LA CHIESA

      


> e-mail    > chi siamo    > scripts e banners   > newsletters    > translate ita>eng

LITURGIA

> 16 Aprile 2017 <

Venerdì 14 Aprile 2017

Sabato 15 Aprile 2017

Domenica 16 Aprile 2017

Lunedì 17 Aprile 2017

Martedì 18 Aprile 2017

Mercoledì 19 Aprile 2017

Giovedì 20 Aprile 2017

Venerdì 21 Aprile 2017

Sabato 22 Aprile 2017

Domenica 23 Aprile 2017


Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:



  DOMENICA DI PASQUA - RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO A)

> Vai direttamente alle OMELIE 

Grado della Celebrazione: SOLENNITA'
Colore liturgico: Bianco
AP010 ;

Che cos’è che fa correre l’apostolo Giovanni al sepolcro? Egli ha vissuto per intero il dramma della Pasqua, essendo molto vicino al suo maestro. Ci sembra perciò inammissibile un’affermazione del genere: “Non avevano infatti ancora compreso la Scrittura”. Eppure era proprio così: non meravigliamoci allora di constatare l’ignoranza attuale, per molti versi simile. Il mondo di Dio, i progetti di Dio sono così diversi che ancor oggi succede che anche chi è più vicino a Dio non capisca e si stupisca degli avvenimenti.
“Vide e credette”. Bastava un sepolcro vuoto perché tutto si risolvesse? Credo che non fu così facile. Anche nel momento delle sofferenze più dure, Giovanni rimane vicino al suo maestro. La ragione non comprende, ma l’amore aiuta il cuore ad aprirsi e a vedere. È l’intuizione dell’amore che permette a Giovanni di vedere e di credere prima di tutti gli altri. La gioia di Pasqua matura solo sul terreno di un amore fedele. Un’amicizia che niente e nessuno potrebbe spezzare. È possibile? Io credo che la vita ci abbia insegnato che soltanto Dio può procurarci ciò. È la testimonianza che ci danno tutti i gulag dell’Europa dell’Est e che riecheggia nella gioia pasquale alla fine del nostro millennio.

Scarica il foglietto della Messa >
Scarica le Letture del Lezionario >
Scarica il Salmo Responsoriale Cantato >
Ricevi la Liturgia via mail >
Ascolta il Vangelo >

Antifona d'ingresso
Sono risorto, e sono sempre con te;
tu hai posto su di me la tua mano,
è stupenda per me la tua saggezza. Alleluia. (cf. Sal 139,18.5-6)

Oppure:
Il Signore è davvero risorto. Alleluia.
A lui gloria e potenza nei secoli eterni. (Lc 24,34; cf. Ap 1,6)


Colletta
O Padre, che in questo giorno,
per mezzo del tuo unico Figlio,
hai vinto la morte
e ci hai aperto il passaggio alla vita eterna,
concedi a noi, che celebriamo la Pasqua di risurrezione,
di essere rinnovati nel tuo Spirito,
per rinascere nella luce del Signore risorto.
Egli è Dio e vive e regna con te...

>

Prima lettura

At 10,34a.37-43
Noi abbiamo mangiato e bevuto con lui dopo la sua risurrezione dai morti.

Dagli Atti degli Apostoli

In quei giorni, Pietro prese la parola e disse: «Voi sapete ciò che è accaduto in tutta la Giudea, cominciando dalla Galilea, dopo il battesimo predicato da Giovanni; cioè come Dio consacrò in Spirito Santo e potenza Gesù di Nàzaret, il quale passò beneficando e risanando tutti coloro che stavano sotto il potere del diavolo, perché Dio era con lui.
E noi siamo testimoni di tutte le cose da lui compiute nella regione dei Giudei e in Gerusalemme. Essi lo uccisero appendendolo a una croce, ma Dio lo ha risuscitato al terzo giorno e volle che si manifestasse, non a tutto il popolo, ma a testimoni prescelti da Dio, a noi che abbiamo mangiato e bevuto con lui dopo la sua risurrezione dai morti.
E ci ha ordinato di annunciare al popolo e di testimoniare che egli è il giudice dei vivi e dei morti, costituito da Dio. A lui tutti i profeti danno questa testimonianza: chiunque crede in lui riceve il perdono dei peccati per mezzo del suo nome».

Parola di Dio

>

Salmo responsoriale

Sal 117

Questo è il giorno che ha fatto il Signore: rallegriamoci ed esultiamo.

Rendete grazie al Signore perché è buono,
perché il suo amore è per sempre.
Dica Israele:
«Il suo amore è per sempre».

La destra del Signore si è innalzata,
la destra del Signore ha fatto prodezze.
Non morirò, ma resterò in vita
e annuncerò le opere del Signore.

La pietra scartata dai costruttori
è divenuta la pietra d’angolo.
Questo è stato fatto dal Signore:
una meraviglia ai nostri occhi.

>

Seconda lettura

Col 3,1-4
Cercate le cose di lassù, dove è Cristo

Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Colossési

Fratelli, se siete risorti con Cristo, cercate le cose di lassù, dove è Cristo, seduto alla destra di Dio; rivolgete il pensiero alle cose di lassù, non a quelle della terra.
Voi infatti siete morti e la vostra vita è nascosta con Cristo in Dio! Quando Cristo, vostra vita, sarà manifestato, allora anche voi apparirete con lui nella gloria.

Parola di Dio

Sequenza
Alla vittima pasquale,
s’innalzi oggi il sacrificio di lode.
L’Agnello ha redento il suo gregge,
l’Innocente ha riconciliato
noi peccatori col Padre.

