LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 11 Giugno 2017 <

Venerdì 9 Giugno 2017

Sabato 10 Giugno 2017

Domenica 11 Giugno 2017

Lunedì 12 Giugno 2017

Martedì 13 Giugno 2017

Mercoledì 14 Giugno 2017

Giovedì 15 Giugno 2017

Venerdì 16 Giugno 2017

Sabato 17 Giugno 2017

Domenica 18 Giugno 2017


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:



  SANTISSIMA TRINITA' (ANNO A)

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: SOLENNITA'
Colore liturgico: Bianco
AP100 ;

Spesso ci si immagina un “Dio” lontano, astratto, ridotto quasi a un sistema di idee contorte o semplicissime, ma inesplicabili.
Soprattutto quando ci si accosta alla dottrina della Trinità, si ha l’impressione di essere di fronte a una sciarada beffarda.
E invece, l’essere concretissimo di Dio è comunione che liberamente si effonde. Anzi, ci chiama a varcare la soglia della sua vita intima e beatificante.
Non riusciamo a capire perché Dio si sia interessato di noi: più di quanto, forse, noi ci interessiamo a noi stessi.
Proprio mentre eravamo peccatori, il Padre ha mandato il suo Figlio per offrirci la vita nuova nello Spirito. Liberamente. Per amore. “Dio ha tanto amato il mondo da dare il suo Figlio unigenito”.
Cristo non si impone. Non costringe ad accettarlo. Si consegna alla nostra decisione.
È questa la vertigine della vita umana. Possiamo passare accanto al Signore Gesù che muore e risorge, senza degnarlo di uno sguardo nemmeno distratto.
E, tuttavia, non possiamo fare in modo che egli non esista come il Dio fatto uomo che perdona e salva. “Chi non crede è già stato condannato”.
Ma se ci apriamo alla sua dilezione...
Allora Cristo si rivela come colui che ha suscitato in noi tutte le attese più radicali. E colma a dismisura queste attese.
È la redenzione. È la grazia. È lo Spirito che abita in noi e ci conforma al Signore Gesù.
La vita nuova, che ci viene donata, apparirà in tutta la sua gloria oltre il tempo. Inizia qui, ed è la “vita eterna”.

Scarica il foglietto della Messa >
Scarica le Letture del Lezionario >
Scarica il Salmo Responsoriale Cantato >
Ricevi la Liturgia via mail >
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Sia benedetto Dio Padre,
e l’unigenito Figlio di Dio,
e lo Spirito Santo: perché grande è il suo amore per noi.


Colletta
O Dio Padre, che hai mandato nel mondo
il tuo Figlio, Parola di verità, e lo Spirito santificatore
per rivelare agli uomini il mistero della tua vita,
fa’ che nella professione della vera fede
riconosciamo la gloria della Trinità
e adoriamo l’unico Dio in tre persone.
Per il nostro Signore Gesù Cristo...

Oppure:
Padre, fedele e misericordioso,
che ci hai rivelato il mistero della tua vita
donandoci il Figlio unigenito e lo Spirito di amore,
sostieni la nostra fede
e ispiraci sentimenti di pace e di speranza,
perché riuniti nella comunione della tua Chiesa
benediciamo il tuo nome glorioso e santo.
Per il nostro Signore Gesù Cristo...

>

Prima lettura

Es 34,4-6.8-9
Il Signore, il Signore, Dio misericordioso e pietoso.

Dal libro dell’Èsodo

In quei giorni, Mosè si alzò di buon mattino e salì sul monte Sinai, come il Signore gli aveva comandato, con le due tavole di pietra in mano.
Allora il Signore scese nella nube, si fermò là presso di lui e proclamò il nome del Signore. Il Signore passò davanti a lui, proclamando: «Il Signore, il Signore, Dio misericordioso e pietoso, lento all’ira e ricco di amore e di fedeltà».
Mosè si curvò in fretta fino a terra e si prostrò. Disse: «Se ho trovato grazia ai tuoi occhi, Signore, che il Signore cammini in mezzo a noi. Sì, è un popolo di dura cervìce, ma tu perdona la nostra colpa e il nostro peccato: fa’ di noi la tua eredità».

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Dn 3,52-56

A te la lode e la gloria nei secoli.

Benedetto sei tu, Signore, Dio dei padri nostri.

Benedetto il tuo nome glorioso e santo.

Benedetto sei tu nel tuo tempio santo, glorioso.

Benedetto sei tu sul trono del tuo regno.

Benedetto sei tu che penetri con lo sguardo gli abissi
e siedi sui cherubini.

Benedetto sei tu nel firmamento del cielo.

>

Seconda lettura

2Cor 13,11-13
La grazia di Gesù Cristo, l’amore di Dio e la comunione dello Spirito Santo.

Dalla seconda lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi

Fratelli, siate gioiosi, tendete alla perfezione, fatevi coraggio a vicenda, abbiate gli stessi sentimenti, vivete in pace e il Dio dell’amore e della pace sarà con voi.
Salutatevi a vicenda con il bacio santo. Tutti i santi vi salutano.
La grazia del Signore Gesù Cristo, l’amore di Dio e la comunione dello Spirito Santo siano con tutti voi.

Parola di Dio

Canto al Vangelo (Ap 1,8)
Alleluia, alleluia.

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo,
a Dio, che è, che era e che viene.

Alleluia.

>

Vangelo

Gv 3,16-18
Dio ha mandato il Figlio suo perché il mondo sia salvato per mezzo di lui.


+ Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, disse Gesù a Nicodèmo:
«Dio ha tanto amato il mondo da dare il Figlio, unigenito, perché chiunque crede in lui non vada perduto, ma abbia la vita eterna.
Dio, infatti, non ha mandato il Figlio nel mondo per condannare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui.
Chi crede in lui non è condannato; ma chi non crede è già stato condannato, perché non ha creduto nel nome dell’unigenito Figlio di Dio».

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
Chiediamo al Padre di renderci aperti alla guida dello Spirito, perché possiamo riconoscere in Gesù il Signore della nostra vita.
Preghiamo dicendo: Ascoltaci Signore.

1. Perché la Chiesa venga riconosciuta come popolo del Signore, che ha come legge la carità e come missione l’annunciare a tutti la salvezza. Preghiamo.
2. Perché i cristiani sappiano trovare nella preghiera e nella contemplazione la capacità di accostarsi al mistero del Dio uno e trino. Preghiamo.
3. Perché gli uomini di cultura e gli scienziati non cessino di cercare la verità e trovino in Dio la chiave delle risposte ai problemi del mondo. Preghiamo.
4. Perché i popoli ricchi ascoltino il grido dei diseredati, dei poveri e degli oppressi, e convertano il loro cuore alla condivisione e alla solidarietà. Preghiamo.
5. Perché nella nostra comunità scorra la linfa dell’unità e di quell’amore che rende bella e gioiosa la vita cristiana. Preghiamo.

O Santissima Trinità, Padre che ci hai creati, Figlio che ci hai redenti, Spirito che ci doni luce e forza, rendici consapevoli della tua presenza misteriosa e forte che opera in ogni cristiano, rendendoci testimoni del tuo amore nel mondo. Per Cristo nostro Signore.

Preghiera sulle offerte
Invochiamo il tuo nome, Signore,
su questi doni che ti presentiamo:
consacrali con la tua potenza
e trasforma tutti noi in sacrificio perenne a te gradito.
Per Cristo nostro Signore.


PREFAZIO
Il mistero di Dio uno e trino.

È veramente cosa buona e giusta,
nostro dovere e fonte di salvezza,
rendere grazie sempre e in ogni luogo a te,
Signore, Padre santo, Dio onnipotente ed eterno.
Con il tuo unico Figlio e con lo Spirito Santo
sei un solo Dio, un solo Signore,
non nell’unità di una sola persona,
ma nella Trinità di una sola sostanza.
Quanto hai rivelato della tua gloria, noi lo crediamo,
e con la stessa fede, senza differenze,
lo affermiamo del tuo Figlio e dello Spirito Santo.
E nel proclamare te Dio vero ed eterno,
noi adoriamo la Trinità delle Persone,
l’unità della natura, l’uguaglianza nella maestà divina.
Gli Angeli e gli Arcangeli, i Cherubini e i Serafini,
non cessano di esaltarti uniti nella stessa lode: Santo...


Antifona di comunione
Voi siete figli di Dio:
egli ha mandato nei vostri cuori
lo Spirito del Figlio suo,
che grida “Abbà, Padre”. (Gal 4,6)

Oppure:
Dio ha tanto amato il mondo da donare il suo unico Figlio,
perché chiunque crede in lui non perisca,
ma abbia la vita eterna. (Gv 3,16)


Preghiera dopo la comunione
Signore Dio nostro, la comunione al tuo sacramento,
e la professione della nostra fede in te,
unico Dio in tre persone,
ci sia pegno di salvezza dell’anima e del corpo.
Per Cristo nostro Signore.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

don Dino Pirri - Sulla strada     (Omelia del 11-06-2017)
Commento su Giovanni 3,16-18
...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 11-06-2017)
Audio commento alla liturgia - Gv 3,16-18
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 11-06-2017)
Il Signore Dio clemente e misericordioso
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
padre Aldo Bergamaschi     (Omelia del 11-06-2017)
La Trinità divide i compiti dell'amore
La Trinità non è una verità imposta al cristiano, una verità simile a una formula magica che il cristiano deve imparare a memoria per essere in ordine con la sua fede, ma è una verità di cui il cristiano vive dal momento in cui, riconosce che Cristo è Dio. Dal momento in cui io accetto questa verità ...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 11-06-2017)
Trinità così astratta così concreta
Clicca qui per la vignetta della settimana. l nostro Credo cristiano ci insegna che Dio è Trinità, Padre, Figlio e Spirito Santo. Cosa significa? E' una super domanda di cultura religiosa che magari lascia i più indifferenti perché sembra una complicazione inutile. Non basta dire che Dio esist ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 11-06-2017)
Video commento a Gv 3,16-18
...
(continua)
don Michele Cerutti     (Omelia del 11-06-2017)
Commento su Giovanni 3,16-18
Grande mistero che siamo invitati a contemplare questa settimana. Siamo stimolati a porre lo sguardo sul mistero stesso di Dio. L'Amore ha il volto del Padre da cui ha origine il volto della Sapienza e della Parola e il volto dello Spirito. Dall'Amore reciproco tra il Padre e il Figlio procede lo Sp ...
(continua)
don Maurizio Prandi     (Omelia del 11-06-2017)
La vita: l'amore e le sue direzioni
Leggevo in un commento, qualche giorno fa, che Nicodemo, la figura che oggi ci accompagna, è importante. Era un fariseo e come tale rigido nel seguire la Legge e i Comandamenti. Sappiamo che Gesù è stato molto severo con chi, così attento alla Legge, alla regola, alla norma, rischiava di distrarsi ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 11-06-2017)
Ma se neppure Dio condanna...
Viviamo in una società che ha il giudizio facile. E in genere, non è un giudizio molto "favorevole all'imputato", anzi: giudizio e condanna sono ormai un tutt'uno. Se poi ci si mette pure la gogna mediatica, quella che condanna non nell'aula di un tribunale o di una procura, ma sui giornali, sugli s ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 11-06-2017)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di don Eduard Patrascu "Se ho trovato grazia ai tuoi occhi, che il Signore cammini in mezzo a noi" "Oh Dio! Dio mio!" sentiamo spesso sulla bocca di tante persone per esprimere diversi sentimenti. A volte uno si chiede se è la migliore soluzione per reagir ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 11-06-2017)

