LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 18 Novembre 2018 <

Venerdì 16 Novembre 2018

Sabato 17 Novembre 2018

Domenica 18 Novembre 2018

Lunedì 19 Novembre 2018

Martedì 20 Novembre 2018

Mercoledì 21 Novembre 2018

Giovedì 22 Novembre 2018

Venerdì 23 Novembre 2018

Sabato 24 Novembre 2018

Domenica 25 Novembre 2018


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:



  XXXIII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO B)

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: DOMENICA
Colore liturgico: Verde
BO330 ;

Quando si chiede ad un bambino della seconda metà del ventesimo secolo che cosa sia per lui la fine del mondo, risponde in termini di catastrofe e di annientamento, così come suggeriscono la bomba atomica e l’inquinamento. Ma quando si interroga Gesù sulla fine dei tempi, risponde in termini di pienezza e di ritorno. Egli afferma con forza che il Figlio dell’uomo ritornerà; non, come è già venuto, per annunciare il regno (Mc 1,15) e il tempo della misericordia (Gv 3,17), ma perché tutto si compia (1Cor 15,28). Allora ognuno troverà il proprio posto (1Cor 14,2-3) e otterrà la sua ricompensa in funzione delle proprie opere (Mt 16,27). La predicazione di Gesù è carica di questa preoccupazione: aprire gli occhi agli uomini sui segni premonitori di questa fine del mondo che non sarà una caduta nel nulla, ma un ingresso nella gloria. Ma ciò che resta e resterà nascosto, è la data di questo istante. Questo è un segreto del Padre. Egli non l’ha ancora svelato. Ecco perché la Parola (il Figlio) non lo sa. Il Padre non ha ancora espresso questo pensiero, per via della sua pazienza infinita e della sua bontà illimitata (2Pt 3,9). Inutile insistere (At 1,6-7) e chiedere: “Perché?”. Per il momento, questo non ci riguarda e non è nemmeno utile per noi saperlo. La sola cosa che conta è sapere che questo ritorno di Cristo ci sarà e che bisogna prepararsi ad esso, altrimenti ci si ritroverà irrimediabilmente esclusi dal Regno (Mt 25,11-12; Lc 13,25).

Scarica il foglietto della Messa >
Scarica le Letture del Lezionario >
Scarica il Salmo Responsoriale Cantato >
Ricevi la Liturgia via mail >
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Dice il Signore:
“Io ho progetti di pace e non di sventura;
voi mi invocherete e io vi esaudirò,
e vi farò tornare da tutti i luoghi dove vi ho dispersi”. (Ger 29,11.12.14)


Colletta
Il tuo aiuto, Signore,
ci renda sempre lieti nel tuo servizio,
perché solo nella dedizione a te, fonte di ogni bene,
possiamo avere felicità piena e duratura.
Per il nostro Signore Gesù Cristo...

Oppure:
O Dio, che vegli sulle sorti del tuo popolo,
accresci in noi la fede
che quanti dormono nella polvere si risveglieranno;
donaci il tuo Spirito,
perché operosi nella carità
attendiamo ogni giorno
la manifestazione gloriosa del tuo Figlio,
che verrà per riunire tutti gli eletti nel suo regno.
Per il nostro Signore Gesù Cristo...

>

Prima lettura

Dn 12,1-3
In quel tempo sarà salvato il tuo popolo.

Dal libro del profeta Daniele

In quel tempo, sorgerà Michele, il gran principe, che vigila sui figli del tuo popolo.
Sarà un tempo di angoscia, come non c’era stata mai dal sorgere delle nazioni fino a quel tempo; in quel tempo sarà salvato il tuo popolo, chiunque si troverà scritto nel libro.
Molti di quelli che dormono nella regione della polvere si risveglieranno: gli uni alla vita eterna e gli altri alla vergogna e per l’infamia eterna.
I saggi risplenderanno come lo splendore del firmamento; coloro che avranno indotto molti alla giustizia risplenderanno come le stelle per sempre.

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 15

Proteggimi, o Dio: in te mi rifugio.

Il Signore è mia parte di eredità e mio calice:
nelle tue mani è la mia vita.
Io pongo sempre davanti a me il Signore,
sta alla mia destra, non potrò vacillare.

Per questo gioisce il mio cuore
ed esulta la mia anima;
anche il mio corpo riposa al sicuro,
perché non abbandonerai la mia vita negli inferi,
né lascerai che il tuo fedele veda la fossa.

Mi indicherai il sentiero della vita,
gioia piena alla tua presenza,
dolcezza senza fine alla tua destra.

>

Seconda lettura

Eb 10,11-14.18
Cristo con un’unica offerta ha reso perfetti per sempre quelli che vengono santificati.