Morte e Vita si sono affrontate
in un prodigioso duello.
Il Signore della vita era morto;
ma ora, vivo, trionfa.

«Raccontaci, Maria:
che hai visto sulla via?».
«La tomba del Cristo vivente,
la gloria del Cristo risorto,
e gli angeli suoi testimoni,
il sudario e le sue vesti.
Cristo, mia speranza, è risorto:
precede i suoi in Galilea».

Sì, ne siamo certi:
Cristo è davvero risorto.
Tu, Re vittorioso,
abbi pietà di noi.

Canto al Vangelo (1Cor 5,7-8)
Alleluia, alleluia.
Cristo, nostra Pasqua, è stato immolato:
facciamo festa nel Signore.
Alleluia.

>

Vangelo

Gv 20,1-9
Egli doveva risuscitare dai morti.


+ Dal Vangelo secondo Giovanni

Il primo giorno della settimana, Maria di Màgdala si recò al sepolcro di mattino, quando era ancora buio, e vide che la pietra era stata tolta dal sepolcro.
Corse allora e andò da Simon Pietro e dall’altro discepolo, quello che Gesù amava, e disse loro: «Hanno portato via il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l’hanno posto!».
Pietro allora uscì insieme all’altro discepolo e si recarono al sepolcro. Correvano insieme tutti e due, ma l’altro discepolo corse più veloce di Pietro e giunse per primo al sepolcro. Si chinò, vide i teli posati là, ma non entrò.
Giunse intanto anche Simon Pietro, che lo seguiva, ed entrò nel sepolcro e osservò i teli posati là, e il sudario – che era stato sul suo capo – non posato là con i teli, ma avvolto in un luogo a parte.
Allora entrò anche l’altro discepolo, che era giunto per primo al sepolcro, e vide e credette. Infatti non avevano ancora compreso la Scrittura, che cioè egli doveva risorgere dai morti.

Parola del Signore

Preghiera dei fedeli
La Parola di Dio, fratelli e sorelle, ci ha detto che l’esistenza non è disillusione, ma speranza, e che il male e la morte sono vinte dalla risurrezione di Cristo. Chiediamo al Padre di donarci la grazia di aderire al Signore risorto con tutta la nostra vita. Preghiamo dicendo: Ascoltaci Signore.

1. Fortifica la Chiesa, Signore, perché possa accogliere tutti gli uomini che cercano il bene con cuore sincero, mostrando loro il gigantesco segreto del cristiano: il tuo figlio risorto. Preghiamo.
2. Dona ai governanti, o Padre, la consapevolezza che soltanto la via della dedizione al bene e la disponibilità al servizio possono rendere il mondo migliore. Preghiamo.
3. Rafforza la nostra fede, Signore, perché di fronte alla risurrezione di Gesù non sia inquinata dal dubbio, ma alimentata dal tuo amore che salva il mondo. Preghiamo.
4. Infondi, o Padre, la speranza nel cuore di ogni uomo, perché ciascuno veda nella risurrezione di Cristo il modello e la primizia della vita gloriosa che ci attende. Preghiamo.
5. Coloro che soffrono, Signore, hanno bisogno di un supplemento d'amore, di un’infusione di serenità, perché possano vivere la loro condizione nell’attesa paziente della felicità eterna che li attende. Preghiamo.

Cristo nostra speranza è risorto: in lui trova compimento ogni nostra speranza di vita realizzata. Ecco perché, o Padre, ti rivolgiamo le nostre suppliche, che noi sperimentiamo come necessità, nel nome di Cristo, nostro Signore.

Preghiera sulle offerte
Esultanti per la gioia pasquale
ti offriamo, Signore, questo sacrificio,
nel quale mirabilmente nasce
e si edifica sempre la tua Chiesa.
Per Cristo nostro Signore.


PREFAZIO PASQUALE I
Cristo agnello pasquale

È veramente cosa buona e giusta,
nostro dovere e fonte di salvezza,
proclamare sempre la tua gloria, o Signore,
e soprattutto esaltarti in questo giorno
nel quale Cristo, nostra Pasqua, si è immolato.
È lui il vero Agnello
che ha tolto i peccati del mondo,
è lui che morendo ha distrutto la morte
e risorgendo ha ridato a noi la vita.
Per questo mistero,
nella pienezza della gioia pasquale,
l’umanità esulta su tutta la terra,
e con l’assemblea degli angeli e dei santi
canta l’inno della tua gloria: Santo...


Antifona di comunione
Cristo, nostra Pasqua, è stato immolato:
celebriamo dunque la festa
con purezza e verità. Alleluia. (1Cor 5,7-8)


Preghiera dopo la comunione
Proteggi sempre la tua Chiesa, Dio onnipotente,
con l’inesauribile forza del tuo amore,
perché, rinnovata dai sacramenti pasquali,
giunga alla gloria della risurrezione.
Per Cristo nostro Signore.