In questa domenica il Vangelo è di poche righe per spiegare qualcosa di grande, perché di certo la festa di oggi è qualcosa di così grande che non basta una vita intera per comprenderla! In queste poche righe si possono però trovare indizi importanti per iniziare a conoscere la Trinità. Partiamo d ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 11-06-2017)
La gravidanza di Dio
Esagerazioni che, da sole, rendono pazzo il cuore. Pare proprio che, senza esagerazione, nel Vangelo, non possa esserci gioia: neppure amore. Eccola qui l'ultima: non è sufficiente dire che Dio ha amato il mondo - il che, a pensarci per più di due secondi, sarebbe già annuncio di compagnia - ma si v ...
(continua)
don Luca Garbinetto     (Omelia del 11-06-2017)
Trinità è Luce
Sono così belle le cose sfiorate dalla luce della luna piena. Ma sono ancora più belle abbagliate dai raggi caldi del sole. Perché la luna vive di luce riflessa. Il sole invece è fonte di luce, e la luce è integrazione della diversità dei colori. Come il sole, Dio è Fonte di Luce. Dio è Luce. E la ...
(continua)
don Roberto Fiscer     (Omelia del 11-06-2017)
#StradeDorate - Commento su Giovanni 3,16-18
...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 11-06-2017)
Così bisogna che sia innalzato il Figlio dell'uomo, perché chiunque crede in lui abbia la vita eterna
Ha tanto amato il mondo Tutto il progetto di salvezza per l'uomo si trova condensato magnificamente in queste poche parole. L'evangelista tocca la vetta della contemplazione per scoprire l'Amore di Dio. Non c'è da meravigliarci se gli antichi immaginavano questa nostra terra, che oggi sappiamo ess ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 11-06-2017)
Il nostro Dio è immeno nell'amore ed infinito nella misericordia
Il mistero della Santissima Trinità che celebriamo oggi con un'apposita liturgia della parola e dell'Eucaristia, ci sostiene nella profonda convinzione della nostra fede, nel Dio Uno e Trino, che il nostro Dio è grande nell'amore ed immenso nella sua misericordia. Padre, Figlio e Spirito Santo è la ...
(continua)
don Roberto Farruggio     (Omelia del 11-06-2017)
Commento alle letture con i ragazzi - Domenica della SS. Trinità (Anno A)
...
(continua)
don Roberto Farruggio     (Omelia del 11-06-2017)
Commento alle letture - Domenica della SS. Trinità (Anno A)
...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 11-06-2017)
La Trinità, specchio del nostro cuore profondo
I termini che Gesù sceglie per raccontare la Trinità, sono nomi di famiglia, di affetto: Padre e Figlio, nomi che abbracciano, che si abbracciano. Spirito è nome che dice respiro: ogni vita riprende a respirare quando si sa accolta, presa in carico, abbracciata. In principio a tutto è posta una rela ...
(continua)
don Gianfranco Calabrese     (Omelia del 11-06-2017)
Video commento su Giovanni 3,16-18
...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 11-06-2017)
Luce, splendore e grazia della Trinità
Dalle «Lettere» di sant'Atanasio, vescovo Non sarebbe cosa inutile ricercare l'antica tradizione, la dottrina e la fede della Chiesa cattolica, quella s'intende che il Signore ci ha insegnato, che gli apostoli hanno predicato, che i padri hanno conservato. Su di essa infatti si fonda la Chiesa, dal ...
(continua)
Diocesi di Vicenza     (Omelia del 11-06-2017)
Commento su Giovanni 3,16-18
...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 11-06-2017)
Commento su Giovanni 3,16-18
Conclusi con la Pentecoste i grandi cicli liturgici legati alla celebrazione della storia della Salvezza - Natale ed Epifania prima, Quaresima e Pasqua fino a Pentecoste, poi - riprendono le domeniche del Tempo Ordinario. Ma prima che questo avvenga, quasi a fare sintesi dottrinale e vitale di tutta ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 11-06-2017)
Video commento su Gv 3,16-18
...
(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 11-06-2017)
Un'onda inarrestabile
La solennità della Trinità ci invita a verificare quale idea ci facciamo di Dio e a confrontarla con quello che ci rivela Gesù per mezzo del suo Spirito. Non si tratta solo di una questione di ortodossia, di esattezza dal punto di vista dottrinale, ma della nostra stessa identità e del senso della n ...
(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 11-06-2017)
Un'onda inarrestabile
Il testo dell'omelia si trova in Luigi Gioia, "Mi guida la tua mano. Omelie sui vangeli domenicali. Anno A", ed. Dehoniane. Clicca quiClicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 11-06-2017)
Uno e tre per salvare il mondo
"Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo... ": quante volte ripetiamo queste parole! Di rado però ci soffermiamo a considerare ciò che implicano. Implicano ad esempio che la fede cristiana, pur essendo assolutamente, rigorosamente monoteista, si distingue dagli altri monoteismi (l'ebrai ...
(continua)
padre Giuseppe De Nardi     (Omelia del 11-06-2017)
Sulla Tua Parola - Gv 3,16-18
...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 11-06-2017)
Chi crede in lui non è condannato
L'uomo nuovo, redento e giustificato in Cristo Gesù, è insieme opera dell'amore del Padre, della grazia del Figlio, della comunione di verità e luce dello Spirito Santo. Tutto però inizia dal cuore del Padre e dal suo amore. È Lui che vuole la creazione. È Lui che ci dona il Figlio suo. È Lui che lo ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 11-06-2017)
La SS. Trinità è triplice?
Delle domande che vi avevo fatto sulla SS Trinità pensavo che una vi mettesse in gran difficoltà, invece avete risposto come se niente fosse. Domanda: la Trinità è triplice, visto che è trina? Questo trino- triplice poteva indurvi in confusione invece avete risposto giusto: la Trinità NON è triplice ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 11-06-2017)
Commento su Giovanni 3,16-18
Siamo al terzo cap. del quarto Vangelo, appena al terzo capitolo, e Gesù già parla della sua passione; e ne parla come se fosse già avvenuta. Verosimilmente si tratta di una riflessione dello scrittore ispirato, il quale scrive parecchi anni dopo gli eventi della Passione di Cristo e ne sottolinea ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 11-06-2017)
Noi e il vero Dio
Individualità e collettività sono le due dimensioni irrinunciabili della vita umana, senza l'una possa sussistere in assenza dell'altra. La persona umana è infatti un individuo, con la sua singolarità precipua, con le sue risorse intellettuali e spirituali da coltivare, con i propri carismi che lo d ...
(continua)
Carla Sprinzeles     (Omelia del 11-06-2017)
Commento su Esodo 34,4-6.8-9; Giovanni 3,16-18
Oggi la liturgia ci presenta il mistero centrale della nostra vita, che è il mistero di Dio, che è uno solo: come sappiamo noi adoriamo un solo Dio. Tuttavia è una ricchezza tale, cioè è qualcosa nella vita così profonda e articolata, che è dinamismo continuo, per cui quando si traduce nel tempo div ...
(continua)
padre Fernando Armellini     (Omelia del 11-06-2017)
Video commento su Gv 3,16-18
...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 11-06-2017)
Commento su Es 34,4-6.8-9; Dn 3,52-56; 2Cor 13,11-13; Gv 3,16-18