Dalla lettera agli Ebrei

Ogni sacerdote si presenta giorno per giorno a celebrare il culto e a offrire molte volte gli stessi sacrifici, che non possono mai eliminare i peccati.
Cristo, invece, avendo offerto un solo sacrificio per i peccati, si è assiso per sempre alla destra di Dio, aspettando ormai che i suoi nemici vengano posti a sgabello dei suoi piedi. Infatti, con un’unica offerta egli ha reso perfetti per sempre quelli che vengono santificati.
Ora, dove c’è il perdono di queste cose, non c’è più offerta per il peccato.

Parola di Dio

Canto al Vangelo (Lc 21,36)
Alleluia, alleluia.
Vegliate in ogni momento pregando,
perché abbiate la forza di comparire davanti al Figlio dell’uomo.
Alleluia.

>

Vangelo

Mc 13,24-32
Il Figlio dell’uomo radunerà i suoi eletti dai quattro venti.


+ Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«In quei giorni, dopo quella tribolazione,
il sole si oscurerà,
la luna non darà più la sua luce,
le stelle cadranno dal cielo
e le potenze che sono nei cieli saranno sconvolte.
Allora vedranno il Figlio dell’uomo venire sulle nubi con grande potenza e gloria. Egli manderà gli angeli e radunerà i suoi eletti dai quattro venti, dall’estremità della terra fino all’estremità del cielo.
Dalla pianta di fico imparate la parabola: quando ormai il suo ramo diventa tenero e spuntano le foglie, sapete che l’estate è vicina. Così anche voi: quando vedrete accadere queste cose, sappiate che egli è vicino, è alle porte.
In verità io vi dico: non passerà questa generazione prima che tutto questo avvenga. Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno.
Quanto però a quel giorno o a quell’ora, nessuno lo sa, né gli angeli nel cielo né il Figlio, eccetto il Padre».

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
Fratelli e sorelle, Gesù ci ricorda ancora una volta che la vera vita è rivolta verso Dio. Rivolgiamoci a lui con fiducia, per ottenere forza e sostegno per il nostro cammino terreno.
Preghiamo insieme e diciamo: Ascoltaci, o Signore.

1. Per i sacerdoti, le suore, i laici, perché ognuno, secondo il proprio carisma, sia costruttore del regno di Dio nella vita di ogni giorno, preghiamo.
2. Per i capi dei popoli, perché riconoscano la fragilità del loro potere, e usino la loro autorità per realizzare la giustizia, cercando di aiutare concretamente i deboli e i disagiati, preghiamo.
3. Per coloro che sono nell'angoscia o in ristrettezze economiche: trovino nei cristiani conforto e sostegno per risolvere le proprie necessità, preghiamo.
4. Per la nostra assemblea cristiana, perché rinnovi attorno al banchetto eucaristico la speranza che la anima e sia capace di annunciarla al mondo, preghiamo.

Signore, noi non sappiamo né il giorno né l'ora del tuo ritorno. Mantienici vigilanti nella carità e nella speranza, e preparaci ad accogliere te, che vivi e regni nei secoli dei secoli.

Preghiera sulle offerte
Quest’offerta che ti presentiamo, Dio onnipotente,
ci ottenga la grazia di servirti fedelmente
e ci prepari il frutto di un’eternità beata.
Per Cristo nostro Signore.


Antifona di comunione
Il mio bene è stare vicino a Dio,
nel Signore Dio riporre la mia speranza. (Sal 73,28)

Oppure:
Dice il Signore:
“In verità vi dico: tutto quello che domandate nella preghiera,
abbiate fede di averlo ottenuto e vi sarà accordato”. (Mc 11,23.24)

Oppure:
“Il Figlio dell’uomo manderà i suoi angeli
e riunirà gli eletti dall’estremità della terra”. (Mc 13,27)


Preghiera dopo la comunione
O Padre, che ci hai nutriti con questo sacramento,
ascolta la nostra umile preghiera:
il memoriale, che Cristo tuo Figlio
ci ha comandato di celebrare,
ci edifichi sempre nel vincolo del tuo amore.
Per Cristo nostro Signore.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

Luca Rubin     (Omelia del 18-11-2018)
Egli è vicino, è alle porte
In quei giorni, dopo quella tribolazione, il sole si oscurerà, la luna non darà più la sua luce, le stelle cadranno dal cielo e le potenze che sono nei cieli saranno sconvolte. Tutto passa: la vita, gli eventi, le cose belle e le cose brutte. Di questa transitorietà ne sono testimoni i nostri smart ...
(continua)
don Luca Orlando Russo     (Omelia del 18-11-2018)
ORA!
Un vangelo non facile quello di questa domenica per una serie di motivi. Il primo di essi è l'uso di un linguaggio a noi non familiare. Gesù, infatti, fa uso di immagini che coinvolgono il creato (il sole, la luna, le stelle...) uscito dalle mani di Dio, frutto della sua Parola che ha detto ?sia la ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 18-11-2018)
Tutto cambia. O quasi.
Ponti autostradali che crollano improvvisamente su una città, lasciando una scia di morte; incendi che attaccano paradisi tropicali, bruciando case lussuose e baracche, senza distinzioni; piogge che arrivano improvvise dopo settimane di siccità e di caldo anomalo, seminando distruzione tra le case e ...
(continua)
Lingua Italiana dei Segni     (Omelia del 18-11-2018)
Commento su Marco 13,24-32
...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 18-11-2018)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di padre Gianmarco Paris Per alcune settimane abbiamo accompagnato Gesù nel suo viaggio dalla Galilea a Gerusalemme e abbiamo accolto gli insegnamenti che con pazienza Egli offriva ai suoi apostoli sul valore del servizio e del dono di sé come cammino per d ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 18-11-2018)