O M E L I E
a cura di
Qumran2.net

Wilma Chasseur     (Omelia del 16-04-2017)
Audio commento alla liturgia - Gv 20,1-9
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 16-04-2017)
Commento su At 10,34a.37-43; Sal 117; Col 3,1-4; Gv 20,1-9
"Essi lo uccisero appendendolo a una croce, ma Dio lo ha risuscitato al terzo giorno e volle che si manifestasse, non a tutto il popolo, ma a testimoni prescelti da Dio, a noi che abbiamo mangiato e bevuto con lui dopo la sua risurrezione dai morti". (At 10,39-41). Chi lo uccise? Chi uccise Gesù? ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 16-04-2017)
Commento su Gv 20, 3-9
«Pietro allora uscì insieme all'altro discepolo (Giovanni) e si recarono al sepolcro. Correvano insieme tutti e due, ma l'altro discepolo corse più veloce di Pietro e giunse per primo al sepolcro. Si chinò, vide i teli posati là, ma non entrò. Giunse intanto anche Simon Pietro, che lo seguiva, ed en ...
(continua)
padre Aldo Bergamaschi     (Omelia del 16-04-2017)
Sentimento storico e Verità
Nessuno è soddisfatto di se stesso, nessuna cosa vive staticamente la propria condizione. Come singoli tentiamo di consumare il piccolo diaframma che divide il bene dal male, perché vogliamo assolutizzare la Libertà. Come gruppo, o come gruppi, siamo protesi alla conquista del potere economico e pol ...
(continua)
don Dino Pirri - Sulla strada     (Omelia del 16-04-2017)
Commento su Giovanni 20,1-9
...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 16-04-2017)
Risorti con Cristo
Risorti con Cristo Paolo non pone un dubbio ai cristiani di Colossi che di dubbi e incertezze ne avevano in abbondanza, piuttosto una certezza: siamo Risorti con Cristo! Quando parliamo di resurrezione ci sembra di parlare di un "futuribile", un fatto che appartiene al futuro e non a noi, qualcosa ...
(continua)
don Maurizio Prandi     (Omelia del 16-04-2017)
Resurrezione al femminile
Tante le cose che condivido con voi a partire dalla lettura di alcuni commenti che le Famiglie della Visitazione fanno del brano di Vangelo che la chiesa oggi ci consegna. Su tutte, l'impressione che la presenza del femminile sia molto forte in queste righe di Matteo e che il mistero della Risurrezi ...
(continua)
don Marco Pedron     (Omelia del 16-04-2017)
Il regno dei Risorti
Buona Pasqua a tutti voi. E' sempre difficile commentare queste feste perché ognuno trova ciò che cerca. Se Pasqua è un giorno come un altro... allora non accadrà niente. Chi non cerca nulla non trova nulla. Se Pasqua è un giorno in cui bisogna andare in chiesa... andrai in chiesa e troverai quel ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 16-04-2017)
Risorti con Cristo, cercate le cose di lassù
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 16-04-2017)
Pasqua anti-bufala
Clicca qui per la vignetta della settimana. Fake news! Notizia falsa! Bufala! È questo quello che temono i capi religiosi del popolo riguardo una possibile resurrezione di Gesù, dopo averlo fatto morire in croce. Nel Vangelo di Matteo immediatamente prima del racconto del ritrovamento del sepo ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 16-04-2017)
Una tomba aperta e vuota
Salutare qualcuno che ci lascia per sempre, per avviarsi verso quel Luogo in cui, in quel momento, non ci è data la possibilità di raggiungerlo, ha certamente dei contorni drammatici. Ci pare di morire insieme con lui; anzi, quando il legame è veramente profondo, l'unico desiderio sarebbe di accompa ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 16-04-2017)
E' veramente risorto perché non moriamo più
"Tutto è perduto e tutto cade, se Cristo non è risorto. Tutto dipende dalla risurrezione di Cristo", esclamava San Giovanni Crisostomo. Seppure accettassimo tutti gli altri articoli di fede cristiana quali l'incarnazione e la verginità di Maria, essi non ci farebbero effettivamente cristiani se non ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 16-04-2017)
Video commento a Gv 20,1-9
...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 16-04-2017)
Rolling stones
È la festa delle pietre rotolanti. Dei macigni che ingombrano il cuore, che intossicano la vita, che impediscono la luce. Dei massi che pensiamo possano fermare Dio, tombarlo, annientarlo, sopprimerlo, zittirlo, svilirlo. E che, così, per ridere, di colpo, precipitano e si sbriciolano. Così pens ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 16-04-2017)
Video commento a Gv 20,1-9
...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 16-04-2017)
Amare è dire: tu non morirai. Ed ora è una realtà
Come il sole, Cristo ha preso il proprio slancio nel cuore di una notte: quella di Natale - piena di stelle, di angeli, di canti, di greggi - e lo riprende in un'altra notte, quella di Pasqua: notte di naufragio, di terribile silenzio, di buio ostile su di un pugno di uomini e di donne sgomenti e di ...
(continua)
Missionari della Via     (Omelia del 16-04-2017)

Alleluia, Cristo è risorto! È veramente risorto! La Vita ha vinto la morte, l'Amore il peccato, la Verità la menzogna! Gesù ha fatto Pasqua, cioè è passato da questo mondo al Padre, per spalancarci le porte del cielo e donarci, se lo accogliamo, il Suo Amore, il Suo Spirito e con esso il perdono d ...
(continua)
don Roberto Farruggio     (Omelia del 16-04-2017)
Commento alle letture con i ragazzi - Domenica di Pasqua (Anno A)
...
(continua)
don Roberto Farruggio     (Omelia del 16-04-2017)
Commento alle letture - Domenica di Pasqua (Anno A)
...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 16-04-2017)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di don Paolo Matarrese "la luce splende nelle tenebre e le tenebre non l'hanno vinta" (Gv 1,5). All'inizio del vangelo di Giovanni possiamo trovare tutta la speranza dell'annuncio pasquale che ha risuonato in questa notte di Pasqua:: "la luce del Re eter ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 16-04-2017)