La liturgia della Chiesa Cattolica, dopo aver celebrato, la scorsa domenica, la solennità di Pentecoste, oggi celebra la solennità della SS Trinità mistero d'amore: inesprimibile per povertà di linguaggio; di vita ché la nostra piccolezza non potrà mai comprendere anche se di Lui, talora, balbettiam ...
(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 14-05-2017)
Video Commento a Gv 3, 16-18
...
(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 15-06-2014)
Commento su Gv 3,16-18
Lectio Il brano proposto per questa domenica si trova all'interno del capitolo 3, dedicato in particolare al dialogo tra Gesù e Nicodemo. Gesù aveva parlato a Nicodemo della nuova nascita nello Spirito Santo e del mistero del Figlio dell'uomo. Gesù poi parlando di se stesso (v. 14) gli aveva detto ...
(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 15-06-2014)
Commento su 2Cor 13,11-13
Collocazione del brano Questi sono gli ultimi tre versetti della seconda lettera ai Corinti. Questa è una missiva piuttosto severa, poiché sul tappeto vi erano diversi problemi, in particolare la presenza in Corinto di alcuni avversari di Paolo che ne sminuivano l'autorità. Nella seconda parte del ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 15-06-2014)
Audio commento alla liturgia
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 15-06-2014)
Un Dio solo ed esclusivamente amore
Oggi che celebriamo la festa della SS.Trinità ci viene da domandare come è Dio in se stesso, dal momento che Gesù ce lo ha rivelato come Uno e Trino, come Padre, Figlio e Spirito Santo. Come è in se stesso Dio è facile capirlo dalle parole stesse di Gesù e dalla vita del Cristo, Figlio di Dio, venut ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 15-06-2014)
Tendete alla perfezione e vivete in pace
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 15-06-2014)
Dio ha mandato il Figlio suo perché il mondo sia salvato per mezzo di lui
La solennita? della Trinita? va vissuta e compresa nel prolungamento della solennita? della Pentecoste che abbiamo celebrato domenica scorsa: e? il dono dello Spirito Santo che ci introduce nella verita? tutta intera. La verita? e? prima di tutto Gesu? stesso che dice: Io sono la via, la verita? e ...
(continua)
Giovani Missioitalia     (Omelia del 15-06-2014)
Santissima Trinità
"Dio ha tanto amato il mondo da dare Suo Figlio" è una frase a cui forse abbiamo fatto 'abitudine, ma se ci fermiamo a meditare questa Parola possiamo renderci conto di quanto grande e forte sia l'amore di questo nostro Padre. Nella bibbia c'è stata un'altra figura a cui fu chiesto il sacrificio di ...
(continua)
don Luca Garbinetto     (Omelia del 15-06-2014)
La sinfonia della Trinità
Secondo il celebre aneddoto capitato a Sant'Agostino sulla spiaggia africana, cercare di comprendere Dio Uno e Trino con l'esercizio della sola ragione, è come pretendere di mettere in una piccola buca scavata nella sabbia tutta l'acqua del mare. Il fatto è che non si può pensare e riflettere su Dio ...
(continua)
don Marco Pedron     (Omelia del 15-06-2014)
L'amore è creativo
Lunedì - La fine di una religione I versetti del vangelo di oggi si trovano nel capitolo 3 di Gv. Per capirli, dobbiamo capire cosa succede prima. Nel capitolo 2 (Gv 2,13-17) Gesù scaccia i venditori dal tempio. Per Gesù questo episodio vuol dire: "Il Tempio (cioè un certo tipo di religione) è f ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 15-06-2014)
Dio, Trinità... Amore
Nella prima domenica dopo la Pentecoste, noi Chiesa siamo chiamati a celebrare la festa della SS. Trinità. E' la grande rivelazione che Dio fa di se stesso in maniera graduale lungo tutta la Bibbia, come una luce che diventa sempre più luminosa, fino alla rivelazione piena offertaci da Gesù il Crist ...
(continua)
don Valentino Porcile     (Omelia del 15-06-2014)
Video commento a Gv 3,16-18
...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 15-06-2014)
Da Dio a Dio
Di Dio, spesso, ci facciamo un'idea terribile. Un'idea che scaturisce dal profondo, che mette insieme le nostre paure, il senso di smarrimento che portiamo nel cuore quando affrontiamo le piccole o grandi difficoltà, che rimanda al mistero della vita: perché esistiamo? Chi lo ha deciso? Perché? Un ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 15-06-2014)
Video commento a Gv 3,16-18
...
(continua)
mons. Gianfranco Poma     (Omelia del 15-06-2014)
Dio ha tanto amato il mondo
Dopo aver celebrato il mistero di Cristo, la Liturgia ci fa contemplare il mistero di Dio, per ricordarci che tutto è con Lui, in Lui, per Lui: attraverso Cristo, Dio ci è svelato come infinito mistero di Amore che ci avvolge e ci fa vivere. I pochi versetti del cap.3 del Vangelo di Giovanni che ogg ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 15-06-2014)
Li chiamarono Trinità
In cucina una giovane mamma stava preparando la cena con la mente totalmente concentrata su ciò che stava facendo: preparare le patatine fritte. Stava lavorando sodo per preparare un piatto che i bambini avrebbero apprezzato molto: le patatine fritte erano i lloro piatto preferito. Il bambino più pi ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 15-06-2014)
Come dire di no a un Dio così?
Che in una nazione nella quale si voglia assicurare la pacifica convivenza tra gli uomini siano assolutamente necessarie delle norme e delle leggi, è fuori discussione. Pensiamo a una democrazia dove non esistano leggi e norme, e dove ognuno possa comportarsi come desidera perché sa benissimo che ne ...
(continua)
mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 15-06-2014)
Solennità della SS. ma Trinità
La Chiesa, lungo tutto l'anno liturgico, ripercorre il continuo cammino della storia dell'amore che Dio ha per ciascuno di noi, facendo memoria dell'amore del Padre, che, dopo averci creati, ci ha donato il Suo Figlio Gesù, nato, morto e risorto per la nostra salvezza, che ci ha inviato, con la Pent ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 15-06-2014)
Chi crede in lui non è condannato
La Parola di Gesù non consente che sorgano equivoci, contestazioni, altre interpretazioni, frutto di filosofie e teologie umane. La Parola di Gesù è la sola che è di vita eterna per noi. O si crede in essa e si entra nella vita eterna, o non si crede e si rimane nella morte, con l'aggravante della n ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 15-06-2014)
Commento su 2 Cor 13,11
"Fratelli, siate gioiosi, tendete alla perfezione, fatevi coraggio a vicenda, abbiate gli stessi sentimenti, vivete in pace e il Dio dell'amore e della pace sarà con voi." 2 Cor 13,11 Come vivere questa Parola? Dio non solo nella sua essenza è amore e pace ma è anche colui che ha fatto dell'amore ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 15-06-2014)
Video commento su Gv 3,16-18
...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 15-06-2014)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di Rocco Pezzimenti 1. Questa festa, che celebriamo oggi, è la festa della nostra fede e del suo mistero. Quella di cui dovremmo avere piena consapevolezza visto che la proclamiamo nel momento in cui facciamo il segno della croce. Il Cristo, l'unigenito com ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 15-06-2014)