L'anno liturgico sta per concludersi. L'anno solare inizia il 1 gennaio e termina il 30 dicembre; l'anno scolastico inizia i primi di settembre e termina a giugno; l'anno liturgico ( l'anno delle celebrazioni del popolo di Dio, inizia con l'Avvento ( il tempo che ci prepara al Natale ) e termina con ...
(continua)
don Alessandro Farano     (Omelia del 18-11-2018)
Video commento - XXXIII Domenica del Tempo Ordinario - Anno B
...
(continua)
don Nazareno Galullo (giovani)     (Omelia del 18-11-2018)
Se guardo il mondo da un oblò....vedo la Luna
Una bella canzone di Gianni Togni (degli anni '80) ad un certo punto dice: "Luna non essere arrabbiata dai non fare la scema il mondo è piccolo se visto da un'altalena sei troppo bella per sbagliare solo tu mi sai capire...Luna!". Qualche giorno fa, sbagliando la fermata dell'autobus (sceso cio ...
(continua)
don Giacomo Falco Brini     (Omelia del 18-11-2018)
Tutto crolla, Dio no
Alcuni giorni fa, durante un colloquio telefonico, una cara amica cui chiedevo come stesse in salute mi ha risposto che si sentiva amata da Dio. A parte il fatto che si tratta di una persona speciale quanto semplice (il Signore, nella sua infinita misericordia, me l'ha messa vicino insieme ad altri ...
(continua)
don Fabio Rosini     (Omelia del 18-11-2018)
Audio commento al Vangelo del 18 novembre
...
(continua)
don Luigi Maria Epicoco     (Omelia del 18-11-2018)
Il gran finale
...
(continua)
padre Paul Devreux     (Omelia del 18-11-2018)