Cari bambini, Buona Pasqua a tutti!! Siamo arrivati anche a questa domenica di Pasqua e di Gioia che ci invita ad avere un cuore leggero e fiducioso. Ma vediamo cosa ci racconta Giovanni di questa domenica. A me colpiscono proprio loro, i protagonisti della storia: Maria di Magdala, Giovanni e Pi ...
(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 16-04-2017)
Chi hai visto sulla via?
Raccontaci Maria chi hai visto sulla via. Questa frase della sequenza pasquale Victimae pascali laudes, ?Alla vittima pasquale', attira poeticamente la nostra l'attenzione su una delle parole più importanti del Vangelo del giorno di Pasqua, il verbo vedere. Ci invita a riflettere su cosa vediamo in ...
(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 16-04-2017)
Chi hai visto sulla via?
Il testo dell'omelia si trova in Luigi Gioia, "Mi guida la tua mano. Omelie sui vangeli domenicali. Anno A", ed. Dehoniane. Clicca quiClicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
padre Antonio Rungi     (Omelia del 16-04-2017)
Pasqua, rinasce la vera vita
"Sono risorto, e sono sempre con te; tu hai posto su di me la tua mano, è stupenda per me la tua saggezza. Alleluia. Con questa antifona inizia la messa di Pasqua, tratta dal Salmo 139. Sta qui l'essenza della Pasqua, che è la festa in cui rinasce la vera vita in Cristo. La Pasqua, infatti, è il gr ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 16-04-2017)
Video commento su Gv 20,1-9
...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 16-04-2017)
Quella casa attende anche noi
L'apostolo che ha scritto il Vangelo secondo Giovanni, nel brano di oggi (20,1-9) parla di sé, umilmente in terza persona (si designa come "il discepolo che Gesù amava"), per offrirci la sua testimonianza su quanto ha visto all'alba del terzo giorno dalla sepoltura del Maestro. Avvisati dalla Maddal ...
(continua)
don Roberto Fiscer     (Omelia del 16-04-2017)
#StradeDorate - Commento su Giovanni 20,1-9
...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 16-04-2017)
Regina coeli, laetare, alleluia! Quia quem meruisti portare, resurrexit sicut dixit, alleluia!
Oggi è Pasqua: è festa di Gesù Risorto, di Gesù Vivo. Alleluia! Egli è morto in Croce per noi, ma oggi è risorto, è davvero Risorto, alleluia! Egli "passò beneficando e risanando tutti coloro che stavano sotto il potere del diavolo, perché Dio era con lui. E anche noi siamo testimoni". Non l'abbiamo ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 16-04-2017)
Commento su Giovanni 20,1-9
Voi sapete, tutti noi sappiamo ciò che accadde in Giudea, cominciando dalla Galilea, dopo il battesimo predicato da Giovanni; come Dio consacrò in Spirito Santo e potenza Gesù di Nazareth, il quale passò beneficando e risanando tutti coloro che erano sotto il potere del diavolo, perché Dio era con l ...
(continua)
padre Giuseppe De Nardi     (Omelia del 16-04-2017)
Sulla Tua Parola - Gv 20,1-9
...
(continua)
Diocesi di Vicenza     (Omelia del 16-04-2017)
La Parola - commento a Gv 20,1-9 a cura del Vescovo di Vicenza
A cura di monsignor Beniamino Pizziol, vescovo di Vicenza. Registrato nella cappella privata dell'Episcopio. ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 16-04-2017)
Commento su Giovanni 20,1-9
La liturgia della notte e del giorno di Pasqua, annuncio della Risurrezione di Cristo, costituisce una meravigliosa meditazione sulla storia della salvezza. Parte nella notte, con la Genesi, per giungere all'Esodo e alla profezia della nuova alleanza, fino a cantare con Paolo: "Se siamo risorti con ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 16-04-2017)
Maria di Màgdala si recò al sepolcro di mattino
Maria di Magdala non dorme. Il suo cuore è nella tomba con Gesù. Neanche attende che giunga l'alba. Ancora è buio e lei è già dinanzi al sepolcro. Li però trova qualcosa che mai avrebbe potuto pensare e neanche immaginare di poter trovare: la pietra posta per chiudere la porta della tomba di Cristo ...
(continua)
padre Fernando Armellini     (Omelia del 16-04-2017)
Video commento su Gv 20,1-9
...
(continua)
don Roberto Farruggio     (Omelia del 13-04-2017)
Commento alle letture con i ragazzi - Triduo Pasquale (Anno A)
...
(continua)
don Roberto Farruggio     (Omelia del 13-04-2017)
Commento alle letture - Triduo Pasquale (Anno A)
...
(continua)
don Giorgio Zevini     (Omelia del 02-04-2017)
Video Commento a Gv 20, 1 - 9
...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 20-04-2014)
Omelia nella domenica di Pasqua
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 20-04-2014)
Audio commento alla liturgia
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 20-04-2014)
Testimoni del Risorto
Nessuno - stando ai Vangeli - ha assistito al momento in cui Gesù è stato risuscitato da Dio. Forse perché non si è trattato di un momento preciso, puntuale. O forse - e credo sia così - perché Dio ha voluto che fossero i suoi discepoli a vedere i segni evidenti della sua Resurrezione: la pietra rot ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 20-04-2014)
Cristo è Risorto, scegliamo la vita!
"Proviamo a fare l'ipotesi che le nostre informazioni su Gesù finiscano con la notizia della sua morte e che sulla terra non sia mai risuonato l'annuncio della sua risurrezione. Oggi Gesù sarebbe ancora ricordato, come si ricordano Socrate, Confucio, Buddha... probabilmente si citerebbero ancora alc ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 20-04-2014)
Accogliere e scegliere Cristo nella vita
La Pasqua è Cristo morto e risorto per tutti noi, per l'umanità, per l'universo. Cristo è il centro del cosmo e della storia. E' il Figlio di Dio, onnipotente e vicinissimo a noi, per farci partecipi della sua vita già su questa terra, per essere ricolmi della sua pienezza per l'eternità. La pasqua ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 20-04-2014)
Dio scritto sulla croce
"Mia gioia Cristo è risorto" (San Serafino di Sarov). Ecco finalmente la risurrezione che attesta sia la regalità che la divinità di Cristo. Cosa significa la scritta sulla Croce? Cosa significa quella parola che posero in cima alla croce di cui vi avevo fatto le domande? Alla prima domanda avet ...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 20-04-2014)
Video commento a Gv 20,1-9
...
(continua)
don Marco Pratesi     (Omelia del 20-04-2014)
Ruminare i Salmi - Salmo 118,1 (Pasqua, anno A)
Ruminare i Salmi - Salmo 118 (Vulgata / liturgia 117),1 (Pasqua, anno A) CEI Rendete grazie al Signore perché è buono NV Confitemini Domino, quoniam bonus At 10,37-43 «Dio consacrò in Spirito Santo e potenza Gesù di Nàzaret, il quale passò beneficando e risanando tutti coloro che stavano sot ...
(continua)
don Luca Garbinetto     (Omelia del 20-04-2014)
Una Chiesa in uscita, radicata nel Risorto
?Il primo giorno della settimana' qualcosa di nuovo ci attende. Maria di Magdala giunge all'aurora del primo giorno dopo la Pasqua ebraica, dopo il silenzio del sabato, ancora intirizzita dal freddo della morte del suo amato. Con lei, tutta la comunità dei discepoli ha vegliato, insonne e impaurita. ...
(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 20-04-2014)
Egli doveva risuscitare dai morti
La Sequenza di Pasqua Victime pascali laudes, "Alla vittima pasquale"contiene questa frase: "Raccontaci Maria (Maria di Magdala) chi hai visto sulla via". Essa concentra l'attenzione, in una maniera poetica, su uno dei verbi più importanti del Vangelo del giorno di Pasqua, il verbo vedere. Ci invita ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 20-04-2014)
Cristo risorto sorgente di vita nuova
A Pasqua, un Vangelo dove tutto si colora di urgenza e di passione. Urgenza del seme che si apre, del masso che rotola via, e il sepolcro vuoto e risplendente nel fresco dell'alba è co­me un grembo che ha partorito, come il guscio di un seme aperto. Passione che sorregge quel lungo correre di tutt ...
(continua)
mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 20-04-2014)
Una Luce che illumina tutto
La Santa Pasqua è sempre stata una grande solennità per la Chiesa e, quindi, per noi, che Dio ha privilegiato, rendendoci figli carissimi per Lui. La Santa Pasqua è giustamente chiamata ?Il Giorno del Signore'. Una simile definizione richiama la creazione, perché, dopo la prima creazione, il Padre h ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 20-04-2014)
Commento su Gv 20,8-9
"Allora entrò anche l'altro discepolo, che era giunto per primo al sepolcro, e vide e credette. Infatti non avevano ancora compreso la Scrittura, che cioè egli doveva risorgere dai morti". Gv 20,8-9 Come vivere questa Parola? La risurrezione significa che Dio dona una nuova vita a Gesù che, come ...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 20-04-2014)
Hanno portato via il Signore dal sepolcro
Maria di Màgdala, di buon mattino, si reca al sepolcro quando è ancora buio. Vede che il sepolcro è vuoto. Legge male questo evento, lo pensa in modo ansioso, corre da Simon Pietro e dall'altro discepolo, quello che Gesù ama, e reca loro una falsa notizia, dicendo che il corpo di Gesù era stato traf ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 20-04-2014)

