" (Gv 1,29). E' il secondo giorno della Creazione. Qui c'è il giorno dopo (secondo giorno); in Gv 1,35 c'è di nuovo "il giorno dopo" (terzo gi ...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 19-01-2014)
Vivere per non sopravvivere e basta!
Clicca qui per la vignetta della settimana. Questo passo del vangelo di Giovanni è davvero singolare: anche se al centro della scena c'è Giovanni il Battista, e anche se tutte le battute sono sue... non è lui il protagonista. Al centro del racconto come protagonista assoluto e unico, anche se non ...
(continua)
Gaetano Salvati     (Omelia del 19-01-2014)
Commento su Giovanni 1,29-34
"Ecco, Signore, io vengo per fare la tua volontà". Il ritornello del Salmo sembra anticipare il cammino di Gesù verso il Battista (Gv 1,29) e verso l'umanità bisognosa d'amore e di redenzione. Giovanni riconosce nell'uomo di Nazaret l'Agnello di Dio (v.29), il servo sul quale Dio manifesterà la sua ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 19-01-2014)
Gesù, l'Agnello di Dio
Ci ha scritto papa Francesco: "Invito ogni cristiano, in qualsiasi luogo e situazione si trovi, a rinnovare oggi stesso il suo incontro personale con Gesù Cristo, a prendere la decisione di lasciarsi incontrare da lui, di cercalo ogni giorno senza sosta". I brani della Parola di Dio ci aiutano in m ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 19-01-2014)
Giovanni, primo testimone della fede nel Salvatore
La seconda domenica del tempo ordinario ci offre nuovamente come spunto di meditazione e riflessione la figura di Giovanni il Battista. Potremmo dire che tutto il tempo di Avvento, del Natale e queste prime domeniche del nuovo il protagonista principale del Vangelo è Giovanni il Battista. Egli è il ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 19-01-2014)
Gesù non pretende la nostra vita, offre la sua
Giovanni, vedendo Gesù venirgli incontro, dice: Ecco l'agnello di Dio. Parole diventate così consuete nelle nostre liturgie che quasi non sentiamo più il loro significato. Un agnello non può fare paura, non ha nessun potere, è inerme, rappresenta il Dio mite e umile (se ti incute paura, stai sicuro ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 19-01-2014)
Video commento a Gv 1,29-34
...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 19-01-2014)
Video commento a Gv 1,29-34
...
(continua)
don Valentino Porcile     (Omelia del 19-01-2014)
Video commento a Gv 1,29-34
...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 19-01-2014)
La tentazione dell'uomo-cerniera
Rimase come la più grande delle tentazioni tra quelle capitategli. Oltre il rischio di piangersi addosso per essere arrivato in ritardo per diventare il più grande tra i profeti: o, ironia della sorte, in anticipo per tentare la carriera di discepolo. Al Battista la tentazione più grande gli venne s ...
(continua)
mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 19-01-2014)
Cercare Gesù
Vi è oggi una ricerca, che si fa sempre più intensa, anche là e in chi meno ce lo aspettiamo, ed è quella di conoscere veramente, più profondamente e intimamente, Gesù. Può anche sembrare un fatto assurdo che, dopo duemila anni, in cui tutta la civiltà occidentale è stata immersa nel Cristianesimo, ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 19-01-2014)

Dopo il Prologo, che mostrava il Verbo nelle profondità di Dio, egli stesso Dio, prima di ogni origine e principio di tutte le cose, oggi parla Giovanni Battista, il testimone della Parola di Dio, che la addita presente in mezzo agli uomini nel volto di Gesù. Non c'è il racconto del battesimo - già ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 19-01-2014)
Video commento su Gv 1,29-34
...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 19-01-2014)

Il peccato del mondo! Che cos'è il peccato? la riposta è complessa. Il termine è declinato sia al singolare che al plurale perché questa è la nostra sensazione, così spesso e volentieri alterniamo il singolare al plurale. Ma l'idea di peccato, per noi, è talmente generica che diventa peccato anche ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 19-01-2014)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di don Paolo Matarrese "La Chiesa è il prolungamento di Cristo nell'umanità", queste parole scritte da un vescovo sembrano essere un buon commento alla Parola di questa domenica. Da qualche giorno infatti, dopo il tempo di Natale, siamo di nuovo entrati nel ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 19-01-2014)

Quando apriamo il Vangelo, quando lo leggiamo a casa, al catechismo, quando lo ascoltiamo proclamato all'Ambone durante la Messa, noi entriamo dentro un grande tesoro prezioso. Le parole che leggiamo o che ascoltiamo, sono luce, guida, orientamento, sostegno, gioia, consolazione, speranza, impegno p ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 19-01-2014)
Ecco l'agnello di Dio, colui che toglie il peccato del mondo!
Nell'Antico Testamento l'espiazione del peccato avveniva nella tenda del convegno, presso l'arca del Signore. Con il profeta Isaia il Signore costituisce un uomo espiatore nel suo corpo, attraverso la sua morte, di tutti i peccati del suo popolo. Con Ezechiele il profeta stessa è chiamato da Dio ad ...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 19-01-2014)
Un agnello tra passato e futuro
Il vangelo di oggi (Giovanni 1,29-34) ripresenta l'episodio di domenica scorsa, vale a dire il battesimo di Gesù, stavolta narrato attraverso la testimonianza del Battista, arricchito però da una espressione molto importante, per capire la quale è forse utile una premessa. Si sente dire talvolta che ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 19-01-2014)
Lo Spirito protagonista assoluto
"Ecco l'agnello di Dio, ecco colui che toglie i peccati del mondo." Giovanni vede arrivare il Messia Unto del Signore e lo individua come l'Apportatore della salvezza definitiva, il vero Agnello il cui sangue sarà decisivo per il riscatto dell'umanità. Nell'Antico Testamento i sacrifici di espiazion ...
(continua)
don Marco Pratesi     (Omelia del 19-01-2014)
Ruminare i Salmi - Salmo 40,8-9 (II domenica del tempo ordinario, anno A)
Ruminare i Salmi - Salmo 40 (Vulgata / liturgia 39),8-9 (II domenica del tempo ordinario, anno A) CEI: Nel (rotolo del) libro su di me è scritto di fare la tua volontà TILC: Nel libro è scritta per me la tua volontà. NV: In volumine libri scriptum est de me. Facere voluntatem tuam, Deus meus, ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 19-01-2014)
Commento su Isaia 49,3.5-6; Salmo 39; I Corinzi 1, 11-3; Giovanni 1,29-34
Il profeta l'aveva preannunciato:« Io ti renderò luce delle nazioni, perché porti la mia salvezza fino all'estremità della terra». Nulla è più necessario oggi della luce. Gli esseri umani, le famiglie, le comunità, le nazioni brancolano nel buio. E luce e buio sono antagonisti, non possono coesister ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 16-01-2011)
Video commento su Gv 1,29-34
...
(continua)