Marco scrive questa pagina che vuole essere una buona notizia per i cristiani scoraggiati del suo tempo. Il Tempio è stato distrutto, Gerusalemme rasa al suolo, Pietro e Paolo uccisi, guerre civili e pestilenze. Si domandano dov'è li mondo nuovo promesso? Anche io mi domando dove stiamo andando, ch ...
(continua)
don Mario Simula     (Omelia del 18-11-2018)
La nostra vigilanza: Desiderio e Attesa
Il tempo della chiamata di Dio è sempre alle porte. La conclusione della nostra vita è sempre una sorpresa. Anche quando è annunciata da una lunga sofferenza. L'attimo nel quale si chiude un tratto di strada e se ne apre un altro definitivo, rappresenta inevitabilmente un terremoto esistenziale. Og ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 18-11-2018)
Video commento su Mc 13,24-32
...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 18-11-2018)
Il Signore è vicino: vitale e nuovo come la primavera
L'universo è fragile nella sua grande bellezza: in quei giorni, il sole si oscurerà, la luna si spegnerà, le stelle cadranno dal cielo... Eppure non è questa l'ultima verità delle parole di Gesù: se ogni giorno c'è un mondo che muore, ogni giorno c'è anche un mondo che nasce, un germoglio che spunta ...
(continua)
Vito Calella     (Omelia del 18-11-2018)
Un «già» da scoprire e accettare e un «non ancora» da sperare
L'evangelista Marco racconta nel capitolo 11, 15-19 l'episodio in cui Gesù, con forza, scacciò fuori dal tempio di Gerusalemme tutti i venditori di animali con uccelli e i cambiavalute. Prima di fare quell'azione radicale di ?pulizia?, Gesù aveva pronunciato parole di maledizione contro un fico, pie ...
(continua)
don Roberto Fiscer     (Omelia del 18-11-2018)
#StradeDorate - Commento su Marco 13,24-32
...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 18-11-2018)
Dall'angoscia alla certezza della salvezza eterna
Le ultime domeniche dell'anno liturgico ci immettono nel clima meditativo delle cose ultime, dei novissimi, con particolare attenzione al giudizio universale, di cui ci parlano i testi sacri in questa domenica XXXIII del Tempo Ordinario. A partire dalla prima lettura, tratta dal profeta Daniele, l' ...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 18-11-2018)
Il travaglio della fine
Qualche anno fa era circolata la previsione, basata sul calendario Maya, di un'imminente fine del mondo. Gli interpreti di quell'astruso testo non erano i primi, nella storia, a preannunciare la catastrofe finale: ad esempio, pare che un'ondata di panico abbia percorso l'Europa all'avvicinarsi dell' ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 18-11-2018)
Tra presente e futuro
Dalla pianta di fico È possibile che un fico insegni? e cosa mai ci può insegnare un fico? Nel periodo invernale si spoglia del fogliame così la sua trasformazione in primavera è particolarmente spettacolare ed è un segno dell'arrivo dell'estate, il tempo del raccolto e dell'abbondanza. Gesù ci ch ...
(continua)
don Lucio D'Abbraccio     (Omelia del 18-11-2018)
Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno
Gesù ci invita a vigilare, ad essere attenti al suo ritorno. Nel Vangelo - di non facile comprensione - viene usato un linguaggio apocalittico. Ogni anno la liturgia della Parola, alla fine dell'anno liturgico, propone il discorso ?escatologico? (ossia sulle realtà ?ultime?) di Gesù. Il Signore è ap ...
(continua)
don Claudio Luigi Fasulo     (Omelia del 18-11-2018)
Audio commento al Vangelo della Trentatreesima domenica del Tempo Ordinario (Anno B - Mc 13,24-32)
...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 18-11-2018)
Commento su Marco 13,24-32
Ultima domenica del Tempo Ordinario; tra sette giorni celebreremo la solennità di Cristo, re dell'universo, dopodiché avrà inizio l'Avvento, e con esso un nuovo anno liturgico. Il Vangelo di Marco, che ci ha accompagnato da gennaio fino ad oggi, volge al termine: prima di affrontare i giorni tragi ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 18-11-2018)
Cos'è che non passa?
In questo Vangelo si respira aria di fine del mondo.... Linguaggio apocalittico, sconvolgimenti cosmici e discorso escatologico sulle realtà future. Tutto passerà, tranne una cosa, quale? le sue parole. ?Cieli e terra passeranno, ma le mie parole non passeranno. Quanto però a quel giorno e a quell' ...
(continua)
Diocesi di Vicenza     (Omelia del 18-11-2018)
La Parola - Commento al Vangelo di Marco (Mc 13,24-32)
...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 18-11-2018)
L'incontro finale è Misericordia
Oggi si tratta di un argomento che i teologi definiscono ?escatologico?, cioè relativo alle ?cose ultime?, che sopraggiungeranno al compimento della storia presente e che noi attendiamo man mano che il presente prosegue. Parlando con Pietro, Giacomo, Giovanni e Andrea mentre si stava ammirando la st ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 18-11-2018)
Le stelle cadranno dal cielo
Il Dio Creatore che ha fatto dal nulla, cioè da materia non preesistente, il cielo e la terra, è anche il Signore del cielo e della terra. Tutto è nelle sue mani e Lui tutto può scuotere in ogni istante come fa un contadino con i suoi alberi. Questa verità di Dio vale per ogni giorno della storia. O ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 18-11-2018)
Commento su Dn 12,1-3; Sal 15; Eb 10,11-14.18; Mc 13,24-32
L'anno liturgico ormai volge al termine: la prossima domenica si celebrerà la solennità di Cristo Re mentre la domenica successiva darà inizio al nuovo anno liturgico, con la prima domenica di Avvento. Attraverso l'ufficio delle letture, della solennità odierna, la Chiesa mi invita a prestare la ma ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 18-11-2018)
Commento su Marco 13,24-32
Si avvicina la fine dell'anno liturgico e il Vangelo ci dice proprio dove andremo a finire; è bello saperlo, perché dice il senso del nostro cammino e ci presenta il quadro finale della storia umana. Siamo sinceri: molti di noi pensano che finirà male, per questo abbiamo paura e portiamo con timore ...
(continua)
padre Fernando Armellini     (Omelia del 18-11-2018)
Videocommento su Mc 13,24-32
...
(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 18-11-2018)
Video Commento a Mc 13,24-32
...
(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 15-11-2015)
Commento su Eb 10,11-14.18
Collocazione del brano Terminiamo con questa domenica la nostra lettura di Ebrei. Il discorso rimane sul sacerdozio di Cristo e la sua superiorità rispetto al sacerdozio dell'antica alleanza. In particolare il versetto precedente a quelli che leggiamo oggi (v. 10) recita così mediante quella volon ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 15-11-2015)
Audio commento alla liturgia - Mc 13,24-32
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 15-11-2015)
Essere fico: nel Vangelo è questione di genere
Si va sempre di inizio in inizio, forti di una fragilità che il Vangelo colora di speranza, quella «che viene a noi vestita di stracci perché le confezioniamo un abito da festa» come scriveva con tocco d'artista il filosofo francese Paul Ricoeur. Ci sono frammenti di stelle che cadono, c'è una luna ...
(continua)
don Maurizio Prandi     (Omelia del 15-11-2015)
Il tempo della tenerezza
Come da alcune domeniche a questa parte non possiamo non notare che la liturgia ci propone ancora una volta di soffermarci sul verbo vedere. E come domenica scorsa è accaduto che un gesto (quello della vedova povera) tanto insignificante da rischiare di passare inosservato (rispetto alla rumorosa e ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 15-11-2015)
Il sacrificio di Cristo è veramente efficace
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 15-11-2015)
Ogni giorno un mondo nasce e uno muore
Un Vangelo sulla crisi e insieme sulla speranza, che non intende incutere paura (non è mai secondo il vangelo il volto di un Dio che incute paura), che vuole profetizzare non la fine, ma il fine, il significato del mondo. La prima verità è che l'universo è fragile nella sua grande bellezza: in quei ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 15-11-2015)
La speranza e la vigilanza cristiana
In questo testo l'evangelista Marco riporta un discorso fatto da Gesù sugli ultimi tempi, usando un linguaggio apocalittico. La sua intenzione era di mantenere vigile la speranza della comunità, che era perseguitata e pensava fosse imminente la fine del mondo. Il messaggio è chiaro: "Vedranno il Fig ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 15-11-2015)
Video commento a Mc 13,24-32
...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 15-11-2015)
Video commento a Mc 13,24-32
...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 15-11-2015)
Dalla pianta di fico imparate la parabola
L'escatologia evangelica di Marco si muove su due piani che si intersecano tra di loro: la fine del mondo e quella di Gerusalemme, immagine e figura di ogni altro giudizio di Dio sulla nostra storia. Circa la fine del mondo e l'avvento dei cieli nuovi e della terra nuova, nessuno conosce il giorno e ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 15-11-2015)