COMMENTO ALLE LETTURE Commento a cura di Gigi Avanti Non è sempre facile trovare delle analogie tra episodi del vangelo da commentare e situazioni esistenziali dell'uomo d'oggi onde trarne nutrimento per l'anima. Soprattutto quando l'episodio da commentare è unico, come quello di questa Domenic ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 20-04-2014)

Cristo Gesù è risorto! BUONA PASQUA bambini! Chissà quante volte avete ricevuto questo augurio questa mattina, innanzitutto dai vostri genitori, poi dai parenti, dagli amici, da tutte le persone che avete incontrato venendo qui in chiesa! Certo, perché la Pasqua è la nostra gioia più grande, è ciò ...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 20-04-2014)
Guardare tutto e tutti con gli occhi di Dio
La frase posta a titolo di queste note deriva da quanto ha ricordato il papa Francesco nell'udienza dello scorso 9 aprile, parlando del primo dono dello Spirito Santo, la sapienza. "Non si tratta" ha detto il papa "semplicemente della saggezza umana, che è frutto della conoscenza e dell'esperienza: ...
(continua)
fr. Massimo Rossi     (Omelia del 20-04-2014)

BUONA PASQUA! Il racconto di Giovanni ci presenta Maria Maddalena mentre si reca al sepolcro quando ancora era buio. Mi chiedo che cosa mai ci andasse a fare Maria di Magdala alla tomba del Signore: forse quello che fa il parente stretto o l'amico intimo di un defunto... una volta passato il trambu ...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 20-04-2014)