Sapete che cosa ho fatto prima di riflettere sul vangelo di oggi? Ho contato le righe: sono sei. Un brano brevissimo. Mi è sembrato di essere ritornata a scuola quando, dovendo fare un tema e non sapendo cosa scrivere, contavo le righe per raggiungere il minimo necessario affinché fosse considerat ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 15-06-2014)
Con voi
Fratelli, siate gioiosi Prendiamo per noi le parole che Paolo scrive a conclusione di questa lettera. Quando lo spirito coglie la gioia che viene da Dio, tutto il resto si trasforma in un inno di onore e di gloria per il Signore nostro Dio. "La gioia del Vangelo riempie il cuore e la vita intera d ...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 15-06-2014)
Ecco una prova di quanto ci consideri
E' la domenica della Santissima Trinità. La fede cristiana è assolutamente, rigorosamente monoteista, ma si distingue dagli altri monoteismi (l'ebraico e l'islamico) perché, sulla scorta di quanto le è stato rivelato, professa che l'Unico Dio è una Trinità di persone. Sono il Padre, il Figlio e lo S ...
(continua)
padre Giuseppe De Nardi     (Omelia del 15-06-2014)
Sulla Tua Parola - Gv 3,16-18
...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 15-06-2014)

Nicodemo è un anziano che, di notte, va dal Maestro per imparare come si rinasce per non morire. È il problema fondamentale dell'uomo: come vivere per vincere l'angoscia della morte che tutti abbiamo. Nicodemo, un ricercatore della Legge, non vi ha mai trovato come si fa a "rinascere". E Gesù spiega ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 15-06-2014)