L'Anno Liturgico volge al termine, e anche il Vangelo di Marco: siamo al capitolo 13; dal successivo comincia il racconto della Passione. Potremmo pensare che le parole di Gesù suonino quasi un addio... Invece è solo un arrivederci! Certo, l'affermazione: "Non passerà questa generazione..." ingene ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 15-11-2015)
Dal'angoscia alla vita per sempre
Nelle ultime domeniche dell'anno liturgico, la parola di Dio ci fa riflettere sui novissimi, sulle ultime cose che si verificheranno, quando il Signore verrà a giudicare i vivi ed i morti, secondo quanto noi professiamo nel Credo. Si tratta di un aspetto importante della nostra fede che non possiamo ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 15-11-2015)
Dalla pianta di fico
Le potenze che sono nei cieli Andare dietro alle parole per scoprirne il significato che nascondono è qui necessario; il linguaggio apocalittico non ci appartiene (soprattutto quello ebraico-cristiano) anche se l'horror, il fantasy, il catastrofico sono entrati nella letteratura contemporanea. Anch ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 15-11-2015)
I potenti hanno i giorni contati
Accade spesso, purtroppo, che certi fatti di cronaca ci sconvolgano, aldilà del fatto che li stiamo vivendo in prima persona. Certo, quando un paese, una città, una comunità sono sconvolti da alcune calamità, naturali o meno che esse siano, l'impatto è decisamente significativo e lascia il segno. Pa ...
(continua)
don Michele Cerutti     (Omelia del 15-11-2015)
Commento su Marco 13,24-32
L'anno liturgico batte gli ultimi colpi finali e con domenica prossima, detta di Cristo Re, concluderemo questo ciclo. La liturgia ci invita a soffermarci sulle realtà ultime, quelle denominate escatologiche. Il cristianesimo è escatologia dal principio alla fine, e non soltanto in appendice: è spe ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 15-11-2015)
Video commento su Mc 13,24-32
...
(continua)
don Roberto Fiscer     (Omelia del 15-11-2015)
#StradeDorate - Commento su Marco 13,24-32
...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 15-11-2015)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di Gigi Avanti Quando nella propria storia personale o collettiva succede qualcosa di brutto, di sconvolgente o di inaspettato c'è sempre qualcuno che giustamente si mette a sollevare gli animi, a infondere la speranza, a incoraggiare la ripresa. E lo fa ri ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 15-11-2015)

Il Vangelo di questa domenica, al primo ascolto, può sembrarci un po' strano: sembra di trovarsi in uno di quei film definiti "catastrofisti", che mettono in scena spettacolari cataclismi. Avete ascoltato bene? Rileggo: "In quei giorni, dopo quella tribolazione, il sole si oscurerà e la luna non da ...
(continua)
don Gianfranco Calabrese     (Omelia del 15-11-2015)
Video commento su Marco 13,24-32
...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 15-11-2015)
Ma le mie parole non passeranno
Questa domenica è la penultima dell'anno liturgico, cioè dell'anno come la liturgia propone di viverlo. La proposta è complessa; ma nelle sue linee generali può essere intesa come un cercare di capire chi siamo, da dove veniamo, dove andiamo: e, allo scopo, ripercorrere ogni anno l'intera storia del ...
(continua)
Michele Antonio Corona     (Omelia del 15-11-2015)