Il Vangelo di Pasqua l'ha scritto il discepolo che è corso più veloce di Pietro al sepolcro; quello che Gesù amava. Entrato, "vide e credette". Cosa vide Giovanni se il sepolcro era vuoto? Forse vide il sudario, la Sindone? È probabile. Il verbo che Giovanni usa per dire "vide le bende" in greco ind ...
(continua)
don Luciano Cantini     (Omelia del 20-04-2014)
Vedere
Era ancora buio Quando Giuda uscì dalla stanza della cena, l'evangelista aveva sottolineato che era notte (Gv 13,30), ancora "quella notte" non era trascorsa. Dal tradimento, rinnegamento, condanna, croce, morte, sepolcro, il buio della morte è ancora lì ad adombrare il cuore dell'uomo. Neppure la ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 20-04-2014)
Fede: impronta dell'azione divina di Dio nella storia
Fede: impronta dell'azione divina di Dio nella storia La croce era la fine. Se la croce fosse stata l'ultima parola su Gesù, il mondo si sarebbe perduto, ma Dio, che unico ha compiuti per noi la salvezza, destò Cristo dai morti: " Una sola morte ha annientato le altre" (Lutero). È così che la resu ...
(continua)
don Domenico Luciani     (Omelia del 17-04-2014)
Video commento su Gv 20,1-9
...
(continua)
dom Luigi Gioia     (Omelia del 24-04-2011)
Egli doveva risuscitare dai morti
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
Giovani Missioitalia     (Omelia del 24-04-2011)
Domenica di Pasqua (Anno A)
"Nel giorno dopo il sabato, Maria di Màgdala si recò al sepolcro di buon mattino, quand'era ancora buio, e vide che la pietra era stata ribaltata dal sepolcro" Che difficile raccontare la Risurrezione in un contesto di povertà e di morte. Perché la Parola deve fare i conti con la vita... e quando q ...
(continua)
don Daniele Muraro     (Omelia del 24-04-2011)
La luce della Pasqua
L'occhio possiamo immaginarcelo come una piccola lucerna che illumina tutto il corpo, ma in ogni caso esso non riesce da solo e per se stesso a vedere se non quando è anticipato e inondato da quell'astro di cui porta l'immagine. Allo stesso modo lo spirito razionale che è la più grande luce creata, ...
(continua)
padre Ermes Ronchi     (Omelia del 24-04-2011)
Pasqua è il parto di un orizzonte nuovo
Ciò che ci fa credere è la croce. Ma ciò in cui crediamo è la vit­toria della croce (Pascal): la vittoria sulla morte e sulla violenza. Cristo risorto, eternamente risorgente in me e in ogni cosa, apre l'im­mensa migrazione degli uomini ver­so la vita. L'esistenza non scivola i­neluttabilmente come ...
(continua)
don Maurizio Prandi     (Omelia del 24-04-2011)
Sguardi
Abbiamo cominciato a condividere la Parola di Dio di questa Domenica di Risurrezione a partire dall'inizio della prima lettura, da Pietro che prende la parola, una parola che è racconto della vita di Gesù e diventa annuncio di una vita buona a spesa per il bene degli altri. Abbiamo riflettuto su que ...
(continua)
Monastero Domenicano Matris Domini     (Omelia del 24-04-2011)
Commento su Matteo 28,1-10
Lectio Il racconto della passione e morte di Gesù si conclude con la sua sepoltura a opera di Giuseppe di Arimatea. Subito dopo però si ricorda la sollecitudine dei sommi sacerdoti che chiedono a Pilato di mettere delle guardie al sepolcro per evitare che i discepoli di Gesù lo portassero via. Le g ...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 24-04-2011)
Audio commento su Giovanni 20,1-9
Clicca qui per scaricare il commento in formato MP3.Per ascoltare il commento, clicca sul play sulla sinistra del lettore: ...
(continua)
mons. Gianfranco Poma     (Omelia del 24-04-2011)
Voi non abbiate paura!
La risurrezione di Cristo è il centro della nostra fede: la Parola del Nuovo Testamento annuncia il mistero, la riflessione teologica non cessa di approfondirne il significato, la celebrazione liturgica lo ripresenta perché la fede ne faccia l'esperienza. Matteo dice che al momento della morte di G ...
(continua)
don Marco Pozza     (Omelia del 24-04-2011)
Pollice in alto. E' la risposta definitiva
Pollice in alto. Accendiamo: è la risposta definitiva! Le mura scrostate e millenarie della vecchia città di Gerusalemme erano addormentate nel silenzio: il chiasso del mercato, del baratto e dei tradimenti aveva lasciato il posto alla malinconia di una notte diversa da tutte le altre. Nelle osterie ...
(continua)
don Marco Pedron     (Omelia del 24-04-2011)
Questo mondo ha bisogno di te
Per riflettere Una Buona Pasqua a tutti voi. A Pasqua spesso viene regalato ai bimbi un uovo. Adesso è di cioccolata perché è più buono, ma una volta si facevano "le uova" bollite e colorate. Perché? Perché Pasqua è il segno, il simbolo di qualcosa di nuovo, di inaspettato, che nasce. 1. L'uovo è ...
(continua)
don Luca Orlando Russo     (Omelia del 24-04-2011)
E' risorto!
Tante volte, forse troppe, assistiamo a letture ricolme di puerile entusiasmo che ci invitano a guardare a questo giorno come alla promessa di un futuro verso il quale siamo proiettati al di là della morte. E in questa vita? La risurrezione, stando così le cose, non ha alcuna incidenza nella nostra ...
(continua)
don Alberto Brignoli     (Omelia del 24-04-2011)
Fare Pasqua
Quest'anno non abbiamo scuse: abbiamo avuto tutto il tempo necessario per prepararci bene alla Pasqua. È arrivata talmente tardi che dire, come facciamo ogni anno, "Siamo già a Pasqua e non mi sono neppure accorto", è una scusa bell'e buona. Una scusa per giustificare la nostra accidiosa vita di fed ...
(continua)
padre Gian Franco Scarpitta     (Omelia del 24-04-2011)
"Vide e credette"
Dopo che lo stupore ci aveva assaliti nel considerare la "pazzia" di un Dio crocifisso e sconfitto sul patibolo, oggi siamo chiamati al gaudio e alla letizia, perché comprendiamo che tale sconfitta era solo apparente: Colui che avevamo visto incamminarsi verso la morte è risuscitato. Celebrare la R ...
(continua)
don Luigi Trapelli     (Omelia del 24-04-2011)
Alleluia, è Pasqua!
Alleluia il Signore è risorto! Rallegratevi, gioite! Come è bella la liturgia del giorno di Pasqua che significa passaggio e che riprende il passaggio del popolo ebreo dal Mar Rosso! Ma per noi cristiani il vero passaggio è quello dalla morte alla vita di Cristo e il nostro passaggio da essere pe ...
(continua)
don Roberto Rossi     (Omelia del 24-04-2011)
Il Signore Gesù è risorto
"Il Signore Gesù è risorto, è veramente risorto". Non rianimato o rinvenuto, né tantomeno reincarnato. E' veramente risorto, il suo corpo trasfigurato è tornato in vita per una vita che non muore. Non come Lazzaro, egli è davvero presente nella sua Chiesa per sempre. Intorno a quella tomba vuota e s ...
(continua)
mons. Antonio Riboldi     (Omelia del 24-04-2011)
Carissimi Gesù è risorto! Alleluia!
La Solennità della Santa Pasqua è certamente il Grande Giorno per tutta l'umanità: Dio ha riaperto Cuore, Dialogo, dignità di figli, e soprattutto il Paradiso, dando così inizio ad una Nuova Creazione, ristabilendo la Sua Relazione di Amore con noi, dopo che i progenitori l'avevano interrotta per il ...
(continua)
don Giovanni Berti     (Omelia del 24-04-2011)
Il prodigioso duello pasquale
Clicca qui per la vignetta della settimana "Morte e Vita si sono affrontate in un prodigioso duello..." È un passaggio della Sequenza (preghiera in forma poetica) che viene letta o cantata prima del Vangelo di questa Domenica di Pasqua. Questo passaggio della Sequenza, scritta quasi 1000 anni f ...
(continua)
mons. Vincenzo Paglia     (Omelia del 24-04-2011)
Egli doveva risuscitare dai morti
Il sabato è passato; sono finiti i giorni degli uomini. Ecco un nuovo giorno. È vero, inizia in maniera triste, come spesso triste è la nostra vita. È un'alba triste, presso un sepolcro. La tomba di Gesù non è una tomba speciale, è una tomba allineata tra le altre tombe di uomini e di donne. Semmai ...
(continua)
Ileana Mortari - rito romano     (Omelia del 24-04-2011)
Vide e credette
La pericope odierna è tutta incentrata sul tema della "tomba vuota". Essa, com'è noto, non è sufficiente a "dimostrare" la resurrezione di Gesù, non è una "prova" di essa; e tuttavia è un importante indizio, un "segno" per chi sa leggerlo correttamente. Giovanni, che ama esprimere attraverso sing ...
(continua)
don Valentino Porcile     (Omelia del 24-04-2011)
Video commento a Gv 20, 1-9
...
(continua)
Agenzia SIR     (Omelia del 24-04-2011)
Commento su Gv 20,1-9
Affacciati, sulla soglia, allo spuntare del giorno. Dopo il sabato è tempo nuovo, storia da capo per l'umanità e il mondo. Due donne tornano al sepolcro, non hanno timore delle guardie e dei sigilli, ma si spaventano per il terremoto che non viene dal basso, dalla terra, ma dall'alto, dal cielo. Un ...
(continua)
Monaci Benedettini Silvestrini     (Omelia del 24-04-2011)
E' "Cristo Risorto": la buona notizia che cambia l'uomo e la storia
Riflessioni "Il primo giorno della settimana" (Vangelo, v. 1), Gesù è risorto! Esplode la vita, inizia la storia nuova dell'umanità, nulla è come prima, tutto ha un senso nuovo, positivo, definitivo. L'annuncio di quel fatto storico -che è il tesoro fondante della comunità dei credenti- rimbalza di ...
(continua)
Casa di Preghiera San Biagio FMA     (Omelia del 24-04-2011)