Chi era Nicodemo? Era un Fariseo, un capo del popolo, e andò da Gesù nottetempo per interrogarlo. In quest'uomo si agitano due sentimenti tra loro conflittuali: da una parte, era curioso di conoscere personalmente il Signore, il suo pensiero, la sua missione; il fascino che sprigionava quest'uomo da ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 15-06-2014)
Pellegrinaggio senza confini
L'Ascensione ci invitava a guardare in alto per seguire con lo sguardo Gesù che saliva oltre le nubi. La Santissima Trinità ci invita a guardare "dentro", nelle profondità del cuore dove Dio dimora in segreto. Oggi siamo invitati a fare un pellegrinaggio. Dove? Ecco il bello: in nessun posto. O perl ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 15-06-2014)
Video commento a Gv 3,16-18
...
(continua)
don Marco Pratesi     (Omelia del 15-06-2014)
Ruminare i Salmi - Daniele 3,52 (SS. Trinità, anno A)
CEI Benedetto il tuo nome glorioso e santo, degno di lode e di gloria nei secoli. NV et benedictum nomen gloriae tuae sanctum et superlaudabile et superexaltatum in saecula. 2Cor 13,11: vivete in pace, e il Dio della pace sarà con voi Gv 3,16: Dio ha tanto amato il mondo da dare il suo Figlio ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 15-06-2014)
Trinità, persona e socialità
Solo Gesù Cristo poteva rivelarci il vero Dio. Essendo Gesù il Verbo, Dio fatto uomo, solo lui può dischiuderci la via al Padre perché vedendo lui si vede il Padre. A favorire questa comunione con il Padre è lo Spirito Santo, lo stesso che aveva condotto Gesù per tutto il ministero fino alla morte d ...
(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 19-06-2011)
Dio ha mandato il Figlio suo perché il mondo sia salvato per mezzo di lui
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
Giovani Missioitalia     (Omelia del 19-06-2011)
Santissima Trinità (Anno A)
Dio non è un giudice, ma è colui che comunica vita e offre all'umanità la pienezza di vita che si è manifestata nel figlio Gesù. Il brano ha bisogno di essere integrato anche con i vers. 19 e 20, altrimenti è come amputato. "Dio ha tanto amato il mondo" Dio non è pessimista, un Dio nauseato dell'um ...
(continua)
don Daniele Muraro     (Omelia del 19-06-2011)
Numeri e persone
Nella testa di tanta gente sembra che il dogma Trinità abbia a che fare quasi solo con la matematica. In realtà il mistero della Trinità riguarda più le persone che i numeri. Sono Queste che spiegano quelli e non viceversa Personalità è detto ciascun uomo elevato in dignità, ma tutti noi siamo pers ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 19-06-2011)
Ti amo, per colpa di uno sguardo
In cucina una giovane mamma stava preparando la cena con la mente totalmente concentrata su ciò che stava facendo: preparare le patatine fritte. Stava lavorando sodo per preparare un piatto che i bambini avrebbero apprezzato molto: le patatine fritte erano il loro piatto preferito. Il bambino più pi ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 19-06-2011)

Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
don Marco Pedron     (Omelia del 19-06-2011)
Quell'intervallo di spazio tra me e te
Oggi la Chiesa celebra la festa della Trinità. Ma cos'è la Trinità? E cosa vuol dire Trinità? Anche perché nei vangeli si può cercare finché si vuole ma questa parola non esiste proprio. Il vissuto precede sempre la teoria. Prima una cosa si vive e poi, riflettendo, la si capisce. Prima gli apostol ...
(continua)
don Mario Campisi     (Omelia del 19-06-2011)
Fatti a sua immagine
Ma noi siamo "un popolo di dura cervice", capaci di rifiutare l'amore che Gesù è venuto a donarci. Lo Spirito Santo è il dono di Gesù che ci dà la capacità di capirlo, di accogliere la "grazia" e così instaurare la comunione con il padre. Dio non è un solitario ma una comunità di amore. Dio è comuni ...
(continua)
padre Paul Devreux     (Omelia del 19-06-2011)