La liturgia ci fa ascoltare delle pagine difficili della Scrittura: Dn 12 e Mc 13. Il genere letterario che le accomuna è quello detto "apocalittico". Non si tratta di profezie sulla fine del mondo, ma sulla constatazione credente della necessità della fine di un mondo. Questa sottolineatura è capit ...
(continua)
don Lello Ponticelli     (Omelia del 15-11-2015)
Prediche senza Pulpito - Commento al Vangelo
...
(continua)
padre Giuseppe De Nardi     (Omelia del 15-11-2015)
Sulla Tua Parola - Mc 13,32
...
(continua)
Diocesi di Vicenza     (Omelia del 15-11-2015)
La Parola - commento a Mc 13,24-32
Commento di padre Lorenzo Altissimo, religioso francescano della comunità di santa Lucia, Vicenza Registrato nella cappella della Grotta di Lourdes nella chiesa di santa Lucia, Vicenza ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 15-11-2015)
Commento su Mc 13,31
"Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno." Marco 13,31 Come vivere questa Parola? La Parola che non passa è la Parola creatrice che troviamo all'inizio del mondo: "E Dio disse..."! È la Parola che ha dato vita al mondo, che comunica anche oggi la Sua Presenza e dà vita a ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 15-11-2015)
Il futuro e il nostro "frattempo"
Con i piedi per terra e con gli occhi al cielo. Questa è in sintesi la pedagogia di vita che ci viene trasmessa dalle Letture di questa Domenica, nelle quali riscontriamo un'esortazione all'attesa e alla speranza, poiché la storia presente è destinata ad avere un epilogo e l'uomo intratterrà negli u ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 15-11-2015)

Le immagini sono dell'Antico Testamento, ma il significato riguarda le cose nuovissime, l'escaton, il finale e l'eterno. In mezzo - e questo ci esamina e ci torchia - ci sono le parole e le parabole che spingono alla sorveglianza. Questo raccontano la storia del fico e i pensieri sulla fragilità del ...
(continua)
don Marco Pratesi     (Omelia del 15-11-2015)
Ruminare i Salmi - Salmo 16,5 (XXXIII domenica del tempo ordinario, anno B)
Ruminare i Salmi - Salmo 16 (Vulgata / liturgia 15),5 - (XXXIII domenica del tempo ordinario, anno B) CEI Il Signore è mia parte di eredità e mio calice: nelle tue mani è la mia vita. TILC Sei tu, Signore, la mia eredità, il calice che mi dà gioia; il mio destino è nelle tue mani. Ebrei 10 ...
(continua)
Carla Sprinzeles     (Omelia del 15-11-2015)