Dalla Parola del giorno Alleluia, Alleluia! Questo è il giorno che ha fatto il Signore: rallegriamoci in esso ed esultiamo! Come vivere questa Parola? Oggi celebriamo la risurrezione del Signore! Il racconto si apre con l'espressione: "Il primo giorno della settimana ...". È l'annuncio solenne ...
(continua)
don Carlo Occelli     (Omelia del 24-04-2011)
Per rifiorire nel cuore!
...
(continua)
don Carlo Occelli     (Omelia del 24-04-2011)
Per rifiorire nel cuore
Furtiva. Dimessa. Il fiato corto ed il passo pesante. I piedi trascinati, più che sollevati. Un conto è camminare lenti, gustando la freschezza del mattino e i profumi del mondo che si risveglia, un altro conto è trascinarsi nel buio. Me la vedo così Maria di Magdala mentre si reca al sepolcro quand ...
(continua)
padre Mimmo Castiglione     (Omelia del 24-04-2011)
Stamani al cimitero!
La bocca degli inferi non ha più fame! La pietra s'è spostata, lasciandolo passare. Nessuna resistenza. Frantumata dopo! Per non essersi opposta. Ceduto all'Autore. Niente è più come prima! Ormai si sceglie. Obbligati! E si decide: dove dirigere lo sguardo. Cosa credere e come fare! Finito il ...
(continua)
Omelie.org - autori vari     (Omelia del 24-04-2011)