La Trinità, che ogni segno di croce e benedizione ci ricorda, più che un dogma, è una storia che ci rivela la bellezza di Dio e il senso di tutte le cose, ci dice che Dio non ha scelto di essere solo perché ama creare la comunione: un Dio che è Padre, che si è manifestato nel Figlio e che rimane pre ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 19-06-2011)
Gloria a te, Padre, a te Figlio, a te Spirito Santo!
Celebriamo la festa della SS. Trinità. E' la grande rivelazione che Dio fa di se stesso in maniera graduale lungo tutta la Bibbia, come una luce che diventa sempre più luminosa, fino alla rivelazione piena offertaci da Gesù quando afferma: "Dio ha tanto amato il mondo da mandare il suo Figlio unigen ...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 19-06-2011)
La trinità: un abbraccio eterno
Clicca qui per la vignetta della settimana E' di notte il momento nel quale si svolge il dialogo tra Gesù e questo capo dei Giudei, Nicodemo. Questa domenica ne ascoltiamo un frammento che cerca di fare un po' di luce su Dio. La notte che avvolge Nicodemo e Gesù e il loro dialogo, sembra la stes ...
(continua)
don Luigi Trapelli     (Omelia del 19-06-2011)
L'unità nella diversità
Qual'è la grande differenza tra la religione cristiana e quella induista, buddista o il mondo islamico? E' proprio la solennità di oggi: la Trinità. Noi, infatti, non crediamo in un Dio generico, ma nel Dio che è Padre, Figlio e Spirito Santo. Pensate al segno della croce, che dovremmo fare ogni m ...
(continua)
mons. Gianfranco Poma     (Omelia del 19-06-2011)
Così Dio ha amato il mondo
Come conclusione del ciclo della celebrazione del mistero di Cristo nell'anno liturgico, è collocatala la "festa della Ss.ma Trinità", perché ricordiamo che la nostra partecipazione alla vita del Figlio di Dio, trova il suo senso ultimo nel rendere gloria a Dio. Ma già gli antichi Padri della Chiesa ...
(continua)
padre Mimmo Castiglione     (Omelia del 19-06-2011)
Al Ministero delle infrastrutture (celesti) e delle (divine) comunicazioni!
Non è idea, non è astrazione. Modello da imitare sì. Concreto. Reale. Crescere nella fraternità, avendo lo stesso Padre. Richiama armonia, comunicazione leale, rispetto sincero, amorevole, cordiale. Accoglienza reciproca, dell'altro diverso, uniti nel fine, nello scopo da realizzare. Comunità ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 19-06-2011)
Commento su Seconda Lettera ai Corinzi 13,13
La grazia del Signore Gesù Cristo, l'amore di Dio e la comunione dello Spirito Santo siano con tutti voi. 2 Cor 13,13 Come vivere questa Parola? Questo è l'augurio di Paolo ai Corinzi e a tutti noi in questa solennità della Trinità! La liturgia di oggi ci fa intravedere il volto del Dio invisibil ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 19-06-2011)
Commento su Gv 3,16-18
Di notte, Nicodemo incontra Gesù per un lungo colloquio. L'anziano dottore della legge chiede al giovane rabbì di Nazareth le domande che contano: è possibile per l'uomo l'autentica libertà? Può diventare una persona diversa? L'esperienza e la cultura dicono a Nicodemo che l'uomo non può rinascere; ...
(continua)
Ileana Mortari - rito romano     (Omelia del 19-06-2011)
Il mistero della SS. Trinità
Quello della Trinità è certamente il mistero principale del cristianesimo, la sua "carta di identità", l'elemento che lo distingue da tutte le altre religioni, sia quelle rivelate dell'Occidente (ebraismo e islam) che quelle "sapienziali" dell'Oriente. Il mistero trinitario è alla base della fede ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 19-06-2011)
Crediamo all'amore di Dio per noi
La Trinità: un dogma che può sembra­re lontano e non toccare la vita. Inve­ce è rivelazione del segreto del vivere, della sapienza sulla vita, sulla morte, sull'a­more, e mi dice: in principio a tutto è il le­game. Un solo Dio in tre persone: Dio non è in se stesso solitudine ma comunione, l'ocea ...
(continua)
don Roberto Seregni     (Omelia del 19-06-2011)
DNA Trinitario
Dopo la grande festa della Pentecoste, ricreati e irrobustiti dal dono dello Spirito, siamo pronti a contemplare il mistero della Trinità. In questi giorni mi è capitato di vedere su una rivista cristiana una preghiera dove si invocava l'intercessione di alcuni santi per placare l' "ira funesta di ...
(continua)
mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 19-06-2011)
Solennità della SS.MA TRINITÀ
Un tempo nelle famiglie si iniziava la giornata, come ogni azione, compresa quella del mettersi a tavola, con il 'segno della Croce', che è davvero il simbolo della nostra fede, come a confermare la consapevolezza che tutto era fatto nel Suo Nome. Un 'segno' davvero tanto semplice, ma accompagnato ...
(continua)
mons. Vincenzo Paglia     (Omelia del 19-06-2011)
Dio ha mandato il Figlio suo perché il mondo sia salvato per mezzo di lui
Con la festa della Trinità si apre il tempo liturgico chiamato "ordinario", perché non ha nessuna memoria particolare della vita di Gesù. Tuttavia non è un tempo meno significativo del precedente. Potremmo anzi dire che la festa della SS.ma Trinità proietta la sua luce su tutta la vicenda umana. Inf ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 19-06-2011)
Video commento a Gv 3,16-18
...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 19-06-2011)

PRIMO COMMENTO ALLE LETTURE a cura di Rocco Pezzimenti 1. Se Giovanni descrive l'amore di Dio come nessun altro, si può dire che questo brano manifesta tutta la tenerezza del Creatore. L'incarnazione, la venuta nel mondo del Signore, rivelano la paterna preoccupazione del Padre che "ha tanto am ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 19-06-2011)

"Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo". E' l'importante segno che noi facciamo per salutare Gesù, il segno che indica che siamo cristiani. Tutte le domeniche ci salutiamo così, non è una cosa nuova, ma oggi, festa della Santissima Trinità, voglio soffermarmi un po' su questo segno. ...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 19-06-2011)
Il mistero parla un linguaggio conosciuto
Subito una precisazione: la solennità odierna non vuole significare che si celebra la Divina Trinità come si fa con i santi, un giorno all'anno. L'unico Dio in tre Persone è sempre il quadro in cui si celebra ogni liturgia; anzi, le varie feste altro non sono se non specificazioni, chiarimenti, rich ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 19-06-2011)
Stupore
Di Dio, spesso, ci facciamo un'idea terribile. Un'idea che scaturisce dal profondo, che mette insieme le nostre paure, il senso di smarrimento che portiamo nel cuore quando affrontiamo le piccole o grandi difficoltà, che rimanda al mistero della vita: perché esistiamo? Chi lo ha deciso? Perché? Un ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 19-06-2011)
Video commento a Gv 3, 16-18
...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 19-06-2011)
Video commento a Gv 3, 16-18
...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 19-06-2011)
Dio è Amore
Tra le molte domande della nostra fede, una di quelle a cui è più difficile rispondere è questa: "Chi è Dio?". Potremmo senz'altro rispondere secondo le sane categorie del catechismo tradizionale, che Dio è l'Essere, quello perfetto e sommo, che ha creato cielo e terra. Oppure dire chi è Dio per noi ...
(continua)
don Carlo Occelli     (Omelia del 19-06-2011)
Questo Dio mi piace. E condivido.
Mi piace. Non so se sia questa la cliccata più comune al mondo. Chi naviga nel mondo di facebook conosce bene questo gergo del "mi piace". Ognuno sulla sua bacheca può condividere i propri stati d'animo, appuntamenti, link, musica e parole, citazioni e frasi famose. Facebook e simili hanno sfondat ...
(continua)
don Carlo Occelli     (Omelia del 19-06-2011)
Video commento su Giovanni 3,16-18
...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 19-06-2011)
Vita senza frontiere
Cos'è la SS Trinità? Un Dio fuori di sé per troppo amore, cioè una perfetta comunione di persone che non rivendicano nulla per sé stesse: tutto ciò che il Padre è (e non solo ha) lo dona al Figlio che è così, la sapienza sussistente. Tutto ciò che il Figlio ha, non solo la vita, ma il suo stesso Spi ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 19-06-2011)
L'unico Dio in tre persone
In Dio sono perfette sia l'unità che la Trinità. Dio è unico nell'unità di una sola natura e trino nelle persone. Siamo di fronte al mistero. I misteri di Dio ci si svelano nella misura in cui siamo capaci, accogliendo i doni di grazia e lasciandoci illuminare dallo stesso Spirito, di viverli ed inc ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 19-06-2011)
Trinità: Unione e carità
Nel passaggio dagli anni prima di Cristo a quelli a Lui posteriori, parecchi pensatori greci (come ad esempio quelli del Neoplatonismo) andavano sempre più ispirandosi alla sapienza biblica e alla cultura orientale e anche non pochi uomini di intelletto Giudei e Cristiani attinsero molto dalla filos ...
(continua)
Gaetano Salvati     (Omelia del 19-06-2011)
L'Amante, l'Amato, l'Amore
La liturgia della Parola di questa Domenica, in cui la Chiesa celebra la solennità della Santissima Trinità, si presenta apparentemente povera per la brevità dei testi scelti. In realtà, questa povertà è l'atteggiamento necessario, per noi cristiani, per intuire che l'essenza di Dio è l'amore. San ...
(continua)
padre Sergio Tellan, OFM cap.     (Omelia del 19-06-2011)
Video commento a Gv 3, 16-18
...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 19-06-2011)
Dio infatti ha tanto amato il mondo da dare il Figlio unigenito
È giusto che noi ci chiediamo: quanto è grande l'amore di Dio per noi? Non sembri azzardata la risposta: più grande dello stesso Dio. Dio è immortale, incorruttibile, divinità eterna, atto purissimo. Avrebbe potuto dare tutto se stesso. Mai però sarebbe potuto morire per noi su un duro legno, trafit ...
(continua)
don Valentino Porcile     (Omelia del 19-06-2011)
Video commento a Gv 3,16-18
...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 19-06-2011)
Commento su Santissima Trinità
Lo scorso anno, il giorno in cui veniva festeggiata la Santissima Trinità, mi trovavo in Messico, in visita ad una fraternità dei piccoli fratelli di Charles de Foucauld. Riprendo qui un brano dei miei appunti di viaggio, per commentare questo mistero grande ed essenziale della nostra vita di relazi ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 18-05-2008)

È dura, lo so bene, ma oggi siamo chiamati a fissare per qualche istante il sole. Il mistero della Trinità è una scalata impervia ma che, alla fine, può colmare il nostro cuore di gioia immensa... Ci fidiamo di Gesù? Se sì, amici, ascoltiamo ora la sua esperienza di Dio, Lui che professiamo "Sign ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 18-05-2008)
Esplosione di vita
Un Dio fuori di sé: ecco cos'è la SS Trinità. Una perfetta comunione di persone che non rivendicano nulla per sé stesse: tutto ciò che il Padre è (e non solo ha) lo dona al Figlio che è così, la sapienza sussistente. Tutto ciò che il Figlio ha, non solo la vita, ma il suo stesso Spirito, ce lo dona ...
(continua)
don Luciano Sanvito     (Omelia del 00-00-0000)
Un progetto divino
Il mistero di Dio si compone, si scompone e ricompone continuamente nella storia umana. La tesse e la ritesse, ne ricuce gli strappi, ne ricama gli orli, ne ridisegna i contorni. Il progetto divino si smembra e si rigenera proprio attraverso le ferite e le guarigioni del mondo, con il contributo o ...
(continua)