Se ascoltiamo le notizie del telegiornale, non possiamo che essere pessimisti: il mondo si sta distruggendo con le sue mani. Molte volte sento dire: "Come si fa a dire che Dio è buono, quando succedono fatti così negativi a persone che non lo meritano, quasi che il male fosse una punizione di Dio. ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 15-11-2015)
Commento su Dn 12,1-3; Sal 15; Eb 10,11-14.18; Mc 13,24-32
Domenica scorsa la liturgia ci ha presentato la differenza fra il comportamento di due vedove che possedevano solo un pugno di farina ed un goccio d'olio e due monetine e gli scribi che avevano anche il superfluo. Questi ultimi ostentavano tutto ciò che possedevano ed erano appagati dalle cose uman ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito ambrosiano     (Omelia del 15-11-2015)
Avrete allora occasione di dare testimonianza
L'umanità intera è sotto il potere del principe di questo mondo. Satana è specialista e sa creare nei cuori solo superbia, stoltezza, odio, inimicizia, idolatria, empietà, ogni desiderio di male, concupiscienza, vanagloria, guerra infinita. In questo mondo dovranno vivere i discepoli di Gesù e rende ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 18-11-2012)
Commento su Marco 13,24-32
Siamo alla fine dell'anno liturgico, e la Parola ci orienta in una direzione ostica e impegnativa, ci invita a guardare avanti e altrove e con un altro sguardo: è il tema del futuro, della fine del mondo, dei novissimi. Cosa succederà domani? Come andrà a finire la Storia? Che ne sarà di noi? Pred ...
(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 18-11-2012)
Commento su Marco 13,24-32.
Collocazione del brano L'anno liturgico volge al termine e con questa domenica termina la lettura del vangelo di Marco. L'ultimo brano ad essere letto è tratto dal discorso escatologico che occupa tutto il capitolo 13 e che Gesù avrebbe pronunciato davanti ai suoi discepoli sul monte degli Ulivi ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 18-11-2012)
Audio commento su Mc 13,24-32
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
Giovani Missioitalia     (Omelia del 18-11-2012)
L'eternità della sua parola
"Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno!" (Mc 13,31). Questa domenica la Parola di Dio ci offre l'opportunità di guardare al Cristo come a Colui che è l'eterna Verità, la persona su cui si può fondare tutta l'esistenza. Molte volte queste parole di Gesù sono state usate pe ...
(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 18-11-2012)
Il Figlio dell'uomo radunerà i suoi eletti dai quattro venti
...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 18-11-2012)
Commento su Daniele 12,3
I saggi risplenderanno come lo splendore del firmamento; coloro che avranno indotto molti alla giustizia risplenderanno come le stelle per sempre Dan 12,3 Come vivere questa parola? "Quel tempo... sarà un tempo di angoscia"...: così inizia il profeta il suo messaggio a coloro che si trovano "scri ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 18-11-2012)
Commento su Marco 13,24-32
Siamo davanti agli eventi finali. Riguardano noi e quelli dopo di noi. Ogni giorno è il penultimo rispetto alla venuta del Signore e la fine di tutto avviene nella vita e nella morte di ognuno. Se ogni giorno è vigilia, ci tocca vigilare ogni giorno. Il sole, la luna e le stelle sono "segni" dell ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 18-11-2012)
Il tesoro di bontà del nostro tempo
Un Vangelo sulla crisi e contemporanea­mente sulla speran­za, che non profetizza la fi­ne del mondo, ma il signifi­cato del mondo. La prima verità è che il mon­do è fragile: in quei giorni, il sole si oscurerà, la luna non darà più la sua luce, le stelle cadranno dal cielo... Non solo il sole, la ...
(continua)
don Luigi Trapelli     (Omelia del 18-11-2012)
Chiamati a dare compimento alla nostra vita
?Siamo alla penultima domenica di quest'anno liturgico prima della festa di Cristo Re. Marco ci parla della fine dei tempi o meglio del fine della nostra vita. Il linguaggio usato è apocalittico, ossia svela gli ultimi tempi, partendo dalla realtà della gente che scrive.? Si parla sempre di fine ...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 18-11-2012)
Può finire la religione ma non Dio
Clicca qui per la vignetta della settimana. Dove Gesù pronuncia queste parole? Non è affatto secondario sapere il luogo di questo dialogo con i discepoli... Siamo davanti al Tempio di Gerusalemme, il luogo che per gli ebrei è il più sacro e che domina la città. L'evangelista Marco indica esattam ...
(continua)
don Nazareno Galullo (giovani)     (Omelia del 18-11-2012)
Salvezza "faidate" o salvezza "faiconCristo"?
Potenti parole di Gesù, che però pare non facciano più paura a nessuno. Oggi voglio essere pessimista: qui pare di vivere nella terra dove tutti sono felici e contenti e sinceramente non importa a nessuno più che un giorno ci sarà una fine. Quando parli di fine del mondo pensano tutti che ci si ri ...
(continua)
mons. Giuseppe Giudice     (Omelia del 18-11-2012)
Come l'albero, dai nostri frutti riveliamo il nostro cuore
Egli è vicino. È alle porte. Per questo il mio cuore gioisce ed esulta la mia anima; anche il mio corpo riposa al sicuro perché sono sicuro, nel dono e nella certezza della fede, che non mi abbandonerà. A coloro che si soffermano sulla fine, profeti di sventura di ieri e di oggi, Gesù parla del fin ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 18-11-2012)
Con grande potenza e gloria
Sembra un discorso catastrofico, invece è un invito alla fede e alla speranza. Dice Gesù infatti: «Dopo quella tribolazione, il sole si oscurerà, la luna non darà più la sua luce, le stelle cadranno dal cielo e le potenze che sono nei cieli saranno sconvolte...». Non sappiamo bene a cosa egli si rif ...
(continua)
mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 18-11-2012)
Non corriamo, inutilmente e con gli occhi bendati, nella vita
A volte, con un semplice: 'Perché?', sfugge dalla bocca di tanti la vera preoccupazione profonda che ciascuno - consapevolmente o meno nasconde nel profondo - quella del chi siamo e del come viviamo nel breve periodo che ci è concesso da Dio su questa terra. Se non ci lasciamo troppo sviare dalle t ...
(continua)
don Marco Pedron     (Omelia del 18-11-2012)
Disastri divini
Siamo nel capitolo 13 di Mc. Commentiamo solo la prima parte del vangelo (Mc 13,24-27) e non la parabola del fico (Mc 13,28-32): comprendendo la prima parte (Mc 13,24-27) si comprendono anche i versetti successivi (Mc 13,28-32). Questo è uno di quei brani che sono stati presi per annunciare la fi ...
(continua)
padre Paul Devreux     (Omelia del 18-11-2012)