COMMENTO ALLE LETTURE a cura di Gigi Avanti Sono contento come una Pasqua! ... per essermi toccato in sorte di redigere l'omelia di questo giorno. Ed è stata proprio questa simpatica espressione a farmi riflettere sui concetti di "felicità" e di "gioia", concetti apparentemente simili, ma dalle ...
(continua)
Omelie.org (bambini)     (Omelia del 24-04-2011)

Cristo Gesù è risorto! Questa è la nostra fede. Questa è la nostra gioia. Sapete bambini, la prova più grande che Gesù è risorto è che E' VIVO! Vivo non perché noi lo facciamo vivere per il fatto che ne parliamo, ma vivo perché Lui tiene in vita noi, ci rende felici, ci fa sentire la sua presenza, c ...
(continua)
Gaetano Salvati     (Omelia del 24-04-2011)
Risorti con Cristo
Cari fratelli, siamo "risorti con Cristo" (Col 3,1), confessa san Paolo. Queste parole esprimono la fede delle origini del cristianesimo: l'Agnello pasquale, simbolo della storia della salvezza, esprime la consapevolezza della novità introdotta nel mondo con la risurrezione di Cristo. San Pietro, n ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 24-04-2011)
È vivo
Continuiamo a cercare il crocefisso, non ci sono santi. Pensiamo davvero che Dio ami essere imbalsamato. Ci crediamo e finiamo con l'adeguare la nostra vita e la nostra pastorale alla tragica logica dell'imbalsamazione. Come se Dio amasse essere venerato come una mummia. O in un mausoleo. È pia ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 24-04-2011)
Video commento a Gv 20, 1-9
...
(continua)
Wilma Chasseur     (Omelia del 24-04-2011)
Neppure la morte è riuscita a togliergli la vita
Vinta è la morte! Sconfitte le tenebre! I cieli, che fino alla morte di Gesù erano rimasti chiusi, impenetrabili ed inaccessibili, di colpo si riaprono. I giusti dell'Antico Testamento che aspettavano con trepidazione questo grandioso avvenimento, esultano nel sentire la voce del Salvatore che li ch ...
(continua)
padre Sergio Tellan, OFM cap.     (Omelia del 24-04-2011)
Video commento a Gv 20, 1-9
...
(continua)
don Claudio Doglio     (Omelia del 24-04-2011)
Video commento a Gv 20, 1-9
...
(continua)
Movimento Apostolico - rito romano     (Omelia del 24-04-2011)
Non avevano ancora compreso la Scrittura
Maria di Màgdala nutre per Gesù un amore spirituale grande. Gesù è il suo Salvatore, il suo Dio, il suo Signore, il suo tutto. Quest'amore purissimo è nella tomba. Lei lo deve cercare, trovare. Non può stare senza. Quando vi giunge vede che la pietra era stata tolta dal sepolcro. Corre da Pietro e d ...
(continua)
don Luciano Sanvito     (Omelia del 24-04-2011)
" Espressione "
La Pasqua del mondo è una impressione... Quella del Cristo, invece, è una "espressione" ______________________________________ Mentre la Pasqua del mondo giunge al clou, alla sua completezza e alla sua pienezza, riempendo le pance e gli stomaci dell'egoismo umano, che ne gode in pienezza, imp ...
(continua)
CPM-ITALIA Centri di Preparazione al Matrimonio (coppie - famiglie)     (Omelia del 24-04-2011)
Pasqua 2011
Se Cristo non è risorto vana è la nostra predicazione" annunciava San Paolo nelle sue lettere capisaldi della teologia della fede cristiana. Tutta la nostra fede, la nostra religione, la nostra chiesa, la nostra cultura cristiana cattolica è condizionata da questa piccola parola "se"... Eppure que ...
(continua)
mons. Roberto Brunelli     (Omelia del 21-04-2011)
Una chiara risposta
Nel vangelo di oggi (Giovanni 20,1-9), l'apostolo che l'ha scritto parla di sé, umilmente in terza persona (si designa come "il discepolo che Gesù amava"), per offrirci la sua testimonianza su quanto ha visto all'alba del terzo giorno dalla sepoltura del Maestro. Avvisati dalla Maddalena che il sepo ...
(continua)
Paolo Curtaz     (Omelia del 23-03-2008)

Smettiamola di cercare Dio tra i morti, tra le cose inanimate, nel passato: egli è vivo, la morte non lo possiede, egli è il vivente. La Pasqua del Signore, la sua resurrezione è il pilastro di tutta la nostra fede, alleluia! «Perché cercate tra i morti colui che è vivo?». L'angelo resta stupefat ...
(continua)