Marco scrive questo capitolo in un momento di grande sofferenza per tutti, per via di guerre, persecuzioni e calamità, per cui i cristiani sono sconcertati e si domandano il senso di tutte queste sofferenze. Qualcuno si sta già allontanando. Marco desidera rincuorarli. Scrive con il linguaggio ap ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 18-11-2012)
La tenerezza del germoglio
Le stelle cadranno dal cielo e le potenze che sono nei cieli saranno sconvolte Il genere letterario apocalittico sembra essere lontanissimo dalla nostra cultura moderna, improntata com'è al progresso, lo sviluppo... sembra che non ci siano limiti alla scienza che riesce a scandagliare fino alle rad ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 18-11-2012)
Video commento a Mc 13,24-32
...
(continua)
Gaetano Salvati     (Omelia del 18-11-2012)
Commento su Marco 13,24-32
Il vangelo di oggi ci riconsegna una delle più grandi verità della fede cristiana: il Signore "è vicino, è alle porte" (Mc 13,29). È questa una parola con la quale la Chiesa annuncia al mondo che, in Cristo, non esiste la fine del mondo, intesa come annientamento della storia; sussiste invece, il mo ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 18-11-2012)
Un seme di Cielo
Le letture di oggi appartengono a un genere letterario ben definito nella Sacra Scrittura, quello dei testi "apocalittici", che non necessariamente rimandano a cose terrificanti e angoscianti, e che invece hanno la preoccupazione di "rivelare" (questo il significato del termine "apocalisse") i diseg ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 18-11-2012)
Apocalissi
Stiamo per concludere l'anno liturgico, fra poco saluteremo Marco e il suo vangelo per iniziare, insieme a Luca, un nuovo percorso in preparazione al Natale. Prima, però, Marco vuole ancora invitarci ad una riflessione scomoda e impegnativa. In questi tempi in cui siamo tutti impegnati a sopravvive ...
(continua)
padre Sergio Tellan, OFM cap.     (Omelia del 18-11-2012)
Video commento a Mc 13,24-32
...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 18-11-2012)
Video commento a Mc 13,24-32
...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 18-11-2012)

COMMENTO ALLE LETTURE a cura di don Paolo Ricciardi Se qualcuno dei presenti credesse nella profezia della fine del mondo, che dovrebbe avvenire tra poco più di un mese, il vangelo di oggi potrebbe essere un punto a favore. E chi fosse appassionato di film o di romanzi apocalittici, potrebbe tr ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 18-11-2012)

Il Signore è vicino, è alle porte Avete mai provato cosa significa attendere qualcosa di bello? Qualcosa di meraviglioso? Attendere qualcosa di speciale a cui tenete davvero tanto? Beh, vi sarete accorti che il tempo non passa mai. L'attesa appare lunga perché il desiderio che si realizzi quell'i ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 18-11-2012)
Video commento a Mc 13,24-32
...
(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 18-11-2012)
Video Commento a Mc 13,24-32
You need to install or upgrade Flash Player to view this content, install or upgrade by clicking here. ...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 18-11-2012)
Tra un mese finisce il mondo
Tra un mese finisce il mondo, se hanno ragione quanti attribuiscono valore profetico al calendario Maya. Non sono i primi, nella storia, a preannunciare la catastrofe finale, sulla base di ovvie scadenze o di calcoli astrusi: ad esempio, pare che un'ondata di panico abbia percorso l'Europa all'avvic ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 18-11-2012)
Anche la terra è di passaggio
Qual è la novità del Vangelo di oggi? Che non solo noi siamo pellegrini e di passaggio quaggiù, ma addirittura la terra è di passaggio. E anche il cielo. Viandanti (= che vanno) pure loro... I misteri della Terra Cieli e terra passeranno... Che la terra non stesse mai ferma, lo sapevamo già, ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 18-11-2012)
Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno
Le Scritture profetiche hanno sempre annunziato la venuta del giorno del Signore. Vi è però una duplice venuta di questo giorno: nel tempo per il tempo, nel tempo per aprire le porte dell'eternità a tutta la sua creazione. Ecco come Isaia parla di questo giorno, cioè di questa venuta del Signore nel ...
(continua)
Riccardo Ripoli     (Omelia del 18-11-2012)
Il sole si oscurerà e la luna non darà più il suo splendore
Nella vita non ci sono avvenimenti negativi, tutto dipende da quale punto di vista guardiamo le cose. Ogni fatto può essere visto con il segno più o con il segno meno. Se piove è un bene, si irriga la terra, i fiumi si colmano, la siccità si allontana, ma è anche un male per coloro che sono senza ca ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 18-11-2012)
Passato, presente e futuro in Dio
Se nelle precedenti Domeniche ci si era soffermati sul tema dei defunti e sulla vita dopo la morte, oggi ci si intrattiene sul tema della "fine cosmica universale", sull'epilogo della storia presente. La Scrittura ce ne parla con immagini tipiche dell'apocalittica, che descrivono scene sconvolgenti ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 18-11-2012)
Commento su Primo Daniele 12,1-3: Salmo 15; Ebrei 10,11-14.18; Marco 13,24-32
Siamo arrivati alla penultima domenica dell'anno liturgico. Al centro dell'attenzione delle letture di questa domenica abbiamo il tema del giudizio finale ad opera del Figlio dell'uomo, chiaramente identificabile in Gesù Cristo, e un forte invito alla vigilanza. Il tema dominante è quello della sper ...
(continua)